Re: tumore e bicarbonato

Inviato da  SimonaC70 il 25/5/2006 18:32:10
la storia di mia sorella e del suo carcinoma cortico surrenale esiste da cinque anni a questa parte , con estrema incredulita' da parte dei medici che la seguivano a Padova fino a luglio scorso.
Vengo direttamente alla parte piu' recente del discorso: mia sorella ha 38 anni ora, le stato asportato un surrene, parte del fegato gia' due o tre volte , (non ricordo esattamente),ha metastasi bi polmonari e l'ultimo intervento chirurgico che le hanno effettuato a Padova stato a luglio 2005 per cercare di ridurre la massa tumorale attorno al fegato. La zona toracica non molto praticabile, cosi' non stata toccata. Intanto mia sorella fa il mitotane (chemio in compresse) ogni giorno perche' pare che (secondo i medici o le case farmaceutiche?) tenga sotto controllo i surreni, a discapito di tutti gli altri organi, in quanto se si va a leggere il foglietto dentro la scatola del farmaco, il Lysodren massacra le ovaie, puo' dare danni al Sistema Nervoso Centrale, rende irritabili, alza la pressione.....questi solo quelli che mi ricordo immediatamente......ce ne sono una ventina di effetti collaterali e controindicazioni, per non parlare dell'assoluta mancanza di sperimentazione ufficiale che dia dei risultati di buona riuscita sul carcinoma cortico surrenale!!!Non esiste nessuna certezza di guarigione, come dire : prendo della cacca per morire in condizioni peggiori di quelle che si verificherebbero se non prendessi questa m...a!!!!Ma i medici sono degli ottimi terroristi psicologici e cosi'.....sapendo che il suo un male tremendo , prende Lysodren credendo di renderlo meno tremendo o di salvarsi....e chi ha il coraggio di dirle: guarda che non ti cambia il destino quello schifo???
Cosi' mi son fatta tremila ricerche sulla validita' di altre terapie naturali, che ripristinassero il sistema immunitario di mia sorella.
Ricordo un periodo circa tre anni fa in cui mia sorella assumeva il Lysodren e al contempo le facevano la chemioterapia in flebo: mia sorella vomitava l'anima ognivolta che mangiava.....era uguale ad un bimbo del terzo mondo(aveva l'addome in dentro e le gambe che sembravano due stecchini...pesava 36 kg.!!!!) era nera in viso (mancanza di cortisone!).....e ho dovuto sollecitare personalmente i medici(dopo essermi informata da altri medici di Firenze) a sospendere almeno la chemio in compresse(Lysodren) per non far morire mia sorella!!!!!
Solo sospendendola mia sorella tornata a stare meglio!
Ora fa l'ipertermia capacitiva esterna, poiche' da quando a dicembre ha fatto la tac e sono saltate fuori nuove masse tumorali di 7 cm al fegato e di 10 al surrene (quello rimasto) oltre a quelle polmonari, i medici di Padova han detto di non avere posti letto disponibili in quanto avevano altre priorita'(in endocrinologia non hanno sufficienti posti letto! e spesso mia sorella faceva la chemio nel loro ospedale in corridoio, col letto e tutta la sua roba...e piangeva dalla mancanza di dignita' e riservatezza!!!).
Solo uno di tutti quei professoroni continua a rispondere alle telefonate di mia sorella e ad indicarci anche altre terapie...l'ho visto piangere durante l'ultimo interventodi mia sorella....lui si che ha dell'umanita'...e proprio lui ha consigliato mia sorella di provare la terapia del bicarbonato di sodio e mi ha chiesto informazioni sull'ipertermia estena(che ho provveduto ad inviargli via email).
Comunque...mia sorella vorrebbe provare la terapia del bicarbonato ma ha paura a farla senza di me(dice che io la faccio sentire protetta) e cosi'....non so come fare a fargliela fare o a che medico rivolgermi per non essere presa per pazza!!!
aiutatemi a trovare un medico che sia disposto a farle le flebo di bicarbonato: Simoncini mi ha detto che essendo stato radiato non puo' fargliele lui....cosi' non so a chi rivolgermi!!!
Questa in versione ridottissima la storia di mia sorella!

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=49&topic_id=1388&post_id=24476