Re: La controstoria di un criminale chiamato Cristoforo Colombo

Inviato da  Giano il 15/9/2015 15:34:11
Ancora grazie Polaris, ho fatto un giretto sul sito e c' un bel po' di ciccia interessante e anche qualche vignettina inaspettatamente attuale.



Oggi mi arrivato il libro a cui mi riferivo nei commenti precedenti (Exsul immeritus Blas Valera...) e ad un primo sguardo non dovrebbero esserci grandi cose su Colombo; per piuttosto indicativa la lettera che tale Francisco Chavez scrive al re di Spagna per denunciare le malefatte di Pizarro durante la " conquista" del Per, territorio del popolo degli Inca, conquista che a detta del compagno d' armi di Pizarro fu ottenuta tramite un ignobile inganno invece che combattendo come da narrazione diffusa. La lettera lascia intuire come venivano gestiti i rapporti tra corona e conquistadores, i dissidi interni tra gli stessi, le lotte e gli accordi per truffare la madrepatria e tante altre belle nefandezze. Chavez nella lettera espone al re i suoi dubbi sul fatto che lo scritto gli sarebbe mai arrivato a causa della strettissima sorveglianza che Pizarro faceva stringere attorno a tutto ci che veniva inviato in Spagna, e non si sbagliava visto che la lettera non arriv mai a destinazione.
Allo stesso modo si pu intuire come le cose andassero similmente nel resto dei territori conquistati, e Colombo non credo faccia eccezione pur essendo Christum ferens...

P.S. La lettera in questione piuttosto interessante, lunghetta e con un gigantesco divieto di riproduzione: non ho nessuna voglia di ostacolare i diritti dell' autrice/traduttrice ma privatamente posso fornire degli scatti primitivi delle pagine: PM con indirizzo fb reale o farlocco per me il modo pi comodo. Chi interessato faccia un fischio.

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=48&topic_id=7927&post_id=280458