Re: HIV e AIDS

Inviato da  Paolo69 il 19/10/2005 9:47:53
Il fatto stesso che dalle analisi non ti dicano se il virus presente oppure no dovrebbe far riflettere.
Ricordo quando uscita la storia dell'aids , sembrava che da li a poco il mondo dovesse fare i conti con una epidemia a livello mondiale, cosi' non stato.
Dai dati in nostro possesso oggi possiamo dire che l'hiv colpisce in prevalenza il ceppo etnico africano.
Anche questo fattore dovrebbe far riflettere , di solito sono i virus di laboratorio ad avere un comportamento simile , un po' come la sars per i cinesi , che li' nata e li' rimasta , e anche in quel caso sembraqva che dovessimo morire tutti.
La scoperta del genoma umano non una caso , probabilmente il virus stato moodificato/creato in laboratorio per colpire un preciso ceppo genetico , appunto quello africano , dove muoiono a milioni.
Il fatto poi che si sia associata la diffusione del virus con le prostitute , i tossicodipendenti e gli omosessuali la dice lunga sulle vere origini del virus.
In natura non esitono fenomeni del genere , la natura non razzista o puritana o altro , esiste la selezione naturale , certo , ma di solito colpisce i pu' deboli , e di certo il ceppo africano non il ceppo genetico debole sulla terra , anzi , sono probabilmente i piu' allenati alla fatica, quelli con piu' anticorpi e che riescono ad adattarsi a condizioni di vita estreme;piuttosto l'occidente , con il suo modello di vita opulenta e consumistica risulta essere piu' fragile dei cugini africani.
vent'anni fa sembrava che l'umanit dovesse convertirsi ai buoni principi oppure crepare per mezzo di questo virus , quasi come una punizione divina.
Cosi' non stato. I fatti parlano da soli, l'aids nel mondo occidentale in calo ormai da anni , e certo non perch si usa di piu' il preservativo , anzi , da recenti studi sembra che la tendenza sia quella a non usarlo.

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=49&topic_id=186&post_id=1580