Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Temperature estreme a Ground Zero
Inviato da Redazione il 14/10/2012 21:10:00 (11868 letture)

Seconda parte: travi deformate, acciaio fuso e cemento fuso.



(La prima parte è all'interno)

I commenti alla seconda parte iniziano qui.




Prima parte:


Voto: 9.00 (14 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
VIPER
Inviato: 12/10/2012 7:24  Aggiornato: 12/10/2012 7:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Una domanda a Mazzucco...

da tutti gli spezzoni che ho visto finora mi sembra chiaro che questo sarà un film di notevole importanza storica sia per la ricostruzione di tutte le vicende legate a quel giorno, sia per le informazioni e le spiegazioni che un qualsiasi giornalista di un qualsiasi paese non può ignorare quando parla di versione ufficiale.

Intendo dire che questo film controbatte a ogni singola argomentazione in modo coerente, chiaro e con una ricerca che riesce a portare tutte le informazioni necessarie a tutti.

Mi si pone spontanea una domanda:

Hai già pensato a come distribuirlo (a parte i soliti metodi) per fare in modo che giunga all'attenzione di quelle persone che contano e che potrebbero garantirne una diffusione globale? Che so... Concorsi cinematografici conosciuti, giornalisti, editori, distributori?

Quelli che hanno appoggiato il nuovo secolo americano, ti daranno una mano a distribuire anche questo film? Parlo dei nomi che compaiono come Ken Loach, Fernando Meirelles, Wim Wenders e Costa Gravas

Sguerguenz
Inviato: 12/10/2012 8:42  Aggiornato: 12/10/2012 8:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/7/2011
Da:
Inviati: 129
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Un altro importantissimo tassello di un mosaico che si preannuncia veramente interessante. Ottimo lavoro Massimo.
Riguardo ai mezzi di diffusione ovviamente la televisione sarebbe sicuramente il più efficace.
Mi auguro vivamente di vedere questo film in prima serata, su una grande rete televisiva. Non escludo affatto che questo possa veramente accadere.

Chi non conosce la verità è uno stolto, ma chi, conoscendola, la chiama menzogna è un delinquente. Bertolt Brecht
VIMS
Inviato: 12/10/2012 9:43  Aggiornato: 12/10/2012 9:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ciao Massimo

Magari sarà spiegato nella seconda parte ma io ho una domanda.

Le temperature di cui si parla nel video si riferiscono alle macerie, immagino, e quando si parla delle operazioni di "scavo" si intende nella montagna delle macerie stesse. Queste ultime, suppongo, siano rimaste diversi metri sopra il livello strada.
Quindi gli incendi di cui si parla non hanno minimamente riguardato i piani sotterranei dei due edifici, altrimenti non riesco a spiegarmi il fatto che sia alcune automobili sia alcuni serbatoi dei generatori siano stati ritrovati minimamente danneggiati.

Spero di essere stato chiaro.

Grazie

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
NonSonoIo
Inviato: 12/10/2012 9:44  Aggiornato: 12/10/2012 9:44
So tutto
Iscritto: 14/2/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi dispiace di fare sempre il bastian contrario, per questo voglio specificare che stimo molto il tuo lavoro (massimo) e per questo provo a dire la mia.
Mi ricordo di attivissimo che demoliva l'immagine termografica, dicendo che è stato un errore e che poco tempo dopo ne sarebbe stata pubblicata una corretta che mostrava temperature molto più "normali".
Volevo solo portare alla tua attenzione questo fatto, nel raro caso in cui non ne fossi già consapevole. Ciao.

czar
Inviato: 12/10/2012 9:44  Aggiornato: 12/10/2012 9:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/2/2009
Da:
Inviati: 313
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
attivissimo impagabile !!!!

ci sono incendi a 2000° C ???

NO PROBLEMA, c'erano automobili, un gruppo elettrogeno...... delle candele, 4 bastoncini d'incenso, un barattolo di nutella (che notoriamente infiamma), le ricariche per lo zippo, ecc.



informarsi sul fatto che la benzina non brucia a quelle temperature...... no eh!

Lollo954
Inviato: 12/10/2012 10:18  Aggiornato: 12/10/2012 10:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2012
Da: Carboland
Inviati: 136
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Bel lavoro massimo... davvero complimenti mi piace sempre piu.. cos ha alimentato gli incendi per oltre sei settimane dopo gli attacchi ? le folate di butano del cervello di attivissimo potrebbe essere un idea... roba da matti... le auto che alimentano gli incendi.. certo come no... oltretutto li alimentano senza nemmeno bruciare ( molte non erano nemmeno sfiorate dall'incendio)

una cosa.. massimo tu dici che alcune macchine erano li.. pronte da guidare... beh un idiobunker potrebbe attaccarsi anche a questo... non sono state toccate dal fuoco è vero e i serbatoi erano ancora pieni di fuel.. o comunque intatti senza perdite.. ma immagino che fossero comunque un po schiacciate in fin dei conti un grattacielo gli è finito sopra..

"I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli grandi basterà sempre l'incredulità della gente".(McLuhan)
fefochip
Inviato: 12/10/2012 10:23  Aggiornato: 12/10/2012 10:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
vorrei cercare di capire cosa mai possano aver pensato le persone che sapevano quei fatti .
i crolli verticali delle torri sono stati un fatto senza precedenti e la gente ha abboccato perche tutto sommato si sarà detta "ok c'è andato contro un boeing mica io posso sapere le conseguenze di un impatto cosi su un edificio cosi " ,e quindi si sono fidati del governo che diceva che era stato bin laden.
lo capisco ci può stare in un primo tempo .
ma questa cosa degli incendi sotterranei che bruciano a distanza di settimane e mesi è una cosa del tutto fuori dall'ordinario.
insomma le persone ,in particolare i pompieri , hanno esperienze piu comuni di incendi anche con benzina e TUTTI sanno benissimo che non esiste che una macchina brucia per settimane per la benzina che al contrario è un combustibile che brucia molto rapidamente esaurendosi presto.
tanto piu che poi i debunkers pagliacci alla attivissimo sono arrivati anni dopo fornendo scuse stupide per un fenomeno veramente inconsueto.

sentendo o vedendo (a seconda dei casi) di questi incendi a temperature cosi alte a distanza temporale cosi ampia ,la gente cosa ha pensato per continuare a pensare che è stato bin laden ?

che siccome era lo demonio in terra per forza bruciava tutto per sempre?

hanno pensato semplicemente "boh" e fatto spallucce?

lo sapevano in pochissimi per essere un problema?(eppure sono andati a dirlo in tv)

erano ancora rincoglioniti dalla "botta" e quindi non hanno pensato?

grande edificio -grande incendio -grande durata?

in america tutto è grande?


capisco che la tentazione di affermare l'idea che gli americani a conoscenza di questa cosa non hanno pensato nulla è molto facile da esprimere ma è anche un po irrealistica come spiegazione (insomma anche se io dico spesso che sò tutti cojoni lo dico più per provocazione che per altro), ma ....cos'hanno pensato?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 12/10/2012 10:30  Aggiornato: 12/10/2012 10:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Mi dispiace di fare sempre il bastian contrario, per questo voglio specificare che stimo molto il tuo lavoro (massimo) e per questo provo a dire la mia. Mi ricordo di attivissimo che demoliva l'immagine termografica, dicendo che è stato un errore e che poco tempo dopo ne sarebbe stata pubblicata una corretta che mostrava temperature molto più "normali".


ne "sarebbe" ?
e di grazia dicci dove è stata pubblicata e la fonte o lascia i condizionali per un altra volta.

comunque non c'è solo l'immagine termografica ma come hai visto tante testimonianze.

ma poi sinceramente "nonsonoio" come cavolo fai ad andare appresso a un pagliaccio che ti vuole far credere che un incendio si poteva sviluppare e arrivare a temperature altissime come testimoniato da piu fonti dopo mesi ?

dai fai il serio

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
NonSonoIo
Inviato: 12/10/2012 10:56  Aggiornato: 12/10/2012 10:56
So tutto
Iscritto: 14/2/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
ma poi sinceramente "nonsonoio" come cavolo fai ad andare appresso a un pagliaccio che ti vuole far credere che un incendio si poteva sviluppare e arrivare a temperature altissime come testimoniato da piu fonti dopo mesi ?


Non ci vado appresso, sono convinto come voi che 19 arabi con altrettanti taglierini non avrebbero potuto fare tutto sto gran casotto, solo mi limito ad ascoltare entrambe le campane con più attenzione che posso.

Lollo954
Inviato: 12/10/2012 10:59  Aggiornato: 12/10/2012 11:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2012
Da: Carboland
Inviati: 136
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
non si sa cosa abbia alimentato gli incendi delle Torri Gemelle per settimane.. ma forse riesco a indovinare cosa alimenta gli incendi che bruciano il culo ai debunkers e a tutti quelli che non CICAPiscono un cazzo.. le continue prove, testimonianze, e dati che contrastano in modo inequivocabile la marea di puttanate della versione ufficiale, e il lavoro fatto da gente come massimo che continua a buttare la benzina della verita sul fuoco delle bugie che certa gente continua a scureggiare fuori.. e la benzina si sa... brucia per tempi interminabili ( addirittura per piu di dieci anni ) :)

Edit: piccole precisazioni e correzioni grammaticali

"I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli grandi basterà sempre l'incredulità della gente".(McLuhan)
migZ
Inviato: 12/10/2012 11:08  Aggiornato: 12/10/2012 11:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
vorrei fare una domanda pure io perché non mi è tanto chiara una cosa:
al minuto 0:14 - 0:16 viene affermato che "dopo i crolli sono state notate temperature estremamente alte sotto le macerie di ground zero" e la grafica lascia intendere che tali temperature molto alte, e di cui si parlerà nei minuti successivi, sarebbero state rilevate nei piani sotterranei delle torri gemelle, in particolare vengono evidenziati i primi due piani sotterranei.
Poi alla fine del video, per controbattere all'ipotesi di Attivissimo&c, si dimostra come ci fossero auto esplose e altre danneggiate ma ancora guidabili e si parla della cisterna di gasolio danneggiata ma senza falle.

Secondo me quest'ultimo punto, se lasciato così, potrebbe portare a confondere perché per tutto il video ci sono dichiarazioni documentate che riportano temperature di 1100° C; uno potrebbe chiedersi, com'è che tutti dicono che era un forno e poi trovano auto ancora guidabili e la cisterna ancora abbastanza intera? Non è che gli operai hanno un po' esagerato con le loro dichiarazioni?
Forse sarebbe opportuno, se si può, specificare a che profondità sono state ritrovate auto esplose e invece a che profondità quelle guidabili e la cisterna.

Altra cosa, non vorrei che questa cosa delle temperature elevate fosse un'arma a doppio taglio nel senso che qualche furbacchione potrebbe dire: avete visto che kerosene+plastica+rivestimenti+altro ce la fanno a indebolire l'acciaio? Altrimenti come spiegate le alte temperature per così tante settimane dopo i crolli? Ovviamente è una deduzione sbagliata perché si parte dal presupposto che essendoci delle alte temperature dopo i crolli allora il kerosene può sviluppare incendi il cui calore può addirittura arrivare a 1100° C, mentre noi sappiamo che non è possibile, oltre a sapere che i crolli infrangono le leggi della fisica.

Spero di aver spiegato abbastanza bene i miei dubbi che magari vengono risolti con la 2 parte...in ogni caso avanti così!

Vanvera
Inviato: 12/10/2012 11:43  Aggiornato: 12/10/2012 11:43
So tutto
Iscritto: 23/9/2012
Da: Ovunque
Inviati: 9
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Dando per certe due cose:
- le alte temperature ci sono state per mesi, e
- non sono dovute certo a auto e cisterne
mi chiedo però cosa le abbia causate.
Spero che la seconda parte suggerisca una possibile spiegazione.

Chissà cosa si trova a liberare la fiducia nelle proprie tentazioni,
allontanare gli intrusi dalle nostre emozioni,
allontanarli in tempo e prima di trovarsi solo
con la paura di non tornare al lavoro.
TonyMerda
Inviato: 12/10/2012 12:43  Aggiornato: 12/10/2012 12:43
So tutto
Iscritto: 30/8/2011
Da:
Inviati: 22
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
mi sembra di aver notato un errore: prima nel calendario si cerchia l'8 ottobre, poi il commento dice "dopo 6 settimane" ma cerchia il 23 ottobre, cioè 2 settimane dopo e non 6.

matteog
Inviato: 12/10/2012 12:47  Aggiornato: 12/10/2012 12:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@fefochip

secondo me quelli che sapevano di queste temperature avranno ragionato così:

- sappiamo tutti che sono stati gli aerei ed i cattivoni dei terroristi a fare l'attentato, quindi partendo da questo "dato di fatto" tutto ciò che anomalo è comunque correlato a quella causa. Quindi non me lo so spiegare? non problem, è stato un evento eccezionale non si può spiegare e sapere tutto. Quindi poi alzano le spallucce e dicono boh, fa niente.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
alexbell64
Inviato: 12/10/2012 12:52  Aggiornato: 12/10/2012 12:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Questo è uno degli aspetti più inquietanti e, da un certo punto di vista, affascinanti di tutto il groviglio di fatti che riguardano il 9/11.

Ho una mia teoria, una convinzione che è maturata in tutti questi mesi in cui vi ho seguiti e mi sono informato in lungo e in largo riguardo a quello che è successo quella mattina maledetta a NY.

A parte tutto, si è trattanto anche di di un gigantesco "banco di prova" per testare tecnologie o armi non convenzionali ancora in forma sperimentale, da parte del Governo o dei Servizi Segreti in una situazioe "reale", quindi su edifici veri, in una giornata qualsiasi. In poche parole, si è trattato, oltre che di tutto quello di cui si è già dibattuto ampiamente (false-flag, creazione del pretesto per muovere guerra ad altri Paesi, shock culturale e destabilizzazione interna per rafforzare il controllo sulla popolazione, ecc), anche di una gigantesco TEST MILITARE per verificare in una situazione reale il comportamento di qualcosa che la stragrande maggioranza della popolazione mondiale ancora non conosce o ipotizza soltanto.

E dato che parlo di ipotesi, provo anche a farne una, quella che mi viene più spontanea ed immediata: la Fusione Fredda.
Cosa può produrre calore così intenso per molte settimane senza esserci una combustione di tipo chimico o una reazione di tipo convenzionale conosciuta ed alimentata in continuazione?
Una reazione di fissione o di fusione di nuclei e particelle atomiche.
Il reattore di Chernobyl era ancora bollente dopo anni dall'incidente.
I depositi di scorie nucleari devono essere tenuti costantemente sotto controllo e il calore incessante che si produce deve essere smaltito in continuazione se non si vuole arrivare ad incidenti catastrofici, come quello accaduto nell'ex-URSS a Majak nel 1957, causato proprio dalle scorie.
Ma a Groud Zero non sono stati rilevati elevati livelli di radioattività dopo i crolli e durante le operazioni di sgombero delle macerie, giusto?
Allora, la spiegazione di tutto questo calore è da ricercarsi in qualche altro tipo di reazione che coinvolge sempre i nuclei atomici della materia ma senza il rilascio di grosse quantità di radiazioni e particelle, come accade usualmente nelle reazioni di fissione proprie delle centarli nucleari o delle armi atomiche convenzionali.
E qui entra in gioco, secondo me, una delle più importanti scoperte realizzate negli ultimi anni in campo fisico e passata quasi in sordina e tacciata frettolosamente come una bufala, appunto la Fusione Fredda.
Non è un mistero per nessuno o quasi, ormai, che i famosi proiettili all'uranio impoverito sfruttino in realtà questo tipo di reazioni nucleari a bassa intensità per generare un'energia termica eccezzionalmente intensa ma anche molto circoscritta, come ad esempio per bombardare i carri armati nemivi o edifici strategici che si vuole distruggere completamente, incinerendoli. Bene, secondo me qualcosa di molto simile è stato fatto a New York quella mattina.
Hanno utilizzato qualche tipo di cariche a Fusione Fredda, localizzate, magari in associazione con della thermite o nanothermite per aiutare il taglio delle colonne (o anche per mescolare le acque e per depistare le indagini successive) per generare quell'intenso calore che ha letteralmente "sciolto" la struttura portante degli edifici e ne ha causato quei crolli così veloci e simmetrici, meglio di tante bombe o di tante cariche di "esplosivi da taglio".
Questo spiegherebbe molte cose: il cedimento improvviso, simmetrico e perfetto di tutta la struttura dei 3 edifici che sono "implosi" su se stessi, la tutto sommato contenuta quantità di esplosioni chiaramente udibili e caratteristiche delle Demolizioni Controllate convenzionali (si qualche esplosione si è udita anche lì, ma bisogna dire che nessuno ha potuto ascoltare quel particolare "concerto" di esplosioni in sequenza che è presente nelle demolizioni controllate che tutti conosciamo), e sopratutto, le alte temperature e l'intenso calore generato dal materiale colassato anche a distanza di diverse settimane dai crolli.
Cosa abbiano utilizzato di preciso non lo sappiamo ancora ( e credo non lo sapremo ancora per molto, se ho ragione), potrebbero essere delle mini-bombe a FF collocatein punti strategici delle strutture portanti, oppure un singolo ordigno presente nelle fondamenta e piazzato lì all'insaputa di tutti da chissà quanto, magari mascherato da innoquo macchinario o apparato, o chissà cos'altro.
Ma, a mio modesto parere, qualche forma di energia "non convenzionale" è stata adoperata per raggiungere lo scopo o gli scopi politico-economici-militari prefissati e, nel contempo, testare la stessa in una situazione veramente "reale".

Sertes
Inviato: 12/10/2012 13:06  Aggiornato: 12/10/2012 13:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Redazione
La tua domanda va nella direzione di suggerire la presenza di una qualche forma di combustibile nascosto che ha alimentato un incendio per dei mesi.

Il punto cruciale che questa prima parte non tratta è che in realtà anche senza combustibile un tappo di cenere può mantenere tali temperature, ma resta piuttosto da capire come tali temperature sono state raggiunte in primo luogo.

Di certo queste temperature sono incompatibili con un crollo gravitazionale, e sono ad oggi ancora inspiegate.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
m4x
Inviato: 12/10/2012 13:32  Aggiornato: 12/10/2012 13:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Manca diversa robina Massimo... Aspetto con ansia di vedere la seconda parte per entrare nel dettaglio e farti un po' di critica se necessario

Edit: "La seconda riguarderà l'acciaio deformato e l'acciaio fuso". Pardon, non avevo letto, allora per adesso e' tutto apposto

bernuga
Inviato: 12/10/2012 14:13  Aggiornato: 12/10/2012 14:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Il pezzo e' bello, ci sono immagini tipo quella del wtc ghiacciato che non avevo mai visto, comunque, personalmente, inserirei un paio di cose col fine di screditare e ridicolizzare ancor di piu' le difese dei sostenitori dell VU:

In questo video, subito all'inizio, c'e' lo stesso delinquente visto nel pezzo sui crolli, nega di sapere dell'esistenza delle alte temperature:

http://www.youtube.com/watch?v=8YaFGSPErKU

Poi farei vedere la famosa foto dei lavoratori intorno alla lanterna sopra le macerie, i debunkers la usavano come prova che le alte temperature erano un falso inventato dai soliti paranoici complottisti.

P.s. pensavo non sarebbe male mettere l'"impossibile" come filo conduttore dei vari video, i crolli impossibili, le velocita' impossibili, le temperature impossibili, ecc ecc

bernuga
Inviato: 12/10/2012 14:14  Aggiornato: 12/10/2012 14:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Credo s'intendano 6 settimane dall'119

cgueye
Inviato: 12/10/2012 14:17  Aggiornato: 12/10/2012 14:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
da "New York City" di Eric Homberger, ed. bruno Mondadori:

" Osama Bin Laden in questo è stato lucido: New York è sua nemica, orgogliosa e coriacea, in quanto diametralmente opposta al mondo che egli cerca di costruire con i suoi accoliti, un mondo privo di musica leggera e senza aquiloni, un mondo sprovvisto di donne istruite, un mondo di burqua".

E' questa l'operazione culturale riuscita: davanti a ogni possibile evidenza dell'imbroglio di quel giorno, il messaggio è passato; e coloro i quali vi ci sono affezionati, in questo aiutati da società in cui vero è che certe problematiche antimoderniste esistono, non se ne staccano volentieri.

Lollo954
Inviato: 12/10/2012 14:35  Aggiornato: 12/10/2012 14:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2012
Da: Carboland
Inviati: 136
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: TonyMerda Inviato: 12/10/2012 12:43:10

mi sembra di aver notato un errore: prima nel calendario si cerchia l'8 ottobre, poi il commento dice "dopo 6 settimane" ma cerchia il 23 ottobre, cioè 2 settimane dopo e non 6.

le 6 settimane e tutte le tempistiche successive sono da prendere in considerazione dalla data degli attacchi quindi dall 11/9 infatti il 23/10 è circa a sei settimane dall' 11/9

:)

"I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli grandi basterà sempre l'incredulità della gente".(McLuhan)
edo
Inviato: 12/10/2012 15:10  Aggiornato: 12/10/2012 15:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
informarsi sul fatto che la benzina non brucia a quelle temperature...... no eh!


La benzina brucerebbe pure, ma è il gasolio a non volerne sapere

Uno degli elementi più suggestivi è la citazione degli incendi che divamperebbero perché "entra l'ossigeno".
Complimenti alla censura preventiva del pensiero. Nel senso che se tutto si ferma li, allora... buonanotte!

bubu7
Inviato: 12/10/2012 15:30  Aggiornato: 12/10/2012 15:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi sembra un po' stonata la testimonianza di Giuliani in cui conferma temperature superiori a 1000 gradi. Potrebbero appigliarsi dicendo che lui non è un esperto e questa cose non le può sapere. Andrebbe rivista secondo me.
Inoltre di dati che confermano queste temperature anomale ce ne sono in abbondanza.
Complimenti ancora, Massimo.

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
edo
Inviato: 12/10/2012 15:46  Aggiornato: 12/10/2012 15:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Mi sembra un po' stonata la testimonianza di Giuliani in cui conferma temperature superiori a 1000 gradi. Potrebbero appigliarsi dicendo che lui non è un esperto e questa cose non le può sapere. Andrebbe rivista secondo me.


E no! Finiamola con il giustificare a priori chi nemmeno ce lo ha chiesto.
Se giuliani parla a vanvera è un problema suo, ma ammesso e non concesso, è più probabile che qualcuno l'abbia informato.

bubu7
Inviato: 12/10/2012 15:59  Aggiornato: 12/10/2012 15:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Non lo giustifico. Di dati certi ce ne sono a volontà, tanto che quello che dice Giuliani è quasi irrilevante. Se avesse testimoniato il contrario sarebbe stato lecito chiedersi da dove ha preso l'informazione.

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
Pyter
Inviato: 12/10/2012 16:07  Aggiornato: 12/10/2012 16:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
tonymerda
mi sembra di aver notato un errore: prima nel calendario si cerchia l'8 ottobre, poi il commento dice "dopo 6 settimane" ma cerchia il 23 ottobre, cioè 2 settimane dopo e non 6.

Tieni presente che il calendario riporta il 2001: in quell'anno si sono bloccate, tra le altre cose, anche la fisica e il tempo...

sfruttando questo paradosso temporale dei due gemelli, Silverstein ha avuto il tempo di andare dal dermatologo e tornare in soli dieci minuti.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
horselover
Inviato: 12/10/2012 16:37  Aggiornato: 12/10/2012 16:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
qualche anno dopo l'esercito israeliano ha usato delle strane granate che tagliavano tutto

Redazione
Inviato: 12/10/2012 17:33  Aggiornato: 12/10/2012 17:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
VIPER: Citazione:
da tutti gli spezzoni che ho visto finora mi sembra chiaro che questo sarà un film di notevole importanza storica ...
Me lo auguro. Se non altro, di "importanza storica" all'interno del dibattito 9/11. Riguardo la promozione, mi faccio le stesse domande che ti poni tu: cercherò tutti i modi possibili per farlo arrivare dovunque riesca ad arrivare.

Naturalmente, conto anche sull'aiuto di tutti voi. Quando avrò finito la mia fatica, inizia la vostra.

***

SGUEREGUENZ: Citazione:
"Mi auguro vivamente di vedere questo film in prima serata, su una grande rete televisiva. Non escludo affatto che questo possa veramente accadere." .
Se hai meno di trent'anni, forse un giorno riuscirai a vederlo.

***

VIMS: Citazione:
Le temperature di cui si parla nel video si riferiscono alle macerie, immagino, e quando si parla delle operazioni di "scavo" si intende nella montagna delle macerie stesse. Queste ultime, suppongo, siano rimaste diversi metri sopra il livello strada..
No, è il contrario. Uno degli altri misteri di Ground Zero è che gran parte delle macerie sono sprofondate sotto terra, andando ad occupare i sette livelli dei seminterrati. E lì sotto che c'era questo inferno inarrestabile (ed è anche lì sotto, naturalmente, che c'erano le fondamenta delle Torri Gemelle).

***

NONSOLOIO: Citazione:
"Mi ricordo di attivissimo che demoliva l'immagine termografica, dicendo che è stato un errore e che poco tempo dopo ne sarebbe stata pubblicata una corretta che mostrava temperature molto più "normali"..
E invece quelle che uscivano indicavano ogni volta temperatura sempre maggiori. Fossi in te starei più attento, prima di usare il termine "demolire". Specialmente nel caso di Attivissimo.

***

LOLLO54 Citazione:
"Massimo tu dici che alcune macchine erano li.. pronte da guidare... beh un idiobunker potrebbe attaccarsi anche a questo... non sono state toccate dal fuoco è vero e i serbatoi erano ancora pieni di fuel.. o comunque intatti senza perdite.."
Non lo dico io. Lo dice il documentario della PBS che ha mostrato. Se l'idiobunker lo desidera, posso dargli l'indirizzo della PBS, così le domande può farle a loro.

***

FEFOCHIP: Citazione:
"vorrei cercare di capire cosa mai possano aver pensato le persone che sapevano quei fatti ."
Secondo me ci sarebbe da scrivere un libro su questo argomento. Anzi, due o tre.

***

MigZ: Citazione:
"Secondo me quest'ultimo punto, se lasciato così, potrebbe portare a confondere perché per tutto il video ci sono dichiarazioni documentate che riportano temperature di 1100° C; uno potrebbe chiedersi, com'è che tutti dicono che era un forno e poi trovano auto ancora guidabili e la cisterna ancora abbastanza intera?".
La gente potrebbe chiedersi di tutto. Ma non si può dare una risposta per ogni imbecille che viene al mondo. È chiaro che stiamo parlando di una area enorme, e le stesse immagini termografiche mostrano come ci fossero temperature molto diverso da un punto all'altro.

***

SERTES: Citazione:
"La tua domanda va nella direzione di suggerire la presenza di una qualche forma di combustibile nascosto che ha alimentato un incendio per dei mesi." .
"Nascosto" lo ha aggiunto tu. Io ho solo chiesto che cosa è stato . (Comunque hai ragione, riformulerò meglio la domanda).

***

M4X : Citazione:
"Manca diversa robina Massimo" .
Ci sto lavorando "as we speak."

***

BERNUGA: Citazione:
"In questo video, subito all'inizio, c'e' lo stesso delinquente visto nel pezzo sui crolli, nega di sapere dell'esistenza delle alte temperature:".
Il delinquente nega le pozze di metallo fuso. Per questo motivo lo vedrai nella seconda parte del video.

***

BUBU7: Citazione:
"Mi sembra un po' stonata la testimonianza di Giuliani in cui conferma temperature superiori a 1000 gradi."
Se non lo sapeva il sindaco di New York, quale fosse la temperatura a Ground Zero, non vedo chi dovrebbe saperlo. In ogni caso, come che hanno detto altri, lui non fa altro che confermare dati già conosciuti in precedenza.

***

PYTER: Citazione:
"sfruttando questo paradosso temporale dei due gemelli, Silverstein ha avuto il tempo di andare dal dermatologo e tornare in soli dieci minuti." .
Senza parole. Hai presente quando ti viene da ridere, ma la risata ti si blocca in gola da come sei rimasto folgorato dalla battuta?

VIMS
Inviato: 12/10/2012 17:49  Aggiornato: 12/10/2012 17:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ciao Massimo

Quando dici...

Citazione:
No, è il contrario. Uno degli altri misteri di Ground Zero è che gran parte delle macerie sono sprofondate sotto terra, andando ad occupare i sette livelli dei seminterrati. E lì sotto che c'era questo inferno inarrestabile (ed è anche lì sotto, naturalmente, che c'erano le fondamenta delle Torri Gemelle).


Mi viene un dubbio. Com'è che sono state rinvenute le automobili ed i serbatoi di alcuni generatori quasi intatti se nei sotterranei c'era questo inferno?

Mi sono perso qualcosa?

Grazie

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
FedeV
Inviato: 12/10/2012 18:47  Aggiornato: 12/10/2012 18:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: horselover Inviato: 12/10/2012 16:37:13

qualche anno dopo l'esercito israeliano ha usato delle strane granate che tagliavano tutto
____________________________________________________________________________________________________

Hai qualche info in piu?

Jurij
Inviato: 12/10/2012 18:51  Aggiornato: 12/10/2012 18:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ormai è chiaro che qui non c'entra un cavolo il kerosene, qui c'era della chimica che "non doveva esserci".

Per ragioni di lavoro conosco le caratteristiche degli acciai e vi assicuro che per tenere in fusione putrelle in acciaio ci vuole qualcos'altro che del semplice combustibile.

Si viaggia con forni elettrici ad arco, oppure con carbone negli altoforni ... non era il caso delle TG.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
m4x
Inviato: 12/10/2012 19:03  Aggiornato: 12/10/2012 19:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Tranquillo Massimo, ero io che non avevo capito il modo in cui volevi approcciare l'argomento

cgueye
Inviato: 12/10/2012 19:31  Aggiornato: 12/10/2012 19:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Riguarda un altro aspetto, mi scuso per il parziale OT, ma non l'avevo ancora letto. dal Fatto Quotidiano settembre 2012, Giulietto Chiesa ( che ho anche sentito criticare qui , mi pare) comunque dice:

"....Questo vale, ancora più clamorosamente, per il video dei 5 (cinque) dirottatori del volo AA77 (quello su cui sarebbe stata imbarcata anche la signora Barbara Olson, che, secondo la vulgata ufficiale fece una telefonata al marito in cui gli fece la telecronaca della sua imminente fine in una telefonata che dorò zero secondi). Quel video fu reso noto solo nel 2004. La Commissione non lo conosceva. Nemmeno l’Fbi lo conosceva . Fu l’Associated Press a tirarlo fuori dal cappello a cilindro, il giorno prima della pubblicazione del rapporto, dopo averlo ricevuto da un ufficio legale che rappresentava alcune delle famiglie delle vittime. L’autenticità di questo video (unico, sebbene quell’aeroporto fosse dotato di 300 videocamere) è oltremodo dubbia per molti motivi, che chi vuole potrà andare a leggersi (Point Video-2: Was the Airport Video of the Alleged AA 77 Hijackers Authentic?Official 9/11 Videotaped Evidence).

Ma uno di essi è clamoroso. Le telecamere di sorveglianza riprendono , per economizzare spazio, immagini distanziate di un secondo una dall’altra. Il video, nella parte che mostra i due terroristi al-Midhar e Moqed, è stato girato a una velocità molto superiore, pari a quella di un normale videoregistratore, cioè a 30 fotogrammi al secondo. Il che indica in tutta evidenza che esso è stato inserito dopo, cioè non viene dalla videocamera dell’aeroporto Dulles. Per giunta, a differenza di ogni video prodotto a fini di sorveglianza, questo non contiene né la data, né l’ora, né l’indicazione del luogo sotto osservazione. Insomma non certifica niente. Quel video può essere stato girato in un qualunque momento in un qualunque aeroporto americano".

FedeV
Inviato: 12/10/2012 19:32  Aggiornato: 12/10/2012 19:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: VIMS Inviato: 12/10/2012 17:49:05

Mi viene un dubbio. Com'è che sono state rinvenute le automobili ed i serbatoi di alcuni generatori quasi intatti se nei sotterranei c'era questo inferno?

_____________________________________________________________________________________________________________

Io questo dubbio ce l'ho da molto tempo. Infatti non sono d'accordo con l'affermazione che la maggior parte delle macerie sono finite sottoterra. Sicuramente di macerie sottoterra ce ne sono finite ma ci sono numerose sacche relativamente intatteoltre a quello che si vede in questo video come la metropolitana e ricordo pure un video di soccorritori in un sottolivello che camminavano tranquillamente. QUindi la cosa doveva essere molto irregolare e la maggior parte delle macerie doveva essere altrove.

migZ
Inviato: 12/10/2012 19:33  Aggiornato: 12/10/2012 19:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Redazione
Citazione:
MigZ: Citazione: "Secondo me quest'ultimo punto, se lasciato così, potrebbe portare a confondere perché per tutto il video ci sono dichiarazioni documentate che riportano temperature di 1100° C; uno potrebbe chiedersi, com'è che tutti dicono che era un forno e poi trovano auto ancora guidabili e la cisterna ancora abbastanza intera?".

La gente potrebbe chiedersi di tutto. Ma non si può dare una risposta per ogni imbecille che viene al mondo. È chiaro che stiamo parlando di una area enorme, e le stesse immagini termografiche mostrano come ci fossero temperature molto diverso da un punto all'altro.


VIMS

Citazione:
Mi viene un dubbio. Com'è che sono state rinvenute le automobili ed i serbatoi di alcuni generatori quasi intatti se nei sotterranei c'era questo inferno?

Mi sono perso qualcosa?


sia chiaro, lungi dal dare dell'imbecille a VIMS, eh! però è stata significativa la successione dei post

Redazione
Inviato: 12/10/2012 21:21  Aggiornato: 12/10/2012 21:21
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
VIMS: Come ha scritto FedeV, la cosa era molto irregolare. In certi punti potevi camminare tranquillamente, in altri c'erano 14 piani di una Torre compattati in 12 metri di spessore.

Redazione
Inviato: 12/10/2012 21:24  Aggiornato: 12/10/2012 21:24
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
CGUEYE: Si vede che Chiesa ha visto il mio video sui dirottatori .

Scherzi a parte, siamo in ottimi rapporti ed in stretto contatto per tutto quel che riguarda l'11 settembre.

VIMS
Inviato: 13/10/2012 9:41  Aggiornato: 13/10/2012 9:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
OK. Grazie.

Adesso per me è un po' più chiaro...

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
cgueye
Inviato: 13/10/2012 9:57  Aggiornato: 13/10/2012 9:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Redazione, grazie dell'interesse. Io qui sono una formica che porta una briciola, lo sai bene, in genere osservazioni dal punto di vista umano, più che altro. Si vede che non ho seguito attentamente te, mi pento e mi dolgo.

Andre81
Inviato: 13/10/2012 10:12  Aggiornato: 13/10/2012 10:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 53
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Permettetemi di unirmi a quanto detto da VIMS.

Il problema è sempre lo stesso, per chi narra e per chi conosce bene la questione tutto fila liscio come l'olio, per me e magari per VIMS visto la domanda che ha fatto, il filmato ha posto più dubbi sulla verità di quello che veniva detto (perché apparentemente in controsenso, quindi ti viene da domandarti "che cavolo sta dicendo?") che sulla questione delle temperature estreme per un lungo periodo ed ovviamente impossibili da avere se non attraverso l'inserimento di un elemento esterno al sistema.

my 2 cents

Vmagic
Inviato: 13/10/2012 11:45  Aggiornato: 13/10/2012 11:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Quello che scrivo non ha nulla a che vedere con il filmato qui proposto, volevo solo segnalare che mi sono imbattuto a vedere il film Ted, un film che sarà molto in voga nelle sale cinematografiche in questo week-end; per ben 2 volte si fa ironia nel film parlando dell'11 settembre dandone la colpa ai terroristi islamici. Ovviamente il tutto vien detto tra una risata e l'altra così uno spettatore non ci pensa e la pillola va giù meglio. Che schifo...

DjGiostra
Inviato: 14/10/2012 20:30  Aggiornato: 14/10/2012 20:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Redazione:
Citazione:
Naturalmente, conto anche sull'aiuto di tutti voi. Quando avrò finito la mia fatica, inizia la vostra.

Io prenoto una copia !!! Voglio la prima !!
Veramente ! Appena e' pronto voglio essere tra i primi. Ci conto !

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Lollo954
Inviato: 15/10/2012 2:03  Aggiornato: 15/10/2012 2:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2012
Da: Carboland
Inviati: 136
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Bella massimo anche la seconda parte e devo dire che le testimonianze sono davvero ben documentate in particolare l'ultima dell'ingegnere che ha costruito le torri gemelle...

un piccolo appunto se posso permettermi al minuto 0:55 il tizio dice "like a pretzel


ma nei sottotitoli si legge brioches



il pretzel credo sia un dolce austriaco o tedesco e per via della sua forma ritorta e curva credo sia stato scelto come termine di paragone traducendo con brioches secondo me perdi parte del significato (ci sono poi molte varianti ma la ricetta originale parte da un pezzo unico per ogni pretzel che viene ripiegato e attorcigliato)


"I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli grandi basterà sempre l'incredulità della gente".(McLuhan)
matteog
Inviato: 15/10/2012 2:17  Aggiornato: 15/10/2012 2:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

una domanda sulla seconda parte:
sembra che inverti l'ordine cazzata debunker - fatti, stavolta metti i fatti e poi i debunker, perché?

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
ohmygod
Inviato: 15/10/2012 3:04  Aggiornato: 15/10/2012 3:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@matteog
una domanda sulla seconda parte:
sembra che inverti l'ordine cazzata debunker - fatti, stavolta metti i fatti e poi i debunker, perché?

Forse perchè anche cambiando l'ordine dei fattori ( fatti ) il prodotto ( cazzata debunker ) non cambia.
Ho l'impressione che la "cazzata debunker" sia presa fra due fuochi.

Redazione
Inviato: 15/10/2012 3:15  Aggiornato: 15/10/2012 3:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
MATTEOG: Cacchio, che occhio attento! Si vede che fai il regista.

In realtà ho messo subito due testimonianze di acciaio fuso, per far capire di cosa si parla, poi ho messo la negazione dei debunkers, e poi il resto delle testimonianze.

L'ho fatto per far capire di cosa si parla. Ho visto che passare direttamente dalla frase "è stato trovato acciaio fuso" a quella che dice "non è vero" era un salto molto strano. Erano due affermazioni astratte, senza nessun elemento di supporto fra di loro, e non funzionavano bene.

Comunque anche in questo caso la "botta" - cioà la smentita definitiva - arriva dopo l'affermazione dei debunkers.

(Ho fatto anch'io il mio piccolo prequel, come Ridley Scott ).

***

LOLLO: Lo so che il pretzel non è una briosche, ma se metto "pretzel" quanti lo capiscono? (Potrei mettere "cornetto" forse? O manco quello si capisce?)

alexbell64
Inviato: 15/10/2012 4:39  Aggiornato: 15/10/2012 5:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo, nella chiusura del video dici che "qualche tipo di materiale incendiario aggiuntivo.....sembra essere stato usato nelle Torri Gemelle".
Io dico che non hanno utilizzato quello, o solo quello.
Perchè non c'è nessun materiale "incendiario", almeno nel modo convenzionale che conosciamo, quindi che si combini CHIMICAMENTE con l'ossigeno o un altro comburente, che posso produrre un "fuoco" di qualche tipo così duraturo e che sprigioni una tale caloria da fondere o rammollire travi d'acciaio spesse mezzo metro. O meglio, sarebbe possibile se si alimentasse questa improvvisata "fornace" con molto combustibile e compurente, come si fa' appunto in un forno di fusione o rammollimento, dove si fornisce carbone, o gas, o elettricità in quantità adeguata e per tutto il tempo necessario, insieme all'aria che fornisca il necessario ossigeno comburente (a meno che non si usi l'elettricità, appunto, cosa improbabile nelle macerie di Ground Zero...).
E quindi, torniamo a quello di cui sono convinto da tempo: che per "rammollire" l'intera struttura portante delle TT e del WTC 7 abbiano usato un'energia non-convenzionale, quale potrebbe essere appunto un ordigno a fusione controllata o qualche altro tipo di arma ad Energia Diretta, magari a microonde ad alta intensità o cose del genere.
E che questa energia sia perdurata a lungo nelle fondamente degli edifici distrutti, da alimentare in continuazione per molte settimane gli strati profondi di macerie (come rilevato anche dalle foto termografiche).
Resto più che mai convinto che, tra le altre cose, gli "attacchi del 9/11" siano stati anche un grande banco di prova per testare qualche arma ancora sconosciuta alla maggioranza delle Popolazioni di questo Pianeta.

Aironeblu
Inviato: 15/10/2012 9:26  Aggiornato: 15/10/2012 9:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo:
LOLLO: Lo so che il pretzel non è una briosche, ma se metto "pretzel" quanti lo capiscono? (Potrei mettere "cornetto" forse? O manco quello si capisce?)

Per l'italiano, io userei i "torcetti", morfologicamente simili ai pretzel, ma ben conosciuti in Italia.

stilx
Inviato: 15/10/2012 9:27  Aggiornato: 15/10/2012 9:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2007
Da:
Inviati: 119
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Lollo sbagli anche tu perchè metti la foto di un croissant o cornetto non una brioches!!!!!! Mi sta venendo fame!!!

Aironeblu
Inviato: 15/10/2012 9:36  Aggiornato: 15/10/2012 9:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo,
Piccola osservazione di carattere formale: mi sembra che in questo nuovo documentario ricorri spesso all'esposizione dei fatti inspiegabili con la versione ufficiale, per poi focalizzare la contraddizione con la formula:

"DOMANDA: Visto che ........ .........PUOI DARE UNA SPIEGAZIONE al fatto che........ ........"

Formula molto esplicita e sciuramente efficace, ma a mio parere un pelo troppo colloquiale, vedrei meglio qualcosa tipo:


"DOMANDA: Se........ ................. ALLORA, COME SI SPIEGA........"

È solo una mia opinione, ciao!

Aironeblu
Inviato: 15/10/2012 9:43  Aggiornato: 15/10/2012 9:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Chi è il tipo che dice di "non sapere nemmeno che questo esistesse" di fronte al "meteorite"? (min.6.24)
Assomiglia vagamente ad un altro che qualche giorno dopo il crollo delle torri affermava di non sapere nemmeno che l'Afghanistan esistesse, e di cose senza sapere ne ha fatte parecchie, ma non mi pare sia lui...

Lollo954
Inviato: 15/10/2012 9:45  Aggiornato: 15/10/2012 9:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2012
Da: Carboland
Inviati: 136
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ Massimo

mmm dici che non li conoscono in in tanti?.. mm no se metti cornetto è ancora peggio.. metti brioches e la gente si immagina la brioches che mangia piu spesso ( cornetto nastrina quel che è..) anche perchè per spiegare dovresti mettere la foto del pretzel e sinceramente non ce la vedo proprio.. :)

airopneblu


Per l'italiano, io userei i "torcetti", morfologicamente simili ai pretzel, ma ben conosciuti in Italia.

sono uno dei pochi che non li conosce.. resto dell'idea di di riparare su brioches...

Stilx

Lollo sbagli anche tu perchè metti la foto di un croissant o cornetto non una brioches!!!!!! Mi sta venendo fame!!!

hai ragione : ) scendo a fare colazione vieni ? offro io :P

Edit: mi ero pescato un tocco di frase

"I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli grandi basterà sempre l'incredulità della gente".(McLuhan)
bernuga
Inviato: 15/10/2012 10:08  Aggiornato: 15/10/2012 10:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi pare che la frase "non sapevo neanche esistesse" scorra un po' troppo velocemente.

Per la fama dei pretzel, non sottovalutate i Simpson:


Sguerguenz
Inviato: 15/10/2012 10:15  Aggiornato: 15/10/2012 10:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/7/2011
Da:
Inviati: 129
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Acciaio e cemento fusi non uno scherzo, quale combustibile é in grado di produrre una simile temperatura?
Ci sono per esempio dati sulla radioattività della zona?

Chi non conosce la verità è uno stolto, ma chi, conoscendola, la chiama menzogna è un delinquente. Bertolt Brecht
bernuga
Inviato: 15/10/2012 10:34  Aggiornato: 15/10/2012 10:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Sguerguenz  Inviato: 15/10/2012 10:15:51

Acciaio e cemento fusi non uno scherzo, quale combustibile é in grado di produrre una simile temperatura?
Ci sono per esempio dati sulla radioattività della zona?


Ho capito cosa intendi, se ti interessa puoi vedere questo link:

http://en.wikipedia.org/wiki/User:Smallman12q/Nuclear_Demolition

Nota la frase:

"Besides of this, melted parts of the demolished building will provide a kind of a “seal” or a natural “Sarcophagus” that will partly prevent radioactive materials from being emitted from the underground cavity, so preserving surroundings from radioactive contamination"

Qua si parla piu' del Pentagono:

http://www.atlanticfreepress.com/news/1895-researchers-claim-911-sicknesses-in-the-us-related-to-environmental-radiation-contamination.html

ma leggerai:

"If high radioactive levels were found near the Pentagon (and they were) it certainly would not hurt to similarly test for the presence of radiation sickness in those who spent time around Ground Zero, as well," says Cathy Garger.

Decalagon
Inviato: 15/10/2012 11:00  Aggiornato: 15/10/2012 11:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Max, nel film inserirai anche un'eventuale replica per la spiegazione farlocca dei debs riguardo i pezzetti di carta attaccati al "meteorite"?

(bello spezzone, comunque)

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 12:06  Aggiornato: 15/10/2012 12:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Max, nel film inserirai anche un'eventuale replica per la spiegazione farlocca dei debs riguardo i pezzetti di carta attaccati al "meteorite"?


cioè?

pasksak
Inviato: 15/10/2012 12:06  Aggiornato: 15/10/2012 12:06
So tutto
Iscritto: 29/5/2012
Da:
Inviati: 19
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@bernuga
è incredibile che nell'articolo di wikipedia che hai linkato circa le demolizioni termo-nucleari l'esempio descritto è relativo ad un edificio alto....400 metri!

Nuit
Inviato: 15/10/2012 12:25  Aggiornato: 15/10/2012 12:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Un altro tassello al mosaico dell'11/9, bravo Massimo.

Credo comunque che anche "like a pretze" ci possa stare le persone che viaggiano sono molte e chi non sa cosa sia si informerà usando google!!

matteog
Inviato: 15/10/2012 12:47  Aggiornato: 15/10/2012 12:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

il tuo ragionamento va bene ma ancora non mi convince perché visivamente prima che concettualmente il pezzo dei debunkers sembra un'isoletta, un'isoletta inutile che spezza anche il discorso sui fatti.

Provo a schematizzare cosa hai fatto e cosa secondo me funziona meglio:

montaggio tuo:

verità verità verità cazzata debunkers verità verità verità verità verità verità verità, in cui le ultime verità ribadiscono e avvalorano le verità iniziali (il numero verità che ho messo è approssimativo)

montaggio che secondo me funzionerebbe meglio:

cazzata debunker verità verità verità verità verità verità verità verità verità domanda finale.

Citazione:
Ho visto che passare direttamente dalla frase "è stato trovato acciaio fuso" a quella che dice "non è vero" era un salto molto strano.


siccome questa parte viene dopo quella sulle temperature non c'è tanto bisogno di "spiegare" perché il passaggio logico fra temperature altissime ed acciaio fuso è quasi diretto non sembra più un'affermazione astratta. Anzi l'ordine sequenziale delle parti mette in correlazione le due cose.

Per esempio l'incipit della seconda parte potrebbe essere:

i debunkers affermano inoltre che non è stato trovato acciaio fuso nelle macerie - spezzone debunkers - ma come vediamo...

My two cents

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
FedeV
Inviato: 15/10/2012 13:09  Aggiornato: 15/10/2012 13:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Redazione

Dopo l'affermazione di Attivissimo e di Gross io metterei subito le pistole ed il meteorite tanto per chiarire fin da subito per chi "trascura" quei "piccolissimi particolari": mancano le foto e le testimonianze ma i musei sono pieni ma LOL.

penta
Inviato: 15/10/2012 13:35  Aggiornato: 15/10/2012 13:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/12/2009
Da:
Inviati: 49
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Un solo appunto:
Debunker non è una professione, ma un ruolo che si assume in una certa circostanza.
E allora perché chiamare debunker chi sostiene l'affermazione primaria? In questa circostanza i debunker sono i Mazzucco, non gli Altissimo.

Nomit
Inviato: 15/10/2012 13:42  Aggiornato: 15/10/2012 13:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Dove alla fine del video dice "per le temperature fino a 1100 gradi" non dovrebbe dire invece "di ALMENO 1100 gradi" ?

Aigor
Inviato: 15/10/2012 13:58  Aggiornato: 15/10/2012 13:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Come sempre un'ottimo lavoro.
Se devo dire la mia (beh la dico e basta) preferisco anch'io "brioches"

Probabilmente è stato usato qualcosa che, una volta innescato e a contatto con l'ossigeno, è arrivato a temperature altissime.

Qualche post fa era stato pubblicato un link (questo) e mi ero chiesto come fosse stato possibile che auto distanti anche centinaia di metri fossero state danneggiate in un modo tanto devastante quanto insolito.

Beh ora comincio ad intravvedere una possibile soluzione: lo stesso componente che ha fuso l'acciaio e (addirittura) il cemento, scagliato a distanza dai crolli, ha ridotto gli autoveicoli delle foto in una condizione che un normale incendio non avrebbe mai potuto fare (ho visto personalmente bruciare più di un'auto, ma non le ho mai viste sciogliersi)...

Aigor

ps: Maaaan, com'era che dicevi? Verinage? Ah si, ok, certo. Hai centrato in pieno... evidentemente le solette, nell'ancheggiare lateralmente, si sono "eccitate" a vicenda e si sono scaldate tanto da fondersi... Una "danza del ventre" estremamente distruttiva

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Spiderman
Inviato: 15/10/2012 14:07  Aggiornato: 15/10/2012 14:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Non so chi è più fuso tra l'acciaio delle torri gemelle e quelli che ne negano l'esistenza...tuttavia, Max, altro importante tassello per la verità. Complimenti.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 14:45  Aggiornato: 15/10/2012 14:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Molto interessante il link postato da bernuga riguardo alla "demolizione termonucleare" di un edificio alto anche più di 300 metri.
Le immagini riportate sono molto esplicative e sembrano descrivere dettagliatamente quello che abbiamo visto succedere quella mattina a New York.
Resta da capire se nei sotterranei dell TT ci fosse un ordigno nucleare o termonucleare convenzionale o qualcosa che utilizza un tipo di energia ancora sconosciuta alla maggioranza di noi, tipo la Fusione Fredda o l'Antimateria.
Ma il calore, così intenso da fondere l'acciaio e da creare quei blocchi di cemento e ferro conglobato a mo' di lava o di meteorite, non lasciano dubbi riguardo al fatto che non era certamente il kerosene dei serbatoi aerei o il gasolio di qualche cisterna a produrlo per intere settimane dopo i crolli.

Merio
Inviato: 15/10/2012 15:07  Aggiornato: 15/10/2012 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Se hanno usato armi nucleari et similia, magari potrebbe assomigliare a quelle di cui si tratta in questo articolo riferito però a Fukushima:

Gun type atom bomb

Mentre l'articolo di riferimento è questo nel caso vogliate vedere l'opinione di Jim Stone in proposito(ma è OT)...
Purtroppo non so spiegare ora come ora la dinamica di utilizzo di un'arma del genere... se però era vero il fatto che abbiano rubato grandi quantità d'oro nei sotterranei delle Torri(speculazione), magari i "ladri" hanno deciso di lasciare un bel confetto nucleare in sito(IMHO)... in ogni caso boh qua siamo su terreni peggio delle sabbie mobili...

Pace ai nostri sensi

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 15:53  Aggiornato: 15/10/2012 15:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Non so' se qualcuno abbia già letto questo "studio alternativo" del russo Dimitri A. Khalezov, ma lo trovo molto interessante e....inquietante.

http://www.vocidallastrada.com/2011/01/11-settembre-la-terza-verita.html

Guardate cosa hanno trovato al posto delle fondamenta di una delle Torri(a metà circa dell'articolo) e poi ditemi se qualche dubbio non viene anche a voi, riguardo all'uso di certe "bombette"...

Sertes
Inviato: 15/10/2012 16:06  Aggiornato: 15/10/2012 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
alexbell64 ha scritto:
Resta da capire se nei sotterranei dell TT ci fosse un ordigno nucleare o termonucleare convenzionale o qualcosa che utilizza un tipo di energia ancora sconosciuta alla maggioranza di noi, tipo la Fusione Fredda o l'Antimateria.


...allora anche la magia. Perchè escludere la magia? Se devi sognare, sogna in grande. Bisogna solo ignorare la logica, i fatti, e la scienza e poi torna tutto.

Ma vabbè, accantoniamo la magia per un istante e guardiamo alla "splendida immagine". La zona blu è "una stuttura ridotta ad una barra di materiale estremamente fragile", non si sa come, però prendiamolo per buono per amore della discussione. Bene, perchè si spacca dall'alto verso il basso, e non ovunque?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 16:16  Aggiornato: 15/10/2012 16:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Perchè se avessi letto un po' cosa è scritto nell'articolo, lo spiega.....se tutt'intorno c'è solida roccia per centinaia o migliaia di metri e superiormente c'è uno strato di spessore inferiore, solo una 50ina di metri, la pressione si sfoga in quella direzione e l'onda d'urto assume un andamento ascendente verso la direzione in cui trova minore resistenza, quindi va' ad "impattare" l'interno dell'edificio come un gigantesco pistone. Le pareti esterne "contengono" in parte e per un limitato tempo questa onda d'urto mentre l'interno si sbriciola e collassa su se stesso, polverizzandosi
....ma leggi l'articolo,cazzo, invece di esprimerti subito in maniera sarcastica e dienigratoria! Hai visto le foto di quelle enormi caverne che sembrano letteralmente fuse nella roccia??? Quelle chi le ha causate? Il gasolio delle cisterne, che ha sciolto ferro, roccia , tutto???????

f_z
Inviato: 15/10/2012 16:18  Aggiornato: 15/10/2012 16:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Anch'io da quando ho letto della demolizione nucleare penso che potrebbe essere una spiegazione plausibile sia alla polverizzazione delle torri sia al cemento ed acciaio fondente per mesi.

Per quello che ho capito questo tipo di risultati non si ottengono con una demolizione controllata convenzionale.
Una cosa e' certa: la demolizione controllata e' un fatto inconfutabile, poi il metodo usato e' solo un dettaglio.

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 16:21  Aggiornato: 15/10/2012 16:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
...perchè molti soccorritori, poliziotti, pompieri che sono stati a lungo nella zona dei crolli, sono stati colpiti da leucemie fulminanti, mielomi diffusi, linfomi, ESATTAMENTE COME LE PERSONE ESPOSTE AGLI EFFETTI POSTUMI DI UN'ESPLOSIONE NUCLEARE O DI UN INCIDENTE IN UNA CENTRALE?
E' un caso anche quello?

Sertes
Inviato: 15/10/2012 16:27  Aggiornato: 15/10/2012 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
alexbell ha scritto:
Perchè se avessi letto un po' cosa è scritto nell'articolo, lo spiega.....se tutt'intorno c'è solida roccia per centinaia o migliaia di metri e superiormente c'è uno strato di spessore inferiore, solo una 50ina di metri, la pressione si sfoga in quella direzione e l'onda d'urto assume un andamento ascendente verso la direzione in cui trova minore resistenza, quindi va' ad "impattare" l'interno dell'edificio come un gigantesco pistone. Le pareti esterne "contengono" in parte e per un limitato tempo questa onda d'urto mentre l'interno si sbriciola e collassa su se stesso, polverizzandosi
....ma leggi l'articolo,cazzo, invece di esprimerti subito in maniera sarcastica e dienigratoria! Hai visto le foto di quelle enormi caverne che sembrano letteralmente fuse nella roccia??? Quelle chi le ha causate? Il gasolio delle cisterne, che ha sciolto ferro, roccia , tutto???????


Senti alexbell, l'articolo l'ho letto il giorno che è uscita la traduzione in italiano, dato che l'ha fatta una mio contatto di FB.
Fatto quello ci sono voluti 15 secondi a capire dove stavano i problemi.

L'articolo certe cose le afferma, non le spiega. Men che meno le dimostra.
Peraltro tu stai rispondendo a ciò che ho dato per assunto, anche se non è dimostrato. Alla domanda non hai risposto.

Quindi fai un bel respiro, rileggi la mia domanda, e poi valuta.

Stiamo parlando della dinamica del crollo, non dell'innesco, se la cosa non fosse chiara.

Ma non credere che la questione la risolvi attaccando il messaggero, il messaggio rimane e la domanda pure.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 16:44  Aggiornato: 15/10/2012 16:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Allora....non è mia abitudine farmi coinvolgere in infinite diatrìbe di botte e risposte....infatti posto molto poco, e riguardo ai fatti del 9/11 questi sono i primissimi interventi.....perchè ritengo inutile e dispersivo fare questo tipo di discorsi infiniti....
Detto questo, ti rispondo.
Innanzitutto se vuoi una risposta seria e pacata evita commenti sprezzanti e deridenti tipo quelli che hai messo come incipit nella tua prima risposta al mio post...
<...allora anche la magia. Perchè escludere la magia? Se devi sognare, sogna in grande. Bisogna solo ignorare la logica, i fatti, e la scienza e poi torna tutto.>
Riguardo al perchè si spacca dall'alto verso il basso mi pare sia chiaramente indicato anche nello schema, della serie "ti faccio un disegnino così capisci".....lo sbriciolamente è massimo a partire dalle fondamenta, dove avviene anche la formazione di una vera "caverna atomica" per effetto dell'esplosione, l'onda d'urto "risale" su per l'edificio ed esaurisce in maniera via via progressiva la sua forza, lasciando la parte superiore dell'edificio relativamente intatta e solida. Questa funge da peso che schiaccia e affonda nella massa sottostante, sbriciolata e polverizzata e comprime il tutto nella cavità formata dall'esplosione delle "nukes"....io l'ho capita così.
E può benissimo essere plausibile che, al posto di una "nuke" o tante piccole "nukes" al Plutonio, abbiano usato un qualche tipo di nuovo ordigno basato sulla Fusione Fredda,sull'Antimateria o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse).
Cosa ci sarebbe di tanto "fantasioso" in un'ipotesi del genere?
Quante volte siamo rimasti sorpresi da ciò che i Governi, gli Eserciti o la CIA disponevano e che improvvisamente si è rivelato alla massa dei cittadini ignari?

Sertes
Inviato: 15/10/2012 17:00  Aggiornato: 15/10/2012 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
alexbell64 ha scritto:
lo sbriciolamente è massimo a partire dalle fondamenta, dove avviene anche la formazione di una vera "caverna atomica" per effetto dell'esplosione, l'onda d'urto "risale" su per l'edificio ed esaurisce in maniera via via progressiva la sua forza, lasciando la parte superiore dell'edificio relativamente intatta e solida.


Quindi ripeto la domanda: perchè il palazzo si spacca dall'alto verso il basso, e non ovunque?

Hai scritto che la parte bassa è più danneggiata della parte alta
Hai scritto che l'esplosione nucleare ha addirittura creato un caverna nelle fondamenta.

Ora, perchè il crollo parte al 92° piano e poi si spacca il 91° e poi il 90° e così via?

La domanda, entro questa ipotesi, non ha risposta. Anzi, entro questa ipotesi il palazzo si sarebbe dovuto spezzare all'altezza delle fondamenta cadendo di lato oppure sprofondare tutt'assieme lungo la verticale.

Questo è quanto... comunque se trovi una risposta alla domanda, puoi sempre postarla qui.

Citazione:
E può benissimo essere plausibile che, al posto di una "nuke" o tante piccole "nukes" al Plutonio, abbiano usato un qualche tipo di nuovo ordigno basato sulla Fusione Fredda,sull'Antimateria o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse).
Cosa ci sarebbe di tanto "fantasioso" in un'ipotesi del genere?


Beh, allora non conosci l'argomento, e ti spiego subito. Se deroghi dal metodo scientifico, e non basi le tue teorie sui fatti, ma parti dalle ipotesi più fantasiose che ti passano per la testa (antimateria!) allora a quel punto, se cadono tutte le regole del ragionamento, possiamo cercare (inventarci) una teoria che da sola risolve tutto, non solo i semplici crolli.
E questo ragionamento torna alla magia, e rende vera pure la V.U.!
Osama Bin Laden è un leader musulmano no? Beh, è un mago, un sith come l'imperatore di guerre stellari.
Come ha fatto Hanjur a fare la manovra miracolosa? La magia di Bin Laden l'ha aiutato
Perchè i voli non sono stati intercettati? Bin Laden ha obnubilato la mente di Cheney e Rumsfeld.
Perchè le torri sono crollate in quel modo? beh, magia

Cioè se devi spararla, sparala grossa!!

Ha più riscontri l'esistenza su questo mondo della magia che la tua teoria delle mini nuke o la teoria dell'anti-materia. Pensa un po'.

Spero di aver risposto alla tua domanda e averti illustrato cosa c'è di fantasioso nella tua teoria: che non parte nè dai fatti nè dalle osservazioni nè dalla scienza.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 17:04  Aggiornato: 15/10/2012 17:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
non sapevo che le mini bombe atomiche facessero bang bang bang bang bang bang e poi booom boooom booom o che fossero in grado di generare dei flash visibili nei piani non interrati e delle espulsioni laterali uguali a quelle che si vedono nelle classiche demolizioni controllate

chi crede a questa teoria dovrebbe smettere di considerare le testimonianze che parlano di esplosioni avvenute sopra il ivello della strada

senza contare le esplosioni avvenute nel wtc7

Decalagon
Inviato: 15/10/2012 17:04  Aggiornato: 15/10/2012 17:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
E può benissimo essere plausibile che, al posto di una "nuke" o tante piccole "nukes" al Plutonio, abbiano usato un qualche tipo di nuovo ordigno basato sulla Fusione Fredda,sull'Antimateria o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse).


Possiamo anche ipotizzare che il capitano Kirk stesse mirando ad un incrociatore venusiano e, sbagliando mira, abbia colpito le Torri. Ma chissenefrega? Scusa eh...

È così piacevole vedere i sedicenti sbufalatori che si arrabattano come i matti per scalare gli specchi, semplicemente elencando loro i fatti e chiedendo "perché è successo così". A cosa serve inventarsi simili cagate, specialmente in totale assenza di prove o anche solo di ragionamenti sensati? Bastano le semplici contestazioni di Sertes per smontare tutto 'sto teatrino delle "mini nuke", figurati un po'

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
f_z
Inviato: 15/10/2012 17:04  Aggiornato: 15/10/2012 17:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:

...o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse)


Questo e' un punto importante: finora si sono fatte solo ipotesi "possibili" dal punto di vista della tecnologia nota in uso in ambito "civile" oggi.

Ma non ci sarebbe nulla di strano se per una operazione cruciale come il 9/11 fosse stata usata qualche altra tecnologia molto avanzata e nota solo in ambito militare e magari solo ad una ristretta elite.

Questo potrebbe spiegare anche l'arroganza con cui e' stata confezionata una versione ufficiale senza ne' capo ne' coda: tanto qualsiasi spiegazione alternativa spiegherebbe solo parte dell'accaduto senza convincere molti proprio perche' senza la conoscenza "dell'arma segreta" e' impossibile far quadrare tutto il cerchio...

D'altra parte di cose "mai viste" in ambito 9/11 ce ne sono a bizzeffe.

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
ahmbar
Inviato: 15/10/2012 17:14  Aggiornato: 15/10/2012 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Dopo oltre 10 anni siamo ancora qui a speculare su cos'avbbiano usato e come: mettetevi il cuore in pace, esattamente non lo sapremo mai
Chi l'ha organizzato ha previsto (quasi ) tutto, depistaggi, falsi indizi, falsi video, false testimonianze, prove contraddittorie et similia compresi

A meno di avere la possibilita' di interrogare rumsfel, cheney, myers o qualcun altro degli ideatori/esecutori come loro fanno fare ai prigionieri di Guantanamo, la verita' e' fuori dalla nostra portata


L'unica strada possibile rimane quella qui intrapresa: mettere in evidenza le violazioni fisiche, gli schiaffi alla logica, statistica, probabilita' e le evidenze tipo il meteorite

Ogni speculazione al di fuori della versione ufficiale in tutti gli eventi, chissa' perche', non si accorda MAI con tutti gli indizi, o prove
E' questo che mi ha portato a pensare appunto alla creazione reale di scenari concomitanti, ma ciascuno con qualche elemento in contrasto con gli altri, proprio per aumentare la confusione ed impedire di capire cosa sia realmente accaduto

Qui nelle torri sappiamo per certo dai testimoni e dagli sbuffi 40 piani sotto il teorico "fronte del crollo" e' che sono state usate cariche da demolizione e la presenza di thermite militare nelle macerie conferma quanto gia' si poteva evincere dall'acciaio liquefatto, e cioe' l'utilizzo di cariche da demolizione particolari.

Ma le auto distanti liquefatte, cosa le ha ridotte cosi'?

...o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse) Questo e' un punto importante: finora si sono fatte solo ipotesi "possibili" dal punto di vista della tecnologia nota in uso in ambito "civile" oggi.

Concordo, rimane l'ipotesi piu' plausibile quella di un mix di conosciuto e non

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Sertes
Inviato: 15/10/2012 17:33  Aggiornato: 15/10/2012 17:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
ahmbar ha scritto:
Dopo oltre 10 anni siamo ancora qui a speculare su cos'avbbiano usato e come: mettetevi il cuore in pace, esattamente non lo sapremo mai


Beh, uno può anche essere ottimista...

Ma anche se non dovessimo mai scoprire la verità possiamo sicuramente escludere sia l'ipotesi della V.U. che quella della mini-nuke, perchè entrambe sono in contrasto con la dinamica dei crolli.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
alexbell64
Inviato: 15/10/2012 17:42  Aggiornato: 15/10/2012 17:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi sa' che faccio meglio a tornare a leggere e basta...chi me lo fa' fare di imbarcarmi in queste sfinenti discussioni....
Io so' una cosa: che quei grattaciali non sono caduti in maniera normale e conosciuta, e su questo ci metto non solo le mani ma tutto il resto, sul fuoco, sicuro di non bruciarmi.
Vedo che ci sono foto di cose mai trovate in un normale crollo o un incendio di edificio, blocchi di cemento e metallo fusi insieme, caverne nelle fondamenta sciolte e concentriche....e questo mi porta a pensare che lì abbiano usato qualcosa di....non convenzionale.
Cos'è NON LO SO',Sertes mi chiede di partire da basi razionali, cioè da quello che si conosce, di scientifico, di conosciuto.... ma di certo non sono stati gli incendi o gli aerei a causare questo, ed allora, quando gli effetti esulano dal conosciuto e dal convenzionale, perchè dovrei ostinarmi a cercare la spiegazione in quello che di convenzionale ha poco? Allora si va' nel campo delle ipotesi "meno convenzionali", e la demolizione termo-nucleare è qualcosa di conosciuto ma di pochissimo usato....rientra cmq sempre in qualcosa ancora spiegabile da ciò che conosciamo, scientificamente dimostrabile, no?
Riguardo alla tua domanda, perchè il crollo non inizia dalle fondamenta ma dal 90°, ti dico: nello schema di come funziona una demolizione di quel tipo, è spiegato che resta una sorta di "cappello" superiore relativamente in buone condizioni, che schiaccia e comprime tutto il resto sotto.....per qualche secondo, per inerzia, diciamo, l'edificio "sbriciolato" resta apparentemente intero, come quella pietra famosa di cui parlano nell'articolo, che si può prendere in mano e sembra intatta, ma se la schiacci diventa polvere fine.....è uno "sbriciolamente atomico" che parte dall'intima struttura della materia! Però poi, sotto il peso enorme del "cappello" superiore abbastanza intero, tutto si sbriciola, inoltre lo stesso "cappello" era stato già "pre-tagliato" dalle esplosioni degli aerei o cos'altro fossero, che avevano già creato una linea di separazione.
E cmq può benissimo essere un "mix" di tecnologie conosciute e ancora ignote ai più.
La thermite è stata ritrovata, no?
Ok, allora vuol dire che l'hanno usata.
Ma non hanno usato SOLO QUELLA, perchè la thermite non brucia per settimane intere in assenza d'aria.
Quindi, hanno usato qualcos'altro insieme alla thermite, ed insieme a chissa' cos'altro.
E questo per me è quello che vale.
Le favole le ho finite di leggere molti annni fà.

m4x
Inviato: 15/10/2012 17:55  Aggiornato: 15/10/2012 18:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Problema del log in risolto, inzuppo la parte interessante di quello che ti ho spedito via mail così forse si distoglie un po' l'attenzione dal famigerato mini nuke di sta minchia, giusto per usare un termine prettamente tecnico...

"Ho appena finito di guardarmi la seconda parte del video sulle temperature a Ground Zero e mi ha convinto, però volevo chiederti come mai hai deciso di tenere fuori l'RJ Lee Group per la testimonianza sulle famose microsfere di ferro tanto chiacchierate da Jones e soci... Poi volevo darti un piccolo consiglio riguardo la testimonianza della Geyh... Toglila, e' di seconda mano. Potresti sostituirla con qualcosa del genere:

A review of of the documentary Collateral Damage in the New York Post describes firemen at Ground Zero recalling "heat so intense they encountered rivers of molten steel."

Unflinching Look Among the Ruins, NYPost.com, 3/3/04

http://911research.wtc7.net/wtc/evidence/moltensteel.html

Oppure anche quella della Dawkins che avevi messo sul sito anni fa:

Once the area was cleaned, normal commercial trash collections resumed by the haulers that are licensed and regulated by the Trade Waste Commissioner,” Dawkins says. But for about two and a half months after the attacks, in addition to its regular duties, NYDS played a major role in debris removal — everything from molten steel beams to human remains — running trucks back and forth between Ground Zero and Fresh Kills landfill, which was reopened to accommodate the debris.

Che ne dici ?"

Edit: Io darei spazio anche a Danilo l'unica cosa che fa pozze di materiale fuso e' appunto la termite Coppe.

Sertes
Inviato: 15/10/2012 17:57  Aggiornato: 15/10/2012 17:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ok Alex, ci tenevo solo a dire perchè secondo me possiamo escludere quella teoria, sul resto siamo praticamente d'accordo.
Io volevo aggredire la teoria, non te!

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Aigor
Inviato: 15/10/2012 18:22  Aggiornato: 15/10/2012 18:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ Ahmbar

Ti quoto in pieno...

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Redazione
Inviato: 15/10/2012 18:35  Aggiornato: 15/10/2012 18:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
AIRONEBLU: "Chi è il tipo che dice di "non sapere nemmeno che questo esistesse" di fronte al "meteorite"?

E' un famoso giornalista della NBC, Brian Williams.

***

DECALAGON: "Max, nel film inserirai anche un'eventuale replica per la spiegazione farlocca dei debs riguardo i pezzetti di carta attaccati al "meteorite"?"

L'avevo messa, poi l'ho tolta perchè faceva ridere come "contestazione". D'accordo far passare i debunkers per imbecilli, ma se esageri poi perdono di valore le nostre argomentazioni.

***

PENTA: "Debunker non è una professione, ma un ruolo che si assume in una certa circostanza. E allora perché chiamare debunker chi sostiene l'affermazione primaria?"

Fin dall'inizio il film stabilisce chi siano i debunkers, e perchè si chiamino così. Teoricamente avresti ragione, ma ormai del termine si sono appropriati loro.

***

F_Z: "Questo potrebbe spiegare anche l'arroganza con cui e' stata confezionata una versione ufficiale senza ne' capo ne' coda: tanto qualsiasi spiegazione alternativa spiegherebbe solo parte dell'accaduto senza convincere molti proprio perche' senza la conoscenza "dell'arma segreta" e' impossibile far quadrare tutto il cerchio..."

Concetto molto interessante.

***

M4X: "Poi volevo darti un piccolo consiglio riguardo la testimonianza della Geyh... Toglila, e' di seconda mano."

Perchè?

Sai dirmi qualcosa di più di "Collateral Damage"? Io non riesco a trovarlo, continuo ad inciampare in quella testa di cazzo di Schwartznegger.



***

AHMBAR: "L'unica strada possibile rimane quella qui intrapresa: mettere in evidenza le violazioni fisiche, gli schiaffi alla logica, statistica, probabilita' e le evidenze tipo il meteorite".

Saggezza assoluta, la tua. Condivido al 100%.

Redazione
Inviato: 15/10/2012 18:45  Aggiornato: 15/10/2012 18:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Questa la conoscete, immagino:


ELFLACO
Inviato: 15/10/2012 19:18  Aggiornato: 15/10/2012 19:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Questa la conoscete, immagino:


Porca puppazza!! non l'avevo mai vista.
Cosa sarebbe di preciso e qual'è la sua collocazione a Ground Zero?
Gracias !

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 19:40  Aggiornato: 15/10/2012 21:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo quel buco si trovava sotto il WTC4

m4x
Inviato: 15/10/2012 19:52  Aggiornato: 15/10/2012 20:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Come perché ? Non e' la Geyh che vede l'acciaio fuso... Nella testimonianza si parla di "they" (suppongo i vigili del fuoco), quindi in questo caso la storia dell'acciaio fuso e' una cosa che le giunge all'orecchio, ma non e' che lei l'ha visto di persona.

Per il documentario prova a chiedere a Nate, Xenomorph911 su Youtube, lui ti saprà sicuramente aiutare.

PS - Povero Swarze

Edit: Riguardo alla Geyh ho trovato anche questo, perdonami il sito

http://911myths.com/html/dr_alison_geyh.html

matteog
Inviato: 15/10/2012 20:11  Aggiornato: 15/10/2012 20:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

un commento al mio secondo post?

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
ohmygod
Inviato: 15/10/2012 20:20  Aggiornato: 15/10/2012 20:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Redazione
Che cosa ha alimentato gli incendi per oltre tre mesi sotto le macerie di Ground Zero?

Queste 16 parole hanno minato le fondamenta sulle quali avevo eretto i pilastri della mia convinzione in merito allo "sbriciolamento" delle Twin Towers.
In passato avevo letto notizie riguardanti sia il metallo fuso che la visione del
"meteorite".Scioccamente ,un pò per la sommaria descrizione e un pò per apatia, non avevo dato a ciò un utile coinvolgimento mentale dato che ormai più nulla
poteva ribaltare l'equazione Twin Towers - Nanothermite.

Ora da un lato le immagini delle Toasted Cars ,grazie a chi ha postato il link, dall'altro lato il nuovo video di Massimo aprono ,per me, nuovi interrogativi.
Può la sola nanothermite aver causato la fusione del metallo e del cemento e in che modo alla nanothermite si può addebitare lo sconcerto visivo delle Toasted
Cars e di ciò che gravita intorno.

Prendo come paragone la demolizione del WTC7 anche lì vi sono traccie di metallo fuso quindi ciò lascia supporre al 100% che la sola nanothermite
( militare ) è in grado di fondere l'acciaio.Ma a differenza delle Twin Towers ,e
quì spero di non dire idiozie, non ho un ricordo di incendi alimentati per un tot
di tempo sotto le macerie del WTC7.Nè ho un ricordo di "meteoriti" provenienti
dal WTC7.

Così ritorno alla domanda di Massimo cosa ha alimentato gli incendi per oltre
tre mesi? E se a questo qualcosa e non al pur polverizzato amianto può essere
addebitato le malattie mortali che hanno colpito eroiche inconsapevoli vittime.
E chi era a conoscenza di questo qualcosa?

Perchè questo post che potrebbe sembrare futile se non inutile.
Mi sono messo nei panni di chi sapendo poco o nulla sul 9.11 e con mente scevra
da qualsiasi preconcetto si porrà alla visione del tuo veritiero "esplosivo" documento.

Grazie Massimo e mi permetto di dirlo a nome di tutti: Grazie Massimo per regalare parte del tuo tempo a noi.

shtones
Inviato: 15/10/2012 20:50  Aggiornato: 15/10/2012 20:50
So tutto
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 8
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
E può benissimo essere plausibile che, al posto di una "nuke" o tante piccole "nukes" al Plutonio, abbiano usato un qualche tipo di nuovo ordigno basato sulla Fusione Fredda,sull'Antimateria o altre fonti d'energia ancora sconosciute alla gran massa ma in sperimentazione dalle Forze Armate (e solo da una ristretta elite di esse).


risposta Decalagon--->" Possiamo anche ipotizzare che il capitano Kirk stesse mirando ad un incrociatore venusiano e, sbagliando mira, abbia colpito le Torri. Ma chissenefrega? Scusa eh...

È così piacevole vedere i sedicenti sbufalatori che si arrabattano come i matti per scalare gli specchi, semplicemente elencando loro i fatti e chiedendo "perché è successo così". A cosa serve inventarsi simili cagate, specialmente in totale assenza di prove o anche solo di ragionamenti sensati? Bastano le semplici contestazioni di Sertes per smontare tutto 'sto teatrino delle "mini nuke", figurati un po' "

Se questi Decalagon si mettono a fare gli esperti e dare risposte del genere stiamo fritti ,menomale che c'è sertes che almeno lui qualcosa ci capisce, altrimenti succede come l'ultima volta che alla mia domanda di cosa può aver sciolto i motori delle auto piazzate anche a diversi km nel perimetro delle torri, se ne esce qualcuno che in stile Decalagon risolve subito la questione , "era il fumo incandescente causato dal crollo delle torri", a me sembra un argomento importante, i Decalagon di turno si astengano .(anche se sono necessari dentro a certi tipi di forum)


http://drjudywood.com/articles/DEW/StarWarsBeam5.html


http://www.youtube.com/watch?v=H0Fsg5xSzsw&feature=relmfu

Jurij
Inviato: 15/10/2012 20:53  Aggiornato: 15/10/2012 20:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo detta proprio così secca, secondo te è possibile che compaia un giorno un nuovo "James Files" per l'11.09?

Non proprio per chi ha minato, ma sopratutto per chi ha fatto partire le "detonazioni" (di nanotermite, C4, o quello che c'era).

Dico questo perchè ho come la sensazione che dietro ad un massacro di questo genere ci debba essere qualcuno con del folto pelo sullo stomaco, proprio del tipo suddetto.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Redazione
Inviato: 15/10/2012 20:57  Aggiornato: 15/10/2012 20:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
JURIJ

Oppure qualcuno a cui hanno detto di schiacciare un bottone, e soltanto dopo ha capito a cosa serviva.

Quello esiste e ha parlato (ora non ricordo il nome), ma non credo che la CNN abbia "rilanciato" la notizia.

NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 21:07  Aggiornato: 15/10/2012 21:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
era il fumo incandescente causato dal crollo delle torri", a me sembra un argomento importante, i Decalagon di turno si astengano .(anche se sono necessari dentro a certi tipi di forum)


quindi secondo te è stata un'arma energetica che è impazzita e ha iniziato a colpire a cazzo di cane gli oggetti presenti nella zona sud di manhattan?

qualche informazione in più sul buco trovato sotto il wtc 4

http://letsrollforums.com/mystery-foundation-hole-under-t26637.html

Jurij
Inviato: 15/10/2012 21:07  Aggiornato: 15/10/2012 21:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Redazione
Citazione:
Quello esiste e ha parlato (ora non ricordo il nome), ma non credo che la CNN abbia "rilanciato" la notizia.

E non ha ancora avuto l’”incidente” e neanche la "malattia"?

Però, l’idea del “schiaccia il bottone e vedrai” è anche un’astuta vigliaccata …. tu sai che io so che tu sai … non male per mantenere vivi i rimorsi a mo’ di bavaglio.

Per fortuna che poi sul letto di morte parlano ;o)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
m4x
Inviato: 15/10/2012 21:27  Aggiornato: 15/10/2012 21:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Abbiamo capito che a Judy Woods piace tanto la parte della principessa Layla, ma non e' certo colpa nostra se ha perso la parte.

http://drjudywood.com/articles/DEW/StarWarsBeam5.html

Edit: Se poi l'articolo e' scritto a quattro mani con Reynolds

NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 21:28  Aggiornato: 15/10/2012 21:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Oppure qualcuno a cui hanno detto di schiacciare un bottone, e soltanto dopo ha capito a cosa serviva.


scusa Max ma non lo trovo possibile

chi ha fa fatto quel lavoro ha premuto più di un bottone per far esplodere diverse serie di cariche ( nei piani sotterranei al momento dell'impatto, durante gli incendi in tutto l'edificio, nei sotterranei prima dell'inizio del crollo, inizio crollo e serie finale top down e questo per entrambe gli edifici ) la squadra che ha fatto il lavoro doveva essere composta da professionisti esperti che sapevano quello che facevano

molto probabilmente erano esperti anche quelli che si sono occupati dei passeggeri e quelli che hanno falsificato le telefonate

Citazione:
Massimo detta proprio così secca, secondo te è possibile che compaia un giorno un nuovo "James Files" per l'11.09?


solo che Files non si è fatto avanti di sua spontanea volontà ma è stato trovato

winston73
Inviato: 15/10/2012 21:32  Aggiornato: 15/10/2012 21:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
sta storia della demolizione nucleare ritorna sempre.
Ho letto varie versioni della teoria quella del russo e altri che poi in sostanza ne riprendono gli argomenti
ma c'è una sola persona che abbia mai parlato di livelli di radioattività anormale nel dopo attentato?
avete presente le esplosioni sotterranee dei video degli esperimenti nucleari? dove viene proiettato il terreno soprastante l'ordigno?
Io guardo il crollo e vedo cose che scendono.

2+2=5
shtones
Inviato: 15/10/2012 21:37  Aggiornato: 15/10/2012 21:37
So tutto
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 8
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione :
quindi secondo te è stata un'arma energetica che è impazzita e ha iniziato a colpire a cazzo di cane gli oggetti presenti nella zona sud di manhattan?

qualche informazione in più sul buco trovato sotto il wtc 4:


A parte che io non ho chiamato in causa nessun tipo di arma , ho chiesto solo cosa secondo voi potesse aver fatto una cosa del genere alle auto (sei tu il tipo della risposta "la fantomatica polvere incandescente che scioglie i motori di Manhattan) invece di controbattere tene esci cosi: "quindi secondo te è stata un'arma energetica che è impazzita e ha iniziato a colpire a cazzo di cane gli oggetti presenti nella zona sud di manhattan?" è solo un misero modo per sviare e ridicolizzare un argomento senza apportare controprove (io ti ho postato foto e video ,li hai visti ?) queste sono le stesse tecniche che usano i compari di attivissimo nei loro forum , o no?

winston73
Inviato: 15/10/2012 21:38  Aggiornato: 15/10/2012 21:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
a me quell'articolo della de3molizione nucleare sembra che alla fine voglia farmi credere che quando sono state costruite le TT DOVEVA essere previsto un sistema di demolizione come richiedono le leggi US.
quindi alla fine sia come non sia è solo il sistema che era stato previsto che si è messo in funzione chissà per quale motivo ma non necessariamente perchè c'era l'omino con il pulsantino.
insomma smokesinyoureyes

2+2=5
Jurij
Inviato: 15/10/2012 21:41  Aggiornato: 15/10/2012 21:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
NiHiLaNtH
Citazione:
chi ha fa fatto quel lavoro ha premuto più di un bottone per far esplodere diverse serie di cariche ( nei piani sotterranei al momento dell'impatto, durante gli incendi in tutto l'edificio, nei sotterranei prima dell'inizio del crollo, inizio crollo e serie finale top down e questo per entrambe gli edifici )

Hai presente il domino?

Hai un gran lavoro di preparazione, difficoltà nelle tarature, ma alla fine basta una leggera mossa e tutto parte sincronizzato come era stato preparato.

Se lo si può fare con una cosa manuale come il domino…

In altre parole la preparazione era si di esperti, ma l’”accensione” era una questione, come ho detto prima, solo di pelo.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
bernuga
Inviato: 15/10/2012 21:42  Aggiornato: 15/10/2012 21:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Premesso che non voglio infilarmi in un battibecco senza fine, vorrei solo esprimere la mia riguardo la demolizione atomica o nucleare, che ho seguito con attenzione, solo per condividere e non per contrastare.

Premesso che l'edificio era imbottito di esplosivo, come rilevato dalle analisi sulle polveri, e che si sono visti i flash e gli sbuffi delle esplosioni, resta il fatto che una demolizione del wtc come l'abbiamo vista, ESCLUSIVAMENTE da nanotermite, e' semplicemente impossibile, e' certamente stato utilizzato anche altro contemporaneamente, se fosse nucleare, atomico o altro a noi sconosciuto non ci e' dato saperlo, negare che ci sia stato altro insieme agli esplosivi e' assurdo.Il solo uso di esplosivi:

1)Non avrebbe polverizzato gran parte dell'edificio, le torri erano in gran parte di acciaio, ed acciaio polverizzato e' stato trovato nella polvere, quindi la povere che si vede durante i crolli e'    
si cemento dei solai e le cose che c'erano dentro, ma e' in gran parte acciaio letteralmente polverizzato, le tonnellate di acciaio che mancavano dopo,erano la polvere che ha coperto Manhattan.

2)La nanotermite raggiunge temperature altissime, ma per un tempo molto limitato, secondi, forse minuti, come si puo' vedere da tutti i filmati disponibili, quindi e' assolutamente impossibile che la nanotermite, anche eventualmente non innescata nel crollo, abbia tenuto quelle temperature per mesi.

3)Non si spiegano le grosse esplosioni avvenute prima del crollo

4)Non si spiega il cratere alla base delle torri con roccia fusa, lo spostamento delle fondamenta, ci fu il rischio di infiltrazione del fiume Hudson

Le cose che non mi convincono per quanto riguarda la demo nucleare principalmente sono:

1)il crollo comincia effettivamente al piano dell'impatto, e considerato che sono due altezze diverse fra una torre e l'altra, non capisco come sia possibile aver avuto la partenza dei crolli da quel punto preciso

2)Ci sono comunque dei detriti solidi di notevoli dimensioni che si sono conficcati nelle facciate vicine

Mentre a favore dell'utilizzo anche di un arma "non convenzionale" posso dire:

1)La demolizione nucleare, per quanto qualcuno la derida, e' brevettata dalla CDI, e lo era gia' quando furono costruite le torri.

2)Per costruire un grattacielo a NY si doveva (forse ancora oggi, non so) presentare col progetto anche il piano di demolizione dello stesso,all'epoca nessun grattacielo in acciaio era mai stato demolito (e fino al 119 non era mai successo), e' quindi plausibile pensare che ritenessero insufficiente una demolizione "classica" 

3)Dimitri sostiene che le Torri ed anche la Sears Tower di Chicago siano state costruite con un sistema di distruzione nucleare sotto di esse (oppure avrebbero potuto piazzare gli ordigni dopo il 1976, quando fu fatto il trattato per le esplosioni nucleari pacifiche (?)) , si puo' crederci o no, fatto e' che l'119 fu evaquata la Sears Tower a Chicago.

4)La demolizione nucleare, a detta di Dimitri, impiega 10/15 secondi a demolire il palazzo dal momento dell'esplosione, si puo' crederci o no, fatto e' che in questo video si vede la torre tremare 12 secondi prima del crollo:

http://www.youtube.com/watch?v=MXeAPcsD3-o

Anche in questo video si vede tremare 12 secondi prima, telecamera fissa:

http://www.youtube.com/watch?v=CM88xJX5FsA

5)Nella crush zone dell'esplosione nucleare si verifica un evento unico in natura, qualsiasi cosa si polverizza mantenendo forma e colore, come fosse di sabbia, si puo' crederci o no, fatto e' che in questo video, al secondo 50 circa, guardate le travi esterne ancora in piedi, cadono riducendosi in polvere (come gran parte del palazzo):

http://www.youtube.com/watch?v=7W0-W582fNQ

Anche qua, ad 1minuto circa, le colonne rimaste in piedi cadono polverizzandosi:

http://www.youtube.com/watch?v=MXeAPcsD3-o

6)La demo nucleare ha un raggio d'azione preciso che distrugge cio' che incontra, questo potrebbe spiegare come alcune auto non fossero carbonizzate

7)Secondo Dimitri servono mesi al nucleo per raffreddarsi, si puo' crederci o no, ma e' successo

8)Ci sono state in seguito malattie correlabili all'esposizione di radiazioni

9)Come si legge qua, le radiazioni non risulterebbero in quantita' cosi' elevata come si potrebbe pensare:
"Besides of this, melted parts of the demolished building will provide a kind of a “seal” or a natural “Sarcophagus” that will partly prevent radioactive materials from being emitted from the underground cavity, so preserving surroundings from radioactive contamination."

10)Il crollo dall'alto in basso e' esattamente quello che spiega la "teoria" della demolizione nucleare, ossia un corpo solido in cima, che sprofonda in una torre gia' polverizzata in gran parte dall'onda d'urto, sarebbe il famoso "effetto banana":
"So, most likely what we will have after we set our nuclear demolition scheme in motion is that an undamaged building’s top that will lose its base and crash downwards along the pulverized structure, scattering first some debris, and later – only dust until it reaches the ground."

11)sui dizionari stampati fino al 2001 "ground zero" era la zona sopra o sotto un'esplosione nucleare, nelle stampe successive hanno tolto il "nucleare"

12)Sotto le torri ci sono crateri enormi con roccia fusa.

13)L'effetto vulcano dopo i crolli

Detto questo, posso anche sbagliarmi, ma sembra che in diversi qua pensino che il solo uso di nanotermite non possa spiegare diverse cose (polverizzazione ed acciaio fuso per mesi in primis), se qualcuno ha un'idea alternativa plausibile lo ascolto volentieri, se si deve solo dire "la demolizione nucleare non e' possibile" senza spiegare tutte le incongruenze gia' citate, ne faccio a meno.
Se poi qualcuno presenta un esplosivo che polverizza l'acciaio e brucia per mesi, le cose cambiano sicuramente, ma non credo che accadra'.

Jurij
Inviato: 15/10/2012 21:46  Aggiornato: 15/10/2012 21:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
shtones
Citazione:
cosa può aver sciolto i motori delle auto piazzate anche a diversi km nel perimetro delle torri,

Se è vera questa storia (e non mi sembra una farsa) non fatico a credere che molta gente si è ammalata di tumore, chissà quali troiate si sono fumati i soccorritori … coloro con più empatia hanno pagato il maggiore contributo.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Redazione
Inviato: 15/10/2012 21:50  Aggiornato: 15/10/2012 21:51
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Io invece nel battibecco mi intrometto, e domando (a tutti): dove sta scritto che debbano aver usato "o" cariche di taglio, "oppure" nanothermite, "oppure" mininukes, "oppure" direct energy, "oppure" il fuoco di Sant'Antonio?

Perchè non possono aver usato TUTTO QUANTO sopra, più altri SETTE sistemi di demolizione, se soltanto esistono?

Da dove nasce questo aut-aut, che predomina ormai sui blog 9/11 dappertutto?

NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 21:50  Aggiornato: 15/10/2012 21:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
ho chiesto solo cosa secondo voi potesse aver fatto una cosa del genere alle auto


e hai avuto una risposta, non ti piace ? allora proponi un'altra teoria

Citazione:
ridicolizzare un argomento senza apportare controprove


ma controprove a cosa mica ho detto che le macchine bruciate non esistono

matteog
Inviato: 15/10/2012 21:59  Aggiornato: 15/10/2012 21:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

d'accordissimo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Jurij
Inviato: 15/10/2012 22:00  Aggiornato: 15/10/2012 22:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
bernuga
Citazione:
1)Non avrebbe polverizzato gran parte dell'edificio, le torri erano in gran parte di acciaio, ed acciaio polverizzato e' stato trovato nella polvere, quindi la povere che si vede durante i crolli e'
si cemento dei solai e le cose che c'erano dentro, ma e' in gran parte acciaio letteralmente polverizzato, le tonnellate di acciaio che mancavano dopo,erano la polvere che ha coperto Manhattan.

Non preoccuparti che non lo pagavano loro l’esplosivo e li ce n’era di sicuro tanto, forse troppo.

Sono però d’accordo con te sui tipi di esplosivi utilizzati, li qualcosa di “nuovo” è stato testato, una chimica nuova suppongo, molto aggressiva con i metalli (mi ricorda gli acidi, tipo il solforico) , oltre le già conosciute.

Queste “nuvole polverizzate” che si sono scagliate nei dintorni hanno “reagito” con le auto posteggiate.

Escludo però la “superbomba”, piuttosto una serie di innumerevoli combinazioni .

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 22:01  Aggiornato: 15/10/2012 22:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Da dove nasce questo aut-aut, che predomina ormai sui blog 9/11 dappertutto?


Massimo possiamo solo essere sicuri di quelo che si vede e si sente e le esplosioni le abbiamo viste e sentite tutti. questo vuol dire che nelle torri e nell'edificio 7 c'era sicuramente qualche tipo di esplosivo.

non abbiamo prove dell'utilizzo di altri tipi di armi e non li avremo mai perchè hanno fatto sparire tutto il materiale analizzabile ed è già tanto che sono riusciti a rimediare un pò di polvere. sul possibile utilizzo di armi esotiche possiamo solo fare delle ipotesi ma alcune sono sicuramente più verosimili di altre.

Citazione:
si cemento dei solai e le cose che c'erano dentro, ma e' in gran parte acciaio letteralmente polverizzato, le tonnellate di acciaio che mancavano dopo,erano la polvere che ha coperto Manhattan.


non so se qualcuno è riuscito a stabilire la percentuale di sferette ferrose presenti in tot grammi di polvere

alexbell64
Inviato: 15/10/2012 22:01  Aggiornato: 15/10/2012 22:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sottoscrivo integralmente quanto affermato da bernuga.
Assolutamente d'accordo su tutto.

Jurij
Inviato: 15/10/2012 22:03  Aggiornato: 15/10/2012 22:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Interessante sapere se da qualche parte dove è fuso del metallo (per esempio motori delle auto) è stato notato del liquido verdognolo.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Redazione
Inviato: 15/10/2012 22:05  Aggiornato: 15/10/2012 22:05
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
NIHILANTH: "non abbiamo prove dell'utilizzo di altri tipi di armi e non li avremo mai ... "

Ma questo NON ESCLUDE la possibilità che le abbiano usate. Invece nelle discussioni c'è una tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione contraria alla tua.

Perchè?

(Non lo chiedo a te in particolare. Me lo domando).

matteog
Inviato: 15/10/2012 22:05  Aggiornato: 15/10/2012 22:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@bernuga

secondo me l'ipotesi della "grande" bomba nucleare è da escludere perché manca il terreno che prima del crollo si solleva.
Inoltre non sarebbe passata inosservata a i sismografi.

Al limite penso che si sia usata qualche carica magari modificata all'uranio impoverito, o non tanto impoverito.

Di sicuro un fuoco che non smette di bruciare fa pensare a qualcosa di radioattivo.

Per finire come dice Massimo hanno utilizzato un po' di tutto.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Jurij
Inviato: 15/10/2012 22:09  Aggiornato: 15/10/2012 22:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
bernuga
Citazione:
1)il crollo comincia effettivamente al piano dell'impatto, e considerato che sono due altezze diverse fra una torre e l'altra, non capisco come sia possibile aver avuto la partenza dei crolli da quel punto preciso

A questo sono da aggiungere gli sbuffi regolari durante la discesa che non vedo come collegarli alla "superbomba".

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
winston73
Inviato: 15/10/2012 22:14  Aggiornato: 15/10/2012 22:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
ok bernuga mi hai detto che questo russo potrebbe aver ragione sulla base del suo stesso articolo.
come scritto ho già letto e riletto.

2+2=5
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 22:22  Aggiornato: 15/10/2012 22:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Ma questo NON ESCLUDE la possibilità che le abbiano usate. Invece nelle discussioni c'è una tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione contraria alla tua. Perchè?


no non la esclude, qualcuno ha forse detto il contrario?

quando ho ipotizzato l'uso di qualche arma energetica piazzata all'interno delle torri per ammorbidire le colonne più spesse ( vedi john hutchinson ) nessuno mi ha detto niente
come mai?

Citazione:
A questo sono da aggiungere gli sbuffi regolari durante la discesa che non vedo come collegarli alla "superbomba".


ormai credo che sull'uso di esplosivi siamo tutti daccordo ma che tipi di esplosivi? boh.
più di un tipo per le torri ? probabile. tipi diversi per le torri e per il wtc 7? possibile

winston73
Inviato: 15/10/2012 22:27  Aggiornato: 15/10/2012 22:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
nessun aut aut da parte mia.
ribadico che il fatto che l'articolo faccia riferimento al progetto e al fatto che doveva essere previsto un metodo di demolizione e che per forza doveva essere di quel tipo perchè tale era la stazza dei due edifici...
il tutto sposta l'assicella del complotto, così da insinuare in qualche modo che l'impatto degli aerei fosse "sufficente" a far innescare qualcosa di "automatico" per demolire
è una sensazione che ho avuto leggendo l'articolo (almeno 4 volte)

voi no?

2+2=5
NiHiLaNtH
Inviato: 15/10/2012 22:33  Aggiornato: 15/10/2012 22:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
è una sensazione che ho avuto leggendo l'articolo (almeno 4 volte)


si mi è capitata la stessa cosa

Sertes
Inviato: 15/10/2012 22:34  Aggiornato: 15/10/2012 22:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Redazione ha scritto:
Ma questo NON ESCLUDE la possibilità che le abbiano usate. Invece nelle discussioni c'è una tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione contraria alla tua.

Perchè?


Perchè la teoria di Kazelov non è che abbiano usato ANCHE le cariche nucleari, ma che abbiano usato SOLO le cariche nuceari.

E questo è dimostrabilmente falso.

Se invece qualcuno se la sente di proporre una teoria più ampia, ben venga.
Leggeremo la sua teoria, vedremo quali prove può portare a favore della sua teoria, e poi ne parleremo come facciamo con tutto il resto...

Però se l'incipit è "siccome il termine ground zero è stato usato nelle esplosioni nucleari, allora credo che anche al WTC ci sia stata un esplosione nucleare" e poi prosegui a decantare la no-plane theory e poi passi a descrivere una dinamica del crollo che non è quella che abbiamo visto, potrò essere libero di dire che questo è un disinformatore?

Io ero rimasto che su LC si può anche insultare uno, se si spiega il perchè nel dettaglio.

Beh, mi pare di aver appena fatto entrambe le cose, Kazelov è un disinformatore e ho anche spiegato il perchè.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 15/10/2012 22:40  Aggiornato: 15/10/2012 22:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
bernuga ha scritto:
se si deve solo dire "la demolizione nucleare non e' possibile" senza spiegare tutte le incongruenze gia' citate, ne faccio a meno.


Purtroppo caro bernuga io di mestiere faccio il debunker, quello vero.

E non ti ho solo detto "la demolizione nucleare non è possibile", ti ho detto "la teoria di Kazelov è falsa" e ti ho spiegato anche perchè.

Alcune delle incongruenze che hai elencato ci sono veramente (alcune sono invenzioni, sorry) ma non è obbligatorio saperle spiegare per poter dire che la teroria di Kazelov è falsa.

Esattamente come non è obbligatorio saper spiegare cos'ha colpito il pentagono per poter essere certi che NON fosse AA77 con Hanjur ai comandi.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
imike
Inviato: 15/10/2012 22:41  Aggiornato: 15/10/2012 22:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/1/2008
Da: Milano
Inviati: 85
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Redazione
mi piace molto la tua idea di presentare sia le tue prove sia quelle dei debunker,
credo sia molto efficace per chi si presenta dubbioso, che poi in verità non si è interessato alla questione 9/11.


Citazione:
da bernuga: Mi pare che la frase "non sapevo neanche esistesse" scorra un po' troppo velocemente

concordo, lascerei la frase un secondo in più.


Per me le brioches vanno bene, il senso mi sembra più efficace della precisione delle traduzione.


Se posso ... lascerei fuori dal video la questione della demolizione nucleare o da altra fonte d'energia, perché sono ipotesi (estremamente interessanti) ad oggi indimostrabili.
Il discorso cambia per la termite, la cui presenza è stata dimostrata da analisi molto dettagliate.


@bernuga
grazie per i video , me li studio per bene.


@Redazione
Per te, Massimo, davvero complimenti per le tue capacità investigative e di raccolta precisa dei fatti.

Sertes
Inviato: 15/10/2012 22:59  Aggiornato: 15/10/2012 23:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero


http://www.amazon.com/Cognitive-Infiltration-Appointees-Undermine-Conspiracy/dp/1566568218

(che ci sia gente che viene infiltrata nel 9/11 Truth Movement col solo scopo di distribuire teorie balzane e facilmente smentibili non lo dico io, lo dice e lo propone uno che poi è diventato consigliere di Obama)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
ahmbar
Inviato: 15/10/2012 23:01  Aggiornato: 15/10/2012 23:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
X Redazione

Ho visto che passare direttamente dalla frase "è stato trovato acciaio fuso" a quella che dice "non è vero" era un salto molto strano.


matteog

siccome questa parte viene dopo quella sulle temperature non c'è tanto bisogno di "spiegare" perché il passaggio logico fra temperature altissime ed acciaio fuso è quasi diretto non sembra più un'affermazione astratta. Anzi l'ordine sequenziale delle parti mette in correlazione le due cose.


Concordo, suggerisco di trovare un'altra forma letterale per aprire la seconda parte

Matteog suggerisce
i debunkers affermano inoltre che non è stato trovato acciaio fuso nelle macerie - spezzone debunkers - ma come vediamo...



Io ci vedrei meglio qualcosa di simile

I rappresentanti dell'organo ufficiale incaricato delle analisi del crollo e tutti i sostenitori del semplice "crollo gravitazionale" ne negano la presenza - spezzone gross e deb-- , mentre sono numerose invece le conferme testimoniali non solo dei semplici pompieri ed operai che materialmente le hanno viste, ma anche quelle dei responsabili dei vari organi incaricati dello sgombero --- segue elenco video



AHMBAR: "L'unica strada possibile rimane quella qui intrapresa: mettere in evidenza le violazioni fisiche, gli schiaffi alla logica, statistica, probabilita' e le evidenze tipo il meteorite".

Redazione
Saggezza assoluta, la tua. Condivido al 100%.


Se definisci uma mia frase "saggezza assoluta" e' meglio che cominciamo a cercarne le magagne, sarebbe la prima volta



Sostituirei il termine "Brioches" con il molto piu' simile alle evidenze "ferro di cavallo", che non si mangera' come un pretzel ma e' la forma che appare nelle foto


[email protected]
possiamo sicuramente escludere sia l'ipotesi della V.U. che quella della mini-nuke, perchè entrambe sono in contrasto con la dinamica dei crolli.

In confronto alla VU la mini nuke e' nettamente piu' aderente ai fatti, crollo dall'alto a parte, fai un po te quanto sia credibile la prima

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Redazione
Inviato: 15/10/2012 23:14  Aggiornato: 15/10/2012 23:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
AHMBAR /MATTEO: OK, ci riprovo (a metterli nel giusto ordine).

Grazie.

Merio
Inviato: 15/10/2012 23:15  Aggiornato: 15/10/2012 23:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Anzi, a ripensarci bene sembra logico che dovessero usare più sistemi per abbattere le Torri... usarne solo uno poteva compromettere l'esito del diabolico piano... che non doveva fallire... hanno deciso che il WTC 1, 2 e 7 dovevano essere rasi al suolo... e così è stato fatto... tutte le operazioni militari hanno sempre qualche imprevisto, e proprio molti di quelli imprevisti e variabili impensate, o trascurate dai teorici e dagli esecutori dell'orrore che abbiamo visto quel giorno(foriero di un fiume di sangue che ancora ci scorre innanzi) ci hanno condotto al dibattito ed alla ricerca di ciò che fosse accaduto quel 9/11... ma a quei demoni non importava di fare un lavoro perfetto perché avevano letto bene il ruolo delle pecore ammaestrate nella fattoria di Orwell e lo hanno usato a man basse... tenendo la maggioranza delle persone ignoranti risulta, poi molto facile indirizzarne l'opinione facendo diventare l'obbiettivo di pochi(Neocons), quello di molti(popolo U.S.A.)...

Pace ai nostri sensi

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
matteog
Inviato: 15/10/2012 23:43  Aggiornato: 15/10/2012 23:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Dai Massimo

che poi ai debunkers rimane solo mettersi a piangere

comunque penso che questi 2 pezzi siano proprio i pezzi più importanti del DOC, possono inventarsi il crollo gravitazionale ma non riusciranno mai a spiegare temperature sopra i 500 gradi a distanza di settimane e metallo fuso a seguito di un crollo gravitazionale!

Il problema dei debunkers è che quando pensano di aver trovato una teoria sbattono la faccia contro milioni di fatti e quella teoria ne può spiegare uno o due al massimo ma non riesce a spiegare gli altri 999.998 aspetti dell'evento.


"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Redazione
Inviato: 16/10/2012 0:32  Aggiornato: 16/10/2012 0:32
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
M4X: OK, segata la Geyh. Grazie.

(pensare che 9/11myths lo "consulto" sempre. Ma questa mi era sfuggita).

bernuga
Inviato: 16/10/2012 3:31  Aggiornato: 16/10/2012 8:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sertes citazione:
Però se l'incipit è "siccome il termine ground zero è stato usato nelle esplosioni nucleari, allora credo che anche al WTC ci sia stata un esplosione nucleare" e poi prosegui a decantare la no-plane theory e poi passi a descrivere una dinamica del crollo che non è quella che abbiamo visto, potrò essere libero di dire che questo è un disinformatore?

Vedi Sertes, a parte il fatto che la tua spocchia e' tanto ingiustificata quanto patetica, ancora una volta hai perso un'occasione per stare zitto.

Devo dire che mi stupisce molto che tu ABBIA IL CORAGGIO DI RIVOLGERTI A ME, come, non ricordi?Nella nostra unica ed ultima discussione su questo thread:

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4092

SEI STATO UMILIATO E PRESO LETTERALMENTE A CALCI IN CULO DAL SOTTOSCRITTO
Per chi vuole appurare la cosa, riposto il link:

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4092

Ma come Sertes, dopo essere SCAPPATO COME UN CONIGLIO dalla discussione hai il coraggio di rivolgermi la parola?hahahaha 
Non ti ricordi?Te e le tue ridicole compressioni, siete uno spasso.
Ti ricordo come e' andata?Tu sostenevi la VU che ci fossero aerei di linea a NY, quindi ti eri preso l'onere del rispondere alle domande di chi la contesta (oppure funziona cosi' solo quando ti fa comodo?) io ti ho fatto delle domande ben precise ma tu SEI SEMPRE SCAPPATO SENZA MAI RISPONDERE, quindi non sei un debunker, sei solo un GRAN CAZZARO.

Invito chi ha ancora dubbi su quanto tu sia poco intelligente, di andare a vedersi la Ns discussione al link postato, per vedere come AD OGGI tu ti sia VIGLIACCAMENTE RITIRATO SENZA PORTARE NESSUNA RISPOSTA O PROVA SU CIO' CHE AFFERMI
A parte quel patetico tentativo relativo alla compressione a te tanto cara, sei ridicolo.
Comunque ripeto, qua hai scritto che io parlo di No-plane theory, mi viene da pesare che tu abbia realmente problemi di comprendonio, quindi non spreco nemmeno parole, chi vuole controlare puo' andare a vedere che hai detto la tua ennesima bugia.

SOSPETTAVO GIA' LA COSA, MA MI VIENE DA PENSARE VERAMENTE CHE QUA IL VERO DISINFORMATORE SIA TE

QUELLO DI CUI SONO CERTO INVECE, E' CHE HAI FATTO UNA FIGURA DI MERDA COLOSSALE E CHE SEI STATO UMILIATO UN'ALTRA VOLTA



Non perdere memme tempo di rispondermi, preferisco parlare con persone serie, non con i bugiardi.

PER LE PERSONE NON IN MALAFEDE COME QUESTO BUGIARDO, NON VI PREOCCUPATE, SERTES E' FATTO COSI', ARRIVA TUTTO CONVINTO E PIENO DI SE, FA LE BATTUTINE SARCASTICHE, MA APPENA VEDE CHE LE COSE SI FANNO COMPLICATE SE LA DA A GAMBE LEVATE COME UN VIGLIACCO

PROVATE VOI STESSI, FATE DOMANDE PRECISE SU QUELLO CHE NON VI TORNA E VEDRETE

Sertes
Inviato: 16/10/2012 8:34  Aggiornato: 16/10/2012 9:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
bernuga ha scritto:
Tu sostenevi la VU che ci fossero aerei di linea a NY


Non funziona così, io non sostengo la V.U., ma nemmeno la contesto in quell'elemento.
Se TU contesti la presenza di aerei al wtc, sei TU che introduci una teoria e porti elementi e ti esponi alle domande

Altrimenti ti dovrei dimostrare pure che le twin tower esistevano, che new york esisteva, che gli stati uniti esistevano.
Ci sono assunti di base che non si dimostrano, non mi pare che sia un discorso troppo complicato, ma se hai elementi che dimostrano falsi gli assunti di base li devi comunque portare te, non chiedere agli altri di dimostrare l'ovvio. C'è anche chi si pone, rispetto certe questioni della V.U. in forma neutra

Quindi se tu sostieni la no-plane theory, sei tu che devi rispondere alle domande

Infatti in quel thread dove mi avresti "fatto il culo" (LOL) io ero ancora in attesa della risposta alla seguente MIA domanda:
Citazione:
"Comunque io rimango in attesa del video "originale" che a 200 fps mostra l'ala che passa dietor il palazzo, così ti cimenti anche tu nel fare una sana ricerca personale "
...
(poi comunque, ovviamente, puoi parlare di quel che vuoi con chi vuoi, ti chiedevo solo nel caso ti interessasse continuare il discorso con me, se prima finivamo di affrontare il problema di quel particolare video)


Quindi l'ho scritto chiaro e tondo

Pare che alla fine non l'hai trovato... e te ne esci con degli attacchi personali? Bella figura.

Poi contestare a qualcuno di essere un vigliacco e poi dirgli "non importa nemmeno che mi rispondi" è il massimo del bispensiero orwelliano. Hai scelto la strada dell'attacco personale e ti sei fregato da solo, mi dai del vigliacco che scappa, e poi mostri di sapere benissimo che ti avrei risposto.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 16/10/2012 8:36  Aggiornato: 16/10/2012 9:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo, in giornata ti posto anche altre due motivazioni per cui la demolizione nucleare si può escludere anche come parte di un sistema più complesso: l'aerea di sovrapposizione delle due esplosioni, e la barriera dell'hudson

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sguerguenz
Inviato: 16/10/2012 9:12  Aggiornato: 16/10/2012 9:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/7/2011
Da:
Inviati: 129
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Lo so che il pretzel non è una briosche, ma se metto "pretzel" quanti lo capiscono? (Potrei mettere "cornetto" forse? O manco quello si capisce?)

Il pretzel é un tipo di pane di probabile origine bavarese.
Non sarebbe più corretto chiamarlo semplicemente "panino" oppure "panino bavarese" ?

Chi non conosce la verità è uno stolto, ma chi, conoscendola, la chiama menzogna è un delinquente. Bertolt Brecht
peonia
Inviato: 16/10/2012 9:18  Aggiornato: 16/10/2012 11:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
AUTORIMOSSO


Comunque non uso questo sito come pattumiera e dò il link a titolo puramente informativo, entro in analisi se ho da dire qualcosa, che non sia già stata detta, e meglio di quanto potrei fare io, se non ha capito bene, chiedo a voi, come in questo caso, e non amo discussioni in generale...
SCUSATEMI TUTTI
p.s. non pretendevo di avere la traduzione nè il riassunto...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Sertes
Inviato: 16/10/2012 9:34  Aggiornato: 16/10/2012 9:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Scusa peonia, già è brutto che tu usi sempre più questo sito come una pattumiera in cui buttare i link senza fare MAI alcun tipo di analisi e approfondimento, ma venire su un altra discussione mentre c'è aperta una "commenti liberi" a mettere link che non hai nemmeno capito chiedendo ad altri un impegno nel leggerli, tradurli e spiegarti il tutto, è un po eccessivo, no?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
cgueye
Inviato: 16/10/2012 9:44  Aggiornato: 16/10/2012 9:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Per quanta poca importanza possa avere, la traduzione in questo caso, brioches in effetti lasciava un po' perplessi, anche perché se loro usano il termine "pretzel" è per fare un riferimento preciso. Il livello di conoscenza di tecnica e lingue qui è alto, anche quando si fa a cazzotti, chiedo pietà per i meno ferrati.

etrnlchild
Inviato: 16/10/2012 10:51  Aggiornato: 16/10/2012 10:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Al min 4:06 dice "Ho visto traverse di acciaio fuse....", ma nella scritta sotto si legge "I say...", un refuso?

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
FedeV
Inviato: 16/10/2012 10:54  Aggiornato: 16/10/2012 10:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: alexbell64 Inviato: 15/10/2012 17:42:40

e la demolizione termo-nucleare è qualcosa di conosciuto ma di pochissimo usato....
___________________________________________________________________________________________________

Secondo me sbagli qua. La tecnologia termonucleare è usata pochissimo si, ma SONO IN POCHI a sapere cosa succede davvero se fai esplodere una carica nucleare sottoterra. Noi possiamo sapere solo quello che QUESTI ci dicono che succeda. Pensa te in che mani siamo per trarre conclusioni. E lui ex agenzia nucleare russa viene a dirci come funziona? Mah.

WikiKalezovLeak è convincente? Un po' ma sertes ha assolutamente ragione a chiamarlo disinformatore perchè ne ha di cose da spiegare, oltre la dinamica dei crolli, tipo il classico mantra del missile al pentagono senza contare la parte di spionaggio da film.

In realtà abbiamo solo la sua parola che la demolizione nucleare funzioni in questo modo e l'unica cosa che mi convincerebbe che ha ragione è vedere cosa accade ad una colonna di acciaio lunga 400 metri che abbia una estremità a contatto con una esplosione nucleare sotterranea. E ti facco notare che lui non lo spiega:se fosse vero tutto ciò che dice la base del core del wtc si troverebbe giusto al confine con una zona ad altissima pressione che però non avrebbe nessun strato di roccia per trattenere tale pressione.

Ah dimenticavo: sono d'accordo con il tuo approccio e sono convinto anche io che la soluzione stia li, in concorso con cariche "tradizonali" per controllare la demolizione, ma non andrei a scomodare la fusione fredda e l'antimateria, con tutti quei soccorritori malati, quando abbiamo 60 anni di esperimenti termonucleari per consolidare la tecnologia.

migZ
Inviato: 16/10/2012 10:56  Aggiornato: 16/10/2012 10:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
io non capisco tutto questo dispendio di tempo ed energie per dimostrare che la propria teoria su come sono andati i fatti è più fisicamente, etimologicamente, grammaticalmente corretta rispetto ad un'altra.
sembra di assistere alle guerre intestine tra villaggi mentre il signorotto si sfrega le mani e pensa "poveri scemi, più tempo passano ad ammazzarsi tra loro per delle cazzate meno tempo hanno per accorgersi che li tengo tutti per le palle".
insomma tra no planers, nuclear demolitions, ufo, godzilla è il trionfo del divide et impera.
oppure mi sembra di rivedere le scene nell'aula studio di informatica ai tempi dell'università: nerd che litigano con altri nerd perché secondo alcuni per giocare a Call of Duty in rete era meglio usare l'Mp5 e per altri l'M4.. e giù di statistiche e prove balistiche e tabelle con il danno e chissà che altro, tanto che come minimo uno sfigati ti usciva anche se eravamo compagni di corso.

e nonostante ogni volta si ribadisca che è fondamentale, almeno per non essere ridicolizzati, non avanzare ipotesi (e infatti in tutti i film di Massimo non si da' mai spazio alle ipotesi) ogni volta c'è qualcuno che se ne esce con un "secondo me..." e c'è qualcun altro che gli da' del cretino o del disinformatore perché "secondo lui..." la teoria che propone non è qualcosa-mente possibile.

La questione è una e una soltanto: la versione ufficiale sui fatti dell' 911 è FALSA e ti elenco perché, punto.

Che gli aerei fossero droni rinforzati, missili, ologrammi o aerei di linea rimane il fatto che le manovre descritte nella VU sono impossibili per un principiante, rimane il fatto che l'aviazione militare era tutta impegnata altrove, punto.

Qualsiasi cosa sia stata usata per tirare giù le torri rimane il fatto che non sono venute giù a causa degli impatti, perché quello non è un crollo dovuto al cedimento strutturale, punto.

L'unica cosa che dovremmo fare è limitarci a elencare quello che non va, chiedere spiegazioni e non accontentarci delle spiegazioni se troviamo altro che non va, tutto il resto è solo fatica sprecata.

ps: fa riderissimo cliccare su "I commenti alla seconda parte iniziano qui " e trovarsi come prima cosa giga foto di pretzel e brioches

shtones
Inviato: 16/10/2012 11:02  Aggiornato: 16/10/2012 11:02
So tutto
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 8
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sono del parere di Massimo quando dice che c'è la tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione altrui ,infatti a chi dice che le armi che sono state usate, per buttare giù le torri erano piazzate solamente al interno, posso dire che certamente vi era la nano thermite perche ne sono stati trovati resti nei metalli, ma questo non spiega iil cemento polverizzato a grandezza micron , chi può dire con certezza che non siano state usate armi esotiche dai satelliti (quanti ve ne sono e a cosa servono? bohhh),chi può dire con certezza che non hanno usato un arma simile per ammorbidire l'acciaio e il cemento nel momento degli impatti aerei? questo spiegherebbe molti video in cui si vede l'aereo entrare come il burro dentro gli edifici , senza perdere detriti ,cosa impossibile . Quel giorno qualcosa di molto strano è successo, questa è l'unica cosa certa.

Salva81
Inviato: 16/10/2012 11:05  Aggiornato: 16/10/2012 11:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:

Queste “nuvole polverizzate” che si sono scagliate nei dintorni hanno “reagito” con le auto posteggiate.



concordo pienamente con Jurij,
è logico supporre che il materiale in questione reagisse fortemente con i metalli e pertanto ha danneggiato in quel modo le auto.
Ci sarebbe da verificare se nei dintorni siano stati danneggiati in modo analogo anche altri oggetti dello stesso materiale, lampioni, insegne, ringhiere etc.

Perché per esser ritenuta valida qualsiasi opzione, occorre confutarla con altri danni simili.(anche la super arma, il raggio della morte o compagnia cantando)

@bernuga
Citazione:

1)il crollo comincia effettivamente al piano dell'impatto, e considerato che sono due altezze diverse fra una torre e l'altra, non capisco come sia possibile aver avuto la partenza dei crolli da quel punto preciso


non so se ho ben compreso la tua perplessità, ad ogni modo, nella sommità delle torri era presente una travatura a "cappello" "Hut Truss" che ri-distribuiva i carichi sulla colonne perimetrali quando ad esempio soffiava il vento.

Venendo a mancare il supporto delle colonne tranciate dai velivoli, la travatura ha redistribuito il carico sulle altre colonne perimetrali.
Venendo erose le colonne di Core dal famoso materiale a noi sconosciuto le colonne perimetrali non hanno più sostenuto il carico.

Questo lo puoi notare in qualsiasi video che mostra l'inizio del collasso, nel quale puoi vedere benissimo le colonne perimetrali piegarsi verso l'esterno e la parte immediatamente superiore venire giù.

In buona sostanza, con il core integro la torre sarebbe stata su.
Ecco perché si cerca di spiegare il danno al core con il fuoco che lo indebolisce.

Ma come ben saprai il kerosene e il materiale da ufficio non produce temperature sufficienti.
Ecco perché si parla di impossibilità per le temperature irraggiungibili e di conseguenza di materiali che per forza devono esser stati impiegati.

Materiali che hanno continuato a "lavorare" il metallo attorno in una sorta di fornace. Ed ecco perché man mano che le macerie venivan rimosse e affluiva ossigeno alla "fornace" i testimoni parlano di lingue di fuoco.

Per quanto riguarda la teoria dell'ordigno nucleare ho compreso perfettamente la dinamica, però non mi spiego a questo punto le colonne di core che svettano ad un certo momento durante il crollo, se non ho mal compreso l'esplosione avrebbe dovuto "mangiare" interamente la torre dal basso, ma solo internamente, fin su in cima, ma senza andar oltre il tetto, dopodiché avremmo avuto una sorta di torre vuota con solo il suo esoscheletro, pertanto la parte superiore sarebbe a questo punto collassata e la torre si sarebbe afflosciata così come visto.

Ma se questo è vero (e se ho compreso bene) non dovremmo vedere le colonne di core svettare, in quanto dovrebbero già essere sbriciolate dall'ordigno.

Le colonne che svettano, sono indice di cedimento strutturale attorno ad esse e successivamente sotto di esse.

Se al contrario l'esplosione ha solamente causato una cavità dove far "cadere" la torre, questa sarebbe dovuta caderci intera, sparirvi all'interno intera e solo dopo aver toccato il fondo del cratere iniziare ad afflosciarsi.

Ciò che vediamo è una torre ben saldata a terra sulle sue fondamenta, che viene giù dai piani alti a quelli bassi.
A me sembra un concetto piuttosto semplice.

I punti che in parte spiegano la teoria di demolizione nucleare che collimano sono un esercizio di stile sulla falsariga della numerologia dell'11 settembre.

L'ultima che ho visto è quella sulla data di nascita delle vittime dell'attentato del '93. La somma delle cifre che compongono l'anno danno un numero progressivo tipo 11-12-13-14 e così via.

A posteriori è possibile praticamente far collimare qualsiasi cosa.
Come ti è stato già dimostrato, con la fantasia siamo bravi tutti.

Ciao.
Salva

FedeV
Inviato: 16/10/2012 11:28  Aggiornato: 16/10/2012 11:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Salva81 Inviato: 16/10/2012 11:05:50

avremmo avuto una sorta di torre vuota con solo il suo esoscheletro
____________________________________________________________________________________________________________-

Non proprio. Non vuota. Secondo Kalezov avresti avuto le colonne del core e tutto il resto intatti esteriormente ma essendo stati esposti all'esplosione avrebbero perso i collegamenti fra le molecole, quello che lui chiama crushed zone, e che sarebbe diventata estremamente fragile per cui cederebbe sotto il peso della parte superiore intatta.

In realtà questo spiegherebbe la polverizzazione della maggior parte dei materiali ma come dici tu questo si scontra con la dinamica dei crolli quindi la spiegazione deve essere un'altra.

EDIT PS. Tra l'altro se kalezov avesse completamente ragione i rimasugli del core e delle facciate esterne che sono rimasti nelle macerie non li avrebbero rimossi tagliandoli coi cannelli ma a martellate visto che avrebbero dovuto sbriciolarsi facilmente essendo vicini all' esplosione.

f_z
Inviato: 16/10/2012 11:38  Aggiornato: 16/10/2012 11:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Demolizione nucleare o no, io credo da tanto tempo che la demolizione del WTC era qualcosa pianificata in fase di costruzione, per motivi di sicurezza in caso di necessita'.

Molto prima di leggere la teoria del russo che dice che un piano di demolizione era un requisito di legge (a proposito, qualcuno ha mai verificato se e' vero?) pensavo che edifici di quelle dimensioni "dovevano" avere un piano di demolizione, anche se sicuramente non lo vanno a dire in giro altrimenti chi si fida ad entrare in un palazzo contenente qualche quintale di esplosivo?

Se il piano esisteva resta da capire chi poteva avere la responsabilita' di far partire la demolizione in caso di disastro.

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 12:02  Aggiornato: 16/10/2012 12:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
giuste considerazioni salva81 ma

Citazione:
L'ultima che ho visto è quella sulla data di nascita delle vittime dell'attentato del '93. La somma delle cifre che compongono l'anno danno un numero progressivo tipo 11-12-13-14 e così via. A posteriori è possibile praticamente far collimare qualsiasi cosa. Come ti è stato già dimostrato, con la fantasia siamo bravi tutti.


prendere una cazzata per cercare di smontare l'evidenza ( cioè che a qualcuno piace giocare coi numeri ) mi sembra poco professionale

fefochip
Inviato: 16/10/2012 12:10  Aggiornato: 16/10/2012 12:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
da come è andato il crollo delle torri mi pare chiaro che tale crollo procedeva dall'alto verso il basso al contrario di una normale demolizione controllata.

il perche mi pare abbastanza chiaro altrimenti sarebbe stato evidente a tutti che non era un crollo "spontaneo".

quindi per simulare un crollo spontaneo necessariamente dovevano ottenere un risultato simile e per farlo con molta probabilità hanno dovuto indebolire le strutture sottostanti in maniera progressiva e non in una volta sola (come nel caso di una mini esplosione nucleare eventualmente possibile attualmente solo con la tecnologia della fusione fredda come innesco )

non si può escludere quindi del tutto un ordigno molto potente che mina alla base le torri per indebolire le colonne centrali (anche se una mini bomba atomica dovrebbe lasciare dei residui UNIVOCAMENE individuabili anche a distanza di tempo sotto forma radioattiva) ma la vedo molto difficile pensare di ricreare un crollo "dall'alto" con UNA SOLA esplosione dal basso

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
matteog
Inviato: 16/10/2012 12:15  Aggiornato: 16/10/2012 12:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Salva81

Citazione:
concordo pienamente con Jurij, è logico supporre che il materiale in questione reagisse fortemente con i metalli e pertanto ha danneggiato in quel modo le auto.


secondo me dalle foto delle auto si intuisce più qualcosa che abbia reagito con le vernici più che i metalli, infatti c'erano auto metà bruciate e metà no

ma questa è solo una mia supposizione

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
ahmbar
Inviato: 16/10/2012 12:17  Aggiornato: 16/10/2012 12:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
la teoria del russo che dice che un piano di demolizione era un requisito di legge (a proposito, qualcuno ha mai verificato se e' vero?)

Ne parlammo, quando si discusse anche di questa ipotesi, ma nessun documento fu' mai presentato a confermare questa notizia

Potrebbe anche essere vero, ma, come sottolinea migZ

Qualsiasi cosa sia stata usata per tirare giù le torri rimane il fatto che non sono venute giù a causa degli impatti, perché quello non è un crollo dovuto al cedimento strutturale, punto.

L'unica cosa che dovremmo fare è limitarci a elencare quello che non va, chiedere spiegazioni e non accontentarci delle spiegazioni se troviamo altro che non va, tutto il resto è solo fatica sprecata.



Le discussioni sul sesso degli angeli consiglio anche io di lasciarle a chi ha tempo da perdere, tutti gli argomenti, su questo sito, sono gia' stati sviscerati sino alla noia
Chiunque voglia controllare l'esattezza delle proprie teorie puo' cercare quando vuole le risposte che vorrebbe, gia' sono state certamente date ( e piu' volte, come nel caso nella no-plane theory) in diverse discussioni






Leggo che si continua a parlare di "brioches" per la curvatura delle travi, proprio non va usare "ferro di cavallo?"



Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
cgueye
Inviato: 16/10/2012 12:18  Aggiornato: 16/10/2012 12:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Concordo con MigZ, ma qui è da sempre così; vero è che all'interno di un gruppo, più si discute, meglio è. La questione dell'evento nucleare è allo studio, nessuno credo abbia preso questa teoria per oro colato.

Quanto ai numeri, ne avevo sentita una carina. Attentato a JFK, 22/11/63.

6+3= 9, quindi 11/9 e 2 + 2 = 4, gli edifici da demolire. Questo avrebbe fornito l'ispirazione ( a chi? Ai terroristi o a insider workers?). Ai posteri la sentenza, perché , pur puntando all'eternità, dispero di vedere la verità, o almeno la smentita ufficiale delle balle.

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 12:26  Aggiornato: 16/10/2012 12:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Quanto ai numeri, ne avevo sentita una carina. Attentato a JFK, 22/11/63. 6+3= 9, quindi 11/9 e 2 + 2 = 4, gli edifici da demolire. Questo avrebbe fornito l'ispirazione ( a chi? Ai terroristi o a insider workers?).


ecco questa per esempio è una grande c.....a

Citazione:
Leggo che si continua a parlare di "brioches" per la curvatura delle travi, proprio non va usare "ferro di cavallo?"


ma il tizio che ha parlato di pretzel forse non si riferiva a quella particolare trave

Jurij
Inviato: 16/10/2012 12:39  Aggiornato: 16/10/2012 12:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Merio
Citazione:
... ma a quei demoni non importava di fare un lavoro perfetto perché avevano letto bene il ruolo delle pecore ammaestrate nella fattoria di Orwell e lo hanno usato a man basse... tenendo la maggioranza delle persone ignoranti risulta, poi molto facile indirizzarne l'opinione facendo diventare l'obbiettivo di pochi(Neocons), quello di molti(popolo U.S.A.)...

Da manuale, quoto perfettamente.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
alexbell64
Inviato: 16/10/2012 12:53  Aggiornato: 16/10/2012 12:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione migZ: io non capisco tutto questo dispendio di tempo ed energie per dimostrare che la propria teoria su come sono andati i fatti è più fisicamente, etimologicamente, grammaticalmente corretta rispetto ad un'altra.
sembra di assistere alle guerre intestine tra villaggi mentre il signorotto si sfrega le mani e pensa "poveri scemi, più tempo passano ad ammazzarsi tra loro per delle cazzate meno tempo hanno per accorgersi che li tengo tutti per le palle".
......
e nonostante ogni volta si ribadisca che è fondamentale, almeno per non essere ridicolizzati, non avanzare ipotesi (e infatti in tutti i film di Massimo non si da' mai spazio alle ipotesi) ogni volta c'è qualcuno che se ne esce con un "secondo me..." e c'è qualcun altro che gli da' del cretino o del disinformatore perché "secondo lui..." la teoria che propone non è qualcosa-mente possibile.

La questione è una e una soltanto: la versione ufficiale sui fatti dell' 911 è FALSA e ti elenco perché, punto.
.....
Qualsiasi cosa sia stata usata per tirare giù le torri rimane il fatto che non sono venute giù a causa degli impatti, perché quello non è un crollo dovuto al cedimento strutturale, punto.
.....
L'unica cosa che dovremmo fare è limitarci a elencare quello che non va, chiedere spiegazioni e non accontentarci delle spiegazioni se troviamo altro che non va, tutto il resto è solo fatica sprecata.


Scusa migZ, ma questo a cosa si ridurrebbe?
Ok, la VU fa' acqua da tutte le parti, non stà in piedi, è piena di incongruenze, di palesi violazioni alle elementari Leggi Fisiche, alla logica, al buonsenso.....e poi?
Finisce tutto qui?
Ci limitiamo a dire "così non può essere" ed a chiedere a gran voce "diteci com'è andata veramente!! Vogliamo saperlo!!"??
Già sapendo che non riceverai altre risposte che quelle che ti sono già state date? Come chiedere ad un ladro "restituiscimi la mia roba, è mia!"???
Io invece ritengo logico e normale accampare ipotesi e disquisire su queste. D'altra parte, anche Massimo lo fa', quando ad esempio dice "possiamo supporre/ipotizzare che sia stato usato qualche altro tipo di esplosivo o incendiario"....da lì a dire "secondo me potrebbero aver usato.....del tritolo, delle cariche da taglio, della thermite o della nano-thermite, o una mini-nuclearnuke o chissà cos'altro, rientra nella normale dialettica e scambio d'opinione che serve a formarsi appunto una diversa coscienza di un fatto.
Quando ti ferma la Polizia o i Carabinieri e ti contesta un reato "ipotizzato", prima ti martellano di domande, poi l'Ispettore o il Maresciallo o l'Ufficiale non comincia a dirti "guarda, vuoi sapere secondo me cos'hai fatto??? Hai fatto così e cosà, e poi cosà e così...."
Perchè non è dato di farlo anche a noi?
Perchè poi arriva il debunker di turno o il trolletto a dirti "ah ahhh, che coglioni! Allora perchè non dire che è stato Babbo Natale o i Vulcaniani bla bla bla"???

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 12:58  Aggiornato: 16/10/2012 12:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sono del parere di Massimo quando dice che c'è la tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione altrui...
chi può dire con certezza che non siano state usate armi esotiche


infatti nessuno lo sta dicendo

Jurij
Inviato: 16/10/2012 12:58  Aggiornato: 16/10/2012 12:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
f_z
Citazione:
Molto prima di leggere la teoria del russo che dice che un piano di demolizione era un requisito di legge (a proposito, qualcuno ha mai verificato se e' vero?) pensavo che edifici di quelle dimensioni "dovevano" avere un piano di demolizione, anche se sicuramente non lo vanno a dire in giro altrimenti chi si fida ad entrare in un palazzo contenente qualche quintale di esplosivo?

Se il piano esisteva resta da capire chi poteva avere la responsabilita' di far partire la demolizione in caso di disastro.

Questa mi è passata anche a me nella mente, con corrispondenti motivi di tenere segreti a riguardo.

Un po’ come le metropolitane di Tokio che funzionano in automatico, ma lasciano una specie di capotreno per far credere alla gente di essere in buone mani “umane”.

Nel caso delle TT però, vedo interessi di praticità, infatti costava molto meno minarle all’epoca, non già per i costi orari, ma per la praticità dell’inserimento del materiale.

Per restare su un esempio dalle mie parti in ch, molte gallerie (forse tutte?) sono minate nelle “teste” già dalla costruzione, come eventuali ostruzioni di guerra, eppure la svizzera è patria della “sicurezza”, ciò significa che poste nel modo giusto le cariche non sono così rischiose.

Tutte solo ipotesi, però …

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 16/10/2012 13:03  Aggiornato: 16/10/2012 13:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
matteog
Citazione:
secondo me dalle foto delle auto si intuisce più qualcosa che abbia reagito con le vernici più che i metalli, infatti c'erano auto metà bruciate e metà no

ma questa è solo una mia supposizione

È anche un passo Matteo, domanda: cosa attacca le vernici, più che i metalli ?

Io sui metalli avevo pensato ad acidi, i quali con i metalli formano un liquido verdognolo, ma non mi sembra che sia stato segnalato qualcosa del genere, inoltre gli acidi penso si sarebbero dovuti spostare in una nuvola di vapori e non di polvere…

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 13:10  Aggiornato: 16/10/2012 13:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
ciò significa che poste nel modo giusto le cariche non sono così rischiose.


ma non sono neanche invisibili

matteog
Inviato: 16/10/2012 13:12  Aggiornato: 16/10/2012 13:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Jurij

se ipotizzi che fossero state minate dalla costruzione a quel punto devi supporre che già all'epoca avessero nanothermite ed esplosivi avanzati tanto da piegare l'acciaio, fonderlo e farlo rimanere fuso a distanza di tempo.

Secondo me minarlo in precedenza è molto rischioso per 2 motivi:

1) pericolosità degli esplosivi: metti caso che scoppia un incendio magari gli esplosivi si attivano, metti caso fai un lavoro di manutenzione e "tocchi" per sbaglio un esplosivo con una fiamma ossidrica ecc.

2) in uno dei tanti lavori di manutenzione si scoprirebbero le cariche, sai che macello, chi rimarrebbe a lavorare in un edificio minato?

Secondo me quello che hanno messo lo hanno messo pochi mesi prima.

E se ci si può divertire a speculare l'unica domanda forte è: cosa diavolo fa sciogliere, piegare e polverizzare l'acciaio e farlo rimanere così per settimane?

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
matteog
Inviato: 16/10/2012 13:15  Aggiornato: 16/10/2012 13:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Jurij

Citazione:
È anche un passo Matteo, domanda: cosa attacca le vernici, più che i metalli ?


magari lo sapessi avrei già un lavoro ed un po' di soldi

a parte gli scherzi questa è una domanda che potrebbe essere fatta ad Harrit, ma lui non è tipo da speculazioni

gli acidi non penso anche perché i danni sulle persone sarebbero stati immediati

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
alexbell64
Inviato: 16/10/2012 13:16  Aggiornato: 16/10/2012 14:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Quando dico....che coloro che hanno pianificato e realizzato quanto è successo l'11 Settembre E DOPO, hanno utilizzato qualcosa di sconosciuto ai più, ancora......
Piccolo esempio: prima dell'invenzione del Radar, l'idea che si potesse riscaldare qualcosa all'interno del suo contenitore senza coinvolgere il contenitore stesso sarebbe stata presa come un'idea balzana o una specie di gioco di prestigio, da attuarsi tramite qualche particolare arzigogolo.
Se avessimo detto a qualcuno, anteriormente al dopoguerra, che è possibile mettere un budino freddo dentro una tazza di ceramica, farlo girare un paio di minuti dentro un aggeggio che non produce nè fiamma nè calore, e tirarlo fuori bollente ma con la tazza attorno che lo contiene fredda, ti avrebbe guardato strano, come minimo, chiedendoti cosa avevi bevuto poco prima.
Eppure, nel 1947, un tecnico chiamato Percy Spencer, lavorando ad un radar, si ritrovò in tasca una tavoletta di cioccolato completamente fusa senza che avesse utilizzato nessuna fiamma o fornello.
Da quell'esperienza, si arrivò alla tecnologia attualmente utilizzata nelle cucine di tutto il mondoindustrializzato.
Se l'avessero tenuta nascosta in un cassetto ed utilizzata solo per scopi che volevano loro, noi ci ritroveremmo a disquisire ed accapigliarci su un "fenomeno" che non abbiamo mai visto e metteremmo su una belle discussione infinita fra chi dice che è impossibile riscaldare un cibo in quel modo e di conseguenza è solo frutto di qualche trucchetto da baraccone, e chi si ostinerebbe a dire che la maniera esiste ma è qualcosa di sconosciuto.
Ecco, questa discussione sulle modalità di demolizione del TWC mi ricorda molto una cosa del genere.
Noi stiamo qui ad accapigliarci ed a discutere se abbiano usato tritolo o thermite, e magari chi SA'ì sogghigna compiaciuto perchè solo lui e pochi altri conoscono davvero la verità e cosa esattamente abbiano usato quel giorno per trasformare due parallelepipedi d'acciaio alti quasi mezzo km in sabbia nel giro di pochi secondi.

ohmygod
Inviato: 16/10/2012 13:31  Aggiornato: 16/10/2012 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Jurij
Queste “nuvole polverizzate” che si sono scagliate nei dintorni hanno “reagito” con le auto posteggiate.

Difatti la chimica scaturita dalle nuvole polverizzate ha interagito con la fisica degli "oggetti".
Rispettando le dimensioni non sembra che la nuvola polverizzata del WTC7 abbia sortito le stesse "malformazioni" esterne.

Salva81
è logico supporre che il materiale in questione reagisse fortemente con i metalli e pertanto ha danneggiato in quel modo le auto.
Ci sarebbe da verificare se nei dintorni siano stati danneggiati in modo analogo anche altri oggetti dello stesso materiale, lampioni, insegne, ringhiere etc.

http://drjudywood.com/articles/DEW/StarWarsBeam5.html

http://www.drjudywood.com/articles/dew/moretoastedcars.html

NIST
l'acronimo in italiano sarebbe:No Indagini Sulle Torri.

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 13:45  Aggiornato: 16/10/2012 13:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
non si può escludere quindi del tutto un ordigno molto potente che mina alla base le torri per indebolire le colonne centrali


infatti

Shortly Before 9:59 a.m. September 11, 2001: Some Witnesses See Ground-Level Explosion Just Before WTC 2 Collapses

Shortly Before 9:59 a.m. September 11, 2001: Ground Shakes Prior to South Tower Collapse

Shortly Before 10:28 a.m. September 11, 2001: Ground Shakes Prior to North Tower Collapse

10:28 a.m. September 11, 2001: Reporter Sees Ground-Level Explosion When North Tower Collapses

f_z
Inviato: 16/10/2012 13:58  Aggiornato: 16/10/2012 13:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Jurij: Un po’ come le metropolitane di Tokio che funzionano in automatico, ma lasciano una specie di capotreno per far credere alla gente di essere in buone mani “umane”.


Gia', o come gli aeroplani commerciali che sono pilotati da un computer ma tengono sempre due umani al posto di pilotaggio.

Citazione:

Nel caso delle TT però, vedo interessi di praticità, infatti costava molto meno minarle all’epoca, non già per i costi orari, ma per la praticità dell’inserimento del materiale. Per restare su un esempio dalle mie parti in ch, molte gallerie (forse tutte?) sono minate nelle “teste” già dalla costruzione, come eventuali ostruzioni di guerra, eppure la svizzera è patria della “sicurezza”, ciò significa che poste nel modo giusto le cariche non sono così rischiose.


Interessante.
Giusto una cosa: volevi proprio dire "ostruzioni di guerra" (per fermare un nemico) o "costruzioni di guerra"?

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
m4x
Inviato: 16/10/2012 14:06  Aggiornato: 16/10/2012 20:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
"Various metals (most notably iron and lead) were melted during the WTC Event, producing spherical metallic particles."

RJ Lee Group, WTC Dust Signature Report

http://911research.wtc7.net/essays/thermite/cache/nyenvirolaw_WTCDustSignatureCompositionAndMorphology.pdf

Massimo, nella versione finale del video c'inzupperei pure questa. I dechiacchiers sbraitano sempre dicendo che il metallo fuso rinvenuto nella "pila" non e' mai stato analizzato e quindi non si può parlare con sicurezza d'acciaio fuso... La frasetta in questione invece parla chiaro e li inchioda.

-

http://www.investigate911.info/911moltensteel.JPG

migZ
Inviato: 16/10/2012 14:43  Aggiornato: 16/10/2012 14:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
alexbell64
Citazione:
Ci limitiamo a dire "così non può essere" ed a chiedere a gran voce "diteci com'è andata veramente!! Vogliamo saperlo!!"??


Esattamente.

Citazione:
Come chiedere ad un ladro "restituiscimi la mia roba, è mia!"???

Una volta che ti hanno rubato in casa innanzi tutto ti interessa che prendano il ladro.
Immagina la polizia che ti dice "si è senza dubbio calato da un elicottero sul tetto, con le ventose è arrivato alla tua finestra ed è entrato, ha rubato e poi è scappato facendosi tirare su con l'elicottero quindi è impossibile per noi catturarlo. Ci dispiace, d'ora in poi pattuglieremo i cieli con più attenzione. Addio."
Allora tu ribatti alla versione ufficiale e dici "ma come con un elicottero? per rubarmi la tv, il pc, la macchina fotografica e un po' di bigiotteria si sono presi tanto disturbo? E poi sul muro della mia casa è fisicamente impossibile che stiano attaccate le ventose.. questa ricostruzione non quadra, non è che magari è il caso di svolgere le indagini diversamente?"
Ma mentre dici questo arriva un vicino che dice: "secondo me non è entrato nessun ladro, il ladro era già in casa tua, ha rubato e se n'è andato."
Poi arriva un altro che dice: "secondo me invece il ladro è entrato dal cortile si è arrampicato sulla grondaia ha rubato e se n'è andato".
E poi giù a litigare su come sarebbe andata veramente.
Risultato?
A te hanno rubato in casa, la polizia ha dato la sua spiegazione e sen'è andata, i tuoi vicini litigano tra di loro e con te per ricostruire come è andata, la tua roba non la rivedrai mai più e il ladro non verrà mai preso.

Prima si prende il ladro, poi gli si fa restituire la roba e alla fine gli chiedi anche come ha fatto in modo da rendere sicura la tua casa nel modo giusto. Diversamente è fatica sprecata secondo me.

Poi ovviamente è affascinante e coinvolgente ipotizzare e discutere su come sarebbe andata ma alla lunga, ripeto, è convogliare le energie nella direzione sbagliata.
Immagina un discorso con qualcuno che crede alla VU, dopo avergli fatto un vedere il film e aver messo in dubbio le sue convinzioni lui ti chiede: "e allora come hanno fatto?" E tu: "con un ordigno nucleare nascosto nelle fondamenta, perché...." E l'altro: "si vabbé, e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata. Ho perso abbastanza tempo, grazie, ciao."

Io preferisco insinuare il dubbio e lasciare che l'interlocutore arrivi alla conclusione che la VU è falsa piuttosto che portare fantascientifiche teorie (che poi magari si avvicinano alla realtà, eh) e lasciarlo con le sue errate certezze.

Detto questo non voglio ridicolizzare nessuno, ma vedere due "che stanno dalla stessa parte della barricata" darsi del buffone a vicenda è abbastanza triste, almeno evitiamo questo.

Inverno
Inviato: 16/10/2012 14:46  Aggiornato: 16/10/2012 14:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2007
Da:
Inviati: 103
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Redazione Inviato: 15/10/2012 22:05:17

NIHILANTH: "non abbiamo prove dell'utilizzo di altri tipi di armi e non li avremo mai ... "

Ma questo NON ESCLUDE la possibilità che le abbiano usate. Invece nelle discussioni c'è una tendenza ad escludere sistematicamente l'opinione contraria alla tua.

Perchè?

(Non lo chiedo a te in particolare. Me lo domando).
-----------------------

temo sia l'effetto "debunker"

intendo

anni di feroci discussioni hanno imposto una logica al discorso che fa molto il gioco del sedicenti debunker

siccome di solito l'obiezione ad un appunto fatto viene contestata

allora come meccanismo di "difesa" si è sviluppata questa miopia nell'utilizzo di molteplici ipotesi sullo stesso punto di discussione

il dato un po grottesco è che questa logica si è infiltrata anche nel dibattito su chi contesta la versione ufficiale che dovrebbe essere scevra di pregiudizi al punto da poter affermare che "le torri potrebbero averle tirate giu i cavalieri dello zodiaco, di sicuro contrastano con la fisica, la probabilita, la statistica, la logica ma sopratutto non è spiegata dalla VU" senza troppi spernacchiamenti...

Se il Dito Punta il Cielo l'Imbecille Osserva il Dito
matteog
Inviato: 16/10/2012 15:43  Aggiornato: 16/10/2012 15:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@migZ

solo un appunto:

se non sai esattamente come sono andate le cose non lo puoi prendere il ladro e nemmeno accusarlo.

Se NIST, Cheney e compagnia bella hanno detto falsità non li erge automaticamente ad autori dell'attentato.

Quindi a 11 anni e passa dall'11/9 è il caso anche di farci spiegare per filo e per segno come è andata ma anche indagare e ragionare noi su come è andata.

Soprattutto quando la polizia se ne frega.

E fra l'altro la domanda che ti viene dopo il doc "ed allora chi è stato?" se rimane insoddisfatta fa si che il tuo interlocutore o lo spettatore ritorni sul punto di partenza che almeno è sicuro ed ha tutte le risposte anche se farlocche.

Penso che subito dopo questo doc bisognerebbe far vedere Nuovo Secolo Americano di Massimo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Jurij
Inviato: 16/10/2012 16:05  Aggiornato: 16/10/2012 16:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
NiHiLaNtH
Citazione:
ma non sono neanche invisibili

Invisibili, sono cementate sotto la volta.

matteog
Citazione:
se ipotizzi che fossero state minate dalla costruzione a quel punto devi supporre che già all'epoca avessero nanothermite ed esplosivi avanzati tanto da piegare l'acciaio, fonderlo e farlo rimanere fuso a distanza di tempo.

Hai ragione sulla nt, ma ciò non toglie che l’abbiano aggiunta posteriormente, oltre all’esplosivo già presente.
In effetti la mia è soltanto un’ipotesi per non chiudere completamente la porta a una simile possibilità.
Non vorrei però insistere troppo su questa idea.

matteog
Citazione:
cosa diavolo fa sciogliere, piegare e polverizzare l'acciaio e farlo rimanere così per settimane?

Eh eh, un bel dilemma, zero idee per ora.

matteog
Citazione:
gli acidi non penso anche perché i danni sulle persone sarebbero stati immediati

Effettivamente.

f_z
Citazione:
Interessante.
Giusto una cosa: volevi proprio dire "ostruzioni di guerra" (per fermare un nemico) o "costruzioni di guerra"?

Proprio “ostruzioni di guerra”.
L’idea è che essendo le gallerie come dei valichi obbligatori, in caso di perdita di territorio nei confronti del nemico, prima che questi oltrepassi i passaggi/gallerie, si fanno saltare le due teste del passaggio, in modo che non vi sia più l’utilizzazione per vari mesi (crollo di una parte della montagna).

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
alexbell64
Inviato: 16/10/2012 16:19  Aggiornato: 16/10/2012 16:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione migZ: Una volta che ti hanno rubato in casa innanzi tutto ti interessa che prendano il ladro.


No, innanzitutto mi interessa recuperare ciò che è mio, sopratutto se ci tengo. Prendere il ladro può essere contemporaneo o conseguenziale al recupero del maltolto, perchè prendere SOLO il ladro non significa automaticamente recuperare ciò che mi ha sottratto, potrebbe già averlo rivenduto, o perso, o speso.

citazione migZ:
Immagina la polizia che ti dice "si è senza dubbio calato da un elicottero sul tetto, con le ventose è arrivato alla tua finestra ed è entrato, ha rubato e poi è scappato facendosi tirare su con l'elicottero quindi è impossibile per noi catturarlo........Allora tu ribatti alla versione ufficiale e dici "ma come con un elicottero? .....

......
A te hanno rubato in casa, la polizia ha dato la sua spiegazione e sen'è andata


Ecco, qui stà il primo grosso punto cruciale di tutta la questione: che la Polizia dà la sua spiegazione, non accetta obiezioni, anzi, se ne accompo io o i vicini di casa ci tratta come se fossmo dei poveri idioti che credono alle streghe o a chissà cosa, quindi deve andarci bene così e stop.
EH NO CHE NON MI VA' BENE COSI!
Non puoi tu, poliziotto, farmi passare da SCEMO e farmi bere quello che vuoi perchè, magari, hai qualcuno molto più "in alto" di te che ti ha imbeccato di rispondere quello e quello dev'essere per tutti, a costo di negare l'evidenza!
Ma se il mio interlocutore è sempre e solo la Polizia, e quella risponde in quel modo, qual'è l'alternativa per arrivare alla giustizia ed alla verità??
Ok, posso mettermi a fare un casino dell'accidente, attaccare manifesti, andare alle TV e dire ai quattro venti che mi hanno rubato in casa e la Polizia è impotente quando non addirittura connivente o complice dei ladri, ed il risultato?
Mi prendo ancora una denuncia per diffamazione, perchè cmq sia il mio interlocutore è ancora la Polizia!
Se mi rivolgo a chi stà "più in alto" della Polizia, mi dicono che , per i casi di furto, la competenza è....della Polizia, e di rivolgermi a loro!
Quindi?
Suggerimenti?

citazione migZ:
....Io preferisco insinuare il dubbio e lasciare che l'interlocutore arrivi alla conclusione che la VU è falsa piuttosto che portare fantascientifiche teorie (che poi magari si avvicinano alla realtà, eh) e lasciarlo con le sue errate certezze....

E dopo che hai insinuato tutti i dubbi del caso, al massimo ciò che si può fare è discuterne e accapigliarci tra noi, come stiamo facendo adesso, perchè se ti rivolgi "a chi di dovere" ti sbattono in faccia il Rapporto del NIST e ti dicono "leggiti questo, ci sono tutte le risposte alle tue domande!" ed al tuo primo "eh, ma, però, qui non spiega come..." ti interrompono seccamente e lapidariamente con un "quello è ciò che è successo, le indagino sono state fatte, gli esperti hanno spiegato, non c'è altro da aggiungere, buongiorno!".
Quindi?
Consigli e suggerimenti?

Sdan
Inviato: 16/10/2012 16:23  Aggiornato: 16/10/2012 16:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/2/2012
Da:
Inviati: 83
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Resta la domanda posta da Massimo: “Che cosa ha alimentato gli incendi - per oltre tre mesi - sotto le macerie a ground zero?”.

Mi sembra che l’unico tentativo di spiegazione organico finora avanzato sia la teoria della Demolizione Termonucleare.
Se escludiamo questo non abbiamo niente in mano, a parte imprecisati riferimenti a fantomatiche armi ad alta energia o altre misteriose sostanze.

Solo per questo sarebbe bene tenerlo presente, e senza per questo diventare seguaci di Khalezov.
Il russo è certamente un personaggio ‘sospetto’, e può anche darsi che la sua teoria –tutta o in parte - faccia parte di un’opera di disinformazione.
In ogni caso con la sua ‘teoria’ si spiegano cose che altrimenti – per ora – sono inspiegabili, quindi per il momento è meglio lasciarla sul tavolo con beneficio d’inventario.

Tornando alla domanda di Massimo penso che sia un po fuorviante, perché presuppone che “gli incendi” siano stati “alimentati” per tre mesi, e quindi automaticamente esclude l’opzione nucleare, in cui l’energia è generata tutta al momento dell’esplosione, per poi essere dissipata lentamente nei mesi a seguire. Forse è solo un dettaglio, ma io la porrei in questi termini: “Quale energia ha generato le temperature rilevate a ground zero?”

Visto che ci siamo, sarebbe bene non sottovalutare il fatto che prima dell’11/9 il termine “ground zero” era usato esclusivamente in rapporto ad esplosioni atomiche.

Citazione:
Ok, la VU fa' acqua da tutte le parti, non stà in piedi, è piena di incongruenze, di palesi violazioni alle elementari Leggi Fisiche, alla logica, al buonsenso.....e poi?

Il punto è proprio questo. Affermare che la VU è falsa è utile se si parla con chi non si è mai informato sulla questione. Per chi si è informato, anche poco, è una cosa scontata.
La VU è falsa: quindi? Cosa è successo? Chi è stato? E perché?
Per rispondere a queste domande e portare le prove devi essere un investigatore professionista incaricato delle indagini.. Noi possiamo solo lavorare per ipotesi, e se scartiamo le ipotesi perché mancano le impronte digitali ..non andiamo da nessuna parte!

Citazione:
Se NIST, Cheney e compagnia bella hanno detto falsità non li erge automaticamente ad autori dell'attentato.

Completamente d’accordo.

Citazione:
secondo me dalle foto delle auto si intuisce più qualcosa che abbia reagito con le vernici più che i metalli, infatti c'erano auto metà bruciate e metà no

Occhio che le “auto bruciate a metà” (half burned car) sono un classico indizio di esplosione nucleare, avviene in quanto alcune radiazioni che seguono l’esplosione (adesso non ricordo se si tratti di raggi X, gamma, o altro..) bruciano la pellicola di vernice dei lati ‘esposti’ dell’auto, lasciando intatti i lati ‘in ombra’.
Per chi interessa: secondo Khalezov le half burned car a ground zero sono state fatte manualmente quale opera di depistaggio (per suggerire l’utilizzo di mininuke). Ovviamente con una esplosione nucleare sotterranea queste auto bruciate non dovrebbero esserci (perché i raggi in questione non attraversano la roccia).

Citazione:
E se ci si può divertire a speculare l'unica domanda forte è: cosa diavolo fa sciogliere, piegare e polverizzare l'acciaio e farlo rimanere così per settimane?

Lo scioglimento e la piegatura sono causate da alte temperature.
La polverizzazione è causata da alta pressione.
Dove possiamo trovare alte temperature e alte pressioni?
In una esplosione nucleare sotterranea.
Nota bene: se l’esplosione è atmosferica non puoi avere le alte pressioni.

Ciao

Jurij
Inviato: 16/10/2012 16:49  Aggiornato: 16/10/2012 16:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Se ricordo bene l’atomica ha un minimo di potenza sotto il quale non si può andare.
Le cariche sono due, un “maschio” con un volume di uranio o plutonio arricchito al limite della reazione nucleare, e una “femmina” che anch’essa è al limite nel suo volume.
Un detonatore le schiaccia insieme a mo d’incastro scatenando la reazione a catena.
Mi ricordo che la bomba H è qualcosa come un’atomica in un involucro d’idrogeno che ne amplifica la reazione.
Il tutto detto in modo molto semplice.
Adesso un’atomica nei sotterranei la si sarebbe sentita, eccome, altro che delle detonazioni, li sarebbe stato l’inferno.

p.s. In ogni caso siamo sempre nel campo delle ipotesi visto che negli usa non sanno nemmeno cosa significa fare un'inchiesta.

Atro che usa for africa, oggi come oggi i contadini nigeriani in causa nei tribunali olandesi saprebbero come portare più giustizia negli usa.

http://www.lastampa.it/2012/10/11/scienza/ambiente/nigeria-quattro-contadini-portano-la-shell-davanti-ai-giudici-5ysSMwkqJs6y3aHcnQwHKL/pagina.html

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Sertes
Inviato: 16/10/2012 16:49  Aggiornato: 16/10/2012 16:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sdan ha scritto:
Dove possiamo trovare alte temperature e alte pressioni?
In una esplosione nucleare sotterranea.


Ah, bel modo di ragionare. Scientifico. Rigoroso.

Dove possiamo trovare alte temperature e alte pressioni?
In una pentola a pressione mentre faccio i broccoli.
Allora il WTC è stato demolito da uno chef

Citazione:
Nota bene: se l’esplosione è atmosferica non puoi avere le alte pressioni.


E il crollo di pressioni ne ha generate oppure no? 400.000 tonnellate di palazzo in crollo ne generano di pressioni? Storcono colonne? Ma no, abbiamo già deciso che è stata un esplosione nucleare, e ragioniamo alla rovescio cercando eventuali sostegni alla conclusione predeterminata.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 16/10/2012 16:55  Aggiornato: 16/10/2012 16:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
alexbell64 ha scritto:
qual'è l'alternativa per arrivare alla giustizia ed alla verità??


Per assurdo, se tu avessi un parente morto nei crolli, potendo scegliere solo una tra avere la verità e avere giustizia quale sceglieresti?

E' una domanda seria, alex.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Jurij
Inviato: 16/10/2012 17:00  Aggiornato: 16/10/2012 17:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sertes
Citazione:
Per assurdo, se tu avessi un parente morto nei crolli, potendo scegliere solo una tra avere la verità e avere giustizia quale sceglieresti?

Avere giustizia nel senso che ricevi dei soldi per la perdita dei tuoi cari, oppure che i responsabili finiscono sulla sedia elettrica ?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
alexbell64
Inviato: 16/10/2012 17:06  Aggiornato: 16/10/2012 17:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Sdan:
Invece per me non si è nemmeno trattato di un'esplosione termonucleare, non quelle classiche conosciute fin'ora, almeno.
Che si sia trattato di qualcosa di "non-chimico" è palese, perchè non troviamo, tra le reazioni che rientrano nel campo della chimica conosciuta, nessuna che possa giustificare il mantenimento di così elevate temperature sotto alle macerie di un edificio per tante settimane, senza poter adeguatamente alimentare la reazione stessa.
Voglio fare anche una precisazione per coloro che, come sempre in questi casi, hanno pronta l'obiezione "EH, MA, C'ERA COSì TANTO MATERIALE CHE HA FATTO DA ISOLANTE ED IL CALORE SI è MANTENUTO INTATTO, COME FOSSE UN THERMOS!".
Effetto-thermos un paio di palle.
Il materiale era in gran parte di tipo METALLICO, quindi avrebbe CONDOTTO e DISPERSO il calore lontano dal punto dove si formava o dove era contenuto, altro che conservarlo!
Tutte le travi e i rottami d'acciaio e alluminio delle Torri avrebbero fatto da "radiatore", disperdendo per conduzione e successiva convenzione con l'aria le pur alte temperature che si sarebbero sviluppate causa degli incendi, del kerosene, dei serbatoi di benzina delle macchine nei garages sotterranei, della thermite eventualmente utilizzata per tagliare le colonne e di quant'altro usato di convenzionale....inoltre, anche ammettendo che la conduzione di calore verso l'esterno fosse pari a quella di un thermos (assurdo, perchè ci vorrebbero pareti a specchio, intercapedine di vuoto pneumatico e via dicendo), una pur minima conduzione di calore esite anche in quello, tant'è che se mettiamo un tè bollente nel thermos e lo beviamo dopo 48 ore, lo tiraiamo fuori cmq sia FREDDO.-
E parliamo di un liquido a 80-90°C max, nel caso di temperature superiori ai 1000 °C, avete idea di quanto scenda la temperatura anche in condizioni "ideali" tipo-thermos???In sei settimane??????

Detto ciò, torno "a bomba", è il caso di dirlo, a ciò che dicevo in apertura d'intervento: sono convinto più che mai che non abbiano usato un ordigno di tipo convenzionale, perchè pur essendo state rilevati livelli di radiazioni e presenza di radionuclidi "sospette" nelle zona di Ground Zero sopratutto i primi giorni dopo i crolli, questi sono cmq ben aldisotto di quello che è normalmente rilevabile in caso di esperimenti nucleari sotterranei.
Detto in parole povere: quelle cavità trovate nelle fondamenta delle TT e del WTC 7, dall'aspetto "fuso", direi "vulcanico", dovrebbero essere di un radioattivo da far paura, se lì fosse esplosa una bomba termonucleare anche piccola, le rocce attorno, i materiali fusi e solidificati dovrebbero essere fosforescenti di notte, invece no.
Le radiazioni si sono rilevate sopratutto i primi giorni dopo i crolli, e le malattie tumorali e leucemiche dei soccorritori sono insorte a breve distanza di tempo.
Quindi, io sospetto fortemente ed ipotizzo che, per tirare giù quei grattaciali, abbiano usato qualcos'altro, che libera sempre una quantità di energia mostruosa ma con modalità diverse dagli ordigni a fissione o a fusione nucleare di cui si abbia conoscenza ordinaria presso il grande pubblico.
Cosa possano aver usato non lo so' e di certo chi ha fatto questo non lo viene a raccontare ne' a me ne' a voi, ma sono più che sicuro che quella mattina a Manhattan abbiano tetstato "sul campo", quindi in condizioni quantomai reali e non sperimentali come possa essere in un deserto disabitato dello Utah, QUALCOSA che è in grado di sviluppare un tipo di energia termica, meccanica, radiante, elettromagnetica SIMILE ma DIVERSA da quella rilasciata da ordigni convenzionali.
D'altra parte è noto che le notizie di cui si può disporre liberamente presso il "pubblico" riguardo ad armi nucleari e termonucleari risalgano ad almeno vent'anni fa', e che se c'è un campo in cui la ricerca e la sperimentazione vanno al galoppo e non si ferma mai sia proprio quella bellica, legata a nuove armi di distruzione e controllo.
Chi mi dice che le scoperte fatte nel campo della Fusione Fredda da F&P vent'anni fa' e bollate frettolosamente come "bufala scientifica" o certe scoperte fatte da un certo signor Tesla molti decenni fa' non siano state sviluppate in gran segreto, in qualche base sotterranea, all'insaputa persino degli stessi Presidenti o Alti Governanti, magari "mascherate" da studi e sperimentazioni più "convenzionali", per non essere poi utilizzate e "testate" per qualche scopo che, cmq fosse, volevano raggiungere a livello geopolitico???
Allora, se si doveva "creare ad arte" un "incidente" atto allo scopo di scatenare guerre ed attacchi a mezzo Mondo Orientale e nel contempo reprimere e limitare la libertà dei propri cittadini con la scusa del terrorismo, quale occasione migliore per prendere più piccioni con una fava, testando e provando contemporaneamente quei giocattolini nascosti fino a qualche anno fa' e, nel frattempo, fare un grosso favore a Mr. Silverstein che, dall'"attacco" alle sue torri gemelle ci ha guadagnato un mare di soldi ???
Perchè non dovrei legittimamente pensare questo, visto l'andazzo di come si è sempre mosso il Genere Umano??

citazione sertes: Per assurdo, se tu avessi un parente morto nei crolli, potendo scegliere solo una tra avere la verità e avere giustizia quale sceglieresti?
E' una domanda seria, alex.


Sapere la verità significherebbe rinunciare ad avere giustizia?
Come dire, se potessi avere la sicurezza che si è trattato di un "inside job" e sapere anche chi l'ha ordito, messo in atto e portato a termine, di conseguenza non si avvierebbe un procedimento nei confronti dei responsabili di ciò?
Da come poni la domanda sembra che una delle due opzioni escluda automaticamente l'altra.

Riguardo poi a quest'altro tuo commento
<Dove possiamo trovare alte temperature e alte pressioni?
In una pentola a pressione mentre faccio i broccoli.
Allora il WTC è stato demolito da uno chef>
lo ritengo una pura e semplice provocazione da troll, quindi mi spiace persino spendere queste parole per dirti che nemmeno lo voglio commentare.

Jurij
Inviato: 16/10/2012 17:24  Aggiornato: 16/10/2012 17:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
alexbell64
Citazione:
Consigli e suggerimenti?

Perdere qualcuno di vicino in questo modo?

Strada 1:
La ricerca continua della verità che però a lungo logora mentalmente perché rinnova sempre il dolore della perdita subita e può portare alla disperazione.

Strada 2:
Vigilantes, ma ci vuole un grande affiatamento, un legame parentale del gruppo.
Qui non si tratta di una rapina, qui o tu/voi, o loro.
Poi a scaletta dal pesce piccolo a quello più grosso, ammesso che vi sia una pista di collegamento, inoltre non si può lasciare indietro nessuno, ne nemici, ne pentiti.

Strada 3:
Il perdono interno, forse vile, ma la vita va avanti ed è la cosa che ancora ha più di valore nel presente da vivere.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Sdan
Inviato: 16/10/2012 17:27  Aggiornato: 16/10/2012 17:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/2/2012
Da:
Inviati: 83
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Adesso un’atomica nei sotterranei la si sarebbe sentita, eccome, altro che delle detonazioni, li sarebbe stato l’inferno.

Occhio che secondo Khalezov (non lo dico io) le cariche termonucleari sarebbero state posizionate 30 metri al di sotto della fine delle fondamenta.
Sulla superficie non si sente il ‘boato’ dell’esplosione perché nessun tipo di onda la raggiunge.
Ma una decina di secondi dopo l’esplosione accade che la cavità creata si allarga ulteriormente, generando la così detta pressure wave che causa la polverizzazione la dove si ‘sfoga’. Anche in questo caso sulla superficie non si sentono rumori, ma si avverte un piccolo terremoto.

@ Sertes
Heilà! Vedo che esageri sempre con lo yogurt..

Citazione:
Ah, bel modo di ragionare. Scientifico. Rigoroso

Ho sintetizzato al massimo, non intendevo scrivere un trattato.
Se a qualcuno interessa può leggersi khalezov, il mio era un invito alla lettura.

Citazione:
E il crollo di pressioni ne ha generate oppure no? 400.000 tonnellate di palazzo in crollo ne generano di pressioni? Storcono colonne? Ma no, abbiamo già deciso che è stata un esplosione nucleare, e ragioniamo alla rovescio cercando eventuali sostegni alla conclusione predeterminata.

Non credo che il crollo generi pressioni particolari: il fatto che un pilastro vada a sbattere contro un altro pilastro non giustifica la polverizzazione e tanto meno le alte temperature.

Quindi?
“Cosa diavolo fa sciogliere, piegare e polverizzare l'acciaio?”

Decalagon
Inviato: 16/10/2012 17:30  Aggiornato: 16/10/2012 17:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Quindi?
“Cosa diavolo fa sciogliere, piegare [...] l'acciaio?”


Ad esempio un composto incendiario ad alta tecnologia, come quello che è stato trovato all'interno delle polveri del WTC ^_^

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Sertes
Inviato: 16/10/2012 17:38  Aggiornato: 16/10/2012 17:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sdan ha scritto:
Quindi?
“Cosa diavolo fa sciogliere, piegare e polverizzare l'acciaio?”


Per sciogliere e piegare l'acciaio le spiegazioni ci sono.

Adesso hai introdotto anche il tema della polverizzazione, quindi ti chiedo hai una fonte che dimostra che anche l'acciaio s'è polverizzato?

PS: evita i commenti personali Sdan, la tolleranza che ho verso certi neofiti non si applica anche a te.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
fefochip
Inviato: 16/10/2012 18:02  Aggiornato: 16/10/2012 18:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Occhio che secondo Khalezov (non lo dico io) le cariche termonucleari sarebbero state posizionate 30 metri al di sotto della fine delle fondamenta. Sulla superficie non si sente il ‘boato’ dell’esplosione perché nessun tipo di onda la raggiunge. Ma una decina di secondi dopo l’esplosione accade che la cavità creata si allarga ulteriormente, generando la così detta pressure wave che causa la polverizzazione la dove si ‘sfoga’. Anche in questo caso sulla superficie non si sentono rumori, ma si avverte un piccolo terremoto.


si però i sismografi avrebbero dovuto registrare il botto che anche se non ha fatto "rumore" avrebbe generato delle tracce evidenti sui tracciati .no?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
sniperwolf
Inviato: 16/10/2012 18:48  Aggiornato: 16/10/2012 19:59
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi sono appassionato alla spiegazione di Dimitri Khalezov perchè la ritengo di gran lunga la più logica sentita fin'ora, per un motivo molto semplice:
nessuno mi ha mai spiegato come hanno fatto le torri a SPARIRE, perchè non penserete mica che 100 piani di torre spariscano in 6 piani di garage vero?

l'unico a spiegarmelo è stato lui dicendo che sotto le torri gemelle è stata creata una voragine di 100metri di diametro a milioni di gradi con un'esplosione.

per ora questa mi sembra la spiegazione più logica del CROLLO

poi restano parecchi argomenti in sospeso, come quello delle molteplici esplosioni udite durante il crollo (anche se non vedo perchè oltre alla superbomba sotterranea non avrebbero dovuto fare esplodere qualche altra carica nell'edificio tanto per essere sicuri)
o la questione dei sismografi falsificati etc etc
fortunatamente c'è una sua intervista di 4 ore in inglese che consigilo a tutti di vedere visto che mi sembra inutile ripetere ciò che dice lui a quelli che si fanno le stesse domande dell'intervistatore :)

Decalagon
Inviato: 16/10/2012 18:53  Aggiornato: 16/10/2012 18:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
nessuno mi ha mai spiegato come hanno fatto le torri a SPARIRE


Non sono "sparite", si sono "ammucchiate" in una collina di macerie. Esempio:



Questa è una minima parte dei detriti, ma ci sono altre immagini dove si vede meglio.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
sniperwolf
Inviato: 16/10/2012 19:09  Aggiornato: 16/10/2012 19:16
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
posta le altre per cortesia, perchè se mi posti un'immagine con una minima parte di detriti allora non fai altro che farmi convincere ancora di piu' di quel che ho detto:

le torri sono SPARITE, se non interamente, un buon 80-90 per cento..

quella che tu mi chiami "collina", in questa foto sarà alta si e no 15 metri, contro i 500 di torre originaria...







http://api.ning.com/files/WzRNWJbYX493XOUmDb64f0CkDEKVZiuoTLI2nJpoTwNy-C1obv6pPaNUqelSENPRac5MW2Z9WTczrYGvpIXpyaARcdK8nsGY/VeryLargeGapingHolesfromHighExplosivesevenmininukesormultiplesofnukes.jpg?width=737&height=552




cmq io ti ho trovato questa...
non ti sembra che manchi qualcosa?
tipo una torre?

Decalagon
Inviato: 16/10/2012 19:30  Aggiornato: 16/10/2012 19:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
le torri sono SPARITE, se non interamente, un buon 80-90 per cento..


Quindi ci hanno messo dei mesi per rimuovere un 10-20% delle torri, quando il resto era 'sparito'. Teoria interessante. Ti dispiace se ti chiedo da dove arrivano le tue percentuali sulla presunta 'sparizione' dell'acciaio?

Citazione:
cmq io ti ho trovato questa...


Io invece ho trovato questa:



Manca proprio tutto!

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
sniperwolf
Inviato: 16/10/2012 19:44  Aggiornato: 16/10/2012 19:44
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
le percentuali sono ovviamente il derivato di una considerazione a spanne tratta dal mio buonsenso, senza nessuna fonte e non dimostrate da nessun ente autorevole, ma quando parliamo di caduta libera chissà perchè nessuno si chiede mai dove stia cadendo l'edificio.

eppure tutti l'abbiamo visto c-a-d-e-r-e, non sbriciolarsi per via delle molteplici esplosioni..

per la questione dell'acciaio, come ben saprai (parte del)l'acciaio è rimasto fuso in mezzo a (parte del)le macerie, e a mio parere è anche il motivo per il quale ci hanno messo mesi per pulire tutto, appunto perchè non erano macerie ma qualcosa piu' simile ad un vulcano pieno di lava.

cmq se mi hai postato quell'immagine per far capire che dalle immagini non si capisce molto sono d'accordo con te, altrimenti non capisco dove vuoi arrivare...

ahmbar
Inviato: 16/10/2012 20:09  Aggiornato: 16/10/2012 20:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Vorrei invitare chi discute di possibili ordigni nucleaari a leggere un commento che fece tempo fa Dr House, che io condivido in toto


La teoria avanzata da Khalezov soddisfa tutti i requisiti di una classica teoria di depistaggio: di fatto scagiona gli USA da ogni vera responsabilità e, quel che è peggio, cerca di allontanare l'attenzione dalla pistola fumante (lo studio di Niels Harrit), autentica spina nel fianco di tutti i debunker, cercando di sostituire goffamente l'ipotesi nanotermite con l'ipotesi di una demolizione partita dal basso con due bombe termonucleari da 150 chilotoni piazzate a 50 m sotto il livello del suolo.

Moltissimo ci sarebbe da dire sulle assurdità che racconta questo individuo, ad esempio sul Pentagono. Ma, per come la vedo io, già la premessa è talmente sospetta da far cadere immediatamente tutto il resto. L'odore di CIA e di disinformazione si riconosce da lontano.

11/9 La terza verita'



Le bombe le hanno usate, centinaia di testimonianze rendono la cosa certa
La termite, e quella di provenienza militare, oltretutto, e' anch'essa provata
Gli "sbuffi" anche a 40 piani di distanza dal "fronte del crollo" sono sotto gli occhi di tutti, ad ulteriore testimonianza di esplosioni nei piani
Le travi di decine di tonnellate trovate a centinaia di mt di distanza sono la ulteriore prova che qualcosa ha generato l'energia necessaria perche' queste travi fossero scagliate in orizzontale

Manca qualche cosa per completare una demolizione di un edificio?

E' vero che ci sono anche aspetti "strani", ma, casualmente, questi si trovano in TUTTI i fatti del 11/9, frutto ormai evidente, almeno e' questa la conclusione a cui io sono giunto, di un'attenta pianificazione logistica e conoscenza della psiche umana


Come gia' suggerito da altri anche per me sono quindi depistaggi molto ben progettati e realizzati, volti a far discutere di cose indimostrabili per distogliere l'attenzione invece da fatti accertati :nelle provocazioni io provo a non caderci piu', che siano in buona o cattiva fede

Comprendo il desiderio di capire cosa sia esattamente successo, anche io sono curioso ed ho partecipato a credo tutte le discussioni sul tema, pero' l'unica strada percorribile da chi non ha accesso ai documenti, analisi, rapporti, scatole nere e quant'altro e' stato secretato/distrutto rimane quella di evidenziare che, per certo, hanno mentito al mondo intero


Se poi vogliamo specular,e fra di noi , ben venga, ma evitiamo per favore i toni da "ti ho umiliato", specialmente su argomenti in cui nessuno , se non gli ideatori, conosce la verita'
Ho detto fra di noi perche' se qualcuno non informato mostra interesse per l'argomento e chiede "Ma allora com'e' andata?" consiglio la risposta

"E io che ne so? Mica sono un militare o un terrorista/artificiere, io so ormai per certo come NON e' andata, ovvero come ci hanno raccontato

Il mio consiglio e' solo uno: informati, se vuoi, e giudica con la tua testa"

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
DjGiostra
Inviato: 16/10/2012 20:12  Aggiornato: 16/10/2012 20:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Sniperwolf:
Citazione:
eppure tutti l'abbiamo visto c-a-d-e-r-e, non sbriciolarsi per via delle molteplici esplosioni..


Io no !

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Decalagon
Inviato: 16/10/2012 20:15  Aggiornato: 16/10/2012 20:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@sniperwolf

Fa lo stesso, era solo per dirti che l'acciaio non è "sparito" (cosa che non significa assolutamente nulla), è stato tagliato. Comunque credi a quel che preferisci, lungi da me pretendere di farti cambiare idea.
Siao.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
alexbell64
Inviato: 16/10/2012 20:17  Aggiornato: 16/10/2012 20:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi associo alla richiesta di sniperwolf. Quindi mi rivolgo a Decalagon, e chiedo, per cortesia, di postare le immagini o i links ad esse dove si vede una maggiore quantità di macerie a terra.
Da torri d'acciaio vetro ed alluminio di quelle dimensioni che rovinino a terra e restino completamente o la maggior parte sulla pianta originaria, mi aspetto dei cumuli di ferro, pezzi di travi contorte, macerie varie di mobilio, impioanti e quant'altro erano parte delle torri stesse in quantità adeguata.
Facciamo che una torre di 420 metri d'altezza, rovinando e riducendosi a pezzi al suolo, possa produrre un cumulo di macerie principale alto almeno 30-40 metri?
E' ragionevole e logico pensarlo ed aspettarselo?
Perchè quella foto che hai postato, dove affermi che è "una minima parte" del materiale caduto, un cumulo di macerie di quelle dimensioni lo produce un palazzo di una ventina di piani al max. Basti fare il confronto con le dimensioni del camion vicino.

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 20:23  Aggiornato: 16/10/2012 20:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
si però i sismografi avrebbero dovuto registrare il botto che anche se non ha fatto "rumore" avrebbe generato delle tracce evidenti sui tracciati .no?


se non sbaglio non hanno registrato nssuna delle esplosioni avvenute quel giorno

Decalagon
Inviato: 16/10/2012 20:26  Aggiornato: 16/10/2012 20:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Quindi mi rivolgo a Decalagon, e chiedo, per cortesia, di postare le immagini dove si vede una maggiore percentuale di macerie a terra.


Scusami ma non mi occupo di calcolare "percentuali" dalle fotografie, basta che ti fai qualche ricerca su google immagini e ti guardi tutte le macerie che vuoi. Se poi dici che, "secondo te", non bastano... opinioni tue. A me bastano e avanzano.

Se vuoi c'è un esempio di palazzo che è letteralmente "sparito":

http://www.youtube.com/watch?v=pk4YF4NwJls

Ti "bastano" le macerie che hanno ritrovato?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Merio
Inviato: 16/10/2012 20:28  Aggiornato: 16/10/2012 20:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Come ha ben dimostrato Massimo nei vari video, per far crollare le Torri ci voleva una forza diversa dalla sola forza di gravità... per cui dobbiamo avere una sommatoria di forze esterne diversa da quest'ultima che chiamerò E... dico sommatoria perché non sappiamo la natura di essa e suppongo la presenza di più componenti...
La prima direi che è la nanothermite, o comunque una sostanza che ben si presta per essere usata come materiale da demolizione.
Questo potrebbe spiegare il crollo sequenziale dall'alto verso il basso, con la parte superiore delle torri che procede verso il suolo mentre le cariche man mano fanno sparire la resistenza dei piani sottostanti... mi sembra un' opzione possibile e che ben si presta a spiegare parte delle anomalie riscontrate durante il giorno...
Però abbiamo un'enorme quantità di materiale polverizzato e prove di piccoli inferni presenti sotto le macerie del WTC... dall'esplosivo si desidera che liberi la sua energia potenziale tutto d'un botto e in maniera ben direzionata... inoltre le cariche utilizzate dovevano sì essere ampiamente sufficienti per buttare giù le strutture, ma anche il minimo possibile per minimizzare l'opera di piazzamento ed eventuali problemi durante l'esecuzione(cariche cilecca, attivazioni anticipate ect...) quindi non credo che polverizzazione e piccoli inferni siano dovuti alla nanothermite, o chi per essa...
Dobbiamo avere quindi almeno una seconda fonte di energia avente la caratteristica di essere liberata per lunghi periodi tempo e in grado di far fondere i metalli, e pure il cemento... potrebbe essere di origine nucleare?? Sembrerebbe di sì, ma qui la mia ignoranza subentra sulla dinamica di utilizzo di tali armi... ho postato una foto di una possibile bomba atomica gun type, ma i miei dubbi sono che l'energia di tale arma venga liberata tutta in un colpo, e non abbia carattere direzionale accentuato... quindi avrebbe avuto degli effetti difficili da nascondere(sempre in base a quello che so in proposito cioè poco)...

