Re: Oggi è la data ufficiale di morte della "scienza"

Inviato da  Red_Knight il 29/8/2012 2:26:07
@pyter

Citazione:
In genere se io voglio dimostrare o dimostrarmi l'esistenza delle cose, come a esempio una pallina da tennis, la tocco. Cioè uso i sensi.

Ma nel caso del tempo cosa uso?


Ma una pallina da tennis può esistere o non esistere sul piano materiale (vale a dire in un posto in un dato istante). Il tempo non è un oggetto, ma una "coordinata" fenomenica. Chiedersi se esiste è come chiedersi se "esiste la larghezza": non ha significato compiuto. Sia perché 'esistere' nel linguaggio umano presuppone spazio e tempo come concetti primitivi, nel quale "esercitare" l'esistenza stessa, sia perché da un punto di vista strettamente matematico puoi postulare beatamente il cacchio che ti pare. Per esempio nulla mi vieta di dire che un oggetto esiste nello spazio, nel tempo e nello sgrutzenxxat e tirarne fuori una teoria coerente (benché assolutamente inutile). Esiste lo sgrutzenxxat? La domanda continua a non essere significante, ma se per esistere si intende "ha senso?" allora la risposta è sì, almeno finché io dico che è così. Anche la Fisica procede per assiomi (seppur in qualche modo tratti dalla o compatibili con la sensibilità oggettiva), per cui la natura del tempo dipende da come la vuoi postulare tu. Non conosco nel dettaglio cosa dicono al riguardo le principali teorie fisiche; credo - nella mia ignoranza - che si limitino o considerarlo una grandezza o una dimensione, o forse una proprietà, ma su questo ci potrà senz'altro illuminare Lord9600XT.

Tu però forse vuoi sapere se il tempo ha una sua percepibilità oggettiva o se invece il suo scorrere è o può essere soltanto "illusione"? Ho indovinato?

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=54&topic_id=6549&post_id=220789