Re: Prozac

Inviato da  florizel il 12/6/2006 20:48:13
Dall'articolo che hai postato,nessuno,se ne deduce un'ulteriore cosa:stati d'animo "naturali",quali ansia,paura,disagio emotivo,che spesso sono preziosi alleati e chiari campanelli d'allarme che ci avvisano quando qualcosa "non va",vengono arbitrariamente ritenute "malattie" da curare.
La conseguenza Ŕ la perdita di capacitÓ di autoascolto personale,l'identificazione di questi stati d'animo con la "negativitÓ" e la loro rimozione come sintomi ritenuti nocivi,e nient'altro che nocivi.

Ci viene forse prospettato un presente (ma anche un futuro) all'insegna del "sempre sani,sempre perfetti,sempre sorridenti"?
A discapito della nostra interezza,a quanto pare.
Sto delirando?

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=49&topic_id=1642&post_id=29489