Tirando le somme abbiamo che:
E = n(nanothermite) + x(contributo sconosciuto);

Se vogliano essere precisi bisogna tener conto anche della forza di gravità, ma penso che E abbia dato un contributo tale al crollo da poter trascurare il contributo dell'energia potenziale dei blocchi superiori delle Torri...

Questa sommatoria agente sulle Torri ne ha causato la distruzione quasi totale...

Pace ai vostri sensi

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Teba
Inviato: 16/10/2012 20:37  Aggiornato: 16/10/2012 20:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ricordo che nello studio di Harrit è stata trovata nanothermite ancora incombusta, oltre a quella che aveva già reagito.

E' proprio necessario scomodare le mininukes?
Non credo.

m4x
Inviato: 16/10/2012 20:40  Aggiornato: 16/10/2012 20:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo, per quanto riguarda il documentario ho trovato questo > http://movies.nytimes.com/movie/287904/Collateral-Damages/overview

PS - Se mi leggi ti ho scritto un post sopra.

Edit: Grazie per il messaggio Jurij, ora il link funge

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 20:40  Aggiornato: 16/10/2012 20:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Ricordo che nello studio di Harrit è stata trovata nanothermite ancora incombusta.


ma quale supermegananotermithe quella è solo comunissima vernice


Gpl
Inviato: 16/10/2012 20:42  Aggiornato: 16/10/2012 20:42
So tutto
Iscritto: 8/9/2012
Da:
Inviati: 13
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Pozze di metallo fuso alle basi delle torri gemelle ... Chi le ha mai viste ?

è il migliore !!! ahahahahaha

alexbell64
Inviato: 16/10/2012 20:42  Aggiornato: 16/10/2012 20:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
La nanothermite non brucia senza soste per settimane sotto a metri di materiale in assenza d'ossigeno.
Per ottenere ciò dovresti alimentare con nuova nanothermite in continuazione e fornire adeguata ventilazione.
Ed in ogni caso non produce nuvole di acciaio polverizzato in maniera nanoscopica che si deposita su un'intera città come cenere di un vulcano.

Teba
Inviato: 16/10/2012 20:48  Aggiornato: 16/10/2012 20:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
La nanothermite non brucia senza soste per settimane sotto a metri di materiale in assenza d'ossigeno. Per ottenere ciò dovresti alimentare con nuova nanothermite in continuazione e fornire adeguata ventilazione.


Chi ha detto che la nanothermite abbia bruciato per settimane?

Se nello studio di Harrit è stat trovata ancora in forma incombusta significa che è possibile che in alcune zone abbia reagito anche diversi giorni dopo.
E se nello studio hanno trovato nanothermite ancora incombusta significa che era ancora disponibile delle thermite che potenzialmente poteva alimentare e mantenere le temperature.

Le mininuke invece non rispondono a questo.

PS: se riesci a mostrarmi una ricerca scientifica pubblicata e peer reviewed che mostra indizi di ordigni atomici nelle polveri di ground zero sono pronto e ripensare l'attuale verità.

FedeV
Inviato: 16/10/2012 20:49  Aggiornato: 16/10/2012 20:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Teba Inviato: 16/10/2012 20:37:26

Ricordo che nello studio di Harrit è stata trovata nanothermite ancora incombusta, oltre a quella che aveva già reagito.

E' proprio necessario scomodare le mininukes?
Non credo.
_______________________________________________________________________________________

@tutti

Qualcuno ha mai visto la nanothermite in azione in un video o in fotografia?

Decalagon
Inviato: 16/10/2012 20:49  Aggiornato: 16/10/2012 20:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Ed in ogni caso non produce nuvole di acciaio polverizzato in maniera nanoscopica che si deposita su un'intera città come cenere di un vulcano.


Infatti non è mai esistito niente del genere.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Jurij
Inviato: 16/10/2012 20:51  Aggiornato: 16/10/2012 20:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
sniperwolf
Citazione:
eppure tutti l'abbiamo visto c-a-d-e-r-e, non sbriciolarsi per via delle molteplici esplosioni..

Va bene che ad un certo punto, per la troppa polvere in aria, non si vede quasi più niente, ma all’inizio si vedono bene le esplosioni in serie.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Teba
Inviato: 16/10/2012 20:51  Aggiornato: 16/10/2012 20:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
@tutti Qualcuno ha mai visto la nanothermite in azione in un video o in fotografia?


Si. Nei video dei test d'ignizione proprio nello studio di Harrit.

Jurij
Inviato: 16/10/2012 20:54  Aggiornato: 16/10/2012 20:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Decalogon
Citazione:
Se vuoi c'è un esempio di palazzo che è letteralmente "sparito":

http://www.youtube.com/watch?v=pk4YF4NwJls

Grazie Decalogon, molto chiaro.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
FedeV
Inviato: 16/10/2012 20:57  Aggiornato: 16/10/2012 20:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Teba Inviato: 16/10/2012 20:51:54

Si. Nei video dei test d'ignizione proprio nello studio di Harrit.
______________________________________________________________________________________

Grazie.

Jurij
Inviato: 16/10/2012 21:17  Aggiornato: 16/10/2012 21:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Massimo, certo che l'ultima domanda del tuo video non è di poco conto.

In effetti per mantenere un'energia del genere e fondere addirittura putrelle d'acciaio per costruzioni, lo puoi fare solo con una poderosa reazione chimica, la quale scopriremo forse fra 25 anni nel suo utilizzo civile.

Allora qualcuno si ricorderà di questa vicenda e tenterà forse di analizzare il "meteorite" per cercarne le prove.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 21:18  Aggiornato: 16/10/2012 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Si. Nei video dei test d'ignizione proprio nello studio di Harrit.


Teba ti riferisci a questo video?

http://www.youtube.com/watch?v=4eLuyOqWER4

Teba
Inviato: 16/10/2012 21:24  Aggiornato: 16/10/2012 21:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Mi pareva ce ne fosse anche un altro ma non riesco a trovarlo.
Si comunque quello è il test d'ignizione.

NiHiLaNtH
Inviato: 16/10/2012 21:50  Aggiornato: 16/10/2012 21:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
ma cacchio una ripresa decente non la potevano fare? possibile che nessuno avessse una buona videocamera? boh io ste cose proprio non le capisco

Redazione
Inviato: 16/10/2012 22:13  Aggiornato: 16/10/2012 22:13
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
ETRNLCHLD: "Al min 4:06 dice "Ho visto traverse di acciaio fuse....", ma nella scritta sotto si legge "I say...", un refuso?

Sì. Grazie e mille. Per fortuna che te ne sei accorto.

***

M4X: "Massimo, nella versione finale del video c'inzupperei pure questa. I dechiacchiers sbraitano sempre dicendo che il metallo fuso rinvenuto nella "pila" non e' mai stato analizzato e quindi non si può parlare con sicurezza d'acciaio fuso... La frasetta in questione invece parla chiaro e li inchioda."

Confesso che ormai sono vicino al tracollo (non ce la faccio più ad andare avanti - a mettere e togliere roba - ). Comunque anche su questo hai ragione.

"Massimo, per quanto riguarda il documentario ho trovato questo..."

Grazie, nel frattempo ho scaricato il film.

***

SDAN: "Affermare che la VU è falsa è utile se si parla con chi non si è mai informato sulla questione. Per chi si è informato, anche poco, è una cosa scontata."

Il mio film si rivolge a chi non si è mai informato sulla questione. Ovvero il 99,9 % della popolazione mondiale.

(Nice try anyway ).

m4x
Inviato: 16/10/2012 22:32  Aggiornato: 16/10/2012 22:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Dai che il prossimo e' un film comico, me lo sento... Avrei già pronto il soggetto: un certo Paolo

Redazione
Inviato: 16/10/2012 23:43  Aggiornato: 16/10/2012 23:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
M4X: Thanks.

Ho scoperto adesso che la citazione sul "molten steel" è la stessa dei pompieri di NY che già utilizziamo tutti. Sarebbe stato un doppione.

E' qui

http://www.youtube.com/watch?v=7QaookqVa-8

al minuto 3:40

(Il documentario è MOLTO bello - guardalo se hai tempo. Specialmente il pezzo in cui i pompieri maledicono Allah e i talebani. Poveracci. Cornuti e pure mazziati).

Redazione
Inviato: 16/10/2012 23:47  Aggiornato: 16/10/2012 23:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
BERNUGA: basta con gli insulti e con gli attacchi personali.

m4x
Inviato: 17/10/2012 0:13  Aggiornato: 17/10/2012 0:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ecco da quale documentario viene la testimonianza di Ruvolo... Mi ha fregato la fantasiosa citazione messa da 911 research, bui di ulo

czar
Inviato: 17/10/2012 8:51  Aggiornato: 17/10/2012 8:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/2/2009
Da:
Inviati: 313
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
la prolungata combustione può derivare da lente combustioni in carenza di ossigeno, quello che stupisce maggiormente sono le temperature.

io ho molta esperienza di combustione di materiali legnosi, vi posso assicurare che non è raro vedere combustioni lente anche di 10 giorni su un volume di 2-3 mc. lascio immaginare cosa può succedere con un tappo isolante di decine di migliaia di tonnellate e magari migliaia di tonnellate di combustibile in carenza di ossigeno.

il problema è che solo pochi combustibili a quelle condizioni sviluppano tali temperature.



per il volume delle torri pensate che erano scatole vuote come dice il buon angela...... se comprate una scatola piegata è come un foglio di cartone no ?

Angela a parte il volume interno era per la maggior parte costituito da aria, pensate a un vetro di 2 x 1,2 mt con telaio metallico se prendete un martello e fracassate il vetro, poi fondete e piegate il metallo vi entrerà tutto in un bidone da 25 lt circa (esperienza fatta per lo smaltimento dei pezzi di impianti solari danneggiati).
pensate a fare una torre di 2 mt con 4 di questi vetri e comparare il volume che occupa in confronto dei pochi cm3 dei bidoni.....

NiHiLaNtH
Inviato: 17/10/2012 9:38  Aggiornato: 17/10/2012 9:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Mi pareva ce ne fosse anche un altro ma non riesco a trovarlo.


ho trovato questo album di foto che dovrebbe essere di Kevin Ryan

http://www.flickr.com/photos/[email protected]/sets/72157611572140729/

ci sono diverse foto dei residui di nanothermite non combusta
da quello che ho capito Ryan ha preso uno dei chip rossi e lo ha acceso solo che ci sono le foto dei residui ma non quelle dell'accensione

czar
Inviato: 17/10/2012 10:44  Aggiornato: 17/10/2012 10:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/2/2009
Da:
Inviati: 313
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ Massimo

non so se mi ripeto da qualche parte ma.... hai mai pensato ad un capitolo dedicato alla improbabilità di tutti i fatti nel contesto generale ?

insomma una cosa che riassuma tutte le improbabilità che sono sparse nei vari capitoli e che rischiano di essere disperse nelle varie vicende ?

la logica che io è :" ammettiamo per un attimo che tutto quanto detto fin ora sia falso e la VU vera, allora dovremmo accettare che:
- mai caduto un edificio in acciaio per incendi nella storia ma ne sono caduti 3 in un sol giorno.
- mai successo nella storia aerea che un grosso aereo si vaporizzi ma nello stesso giorno se ne vaporizzano 4.
- nonostante l'acciaio si vaporizza per un miracolo si salvano i documenti dei dirottatori.
- piloti che tutti ricordano per la loro incapacità compiano senza sbagliare evoluzioni da circo."
ecc. ecc.

insomma io credo che raccontando tutto questo si riesce a fare una sorta di riassunto finale che tira le somme ed al contempo inserire un'altro dubbio : "possibile che tutte queste incredibili coincidenze si siano dovute mettere in fila perché questo avvenisse anche ammettendo la vu per ogni singolo caso ?"

comunque ancora complimenti mi piace un sacco e vedrò di diffondere il verbo !

Ps ma non è che l'uscita di attivissimo sia dovuta proprio al tuo film ?
come ha visto i primi spezzoni ha pensato di darsi all'ippica !


FedeV
Inviato: 17/10/2012 13:44  Aggiornato: 17/10/2012 13:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Teba Inviato: 16/10/2012 21:24:01

Mi pareva ce ne fosse anche un altro ma non riesco a trovarlo.
Si comunque quello è il test d'ignizione.
_____________________________________________________________________________________________

Anche io sto facendo fatica a trovarli i video. Avete qualche altro link?

Salva81
Inviato: 17/10/2012 14:37  Aggiornato: 17/10/2012 14:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
In risposta a SNIPERWOLF.

Il cumulo di macerie che a "spanna" giudichi in 15 m a fronte di una torre di 500!?!?!? metri (ho letto bene?) non è ovviamente tutto li.

Come sicuramente NON saprai, (e lo ipotizzo dal fatto che indichi 500m e dimostri di conoscere poco o niente ciò di cui stai parlando) ciascuna delle due torri si estendeva sotto il piano stradale per 6 sottolivelli di cui uno di servizio.

Nell'immagine seguente puoi vedere tale estensione.
Per tua comodità ho tracciato delle linee rosse in concomitanza col piano stradale e col piano dello scavo per darti un colpo d'occhio maggiore.

Questa immagine è anche significativa a mio avviso, perché trasmette davvero 'idea della solidità e della robustezza del core. Ora immaginate lo stesso core esteso sino a 400m...ammettendo che il fuoco avesse indebolito una parte in particolare del core, e una parte di torre avesse collassato, questa non appena avesse raggiunto la parte più in basso "sana" avrebbe arrestato il collasso e la parte già caduta libera avrebbe rovinato probabilmente ai lati, lasciando il core così come lo vediamo scoperto. Invece al contrario, il core ha ceduto TUTTO SINO IN BASSO SINO A TERRA. Cavoli ma guardate la foto. Come cavolo è possibile che una struttura così, si sia disintegrata dall'alto in basso se non con una demolizione. Cavoli è così ovvio che mi vergogno a ribadirlo.



Ma tornando alle macerie che sarebbero di soli 15 metri di altezza.
In questa altra foto la profondità è ancor più evidente.
Ho inserito anche qui le due linee rosse.



Questa immediatamente sotto ha in primo piano una delle travi con i plate in prossimità delle putrelle che compongono i vari piani e ti da un ulteriore idea della profondità del basement. Ho inserito per ogni piano la descrizione , ma purtroppo nella riduzione per non sformattare il forum si vede poco o niente. Cmq c'è scritto :

Ground Level
Service Level
Basement level 1
Basement level 2
Basement level 3
Basement level 4
Basement level 5



Nell'ultima immagine puoi vedere l'altezza del sottolivello 5.
A "spanna" come hai già fatto moltiplica questo per altri 5 livelli a ritroso sino ad arrivare al livello stradale e ti renderai conto che per difetto mettiamo caso che abbiamo una media di 11piedi di altezza per sottolivello abbiamo 66 piedi che corrispondono a circa 20 metri. Ora recupero le misure esatte e ti do la giusta profondità, intanto ti puoi fare un idea sommaria con la foto sotto.



Infine tanto per gradire e non fa mai male anche se off topic, immaginate un 767 che impatta in questa colonne e su questi piani...che dite, così a "spanna", vi passa attraverso o rimbalza e i cocci cadono al suolo...


migZ
Inviato: 17/10/2012 14:51  Aggiornato: 17/10/2012 14:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
bellissime foto Salva81 e, davvero, sebbene ritenga piuttosto fantascientifica la teoria no planes, a vedere questo reticolo di pilastri di acciaio inizio a fare fatica a pensare ad un aereo di plastica e alluminio che taglia tutto ed entra come lama nel burro.
più che rimbalzare "a spanne" mi aspetterei che entri e sia ridotto "julienne" come le carote attraverso una grattugia, motori e poco altro a parte.
di sicuro queste foto non possono che far abbandonare anche ai più scettici l'idea che un incendio normale abbia potuto indebolire una struttura del genere.

NiHiLaNtH
Inviato: 17/10/2012 15:32  Aggiornato: 17/10/2012 15:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
a vedere questo reticolo di pilastri di acciaio


pilastri VUOTI
le dimensioni le ha postate qualcuno nell'altro topic

Citazione:
mi aspetterei che entri e sia ridotto "julienne"


infatti il risultato è stato proprio quello solo che a causa dell'alta velocità dell'aereo hanno ceduto anche le colonne esterne

matteog
Inviato: 17/10/2012 15:54  Aggiornato: 17/10/2012 15:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

mi associo un po' a quello che dice czar

ci vorrebbe una grafica finale in cui elencare tutte gli eventi e le loro probabilità infinitesimali o almeno il fatto che non siano mai successe tutte queste cose sia singolarmente che tutte insieme.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Salva81
Inviato: 17/10/2012 16:12  Aggiornato: 17/10/2012 16:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:


infatti il risultato è stato proprio quello solo che a causa dell'alta velocità dell'aereo hanno ceduto anche le colonne esterne



esatto, mi hai anticipato,
qui trovi le info sulle misure dei pilastri, postato da Sertes e a metà pagine le foto in un mio intervento, sulla simulazione che mostra la "julienne" nel caso di ala senza carburante e come al conrtario il pilastro viene divelto dall'ala piena di carburante, e infine il danno potenziale del motore su pilastri, spandrel, floor truss e colonne di core.

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4092


Ciao.
Salva

migZ
Inviato: 17/10/2012 16:55  Aggiornato: 17/10/2012 16:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
NiHiLaNtH Citazione:
pilastri VUOTI


Salva81 Citazione:
info sulle misure dei pilastri


me l'ero perso, grazie per l'appunto

Sertes
Inviato: 17/10/2012 17:13  Aggiornato: 17/10/2012 17:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Salva81 ha scritto:
qui trovi le info sulle misure dei pilastri, postato da Sertes e a metà pagine le foto in un mio intervento, sulla simulazione che mostra la "julienne" nel caso di ala senza carburante e come al conrtario il pilastro viene divelto dall'ala piena di carburante, e infine il danno potenziale del motore su pilastri, spandrel, floor truss e colonne di core.


Inoltre, come mostrato anche dall'ultima foto postata adesso da Salva81 in cui il core si inizia ad intravedere a sinistra, ci sono parecchie traiettorie che "incontrano solo aria" anche nel core (in realtà che incontrano il vetro d'ingresso, alcuni muretti di separazione, attraversano il core senza impattare nessuna delle 47 colonne massicce del core, e infine il vetro di uscita)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 17/10/2012 18:54  Aggiornato: 17/10/2012 18:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
CZAR: "hai mai pensato ad un capitolo dedicato alla improbabilità di tutti i fatti nel contesto generale ?"

Yes. Alla fine del film.

DrHouse
Inviato: 17/10/2012 19:15  Aggiornato: 17/10/2012 19:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
CZAR: "hai mai pensato ad un capitolo dedicato alla improbabilità di tutti i fatti nel contesto generale ?"
Yes. Alla fine del film.

Pensaci bene, Massimo.
Secondo me, lì si entra in un campo diverso: non più la demolizione della VU, ma finalmente quello delle ipotesi alternative. Io non vedo l'ora che si passi a questa fase, ma da quello che ho potuto vedere finora dai tuoi spezzoni, direi che non ci azzecca molto con il resto del film, per dirla alla Di Pietro.

Parlare delle strane coiincidenze dell'11 settembre non solo merita, ma addirittura presuppone un approccio diverso al problema.
My two cents.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
sniperwolf
Inviato: 17/10/2012 19:52  Aggiornato: 17/10/2012 19:55
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ahmbar
"La teoria avanzata da Khalezov soddisfa tutti i requisiti di una classica teoria di depistaggio: di fatto scagiona gli USA da ogni vera responsabilità"

e perchè mai dovrebbe scagionare gli usa il fatto che sia stato usato un ordigno nucleare?

" e, quel che è peggio, cerca di allontanare l'attenzione dalla pistola fumante (lo studio di Niels Harrit), autentica spina nel fianco di tutti i debunker, cercando di sostituire goffamente l'ipotesi nanotermite con l'ipotesi di una demolizione partita dal basso con due bombe termonucleari da 150 chilotoni piazzate a 50 m sotto il livello del suolo."

come ho scritto ieri, personalmente non penso che basti UNA SINGOLA carica, seppur nucleare, a demolire un edificio (sottolineo demolire, non distruggere)
a mio parere la carica è servita per distruggere buona parte del nucleo centrale delle torri, dopodichè possono benissimo aver usato altre centinaia di cariche per fare una demolizione così pulita.


"Moltissimo ci sarebbe da dire sulle assurdità che racconta questo individuo, ad esempio sul Pentagono. Ma, per come la vedo io già la premessa è talmente sospetta da far cadere immediatamente tutto il resto., L'odore di CIA e di disinformazione si riconosce da lontano"

questo semplicemente non è il mio modo di ragionare



@Decalagon
"Se vuoi c'è un esempio di palazzo che è letteralmente "sparito":

http://www.youtube.com/watch?v=pk4YF4NwJls

Ti "bastano" le macerie che hanno ritrovato?"

anche io subito dopo aver sentito la spiegazione di dimitri mi sono andato a vedere altre demolizioni, e in effetti ero rimasto perplesso perchè anche lì le macerie erano poche, ma il fatto è questo:
premesso che gli altri palazzi demoliti erano si e no 20 piani,
il fatto è che la struttura delle torri gemelle era tutta in acciaio, e pochissimi grattacieli sono fatti così da quel che so io
c'è una bella differenza tra il cemento e l'acciaio, quando hai da demolire una struttura di acciaio non ti basta tagliarlo, lo devi sciogliere!
pensa che per tagliare acciaio spesso 10mm bisogna usare il taglio al plasma o al laser...

quindi non mi sembra strano pensare che gli sia servito qualcosa un po' piu' efficace che le solite cariche per demolizione standard...
per quanto riguarda la thermite non sono un esperto, ma ho sempre e solo visto video dove riescono a PERFORARE l'acciaio, niente a che vedere con quello che è successo alle torri, dove sono riusciti a scioglierene tonnellate...
e conta che dovevano esserne capaci anche negli anni 60.

@Salva81
"Il cumulo di macerie che a "spanna" giudichi in 15 m a fronte di una torre di 500!?!?!? metri (ho letto bene?) non è ovviamente tutto li.

Come sicuramente NON saprai, (e lo ipotizzo dal fatto che indichi 500m e dimostri di conoscere poco o niente ciò di cui stai parlando) ciascuna delle due torri si estendeva sotto il piano stradale per 6 sottolivelli di cui uno di servizio"

la prima frase del mio primo commento era questa

"Mi sono appassionato alla spiegazione di Dimitri Khalezov perchè la ritengo di gran lunga la più logica sentita fin'ora, per un motivo molto semplice:
nessuno mi ha mai spiegato come hanno fatto le torri a SPARIRE, perchè non penserete mica che 100 piani di torre spariscano in 6 piani di garage vero?"

sull'altezza delle torri, avevo letto che era 520 con l'antenna, non pensavo che senza diventasse 417, grazie di avermelo fatto notare.

non capisco il perchè molti escludano a priori l'utilizzo di ordigni atomici per scopi civili, io personalmente non ho ancora trovato un motivo valido per escluderlo.

p.s.
io sto solo cercando di avere uno scambio di opinioni per capire se mi sono bevuto una storia falsa oppure no
quindi non cercate di capire i miei toni da un testo scritto, sappiate solo che sono sempre amichevole e solare

DrHouse
Inviato: 17/10/2012 20:28  Aggiornato: 17/10/2012 20:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
e perchè mai dovrebbe scagionare gli usa il fatto che sia stato usato un ordigno nucleare?

The American governement has nothing to do with the 9/11 perpetrators, but it was just the victim

Tra le varie stronzate che racconta, Khalezov sostiene che il Pentagono fu colpito da un missile a testata nucleare di fabbricazione sovietica che però non è esploso. La teoria non meriterebbe neppure un commento se non fosse che, guarda caso, Khalezov è venuto fuori proprio quando si è iniziato a parlare di un missile AGM-65J Maverick installato a bordo di un Global Hawk RQ4A. Per la cronaca, due di questi droni erano "unaccounted for" nel 2001, poi la USAF ha detto di averli persi in Afghanistan. Strana coincidenza anche quella di tirare fuori gli ordigni termonucleari subito dopo che è stato pubblicato lo studio di Harrit.

Io non so a quale gioco giochi Khalezov. O è un disinformatore della CIA o manda un messaggio in codice da parte di Putin. Della serie, occhio, se vogliamo raccontiamo al mondo intero come sono andate davvero le cose.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
FedeV
Inviato: 17/10/2012 21:40  Aggiornato: 18/10/2012 21:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Salva81 Inviato: 17/10/2012 14:37:19

In risposta a SNIPERWOLF.

Ma tornando alle macerie che sarebbero di soli 15 metri di altezza.
In questa altra foto la profondità è ancor più evidente.
Ho inserito anche qui le due linee rosse.

_______

Io non so per sniperwolf ma per me la mancanza di macerie solide si evince anche da questa foto































la torre sud è appena crollata sopra l'hotel e si nota bene dai veicoli il problema del cumulo di macerie che mi rappresenterebbe 110 piani (la scena si può vedere anche in un video).

La cosa che mi rode da anni ma che per me non ha ancora spiegazione, se non che la maggior parte di wtc si è polverizzato prima di toccare terra, è: quello squarcio nell'hotel, causato dalle macerie in caduta, non dovrebbe essere pieno di macerie visto che gli sono appena caduti sopra 100 piani di roba?















































questa mostra la "polverizzazione" di circa meta della torre sud. Notare che è ancora tutto in volo e quegli interessanti pennacchietti scuri appena sopra le macerie che nei video tendono ad andare verso l'alto. Come chiamare ciò che stiamo vedendo?

Gab88
Inviato: 18/10/2012 12:36  Aggiornato: 18/10/2012 12:36
So tutto
Iscritto: 19/10/2011
Da:
Inviati: 8
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Leggermente off topic, ma qui ci sono delle foto (alcune già caricate) davvero belle della fase costruttiva. Danno un senso di solidità impressionante. Nella seconda pagina ci sono anche delle planimetrie.
http://letsrollforums.com/world-trade-center-constructions-t24782.html?s=16029392b17c1adaba82b7ac71d6c2f5&

qui foto dell'interno

http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=56090&page=51

Sdan
Inviato: 18/10/2012 13:03  Aggiornato: 18/10/2012 13:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/2/2012
Da:
Inviati: 83
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Messa in altri termini, la domanda di Massimo è questa: Perché sotto le macerie, nelle fondamenta, c’era una temperatura di parecchie centinaia di gradi? Come si sono create le pozze di metallo fuso?
Dagli interventi che precedono mi sembra che siano emerse 3 ipotesi:

1) La Nanotermite. Ecco, qui avrei bisogno di una spiegazione, perché non ho proprio capito quale sarebbe la dinamica:
- Noi dobbiamo demolire i 3 edifici con delle ‘cariche’ di nanotermite (ed esplosivo).
- Piazziamo le ‘cariche’ lungo i pilastri d’acciaio e al momento giusto premiamo il pulsante.
- Inizia la sequenza di esplosioni, per ciascuna ‘carica’ la nanotermite raggiunge per pochi secondi un’alta temperatura (diciamo 5.000 gradi) e fonde l’acciaio nei soli punti di taglio.
- L’acciaio fuso precipita quindi al suolo insieme al resto delle macerie.
- A questo punto l’acciaio fuso dovrebbe in qualche modo ‘colare’ sotto le macerie e raccogliersi in pozze.
L’ultimo punto, andando a buonsenso, mi sembra molto inverosimile: Già col precipitare al suolo l’acciaio fuso si raffredda, e quindi diventa meno fluido, che poi giunto al suolo possa filtrare tra macerie, materiale polverizzato e tutto il resto.. Non so a voi, ma a me la cosa non torna.

2) La Bomba Atomica. Con questa ipotesi è abbastanza facile rispondere, perché nell’esplosione nucleare si sviluppano temperature di milioni di gradi e pressioni di milioni di atmosfere, e quindi, nell’ipotesi la bomba sia stata posizionata al di sotto delle fondamenta, è scontato ritrovarsi al termine del crollo con altissime temperature e pozze nelle fondamenta, sotto le macerie.

3) Arma/Sostanza Sconosciuta. Non so proprio cosa dire di una cosa non conosciuta..

Citazione:
Adesso hai introdotto anche il tema della polverizzazione, quindi ti chiedo hai una fonte che dimostra che anche l'acciaio s'è polverizzato?

In realtà ho solo riproposto la domanda di matteog (16/10/12 13:12).
Brevemente, visto che siamo fuori tema: Non ho una fonte che dimostra che l’acciaio si è polverizzato, a dir la verità non l’ho mai cercata perché a me la cosa appare evidente al Buonsenso:
- Come già esposto da sniperwolf, semplicemente non ci sono abbastanza macerie.
- Se teniamo presente che le torri (e il WTC7) erano edifici d’acciaio, che la maggior parte del cemento utilizzato è stato impiegato nelle fondamenta, e che il resto del cemento è stato posato nelle strutture metalliche che costituivano i “pavimenti”, che cos’è quella roba grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?

Io sono sempre diffidente nei confronti delle fonti, specialmente nella vicenda 11/9.
Per esempio: sopra fefochip rilevava che una esplosione nucleare sotterranea sarebbe dovuta essere rilavata dai sismografi.
Infatti la Columbia University ha pubblicato questi tracciati
http://www.ldeo.columbia.edu/LCSN/Eq/20010911_wtc.html
Ma siamo sicuri che non siano stati manipolati?
Il russo sostiene che sono stati manipolati, chi avrà ragione?
Nel dubbio preferisco affidarmi a San Buonsenso.

In ogni caso, tornando alla polverizzazione, l’assenza della ‘prova’ non costituisce una dimostrazione della mancata polverizzazione dell’acciaio.
In mancanza di prove certe “non si sa” se l’acciaio è stato polverizzato.

Citazione:
perchè mai dovrebbe scagionare gli usa il fatto che sia stato usato un ordigno nucleare?

Secondo Khalezov sarebbero stati usati 3 ordigni nucleari, uno per ciascun edificio demolito.
Le tre le demolizioni sarebbero state eseguite dal governo Usa, con questa differenza: le prime due demolizioni (le torri) il governo le avrebbe decise ed eseguite nella frenesia dei momenti successivi agli attacchi aerei alle torri e soprattutto a seguito dell’attacco al pentagono, per paura di danni molto maggiori - quindi sostanzialmente il governo sarebbe stato raggirato, indotto a premere il ‘red button’.
La terza demolizione (il WTC7) sarebbe stata eseguita nell’ambito del cover-up, solo per nascondere quanto accaduto realmente (nel WTC7 c’era il centro di controllo di tutto il complesso WTC, e quindi anche il ‘red button’).
Quindi difatti Khalezov scagiona il governo Usa.
Personalmente tengo in piedi tutte le opzioni.


Per finire, e per chi è interessato all’opzione nucleare, quanto segue è uno stralcio della pagina http://en.wikipedia.org/wiki/Underground_nuclear_testing

“The energy of the nuclear explosion is released in one microsecond. In the following few microseconds, the test hardware and surrounding rock are vaporised, with temperatures of several million degrees and pressures of several million atmospheres. Within milliseconds, a bubble of high-pressure gas and steam is formed. The heat and expanding shock wave cause the surrounding rock to vaporise, or be melted further away, creating a melt cavity. The shock-induced motion and high internal pressure cause this cavity to expand outwards, which continues over several tenths of a second until the pressure has fallen sufficiently, to a level roughly comparable with the weight of the rock above, and can no longer grow. Although not observed in every explosion, four distinct zones (including the melt cavity) have been described in the surrounding rock.
The crushed zone, about two times the radius of the cavity, consists of rock that has lost all of its former integrity.
The cracked zone, about three times the cavity radius, consists of rock with radial and concentric fissures.
Finally, the zone of irreversible strain consists of rock deformed by the pressure.
The following layer undergoes only an elastic deformation; the strain and subsequent release then forms a seismic wave. A few seconds later the molten rock starts collecting on the bottom of the cavity and the cavity content begins cooling. The rebound after the shock wave causes compressive forces to build up around the cavity, called a stress containment cage, sealing the cracks.”

I curiosoni che si prenderanno la briga di accedere alla pagina di wikipedia potranno notare un’immagine nella quale il punto della superfice terrestre sulla verticale della bomba viene chiamato “ground zero”.

Sertes
Inviato: 18/10/2012 13:24  Aggiornato: 18/10/2012 13:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ok Sdan, prove della polverizzazione dell'acciaio non ce ne sono, è una cosa che semplicemente tu deduci per via del buonsenso.

Parlare di cose di cui si hanno le prove significa fare un discorso serio, mentre se facciamo affermazioni che non si possono dimostrare non siamo altrettanto seri, e in fin dei conti potremmo dire tutto e il contrario di tutto.
Di nuovo, per spiegare il paradosso in cui tu e un paio di altri utenti vi siete infilati, serve il paragone con la magia.
Della magia si parla da centinaia di anni, ben prima che venisse coniato il termine ground zero. La magia da sola risolve l'intero problema, non solo i crolli. E, per ragionare come dici tu, non ci sono prove che NON sia stata la magia. Magari, ti potrebbe dir qualcuno, le torri le hanno demolite delle streghe invisibili... dopotutto nel fermo immagine di un particolare sbuffo di fumo si può intravedere il volto del diavolo, no? Quindi come vedi se uno sceglie di allontanarsi dalla scienza, dalla logica e dalle prove può dire tutto e giustificare tutto.

Però non è che sia un approccio serio e rigoroso, dire "c'era roba bianca che cadeva, potrebbe essere acciaio polverizzato"

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 18/10/2012 13:27  Aggiornato: 18/10/2012 13:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sdan ha scritto:
- L’acciaio fuso precipita quindi al suolo insieme al resto delle macerie.
- A questo punto l’acciaio fuso dovrebbe in qualche modo ‘colare’ sotto le macerie e raccogliersi in pozze.
L’ultimo punto, andando a buonsenso, mi sembra molto inverosimile: Già col precipitare al suolo l’acciaio fuso si raffredda, e quindi diventa meno fluido, che poi giunto al suolo possa filtrare tra macerie, materiale polverizzato e tutto il resto.. Non so a voi, ma a me la cosa non torna.


Penso che se qualcuno, non io, volesse ipotizzare una teoria di complotto basata sulla nanothermite, ti direbbe che le pozze di acciaio fuso sono relative all'acciaio che era nelle fondamenta, e non quello che cade dal 92° piano.

Se vuoi giocare tu da entrambi i lati (cioè proporre una teoria e poi smontarla) devi giocare al meglio nella proposta, e poi provare a smontarla, altrimenti fai una scorrettezza chiamata straw-man.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sdan
Inviato: 18/10/2012 15:07  Aggiornato: 18/10/2012 15:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/2/2012
Da:
Inviati: 83
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sertes, io procedo laddove dovresti star fermo per mancanza di prove certe, con tutti i dubbi connessi.
Puoi ritenere che questo sia “poco serio”, è una tua opinione e la rispetto.
Invece secondo la mia opinione nelle questioni 11/9 è “poco serio” star fermi per mancanza di prove certe.
Ovviamente io devo procedere per ragionamenti che, per carità, possono anche essere sbagliati. E se mi viene fatto notare l’errore sono pronto a correggermi.
Ma cercare di inficiare un ragionamento con delle allusioni al fattore ‘magico’ non funziona, almeno con me.

Citazione:
Però non è che sia un approccio serio e rigoroso, dire "c'era roba bianca che cadeva, potrebbe essere acciaio polverizzato"

In realtà io ho chiesto:
“Se teniamo presente che le torri (e il WTC7) erano edifici d’acciaio, che la maggior parte del cemento utilizzato è stato impiegato nelle fondamenta, e che il resto del cemento è stato posato nelle strutture metalliche che costituivano i “pavimenti”, che cos’è quella roba grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?”
Cioè: Se gli edifici contenevano poco cemento, da che cosa sono costituite quelle nuvole di polvere grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?
Mi sembra una domanda sensata (e seria..).

Citazione:
Penso che se qualcuno, non io, volesse ipotizzare una teoria di complotto basata sulla nanothermite, ti direbbe che le pozze di acciaio fuso sono relative all'acciaio che era nelle fondamenta, e non quello che cade dal 92° piano.
Se vuoi giocare tu da entrambi i lati (cioè proporre una teoria e poi smontarla) devi giocare al meglio nella proposta, e poi provare a smontarla, altrimenti fai una scorrettezza chiamata straw-man.

Nel proporre una teoria ho cercato di “giocare al meglio”, dopotutto era la teoria che davo per buona fino a non molto tempo fa.
Ho implicitamente escluso che siano stati ‘minati’ i pilastri dei piani interrati (l’acciaio che era nelle fondamenta, annegato nel cemento, non mi sembra potesse essere minato) perché, dal punto di vista dei perpetratori, non avrebbe senso demolire anche i piani interrati.
Ma anche accogliendo la tua obiezione, e quindi postulando che siano stati minati anche i pilastri dei piani interrati, per me restano almeno questi 2 problemi:
- L’acciaio costituente le pozze sarebbe costituito dal metallo risultante dai tagli dei pilastri interrati, e quindi parliamo di poco metallo (nota che la gran parte del pilastro non viene fusa, si fonde solo nel punto di taglio), e quindi poca energia. In queste condizioni San Buonsenso mi dice che il poco metallo fuso che riesce a raccogliersi, essendo a contatto con il resto delle macerie, prevalentemente metalliche (la parte non fusa dei pilastri), dovrebbe dissipare rapidamente il calore restante. Il che non è avvenuto.
- L’acciaio fuso che precipita dall’alto dovrebbe comunque ritrovarsi attaccato alle macerie/polveri (in gran quantità). E non mi pare sia stato registrato questo fenomeno.


Se altri immaginano una dinamica diversa sono curioso di leggerla.

Sdan
Inviato: 18/10/2012 15:27  Aggiornato: 18/10/2012 15:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/2/2012
Da:
Inviati: 83
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Scusa Sertes, dimenticavo: Ma tu come la vedi?
Lasciando perdere il discorso delle prove certe, come risponderesti alla domanda di Massimo: Perché quelle temperature? Come si sono formate le pozze??

Per una volta sii poco serio, ..e sputa il rospo!! 

Al2012
Inviato: 18/10/2012 15:52  Aggiornato: 18/10/2012 15:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:
PER FAVORE NON DEFORMATE LA DIMENSIONE DELLA PAGINA.

Chiedo maggior attenzione nel cercare di inserire commenti senza deformare la pagina.

Probabilmente sono uno dei pochi, se non l’unico, che si trova costretto a fare questa richiesta.



“Capire … significa trasformare quello che è"
Salva81
Inviato: 18/10/2012 16:21  Aggiornato: 18/10/2012 16:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:


“Se teniamo presente che le torri (e il WTC7) erano edifici d’acciaio, che la maggior parte del cemento utilizzato è stato impiegato nelle fondamenta, e che il resto del cemento è stato posato nelle strutture metalliche che costituivano i “pavimenti”, che cos’è quella roba grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?”

Cioè: Se gli edifici contenevano poco cemento, da che cosa sono costituite quelle nuvole di polvere grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?
Mi sembra una domanda sensata (e seria..).



Personalmente non ho mai approfondito sulle tecniche di costruzione del 7, però non mi sembra che nel WTC1 e 2 vi fosse poco cemento. 40.000 piedi quadrati per piano erano ricoperti di cemento per 110 piani. Ogni piano aveva una gettata di 8 cm di cemento, fai 40.000 piedi x 8 cm x 110 piani.




TUTTI i floor truss e le travi di sostegno dei piani che ospitavano macchinari pesanti erano ricoperti di una miscela di amianto,cemento e fibra minerale, gesso e vermiculite.

In questa immagine abbiamo due tipi di materiale usato:
quella a SX è gesso e vermiculite quella a destra è fibra minerale e cemento.



questo composto fu spruzzato su TUTTA LA TORRE SU OGNI COLONNA L'ACCIAIO ERA LETTERALMENTE RICOPERTO DI TALE COMPOSTO.




qui puoi vedere gli operai in azione.



In buona sostanza la nuvola che vediamo è cemento, gesso, amianto, e compagnia bella. Le torri ne erano piene...e raramente le travi sono arrivate a terra con ancora del composto antiincendio attaccato.

Guardati le foto del NIST rilasciate con una FOIA request e ti renderai conto che le macerie sono disarmanti, probabilmente ciò che confonde è la mancanza di proporzioni dirette, ma in determinate foto ci si rende conto che il cumulo è maestoso e se tieni presente che si estende anche nel sottosuolo fino a raggiugnere la linea della metro è qualcosa di incredibile.



EDIT: aggiornato lo spessore del cemento per piano.
EDIT: aggiunta la foto delle macerie al subway level.

Salva81
Inviato: 18/10/2012 16:22  Aggiornato: 18/10/2012 16:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
La foto che sformatta è quella di alexbell sulla demolizione nucleare.
Qualche moderatore può sistemarla?

Sertes
Inviato: 18/10/2012 16:37  Aggiornato: 18/10/2012 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sdan ha scritto:
Scusa Sertes, dimenticavo: Ma tu come la vedi?
Lasciando perdere il discorso delle prove certe, come risponderesti alla domanda di Massimo: Perché quelle temperature? Come si sono formate le pozze??

Per una volta sii poco serio, ..e sputa il rospo!! 


Ok: che ci fosse nanothermite è stato dimostrato scientificamente, e la nanothermite è un composto incendiario che può essere anche ingegnerizzato per diventare un esplosivo. Quindi l'idea che risolve più elementi senza introdurre ulteriori ipotesi è che ci fossero 2 tipi di nanothermite usati secondo convenienza.
La nanothermite-incendiaria ha fuso e tagliato l'acciaio delle travi del core come carica tranciante lineare, e la nanothermite-esplosiva ha distrutto il cemento, polverizzandolo.
L'acciaio fonde a 1500°, l'acciaio fuso è prova che tale temperatura è stata raggiunta.
Quelle colonne surriscaldate che sono state coperte dal tappo di cenere hanno mantenuto le alte temperature per giorni e giorni, e mano a mano che si scavava, quando la tal trave surriscaldata veniva scoperta e arrivava di nuovo a contatto con l'ossigeno dell'aria, ripartiva l'incendio in quel momento.
E alcune colonne surriscaldate sono state piegate durante il crollo dalla forza delle macerie in caduta, formando in alcuni casi curve senza incrinature.

Questo è il mio best guess ad oggi... che vale come il due di picche quando briscola è bastoni, e che può cambiare domani se emergono altre prove e altre certezze.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 18/10/2012 16:51  Aggiornato: 18/10/2012 16:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Sdan ha scritto:
Se gli edifici contenevano poco cemento, da che cosa sono costituite quelle nuvole di polvere grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?
Mi sembra una domanda sensata (e seria..).


La domanda è sensata e seria... la risposta "potrebbe essere acciaio polverizzato" assolutamente no. Cioè tra tutte le possibili risposte hai scelto l'unica che valorizza la tua conclusione pre-determinata, questo è bias di conferma al 100%.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 18/10/2012 17:59  Aggiornato: 18/10/2012 18:08
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
CZAR: "hai mai pensato ad un capitolo dedicato alla improbabilità di tutti i fatti nel contesto generale ?"

MAZZUCCO: Yes. Alla fine del film.

DR_HOUSE: Pensaci bene, Massimo. Secondo me, lì si entra in un campo diverso: non più la demolizione della VU, ma finalmente quello delle ipotesi alternative.


Non mi sono spiegato bene. Io intendo semplicemente una sintesi del tipo: "Chi sostiene la versione ufficiale crede che a) mettere dieci wargames in un solo giorno sia stato il frutto di una distrazione, b) quattro persone che non hanno mai guidato un jet possano compiere manovre eccezionali, c) su 84 video che inquadrano la zona dell'impatto nessuno mostri l'aereo che colpisce il Pentagono, d) un aereo da 100 tonnellate possa sparire in una buca larga 15 metri, e) il 95% di quell'aereo venga poi recuperato e portato via dall'FBI, f) 3 edifici possano crollare nello stesso giorno violando almeno un paio di leggi fondamentali della fisica, g) un normale 767 possa viaggiare a 900 Kmh al livello del mare, ecc. ecc. ecc.

Fatto anche in pò ironico, quasi quasi, in modo da far sentire delle merde quelli che ci credono davvero.

Redazione
Inviato: 18/10/2012 18:12  Aggiornato: 18/10/2012 18:12
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Al2012: Cosa vedi di "deformato" nella pagina?

Io la vedo normalmente.

sniperwolf
Inviato: 18/10/2012 18:28  Aggiornato: 18/10/2012 18:36
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
sono di fretta quindi aggiungo solo due considerazioni

1) se la nuvola di polvere che abbiamo visto non era acciaio polverizzato, allora l'acciaio contenuto nei piani superiori, dov'è andato? cioè che strada ha percorso per arrivare a formare una grossa pozza di acciaio?
avremmo dovuto vedere spruzzate di acciaio qua e la fuori dall'edificio insieme al cemento o qualcosa del genere e successivamente un'enorme collina di acciaio fuso amalgamato anche IN ALTO nelle macerie.
sottolineo ENORME collina
quello che mi serve per esserne sicuro sono i dati di costruzione dell'edificio con L'ESATTA quantità di acciaio e cemento impiegati, allora sì che potro' cercare di prevedere la quantità di detriti mancanti.



2) nessuno ha ancora menzionato il comportamento di un metallo fuso

non so se qualcun'altro qui ha esperienza in merito, ma vi assicuro che il metallo fuso appena arriva a contatto con qualcosa che non sia a 1500 gradi si solidifica ALL'ISTANTE
in pratica non puo' succedere che il metallo fuso si metta a COLARE per piu' di qualche centimetro senza solidificarsi.
non vedo come si possa essere creata una pozza di acciaio fuso perfettamente isolata in grado di mantenere il calore così a lungo, partendo da pezzi così distanti fra loro.

mentre nell'ipotesi della demolizione nucleare, viene prima creata voragine a milioni di gradi sotto le torri e ogni pezzo che cade (demolito in parte dell'esplosione e in parte da qualcos'altro) all'interno di questo enorme forno si SCIOGLIE, ed essendo appunto dentro un forno, NON RIESCE A RAFFREDDARSI se non dopo mesi, quando il forno scenderà sotto i 1500 gradi.

tralaltro il concetto penso che sia lo stesso utilizzato in qualsiasi demolizione, cioè che le macerie cadano nel buco delle fondamenta, in questo caso era più difficile perchè le fondamenta erano poche rispetto al resto dei piani, e il materiale da demolire era in gran parte acciaio... ci voleva qualcosa un po' piu' energico

Al2012
Inviato: 18/10/2012 18:53  Aggiornato: 18/10/2012 18:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ Massimo

Citazione:
Al2012: Cosa vedi di "deformato" nella pagina?

Io la vedo normalmente.


I miei problemi sono in tre articoli in Home page:

Temperature estreme a Ground Zero

alexbell64 Inviato: 15/10/2012 14:45

Immagine demolizione nucleare


FedeV Inviato: 17/10/2012 21:40

Linea continua lunga.

°°°

L'oligarchia finanziaria attacca Beppe Grillo

Sertes
Inviato: 16/10/2012 11:47

Immagine

°°°

I nuovi partigiani

FedeV Inviato: 18/10/2012 12:38

Linea continua lunga.

°°°

Grazie !!!

“Capire … significa trasformare quello che è"
NiHiLaNtH
Inviato: 18/10/2012 18:57  Aggiornato: 18/10/2012 18:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Cioè: Se gli edifici contenevano poco cemento, da che cosa sono costituite quelle nuvole di polvere grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?


un misto di cemento, pannelli di gesso, materiale protettivo antincendio spruzzato sulle colonne esterne e sule travature che reggevano i pavimenti

panagio
Inviato: 18/10/2012 19:01  Aggiornato: 18/10/2012 20:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
CIT: Cioè: Se gli edifici contenevano poco cemento, da che cosa sono costituite quelle nuvole di polvere grigio/bianca che precipita al suolo durante i crolli?

A cui aggiungere tutti i pavimenti, es quelli sollevati, i tramezzi, qualcosa c'era anche di non portante, e gli arredi che su 110 piani un pò di volume lo hanno!

Edit : sistemata meglio la frase.

Una cosa che mi ha sempre colpito fin dall'inizio, anche coi filmati dei pompieri, è l'assoluta assenza di pezzi di arredo, sedie, computer, stampanti, armadi telecomunicazione, mobilia, nulla di nulla, ma solo residui inferiori a 5x5 centimetri ( circa) ...il tutto disintegrato solo per gravità? O pancake? Da come si espande a raggio il materiale, verso l'alto e verso l'esterno, ci deve essere stata una forza ''esplosa'' lungo il core, che ha annientato il tutto in orizzontale, mentre il blocco superiore, cadendo in caduta libera, faceva da tappo in movimento ed in più veniva ulteriormente consumato sempre più dall'onda d'urto.
E quel poco rimasto si è schiantato alla base! Imho.

Si riuscisse a vedere il crollo senza il solo fumo, sembrerebbe una fontana con tantispruzzi centrali a raggiera che viene trascinata verso il basso.

Finito edit, un saluto a tutti, e grazie delle foto allegate: han molto effetto!

m4x
Inviato: 18/10/2012 20:10  Aggiornato: 18/10/2012 20:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
"Summary for Sample 1

The thinning of the steel occurred by a high-temperture corrosion due to a combination of oxidation and sulfidation.

Heating of the steel into a hot corrosive environment approaching 1,000 °C (1,800 °F) results in the formation of a eutectic mixture of iron, oxygen, and sulfur that liquefied the steel.

The sulfidation attack of steel grain boundaries accelerated the corrosion and erosion of the steel.

[...].

The severe corrosion and subsequent erosion of Samples 1 and 2 are a very unusual event. No clear explanation for the source of the sulfur has been identified."

http://911research.wtc7.net/wtc/evidence/metallurgy/WTC_apndxC.htm

-

"Perhaps the deepest mystery uncovered in the investigation involves extremely thin bits of steel collected from the trade towers and from 7 World Trade Center; a 47-story high rise that also collapsed for unknown reasons. The steel apparently melted away, but no fire in any of the buildings was believed to be hot enough to melt steel outright."

New York Times, 02/02/2002, James Glanz and Eric Lipton

-

"Jonathan Barnett, professor of fire protection engineering, has repeatedly reminded the public that steel - which has a melting point of 2,800 degrees Fahrenheit - may weaken and bend, but does not melt during an ordinary office fire. Yet metallurgical studies on WTC steel brought back to WPI reveal that a novel phenomenon - called a eutectic reaction - occurred at the surface, causing intergranular melting capable of turning a solid steel girder into Swiss cheese. [...] The New York Times called these findings «perhaps the deepest mystery uncovered in the investigation.» [...]. This Swiss cheese appearance shocked all of the fire-wise professors, who expected to see distortion and bending - but not holes."

Joan Killough-Miller, "The «Deep Mystery» of Melted Steel," WPI Transformations Spring 2002

-

Per il 7 fai un capitolo a parte ?

FedeV
Inviato: 18/10/2012 20:33  Aggiornato: 18/10/2012 20:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero














































Indipendentemente da cosa sia la polvere bianca qualcuno riesce a distinguere pezzi interi? Si può ragionevolmente dire che in questo momento mezzo wtc2 è polverizzato? Io dico di si a parte forse molti moduli di colonne esterne che si vedono nei video e che cadendo lasciano scie di polvere.

E più facile che sia in atto una reazione nucleare "x" o che la nanotermite abbia polverizzato gessi, rivestimenti e cemento e quantaltro? Era applicata anche ai pavimenti? Perchè non è pensabile che i pavimenti impattando fra loro creino questo visto che il fronte del crollo è in piena accelerazione. (segue edit) Tra l'altro qualcuno ha foto nelle macerie delle piastre di acciaio sulle quali era stato gettato il cemento dei piani?

Tra l'altro chiedo cosa ci si puo ragionevolemente aspettare di vedere dall'esplosione di tanta nanotermite tutta assieme magari qualcosa di incandescente? A parte un video di teba di scarsissima qualità non sono riuscito ancora a trovare nulla sugli effetti della nanotermite. Qualcuno ha link?

FedeV
Inviato: 18/10/2012 20:34  Aggiornato: 18/10/2012 20:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Al2012

OK cercherò di provvedere in futuro

NiHiLaNtH
Inviato: 18/10/2012 20:56  Aggiornato: 18/10/2012 21:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Si può ragionevolmente dire che in questo momento mezzo wtc2 è polverizzato?


si è polverizzato tutto quello che poteva essere polverizzato e l'acciaio non poteva esserlo.
la polvere del wtc è stata più volte analizzata e di anomalo hanno trovato solo le famose sferette ferrose che ne costituivano circa il 6%

Citazione:
Perchè non è pensabile che i pavimenti impattando fra loro creino questo


scusa ma non hai mai visto la demolizione controllata di un edificio in cemento?

Citazione:
Tra l'altro chiedo cosa ci si puo ragionevolemente aspettare di vedere dall'esplosione di tanta nanotermite tutta assieme magari qualcosa di incandescente?


con la nube di polvere che oscura tutto è impossibile sapere cosa è avvenuto al centro dell'edificio

Citazione:
A parte un video di teba di scarsissima qualità non sono riuscito ancora a trovare nulla sugli effetti della nanotermite.


non hai trovato niente perchè di ufficiale non c'è nulla


Massimo sai come posso contattare Kevin Ryan?

m4x
Inviato: 18/10/2012 21:40  Aggiornato: 18/10/2012 21:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Temperature estreme a Ground Zero

panagio
Inviato: 18/10/2012 21:56  Aggiornato: 18/10/2012 22:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Spero non essere OT, non me ne voglia il regista del forum!

Filmato di circa un'ora e mezza con montaggio(senza montaggio) di filmati amatoriali e uffciali da tv, e almeno alcune,
Mi paiono nuove. Alcuni spezzoni, Con audio , almeno sembra,originale. CI sono anche pezzi, già molto discussi, ma visti così tutti assieme, era per focalizzare sulle esplosioni..ehm sui collassi!
Ps. Non l'ho visto tutto...

Edit: A 1h 09 min dopo il primo crollo, immagini dal piano strada uscendo dalla metropolitana (scusate non ricordo di averle viste, mi fanno una certa impressione)...

Redazione
Inviato: 18/10/2012 22:39  Aggiornato: 18/10/2012 22:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
M4X: Inizialmente la croce l'avevo messa, ma poi ho cercato meglio e ho trovato almeno 3 croci identiche fra le macerie. Non è affatto vero che quelle travi si siano fuse "dopo". E' un pezzo di struttura fatto così.

Si, sul 7 un capitolo a parte. Anche se sarà relativamente breve, visto che la caduta libera è già spiegata nel capitolo delle TG.

Il 7 in confronto al resto sarà una passeggiata.

°°°

NIHILANTH: Non ho un contatto diretto per KRyan, sorry.

Redazione
Inviato: 18/10/2012 22:48  Aggiornato: 18/10/2012 22:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
M4X (altri): date un'occhiata qui please:

http://www.luogocomune.net/site/htmpages/911/A&E-Questions.html

Sono domande che ho posto a quelli di A&E (attendo risposta).

Ditemi anche voi la vostra.

NiHiLaNtH
Inviato: 18/10/2012 23:30  Aggiornato: 18/10/2012 23:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
riguardando alcuni dei filmati dall'archivio del NIST ho trovato un paio di cose interessanti
il video in questione è quello girato da Luigi Cazzaniga

http://www.youtube.com/watch?v=22eKBTfW2zY

http://www.youtube.com/watch?v=a-6D_hNxXmw

http://www.youtube.com/watch?v=QGZXnrscIOo

in uno dei primi 2 video l'audio è stato sicuramente modificato ( che non vuol dire falsificato )

quelle che si vedono potrebbero essere delle esplosioni o è solo il materiale in caduta che rimbalza sulle colonne?

matteog
Inviato: 19/10/2012 0:45  Aggiornato: 19/10/2012 0:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Massimo

non vorrei dire cazzate ma di sicuro molte delle colonne tagliate orizzontali sono normali perché forse sono le giunture delle stesse travi che nel "crollo" hanno ceduto.

Per il resto non mi esprimo, comunque non vedo l'ora che ti rispondano.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
matteog
Inviato: 19/10/2012 0:53  Aggiornato: 19/10/2012 0:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@NiHiLaNth

WOW!

sì quella è una chiara esplosione che ricorda i video di Jonathan Cole quando fa gli esperimenti con la thermate. Sembra proprio l'esplosione di un bocx cutter!

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Redazione
Inviato: 19/10/2012 2:07  Aggiornato: 19/10/2012 2:08
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
M4X: Queste sono le altre "croci" di cui parlavo.



Quella a sx è addirittura a doppia "T", sopra e sotto.

VIPER
Inviato: 19/10/2012 9:13  Aggiornato: 19/10/2012 9:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: Temperature estreme a Ground Zero

FedeV
Inviato: 19/10/2012 12:15  Aggiornato: 19/10/2012 12:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: NiHiLaNtH Inviato: 18/10/2012 20:56:01

si è polverizzato tutto quello che poteva essere polverizzato e l'acciaio non poteva esserlo.
la polvere del wtc è stata più volte analizzata e di anomalo hanno trovato solo le famose sferette ferrose che ne costituivano circa il 6%

scusa ma non hai mai visto la demolizione controllata di un edificio in cemento?

con la nube di polvere che oscura tutto è impossibile sapere cosa è avvenuto al centro dell'edificio

non hai trovato niente perchè di ufficiale non c'è nulla
_______________

Uno dei paradossi della demolizione del wtc è proprio l'elevata polverizzazione fin dai primi istanti del crollo. Essa è indice di elevatissima resistenza fra le parti che impattano fra di loro e specie per il wtc si mostra densissima fin dai primi istanti. Il problema è che elevata resistenza implica impatti violenti e nel caso di crollo naturale implicano rallentamento che non si vede anzi c'è accelerazione quasi di caduta libera. Il paradosso sta nel fatto che non può esistere resistenza e contemporaneamente accelerazione. Questo esclude il crollo spontaneo.

Ma nel caso di demolizione controllata non possono esistere impatti violenti fra i piani durante la caduta in quanto il principio della demolizione implica eliminare la resistenza strutturale attraverso dell'esplosivo. Infatti nelle demolizioni controllate, proprio di edifici di cemento, solitamente la nuvola di fumo densa si presenta quando le varie parti dell'edificio in cemento impattano a terra e non quando sono in volo fase questa in cui si vedono solo gli sbuffi degli esplosivi.

Ecco perchè secondo me quella foto è indicativa della polverizzazione che sta venendo attuata in qualche modo diverso da impatti fra i piani e vista la densità delle nuvole e viste le scie lasciate dalle colonne esterne in caduta rimane solo l'"esplosivo" come causa della polverizzazione.

Qui siamo in un bel limbo perchè mentre esitono da decenni armi atomiche e molti video sul loro comportamento che ha certe affinità col wtc del comportamento della nanotermite non si riesce a vedere praticamente niente.

Salva81
Inviato: 19/10/2012 12:52  Aggiornato: 19/10/2012 12:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@FedeV

A mio avviso la polverizzazione è solamente data dall'attrito delle parti in caduta e dal materiale che si stacca dalle colonne. E in minima parte dal materiale usato per indebolire le colonne. Il fumo nero che va verso l'alto è il fumo nero dell'incendio che era già preesnte all'interno della struttura, che liberato appunto dalla struttura continua a salire verso l'alto. Non ci vedo niente di anomalo.

C'è da dire ad essere onesti che è la prima volta che vediamo collassare un edificio costruito in questo modo. Dovremmo chiedere ai NordCoreani che in casa loro costruiscono le peggio cose, di ricostruire le torri per buttarle giù e studiarne il comportamento e toglierci ogni dubbio.

ad ogni modo, veniamo alle foto che hai chiesto:

Giusto per avere un idea, qui puoi vedere il floor pans in sezione:
come in ogni gettata che si rispetti c'è anche un armatura che fa da ossatura al cemento.



l'armatura in questione è questa:



in alcune foto delle macerie si vede molto metallo sottile che è compatibile con questo genere di armatura.

I Floor pans erano assemblati in questo modo:



Dopodiché il cemento veniva versato e livellato:




anche le colonne esterne erano piene di cemento e materiale isolante...

come puoi vedere qui:



in buona sostanza TUTTA LA TORRE era in acciaio e tutto l'acciaio era ricoperto di cemento gesso e altre fibre minerali ignifughe (amianto e affini)

quindi è normale che tutto questo materiale, al muoversi dell'acciaio che vi si trova affogato, si distacchi e si polverizzi.

In questa ultima foto che è la stessa che ha postato Masimo sulle croci ma da una differente angolazione, puoi vedere il materiale cementizio ancora attaccato o che ha lasciato traccie sulle colonne, indicato dalle freccie, e i floor pan accartocciati e con in alcuni casi ancora i segni del cemento, questi indicati dai cerchi rossi.




in successivi edit magari metto immagini più nitide.
E' impossibile inoltre vedere dettagli nella foto del crollo che hai postato, è troppo distante. Posterò qualche altra foto più tardi dove dettagli ne riesci a vedere persino persone attaccate alle colonne mentre queste collassano ai lati.
Ciao
Salva

DjGiostra
Inviato: 19/10/2012 13:43  Aggiornato: 19/10/2012 13:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Salva81:
Citazione:
quindi è normale che tutto questo materiale, al muoversi dell'acciaio che vi si trova affogato, si distacchi e si polverizzi.

Mica tanto.
Se una struttura in cemento armato crolla ci si aspetta che vada in pezzi
magari rimanendo attaccato alle barre di ferro ma non che si polverizzi.
(A meno che sia di una magrezza incredibile e stesse su solo per l'acciaio ma
la cosa e' altamente improbabile se non impossibile.)

tipo questo.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
FedeV
Inviato: 19/10/2012 14:14  Aggiornato: 19/10/2012 14:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Salva81 Inviato: 19/10/2012 12:52:01

A mio avviso la polverizzazione è solamente data dall'attrito delle parti in caduta e dal materiale che si stacca dalle colonne. E in minima parte dal materiale usato per indebolire le colonne. Il fumo nero che va verso l'alto è il fumo nero dell'incendio che era già preesnte all'interno della struttura, che liberato appunto dalla struttura continua a salire verso l'alto. Non ci vedo niente di anomalo

quindi è normale che tutto questo materiale, al muoversi dell'acciaio che vi si trova affogato, si distacchi e si polverizzi.

________________________________________________


Non c'è attrito se tutta quella roba sta cadendo in piena accelerazione a causa della struttura indebolita dalla demolizione. Il materiale attaccato alle colonne non ha alcun motivo per staccarsi spontaneamente solo perchè queste stanno cadendo. Non parliamo poi del cemento sopra i floor pan (grazie delle foto non se ne vedono facilmente). Le colonne esterne in caduta non possono generare scie dense solo a causa dell'attrito con l'aria.

I pennacchi a cui mi riferisco sono appena sopra la palla delle macerie tendenti al marrone scuro e non è fumo degli incendi e si vedono pure al crollo della wtc1. il fumo degli incendi è più grande e si trova più in alto a sovrastare la scena.

Sertes
Inviato: 19/10/2012 14:24  Aggiornato: 19/10/2012 14:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
FedeV ha scritto:
Qui siamo in un bel limbo perchè mentre esitono da decenni armi atomiche e molti video sul loro comportamento che ha certe affinità col wtc del comportamento della nanotermite non si riesce a vedere praticamente niente.


Qui siamo in un bel limbo perchè mentre esitono da decenni armi atomiche esplosivi e molti video sul loro comportamento che ha certe affinità col wtc del comportamento della nanotermite solo incendiaria non si riesce a vedere praticamente niente.

Ecco, te l'ho sistemata.

Il crollo del WTC non ha nulla in comune con la detonazione di un singolo ordigno nelle fondamenta.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
matteog
Inviato: 19/10/2012 14:37  Aggiornato: 19/10/2012 14:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Premesso che non credo assolutamente all'uso di una bomba atomica, la cosa che rimane da spiegare è la POLVERIZZAZIONE di tutto ciò che era negli edifici.

Assodato che sia stata usata nanothermite, la nanothermite insieme alla gravità possono far si che ogni minimo oggetto venga polverizzato?
Avevo visto un documentario sui detriti dell'11/9 in cui i tizi addetti alla ricerca delle ossa mentre setacciavano tutti i detriti si erano stupiti di non trovare nessun oggetto integro, il pezzo più grosso che trovavano era di 4 cm.

Il cemento si polverizza OK
L'acciaio non si è polverizzato (anche se ho i miei dubbi) OK
Il materiale sopra l'acciaio come gesso, vetro ecc. si è polverizzato OK

Ma non è OK la polverizzazione dei singoli oggetti anche piccoli, come si spiega?

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Salva81
Inviato: 19/10/2012 14:40  Aggiornato: 19/10/2012 15:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Tipo questo vorrai dire:



attaccato ancora all'armatura del piano.

Sinceramente non vedo come il materiale come questo:



possa rimanere li al suo posto.
edit... e staccarsi e spezzarsi e sbriciolarsi senza emettere polvere.

Per tutto il resto, siamo nel perimetro delle opinioni, io ho difficoltà a credere ad un ordigno nucleare e ritengo che la dinamica del crollo spieghi la polverizzazione parziale dei materiali cementizi.

Come già detto è la prima volta che si demolisce un edificio con queste caratteristiche e con queste dinamiche, pertanto è logico non aver dei riferimenti se non precedenti esperienze che però fanno riferimento a situazioni diverse.

Infine comprendo perfettamente il discorso delle colonne in caduta libera, ma ritengo (opinione) da ciò che vedo che l'attrito avvenga prima della caduta e ciò che vediamo sia la risultante che giunge in ritardo.

Difatti i primi sbuffi di materiale polverizzato li vediamo nel punto in cui cede la parte superiore, e non in alto, poiché in alto è tutto fermo e compatto e durante la caduta, la parte superiore impatta sulle parti ferme sottostanti, causando il distacco dei materiali e la polverizzazione parziale, che vediamo. Ai lati vediamo parti di colonne precedentemente colpite e divelte che cadono. Ma il distacco di materiale e la conseguente scia di polvere, non avviene per via della caduta ma avviene in conseguenza del precedente attrito e impatto quando le colonne erano ancora ben salde e le macerie soprastanti le hanno colpite.

Per il resto come già detto mancano precedenti esperienze.
Per quanto mi riguarda, lo trovo normale e verosimile, più di un ordigno atomico. Poi potrò anche sbagliarmi, chiaro. Ma con quello che ho visto e quel poco che ho in mano, rimango di questa idea che per inciso non attribuisce alla termite o alla nanotermite la polverizzazione che vediamo, ma al semplice attrito del crollo.
Ciao.

Salva81
Inviato: 19/10/2012 15:22  Aggiornato: 19/10/2012 15:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ho aperto questo

http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=7176&forum=7

in sezione generica, per continuare a discuterne per chi fosse interessato. Ho postato anche altre foto interessanti su idetriti in caduta.

Ciao.
salva

DjGiostra
Inviato: 19/10/2012 16:21  Aggiornato: 19/10/2012 16:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Salva81:
Citazione:
possa rimanere li al suo posto. edit... e staccarsi e spezzarsi e sbriciolarsi senza emettere polvere.

Ovvio che si staccano e si sbriciolano ed emettono polvere ma non si
polverizzano quasi completamente.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Salva81
Inviato: 19/10/2012 16:44  Aggiornato: 19/10/2012 16:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Difatti è questo il punto.
Quando si parla di polverizzazione mi sembra di capire che lo si faccia indicando la polverizzazione TOTALE e che la conseguenza siano la mancanza di macerie.

Ciò che sto cercando di dire è che la polverizzazione NON E', primo punto, totale, secondo punto lo è solamente dei materiali cementizi, friabili e soggetti per la loro composizione fisica alla polverizzazione in seguito agli attriti.

Credo che questo sia sufficientemente chiaro dalle immagini dei detriti.

Un aspetto è invece interessante ed è una delle cose che sto approfondendo è il materiale da ufficio ritrovato. Che apparentemente è pochino. Da quanto sto scoprendo ultimamente vi erano dei piani delle torri che erano vuoti. O meglio.
Alcuni piani non sono mai stati occupati, sono rimasti vuoti per sempre, sino al crollo.

FedeV
Inviato: 19/10/2012 19:29  Aggiornato: 19/10/2012 19:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Sertes Inviato: 19/10/2012 14:24:06

Qui siamo in un bel limbo perchè mentre esitono da decenni armi atomiche esplosivi e molti video sul loro comportamento che ha certe affinità col wtc del comportamento della nanotermite solo incendiaria non si riesce a vedere praticamente niente.

Ecco, te l'ho sistemata.

Il crollo del WTC non ha nulla in comune con la detonazione di un singolo ordigno nelle fondamenta.
________________________

Sei sempre molto gentile a sistemare le cose ma neppure tu, come me, hai mai visto la nanotermite solo incendiaria in azione o sbaglio?

E sono pure d'accordo che se atomica fu non è stato un ordigno nelle fondamenta come l'ha raccontata kalezov.

sniperwolf
Inviato: 19/10/2012 19:36  Aggiornato: 19/10/2012 19:36
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
come mai siamo passati a parlare del cemento e la nuvola di polvere?

nuvola o non nuvola, di dati oggettivi ne abbiamo alla mano:

1. l'acciaio contenuto a 400 metri di altezza è arrivato 15 metri in 10 SECONDI circa
la nuvola non riesce a nascondere tutto ed inoltre si vede chiaramente il movimento del fumo verso il basso per via della depressione causata dalla massa dell'edificio in CADUTA)




2. prima esisteva una struttura d'acciaio fittissima alta 400 metri.
dopo si vede un'ammasso di macerie largo poco di piu' della base delle torri e alto si e no 20 metri.

avete presente il gioco shangai?
ecco qui è come se voi prendeste una scatola intera del gioco e la apriste a 400 metri di altezza sperando che le bacchette non schizzino via da tutte le parti una volta toccato il suolo, ma bensì si uniscano una vicino all'altra occupando poco spazio, oppure per via dell'attrito si brucino in un unico agglomerato, oppure che si sbriciolino in tanti finissimi pezzettini per via del peso delle altre bacchette sopra... anzi nel caso delle torri sono successe tutte e tre le cose assieme

questo mi basta a dire che:


1. c'era un buco bello grosso sotto le torri, molto piu' grosso dei 6 piani di fondamenta che dovrebbero contenere 110 piani di acciaio.

2. devono aver usato un esplosivo in grado di SCIOGLIERE (non tagliare) un'enorme quantità di acciaio in una frazione di secondi, raggiungendo temperature MOLTO più alte di 2000 gradi, perchè per far si che l'acciaio MANTENGA una temperatura di 2000 gradi, ci dev'essere qualcosa che continua a scaldarlo.

la thermite puo' farlo?
quella normale no, ma quella militare si?

quindi hanno usato una superthermite militare che riesce a sprigionare così tanta energia?
e cosa cambia dal dire che hanno usato una carica nucleare?

FedeV
Inviato: 19/10/2012 20:05  Aggiornato: 19/10/2012 20:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@ salva81

Citazione:
Ma il distacco di materiale e la conseguente scia di polvere, non avviene per via della caduta ma avviene in conseguenza del precedente attrito e impatto quando le colonne erano ancora ben salde e le macerie soprastanti le hanno colpite.
____________________________

Non può essere perchè per propagare la demolizione verso il basso mantenendo l'accelerazione le esplosioni della struttura intatta devono essere in anticipo rispetto al fronte di macerie che stanno cadendo. Altrimenti avresti decelerazione e non accelerazione. Ma l'accelerazione implica resistenza quasi nulla della parte inferiore quindi poco attrito e quindi niente polverizzazione. E da qui non si scappa.

Salva81
Inviato: 19/10/2012 20:19  Aggiornato: 19/10/2012 20:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@FedeV

leggi la mia affermazione nel contesto, sto parlando dell'inizio del collasso, dove abbiamo una parte superiore solida, un fronte che cede e una parte sottostante solida.

Quindi la polvere che vediamo è appunto causata dall'attrito della parte che collassa e impatta sulle colonne sottostanti che si imbarcano e rilasciano appunto i primi sbuffi.

Sul continuo del crollo, occorrerebbe conoscere perfettamente la dinamica, che purtroppo sfugge a tutti in quanto la polvere stessa nasconde, da ciò che sono riuscito a vedere in alcuni video in particolare, la pressione durante la caduta fa anche la sua parte, in ogni caso, la parte soprastante che collassa sulle colonne ben salde subito sotto il fronte di cedimento, va giù integra, ma ad un certo punto sparisce nella nube, che permettimi da qui nemmeno ci scappi, è causata inizialmente dai movimenti di collasso iniziale, dopodiché è logico supporre che si innesca il meccanismo di demolizione e i successivi movimenti e attriti che noi non vediamo continuano ad alimentare la nube. Imho.

Ciao

Redazione
Inviato: 19/10/2012 22:54  Aggiornato: 19/10/2012 23:11
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
VIPER: I video ormai credo di averli tutti (specialmente quelli di Xendrius), ma grazie comunque ovviamente.

NiHiLaNtH
Inviato: 20/10/2012 10:45  Aggiornato: 20/10/2012 10:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
scusate ma solo matteog ha risposto alla domanda che ho fatto quindi la riposto

quelle che si vedono nei video potrebbero essere delle esplosioni o è solo il materiale in caduta che rimbalza sulle colonne?

ho provato a cercare sui forum americani ma non ho trovato niente



poi ho trovato questo video dove si vedono bene 2 pezzi di metallo incandescente in mezzo alle macerie

http://www.youtube.com/watch?v=TiKFyP6BZp8#t=49m25s

Teba
Inviato: 20/10/2012 11:15  Aggiornato: 20/10/2012 11:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
sniperwolf:

Citazione:
quindi hanno usato una superthermite militare che riesce a sprigionare così tanta energia? e cosa cambia dal dire che hanno usato una carica nucleare?


Cambia che per la prima hai la prova scientifica, per la seconda no.
La differenza è enorme: essere credibili e attenersi ai fatti oppure entrare nel mondo della speculazione senza nessuna prova e perdere credibilità.

Decidi tu dove vuoi stare, per me va benissimo anche se vai in giro dicendo che le torri sono state demolite con cariche nucleari....

...ti confesso però che la cosa mi sta un pò sul cazzo perchè poi nei dibattiti, i soliti figli di puttana, ci vanno a nozze con chi la pensa come te e cercano di dipingere tutti quelli che chiedono una nuova investigazione come se appoggiassero queste teorie ( tipo mini cariche nucleari appunto) e poi diventa necessario sprecare tempo e parole per far capire che la maggior parte del movimento che chiede una investigazione si basa sui fatti e non appoggia le teorie di qualche persona isolata, e forse qualche neofita della materia rinuncia a capire fino in fondo proprio grazie a questo meccanismo, innescato, involontariamente spero, anche da te.

alexbell64
Inviato: 20/10/2012 11:51  Aggiornato: 20/10/2012 11:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione Teba: <Cambia che per la prima hai la prova scientifica, per la seconda no.
La differenza è enorme: essere credibili e attenersi ai fatti oppure entrare nel mondo della speculazione senza nessuna prova e perdere credibilità.

Decidi tu dove vuoi stare, per me va benissimo anche se vai in giro dicendo che le torri sono state demolite con cariche nucleari....

...ti confesso però che la cosa mi sta un pò sul cazzo perchè poi nei dibattiti, i soliti figli di puttana, ci vanno a nozze con chi la pensa come te e cercano di dipingere tutti quelli che chiedono una nuova investigazione come se appoggiassero queste teorie ( tipo mini cariche nucleari appunto) e poi diventa necessario sprecare tempo e parole per far capire che la maggior parte del movimento che chiede una investigazione si basa sui fatti e non appoggia le teorie di qualche persona isolata, e forse qualche neofita della materia rinuncia a capire fino in fondo proprio grazie a questo meccanismo, innescato, involontariamente spero, anche da te.>

Capisco, perchè della thermite o nano-thermite incombusta è stata effettivamente trovata nella polvere delle macerie delle torri.

....Resta però da capire cosa e come abbiano prodotto queste "cose" trovate nelle fondamenta delle Torri stesse....I "figli di puttana" subito pronti a confutare tutto ciò che non ha riscontri oggettivo-scientifici, cosa possono dirmi, a riguardo di codeste?





PERCHE' NON MI VISUALIZZA LE FOTOGRAFIE?????

http://www.imagebam.com/image/f512cb216095133
http://www.imagebam.com/image/7734a7216095134

Decalagon
Inviato: 20/10/2012 12:28  Aggiornato: 20/10/2012 12:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
....Resta però da capire cosa e come abbiano prodotto queste "cose" trovate nelle fondamenta delle Torri stesse....


No.

Resta da capire come possa un'esplosione nelle FONDAMENTA di un edificio a causare un crollo che inizia DALLA CIMA dell'edificio stesso.

Il resto è perfettamente spiegabile con l'utilizzo di prodotti incendiari ad alto potenziale.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
FedeV
Inviato: 20/10/2012 12:32  Aggiornato: 20/10/2012 12:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Salva81 Inviato: 19/10/2012 20:19:52

@FedeV

leggi la mia affermazione nel contesto, sto parlando dell'inizio del collasso, dove abbiamo una parte superiore solida, un fronte che cede e una parte sottostante solida.
______________________

Non ce l'hai mai la parte sottostante solida nel momento in cui vedi accelerazione fino a terra. Questa è la prova che non c'è resistenza della parte sottostante.

FedeV
Inviato: 20/10/2012 12:36  Aggiornato: 20/10/2012 12:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
autore: NiHiLaNtH Inviato: 20/10/2012 10:45:17

quelle che si vedono nei video potrebbero essere delle esplosioni o è solo il materiale in caduta che rimbalza sulle colonne?

_______________________________

A me sembra una piccola esplosione. Escluderei il materiale che rimbalza.

alexbell64
Inviato: 20/10/2012 12:36  Aggiornato: 20/10/2012 12:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Porcaccia miseria!!!!!!
Ma quanta cacchio di thermite o nano-thermite hanno usato, per fondere non solo le travi e le putrelle di sostegno ma anche METRI di GRANITO sottostante???
Quante CAMIONATE di questa roba hanno stipato nelle fondamenta di quelle costruzioni per arrivare a formare delle vere e proprie CAVERNE VULCANICHE di questo tipo????
Allora, congetture che esulano dalle "prove scientifiche" non se ne possono fare perchè così si da' appigli ai debunkers a cui attaccarsi.....ipotizzare l'utilizzo di cariche nucleari, termonucleari o....altro che ancora non conosciamo NO, perchè si va' nel regno del "può essere" o del "secondo me, io sono convinto che"...allora spiegami se ritieni RAGIONEVOLE pensare che quei buchi FUSI li abbia prodotti solo la thermite di cui hanno trovato qualche piccolo residuo nelle polveri delle macerie!

Decalagon
Inviato: 20/10/2012 12:39  Aggiornato: 20/10/2012 12:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
allora spiegami se ritieni RAGIONEVOLE pensare che quei buchi FUSI li abbia prodotti solo la thermite di cui hanno trovato qualche piccolo residuo nelle polveri delle macerie!


Mettiamola così: io ritengo ragionevole pensare che quei buchi NON li abbia prodotti un'esplosione nucleare.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
alexbell64
Inviato: 20/10/2012 12:43  Aggiornato: 20/10/2012 12:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione dacalagon: <Mettiamola così: io ritengo ragionevole pensare che quei buchi NON li abbia prodotti un'esplosione nucleare.>


Ok, non è stata un'esplosione nucleare.
Ma un'idea bisogna averla, da qualcosa bisogna pur partire, io credo, ragionevolmente ed umanamente.
Un concetto bisogna formarselo, in attesa di avere conferme più certe, indipendentemente che arrivi il dubunker di turno a dirti che sei un povero mentecatto visionario.

Allora, secondo te, cosa ha causato quelle formazioni nelle fondamenta???

Decalagon
Inviato: 20/10/2012 12:57  Aggiornato: 20/10/2012 12:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
secondo te, cosa ha causato quelle formazioni nelle fondamenta???


Secondo me può averli creati benissimo un composto incendiario ad alto potenziale, di cui sono stati trovati i resti nelle polveri delle macerie.

La differenza fra il composto incendiario e la demolizione nucleare, è che del primo esistono evidenze scientifiche, mentre del secondo, no. E la sola idea che un'esplosione nelle fondamenta possa far partire il crollo dalla cima della torre è puramente illogica e fantascientifica.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
NiHiLaNtH
Inviato: 20/10/2012 13:01  Aggiornato: 20/10/2012 13:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
.I "figli di puttana" subito pronti a confutare tutto ciò che non ha riscontri oggettivo-scientifici, cosa possono dirmi, a riguardo di codeste?


che quella specie di caverna si trovava sotto al WTC4
discorso chiuso

sniperwolf
Inviato: 20/10/2012 13:07  Aggiornato: 20/10/2012 13:24
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
l'aver trovato della thermite nelle macerie non prova assolutamente che si possa usare per sciogliere un edificio di 400 piani in acciaio.

quindi non prova NULLA

potrebbe essere stata usata per tagliare parte dei muri esterni e i materiali piu' friabili che dovevano essere distrutti verso la fine della scenetta per fare tanto fumo.

oppure ne hanno usata un po' per simulare gli incendi dell'aereo (cosa a mio parere piu' probabile)

o facilmente l'hanno usata per deviare i sospetti riguardo a qualcosa di molto piu' grave.

altrimenti, come ti ridono in faccia quando parli di esplosioni nucleari, allo stesso modo quando parli di thermite coi soliti stronzetti ti rispondono che la thermite ci vuol tutta se riesce a tagliarlo l'acciaio, figurati a scioglierlo.
allora non bisogna parlare di thermite, bisogna parlare di supernanothermite utilizzata solo dai militari e totalmente segreta, quindi niente di dimostrabile.

e come detto da altri quando si parla di thermite bisogna dimostrare che ne basti poca per fare molto danno, perchè altrimenti avrebbero dovuto portarne a tonnellate su e giu per le torri...

vorrei fare notare per l'ennesima volta, che la teoria della demolizione nucleare NON ESCLUDE l'utilizzo della thermite...



edit: leggo che c'è gente che parla di attrito e di pressione, sperando che queste due parole possano spiegare qualcosa...

1° l'attrito non crea incendi, forse qualche scintilla innocua, ne tantomeno riesce a sciogliere l'acciaio.

sfregando due bastoncini forse puoi creare una fiamma, ma sfregando due travi d'acciaio tra di loro non vai da nessuna parte....

2° la pressione creata dall'edificio in caduta sulle fondamenta dello stesso è facilmente calcolabile, e diciamo pure che è esattamente il lavoro di chi progetta un'edificio del genere...

cosa pensate che succeda se lasci cadere una trave d'acciaio da 400 metri addosso ad un altra trave d'acciaio uguale (anzi quelle in basso erano più grosse ) posizionata a terra?

si spiaccicano una addosso all'altra fondendosi e piegandosi oppure appena si toccano schizzano via?

anche questo è facilmente calcolabile da chiunque sappia usare un programma simulatore di fisica...

alexbell64
Inviato: 20/10/2012 13:13  Aggiornato: 20/10/2012 13:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione NiHiLaNtH : <che quella specie di caverna si trovava sotto al WTC4>

Faccio anch'io il debunker: quali fonti hai per dire ciò?
Dove è riportatao da fonti attendibili questa notizia?

Decalagon
Inviato: 20/10/2012 13:18  Aggiornato: 20/10/2012 13:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
quindi non prova NULLA


Se l'aver trovato un composto incendiario ad alto potenziale all'interno delle polveri del WTC "non prova nulla", secondo te cosa o quanto può provare una teoria che non ha alcuna evidenza scientifica o anche solo logica?
Vedi tu.

Citazione:
allora non bisogna parlare di thermite, bisogna parlare di supernanothermite utilizzata solo dai militari e totalmente segreta, quindi niente di dimostrabile.


Totalmente segreta? Ti passo qualche titolo per quando ti verrà la voglia di sprecare qualche minuto in approfondimenti:

1) Energetic Nanocomposites with Sol-gel Chemistry: Synthesis, Safety, and Characterization di A. E. Gash, R. L. Simpson, J. H. Satcher, Jr.

2) Nanoscale Aluminum - Metal Oxide (Thermite) Reactions for Application in Energetic Materials di Davin G. PIERCEY and Thomas M. KLAPÖTKE

3) Nanoenergetics: an emerging technology area of national importance (Dr. Andrzej W. Miziolek, Weapons and Materials Research Directorate US Army Research Laboratory)

4) Nanostructured Energetic Materials with Sol-Gel Methods di A. Gash, J. Satcher, R. Simpson, B. Clapsaddle


Ma la documentazione è molto più vasta altro che "totalmente segreta, quindi niente di dimostrabile".

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
alexbell64
Inviato: 20/10/2012 13:23  Aggiornato: 20/10/2012 13:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Vorrei anche dire, a sostegno di ciò che afferma sniperwolf, che quelle due torri non erano esattamente dei grissini....erano due colossali "gabbie" d'acciaio alte quasi mezzo km l'una, ed a memoria, non ci si era mai posti il problema di demolire completamente due arnesi come quelli.
Chi ha congettato tutto ciò che è successo, doveva essere sicuro che quei due "gabbioni" venissero distrutti, ma completamente.
Quindi è assolutamente plausibile pensare che possano aver utilizzato un mix di tecniche diverse, in parte note ed in parte "segrete".
Per esempio, ci buttiamo contro un arereo o qualcosa che assomigli molto ad esso, così, tanto per iniziare ad ammaccarlo un po', fare un po' di fumo e far stare tutti a naso all'insù a guardare cosa succede.
Dopo un po' facciamo saltare la maggior parte delle colonne portanti tramite la thermite, o la nanothermite o altro ancora. Subito dopo, gli diamo un'altra "bottarella" con....qualcos'altro (una mini-nuke? Una carica a Fusione Fredda? Un piccolo reattore che và in fusione immediata? O altro ancora che sviluppi un'alta energia distruttiva, disgregante, concentarta e direzionale), così, tanto per stare sul sicuro che tutto l'ambaradan crolli....ed una volta venuto giù, la colpa sarà degll'impatto aereo e dell'incendio....tanto, siamo noi che la cantiamo e la suoniamo come ci fà più comodo.
Se poi aspettiamo di avere sempre i "riscontri scientifici" per affermare tutto ciò, mi sa' che dovremo aspettare molto tempo, o forse....l'eternità.
Come per altri fatti successi in passato.

DjGiostra
Inviato: 20/10/2012 13:32  Aggiornato: 20/10/2012 13:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Domanda da profano a chi sostiene il mini-nuke:
Se cosi fosse, le radiazioni non sarebbero schizzati alle stelle e ci sarebbero
molti casi di avvelenamento da radiazioni ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
sniperwolf
Inviato: 20/10/2012 13:40  Aggiornato: 20/10/2012 13:40
So tutto
Iscritto: 28/3/2011
Da:
Inviati: 29
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@decaglon:

"Se l'aver trovato un composto incendiario ad alto potenziale all'interno delle polveri del WTC "non prova nulla", secondo te cosa o quanto può provare una teoria che non ha alcuna evidenza scientifica o anche solo logica?"



- l'acqua taglia l'acciaio
- è stata trovata acqua nelle macerie
- le torri sono state demolite utilizzando acqua pressurizzata

tutto logico e tutto dimostrabile no?

ti posso trovare parecchi documenti che provano che l'acqua possa tagliare l'acciaio, ma non penso ce ne sia bisogno





"Totalmente segreta? Ti passo qualche titolo per quando ti verrà la voglia di sprecare qualche minuto in approfondimenti:

1) Energetic Nanocomposites with Sol-gel Chemistry: Synthesis, Safety, and Characterization di A. E. Gash, R. L. Simpson, J. H. Satcher, Jr.

2) Nanoscale Aluminum - Metal Oxide (Thermite) Reactions for Application in Energetic Materials di Davin G. PIERCEY and Thomas M. KLAPÖTKE

3) Nanoenergetics: an emerging technology area of national importance (Dr. Andrzej W. Miziolek, Weapons and Materials Research Directorate US Army Research Laboratory)

4) Nanostructured Energetic Materials with Sol-Gel Methods di A. Gash, J. Satcher, R. Simpson, B. Clapsaddle

Ma la documentazione è molto più vasta altro che "totalmente segreta, quindi niente di dimostrabile"."




ho perso 5 minuti a dare un occhiata a quei titoli come mi hai consigliato e non parlano mai di temperature sopra i 1000°...
mi sorge spontanea una domanda, tu li hai letti?

NiHiLaNtH
Inviato: 20/10/2012 13:46  Aggiornato: 20/10/2012 13:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Faccio anch'io il debunker: quali fonti hai per dire ciò? Dove è riportatao da fonti attendibili questa notizia?


http://www.nytimes.com/2008/09/22/nyregion/22rocks.html

http://letsrollforums.com/mystery-foundation-hole-under-t26637.html

DjGiostra
Inviato: 20/10/2012 13:53  Aggiornato: 20/10/2012 13:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
@Sniperwolf:
Citazione:
- l'acqua taglia l'acciaio
- è stata trovata acqua nelle macerie
- le torri sono state demolite utilizzando acqua pressurizzata
tutto logico e tutto dimostrabile no?


Adesso ho capito perche' tra l'impatto degli aerei e il crollo sono passati
15 giorni !! era il tempo necessario per tagliare la prima trave portante per
far cominciare il crollo !!!
(Se poi nell'acqua non era stata miscelata la polvere di smeriglio ci sarebbe
voluto 15 anni !!)

Snipe, un esempio un po' piu' fattibile ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Decalagon
Inviato: 20/10/2012 14:21  Aggiornato: 20/10/2012 14:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
- l'acqua taglia l'acciaio
- è stata trovata acqua nelle macerie
- le torri sono state demolite utilizzando acqua pressurizzata

tutto logico e tutto dimostrabile no?

ti posso trovare parecchi documenti che provano che l'acqua possa tagliare l'acciaio, ma non penso ce ne sia bisogno


Spero che non sia necessario spiegarti come-dove-perché il tuo paragone non c'entra una mazza. Anzi, fa proprio acqua da tutte le parti

Citazione:
ho perso 5 minuti a dare un occhiata a quei titoli come mi hai consigliato e non parlano mai di temperature sopra i 1000°...


Cito dal 3° titolo che ho messo nella lista soprastante: "[...]These include energy output that is 2x thatof typical high explosives, the ability to tune the reactive power (10 KW/cc to 10 GW/cc), tunable reaction front velocities of 0.1-1500 meters/sec, and reaction zone temperature exceeding 3000K. [...]"

Da un altro studio (Nanomaterials in Pyrotechnics di R.G. Sarawadekar e J.P. Agrawal): "The composites studied contained tailored ultrafine grain Al (30–200 nm) particles that dramatically increase of the rate of energy release of these thermite formulations. Moore35, et al. carried out emission spectroscopy of Al–MoO3 (both of nanosize) formulations and reported flame temperature of the order of 3200 K."

Da un altro studio ancora (Processing and characterization of aluminum-based nanothermites di Jan A. Puszynski): "[...] Reactions occurring between metal and metal oxide powders are accompanied by the generation of high temperatures (3000 K) [17]. [...]"

Inoltre, se leggi bene, noterai come le proprietà dei nano-composti energetici sono molto al di sopra delle tradizionali polveri di granulometria in micron (temperatura di innesco più bassa, rilascio di energia più violento e generazione di temperature 'molto' più elevate).

Citazione:
mi sorge spontanea una domanda, tu li hai letti?


Ovviamente no. Ho avuto fortuna

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Teba
Inviato: 20/10/2012 14:29  Aggiornato: 20/10/2012 14:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Sniperwolf, la tua non-logica è qualcosa di impressionante.

La nanothermite c'è ed è dimostrato.
La nanothermite esiste, ed è stata trovata nella sua forma attiva e combusta nelle macerie.

Le seghe mentali che ti puoi fare dopo (quantità di nanothermite usata, grandezza delle torri, temperature....) non possono indirizzare il discorso verso ipotesi che non hanno la minima prova dai fatti.

Se a te sembra starno che un governo riesca a procurarsi quintali di nanothermite è una TUA percezione ( a me non sembra strano), e ciò mi sta anche bene per carità...
...ma da lì a tirare in ballo le mininukes o a dire che il lavoro di Harrit non prova NULLA, entri nel campo dell' idiozia.


Perle ai porci, proca troia.
Harrit non ha provato nulla, questa è bella.
Perle ai porci.

piedone70
Inviato: 20/10/2012 18:52  Aggiornato: 20/10/2012 18:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 598
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
scusa Teba, ne approfitto in quanto ho appena finito di documentarmi sull'argomento thermite

potresti fornirmi un link, anche una trattazione molto esauriente tanto sti giorni non faccio altro che leggere, dove posso trovare le affermazioni che hai appena detto sulla nanothermite?

dalla mole di documenti dei diversi "schieramenti" che ho analizzato finora non ho trovato fonti "convincenti" oppure argomentazioni che hanno "retto" successive ritrattazioni o smentite

grazie, saluti a tutti!!

belin !!
Decalagon
Inviato: 20/10/2012 19:25  Aggiornato: 20/10/2012 19:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
potresti fornirmi un link, anche una trattazione molto esauriente tanto sti giorni non faccio altro che leggere, dove posso trovare le affermazioni che hai appena detto sulla nanothermite?


http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3677

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Salva81
Inviato: 20/10/2012 20:26  Aggiornato: 20/10/2012 21:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:

Perle ai porci, proca troia.
Harrit non ha provato nulla, questa è bella.
Perle ai porci.


come non quotarti.


@FedeV

se non vedi un fronte fermo all'inizio del collasso hai un serio problema di denial, per quanto mi riguarda non spendo più altre parole in merito.

@Sniper

gli attriti e la pressione li ho tirati in ballo per spiegare il distacco dei materiali cementizi, non per il fuoco. Trova la frase in cui parlo di fuoco in seguito agli attriti...e quotala grazie, se non la trovi, abbi la cortesia di rivedere il tuo intervento e su tutto quando ti riferisci a qualcuno usa il suo nome.

Quella della demolizione nucleare è una stronzata per far perdere tempo e depistare. Se non ci arrivate è un problema vostro.

Quella degli ologrammi e le teorie no-plane sono stronzate messe in circolo per depistare e far perdere tempo, Se anche qui non ci arrivate sono problemi vostri.

L'unica cosa buona che ha portato la teoria no plane è la scoperta dell'impossibilità del motore appartenente allo UA175.

Quel motore appartiene alla famiglia dei jt9D ma non versione 4R (entrato in servizio proprio grazie alla commessa boeing che a sua volta ne aveva una con United per 30 767-200, ed usa componenti poi rimossi in seguito ad una circolare di servizio.

Quel motore è antecedente al 1980.
Lo UA N1612 è del 1983.

Pertanto è fortemente indiziario del fatto che il vero UA175 non ha impattato sulla torre e quello che ha impattato è un velivolo differente.

Sotto le macerie non è stato ritrovato nessun cratere, la "grotta" che vedi è sotto il wtc 4 ed è naturale e risale all'era glaciale ed è stato indicato come risalente a 20.000 anni fa. Ne è stato discusso ampiamente nel 2008 all'epoca del suo ritrovamento. E una risultante dei ghiacciai in ritiro. In nord europa nei paesi nordici e in Siberia è comune vedere di questi buchi nel terreno.

Ciao

Edit: moderato i toni del post
Aggiunte le considerazioni su UA175

ahmbar
Inviato: 20/10/2012 20:39  Aggiornato: 20/10/2012 20:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
...i soliti stronzetti ti rispondono che la thermite ci vuol tutta se riesce a tagliarlo l'acciaio, figurati a scioglierlo.

E tu fa' vedere questo ai "soliti stronzetti"



Video da cui e' tratta la foto

e chiedi loro quale carburante di aereo conoscono (o quali mobili e/o componenti di arredo, fa' lo stesso) in grado di raggiungere almeno i 1500° necessari per fondere quello che vediamo colare copioso dal WTC2.

Il link che ha postato prima Decalagon sulle proprieta' della ternithe e' molto esplicativo, e, oltretutto, riguarda solo quella che si conosce.

Ritengo piu' che plausibile che i militari siano in possesso di materiali incendiari anche migliori




Un ultimo suggerimento, nel caso i succitati osino sostenere ancora essere alluminio quello che cola, malgrado questo sia bianco quando fonde:
sii cortese, e mandali affanculo da parte mia

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
piedone70
Inviato: 20/10/2012 21:17  Aggiornato: 20/10/2012 21:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 598
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
grazie decalagon!!

Mi reimmergo nella lettura...

Saluti a tutti!!

belin !!
DjGiostra
Inviato: 20/10/2012 22:16  Aggiornato: 20/10/2012 22:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Rifaccio la mia domanda visto che probabilmente non e' stata notata:
Citazione:
Domanda da profano a chi sostiene il mini-nuke:
Se cosi fosse, le radiazioni non sarebbero schizzati alle stelle e ci sarebbero molti casi di avvelenamento da radiazioni ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Redazione
Inviato: 20/10/2012 22:19  Aggiornato: 20/10/2012 22:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
SALVA: "Quel motore è antecedente al 1980. Lo UA N1612 è del 1983."

Cosa? What? Where?

Questa non la sapevo. E' interessante.

Passami dei link se li hai please.

piedone70
Inviato: 20/10/2012 22:42  Aggiornato: 20/10/2012 22:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/10/2012
Da:
Inviati: 598
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Minchia!!

Che figata di lavoro quello di dr-jackal e decalagon!!

vabbè, e qui critico il "gestore" del sito...

Un thread come quello lì, dovrebbe essere sempre visibilissimo, e a portata di mano immediata. A quanto mi sembra è una pietra miliare nell'argomento 11/9.

invece buttato in mezzo a tutto il resto rischia di passare inosservato, oppure di essere un normale thread qualunque. Se non mi avessero dato il link credo non l'avrei mai trovato. e mi chiedo cosa stessi facendo all'epoca per non averlo notato. e sì che seguo sto sito da moooolto tempo...


saluti a tutti!!

belin !!
alexbell64
Inviato: 20/10/2012 23:05  Aggiornato: 20/10/2012 23:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
citazione DjGiostra: <Rifaccio la mia domanda visto che probabilmente non e' stata notata:
Citazione:

Domanda da profano a chi sostiene il mini-nuke:
Se cosi fosse, le radiazioni non sarebbero schizzati alle stelle e ci sarebbero molti casi di avvelenamento da radiazioni ?>

Si, in caso di un'esplosione nucleare o termonucleare di tipo convenzionale, per intenderci, tipo Nagasaki o Hiroshima, si. Anche se l'ordigno esplode nel sottosuolo, viene comunque liberata una nuvola di radioisotopi e avviene un irraggiamento diretto durante la "detonazione" che avrebbe ridotto buona parte di NY e i suoi abitanti ai reduci delle due città giapponesi citate. Per questo insisto e sono convinto nel dire che per "tirare giù" le due TT e il WTC7 devono essersi serviti di qualche altra tecnologia "non convenzionale" o non ancora conosciuta alla stragrande maggioranza della popolazione umana.Qualcosa di "più pulito", per usare un eufemismo, visti gli effetti su molte persone....cmq qualcosa che, pur mantenendo un'elevata capacità distruttiva e disgregante su strutture metalliche, non emettesse grandi quantità di radiazioni dannose o di radioisotopi, una specie di "bomba N" al controario, per intenderci. E non mi stupirei troppo se, in futuro, saltasse fuori l'impiego di qualche arma a Fusione Fredda, che comunque qualche radiazione la emette ( e questo potrebbe già spiegare i casi di mielomi e luecemie acute tra i soccorritori e lavoratori nella zona del disastro), oppure qualche altra...."cosa" utilizzante magari una concentrazione di energia radiante ad alta intensità, tipo una riedizione migliorata ed affinata del "raggio della morte" di tesla o qualcos'altro di cui nemmeno sospettiamo l'esistenza (Sertes & C. possono ridere e ghignare quanto gli pare, ma la penso così).

@Decalagon: Ok la "caverna vulcanica" è stata trovata sotto il TWC4.
Dire che "l'argomento è chiuso" cosa intendi?
L'argomento-caverna o la possibilità che gli edifici siano stati distrutti ANCHE da qualcos'altro oltre ad esplosivi e cariche da taglio più o meno convenzionali?

DrHouse
Inviato: 20/10/2012 23:17  Aggiornato: 20/10/2012 23:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Redazione:
SALVA: "Quel motore è antecedente al 1980. Lo UA N1612 è del 1983."
Cosa? What? Where?
Questa non la sapevo. E' interessante.
Passami dei link se li hai please.

Immagino che Salva81 faccia riferimento a questo famosissimo thread:
http://s1.zetaboards.com/pumpitout/topic/1829738/1/

Sono state fatte varie ipotesi sulla provenienza del motore ritrovato a Murray Street, ne abbiamo parlato di recente anche nel thread Torri Gemelle: perchè le velocità "impossibili". Per sintetizzare, diciamo che non ci sono prove conclusive che il motore sia il Pratt & Whitney JT9D-7R4D che ci saremmo aspettati di trovare. Ad ogni modo, quand'anche si riuscisse a dimostrare che lo fosse, resta il fatto che non è stata fatta un'identificazione dei numeri seriali dei componenti, unico modo per associare in modo univoco un motore al velivolo di appartenenza.

In sostanza, se anche quel motore proviene da un 767-200, non c'è alcuna prova che provenga da N612UA. A rigore, potrebbe provenire da qualsiasi altro 767-200.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Decalagon
Inviato: 20/10/2012 23:36  Aggiornato: 20/10/2012 23:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
@Decalagon: Ok la "caverna vulcanica" è stata trovata sotto il TWC4.
Dire che "l'argomento è chiuso" cosa intendi?
L'argomento-caverna o la possibilità che gli edifici siano stati distrutti ANCHE da qualcos'altro oltre ad esplosivi e cariche da taglio più o meno convenzionali?


Hai sbagliato utente ^_^ io con la caverna non c'entro nulla.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
alexbell64
Inviato: 21/10/2012 0:02  Aggiornato: 21/10/2012 0:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Argh, è vero!
Era per NiHiLaNtH, la mia!
Chiedo scusa!
I'm sorry!

NiHiLaNtH
Inviato: 21/10/2012 0:29  Aggiornato: 21/10/2012 0:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
Dire che "l'argomento è chiuso" cosa intendi? L'argomento-caverna o la possibilità che gli edifici siano stati distrutti ANCHE da qualcos'altro oltre ad esplosivi e cariche da taglio più o meno convenzionali?


l'argomento caverna

Citazione:
oppure qualche altra...."cosa" utilizzante magari una concentrazione di energia radiante ad alta intensità, tipo una riedizione migliorata ed affinata del "raggio della morte" di tesla o qualcos'altro di cui nemmeno sospettiamo l'esistenza (Sertes & C. possono ridere e ghignare quanto gli pare, ma la penso così).


e quindi cosa suggerisci?
le esplosioni multiple prima e durante i crolli ci sono state per tutti e tre gli edifici ( in realtà c'è anche una testimonianza per il wtc 6 ) e nella polvere è stata trovata quella che sembra essere della nanothermite, dovremmo ignorare tutto ciò solo perchè potrebbero aver utilizzato anche qualche arma esotica che ufficialmente non esiste?

Citazione:
(Sertes & C. possono ridere e ghignare quanto gli pare, ma la penso così).


ripeto

quando ho ipotizzato l'uso di qualche arma energetica piazzata all'interno delle torri per ammorbidire le colonne più spesse presenti nella pate inferiore delle torri ( vedi john hutchinson ) nessuno mi ha preso per il culo

negue72
Inviato: 21/10/2012 12:01  Aggiornato: 21/10/2012 12:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/3/2010
Da:
Inviati: 63
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Martin Sheen and Woody Harrelson to star in 9/11 'truther' film September Morn
questo film dovrebbe parlare di verità "alternative"
http://www.dailymail.co.uk/news/article-2220621/Martin-Sheen-Woody-Harrelson-star-9-11-truther-film-September-Morn.html

FedeV
Inviato: 21/10/2012 14:01  Aggiornato: 21/10/2012 14:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Autore: Salva81 Inviato: 20/10/2012 20:26:54

se non vedi un fronte fermo all'inizio del collasso hai un serio problema di denial, per quanto mi riguarda non spendo più altre parole in merito
_________________

Denial. Senti senti.

Se la polverizzazione della foto che ho postato fosse causata dall'attrito, come dici tu, non ci sarebbe accelerazione del fronte del crollo. E questo sia nel caso di crollo spontaneo che di demolizione dall'alto verso il basso.

Redazione
Inviato: 21/10/2012 20:49  Aggiornato: 21/10/2012 20:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
DR_HOUSE: "non c'è alcuna prova che provenga da N612UA"

Ah, ok, ho capito.

E' l'assenza di prova, non è la prova dell'assenza (mmme pareva troppobbello!)

DrHouse
Inviato: 21/10/2012 21:55  Aggiornato: 21/10/2012 21:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Citazione:
DR_HOUSE: "non c'è alcuna prova che provenga da N612UA"
Ah, ok, ho capito.
E' l'assenza di prova, non è la prova dell'assenza (mmme pareva troppobbello!)

Forse mi sono espresso male.
1) C'è l'assenza di prova per la versione ufficiale.
2) E c'è anche una probabile prova dell'assenza, in quanto il cooling duct che si vede nella foto del motore trovato a Murray Str. non è quello che ci si attenderebbe da un Pratt & Whitney JT9D-7R4D, come quello montato (ufficialmente) su N612UA.

Il cooling duct che si vede nel motore ritrovato viene montato sui 747. È pur vero, tuttavia, che la stessa Boeing ammette che le turbine del 767 sono sostanzialmente intercambiabili con quelle usate sui 747 con piccole modifiche. Modifiche che, peraltro, devono sempre essere registrate. Dunque c'è un forte sospetto, ma non la prova conclusiva.

Il punto 1) è certo, il punto 2) è probabile.
Io insisto sul punto 1)... to be on the safe side...

EDIT:
Inserisco solo i link delle foto, perché sono grossine e non vorrei sfasassero il layout:
http://z3.ifrm.com/46/112/0/p173685/_09120009_comparison_03.jpg#06608438741583644716
http://z3.ifrm.com/46/112/0/p173686/_chromalloy01_edit.jpg#8879432256002778814
http://z3.ifrm.com/46/112/0/p173687/_chromalloy02_edit.jpg#8834137645044475271

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Redazione
Inviato: 21/10/2012 23:32  Aggiornato: 21/10/2012 23:32
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
DR_HOUSE: Obrigado.

niky6900
Inviato: 29/10/2012 18:48  Aggiornato: 29/10/2012 18:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/9/2012
Da: Torino
Inviati: 45
 Re: Temperature estreme a Ground Zero
Ormai non c'è più alcun dubbio in merito alla polverizzazione delle torri..
Se da una parte i debunkers continuano a sostenere il contrario, finiranno come neve al sole..
Caso mai l'unico e vero discorso rimane come siano state polverizzate. La sostanza che si presume possa essere stata applicata alla base delle torri è una buona similitudine, ma comunque sempre una teoria. Nel frattempo sono state fatte nuove considerazioni, e tra le varie analisi e studi le testimonianze rimango tuttora alla base di tutto.
Come risulta dai vari studi fatti in questi anni, i 47 piloni della struttura portante al centro delle torri risulta quindi essere implosa alla base dei due edifici. Come per gli altri due, l'edificio sette era stato minato sia alla base che nei vari piani, e sicuramente adottando vari sistemi per l'inserimento di esplosivi.
Le varie prove che portano a tutto sono esattamente nella stessa polvere che quel giorno invase l'intera manhattan, dando ai molti scenziati le prove che tutti cercavano..

Domanda ai debunkers: perchè noi cosidetti complottisti abbiamo fornito prove e documentazioni alla base di quasi tutti gli elementi di un dibattito che dura ormai da anni, e voi non avete fornito uno straccio di ciò che può e potrebbero essere le prove conclusive?


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA