Re: Ateismo di "default"

Inviato da  Santaruina il 6/2/2007 23:56:12
Ciao kirbmark

c'Ŕ una falla nella tua storia.
Il credente non Ŕ necessariamente tale in base ad una fede cieca a dei testi scritti.
Ovviamente esistono credenti tali, forse anche la stragrande maggioranza, forse anche la quasi totalitÓ.

Vi sono per˛ anche credenti che giungono a Dio in base a ragionamenti razionali e "scientifici".

Quando ad esempio si scopre che la teoria del big bang Ŕ una barzelletta, quando ci si rende conto che l'evoluzionismo Ŕ la pi¨ grande bufala del XIX secolo, quando ci si accorge, con prove "solide", che esiste un universo che va al di lÓ della realtÓ sperimentabile con i sensi, o pi¨ semplicemente quando ci si accorge che per ogni cosa creata, fosse anche il brodo primordiale, vi Ŕ un creatore, e si dimostri il contrario,capita che si tenda ad ampliare il proprio campo di ricerca.

Inoltre, ad un certo punto della vita, continuare a sentirsi dire "Ŕ frutto del caso", oppure "Ŕ vero Ŕ altamente incredibilmente improbabile, ma non impossibile", viene naturale trovare risposte altrove.

"Io sono curioso, tu mi racconti stronzate, io cerco altrove"
Questo Ŕ stato il mio personalissimo percorso di abiura nei confronti dello scientismo ottocentesco ancora imperante.
Io avevo e mantengo una mente "scientifica e razionale", e la razionalitÓ stessa mi ha condotto ad abbandonare le teorie che di razionale avevano ben poco.

Blessed be.

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=47&topic_id=3113&post_id=76265