Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Le risposte di Jérôme Quirant
Inviato da Redazione il 16/10/2013 20:20:00 (12927 letture)

Il debunker francese Jérôme Quirant ha risposto alle 50 domande poste dal mio film “11 settembre - La Nuova Pearl Harbor”.

Ecco le sue risposte, seguite dalle mie repliche. [Traduzione dal francese di Alexcam. L’originale completo è qui).

Domanda 1 - Sapendo che gli attacchi erano imminenti, sapendo che avrebbero potuto utilizzare aerei dirottati, ma non sapendo quando e dove ciò sarebbe accaduto, era un buon motivo per rafforzare al massimo la difesa e per tenere aerei pronti a decollare in qualunque momento, in ogni parte della nazione. Perché invece si è voluto programmare così tante esercitazioni nello stesso giorno, mentre restavano solo quattro caccia in stato di allerta per difendere proprio il settore della nazione che più rischiava di essere attaccato?

Domanda 2 - Dopo essersi reso conto che l'America era sotto attacco, alle 9,03, perchè Eberhart non ha immediatamente sospeso tutte le esercitazioni militari, e richiamato alla base tutti i caccia disponibili?

Domanda 3 - Perchè Myers non gli ha chiesto di farlo, durante la loro telefonata, dopo essere stato aggiornato dallo stesso Eberhart sull'attacco in corso?

Domanda 4 - E perchè la Commissione 11 settembre non ha mai posto a nessuno dei due generali queste domande di fondamentale importanza?


QUIRANT: “Queste domande non hanno nulla a che fare con gli argomenti tecnici e scientifici dei quali mi sono personalmente interessato.”

Questa è una risposta veramente sorprendente. Dobbiamo infatti dedurre che Quirant abbia deciso di difendere la versione ufficiale dell’11 settembre senza nemmeno essersi interessato a quello che è sicuramente il problema più importante di tutti, ovvero la mancata difesa aerea. E come se un Testimone di Geova andasse in giro a sostenere che “la Bibbia è parola divina” senza aver nemmeno letto il libro della Genesi. Tu gli chiedi “Come mai nel Capitolo 1 Dio crea prima le bestie e poi l’uomo (Genesi 1, 1:25), mentre nel Capitolo 2 crea prima l’uomo e poi le bestie (Genesi 1,2:18)?”, e il Testimone di Geova ti risponde “Non lo so, non mi sono mai interessato della Genesi. Io ho letto solo il Deuteronomio e il Libro dei Profeti. Però sono sicuro che la Bibbia sia parola divina.”

Soltanto i dogmatici puri si comportano in questo modo, superficiale e grottesco insieme. Il mondo della ragione abita a migliaia di anni luce di distanza da loro.

QUIRANT: “Non sono piuttosto domande che vanno poste direttamente agli interessati?

Non ha nessuna importanza “a chi” vengono poste le domande. Ciò che è importante è che nessuno è in grado di dare una risposta valida, nè gli interessati nè i debunkers. Questo conferma che con tutta probabilità ci fu una complicità dei militari negli attentati, e che quindi la versione ufficiale dei “dirottamenti” sia soltanto una bugia colossale.

Domanda 5 - I servizi segreti sapevano dell'aereo in avvicinamento da almeno 30 minuti, avevano la possibilità di abbatterlo, e avrebbero dovuto farlo per difendere la capitale. Invece non lo hanno fatto. Perché?

Domanda 6 - Rispetto all'episodio descritto da Mineta, puoi suggerire qualcosa di diverso da un ordine di non abbattere l'aereo, da parte di Dick Cheney, prima che questo colpisse il Pentagono?


QUIRANT: “ Una ricerca più seria di quella presentata nel documentario mostra una contraddizione lampante fra le dichiarazioni di Mineta e il momento dell’arrivo di Cheney nella sala riunioni in questione. Quel giorno ben 11 aerei furono dichiarati possibili dirottamenti. Quello a cui si fa riferimento non è quello che ha colpito il Pentagono. La scena descritta da Mineta deve per forza essere avvenuta dopo il 3° impatto, se non addirittura dopo il 4°. Una analisi minuziosa e pienamente documentata sul caso Mineta si trova a questa pagina.

È evidente che Quirant sia poco preparato in materia, visto che rimanda ad argomentazioni utilizzate dai debunkers 4 o 5 anni fa. E’ altrettanto evidente che Quirant non abbia guardato con attenzione il mio film, altrimenti si sarebbe accorto che l’ “analisi minuziosa” di cui parla viene smentita proprio dalla documentazione da me presentata nel film: le testimonianze di David Bohrer, di Ashley Estes, di Richard Clarke, di Eric Edelmann e dello stesso Cheney – oggi come 12 anni fa - confermano oltre ogni ragionevole dubbio la presenza del vicepresidente nel PEOC prima delle 9.37.

Di “poco serio”, in questo caso, c’è soltanto la presunzione con cui Quirant affronta un argomento che chiaramente non conosce, sperando che sia sufficiente buttare là un link qualunque – vecchio oltretutto di diversi anni - per dare l’impressione di aver risposto alle mie domande.

Domanda 7 - Marwan Al-Sheikki non aveva mai guidato prima un jet nella sua vita, per non parlare dei grossi aerei passeggeri. Come ha potuto eseguire salite di 3000 piedi al minuto e discese vertiginose da 10.000 piedi al minuto, mantenendo sempre l'aereo sotto controllo, e perché mai avrebbe voluto correre rischi del genere, compreso il rischio di scontrarsi in volo con altri aerei, invece di navigare in sicurezza con il pilota automatico fino al bersaglio prescelto?

QUIRANT: “Marwan al-Sheikki (volo 175-WTC2),come Mohammed Atta (volo 11-WTC1), ha ottenuto la sua licenza di pilota commerciale il 19 dicembre 2000, terminando cosi la sua formazione alla Huffman Aviation, ed hanno seguito anche dei corsi su dei simulatori professionali (Boeing 727 e 767). Un minimo di 9 ore é stato contabilizzato per ognuno di loro attraverso rilievi dei centri di formazione.
http/911myths.com/index.php/Marwan al-Shehhi Timeline :Official


A leggere il rapporto della Commissione sono capace anch’io. Ma non cambia il fatto che quest’uomo non avesse mai guidato un jet prima nella sua vita. Non si spiegano quindi le manovre spericolate che avrebbe fatto, sempre ammettendo che fosse in grado di compierle.

QUIRANT: “10000 piedi al minuto corrispondono a 50 metri al secondo.Tenendo conto della velocità dell’aereo in quel momento(850km/ora in media),cio dà una pendenza del 21% ?sia unangolo di 12°.Certamente é importante(sopratutto inconfortabile per i passegeri) ma questo non é niente di « vertiginoso »!

E’ perfettamente inutile mettersi a giocare con i numeri, a questo punto. Se Quirant avesse guardato con attenzione il mio film, si sarebbe accorto che è il controllore di volo Dave Bottiglia a dire “Queste sono cose che non abbiamo mai visto prima” e “sono cose mai sentite prima”, non sono stato io a farlo.

Se quindi Quirant vuole contestare l’opinione di Bottiglia posso metterlo in contatto con lui, così magari lo convince a cambiare idea. Nel frattempo preferisco fidarmi di quello che dice un controllore di volo con 20 anni di esperienza, e non di quello che dice un debunker come Quirant, che non mi risulta avere la minima qualifica in campo aviatorio.

QUIRANT: “In ogni caso non era la picchiata mostrata in maniera totalmente falsa sul documentario. In più ,queste cifre non sono statte ragiunte che su dei brevi periodi estremamente corti (qualche secondo), e risultanti da flutuazioni importanti attorno a una discesa media di 6000 piedi al minuto (dunque con un angolazione minore, di 7°). […]

E’ la famosa “Variabile di Duputrenko”, che dice: “Un atleta può correre per un’ora a 30 Km./h, ma poi ”soltanto per brevi periodi estremamente corti (qualche secondo)”, può arrivare a 70 Km./h.” E’ una cosa che accade spesso, nelle gare di atletica: a volte lo schizzo in avanti del corridore è talmente rapido che gli spettatori non se ne accorgono nemmeno. L’importante è che la velocità media rimanga intorno ai 32 Km./h.

Parlando seriamente: non solo il ragionamento di Quirant è improponibile, ma in realtà i dati RADES parlano di 2 minuti consecutivi ad oltre 500 nodi orari, per il volo 175, e non di “qualche secondo”. Lo ripeto a Quirant, guardi il mio film con maggiore attenzione, invece di far perdere tempo a tutti con affermazioni insensate.

QUIRANT: “A parte volere abusare di tale questione, perchè lasciare pensare che sarebbe stato sufficiente ingaggiare il pilota automatico, e scendere da 10000 piedi (o più) per centrare l’obiettivo? Per quale motivo, a che cosa servono i piloti negli aerei ?

Guardi Quirant che non sono stato io a “lasciar pensare che sarebbe stato sufficiente ingaggiare il pilota automatico per centrare l’obiettivo”. Lo afferma il suo collega Paolo Attivissimo, nel film che lei evidentemente – insisto - ha guardato con pochissima attenzione.

A me di dire una imbecillità del genere non passerebbe mai per la testa.

[Confesso che è molto divertente vedere i debunkers che si smentiscono fra di loro, senza nemmeno rendersene conto].

Domanda 8 - Ziad Jarrah non aveva mai guidato prima un jet nella sua vita, per non parlare dei grossi aerei passeggeri, ed aveva anche una scarsa esperienza con i piccoli aerei da turismo. Come ha potuto eseguire una discesa "così veloce che il computer non riesce a stargli dietro", pur mantenendo sempre l'aereo sotto controllo, e perché mai avrebbe voluto correre rischi del genere, compreso il rischio di scontrarsi in volo con altri aerei, invece di navigare in sicurezza con il pilota automatico fino al bersaglio prestabilito?

QUIRANT: “Pilota automatico, bis repetita. L’aereo ha puntato verso il suolo poco prima di schiantarsi, niente di cui meravigliarsi, dunque, che il computer di bordo non riuscisse a seguirlo in quel momento. Ma non prima.

Nuovamente, Mr. Quirant, non ha guardato il film con attenzione. Il controllore di volo Stacey Taylor dice chiaramente (Parte 1 - 01.02:24) che l’aereo ha iniziato “una discesa così rapida che il computer non riusciva a stargli dietro” subito dopo il dirottamento, intorno alle 09.35, e non “prima dello schianto”, che è avvenuto alle 10.03.

QUIRANT: “Ziad Jarrad(volo 93-Shanksville),oltre ai corsi di pilotaggio classici che gli avevano permesso di ottenere una licenza di pilota privato, aveva fatto una decina di ore in simulatore professionale (Boeing 727 e 737). link.

Come spiega chiaramente il mio film, i Boeing 727/737 sono aerei progettati negli anni ‘70, completamente diversi dai 75/767 dirottati l’11 di settembre. Fare qualche ora di addestramente sul simulatore di un 727 /737, per poi pilotare in quel modo il Volo 93, sarebbe come fare qualche giro di pista con la Lotus 1970 di Emerson Fittipaldi, per poi saltare a bordo della Lotus di Grosjean e vincere una gara di F1 al primo tentativo.

Nemmeno nei fumetti dell’Intrepido raccontano cose del genere.

Domanda 9 - Come può un dilettante [Hani Hanjour] che era ritenuto incapace di volare da solo con un monomotore, che "faticava a capire i principi fondamentali del volo", e che non si era mai seduto prima ai comandi di un 757, diventare improvvisamente capace di pilotare un aereo di quelle dimensioni alle massime velocità?

QUIRANT: “Prima osservazione, non c' é stato un « raso terra » nel crash sul Pentagono come é stato ripetuto alla nausea dai « truthers »,e, ancora una volta( !) in questo film. L’aereo scendeva a circa 20metri al secondo, nel suo avvicinamento finale. Era dunque una discesa rapida verso l’obiettivo e non un raso terra.

Ha ragione Quirant, non c’è stato nessun raso terra. Infatti i pali della luce sono caduti perchè si sono spaventati, e non perchè li hanno tagliati (o meglio, li avrebbero tagliati, secondo la VU) le ali dell'aereo.

QUIRANT: “In seguito, Hani Hanjour (volo 77-Pentagono), in piu di 600 ore di volo che gli hanno permesso di ottenere una licenza di pilota privato, aveva effettuato diverse decine di ore di esercitazione su simulatore professionale.

A questo punto non penso che Quirant abbia guardato il mio film di fretta, penso proprio che non l’abbia guardato del tutto.

QUIRANT: “Tutti i piloti sanno che le manovre piu delicate sono l’atterragio e il decollo, non dirigere un aereo verso un obiettivo.

Se c’è qualcosa che “tutti i piloti sanno”, è che una persona che non è in grado di pilotare un Cessna 150 non puo’ pilotare un Boieng 757, specialmente se non ha mai visto prima la sua cabina di pilotaggio, nè dal vivo nè in un simulatore. Il resto sono solo parole inutili.

Domanda 10 - E se anche fosse riuscito a raggiungere Washington con il pilota automatico, perchè mai avrebbe scelto di staccarlo e di pilotare a mano per altri otto lunghi minuti, compiendo una discesa circolare assolutamente non necessaria che a) avrebbe aumentato enormemente le probabilità di schiantarsi a terra prima del previsto, b) avrebbe aumentato le sue probabilità di venire intercettato, c) lo avrebbe portato a perdere nuovamente di vista il bersaglio, d) lo avrebbe obbligato ad un approccio molto più difficile, vicino al terreno, e) avrebbe ridotto il suo bersaglio ad una sottile striscia di cemento, f) avrebbe limitato i danni potenziali agli anelli più esterni dell'edificio, quando avrebbe potuto ottenere il massimo danno, assicurandosi un successo spettacolare della missione, se avesse semplicemente abbattuto l'aereo dall'alto sui tetti del Pentagono?

QUIRANT: “Pilota automatico, ter repetita !!... Cosa lascia pensare che quello che é successo è esattamente quello che voleva fare? Non era troppo alto arrivando verso il Pentagono, e ciò l’ha obbligato a fare appunto quella virata? O era una semplice ricognizione visiva che precedeva la discesa verso l’obbiettivo? Si dice che sarebbe stato più «intelligente» colpire il tetto per fare più danni… Ma era quello che cercava? E’ veramente riuscito nella sua manovra? Non é che veramente l’ha sbagliata? Cosa vi permette di essere cosi affermativi? Se le torri gemelle erano tra le piu alte de gli Stati Uniti in 2001, e quasi larghe come una pista di atterraggio, il Pentagono é, ancora oggi, la costruzione più imponente del paese in termini di superfice. DEGLI OBBIETIVI QUASI IMPOSSIBILI DA MANCARE.

Certo, dall’alto però. Non sul fianco.

Capisco le difficoltà di Quirant di fronte ad una domanda come la mia, ma io sinceramente avrei preferito non rispondere, piuttosto che abbandonarmi ad un delirio insensato come il suo. Non saprei nemmeno da che parte iniziare, per replicare seriamente.

Domanda 11 - Se anche qualcuno avesse potuto prevedere un attacco al Pentagono, avrebbe certamente immaginato un aereo che piomba dal cielo sui tetti dell'edificio. Chi penserebbe mai di suggerire di "tenersi lontano dall'anello esterno" in particolare, a meno di non sapere già in anticipo quello che sta per succedere?

QUIRANT: “Sicuramente della veggenza... Altri veggenti, meno fortunati, avevano previsto un “crash” sul tetto.

Come battuta può anche essere spiritosa, ma come risposta vale meno di zero. La frase dell’alto militare riportata da Miklasewski ("Se fossi in lei starei lontano dall’anello esterno") dimostra che l’impatto all’anello E fosse stato previsto in anticipo, e che quindi la storiella di Hani Hanjour che “colpisce per caso” il Pentagono in quel modo sia solo una grande buffonata.

[Continua]



Voto: 10.00 (5 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Sertes
Inviato: 16/10/2013 21:28  Aggiornato: 16/10/2013 21:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
A me piace la teoria di Quirant secondo cui AA77 non ha volato rasoterra ma era in picchiata: ASCE dice che il motore sinistro ha toccato terra quando il naso ha colpito il pentagono, mancano solo 18 metri di solco.

Comunque la giri, quell'aereo lì, da quella direzione lì, e con quei danni lì, è incompatibile.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
polaris
Inviato: 16/10/2013 21:31  Aggiornato: 16/10/2013 21:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Questo è quello che ti becchi se intronizzi qualcuno "gran debunker internazionale".


Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2013 21:38  Aggiornato: 16/10/2013 21:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
HANI HANJOUR NON ERA IN GRADO DI PILOTARE L'AEREO IN QUEL MODO


April 30-Early September 1996: Hani Hanjour Studies English in Northern California; Enrolls at Aeronautics Academy

Hijacker Hani Hanjour moves from Florida to the San Francisco Bay area in California, staying with an unidentified family. He lives with them from late April to early September. For most of this time he takes English lessons in an intensive program requiring 30 hours of class time per week, at the ELS Language Center at Holy Names College in Oakland. He reportedly reaches a level of proficiency sufficient to “survive very well in the English language.” Yet in 2001, managers at an Arizona flight school will report him to the FAA at least five times, partly because they think his level of English is inadequate for him to keep his pilot’s license. Due to his poor English, it will take Hanjour five hours to complete an oral exam meant to last just two hours. At the end of this period, Hanjour enrolls on a rigorous one-year flight training program at the renowned Sierra Academy of Aeronautics, in Oakland. However, he only attends the 30-minute orientation class, on September 8, and then never returns.


October 1996-December 1997: Hani Hanjour Twice Attends Scottsdale Flight School

In late 1996, hijacker Hani Hanjour attends CRM Airline Training Center in Scottsdale, Arizona for three months. This is normally adequate time to earn a private pilot’s certificate, but Hanjour fails to accomplish this. Duncan Hastie, [u]the school’s owner, finds Hanjour a “weak student” who is “wasting our resources.” According to Hastie, “He was not able to fly solo in a small plane, which is equivalent to getting out of a parking space [in a car] and stopping.”
Hanjour returns to CRM in December 1997 with two friends: Bandar Al Hazmi, a Saudi like Hanjour, and Rayed Abdullah of Qatar. (There apparently is no family relationship between Bandar Al Hazmi and the two Alhazmi 9/11 hijackers.) Hanjour takes about three lessons, but still fails to complete the coursework necessary for a license to fly a single-engine aircraft. Subsequently, he phones the school about twice per year requesting more lessons, but, according to Hastie, “We didn’t want him back at our school because he was not serious about becoming a good pilot.”
The final time Hanjour calls, in 2000, he requests training on a Boeing 757: the kind of plane he is alleged to have flown into the Pentagon on 9/11.


1998: Information on Hijacker Hanjour Apparently Ignored by FBI

An American Caucasian Muslim named Aukai Collins later says he reports to the FBI on hijacker Hani Hanjour for six months this year. The FBI later acknowledges they paid Collins to monitor the Islamic and Arab communities in Phoenix between 1996 and 1999. He also was an informant overseas and once had an invitation to meet bin Laden.
Collins claims that he is a casual acquaintance of Hanjour while Hanjour is taking flying lessons. Collins sees nothing suspicious about Hanjour as an individual, but he tells the FBI about him because Hanjour appears to be part of a larger, organized group of Arabs taking flying lessons. He says the FBI “knew everything about the guy,” including his exact address, phone number, and even what car he drove. The FBI denies Collins told them anything about Hanjour, and denies knowing about Hanjour before 9/11. Collins later calls Hanjour a “hanky panky” hijacker: “He wasn’t even moderately religious, let alone fanatically religious. And I knew for a fact that he wasn’t part of al-Qaeda or any other Islamic organization; he couldn’t even spell jihad in Arabic.” Collins tells the New York Times that he worked with FBI agent Ken Williams, who will write a July 2001 memo expressing concerns about radical militants attending Arizona flight schools. He says that he quarrels with Williams and quits helping him. It is unknown if Williams ever learns about Hanjour before 9/11. Collins closely matches the description of the informant who first alerted Williams to Zacaria Soubra, a flight student who will be the main focus of Williams’ memo. If this is so, it bolsters Collins’ claims that he knew Hanjour, because many of Soubra’s friends, including his roommate (and al-Qaeda operative) Ghassan al-Sharbi do know Hanjour.
After 9/11, Collins will claim that based on his experience with the FBI and CIA, he is 100 percent sure that some people in those agencies knew about the 9/11 attack in advance and let it happen. “Just think about it—how could a group of people plan such a big operation full of so many logistics and probably countless e-mails, encrypted or not, and phone calls and messengers? And you’re telling me that, through all of that, that the CIA never caught wind of it?”


April 15, 1999: Hanjour Gets Pilot’s License despite Dubious Skills

When Hani Hanjour attended flight schools between 1996 and 1998 he was found to be a “weak student” who “was wasting our resources”, and when he tried using a flight simulator, “He had only the barest understanding what the instruments were there to do.” Yet, on this day, he is certified as a multi-engine commercial pilot by Daryl Strong in Tempe, Arizona.
Strong is one of many private examiners independently contracted with the FAA. A spokesperson for the FAA’s workers union will later complain that contractors like Strong “receive between $200 and $300 for each flight check. If they get a reputation for being tough, they won’t get any business.”
Hanjour’s new license allows him to begin passenger jet training at other flight schools, despite having limited flying skills and an extremely poor grasp of English.
At the next flight school Hanjour will attend in early 2001, the staff will be so appalled at his lack of skills that they will repeatedly contact the FAA and ask them to investigate how he got a pilot’s license.
After 9/11, the FBI will appear to investigate how Hanjour got his license and question and polygraph the instructor who signed off on his flying skills. The Washington Post will note that, since Hanjour’s pilot skills were so bad, the issue of how he was able to get a license “remains a lingering question that FAA officials refuse to discuss.”
After gaining the license, Hanjour apparently returns to the Middle East. He will arrive back in the US in December 2000.


December 12, 2000-March 2001: 9/11 Hijackers Hanjour and Alhazmi Live in Arizona

9/11 hijackers Hani Hanjour and Nawaf Alhazmi move together from San Diego to Mesa, Arizona, just outside Phoenix. While there, Hanjour spends time training at Arizona Aviation flight school, which he previously attended in January 1998. According to the 9/11 Commission, “He wanted to train on multi-engine planes, but had difficulties because his English was not good enough. The instructor advised him to discontinue but Hanjour said he could not go home without completing the training.”
He also attends the JetTech flight school in Phoenix. In March 2001, Hanjour moves to Paterson, New Jersey, where he rents an apartment with Salem Alhazmi


January-February 2001: Flight School’s Repeated Warnings About Hijacker Hanjour Ignored by FAA

In January 2001, the Arizona flight school JetTech alerts the FAA about hijacker Hani Hanjour. No one at the school suspects Hanjour of terrorist intent, but they tell the FAA he lacks both the English and flying skills necessary for the commercial pilot’s license he has already obtained. For instance, he had taken classes at the University of Arizona but failed his English classes with a 0.26 grade point average. A JetTech flight school manager “couldn’t believe he had a commercial license of any kind with the skills that he had.” A former employee says, “I’m still to this day amazed that he could have flown into the Pentagon. He could not fly at all.”
They also note he is an exceptionally poor student who does not seem to care about passing his courses. An FAA official named John Anthony actually sits next to Hanjour in class and observes his skills. He suggests the use of a translator to help Hanjour pass, but the flight school points out that goes “against the rules that require a pilot to be able to write and speak English fluently before they even get their license.”
The FAA verifies that Hanjour’s 1999 pilot’s license is legitimate, but takes no other action. However, his license should have been rejected because it had already expired in late 1999 when he failed to take a manadatory medical test.
An Arizona FAA inspector later says, “There should have been a stop right then and there.” He will claim that federal law would have required Hanjour to be re-examined.
In February, Hanjour begins advanced simulator training, “a far more complicated task than he had faced in earning a commercial license.” The flight school again alerts the FAA about this and gives a total of five alerts about Hanjour, but no further action on him is taken. The FBI is not told about Hanjour. Ironically, in July 2001, Arizona FBI agent Ken Williams will recommend in a memo that the FBI liaison with local flight schools and keep track of suspicious activity by Middle Eastern students.


February 8-March 12, 2001: 9/11 Hijacker Hanjour Practices on Boeing 737 Simulator, but Has Problems

9/11 hijacker Hani Hanjour practices on a Boeing 737-200 simulator for a total of 21 hours at the JetTech International flight school in Phoenix, Arizona. Hanjour also attends ground school and pays just under $7,500 for the training. Despite only completing 21 of his originally scheduled 34 hours of simulator training, according to the FBI this is the best-trained of the four hijacker pilots (see Spring-Summer 2001). However, an instructor comments: “Student made numerous errors during performance… including a lack of understanding of some basic concepts… Some of the concepts involved in large jet systems cannot be fully comprehended by someone with only small prop plane experience.” The school contacts the FAA to warn it of Hanjour’s poor English and flying skills.


June 19, 2001: 9/11 Hijacker Hanjour Fails Night Flying Test

9/11 hijacker Hani Hanjour attempts to obtain pilot’s certification to fly at night, but is unsuccessful as he fails the test.
More details, such as the location of the airfield where the test was taken, are not known, but Hanjour’s flying skills were previously said to be poor


July 20, 2001: 9/11 Hijacker Hanjour and Possibly Alhazmi Fly Near Washington


9/11 hijacker Hani Hanjour rents an aircraft from Caldwell Flight Academy in New Jersey and flies to Montgomery Airpark in Maryland. The route he takes means that he flies near to Washington. He is accompanied by another man the 9/11 Commission will suggest is hijacker Nawaf Alhazmi, whose credit card is used to pay for the aircraft rental, as well as fuel in Maryland.


Mid-August 2001: 9/11 Hijacker Hanjour Rents Plane in Maryland; He Is Still Not Skilled Enough to Fly Solo

9/11 hijacker Hani Hanjour goes to the Freeway Airport in Bowie, Maryland, about 20 miles west of Washington. He wants to rent a single engine Cessna airplane. However, when two instructors take him on three test runs, they find he has trouble controlling and landing the plane. One instructor has to help him land. Due to his poor skills, therefore, he is not allowed to rent one of their planes without more lessons. Further, while Hanjour appears to have logged over 600 hours of flying experience and possesses a valid pilot’s license (though it has in fact expired), he refuses to provide contact information: He gives no phone number and only gives his address as being a hotel in Laurel.
In spite of Hanjour’s lack of flying skills, chief instructor Marcel Bernard later claims, “There’s no doubt in my mind that once [Flight 77] got going, he could have pointed that plane at a building and hit it.”
However, on 9/11, in piloting Flight 77 into the Pentagon, Hanjour would have needed to do much more than simply point the plane at a target.
Because Flight 77 at first seemed to overshoot its target, the Washington Post will note that “the unidentified pilot executed a pivot so tight that it reminded observers of a fighter jet maneuver.
The plane circled 270 degrees to the right to approach the Pentagon from the west, whereupon Flight 77 fell below radar level.… Aviation sources said the plane was flown with extraordinary skill, making it highly likely that a trained pilot was at the helm.”
One Washington air traffic controller will later comment, “The speed, the maneuverability, the way that he turned, we all thought in the radar room, all of us experienced air traffic controllers, that that was a military plane.”
One law enforcement official who will study Flight 77’s descent after 9/11 will call it the work of “a great talent… virtually a textbook turn and landing.” Remarkably, the 9/11 Commission will overlook the numerous accounts of Hanjour’s terrible piloting skills and state that 9/11 mastermind Khalid Shaikh Mohammed assigned the Pentagon target specifically to Hanjour because he was “the operation’s most experienced pilot.”


August 20, 2001: 9/11 Hijacker Hanjour Passes Check Ride, but Apparently Does Not Obtain Certification

9/11 hijacker Hani Hanjour successfully conducts “a challenging certification flight supervised by an instructor at Congressional Air Charters of Gaithersburg, Maryland, landing at a small airport with a difficult approach,” according to the 9/11 Commission Report.
The instructor, Eddie Shalev, thinks that “Hanjour may have had training from a military pilot because he used a terrain recognition system for navigation.” However, it is unclear what certification the 9/11 Commission thinks Hanjour receives.
Shalev is an Israeli national and has a military background. He began working at Congressional Air Charters in April 2001.
A stipulation used as evidence at the trial of Zacarias Moussaoui will mention the flight, but fail to mention any certification Hanjour allegedly receives based on it, merely saying it is a “check ride with a flight instructor.” Hanjour will subsequently rent aircraft from the company on August 26 and 28.


(9:25 a.m.-9:37 a.m.) September 11, 2001: Dulles Airport Controllers Mistake Flight 77 for a Military Fighter

After air traffic controllers at Washington Dulles International Airport notice an unidentified aircraft, later determined to be Flight 77, approaching Washington on their radar screens, they initially think it is a military fighter plane, due to its high speed and the way it is being flown. Yet the alleged hijacker pilot of Flight 77 has been known for his poor flying skills.
Aircraft Performs Elaborate Maneuver - The Dulles controllers are unable to identify the plane because its transponder—which transmits identifying information about an aircraft to radar screens—has been turned off. It is flying at almost 500 miles per hour while approaching Washington, and then performs a rapid downward spiral, “dropping the last 7,000 feet in two and a half minutes,” before hitting the Pentagon.
Moving 'Like a Military Aircraft' - Controller Danielle O’Brien will later recall: “The speed, the maneuverability, the way that he turned, we all thought in the radar room, all of us experienced air traffic controllers, that that was a military plane. You don’t fly a 757 in that manner. It’s unsafe.” Another controller, Todd Lewis, will recall: “[N]obody knew that was a commercial flight at the time. Nobody knew that was American 77.… I thought it was a military flight. I thought that Langley [Air Force Base] had scrambled some fighters and maybe one of them got up there.… It was moving very fast, like a military aircraft might move at a low altitude.”
Alleged Pilot 'Could Not Fly at All' - Yet many people who have met Hani Hanjour, the hijacker allegedly at the controls of Flight 77, considered him to be a very poor pilot. Just a month previously, an airport refused to rent him a single-engine Cessna plane because instructors there found his flying skills so weak.
And an employee at a flight school Hanjour attended earlier in the year will later comment: “I’m still to this day amazed that he could have flown into the Pentagon. He could not fly at all”.

LoneWolf58
Inviato: 16/10/2013 22:24  Aggiornato: 16/10/2013 22:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Ho come una sensazione di "déjà vu"... sicuro che si chiami J.Q. e non P.A.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Decalagon
Inviato: 16/10/2013 22:27  Aggiornato: 16/10/2013 22:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
QUIRANT: “A parte volere abusare di tale questione, perchè lasciare pensare che sarebbe stato sufficiente ingaggiare il pilota automatico, e scendere da 10000 piedi (o più) per centrare l’obiettivo? Per quale motivo, a che cosa servono i piloti negli aerei ?




E' già stato segnalato ad Attivissimo?

Mamma mia, che mal di pancia.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
zanna
Inviato: 16/10/2013 22:31  Aggiornato: 16/10/2013 22:31
So tutto
Iscritto: 12/5/2012
Da:
Inviati: 28
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Va beh per rispondere con queste boiate ero capace anch'io senza aspettare Quirant, se le altre 39 sono tutte così ha perso tempo lui e lo stiamo perdendo noi.

peonia
Inviato: 16/10/2013 22:33  Aggiornato: 16/10/2013 22:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Ha ragione Quirant, non c’è stato nessun raso terra. Infatti i pali della luce sono caduti perchè si sono spaventati, e non perchè li hanno tagliati (o meglio, li avrebbero tagliati, secondo la VU) le ali dell'aereo.

ahhahahahahahaha,
per un secondo avevo temuto che veramente qualcuno avesse potuto rispondere a qualcosa...sempre più pietosi...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
stesepu
Inviato: 16/10/2013 22:53  Aggiornato: 16/10/2013 22:58
So tutto
Iscritto: 21/5/2013
Da:
Inviati: 19
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Perfino Bit Defender (antivirus) mi ha bloccato DUE volte quando ho cercato di aprire il documento in francese. Non ne può più neanche lui

Wewin
Inviato: 16/10/2013 23:04  Aggiornato: 16/10/2013 23:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2011
Da: Cologne, Germany
Inviati: 62
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Ma il documento che ha preparato Quirant e' sempre stato quello che Massimo ha inserito nel link qui o lo ha modificato nel corso del tempo?

Alexcam?

The true sign of intelligence is not knowledge but imagination.
McGregor
Inviato: 16/10/2013 23:31  Aggiornato: 16/10/2013 23:31
So tutto
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 16
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Mamma mia quanto mi fa pena Quirant... Quasi quasi gli consiglierei di ripararsi dietro alla frase: "ma dopo tutti questi anni state ancora dietro alle teorie complottiste dell'11 Settembre?"
Fino ad un po' di tempo fa era una frase che mi faceva imbestialire, adesso credo che sia l'unico - falso - muro dietro al quale si possano nascondere.
Di certo sempre meglio che intortare risposte preconfezionale ed insoddisfacenti, rimediando unicamente grandissime figure di Attivissimo...


McGregor

matteog
Inviato: 17/10/2013 1:08  Aggiornato: 17/10/2013 1:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Penso che Quirant con queste non risposte, più che altro deliri, si sia messo in un ridicolo da chiudersi a casa e non uscire più.

per lui è tecnico e scientifico accettare che dei tizi che non hanno mai volato possano fare manovre assurde non con Cesna ma con Boeing.

Ovviamente quando poi si pone l'oggettività della domanda del rasoterra, lui non può rispondere e nega la domanda stessa.

Massimo penso proprio che le tue 50 domande rimarranno scolpite nella Storia più dei 10 comandamenti.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
tetsugaku
Inviato: 17/10/2013 5:44  Aggiornato: 17/10/2013 5:44
So tutto
Iscritto: 11/10/2011
Da: Tokyo
Inviati: 3
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Massimo, ma un bel confronto diretto con questi personaggi?
Anche via internet...
So che non ne vale la pena, perché è come parlare ai muli, ma vuoi provare almeno la soddisfazione di rinfacciargli gli strafalcioni che dicono?

alexcam
Inviato: 17/10/2013 6:31  Aggiornato: 17/10/2013 6:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2013
Da: Lyon
Inviati: 94
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
wewin:
Nella sua conclusione finale,lui dice che questo é il documento definitivo (tradotto anche in inglese),e che dopo essersi "impegnato" per un mese ,vista "l'inconsistenza delle obbiezioni delle domande di M.M,per lui il discorso é chiuso! "circulez il y à rien a voir"

giu42su
Inviato: 17/10/2013 7:58  Aggiornato: 17/10/2013 8:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/12/2006
Da:
Inviati: 50
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Polaris:
"Questo è quello che ti becchi se intronizzi qualcuno "gran debunker internazionale".


Vero!
Stiamo dando troppa importanza a questi pirla internazionali.
Li stiamo legittimando e gli stiamo dando un valore che non hanno.
Semplicemente: è come ostinarsi a cercar di cavare il sangue dalle rape, come si dice.
La palla verrà rilanciata all'infinito, in un gioco che mette i due player sullo stesso piano, mentre "Noi" siamo ad un piano più alto di "Loro", almeno nel campo dell'onestà, della preparazione e della ricerca di verità. In quanto esseri superiori è ora di guardarli dall'alto in basso, o meglio ancora di NON guardarli affatto. Che se le ripetano tra di "Loro" le loro baggianate.
Davvero dobbiamo continuare a farci insultare e a ricevere inviti a essere "più seri" da questi pagliacci del Potere?

fefochip
Inviato: 17/10/2013 8:38  Aggiornato: 17/10/2013 8:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
per un secondo avevo temuto che veramente qualcuno avesse potuto rispondere a qualcosa...sempre più pietosi...

magari

il punto è che piu qualcuno cerca di rispondere e piu si incarta scendendo ormai nel ridicolo.

magari ci sbagliassimo , il mondo è proprio cosi pieno di scemi boccaloni che si accontentano di spiegazioni idiote pur di non pensare per 5 minuti (non mi riferisco ne all'autore delle risposte ne a PA )

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
rygel
Inviato: 17/10/2013 10:18  Aggiornato: 17/10/2013 10:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2011
Da: Svizzera
Inviati: 70
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Leggo il nulla, il vuoto, l'approssimazione, la superficialità, l'incosistenza e l'assurdo più totale nelle risposte di Quirant, come in quelle di ogni debunker che si rispetti.

"Eh amico, il mondo è tutto un cesso, ma quello che cerchi tu è da quella parte."
peonia
Inviato: 17/10/2013 10:25  Aggiornato: 17/10/2013 10:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Leggo il nulla, il vuoto, l'approssimazione, la superficialità, l'incosistenza e l'assurdo più totale nelle risposte di Quirant Invia un commento


quoto!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
fefochip
Inviato: 17/10/2013 10:26  Aggiornato: 17/10/2013 10:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Leggo il nulla, il vuoto, l'approssimazione, la superficialità, l'incosistenza e l'assurdo più totale nelle risposte di Quirant, come in quelle di ogni debunker che si rispetti.


quello che volevo dire che non so se ho espresso bene è che proprio questo nulla da la misura di quanto si accontenta la gente.

in altre parole se queste sono le risposte degli "esperti" a favore della versione ufficiale.

quindi una persona qualsiasi di fronte alle 50 domande o non se le è mai poste o se si è dato una risposta è al massimo di quel livello

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
f_z
Inviato: 17/10/2013 11:06  Aggiornato: 17/10/2013 11:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Certo che se questo demente e' uno di quelli che riesce a tenere in letargo le menti dei francesi anche questi devono essere dei pecoroni niente male.

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
Homero
Inviato: 17/10/2013 11:19  Aggiornato: 17/10/2013 11:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Jerome Quirant è un buffone .

p.s. per i dettagli su questa mia affermazione, rimando volentieri alle risposte di Quirant e ai commenti di Massimo.

Tuareg69
Inviato: 17/10/2013 13:27  Aggiornato: 17/10/2013 13:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/12/2008
Da: Roma
Inviati: 62
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Ti suggerisco una correzione, Massimo:

Citazione:
Nemmeno nei fumetti dell’Intrepido raccontano cose del genere.

Nemmeno nei fumetti dell’Intrepido raccontaVAno cose del genere.

L'Intrepido non viene più pubblicato dal 1998: vista la qualità delle loro risposte, i debunker potrebbero attaccarsi a questa frase per invalidare ore ed ore di argomentazioni presenti nel film!!!


- Perché indossi quello stupido costume da coniglio?
- Perché indossi quello stupido costume da uomo?

(Donnie Darko - Richard Kelly)
Nuit
Inviato: 17/10/2013 13:32  Aggiornato: 17/10/2013 13:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Jerome Quirant si arrampica sugli specchi!

alexcam
Inviato: 17/10/2013 15:40  Aggiornato: 17/10/2013 15:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2013
Da: Lyon
Inviati: 94
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
f_z:
Hai perfettamente ragione ,é per quello che in Francia si producono degli ottimi formaggi!!

phobos
Inviato: 17/10/2013 16:01  Aggiornato: 17/10/2013 16:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Attivissimo ha già colto la palla al balzo e sul suo blog ha scritto che, ogni volta che qualcuno gli chiederà di rispondere alle 50 domande di Mazzucco, lui provvederà a linkargli il documento di Quirant!

Qualcuno ora lo avvisi che Quirant si è coperto di ridicolo con le sue 50 risposte.

f_z
Inviato: 17/10/2013 16:12  Aggiornato: 17/10/2013 16:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Autore: alexcam Inviato: 17/10/2013 15:40:12

f_z: Hai perfettamente ragione ,é per quello che in Francia si producono degli ottimi formaggi!!



Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
penta
Inviato: 17/10/2013 16:40  Aggiornato: 17/10/2013 16:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/12/2009
Da:
Inviati: 49
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Mi infastidisce che si continui a chiamare debunker chi ribadisce la tesi principale anziché chi la critica.
Se proprio si vuole si può chiamarlo Rebunker

stacchio
Inviato: 17/10/2013 16:41  Aggiornato: 17/10/2013 16:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/8/2011
Da:
Inviati: 178
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Interessante, questa non la sapevo:

Citazione:
the issue of how he was able to get a license “remains a lingering question that FAA officials refuse to discuss.”


Siccome di anomalie non ce n'erano già abbastanza...

Marsi
Inviato: 17/10/2013 19:05  Aggiornato: 17/10/2013 19:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 190
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Caro Massimo,
io credo che tu dia troppo conto a questi cosiddetti debunkers.
Lasciali perdere, sono talmente tanti e tanto scemi che se tu dovessi replicare a tutte le loro stupidaggini ci perderesti il resto della tua vita.
Il discorso si e` gia` protratto troppo a lungo, basta adesso.

Qui in Italia ci sono tanti buoni temi a cui applicarti, da tenerti occupato seriamente, non con questi rincoglioniti di debunkers.
Ti suggerisco un tema su cui fare documentari:

Gli psichedelici, partendo dall`uso preistorico e dalla ricerca di Albert Hofmann.

Oppure potresti dare un`altra bella mano al Dr. Simoncini, facendo delle interviste serie ai testimoni della cura.

Saluti,

NeWorld
Inviato: 17/10/2013 19:27  Aggiornato: 17/10/2013 19:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
E come se un Testimone di Geova andasse in giro a sostenere che “la Bibbia è parola divina” senza aver nemmeno letto il libro della Genesi. Tu gli chiedi “Come mai nel Capitolo 1 Dio crea prima le bestie e poi l’uomo (Genesi 1, 1:25), mentre nel Capitolo 2 crea prima l’uomo e poi le bestie (Genesi 1,2:18)?”, e il Testimone di Geova ti risponde “Non lo so, non mi sono mai interessato della Genesi. Io ho letto solo il Deuteronomio e il Libro dei Profeti. Però sono sicuro che la Bibbia sia parola divina.”

Dopo un lungo periodo di assenza dai commenti mi permetto di proporre la spiegazione a questa apparente contraddizione:

In Genesi 1:24-26 la Bibbia indica che gli animali furono creati prima dell’uomo. Ma in Genesi 2:7, 19, 20 sembra dire che l’uomo sia stato creato prima degli animali. Perché questa discordanza? Perché i due racconti della creazione trattano l’argomento da due punti di vista diversi.

Il primo descrive la creazione dei cieli e della terra e di tutto ciò che è in essi. (Genesi 1:1–2:4) Il secondo si concentra sulla creazione della razza umana e sulla sua caduta nel peccato. — Genesi 2:5–4:26.

Il primo racconto è disposto in ordine cronologico, diviso in sei “giorni” consecutivi. Nel secondo gli argomenti sono stati scritti in ordine di importanza. Dopo un breve prologo, logicamente si passa subito alla creazione di Adamo, poiché lui e la sua famiglia sono il soggetto di ciò che segue. (Genesi 2:7) Altre informazioni sono poi inserite secondo il bisogno. Apprendiamo che dopo la sua creazione Adamo doveva vivere in un giardino in Eden, perciò a questo punto viene menzionato il fatto che fu piantato il giardino di Eden. (Genesi 2:8, 9, 15)

Dio dice ad Adamo di dare il nome ad “ogni bestia selvaggia del campo e ogni creatura volatile dei cieli”. Ora quindi è il momento di menzionare che “Dio formava dal suolo” tutte queste creature, benché la loro creazione fosse iniziata molto prima che Adamo comparisse sulla scena. — Genesi 2:19; 1:20, 24, 26.

Inoltre da notare che il verbo originale tradotto “formare” all’ imperfetto denota qui un’azione continua, progressiva,quindi iniziata prima e conclusa dopo la creazione dell'uomo.

Tutto qui.

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
NiHiLaNtH
Inviato: 17/10/2013 20:03  Aggiornato: 17/10/2013 20:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
si è coperto di ridicolo


cosa che Attivissimi ha fatto più volte, l'ultima è stata nel video dibattito con Massimo

sonsokh
Inviato: 17/10/2013 20:22  Aggiornato: 17/10/2013 20:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
bentornato NeWorld

DjGiostra
Inviato: 17/10/2013 20:36  Aggiornato: 17/10/2013 20:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Cit:
Citazione:
bentornato NeWorld

Mi associo...

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Giacula
Inviato: 17/10/2013 23:45  Aggiornato: 17/10/2013 23:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Direi è ben poca cosa questo Quirant....

Truth79
Inviato: 17/10/2013 23:48  Aggiornato: 17/10/2013 23:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/8/2009
Da:
Inviati: 244
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
...ma non bastava l'innominabilissimo?Pure questo francese adesso?Ma smettiamola di perdere tempo dai...facciamoci un favore...

Di tutte le cose sicure,la piú certa è il dubbio.
Aironeblu
Inviato: 18/10/2013 6:11  Aggiornato: 18/10/2013 6:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@NewWorld

Dopo un lungo periodo di assenza dai commenti...

Eri occupato a fare il Testimone di Geova?

Aironeblu
Inviato: 18/10/2013 6:19  Aggiornato: 18/10/2013 6:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
QUIRANT: “Queste domande non hanno nulla a che fare con gli argomenti tecnici e scientifici dei quali mi sono personalmente interessato.”

E poi si dice che il francocentrismo non è una malattia cronica... questo Quiromant riesce a fare rimpiangere anche Attivissimo!
Non infierire troppo, Massimo, è come affondare il coltello nel Camambert!

wendellgee
Inviato: 18/10/2013 10:17  Aggiornato: 18/10/2013 10:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Da quello che ho capito io, la prova schiacciante è la velocità di questi aerei. Se, come si dice nel film, le scatole nere ritrovate registrano velocità di 800 km/h a altitudini molto basse è chiaro che non si tratta di Boeing. Punto e basta.
Siete d'accordo?
Mi sfugge qualcosa?
Oppure, le prove schiaccianti sono altre?

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
matteog
Inviato: 18/10/2013 12:43  Aggiornato: 18/10/2013 12:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@wendellge

Citazione:
Oppure, le prove schiaccianti sono altre?


a mio parere la prova che da sola sconfessa tutta la VU è il famoso "meteorite", cemento fuso con acciaio. Nessun incendio da carburante e nessun crollo fa raggiungere quelle temperature. Senza dubbi significa che le torri sono state riempite di qualcosa, che in realtà la studio di Harrit ci ha confermato essere Nanothermite.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
alexcam
Inviato: 18/10/2013 13:15  Aggiornato: 18/10/2013 13:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2013
Da: Lyon
Inviati: 94
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Blog della associazione ReOpen911

9/11 Maps,il nuovo srumento per la ricerca su l’11-Settembre

La nostra associazione ha pubblicato dall’inizion della sua creazione nel 2007 ,migliaia di articoli e video,sui diversi aspetti de l’11 Settembre.
Mancava pertanto uno strumento che permettesse di sintetizzare la quantità colossale di informazioni raccolte da diversi anni ,con lo scopo che fossero facilmente utilizzabili da gli specialisti nelle differenti campi di competenza.
Ora questo é statto realizzato grazie al lavoro notevole di un membro di ReOpen911,cha ha concepito,il progetto « 911 Maps »,destinato ai numerosi « ricercatori per la verità su l11 Settembre »,il progetto « 9/11 Maps »,basato sul logiciel Google Earth.
Gli strumenti informatici disponibili ci permettono,non solamente di fare conoscere al grande pubblico i numerosi fatti che mettono in dubbio la tesi ufficiale su questi attentatti,ma ugualmente di proseguire le investigazioni, li dove gli organismi ufficiali si sono fermati.


Questi 12 anni trascorsi dagli attentati de l’11 Settembre 2001 hanno dato luogo a due Commissioni,numerosi studi,rapporti,libri,documentari,nonché il lavoro di History Commons e della sua Timeline ,che hanno integralmente documentato questo giorno funesto.

Ad oggi delle centinaia di migliaia di documenti ufficiali sono statti declassati,e rapresentano una quantità colossale di dati di ogni genere(video,carte,documenti cartacei,audio,dati radar,etc..)

Gli strumenti che permettono di meglio classificare e analizzare questi dati importanti mancano,ed é a questo scopo che é statto creato 9/11 Maps,assemblando i dati del « Freedom Of Information Act » (centalizzato da 911 dataset.org).
Queste foto,video,carte e documenti di ogni genere,hanno portato alla creazione di uno strumento « tutto in uno »,permettendo ad ognuno di visualizzare tutti questi documenti nello stesso momento,per una migliore prospettiva.
In effetti é questa quarta dimensione che permette di visualizzare degli avenimenti come se si svolgessero sotto i vostri occhi,i dati aerei possono essere seguiti come su uno schermo radar.

Anteprima :Presentazione dei diversi dati disponibili e le possibilità (non esaurienti)offerte da 9/11 Maps.

http://youtu.be/-7BndV7SORQ

9/11 Maps ragruppa per il momento
• Le carte essenziali
• Gli imobili in 3D del World Trade Center
• Quasi 400 camere che hanno filmato gli avenimenti geolocalizzati
• Dati aereonautici :incluse le basi militari US ,i dati primari e secondari dei radar,dati delle traiettorie dei 4aerei di linea e di numerosi aerei militari(Air Force One,E4-B,caccia delle basi di Otis,Langley,McGuire..),zone di controllo aereo,ACCARS ,ELT, e tanta altre cose.
• Dati radar grezzi,inclusi il NEADS ,SEADS , la FAA,i dati filtrati dai controllori aerei(Radar Sort Boxes,RSB),le riproduzioni degli schermi radar…
• Dati audio,incluse le chiamate dei passegeri,e par il momento qualche registrazione del controllo aereo.
Un capitolo é consacrato a tutta lattività sospetta attorno dei 4 aerei dirottati.
Questi aerei in evoluzione in maniera sincronizzata,facevano parte degli esercizi militari(Vigilant Guardian)che avevano luogo lo stesso giorno ?

AAL77 Special Activity :Questi aerei decollati la maggior parte dalla Florida risalgono verso Washington DC poi volano in circolo,come in attesa,PRIMA che l’ordine di atterraggio forzato non sia lanciato alle 9’45,provocando ingorghi e attese.
Di fronte alla sincronizzazione di questo « balletto »con gli aerei dirottati,si puo pensare che alcuni di questi aerei siano militari ;piu precisamente,farebbero parte de l’esercizio condotto quel giorno in Florida e nei dintorni di Washington DC.

Notate come l’aereoporto di Rchmond(VA) sembra essere il cuore di questo dispositivo(Air National Guard Base,aeroporto civile e militare)

http://youtu.be/-yJzvLxfgEE

UAL93 Special Activity ;In questo terzo video,gli aerei provengono da ovest,e sembrano tutti interagire al passaggio del volo 93,la maggior parte del tempo in coppia o gruppi,come se fossero in formazione.

http://youtu.be/cIHhU2bJSAE

Toronto’s Observers ;Questi ultimi voli, sopranominati qui « osservatori » decollano tutti da Toronto(Canada)gli uni dopo gli altri senza seguirsi,ma tutti si avicinano ai 4 aerei dirottati.

http://youtu.be/lV0OHHLuOzE

Cumulati tutti questi voli(piu di 120 aerei)sembrano sospetti,peril loro numero di transponder,il loro aeroporti di partenza e di arrivo,gli altri aerei incrociati(i 4 aerei dirottati,e i C-130,E-4B etc..)e sopratutto la sincronizzazione sorprendente di queste formazioni davanti ai voli che si schianteranno quel giorno,lasciano perplessi.Anche se qualcuno sono civili,gli altri sono apparentemente militari(voli circolari ( stand-by ,virate strette…),e non sono pertanto intervenuti.
Un’altra eventualità sarebbe che gli aerei presunti dirottati, fossero al centro stesso dell’esercizio Vigilant Guardian,cio spiegherebbe allora tutte queste evoluzioni in formazione attorno agli aerei dirottati .

Fatevi voi un’opinione scaricando il file 911 maps.kml e osservate da vicino questi aerei sospetti.

9/11 Maps é in fase di sviluppo ;
Visitate il sito di 9/11 MAPS : sul blog Reopen 911 o YouTube o Twitter


Vincent Moreau-alias Aldwinn
Membre de l’association ReOpen911

uochi
Inviato: 18/10/2013 17:51  Aggiornato: 18/10/2013 17:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Comunque la giri, quell'aereo lì, da quella direzione lì, e con quei danni lì, è incompatibile.


Incompatibile con che cosa?

uochi
Inviato: 18/10/2013 17:56  Aggiornato: 18/10/2013 17:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Autore: wendellgee

Inviato: 18/10/2013 10:17:40

Da quello che ho capito io, la prova schiacciante è la velocità di questi aerei. Se, come si dice nel film, le scatole nere ritrovate registrano velocità di 800 km/h a altitudini molto basse è chiaro che non si tratta di Boeing. Punto e basta. Siete d'accordo? Mi sfugge qualcosa? Oppure, le prove schiaccianti sono altre?


Perché non si tratterebbe di Boeing?

uochi
Inviato: 18/10/2013 18:02  Aggiornato: 18/10/2013 18:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
a mio parere la prova che da sola sconfessa tutta la VU è il famoso "meteorite", cemento fuso con acciaio. Nessun incendio da carburante e nessun crollo fa raggiungere quelle temperature. Senza dubbi significa che le torri sono state riempite di qualcosa, che in realtà la studio di Harrit ci ha confermato essere Nanothermite.


Nanothermite? Le torri sarebbero state riempite (parole tue) di questa sostanza? E in quale quantità, secondo te?

DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 18:23  Aggiornato: 18/10/2013 18:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@Wendellgee:
Citazione:
Da quello che ho capito io, la prova schiacciante è la velocità di questi aerei. Se, come si dice nel film, le scatole nere ritrovate registrano velocità di 800 km/h a altitudini molto basse è chiaro che non si tratta di Boeing. Punto e basta. Siete d'accordo?

Piu' probabile che fosero Boeing ma modificati..
Probabile che avranno potenziato i motori e la struttuta.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
uochi
Inviato: 18/10/2013 18:28  Aggiornato: 18/10/2013 18:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Autore: DjGiostra Inviato: 18/10/2013 18:23:24

@Wendellgee: Citazione: Da quello che ho capito io, la prova schiacciante è la velocità di questi aerei. Se, come si dice nel film, le scatole nere ritrovate registrano velocità di 800 km/h a altitudini molto basse è chiaro che non si tratta di Boeing. Punto e basta. Siete d'accordo?

Piu' probabile che fosero Boeing ma modificati.. Probabile che avranno potenziato i motori e la struttuta.


Boeing modificati? In che senso? Hanno potenziato i motori? Cioè: invece di andare a 900 km/h sarebbero stati "truccati" per andare a una velocità superiore?

E come?

DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 18:29  Aggiornato: 18/10/2013 18:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
A mio vviso di "Smoking Gun" nel 11/9 ce ne sono parecchie:
- Le velocita' impossibili
- I crolli strani
- il poliziotto che allontana la gente dal WTC7
- La buca di UA93
- L'annuncio del crollo di WTC7 con lo sfondo del WTC7 ancora in piedi.
- Le telefonate impossibili
- Ecc. Ecc...
Metteteci tutte quelle che mancano..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
uochi
Inviato: 18/10/2013 18:42  Aggiornato: 18/10/2013 18:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Autore: DjGiostra Inviato: 18/10/2013 18:29:14


Ciao.

Citazione:
A mio vviso di "Smoking Gun" nel 11/9 ce ne sono parecchie: - Le velocita' impossibili


Le velocità impossibili di che cosa?

Citazione:
- I crolli strani
- il poliziotto che allontana la gente dal WTC7
- La buca di UA93
- L'annuncio del crollo di WTC7 con lo sfondo del WTC7 ancora in piedi.
- Le telefonate impossibili
- Ecc. Ecc...
Metteteci tutte quelle che mancano..


Quella del poliziotto non l'ho capita. Cominciamo da lì.

DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 19:05  Aggiornato: 18/10/2013 19:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
x Ouchi:
Non l'hai visto il film vero ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 19:10  Aggiornato: 18/10/2013 19:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
uochi
Inviato: 18/10/2013 19:13  Aggiornato: 18/10/2013 19:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Autore: DjGiostra Inviato: 18/10/2013 19:05:59

x Ouchi: Non l'hai visto il film vero ?


uochi, non Ouchi.

Allora, il poliziotto?

DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 19:17  Aggiornato: 18/10/2013 19:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Sorry..
Guarda il video che ho postato.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
uochi
Inviato: 18/10/2013 19:27  Aggiornato: 18/10/2013 19:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/5/2012
Da:
Inviati: 36
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Guarda il video che ho postato.


Preferisco che tu mi spieghi la storia del poliziotto con parole tue.

DrHouse
Inviato: 18/10/2013 19:32  Aggiornato: 18/10/2013 19:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Citazione:
Boeing modificati? In che senso? Hanno potenziato i motori? Cioè: invece di andare a 900 km/h sarebbero stati "truccati" per andare a una velocità superiore?

A questa domanda si può rispondere solo speculando. Ad ogni modo, esistono numerosi esempi di modelli di linea modificati allo scopo di migliorare le prestazioni aerodinamiche, la potenza dei motori o altre caratteristiche a seconda del caso.

Adesso le mie domande:
1) Puoi dimostrare che il core del motore ritrovato a Murray Street proviene da un 767-222 ed è esattamente quello associato al numero di registro N612UA?

2) Hai prove che dimostrino che gli altri rottami dell'aereo ritrovati tra le macerie del WTC siano riconducibili solo e unicamente a N612UA (se, per caso, la risposta è sì, abbi cura di avvisare il NTSB, mi raccomando).

3) Puoi dimostrare che un 767 di linea non modificato è in grado di volare a una G/S di 513 nodi a 700 piedi? O, se preferisci, hai esempi di aerei di linea di quel tipo che abbiano raggiunto quelle velocità a bassa quota?

Se la risposta a queste tre domande è no, spiegami cortesemente che cosa ti impedisce di considerare la possibilità che i due aerei del WTC fossero droni modificati.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
r_five
Inviato: 18/10/2013 19:36  Aggiornato: 18/10/2013 19:36
So tutto
Iscritto: 30/5/2010
Da:
Inviati: 16
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@DjGiostra
il link sembra non funzionare , credo ti riferissi a questo
ciao

Vicarious
Inviato: 18/10/2013 20:22  Aggiornato: 18/10/2013 20:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/7/2010
Da:
Inviati: 35
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Spiegatemi una cosa secondo i debunkers allora come si sono svolti i fatti?

DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 20:42  Aggiornato: 18/10/2013 20:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
uochi:
Citazione:
Preferisco che tu mi spieghi la storia del poliziotto con parole tue.

Accontentati del video. Dice tutto.
(Link nel post di r_five)

r_five:
Grazie per la correzione.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
DjGiostra
Inviato: 18/10/2013 20:45  Aggiornato: 18/10/2013 20:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
uochi:
Citazione:
Boeing modificati? In che senso? Hanno potenziato i motori? Cioè: invece di andare a 900 km/h sarebbero stati "truccati" per andare a una velocità superiore?

uochi hai una vaga idea delle velocita' del Boeing in questione a quella
altitudine ?
Gia' la premessa : (invece di andare a 900 km/h) e' errata.
Guardati il film e risparmiaci fatica per cortesia.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Decalagon
Inviato: 18/10/2013 22:58  Aggiornato: 18/10/2013 22:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Ciao Uochi, felice di rileggerti dopo tanto tempo. Hai dei dubbi su qualcosa che non hai capito? Magari posso aiutarti io.

Però prima ho bisogno che tu risponda ad una domanda: hai visto il documentario?

Perché prima di far sprecare tempo alle persone con spiegazioni magari superflue, dovresti vedere il film e casomai DOPO chiedere delucidazioni su cosa non si è capito ^^

Ciao!

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
snoopy
Inviato: 20/10/2013 8:05  Aggiornato: 20/10/2013 8:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/6/2006
Da: phuket - thailandia
Inviati: 106
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
ma questo Signore non e' che sia un parente dell' ispettore Clouseau ?

Io so tutti questi nomi e so tutti i fatti ...
Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.

P.P. Pasolini

http://www.corriere.it/speciali/pasolini/ioso.html
Azrael66
Inviato: 20/10/2013 10:09  Aggiornato: 20/10/2013 10:09
So tutto
Iscritto: 18/7/2013
Da:
Inviati: 12
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Il filmato viene molto apprezzato anche sul forum God Like Production, comunità virtuale tra le più seguite al mondo:

http://www.godlikeproductions.com/forum1/message2387529/pg1


Azrael66
Inviato: 20/10/2013 11:27  Aggiornato: 20/10/2013 11:27
So tutto
Iscritto: 18/7/2013
Da:
Inviati: 12
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Penso che Massimo abbia fatto benissimo a proporre i quesiti ai fuffologi, i motivi sono due: perchè mai rinunciare alla naturale pulsione di sfottere questi imbonitori da strapazzo che impestano il web? E poi magari nei confronti di alcuni, aveva ancora dei sassolini nelle scarpe, ora se li è tolti.
Il secondo motivo è squisitamente personale: è troppo, troppo divertente leggere le farneticanti quanto inconsistenti risposte della controparte: è una tragicommedia!
Per non parlare poi dei sacrosanti sfottò all'indirizzo del Quirant che ne sono seguiti, ugualmente spassosi, un'altra mezz'ora di sano divertimento!

edo
Inviato: 20/10/2013 15:02  Aggiornato: 20/10/2013 15:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Scusate, l'articolo finisce con "continua"... dove continua?

Decalagon
Inviato: 20/10/2013 20:24  Aggiornato: 20/10/2013 20:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
"Continua" nel senso che non è finito.

Dovranno finire di tradurre le barzellette di Quirant.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
matteog
Inviato: 21/10/2013 0:02  Aggiornato: 21/10/2013 0:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@uochi

Citazione:
Nanothermite? Le torri sarebbero state riempite (parole tue) di questa sostanza? E in quale quantità, secondo te?


Che ne so io? si faccia un'altra indagine indipendente e seria e si trovi il modo e la quantità in cui è stata messa la nanothermite nelle Torri.
Una cosa è certa la nanothermite c'era e lo dimostra lo studio peer-reviewed di Harrit. PUNTO.

Ora ciccio, vuoi rispondere alle domande del DOC.

E dopo magari perché non mi spieghi come si è formato il "meteorite"?

dai, ho voglia di farmi quattro risate.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
grodek
Inviato: 23/10/2013 15:33  Aggiornato: 23/10/2013 15:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/8/2006
Da:
Inviati: 57
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Leggendo le risposte dei vari "debunker" mi viene in mente il primo episodio in cui mi imbattei in loro... e devo dire che sono rimasti dei creduloni proprio come allora...

Frequentavo la terza elementare e alcuni compagni avevano fondato un gruppo chiamato CIOP, per la simpatia nutrita nello scoiattolo della Disney.
In quell'anno accadde che nessuno di noi ricevette dei regali per natale (era il periodo dell'Austerity), ma la tesi del CIOP escludeva a priori l'indigenza dei genitori visto che, come primo assunto, per i bambini del CIOP Babbo Natale esisteva davvero ed il fattaccio non poteva essere collegato nè ai genitori, nè al corpo insegnante e neppure al parroco.

Il CIOP decise di spiegare la faccenda in questi termini:

Siccome Babbo Natale è buono (e lo dimostra quando sgancia caramelle con zucchero impoverito ai bambini che ne hanno bisogno), e visto che anche i genitori sono buoni e non mentono mai per loro natura, si dissero che qualcuno aveva dirottato la slitta. E la responsabilità ricadde su un fantomatico gruppo di troll norvegesi.

Le cose degenerarono presto e alcuni compagni di classe proposero di mettere delle telecamere nelle case, altri cominciarono col picchiare i fratellini più piccoli senza motivo, altri ancora se la presero con chi diceva che i soldi del Monopoly erano solo carta senza valore intrinseco mentre i più, e questo mi diede da riflettere, continuarono a fregarsene di tutto e di tutti. Al tempo ero convinto che questi ultimi, i menefreghisti, anche se avessero visto volare degli aerei di carta che rilasciavano una scia non ci avrebbero fatto caso, mentre quelli del CIOP avrebbero sicuramente affermato che si trattava della condensa lasciata sull'aeroplanino quando, prima di lanciarlo, si alita sulla punta.

Discorrendo con quelli del CIOP compresi che la loro formazione scientifica era racchiusa nelle istruzioni del Piccolo Chimico, gioco molto in voga in quegli anni, e che in loro era totalmente assente una base Umanistica, Storica o una qualche capacità Intuitiva.

Tentai allora di parlare con loro nella maniera più semplice di tutte. Attraverso delle domande:

D: Come può una sola persona andare in tutte le case in una notte?
R: Non è vero che Babbo Natale è uno solo. Se vedi i servizi della TV noterai che in ogni città ce ne sono almeno un migliaio. Senza contare i centri commerciali.

oppure

D: Dimostrami che i Troll esistono
R: Ecco qua (e apre un libro di Tove Jansson)

Quello che però allora non compresi è che quei bambini avevano un profondo bisogno di credere al Bene e al Male, avevano un disperato bisogno di sentirsi protetti, amati e rassicurati, anche se questo significava mentire a se stessi, votarsi alla cieca obbedienza e rassegnarsi in un bieco servilismo. E tutti loro, chi per malafede e chi per ignoranza,
erano accumunati dallo stesso sentimento di profonda e sincera paura.

Un saluto a tutto Luogocomune e la Redazione per il lavoro svolto in questi anni!

Clansman
Inviato: 24/10/2013 19:52  Aggiornato: 24/10/2013 19:52
So tutto
Iscritto: 20/9/2013
Da: Firenze
Inviati: 30
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Le restanti 40 domande?

Pensoso
Inviato: 26/10/2013 13:49  Aggiornato: 26/10/2013 13:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Come in tutti questi anni, le risposte si allontanano sempre di più dal merito, e diventano una semplice (perchè non si fa nemmeno lo sforzo di essere ricercati almeno in questo) questione dialettica.
Ovvero: vediamo come riesco a liquidare in un qualsiasi modo brillante, o almeno leggibile, questa domanda? A prescindere, anzi evitandola proprio, dall'attinenza.

(uso non improprio di firma)
sonsokh
Inviato: 27/10/2013 10:21  Aggiornato: 27/10/2013 10:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
@grodek

bella...

niky6900
Inviato: 9/11/2013 23:33  Aggiornato: 9/11/2013 23:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/9/2012
Da: Torino
Inviati: 45
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Se leggiamo le risposte di Quiran ci accorgiamo che neanche una raggiunge un livello di credibilità sufficente a dimostrare che la versione ufficiale, abbia scritto una sola riga sensata..

antoniogentile
Inviato: 9/1/2014 0:02  Aggiornato: 9/1/2014 0:02
So tutto
Iscritto: 8/1/2014
Da:
Inviati: 1
 Re: Le risposte di Jérôme Quirant
Quirant è un semplice disinformatore. Non ha nessuna competenza per spiegare tecnicamente gli avvenimenti. E' forse un pilota? Un controllore di volo? Un tecnico della demolizione controllata? un ingegnere? un architetto? un chimico? La sua disonestà e la sua arroganza lo portano a contestare testimonianze di specialisti solo perché deve farlo. La differenza con Massimo è fondamentale - Massimo raccoglie le testimonianze di eminenti specialisti sul tema e commenta - l'altro il disinformatore contesta facendo apposta diversioni o ripete nuovamente quello che si contestava.
Non penso che sia molto utile perdere altro tempo con questa tipo di gente.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA