Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : 2012: Nel segno delle profezie?
Inviato da Redazione il 21/12/2012 22:50:00 (23527 letture)

(Articolo originale del 31/12/2011).

Fino a ieri il 2012 sembrava una data lontana nel futuro, che prima o poi sarebbe arrivata “ma che per ora non ce ne dobbiamo preoccupare”.

Ora invece ci siamo dentro, e persino il più scettico dei materialisti non può ignorare la fatidica domanda che aleggia silenziosa un pò dappertutto: “Che cosa succederà nei prossimi dodici mesi?” “Ci saranno cataclismi, terremoti e devastazioni terrificanti?” “Esisterà l’umanità all’alba del prossimo anno, o verremo tutti spazzati via come moscerini insignificanti?” “E se qualcuno riuscisse a salvarsi, come farà a sopravvivere?” “Quanti di noi resteranno, e come verranno scelti i dannati e gli eletti?”

A questo punto la nostra mente viene travolta da una marea inarrestabile di immagini, che vanno dal “diluvio universale” della Bibbia ai lampi di Zeus del Monte Olimpo, dalla battaglia dei Vimana nei cieli di Vishnu alle trombe del giudizio nell’Apocalisse di Giovanni. A queste si sovrappongono le immagini dei mille film e telefilm “catastrofici”, sempre più difficili da distinguere dai veri tsunami e terremoti che vediamo in TV, e il tutto finisce in un unico calderone iconografico che mescola sempre più volentieri la storia con la fantascienza, il mito con la realtà, la profezia con l’invenzione, il sacro con il profano.

Nell’affrontare quindi la “questione 2012” bisogna prima di tutto tornare a separare gli elementi originali su cui è basata dai mille strati aggiuntivi che le si sono sovrapposti.

Al centro della questione sta la cosiddetta ”Profezia Maya”, che secondo la “versione comunemente accettata” preannuncia la fine del mondo per il 21 dicembre 2012.

In realtà questa “profezia” non nasce già nella sua forma attuale, ma risulta dall’interpretazione congiunta delle pochissime fonti …

… sopravvissute alla furia dei Conquistadores di Hernando Cortès e dei preti cattolici al suo seguito. I primi si occuparono di decimare la popolazione locale con un genocidio sistematico, i secondi cercavano di distruggere ogni traccia della loro tradizione culturale, per rimpiazzarla con i valori e con i simboli del cristianesimo. (Proprio in Messico si trova una chiesa cattolica che è costruita fisicamente sulle rovine di un tempio Maya. E non è l’unico caso al mondo).

Fra i pochi documenti che si salvarono i più importanti sono il “Codice di Dresda”, il libro sacro dei “Popol Vuh” e i libri di "Chilam-Balam” (che significa “Il Profeta Balam”).

Il Codice di Dresda ci ha permesso di conoscere il famoso calendario Maya, che termina con la data del 21 dicembre 2012. Il libro dei Popol Vuh contiene le varie leggende mitologiche che compongono la cosmogenesi e l’antropogenesi della tradizione Maya. Calendario e tradizione sono legati in modo indissolubile, in quanto il primo rappresenta la “struttura meccanica”, ovvero l’ossatura temporale, con la quale i concetti espressi dal libro sacro si concretizzano nel mondo materiale. Per i Maya la storia si ripete secondo cicli periodici, identici a sè stessi, che durano circa 5.000 anni. All’interno di ciascun ciclo l’umanità compie un percorso evolutivo completo. Secondo questo calendario noi ci troviamo nella fase conclusiva del ciclo attuale, che è iniziata intorno al 3000 avanti Cristo, è che si concluderà il 21 dicembre 2012.

Ma è solo introducendo il libro di Chilam-Balam, che contiene una lunga serie di profezie, che si arriva al leggere quella data nei termini catastrofici della “fine del mondo.”

Le profezie di Chilam-Balam, che ricordano da vicino le quartine di Nostradamus, sono associate a precisi cicli temporali di 20 anni ciascuno, chiamati katun. Per l’ultimo katun di questo ciclo (cioè gli anni dal 1993 al 2012) Chilam-Balam prevede un periodo oscuro caratterizzato da scontri violenti fra forze antagonistiche di enorme magnitudine.

Ma è la nostra visione lineare del tempo, che scorre in una sola direzione - dal “passato” al “futuro” - che ci porta ad interpretare questo genere di conflitto come qualcosa di definitivo e irreversibile.

La nostra visione escatologica dell’esistenza – che fu introdotta proprio dal cristianesimo – ci insegna che veniamo al mondo una volta sola, e che dopo la morte ci attende il giudizio divino, la cui sentenza sarà inappellabile. Non ci sono i tempi supplementari, e non c’è nessun girone di ritorno. E persino il più ”ateo” dei materialisti risente in ogni caso di questa concezione temporale, nel momento in cui dichiara che non ci sia nulla “prima” della nascita e che nel nulla più assoluto si debba tornare “dopo” la morte.

Se invece si considera la visione circolare (ciclica) del tempo – che i Maya condividono sia con gli altri nativi americani che con tutte le tradizioni spirituali dell’Oriente – qualunque scadenza di tipo cosmico diventa solo un punto particolare all’interno di un sistema di punti equivalenti ed equidistanti dal centro, dove non è più possibile stabilire una gerarchia di tipo temporale.

Il periodo che stiamo attraversando ora, secondo i Maya, rappresenta semplicemente la fase di transizione fra la fine di un ciclo e l’inizio di quello nuovo. Ma questa fase non avviene necessariamente “prima” del nuovo inizio, in ordine temporale. Appare a noi come un “prima” perchè la viviamo dal suo interno, ma guardando dal centro della ruota ogni punto della circonferenza esiste nello stesso momento. E’ l’umanità che si sposta da un punto all’altro della ruota, ricavandone la sensazione di “muoversi nel tempo”.

E’ un pò come la storia dei film d’avventura. Se guardi la vicenda dal punto di vista del protagonista, gli eventi si susseguono secondo un preciso ordine temporale, nel quale lui conosce solo quello che è successo fino a quel momento, ma non può conoscere nulla di quello che ancora deve accadere.

Se però togliamo la pellicola dal proiettore e la teniamo fra le mani, noi possiamo vedere contemporaneamente sia l’inizio che la fine di quel film, ed anche qualunque altro punto della storia. In altre parole, quella storia “esiste già” tutta, dall’inizio alla fine, nei fotogrammi che sono impressi sulla pellicola. Ma solo mettendo in moto il proiettore la storia – e quindi il “tempo” – iniziano a scorrere per chi li vive dal suo interno (Et lux fuit). E quando il film è finito il proiezionista ricarica la pellicola daccapo, e la storia ricomincia.

C’è un secondo aspetto, altrettanto importante, del pensiero occidentale che ci rende difficile valutare correttamente le profezie, ed è quello che noi chiamiamo il “meccanismo causa-effetto”.

Poiché noi siamo abituati a concepire il tempo in forma lineare, ci viene automatico considerare qualunque evento come diretta conseguenza di un evento che l’ha preceduto. La storia non può andare dal punto A al punto B della linea temporale se non avviene qualche cosa che la faccia muovere da A a B.

Ecco perchè per noi una qualunque profezia viene considerata alla stregua di una banale visita dall’indovino: “Domani vincerai al totocalcio”, oppure “stai per incontrare la donna dei tuoi sogni”, sono frasi a cui si attribuisce la stessa credibilità di “Verrà un dittatore con l’aquila sul petto” pronunciata da Nostradamus. In base alla concezione causalistica della realtà, qualunque descrizione di un evento futuro non potrà mai avere un reale fondamento scientifico, per cui l’avverarsi di tale evento viene lasciato esclusivamente al caso. Se imbrocchi ci fai un figurone, se sbagli è meglio che tu ti vada a nascondere, ma tutto finisce lì in ogni caso.

Per gli orientali invece il meccanismo causa-effetto ha una importanza molto relativa. Come scrive Jung nella sua introduzione al libro dell’ “I-King” - che è forse il più importante libro di “profezie“ nella storia dell’umanità – “La nostra scienza è basata sulla causalità, e quest’ultima è considerata una verità assiomatica. I cinesi invece sembrano poco interessati alla spiegazione causale degli eventi, poichè questi debbono essere nettamente separati fra di loro prima di poter essere trattati in modo appropriato. Per i cinesi invece l’istante che sta sotto osservazione sembra essere più che altro la configurazione che gli eventi accidentali vengono a formare in quel momento. Mentre la mentalità occidentale accuratamente separa, pesa, sceglie, classifica, isola ecc., l’immagine cinese del momento contiene ogni particolare fino al più minuto assurdo dettaglio, poiché l’istante osservato è il totale di tutti gli ingredienti. […] Questa assunzione implica un certo strano principio che io ho nominato sincronicità, concetto che si pone da un punto di vista diametralmente opposto alla causalità. Il punto di vista causale ci narra la storia precisa in cui giunse all’esistenza D, che prese origine da C, il quale aveva avuto un padre che si chiamava B, il quale veniva da A, ecc.. La visione sincronistica invece tenta di produrre un quadro altrettanto significativo della coincidenza: come accade che A,B,C e D compaiono tutti nel medesimo momento e al medesimo posto?” (In realtà, la stessa scienza occidentale stava elaborando in quel periodo i principi della fisica quantistica, che avrebbe introdotto una visione della realtà di tipo probabilistico, molto simile a quella descritta da Jung con il termine di sincronicità).

Tutto questo non significa che la cultura orientale neghi in assoluto il rapporto causa-effetto. Chiunque veda il bicchiere che cade dopo che qualcuno l’ha urtato può solo concludere che la prima azione sia stata causata dalla seconda. Ma per gli orientali il rapporto causa-effetto si limita alle concatenazioni più immediate, e resta localizzato agli eventi specifici, mentre nella visione complessiva della realtà subentra la variabile probabilistica, e il meccanismo causa-effetto cessa di avere la sua importanza.

E’ quindi evidente che una qualunque profezia venga ad assumere un valenza molto diversa, se considerata nell’ottica orientale di un tempo ciclico e non lineare.

Se non esistono necessariamente un “prima” e un “dopo”, la profezia non può identificare un evento che avvenga una volta sola in un punto preciso della linea temporale, ma diventa una specie di chiave universale per riconoscere eventi che si ripetono ciclicamente nella storia, e che prendono ogni volta aspetti diversi, pur mantenendosi identici nella sostanza.

Sono gli archetipi, quei meccanismi universali come “La difficoltà”, “Il ritorno, “La sconfitta”, “Il procedere” che l’ I-KING presenta infatti come chiavi di lettura da applicare ad ogni singolo evento materiale.

Tutti i film d’avventura sono diversi uno dall’altro, ma in ogni film d’avventura ci saranno sempre un eroe protagonista (l’identificazione), un episodio che lo trascina nella vicenda (la partenza), un antagonista che lo ostacola lungo il percorso (il confronto), e un duello finale che lo libera dall’antagonista (il prevalere) e gli permette di risolvere il problema iniziale (la pacificazione).

Quindi, quando noi al cinema diciamo “vedrai che adesso quello muore” non stiamo “tirando a indovinare”, ma stiamo applicando gli archetipi narrativi che già conosciamo al film specifico che stiamo guardando.

Se ora proviamo ad applicare questi concetti alla Profezia Maya tutto di colpo ci appare più sensato. Chilam-Balam non ci sta dicendo che ci sarà un terremoto di magnitudine sette virgola cinque il 4 agosto alle 15.30, ma ci sta presentando una dinamica universale, nella quale le forze in gioco hanno ormai raggiunto la massima potenza, per cui solo uno scontro a tutto campo fra di loro potrà creare le condizioni per il cambiamento radicale che caratterizza l’alba di un nuovo ciclo.

Dopodichè sta a ciascuno di noi leggere la profezia come preferisce, sia nell’identificare le forze che stanno per scontrarsi, sia nel decidere i colori che vuole dare al nuovo giorno.

Non dimentichiamo però che nella sincronicità orientale – esattamente come nella fisica quantistica – l’osservatore è un elemento di primaria importanza per il risultato conclusivo. Nessuno può illudersi di mettersi semplicemente alla finestra e stare a guardare quello che succede.

Anzi, sono proprio quelli che sceglieranno di non fare nulla che rischiano di influire più di tutti sulle dinamiche e sull’esito finale di questo cambiamento. Ogni volta che accettiamo una bugia invece di ribellarci, ogni volta che scegliamo il compromesso invece di rifiutare, ogni volta che tacciamo quando dovremmo parlare, noi aggiungiamo una molecola sul quel lato della bilancia che si oppone al cambiamento, rischiando di rendere molto più violento e più brutale il ribaltamento, che è comunque inevitabile.

Nell’ultima pagina del Codice di Dresda, alla scadenza esatta del calendario Maya, compare la figura di una dea che riversa enormi quantità di acqua sulla terra, e sembra voler annegare tutti gli esseri viventi sulla sua superficie.

Ma c’è anche una profezia degli Hopi che dice: “Questo è un momento meraviglioso. C’è un fiume che scorre molto veloce. É così rapido e travolgente che molti avranno paura, e cercheranno di aggrapparsi alla riva. In questo modo si renderanno conto di venire straziati e soffriranno enormemente. Sappiate che il fiume ha la sua destinazione. Gli anziani dicono di staccarci dalla riva e di raggiungere il centro del fiume, tenendo gli occhi aperti e la testa fuori dall’acqua. Ora guardatevi intorno, e vedete chi è rimasto con voi a celebrare”.

E Robert Kennedy – certamente un “profeta” a modo suo – aveva scritto: “Ogni volta che una persona si batte per un’idea, agisce nell’intento di migliorare la situazione degli altri, o si scaglia contro un’ingiustizia, mette un moto sottili rivoli di speranza che vanno a formare una corrente in grado di travolgere il più poderoso muro di oppressione e di resistenza”.

Forse quel fiume siamo tutti noi.

Massimo Mazzucco

Voto: 9.00 (16 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
music-band
Inviato: 1/1/2012 0:10  Aggiornato: 1/1/2012 0:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/10/2005
Da: Shangri-la
Inviati: 1680
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Bravo Massimo,

un articolo di grande spessore e rara lucidità; il miglior saluto al nuovo anno.

illupodeicieli
Inviato: 1/1/2012 0:15  Aggiornato: 1/1/2012 0:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Alla riscossa stupidi che i fiumi sono in piena, potete stare a galla.
Buon anno a tutti. Riprendiamoci tutto ciò che ci è stato rubato, industrie, cultura,lavoro, dignità: costruiamo il mondo e non usiamolo soltanto. Forse è una profezia che non è stata ancora rivelata,scoperta oppure una variabile non presa in considerazione, come nella migliore tradizione della fantascienza classica degli anni d'oro. Ancora buon anno.

Calvero
Inviato: 1/1/2012 1:56  Aggiornato: 1/1/2012 2:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
___________________________
___________________________

«Non è il tempo, siamo noi che passiamo» F.D.A.

Citazione:
Ogni volta che una persona si batte per un’idea ...


«.... se ognuno si battesse per le proprie idee, non ci sarebbero guerre» L.T.

Grande articolo, Massimo. Veramente da incorniciare.
Merita di essere discusso in tutti i suoi molteplici aspetti, tanto quanto tutti questi aspetti conducono a un nucleo e tanto quanto tutto ciò riconduca a quel fiume con cui si "chiude" la tua riflessione.


Tra l'altro, e non certo di passaggio, cruciale quanto BLASFEMA - è stata l'opera della Chiesa e di tutto il cristianesimo che ne è seguito; che MAI realmente ha mostrato vergogna per lo scempio culturale di secoli in primis, e psicologico conseguentemente. Scempio con cui ha sfaldato il senso della Vita nella collettività umana (trasformandola in alveare umano), spostando il baricentro dell'uomo e rendendolo quindi una sorta di alcolizzato bisognoso del suo bicchiere quotidiano di "salvezza promessa"...

.. e il presente? .. a puttane, of course.

Che si ragioni ad esempio sulla questione ===> presente. Ci si pensi. L'unico termine tra "passato" e "futuro" che non può essere plagiato; non può essere un termine ingannevole; che non può essere rovesciato... (per questo la politica e la religione non lo usano, mai. Ci si arriverà una cazzo di volta a comprenderlo?!)

... ecco si pensi a questo, PROFONDAMENTE (la cosa sarebbe meno criptica se ci opponessimo alla propaganda), si pensi che ogni cetriolo del Potere parte sempre da due presupposti che lavorano sulla psicologia di massa. Il passato e il futuro. Ripetiamolo ancora: "passato" e "futuro". Se Satana esistesse, questi sarebbero i suoi due forconi: passato e futuro.

Lo ribadisco ora e sempre con tutta la forza, e non poche volte l'ho sostenuto.

Si distruggano i figli, si distrugga il futuro.
Si distrugga l'educazione, si distrugga la scuola.
Si impari a pensare in modo non-storico.
Si distruggano le promesse.

La liberazione da questi concetti soprattutto occidentali e imposti dal fascismo del cristianesimo, hanno deviato i nostri cuori. La propaganda è arrivata al suo apice, e la sublimazione di questo Potere malefico ha la sua forza NON in sé...

... il Potere è privo di forza. Ancora non lo si è compreso.
La sua "forza" è resa tale dalla debolezza di chi ama le catene. In questo caso, come un nodo scorsoio: le catene del tempo.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
absinth
Inviato: 1/1/2012 1:57  Aggiornato: 1/1/2012 1:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/12/2005
Da: FRIULI VENEZIA GIULIA
Inviati: 249
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Augurissimi a tutti i frequentatori del sito per un super 2012 e Massimo M. in primis! Positività e Amore vincono qualunque fine del mondo! AUGURI !!!!!!!!

BaBaJaN
Inviato: 1/1/2012 2:04  Aggiornato: 1/1/2012 2:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2008
Da: Terra?
Inviati: 179
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Grazie per la speranza che questo articolo fa traspirare...

A volte mi sento davvero perso e scoraggiato... Devo dire che sto attraversando un momento strano della mia vita dal punto di vista della consapevolezza che cambia di giorno in giorno... Ma che purtroppo mi lascia una sensazione "noir" addosso.

Spero di trovare sempre le giuste energie e motivazioni per proiettare una realtà sempre più positiva e meno rivolta al cupo dio che troneggia in ognuno di noi.


Sono poche le persone con cui riesco a condividere i miei pensieri e il mio stato d'animo, sulla strada ho perso molti amici, ma altri ne ho ritrovati.

Quello che più mi spaventa è il lavoro-Matrix che mi ingloba e mi scarica talmente tanto che alla sera non ho le giuste energie e slancio che mi permettono di continuare a cercare quell'equilibrio che solo tramite il dialogo e il confronto onesto riesco a trovare.

È difficile rimanere lucidi ma i presupposti in questo 2012 ci sono tutti, dobbiamo dare il nostro contributo per riequilibrare i contenuti della nostra vita e renderli migliori, più veri più vissuti... E se ogni tanto mi addormento datemi una scossa....

2012 sei arrivato! O forse è già passato e noi stiamo soltanto ricordando di viverlo.

Calvero
Inviato: 1/1/2012 2:36  Aggiornato: 1/1/2012 2:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
JohnTitor
Inviato: 1/1/2012 10:47  Aggiornato: 1/1/2012 10:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Takwa e Sofia l'auspicio di Napolitano: le prime nate sono di origine tunisina e vietnamita (Corriere della Sera online)

Sono 20 anni che ogni anno i primi nati sono irrevocabilmente extracomunitari non europei. Ci avete fatto caso?
La cosa è statisticamente IMPOSSIBILE perchè se sommiamo italiani con immigrati 'bianchi' (est europa) le nascite non 'colorate' sono il 95%.

Secondo me il 2012 sarà l'anno della totale falsificazione delle statistiche per convincere i cittadini ad accettare qualunque sopruso da parte del potere finanziario.

Spiderman
Inviato: 1/1/2012 10:59  Aggiornato: 1/1/2012 10:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Molto bello Max! Fiero di far parte di quel fiume.

@JohnTitor
Sono nati due esseri umani, colore della pelle e provenienza non contano, veniamo fuori tutti quanti da un posto solo.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
JohnTitor
Inviato: 1/1/2012 11:15  Aggiornato: 1/1/2012 11:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@JohnTitor
Sono nati due esseri umani, colore della pelle e provenienza non contano, veniamo fuori tutti quanti da un posto solo.

Se tu avessi letto bene ti saresti accorto che io parlavo di statistiche falsificate a scopo di controllo sociale.

sonsokh
Inviato: 1/1/2012 11:35  Aggiornato: 1/1/2012 11:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
bello questo articolo!
complimenti

maryam
Inviato: 1/1/2012 11:57  Aggiornato: 1/1/2012 11:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/3/2010
Da:
Inviati: 137
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Grazie Massimo! Molto bello questo articolo di inzio anno....

In risposta al posto di parole....


http://www.youtube.com/watch?v=rhN7SG-H-3k

VIMS
Inviato: 1/1/2012 12:06  Aggiornato: 1/1/2012 12:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Buon 2012 a tutti.

Spero che i tempi siano veramente maturi per portare un cambiamento notevole.

Probabilmente finirà il mondo che conosciamo, ossia popolato da individui non ancora consapevoli delle proprie potenzialità.

Nessun cataclisma. Spero un vivo risveglio.

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
fefochip
Inviato: 1/1/2012 12:15  Aggiornato: 1/1/2012 12:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@ massimo e riguardo massimo

di massimo si possono dire tante cose ma in questo caso ci terrei a sottolinearne una : l'energia di ottimismo che sprigiona dalla sua attività.

se si riuscisse a creare una macchina per distillare ottimismo da lui si potrebbe estrarne tanto da "curare" tutti gli iscritti del sito e oltre.

ha scelto forse il piu pesante(intesto in senso psicologico piu che materiale) degli argomenti serpeggianti in internet e tra le persone e lo ha trasformato in un messaggio positivo, concreto ,ottimista e di fiducia.

la lucidità che esprime in questo scritto da la misura , a mio avviso, di quanto in realtà la positività sia qualcosa che è un passo oltre alla razionalità.

grazie, ci voleva proprio questo articolo il primo del 2012 ....non vedo articolo piu azzeccato

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 1/1/2012 12:17  Aggiornato: 1/1/2012 12:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
riguardo l'articolo

Citazione:
Al centro della questione sta la cosiddetta ”Profezia Maya”, che secondo la “versione comunemente accettata” preannuncia la fine del mondo per il 21 dicembre 2012.


mi sono piegato in due per 10 minuti prima di riuscire ad andare avanti

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
peonia
Inviato: 1/1/2012 12:22  Aggiornato: 1/1/2012 13:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
GRazie Massimo, un articolo bellissimo di largo respiro e ottimismo ponderato.

La profezia di Balam la vediamo svolgersi davanti a noi e se ognuno farà la propria parte per avere quel Mondo che vogliamo tutti, credendo fermamente che non siamo vittime ma artefici della propria realtà...il prossimo ciclo sarà quello descritto in tante tradizioni,l'Età dell'Oro...

BUON 2012 A TUTTI, ALLA FACCIA DI MONTI E AFFINI....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
superava
Inviato: 1/1/2012 12:25  Aggiornato: 1/1/2012 12:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Un' articolo di buon auspicio per l'anno che viene..A tutti Buon Anno!

Al2012
Inviato: 1/1/2012 12:33  Aggiornato: 1/1/2012 12:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
BUON ANNO MASSIMO !!

“Capire … significa trasformare quello che è"
fefochip
Inviato: 1/1/2012 12:38  Aggiornato: 1/1/2012 12:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
riguardo al concetto di tempo e all'articolo

guardando un documentario l'altro giorno mi sono reso conto di un particolare riguardo al tempo che avevo da sempre sotto gli occhi ma che non avevo messo a fuoco.

spesso si sente dire "il tempo è un invenzione dell'uomo"

ma che vuol dire?

in termini fisici il tempo NON ha una unità di misura non dipendente da altre , è funzione dello spazio nello specifico.

il tempo non riusciremmo a descriverlo senza lo spazio .

il pendolo se non compiesse il suo moto non potremmo misurare il tempo.

si potrebbe obiettare che in realtà l'orologio a pendolo è stato creato in modo tale da essere il piu possibile sincronico a un altra cosa ..ma cosa?
andando avanti con il progresso tecnologico abbiamo cercato di misurare il tempo in maniera sempre piu accurata con i famosi orologi atomici che altro non sarebbero che oscillazioni costanti (per quanto se ne sa) molto frequenti per poi fissarne un numero definito di oscillazioni per definire cosa? il secondo , il minuto ,le ore, i giorni, i mesi, gli anni?
e arriviamo proprio lì, alla rotazione della terra intorno al sole e alla sua rotazione della terra intorno al proprio asse.

rotazione ...non moto rettilieo uniforme.

per i calcoli fisici abbiamo scomposto tali rotazioni in parti molto piccole a secondo degli usi che ne dobbiamo fare (ore, secondi o frazioni di sec.).

ma in realtà il tempo è un qualcosa di ciclico e non lineare.

stranamente e istintivamente invece visualizziamo il tempo come una retta con a sinistra il passato e a destra il futuro (probabilmente i mancini istintivamente fanno il contrario), ma non lo è ! simbolicamente è un cerchio !

è curioso ,da dove ci viene in mente la linearità del tempo quando l'osservazione diretta non ci può fare altro che dire che è un insieme di moti circolari? (in realtà sarebbero ellittici ma il concetto non cambia molto)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Bauzz
Inviato: 1/1/2012 12:43  Aggiornato: 1/1/2012 12:46
So tutto
Iscritto: 16/12/2011
Da:
Inviati: 8
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Io davvero non ho mai capito tutta quest'agitazione per il calendario Maya. Quando l'orologio segna la mezzanotte di un giorno qualsiasi, il mondo finisce? No, inizia un altro giorno.
Quando festeggiamo un nuovo anno (btw auguri!), il mondo finisce? No, incomincia un altro anno.
Allora perchè quando finisce un ciclo-di-5000-anni dovrebbe finire il mondo?
"Io mi preparo allo shock di chi si accorge che a mezzanotte tutto ricomincia, ed è tutta colpa di un paio di scansioni temporali ideate per rendere più organizzabile la vita." (cit.)

Perchè di questo si tratta, convenzioni. Che poi si basino su cicli naturali (rivoluzione della terra, rotazione della terra, e ???) ha ben poca importanza, come ci insegnano i primi due comunissimi casi. Certo, potrei fare la fine del tacchino induttivista...

Ma tutto ammesso: dove sta scritto che il 21 dicembre 2012 inizieranno le catastrofi? Secondo queste profezie di Chilam-Balam al contrario dovrebbero FINIRE in quella data.

Ma va beh, il mio sfogo và a chi "ci crede" e a chi non ci riflette. Chi invece non appartiene alla categoria può tranquillamente non lasciarsi toccare dalle mie parole.


Resta invece molto molto interessante questa visione "orientale" della sincronicità, per i suoi apparenti riscontri con la fisica quantistica (non ne so assolutamente niente in materia =) quindi mi affido a quanto leggo per ora). E mi piacerebbe approfondire la questione, soprattutto identificare meglio quegli "orientali".
Se qualcuno mi potesse illuminare...!

Interessante anche il confronto con il cittadino apatico che inghiotte e non rigetta, e che con il suo non-agire agisce. Davvero un paragone azzeccato :)

un saluto.


edit
La concezione di tempo qui illustrata non fa per me! Preferisco continuare a pensarla "all'occidentale" riuscendo comunque a dare un senso a tutto il resto =)

TAZMIN
Inviato: 1/1/2012 12:50  Aggiornato: 1/1/2012 12:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2004
Da:
Inviati: 56
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
grazie Massimo, articolo particolare e suggestivo, offre un'ottica diversa degli eventi, ahinoi cosi strani, cupi, in una parola, rassegnati... ecco, proprio la rassegnazione impedisce a questo fiume di travolgere tutto il marcio e purificare lo status quo! BUON 2012 A TUTTI, CHE SIA SERENO, NIENTE DI PIù!

Decalagon
Inviato: 1/1/2012 12:52  Aggiornato: 1/1/2012 12:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Bell'articolo Max.

Io sono sicuro che l'unica cosa che finirà definitivamente, il 21 dicembre di quest'anno, sarà il lavoro di tutti quegli imbrattacarte catastrofisti che hanno preannunciato morte e distruzione

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
peonia
Inviato: 1/1/2012 12:56  Aggiornato: 1/1/2012 12:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Nel VII secolo Sant'Agostino nelle Sue Confessioni diceva: “Se nessuno me lo chiede, so cos'è il tempo, ma se mi si chiede di spiegarlo, non so cosa dire”. Il noto filosofo esistenzialista contemporaneo Martin Heidegger, allorché si accinse a scrivere un saggio sul tempo, affermò che gli mancavano le parole per poter parlare di questo argomento.


Nella mia presunzione, oso dire che il tempo è una convenzione della realtà tridimensionale che serve per orientarci.....è solo un simbolo, un cartello indicatore....nella Materia, uscendo dalla quale non serve più, svanisce, semplicemente non esiste....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
teto2009
Inviato: 1/1/2012 12:58  Aggiornato: 1/1/2012 12:58
So tutto
Iscritto: 19/10/2009
Da:
Inviati: 13
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
solo un dubbio, perchè all'inizio dell'articolo hai scritto "Ora invece ci siamo dentro, e persino il più scettico dei materialisti non può ignorare la fatidica domanda che aleggia silenziosa un pò dappertutto: “Che cosa succederà nei prossimi dodici mesi?” “Ci saranno cataclismi, terremoti e devastazioni terrificanti?” “Esisterà l’umanità all’alba del prossimo anno, o verremo tutti spazzati via come moscerini insignificanti?” “E se qualcuno riuscisse a salvarsi, come farà a sopravvivere?” “Quanti di noi resteranno, e come verranno scelti i dannati e gli eletti?”" ?


Io non me lo chiedo, è una buffonata la profezia e del 2012, inoltre non c'è nessuna prova e nessuna evidenza che le profezie esistano veramente (nel senso che non si possono prevedere fenomeni con metodi da uomo delle caverne). Al massimo ci sarà qualche terremoto o un'eruzione vulcanica in questo nuovo anno ma niente fine del mondo

Bauzz
Inviato: 1/1/2012 13:09  Aggiornato: 1/1/2012 13:09
So tutto
Iscritto: 16/12/2011
Da:
Inviati: 8
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@fefochip @peonia
d'accordissimo con tutti voi!
Una notte sono giunto alla conlcusione che il tempo non esiste, è solo una manifestazione di cambiamenti che avvengono nello spazio, è descritto in funzione dello spazio.
NON invecchiamo perchè passa il tempo, ma descriviamo il tempo con il fatto che invecchiamo. Non ci muoviamo da un punto A ad un punto B mentre scorre il tempo, ma descriviamo il fatto che è passato del tempo in base al fatto che ci siamo mossi.
Se tutti fossimo immobili, se ogni atomo fosse immobile, se TUTTO fosse immobile, nessuno apprezzerebbe questo "trascorrere del tempo", quindi di fatto non sarebbe passato del tempo.
Ed ecco che si riesce ad accettare con tranquillità una frase come "prima della nascita dell'universo non c'era niente". Non esiste un prima! E con questa interpretazione si può accettare facilmente come non esista un "prima".. Semplicemente il tempo ha iniziato "a scorrere" (in realtà ad essere percepito) nel momento in cui qualcosa si è mosso, prima non aveva senso

insaneman
Inviato: 1/1/2012 13:34  Aggiornato: 1/1/2012 13:34
So tutto
Iscritto: 16/12/2011
Da: nerviano
Inviati: 3
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@Bauzz
grandi gli uochi!
auguri a tutti buonando!
@Calvero ma che foto è quella?

It's only a choice. No effort, no work, no job, no savings of money.. Just a simple choice, right now, between fear and love. Bill Hicks
edo
Inviato: 1/1/2012 13:53  Aggiornato: 1/1/2012 13:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Questo articolo è il più bel messaggio di auguri che abbia letto.
Se potessi farei qualcosa per sostenere il sito, purtroppo, per ora non è tempo.

matteog
Inviato: 1/1/2012 14:25  Aggiornato: 1/1/2012 14:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Complimenti per l'articolo e auguri a te Massimo e a tutti gli iscritti di questo bel sito,

comunque anch'io come teto non mi faccio quelle domande, ma le risposte vanno date comunque come fai tu Massimo perché purroppo c'è tanta gente che le risposte se le fa dare.

Purtroppo non sono ottimista come Massimo anche perché vedo ogni giorno sempre più miei amici scegliere consapevolmente di non fare niente ed anzi di non sapere niente "perchè tanto non si può fare niente".

Una volta questo malsano ragionamento era involontario, soprattutto dettato da cattiva educazione ed informazione, ora questo ragionamento è consapevole.

Per me si va sempre peggio.

Matteo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
peonia
Inviato: 1/1/2012 14:29  Aggiornato: 1/1/2012 14:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
forse, a proposito di 2012, può interessarvi l'intervista alla principessa del Giappone KAORU NAKAMARU?

http://www.sevenradio.it/podcast/item/illuminati-news-anteprima-29-01-20011?category_id=11

(sempre le solite cose...)

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
NovaEra
Inviato: 1/1/2012 14:30  Aggiornato: 1/1/2012 16:30
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
"Anzi, sono proprio quelli che sceglieranno di non fare nulla che rischiano di influire più di tutti sulle dinamiche e sull’esito finale di questo cambiamento. Ogni volta che accettiamo una bugia invece di ribellarci, ogni volta che scegliamo il compromesso invece di rifiutare, ogni volta che tacciamo quando dovremmo parlare, noi aggiungiamo una molecola sul quel lato della bilancia che si oppone al cambiamento, rischiando di rendere molto più violento e più brutale il ribaltamento, che è comunque inevitabile."

E' bellissimo il tuo ultimo aricolo Massimo, piacere di fare la tua conoscenza.
Soprattutto su questo tuo meraviglioso pensiero mi sono soffermata e ti STRAQUOTO!
La Ricerca sincera della Verità è alquanto contrastata e tu che denunci oramai da tempo immemorabile fenomeni inspiegabili e rinnegati perfino "nell'alto dei Cieli"? lo sai benissimo.
Mi riferisco agli channellig i cosidetti canalizzati, alla continua ribalta mediatica, che parlano in diretta mentale con tutto il Paradiso... compreso il Padreterno in persona: che come volevasi dimostrare, non ci chiarisce MAI certi "particolari" alquanto scomodi, ma fa finta di non vedere e di non sentire. Secondo le attuali apparizione mariane a scadenza fissa e continuata, staremo per assistere addirittura alla Fine del nostro mondo e della razza umana, perchè Ritorna dal cielo un certo Gesù che ci massacrerà tutti all'unisono e Rapirà i suoi Eletti.
E allora se potessi gli domanderei: "cosa hai ancora da celare, per chi stai giocando, perchè dobbiamo morire così come siano nati? Completamente al Buio Coscienziale ovvero da idioti?!"

Per cui, siceramente non mi sento, almeno per il momento, di seguire questa "scia" il "branco", farmi trasportare da un torrente nero, come è NERO è sempre stato il Sole alato, simbolo Annunako che nei reperti archeologici ritroviamo dappertutto: bello ed appariscente perchè è un sole abbagliante, ma vuoto e buio al suo interno, come il Buco nero esistente al centro della nostra Galassia, con cui forse, ci allinieremo?!?.

I Maya stanno attendendo proprio per il 2012 uno dei loro Dio, dagli ultimi ritrovamenti risulta ciò, e non mi pare bene che Ritorni un dio che faceva fare sacrifici UMANI assassinando con rituali infanti innocentii, tramite sacerdoti che li immolavano ferocemente, non disdegnandone il sangue ancora caldo umano ed offrivano tali sacrifii invocandone i favori e la Conoscenza sia Magica che raffinatamente scientifica, proprio di questi Dio in procinto ora di ritornare.

Occhi aperti, dunque, non ci facciamo fregare dalle apparenze e Buon Anno 2012 a tutti noi del Forum!

"Proprio qui il re Maya Kan Balam, reincarnazione di tutte le divinità, dovrebbe risvegliarsi il 21 dicembre 2012."
http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=114735

"L’antropologo e archeologo José Luis Romero, vice direttore dell’INAH (l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia di Città del Messico), ha dichiarato al riguardo che “in quel poco che possiamo vedere, in ogni lato della stele, è impressa la data del 23 dicembre 2012, in cui si prevede l’arrivo di un (loro) Signore del cielo, in coincidenza con la chiusura di un numero di cicli”.
http://www.hunabku.it/index.php?option=com_content&view=article&id=176:la-stele-maya-che-smentisce-la-fine-del-mondo-&catid=40:profezie&Itemid=102

"L'auto-sacrificio era abbastanza comune; le persone offrivano spine di agave, colorate col proprio sangue e, come i re Maya, offrivano sangue dalla loro lingua, dai lobi delle orecchie o dal pene.
Il sangue aveva un'importanza fondamentale nelle culture mesoamericane. Il Codice fiorentino afferma che in uno dei miti della creazione Quetzalcóatl offrì sangue estratto da una ferita del suo pene per dare vita all'umanità. Esistono molti altri miti nei quali si parla di dei Nahua che offrono sangue per aiutare gli uomini.
I semplici cittadini si limitavano ad offrire spine di agave bagnate di sangue. Lloyd deMause ha affermato che, come gli odierni autolesionisti, gli Aztechi praticavano il salasso da tagli inferti con coltelli in ossidiana o con ossi appuntiti sulla propria carne, come ad esempio lobi delle orecchie, labbra, lingua, petto e polpacci.[16] Era considerato un personale atto di penitenza verso gli dei. Le spine venivano messe in una palla di paglia chiamata zacatapayoli, poi posta in un adoratorio.
Per celebrare Huehueteotl, dio del fuoco e divinità più anziana, gli Aztechi organizzavano una cerimonia in cui avevano luogo grandi feste che si concludevano con il rogo di prigionieri che, prima di morire, venivano estratti dalle fiamme e a cui veniva asportato il cuore. Motolinía e Sahagún raccontano che gli Aztechi credevano che, se non avessero placato Huehueteotl, una piaga di fuoco avrebbe colpito la città. Il sacrificio era considerato un'offerta alla divinità.[22]
Tlaloc era il dio della pioggia. Tlaloc chiedeva le lacrime dei bambini come parte del sacrificio. I sacerdoti facevano piangere i bambini durante il cammino che li portava all'immolazione."


http://it.wikipedia.org/wiki/Sacrifici_umani_nella_cultura_azteca

http://mysterium.blogosfere.it/2011/11/non-solo-sacrifici-umani-ma.html

http://www.laportadeltempo.com/Precolombiane/prec_220105.htm


Conclusione? A prescindere di cosa avverrà nel 2012 e se avverrà sul serio qualcosa di "catastrofico" o imponente per tutti noi, l'Essere Umano "normale" ha nel suo corredo genetico nel DNA l'Istinto di Sopravvivenza, che se e quando funziona regolarmente dovrebbe produrre delle sostanze fisiologiche per salvaguardare la razza Umana dall'Estinzione, se ciò non avviene si parla di FOLLIA e malfunzionamento del cervello, che potrebbe condurre ad una profonda distorsione della visione e del significato della Vita stessa, nonchè della sua intoccabile SACRALITA'.
E soprattutto non saranno di certo i Maya a decretare l'ORA ed il giorno della nostra estinzione npnchè di Gaia o addirittura di tutto il sistema solare: un popolo che dai ritrovamenti risulta completamente SCHIAVIZZATO dai suoi dei, tanto da offrirli il SANGUE delle sue stesse creaturine innocenti: li facevano anche piangere con sofferenza torturandoli, prima di dargli la morte ai bambini sacrificati ai loro dei in cambio di un misero CALENDARIO e quattro nozioni di astronomia? E allora, secondo noi, un nostro prof. Universitario quanto dovrebbe chiedere di stipendio mensile?!?!

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
alsecret7
Inviato: 1/1/2012 14:37  Aggiornato: 1/1/2012 14:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
se il fato o le prfezie non si avvereranno credetemi ci saranno dei cretini che faranno inmodo che si avveri.ricordatevi che la tecnologia esiste, per distruggere il mondo. basta un solo pazzo per spingere un bottone. e quanto sto vedendo non siamo molto lontani. certo ci puo essere anche qualcuno che lo fermi,ma ce qualcuno che a la coscienza di fermarlo? perche io vedo un mondo un po addormentato che lascia fare e lascia tutto che facciano glialtri, senza nessun cotrollo a chi manovra e de questo secondo me il problema piu grave.

perspicace
Inviato: 1/1/2012 14:44  Aggiornato: 1/1/2012 14:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Buon Anno Massimo!!

Quoto quanto ha detto Fefochip cioè che sei riuscito ha trasmettere positività nonostante stessi trattando l'argomento profezia 2012, lodevole.

E quoto te per aver compreso ciò che io tento di far comprendere da giorni, ovvero il fatto che abbiamo una visione del tempo occidentalizzata e distorta. Ti auguro di poter raggiungere tutti gli obbiettivi che ti sei prefissato per quest'anno e il tutto il bene possibile per te e la tua famiglia.


Frenk

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Polipol
Inviato: 1/1/2012 15:32  Aggiornato: 1/1/2012 15:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/5/2011
Da:
Inviati: 158
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Complimenti a Massimo per l'articolo stimolante e per una proposta sottesa che può sembrare azzardata: direi io tentare cioè di osservare e contemplare gli eventi da un punto di vista metafisico...

Mi permetto di fare 2 osservazioni.
Sul 2012 secondo i Maya è stato detto tutto e il contrario di tutto, io mi limito a riportare alcuni studi letti in giro: pare che esistano numerose iscrizioni Maya contenenti date di molto posteriori al 2012, ad esempio sembra esistere un riferimento ad una data per noi traducibile con il 4772 (riportato da un libro di L. Schele e D. Freidel sull'argomento pubblicato nel 1990).
E ho letto anche che sarebbe solo uno il caso in cui la data del 21/12/2012 sia stata esplicitamente menzionata, nel monumento 6 del sito Maya di Tortuguero, in un'iscrizione mutila che è stata tradotta così: «nel tredicesimo pik finirà il Qattro Ahaw, il terzo del K'ank'in, [...] accadrà. [...] la discesa di Bolon Yokte K'u, nel [...]» ...il cui concetto richiama questa entita con caratteri inferi o legati alla distruzione-trasmutazione.

Poi, nell'articolo si fa riferimento ad una mentalità occidentale facendola coincidere a volte con la stessa mentalità cristiana, quando a me sempre più spesso in casi come questi la visione comunemente chiamata "occidentale" non abbia nulla di sacro o di cristiano.
Ad esempio la visione del tempo lineare o la visione "escatologica" menzionata nell'articolo, sebbene può trovare dei riscontri tuttavia superficiali, stride con gli scritti di alcuni padri e dottori della Chiesa, e con il sentire comune degli uomini di epoche lontane, quando una visione circolare del tempo era onnipresente e data quasi per scontata. Spesso si legge invece che il cristiano deve "tornare" nel Paradiso di Adamo (o di Cristo Secondo Adamo), o di una nuova Creazione che inaugurerà un mondo nuovo e che già adesso "soffre le doglie del parto", di un Dio che "fa nuove tutte le cose", di una rinascita spirituale in un altro eone...della "caduta" dell'uomo che troverà un arresto finale e una reintegrazione successiva. Che si creda o no in queste cose, la visione lineare del tempo (e magari "progressista") è anti-tradizionale sin da quando è stata concepita.

edo
Inviato: 1/1/2012 16:00  Aggiornato: 1/1/2012 16:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Scoperta Russa sul DNA: le parole e le frequenze influenzano e riprogrammano il DNA
Autore Laura Callegaro 1 gennaio 2012

Il DNA umano è un Internet biologico, superiore, sotto molti aspetti, a quello artificiale. La più recente ricerca scientifica russa spiega, direttamente o indirettamente, fenomeni quali la chiaroveggenza, l’intuizione, gli atti spontanei ed a distanza di cura, l’auto-guarigione, le tecniche di affermazione, la luce o aure insolite intorno alle persone (concretamente, dei maestri spirituali), l’influenza della mente sui modelli climatici e molto ancora. Inoltre, ci sono segni di un tipo di medicina completamente nuova nella quale il DNA può essere influenzato e riprogrammato dalle parole e dalle frequenza SENZA sezionare e rimpiazzare geni individuali.

Solo il 10% del nostro DNA viene utilizzato per costruire le proteine. Questo subcomplesso di DNA è quello che interessa i ricercatori occidentali che lo stanno esaminando e catalogando. L’altro 90% è considerato “DNA rottame”. Tuttavia, i ricercatori russi, convinti che la natura non è stupida, hanno riunito linguisti e genetisti per intraprendere un’esplorazione di quel 90% di “DNA rottame”. I loro risultati, scoperte e conclusioni sono semplicemente rivoluzionarie! Secondo loro, il nostro DNA non solo è il responsabile della costruzione del nostro corpo, ma serve anche da magazzino di informazioni e per la comunicazione.

I linguisti russi hanno scoperto che il codice genetico, specialmente nell’apparentemente inutile 90%, segue le stesse regole di tutte le nostre lingue umane. Per questo motivo, hanno confrontato le regole della sintassi (il modo in cui si mettono insieme le parole per formare frasi e proposizioni), la semantica (lo studio del significato delle parole) e le regole grammaticali di base.
Hanno scoperto che gli alcalini del nostro DNA seguono una grammatica regolare e hanno regole fisse come avviene nelle nostre lingue. Così le lingue umane non sono apparse per coincidenza, ma sono un riflesso del nostro DNA inerente.

Anche il biofisico e biologo molecolare russo Pjotr Garjajev e i suoi colleghi hanno esplorato il comportamento vibratorio del DNA. (Per essere breve, qui farò solo un riassunto. Per maggiori informazioni, per favore, andate all’appendice finale di questo articolo).
La linea finale è stata: “I cromosomi vivi funzionano come computer “solitonici/olografici” usando la radiazione laser del DNA endogeno”. Questo significa che hanno fatto in modo di modulare certi modelli di frequenza con un raggio laser e con questo hanno influenzato la frequenza del DNA e, in questo modo, l’informazione genetica stessa. Siccome la struttura base delle coppie alcaline del DNA e del linguaggio (come si è già spiegato) sono la stessa struttura, non si rende necessaria nessuna decodificazione del DNA. Uno semplicemente può usare parole e orazioni del linguaggio umano! Questo è stato anche provato sperimentalmente.

La sostanza del DNA vivente (in tessuto vivo, non in vitro), reagirà sempre ai raggi laser del linguaggio modulato e anche alle onde radio, se si utilizzano le frequenze appropriate. Infine questo spiega scientificamente perchè le affermazioni, l’educazione autogena, l’ipnosi e cose simili possono avere forti effetti sugli umani e i loro corpi. E’ del tutto normale e naturale che il nostro DNA reagisca al linguaggio. Mentre i ricercatori occidentali ritagliano geni individuali dei filamenti del DNA e li inseriscono in un altro posto, i russi hanno lavorato con entusiasmo con dispositivi che possono influenzare il metabolismo cellulare con le frequenze modulate di radio e di luce per riparare difetti genetici.

Per esempio il gruppo di ricercatori di Garjajeva ha avuto successo nel provare che con questo metodo si possono riparare i cromosomi danneggiati dai raggi X. Sono anche riusciti a catturare modelli di informazione di un DNA specifico e lo hanno trasmesso ad un altro, riprogrammando così le cellule su un altro genoma. In quel modo, hanno trasformato con successo, per esempio, embrioni di rana in embrioni di salamandra, semplicemente trasmettendo i modelli di informazione del DNA!
In quel modo, l’informazione completa è stata trasmessa senza nessuna delle disarmonie o effetti collaterali che si manifestano quando si fa l’ablazione e si reintroducono geni individuali del DNA! Questo rappresenta una rivoluzione e sensazione incredibili, che trasformerà il mondo! Tutto ciò applicando semplicemente la vibrazione e il linguaggio al posto dell’arcaico processo d’ablazione! Questo esperimento punta all’immenso potere della genetica delle onde, che ovviamente ha più influenza, sulla formazione degli organismi, che i processi biochimici delle sequenze alcaline.

I maestri esoterici e spirituali sanno da millenni che il nostro corpo si può programmare con il linguaggio, le parole e il pensiero. Ora questo è stato provato e spiegato scientificamente. Certamente la frequenza deve essere quella corretta e a questo si deve il fatto che non tutti hanno lo stesso risultato o possano farlo sempre con la stessa forza. La persona deve lavorare con i processi interni e la maturità per poter stabilire una comunicazione cosciente con il DNA. I ricercatori russi lavorano con un metodo che non dipende da questi fattori, però funziona SEMPRE, sempre e quando venga usata la giusta frequenza.

Però, quanto più è sviluppata la coscienza individuale, meno c’è la necessità di qualsiasi tipo di dispositivo! Si possono ottenere quei risultati da se stessi e la scienza finalmente smetterà di ridere di tali idee e potrà spiegarne e confermarne i risultati. E non finisce qui. Gli scienziati russi hanno anche scoperto che il nostro DNA può causare modelli di perturbazione nel vuoto, producendo così “cunicoli” magnetizzati!

I “piccoli buchi” sono gli equivalenti microscopici di quelli chiamati ponti Einstein-Rosen nella vicinanza dei buchi neri (lasciati da stelle consumate).

Questi sono dei tunnel di connessione, fra aree completamente differenti dell’universo, attraverso i quali si può trasmettere l’informazione fuori dallo spazio e dal tempo. Il DNA attira quei frammenti di informazione e li passa alla nostra coscienza. Questo processo di ipercomunicazione è più efficace in stato di rilassamento. Lo stress, le preoccupazioni e l’intelletto iperattivo impediscono il successo dell’ipercomunicazione o ne distorcono completamente l’informazione rendendola inutile. In Natura, l’ipercomunicazione è stata applicata con successo da milioni di anni. Il flusso di vita strutturato in “organizzazioni stato” di insetti lo prova drammaticamente. L’uomo moderno lo conosce solo ad un livello molto più sottile come “intuizione”. Però anche noi possiamo recuperarne a pieno l’uso.

Un esempio in Natura. Quando un formica regina è lontana dalla sua colonia, la costruzione continua con fervore e in accordo con la pianificazione. Tuttavia, se si uccide la regina, nella colonia tutto il lavoro si ferma. Nessuna formica sa cosa fare. Apparentemente, la regina invia i “piani di costruzione” anche da molto lontano per mezzo della coscienza gruppale dei suoi sudditi. Può stare lontana quanto vuole, fintanto che sia viva. Nell’uomo l’ipercomunicazione si attiva quando uno improvvisamente riesce ad avere accesso ad un’informazione che è fuori dalla propria base di conoscenze.

A quel punto questa ipercomunicazione viene sperimentata e catalogata come un’ispirazione o intuizione. Il compositore italiano Giuseppe Tartini, per esempio, una notte sognò che il diavolo si sedeva vicino al suo letto suonando il violino. La mattina seguente, Tartini potè trascrivere il brano a memoria con esattezza e lo chiamò la Sonata del Trillo del Diavolo.

Per anni, un infermiere di 42 anni sognò una situazione nella quale era connesso ad una specie di CD-ROM di conoscenza. Gli veniva trasmessa conoscenza verificabile da tutti i campi immaginabili e alla mattina poteva ricordare. Era tale la valanga di informazioni che sembrava che di notte gli trasmettessero tutta una enciclopedia. La maggior parte delle informazioni era fuori dalla sua base di conoscenze personali e arrivava a dettagli tecnici di cui lui non sapeva assolutamente niente.

Quando avviene l’ipercomunicazione, si possono osservare fenomeni speciali nel DNA, così come nell’essere umano. Gli scienziati russi hanno irradiato campioni di DNA con luce laser. Nello schermo si è formato un modello di onde tipico. Quando hanno ritirato il campione di DNA, i modelli di onda non sono scomparsi, sono rimasti. Molti esperimenti di controllo hanno dimostrato che il modello proveniva ancora dal campione rimosso, il cui campo energetico apparentemente è rimasto di per se stesso. Questo effetto ora si denomina effetto del DNA fantasma.

Si presume che l’energia dello spazio esteriore e del tempo, dopo aver ritirato il DNA, fluisca ancora attraverso i “cunicoli”. La maggior parte delle volte gli effetti secondari che si incontrano nell’ipercomunicazione, anche degli esseri umani, sono campi elettromagnetici inspiegabili nelle vicinanze della persona implicata. In presenza dei quali i dispositivi elettronici, come attrezzature per CD e altri simili, possono essere alterati e smettere di funzionare per ore. Quando il campo elettromagnetico si dissolve lentamente, le attrezzature funzionano ancora normalmente. Molti curatori e psichici conoscono questo effetto dovuto al loro lavoro. Più si migliorano l’atmosfera e l’energia dell’ambiente più frustante è che in quel preciso istante l’attrezzatura di registrazione smette di funzionare e di registrare. Il riaccendere e spegnere dopo la sessione non ne ristabilisce ancora la funzionalità totale che però il giorno dopo ritorna alla normalità. Chissà forse leggere ciò risulta tranquillizzante per molti, in quanto non ha niente a che vedere con l’essere tecnicamente incapaci, ma significa semplicemente che sono abili per l’ipercomunicazione.

Gli scienziati russi hanno irradiato diversi campioni di DNA con dei raggi laser e su uno schermo si è formata una tipica trama di onde che, una volta rimosso il campione, rimaneva sullo schermo. Allo stesso modo si suppone che l’energia al di fuori dello spazio e del tempo continua a passare attraverso gli tunnel spaziali attivati anche dopo la rimozione del DNA. Gli effetti collaterali più frequenti nell’ipercomunicazione sono dei campi magnetici vicini alle persone coinvolte. Gli apparecchi elettronici possono subire delle interferenze e smettere di funzionare per ore. Quando il campo elettromagnetico si dissolve, l’apparecchio ricomincia a funzionare normalmente. Molti operatori spirituali conoscono bene questo effetto.

Grazyna Gosar and Franz Bludorf nel loro libro Vernetzte Intelligenz spiegano queste connessioni in modo chiaro e preciso. Gli autori riportano anche alcune fonti secondo le quali gli uomini sarebbero stati come gli animali, collegati alla coscienza di gruppo, e quindi avrebbero agito come gruppo. Per sviluppare e vivere la propria individualità, tuttavia, avrebbero abbandonato e dimenticato quasi completamente l’ipercomunicazione.

Ora che la nostra coscienza individuale è abbastanza stabile, possiamo creare una nuova forma di coscienza di gruppo. Così come usiamo Internet, il nostro DNA è in grado di immettere dati nella rete, scaricare informazioni e stabilire un contatto con altre persone connesse. In questo modo si possono spiegare i fenomeni quali telepatia o guarigioni a distanza.

Senza un’individualità distinta la coscienza collettiva non può essere usata per un periodo prolungato, altrimenti si ritornerebbe a uno stato primitivo di istinti primordiali. L’ipercomunicazione nel nuovo millennio significa una cosa ben diversa.

I ricercatori pensano che, se gli uomini con piena individualità formassero una coscienza collettiva, avrebbero la capacità di creare, cambiare e plasmare le cose sulla terra, come fossero Dio! E l’umanità si sta avvicinando a questo nuovo tipo di coscienza collettiva.

Il tempo atmosferico è piuttosto difficile da influenzare da un solo individuo, ma l’impresa potrebbe riuscire dalla coscienza di gruppo (niente di nuovo per alcune tribù indigene). Il tempo viene fortemente influenzato dalla frequenza risonante della terra (frequenza di Schumann). Ma queste stesse frequenze vengono prodotte anche nel nostro cervello, e quando molte persone si sincronizzano su di esse, o quando alcuni individui (p. e. maestri spirituali) concentrano i loro pensieri come un laser, non sorprende affatto che possano influenzare il tempo. Una civiltà moderna che sviluppa questo tipo di coscienza non avrebbe più problemi né d’inquinamento ambientale, né di risorse energetiche; usando il potere della coscienza collettiva potrebbe controllare automaticamente e in modo naturale l’energia del pianeta.

Se un numero abbastanza elevato di individui si unisse con uno scopo più elevato, come la meditazione per la pace, si dissolverebbe anche la violenza.

Il DNA sembra essere anche un superconduttore organico in grado di lavorare a una temperatura corporea normale. I conduttori artificiali invece richiedono per il loro funzionamento delle temperature estremamente basse (tra -200 e -140°C). Inoltre, tutti i superconduttori possono immagazzinare luce, quindi informazioni. Anche questo dimostra che il DNA sia è grado di farlo.

Vi è un altro fenomeno legato al DNA e ai tunnel spaziali. Normalmente questi minuscoli tunnel sono altamente instabili e durano soltanto una frazione di secondo. In certe condizioni però si possono creare dei tunnel stabili in grado di formare delle sfere luminose. In alcune regioni della Russia queste sfere appaiono molto spesso. In queste regioni le sfere a volte s’innalzano dalla terra verso il cielo, e i ricercatori hanno scoperto che possono essere guidati dal pensiero. Le sfere emettono onde a bassa frequenza che vengono anche prodotte dal nostro cervello, quindi sono in grado di reagire ai nostri pensieri. Queste sfere di luce hanno una carica energetica molto elevata e sono in grado di causare delle mutazioni genetiche. Anche molti operatori spirituali producono queste sfere o colonne di luce, quando si trovano in uno stato di profonda meditazione o durante un lavoro energetico. In alcuni progetti per la guarigione della terra queste sfere vengono catturate anche nelle foto. In passato di fronte a questi fenomeni luminosi si credeva che apparissero degli angeli. In ogni caso, pur mancando le prove scientifiche, ora sappiamo che persone con queste esperienze non soffrivano affatto di allucinazioni. Abbiamo fatto un grande passo in avanti nella comprensione della nostra realtà. Anche la scienza “ufficiale” conosce le anomalie della terra che contribuiscono alla formazione dei fenomeni luminosi. Queste anomalie sono state trovate di recente anche a Rocca di Papa, a sud di Roma.

L’articolo intero (in inglese) si può trovare sulla pagina www.fosar-bludorf.com (Kontext – Forum for Border Science). Su questa pagina è anche possibile contattare gli autori.

Nel suo libro “Vernetzte Intelligenz” (Networked Intelligence: Intelligenza trasmessa dalla rete), Grazyna Gosar e Franz Bludorf spiegano queste connessioni chiaramente e precisamente. Gli autori citano anche fonti supponendo che in tempi primitivi l’Umanità, come gli animali, è stata fortemente connessa alla coscienza gruppale e agiva come gruppo. Tuttavia, per sviluppare e sperimentare l’individualità, noi umani abbiamo dovuto dimenticare l’ipercomunicazione quasi completamente. Ora che siamo abbastanza stabili nella nostra coscienza individuale,possiamo creare una nuova forma di coscienza gruppale, concretamente una, quella in cui abbiamo accesso a tutte le informazioni per mezzo del nostro DNA senza essere forzati o controllati a distanza rispetto a quello che dobbiamo fare con quell’informazione.


Tutti i dati sono tratti dal libro “L’intelligenza in Rete nascosta nel DNA” di Von Grazyna Fosar e Franz Bludorf, (edito in Italia da Macroedizioni) riassunti e commentati da Baerbel.


Per mettervi in contatto con gli autori: www.fosar-bludorf.com

Trasmesso da Vitae Bergman: www.ryze.com/view.php?who=vitaeb

Traduzioni a cura di Susanna Angela per www.stazioneceleste.it e Tanja Pasini per www.nexusitalia.com


http://www.stampalibera.com/?p=38321



INVITO chi non l'avesse ancora ascoltato, a sforzarsi di capire il messaggio di Bruce Lipton (le ultime parti sono fondamentali)
http://www.megaupload.com/?d=XBVNYISW

ohmygod
Inviato: 1/1/2012 16:40  Aggiornato: 1/1/2012 16:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il Massimo del Buon Anno.

Buon Anno alla memoria dei memori.
Sono scivolettato su una sirena sumerica.
Una semplice causalità del ciclo mestruale.

peonia
Inviato: 1/1/2012 16:57  Aggiornato: 1/1/2012 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
cosa è il tempo?
una visione decrescenziana.....
http://www.youtube.com/watch?v=5hetE8cTfOI

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Wu_Ming
Inviato: 1/1/2012 16:58  Aggiornato: 1/1/2012 16:58
So tutto
Iscritto: 22/12/2011
Da:
Inviati: 6
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il fatto stesso che sia stato e che, per certo, sara' ancora tema di bombardamento mass mediatico, sia per chi continua a considerare il 2012 come l'anno della profezia, sia per chi invece dal lato "scientifico" dice che sono tutte balle, e' una evidenza che nel 2012 non accadrà proprio nulla.

Chi lavora con queste forze pero' sara' sicuramente soddisfatto della capillarità della penetrazione del 2012(fine del mondo)nel subconscio delle persone almeno in occidente, la paura e' il miglior veleno paralizzante e di questi tempi avere il popolo bloccato ha fatto certo comodo a chi sta lo sta spolpando di dignità, lavoro e soldi.

Aggiungo una nota, sempre dall'altra parte dell'atlantico arrivano delle serie TV che fra "Falling Skies", "Walking Dead", "Terranova" e di certo mi scordo qualcosa, non fanno altro che rinnovare, proporre, educare il popolo della TV, me compreso, ad avere paura del futuro, alla fine della nostra civilta', ad attendere l'onda con un senso di impotenza.

"Non Plus Ultra"

redna
Inviato: 1/1/2012 17:01  Aggiornato: 1/1/2012 17:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Scoperta Russa sul DNA: le parole e le frequenze influenzano e riprogrammano il DNA Autore Laura Callegaro 1 gennaio 2012


1 gennaio 2012????


SCOPERTE SUL DNA IN RUSSIA 17/02/2005


perchè cambiare data a degli articoli di tanti anni fa e farli diventare ' nuovi '?


17/02/2005

Il DNA umano funziona come una specie di "Internet biologico", ed è sotto molti aspetti superiore a quello artificiale. Nuove ricerche scientifiche in Russia, direttamente o indirettamente, spiegano fenomeni quali chiaroveggenza, intuizione, guarigioni spontanee e guarigioni a distanza, autoguarigioni, tecniche di affermazione, aloni di luce attorno alle persone e molto altro.

In più si potrebbe affermare una medicina completamente nuova, nella quale il DNA può essere riprogrammato con delle parole e frequenze, SENZA LA NECESSITÀ di prelevare e reintrodurre singoli geni. Soltanto il 10% del nostro DNA serve a produrre le proteine, ed è questo 10% che viene esaminato dai ricercatori occidentali. Il rimanente 90% viene considerato "junk DNA", DNA spazzatura.

Tuttavia i ricercatori russi, convinti che la natura non abbia creato questo 90% a caso, hanno esplorato questo 90% del DNA assieme a linguisti e genetisti. I risultati di questa ricerca sono semplicemente rivoluzionari!

Il nostro DNA non sarebbe solo responsabile della struttura del nostro corpo, ma servirebbe anche come banca dati e per comunicare. I linguisti russi hanno scoperto che il codice genetico (specialmente il 90% "inutile") segue le stesse regole di tutte le lingue dell'uomo.

A questo scopo, gli studiosi hanno comparato le regole di sintassi (il modo di mettere insieme le parole per formare le frasi), semantica (lo studio del significato delle parole) e le regole base di grammatica. Hanno scoperto che il nostro DNA segue un determinato schema grammaticale. Quindi le lingue dell'uomo non si sono formate casualmente, ma sono insite nel DNA.

Il biofisico e biologo molecolare Pjotr Garjajev e i suoi colleghi hanno anche analizzato le qualità vibrazionali del DNA. In breve sostengono che "i cromosomi vivi funzionano esattamente come un computer olografico che usa radiazioni laser di DNA endogeno." Gli studiosi sono stati in grado, per esempio, di proiettare determinate frequenze (suono) con una specie di raggio laser sul DNA, modificando la frequenza di esso e quindi l'informazione genetica stessa.

Dato che la struttura base del DNA è uguale alla struttura della lingua, non è necessaria alcuna codifica del DNA. Si possono semplicemente usare parole e frasi della lingua umana! Anche questo è stato provato scientificamente.

La sostanza del DNA (nel tessuto vivo, non in provetta) reagirà sempre a questi raggi modulati e addirittura alle onde radio, se vengono utilizzate le frequenze giuste. Questo spiega perché tecniche come affermazioni, ipnosi e simili hanno un effetto così forte sugli uomini e il loro corpo: per il nostro DNA reagire al linguaggio è perfettamente naturale.

Mentre i ricercatori occidentali prelevano singoli geni dalle eliche del DNA e li inseriscono altrove, i russi hanno creato un mezzo per influenzare il metabolismo delle cellule attraverso frequenze di luce e di onde radio, riparando i difetti genetici.

Gli studiosi hanno addirittura catturato uno schema di informazioni di un DNA particolare e lo hanno trasmesso a un altro, riprogrammando le cellule. In questo modo hanno trasformato, per esempio, embrioni di rana in embrioni di salamandra, semplicemente trasmettendo informazioni di DNA! Così le informazioni sono state trasmesse senza gli effetti collaterali che possono manifestarsi quando si prelevano e reinseriscono dei singoli geni dal DNA.

Quindi è stato provato ciò che i maestri spirituali sanno già da tempo. Ovviamente la frequenza utilizzata deve essere quella giusta. Per questo motivo non tutti otteniamo lo stesso successo. Ogni individuo deve lavorare sul proprio processo e sviluppo interiore per stabilire una comunicazione conscia con il DNA. Più sarà alta la consapevolezza di un individuo, meno ci sarà la necessità di un congegno, e si potranno ottenere questi risultati da soli. La scienza finalmente finirà di prendersi gioco di queste idee e confermerà e spiegherà questi risultati. E non finisce qui.

I ricercatori russi hanno anche scoperto che il nostro DNA può creare delle interferenze in un vuoto, producendo un "tunnel spaziale"! Questi tunnel sono l'equivalente microscopico dei cosiddetti "ponti Einstein-Rosen" in prossimità di buchi neri (lasciati da stelle estinte). Sono dei collegamenti tra aree completamente diverse nell'universo, attraverso i quali si può trasmettere al di fuori di spazio e tempo. Il DNA attrae questi pezzi d'informazione e li trasmette alla nostra coscienza. Questo processo di ipercomunicazione (telepatia, channeling) è più efficace in uno stato di rilassamento. Stress, preoccupazione o un cervello troppo attivo rendono inefficace l'ipercomunicazione, o le informazioni trasmesse saranno completamente distorte e inutili.

Un'esempio di ipercomunicazione lo troviamo, per esempio, nel mondo degli insetti. Quando la regina di un formicaio viene separata dalla sua colonia, le formiche lavoratrici continuano il loro lavoro secondo un piano preciso. Ma se la regina rimane uccisa, tutte finiscono di lavorare; nessuna formica sa più cosa fare. Sembra che la regina trasmetta i suoi "piani di costruzione" anche se è lontana, attraverso la coscienza di gruppo dei suoi sudditi. L'importante è che sia viva.

Negli uomini, spesso si ha un fenomeno di ipercomunicazione quando improvvisamente si trova l'accesso a informazioni al di fuori della propria conoscenza. Questa ipercomunicazione viene vissuta come ispirazione, intuizione o trance. Il compositore Giuseppe Tartini per esempio una notte sognò il diavolo seduto accanto il suo letto che suonava il violino. La mattina successiva Tartini fu in grado di ricordarsi esattamente lo spartito e scriverlo: ne risultò la sonata "Il trillo del diavolo".

Un infermiere 42enne per molti anni sognò una situazione nella quale era collegato a una specie di enciclopedia sotto forma di CD-Rom. In quei sogni gli venivano trasmesse delle conoscenze di ogni genere, e la mattina seguente era in grado di ricordare tutto. Gli arrivò un flusso enorme di informazioni, e sognava per lo più dettagli tecnici che erano al di fuori della sua conoscenza. Quando vi sono questi casi di ipercomunicazione, si possono osservare dei fenomeni sovrannaturali nel DNA.

Gli scienziati russi hanno irradiato diversi campioni di DNA con dei raggi laser e su uno schermo si è formata una tipica trama di onde che, una volta rimosso il campione, rimaneva sullo schermo. Allo stesso modo si suppone che l'energia al di fuori dello spazio e del tempo continua a passare attraverso gli tunnel spaziali attivati anche dopo la rimozione del DNA. Gli effetti collaterali più frequenti nell'ipercomunicazione sono dei campi magnetici vicini alle persone coinvolte. Gli apparecchi elettronici possono subire delle interferenze e smettere di funzionare per ore. Quando il campo elettromagnetico si dissolve, l'apparecchio ricomincia a funzionare normalmente. Molti operatori spirituali conoscono bene questo effetto.

Grazyna Gosar and Franz Bludorf nel loro libro Vernetzte Intelligenz spiegano queste connessioni in modo chiaro e preciso. Gli autori riportano anche alcune fonti secondo le quali gli uomini sarebbero stati come gli animali, collegati alla coscienza di gruppo, e quindi avrebbero agito come gruppo. Per sviluppare e vivere la propria individualità, tuttavia, avrebbero abbandonato e dimenticato quasi completamente l'ipercomunicazione.

Ora che la nostra coscienza individuale è abbastanza stabile, possiamo creare una nuova forma di coscienza di gruppo. Così come usiamo Internet, il nostro DNA è in grado di immettere dati nella rete, scaricare informazioni e stabilire un contatto con altre persone connesse. In questo modo si possono spiegare i fenomeni quali telepatia o guarigioni a distanza.

Senza un'individualità distinta la coscienza collettiva non può essere usata per un periodo prolungato, altrimenti si ritornerebbe a uno stato primitivo di istinti primordiali. L'ipercomunicazione nel nuovo millennio significa una cosa ben diversa.

I ricercatori pensano che, se gli uomini con piena individualità formassero una coscienza collettiva, avrebbero la capacità di creare, cambiare e plasmare le cose sulla terra, come fossero Dio! E l'umanità si sta avvicinando a questo nuovo tipo di coscienza collettiva.

Il tempo atmosferico è piuttosto difficile da influenzare da un solo individuo, ma l'impresa potrebbe riuscire dalla coscienza di gruppo (niente di nuovo per alcune tribù indigene). Il tempo viene fortemente influenzato dalla frequenza risonante della terra (frequenza di Schumann). Ma queste stesse frequenze vengono prodotte anche nel nostro cervello, e quando molte persone si sincronizzano su di esse, o quando alcuni individui (p. e. maestri spirituali) concentrano i loro pensieri come un laser, non sorprende affatto che possano influenzare il tempo. Una civiltà moderna che sviluppa questo tipo di coscienza non avrebbe più problemi né d'inquinamento ambientale, né di risorse energetiche; usando il potere della coscienza collettiva potrebbe controllare automaticamente e in modo naturale l'energia del pianeta.

Se un numero abbastanza elevato di individui si unisse con uno scopo più elevato, come la meditazione per la pace, si dissolverebbe anche la violenza.

Il DNA sembra essere anche un superconduttore organico in grado di lavorare a una temperatura corporea normale. I conduttori artificiali invece richiedono per il loro funzionamento delle temperature estremamente basse (tra -200 e -140°C). Inoltre, tutti i superconduttori possono immagazzinare luce, quindi informazioni. Anche questo dimostra che il DNA sia è grado di farlo.

Vi è un altro fenomeno legato al DNA e ai tunnel spaziali. Normalmente questi minuscoli tunnel sono altamente instabili e durano soltanto una frazione di secondo. In certe condizioni però si possono creare dei tunnel stabili in grado di formare delle sfere luminose. In alcune regioni della Russia queste sfere appaiono molto spesso. In queste regioni le sfere a volte s'innalzano dalla terra verso il cielo, e i ricercatori hanno scoperto che possono essere guidati dal pensiero. Le sfere emettono onde a bassa frequenza che vengono anche prodotte dal nostro cervello, quindi sono in grado di reagire ai nostri pensieri. Queste sfere di luce hanno una carica energetica molto elevata e sono in grado di causare delle mutazioni genetiche. Anche molti operatori spirituali producono queste sfere o colonne di luce, quando si trovano in uno stato di profonda meditazione o durante un lavoro energetico. In alcuni progetti per la guarigione della terra queste sfere vengono catturate anche nelle foto. In passato di fronte a questi fenomeni luminosi si credeva che apparissero degli angeli. In ogni caso, pur mancando le prove scientifiche, ora sappiamo che persone con queste esperienze non soffrivano affatto di allucinazioni. Abbiamo fatto un grande passo in avanti nella comprensione della nostra realtà. Anche la scienza "ufficiale" conosce le anomalie della terra che contribuiscono alla formazione dei fenomeni luminosi. Queste anomalie sono state trovate di recente anche a Rocca di Papa, a sud di Roma.

L'articolo intero (in inglese) si può trovare sulla pagina http://www.fosar-bludorf.com (Kontext - Forum for Border Science). Su questa pagina è anche possibile contattare gli autori.

Tutte le informazioni sono tratte dal libro "Vernetzte Intelligenz" di Grazyna Fosar e Franz Bludorf, ISBN 3930243237; purtroppo per ora esiste soltanto in tedesco.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
edo
Inviato: 1/1/2012 17:27  Aggiornato: 1/1/2012 17:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
perchè cambiare data a degli articoli di tanti anni fa e farli diventare ' nuovi '?


Chiedo venia!

mancio
Inviato: 1/1/2012 17:35  Aggiornato: 1/1/2012 17:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 54
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
OT:

Tempesta di schiuma in GB

Da Repubblica

Scusate l' OT ma l'ho visto poco fa e mi è sembrato stranissimo...
... che per caso iniziamo con le scie anche in mare???

...il problema maggiore per il mondo è che le persone intelligenti sono piene di dubbi, mentre gli stupidi sono strasicuri di se.
incredulo
Inviato: 1/1/2012 17:56  Aggiornato: 1/1/2012 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Ora che siamo abbastanza stabili nella nostra coscienza individuale,possiamo creare una , concretamente una nuova forma di coscienza gruppale, quella in cui abbiamo accesso a tutte le informazioni per mezzo del nostro DNA senza essere forzati o controllati a distanza rispetto a quello che dobbiamo fare con quell’informazione.
.
Ecco servito il NWO.

La coscienza gruppale ESISTE già, ne abbiamo accesso.

Non è un nuovo ordine politico, quello ce l'hanno già, che serve ai fautori del NWO, è il PENSIERO UNICO quello che vogliono.

Il pensiero è in grado di MODIFICARE la realtà materiale, questa è una parte di verità.

Noi oggi ne abbiamo uno comune, un pensiero globalizzato.

Quel pensiero che viene continuamente RIPETUTO E VEICOLATO, quel pensiero cardine della nostra CULTURA, quel pensiero che siamo andati ad esportare nel mondo con gli STERMINI di massa, vere e proprie "pulizie etniche", con le opere dei missionari andati a "salvare" uomini che non ne avevano nessun bisogno e nessuna voglia.

Quel pensiero che ci ha condotti a questo mondo che TUTTI noi abbiamo contribuito a CREARE col nostro comportamento, avallandolo e sostenendolo, CREDENDO che sia l'unico mondo possibile.

Quel mondo finto, fatto di NULLA che tutti noi SAPPIAMO essere finto con la sua struttura FINTA ed INUMANA ma in cui, volenti o nolenti, siamo entrati accettandone le REGOLE.

Coraggio, ecco quello che ci vuole se vogliamo CAMBIARE, quel CORAGGIO che sembriamo avere svenduto per falsa sicurezze.

Ma questo sentimento non porta bene a chi lo MANIFESTA.

Chi lo manifesta o viene COMPRATO o viene ELIMINATO.

Avere coraggio significa chiamare le cose col loro NOME, non col nome FINTO che ci hanno inculcato.

Chiamare le cose col loro NOME modifica la REALTA'.

Non è un caso che oggi le guerre si chiamino missioni di pace, chi ci GUIDA queste cose le conosce benissimo.

Bell'articolo, pieno di spunti da COGLIERE.

Soprattutto quello sulla CONCEZIONE lineare del tempo.

Il TEMPO è l'illusione più potente a disposizione del VERO potere e Calvero lo ha espresso magnificamente per quello che riguarda la dimensione materiale scrivendo:

Citazione:
Che si ragioni ad esempio sulla questione ===>presente.
Ci si pensi.
L'unico termine tra "passato" e "futuro" che non può essere plagiato; non può essere un termine ingannevole; che non può essere rovesciato...
(per questo la politica e la religione non lo usano, mai. Ci si arriverà una cazzo di volta a comprenderlo?!)


Quindi non vi auguro un buon 2012, vi auguro un buon ADESSO.

Saluti

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Wu_Ming
Inviato: 1/1/2012 18:13  Aggiornato: 1/1/2012 18:13
So tutto
Iscritto: 22/12/2011
Da:
Inviati: 6
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
PENSIERO UNICO


Posso correggerlo in pensiero uniforme?

Saluti.

incredulo
Inviato: 1/1/2012 18:20  Aggiornato: 1/1/2012 18:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@Wu_Ming
Citazione:
Posso correggerlo in pensiero uniforme?


Devi, è molto più corretto, grazie.

Sono contento che hai compreso il concetto a cui mi riferivo ma, del resto con un nick orientale dovevo aspettarmelo

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Jurij
Inviato: 1/1/2012 18:25  Aggiornato: 1/1/2012 18:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Buon Anno a tutti e complimenti a Max per l'articolo.

P.S. In mezzo al fiume la corrente è più forte, ma anche la profondità del fondo è maggiore e si rischia meno di farsi male toccando i sassi :o)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
trotzkij
Inviato: 1/1/2012 19:27  Aggiornato: 1/1/2012 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
BUON ANNO

Profezia Maya 2012 – ipotesi di data errata

Lo studio di Böhm, pubblicato sulla rivista Astronomische Nachrichten, parte dall’ossessione dai numeri dei Maya. Questo popolo infatti era solito utilizzare diversi calendari. Quello religioso era di 260 giorni, quello agricolo durava 365 giorni. Le loro settimane erano di 9 giorni. Dal confronto dei diversi calendari con vari avvenimenti e analizzando diverse fonti, i fratelli Böhm sostengono che i calcoli che avevano portato a datare l’apocalisse al 2012 erano errati, e l’errore era stato compiuto dall’archeologo John Eric Sidney Thompson, il quale aveva dimenticato di considerare una lunga interruzione nel calendario Maya, causata da una lunga guerra che bloccò anche il conteggio dei giorni. Sulla base del riconteggio secondo il loro metodo la fine del Lungo Computo sarebbe da ricollocare niente meno che nel 2116.

LA FATIDICA DATA DEL 2012 DEI MAYA E' SBAGLIATA !

La fine del mondo calcolata dai Maya per il 2012? Due archeologi americani, tra i massimi conoscitori della popolazione precolombiana, rivelano che in realtà la vera data dell'antica profezia è un'altra. Arlen e Diane Chase illustrano per il Sussidiario come, grazie alla tecnologia spaziale fornita dalla Nasa, sono riusciti ad addentrarsi nei segreti e nei misteri dei Maya come nessuno era mai riuscito a fare prima. Il loro obiettivo era infatti realizzare la mappa dell'antica città di Caracol, in Belize, che è però coperta dalla giungla.
E in 25 anni, armati di machete, Arlen e Diane Chase erano riusciti a realizzare la mappa soltanto di 23 chilometri quadrati. Mentre con una tecnologia basata sull'uso del laser, detta LIDAR, montata su un aereo bimotore, sono riusciti in 24 ore a ricostruire tridimensionalmente a computer l'intera città di Caracol, per un'area totale di 177 chilometri quadrati. Il commento a caldo di Diana Chase è stato: "Siamo stupefatti. L'uso del Lidar rivoluzionerà l'archeologia Maya allo stesso modo in cui lo hanno fatto la datazione al carbonio negli anni '50 e l'interpretazione dei geroglifici Maya negli anni '80 e '90".

Professori Arlen e Diane Chase, perché secondo voi il LIDAR rivoluzionerà le nostre conoscenze sui Maya?
Il LIDAR rivoluzionerà le nostre idee sui Maya per la sua capacità di rappresentare globalmente un territorio antico. Finora, i ricercatori dovevano limitarsi a campioni parziali senza poter contestualizzare pienamente i dati archeologici. Il LIDAR ci permette ora di vedere l'intero insediamento e il territorio circostante e ci consentirà di individuare le differenze territoriali tra i Maya e i confini tra le antiche entità politiche.

E' vero che gli astronomi dei Maya hanno predetto che il mondo finirà il 22 dicembre 2012?
La profezia sul 2012 è una costruzione della moderna "new age". L'attuale ciclo temporale maya finirà attorno all'anno 4.946 del nostro calendario. Il 22 dicembre del 2012 per il calendario maya sarà il 13.0.0.0.1 (cioè una data qualsiasi senza nessun valore simbolico, Ndr) e quel giorno quindi nel mondo tutto sarà tranquillo.

L'astronomia maya, cui di recente sono stati dedicati diversi libri e film, era davvero così avanzata come si pensa?
L'astronomia maya era molto avanzata. I loro scienziati praticavano osservazioni dirette e dettagliate del cielo e le loro rilevazioni dei cicli dei vari pianeti erano registrate nei loro codici cartacei e nei geroglifici sulla pietra.

Per la comunità scientifica, qual è la cosa più difficile da spiegare sulla civiltà maya?
La cosa più difficile da spiegare è quanto questa civiltà fosse grande e complessa. Dato che finora avevamo avuto a che fare solo con campioni del loro passato, ma mai con una visione globale, gli scienziati hanno creato diversi modelli per spiegare come la loro società sia scomparsa. Le informazioni del LIDAR ci aiuteranno a perfezionare la nostra conoscenza di questo antico popolo, proprio perché fornisce un contesto completo.

Avete scoperto qualcosa di nuovo sullo sviluppo tecnologico dei Maya?
Tutto il paesaggio attorno a Caracol è stato completamente modificato dall'azione dell'uomo, detta anche antropogenica. Gli antichi abitanti dovevano avere una relazione intima con l'ambiente circostante e gestivano molto attentamente i terreni e i flussi di acqua nel territorio.

In queste rilevazioni o in precedenti studi, avete scoperto qualche prova di sacrifici umani presso i Maya?
Sì, a Caracol abbiamo rinvenuto delle prove archeologiche dei sacrifici umani realizzati dai Maya. I sacrifici umani facevano parte della loro antica religione, come è stato confermato da un punto di vista archeologico.

IL LIDAR può aiutarci a capire le ragioni della scomparsa della civiltà Maya?
I dati ricavati con il LIDAR ci aiuteranno a comprendere quanto intensamente i Maya abbiano utilizzato e modificato il loro territorio. Questo, a sua volta, potrà aiutarci a capire perché abbiano abbandonato certe aree. E' importante specificare, tuttavia, che la loro decadenza non fu un processo uniforme e si sviluppò su più di 150 anni. I dati del LIDAR ci consentiranno di individuare come hanno influito su questo processo le differenze territoriali. Inoltre, in alcune zone non vi fu alcuna scomparsa dei Maya.

Caracol si estendeva per 177 Km quadrati, quasi come Boston (232, 2 Km quadrati). Perché era così grande?
Caracol era così grande perché questa era la caratteristica dell'urbanistica Maya. A differenza delle moderne città occidentali, i Maya incorporavano la loro agricoltura nelle città, e Caracol può essere definita una forma di urbanismo "a bassa densità". Questa definizione di urbanismo è stata usata da Roland Fletcher per la città di Angkor Wat, in Cambogia, che si estende per oltre 1000 Km quadrati. Le dimensioni di Caracol non sono anomale per le città Maya: Tikal, Calakmul e Coba erano all'incirca della stessa grandezza. Tuttavia, nessuna aveva la popolazione delle città moderne e Caracol, probabilmente la più grande città Maya, aveva circa 115.000 abitanti.

Perché Caracol è stata definita una "città sostenibile"?
La definizione di Caracol come città sostenibile deriva dalla presenza di terrazzamenti e serbatoi all'interno della città. I primi permettevano agli abitanti di far crescere il cibo di cui avevano bisogno e i numerosi serbatoi consentivano di immagazzinare l'acqua necessaria. Così l'intera città era "sostenibile".

Perché il comunicato stampa definisce il LIDAR una "tecnologia spaziale"?
Il LIDAR è definito "tecnologia spaziale" perché la ricerca è stata finanziata dal Programma di Archeologia Spaziale della NASA. La ricerca comprendeva sia la rappresentazione IKONOS dai satelliti, sia quella LIDAR dai sorvoli; i risultati di quest'ultima si sono dimostrati molto superiori a quelli ottenuti da IKONOS.

Chi ha permesso la realizzazione della vostra ricerca sulla città di Caracol?
Il progetto archeologico su Caracol della University of Central Florida, che abbiamo diretto personalmente, rappresenta una collaborazione di lungo termine con l'Istituto di Archeologia del Belize. I fondi per la ricerca LIDAR a Caracol nel Belize, nel 2009 sono stati stanziati dalla Nasa a favore di John F. Weishampel, Arlen F. Chase e Diane Z. Chase. Il lavoro è stato facilitato dalla collaborazione dell'Istituto di Archeologia del Belize, e specialmente di Jaime Awe e Brian Woodye. Ramesh Shrestha, K. Clint Slatton, Michael Sartori e William E. Carter del National Center for Airborne Laser Mapping, che hanno effettuato le rilevazioni aeree dell'area di Caracol e hanno elaborato i dati raccolti con Lidar.

La triste realtà dei fatti:

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
PikeBishop
Inviato: 1/1/2012 20:22  Aggiornato: 1/1/2012 20:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
A proposito di tempo: e' dell'anno scorso, ma vale anche per il 2012....

Quando ad Agostino di Ippona fu chiesto “Cosa e’ il Tempo” lui rispose: “So cosa e’ ma quando me lo chiedete non lo so piu’” e, ironicamente, egli e’ fra i responsabili principali del comune concetto di tempo che prevale in Occidente.

I Greci e gli Orientali ritenevano che il Tempo fosse un processo circolare, e chiunque guardi il suo orologio ovviamente protra’ constatare che il tempo viaggia in circolo, ma gli Ebrei ed i Cristiani pensavano che il Tempo sia qualcosa che procede in linea retta e questa e’ un’idea potentemente radicata che influenza chiunque viva nell’Occidente – e non solo – ai giorni nostri.

Se chiedete a me la stessa questione che fu posta ad Agostino non rispondero’ alla stessa maniera: io penso di sapere cosa sia e se me lo chiedete ve lo diro’.

Il Tempo e’ una misura di Energia, una misura di Movimento.

Siccome c’e’ un accordo internazionale sulla velocita’ degli orologi, vi chiedo di considerare i vostri orologi da polso per un momento.

Naturalmente ne siamo schiavi e noterete che il vostro orologio e’ un cerchio che e’ calibrato in modo che ogni minuto, o secondo, e’ contraddistinto da una lineetta sottilissima che e’ la piu’ sottile che si potesse ottenere senza renderla difficile da vedersi.

Quando pensiamo ad un momento, quando pensiamo a cosa esprimiamo con la parola “adesso”, noi pensiamo all’istante piu’ breve possibile che e’ qui ed e’ andato, perche’ esso corrisponde con la lineetta dell’orologio.

Come risultato di questa idea fantastica, noi siamo un popolo che non ha presente perche’ il presente svanisce istantaneamente – se ne va subito – e questo e’ il problema del Faust di Goethe, quando raggiunge il suo piu’ grande momento e dice: “Oh, aspetta, sei cosi’ bello”, che il momento non si trattiene mai. Diventa subito Passato.

Abbiamo percio’ la sensazione che le nostre vite siano qualcosa che si allontana costantemente da noi. Perdiamo costantemente tempo e cosi’ abbiamo questo senso di urgenza. Il tempo non si deve sprecare. Il Tempo e’ Denaro.

Cosi, grazie alla tirannia di questa “cosa”, noi abbiamo la sensazione di avere un passato e sappiamo chi siamo nei termini del nostro passato. Nessuno puo’ mai dire chi e’, possono solo dirvi chi erano. Noi pensiamo anche di avere un futuro e cio’ e’ terribilmente importante perche’ abbiamo un’ingenua speranza che il futuro possa in qualche maniera darci quel che cerchiamo.

Vedete, se vivete in un presente che e’ cosi’ breve da non esserci affatto, sarete sempre vagamente frustrati. Quando chiedete a qualcuno “Cosa hai fatto ieri?” lui vi fornira’ un racconto storico di una sequenza di eventi. Vi dira’: “Dunque, mi sono svegliato la mattina verso le sette, mi sono alzato e mi sono fatto un caffe’ prima di pulirmi i denti e fare una doccia, vestirmi, avere qualcosa per colazione ed andare in ufficio e questo e quello” e cosi’ via.

E’ una struttura storica di una sequenza di eventi e pensi veramente sia cosa hai fatto ma in realta’ quello e’ solo il mero essenziale racconto di cosa hai realmente fatto: hai vissuto una vita molto piu’ ricca di cosi’, solo che non l’hai notato, perche’ hai fatto attenzione solo ad una parte molto esigua delle informazioni ricevute dai cinque sensi. [... ]

continua ; cliccare qui per leggere l'articolo completo

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
hrabal
Inviato: 1/1/2012 20:30  Aggiornato: 1/1/2012 20:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Bell'articolo, pieno di spunti da COGLIERE. Soprattutto quello sulla CONCEZIONE lineare del tempo.


Citazione:
Non è un nuovo ordine politico, quello ce l'hanno già, che serve ai fautori del NWO, è il PENSIERO UNICO quello che vogliono.


Condivido e sottoscrivo, incredulo, la manipolazione globale ha raggiunto livelli tali che il PENSIERO UNIFORME domina, uniformemente appunto, ovunque, salvo in piccole enclavi di sopravvissuti, o per scelta o perche' ancora fuori dalla giostrina della Civitla', a cui spero di appartenere...

Diceva un regista finlandese, Kaurismaki: "anche un topo messo in un angolo reagisce e combatte", ora credo siamo tutti come topi, messi all'angolo, e casomai qualcuno protesta pure, ma bastano un po di briciole o un po di mazzate per farli "ragionare"... Neanche piu'il coraggio dei disperati.

Forse sono un po troppo pessimista, e se vedo ancora una rinascita possibile, la vedo solo nell'individuo, non certo nella massa, nella sua capacita' di agire e pensare come un'entita' unica e originale, non certo un modello di perfezione, ma almeno qualcosa ancora legato all'umano con tutti i disastri INDIVIDUALI che puo' combinare.

Vorrei sottolineare che la definizione lineare del tempo, cosi' ben espressa dall'articolo di Massimo, in contrapposizione a quella ciclica, e' strettamente legata al Potere, che sia religioso o secolare.
E' stata inventata nel mondo occidentale probabilmente dagli Egizi e, in relazione al potere dinastico, e adattata dagli ebrei e dalle altre religioni del Libro a una prospettiva escatologica. Le dinastie contano il tempo a partire dalla loro fondazione (o nel caso di Roma dalla fondazione della citta'), e come non si pongono limiti potenziali per la loro diffusione nello spazio, cosi' non si pongono limiti nel loro sviluppo cronologico, il RE e' lo spazio e il tempo.
Le religioni istituzionali, fissano la data di creazione del mondo e da li descrivono uno sviluppo lineare del tempo verso la Soluzione Finale.
E' interessante notare come la chiesa cattolica e' riuscita a coniugare i due termini della questione, mettendo su un sistama di potere che ancora dura, quasi inalterato, da di 2000 anni.
date a cesare quel che e' di cesare e a dio quel che e' di dio... dallla brace alla brace...

Infine un link a un documentario sulla ultima teoria fisica, La Teoria M, che potrebbe essere la teoria che SPIEGA TUTTO, (fino a quando?), nata per caso durante un viaggio in treno di 3 fisici che andavano da oxford a Londra.
Comunque e' una teoria affascinante, l'universo non e' altro che una membrana, esistono 11 dimensioni e proprio nell'undicesima dimensione (che e' in realta' un entita'? piccolissima) coesistono infinite membrane, infiniti universi paralleli, e proprio lo scontro di due di queste membrane ha dato origine a quello che vediamo e viviamo. Il tutto, supportato darigorosi calcoli matematici, riconduce a una visione ciclica del cosmo... buona visione e un auguro anno coraggioso a tutti.
http://youtu.be/F-yEu-b_YD0

PikeBishop
Inviato: 1/1/2012 20:35  Aggiornato: 1/1/2012 20:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
ultima teoria fisica, La Teoria M, che potrebbe essere la teoria che SPIEGA TUTTO

Che ignoranti, abbiamo gia' la risposta da anni: 42

Citazione:
se vedo ancora una rinascita possibile, la vedo solo nell'individuo, non certo nella massa

Dicesi massa una moltitudine di persone fottute.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
costa66
Inviato: 1/1/2012 20:40  Aggiornato: 1/1/2012 20:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2010
Da:
Inviati: 125
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@ trotzkij
Amico, mi hai tolto tutte le speranze di un mondo migliore !

NovaEra
Inviato: 1/1/2012 21:56  Aggiornato: 1/1/2012 21:56
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
La memoria corta della gente sulla fine del mondo...

Vi invito a leggere questo articolo interessantissimo sulle varie date sulla nostra FINE, che in tutte le epoche storiche erano state date per CERTE...ma guarda un po' siamo ancora tutti qui: la nostra storia passata insegna.
Ci stanno marciando sul 2012, forse serve a distrarci dai nostri problemi reali? Chissà....

http://www.ceifan.org/fine_del_mondo.htm

Buon Anno 2012!

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
totalrec
Inviato: 1/1/2012 22:21  Aggiornato: 1/1/2012 22:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Addentrandosi nei paradossi della fisica quantistica, sorge la precisa sensazione (anche in chi come il sottoscritto ci si scervella, capendoci poco più di una mazza) che tempo e spazio siano concetti che dovrebbero essere oggetto d'indagine della biologia, assai più che della fisica. Nella struttura costitutiva dell'universo, semplicemente non hanno senso (oppure ne hanno uno così lontano dalla nostra percezione da essere, di fatto, concetti completamente diversi). Non paiono essere entità oggettive e quantificabili, ma proprietà della mente e del linguaggio animale, con cui il cervello (o qualunque altro ente costituisca la sede di ciò che chiamiamo "coscienza") riordina e attribuisce un senso a ciò che considera "il mondo". Ogni tentativo di ricondurre questi ircocervi al linguaggio fisico e matematico, produce affreschi astratti di straordinaria suggestione, di intrigante complessità, di indecifrabilità disarmante, che ci descrivono noi stessi e il nostro rapporto con l'universo con la stessa precisione con cui una formula chimica dell'acqua, scribacchiata su una lavagna, potrebbe descriverci una cascata.

Augh e buon (ultimo?) anno a tutti.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
robottino
Inviato: 1/1/2012 23:20  Aggiornato: 1/1/2012 23:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/1/2010
Da:
Inviati: 38
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Rubo giusto un istante per augurare le migliori cose a tutti Voi.
Complimenti a Mazzuco per questo bellissimo articolo.
Lascio qui il mio pensiero......
Non mi piace assolutamente come i media stanno trattando questa tematica. Ho imparato quì su LC che se i media pompano troppo un argomento vuol dire che qulcosa non quadra.
C'è, a parer mio qualcosa che ci stanno nascondendo, e pure di grosso, ma è solo un mio personale parere. La chiave di tutto secondo me sono le scie chimiche..... Ma ho smesso di preoccuparmene. Il perchè è semplice. Se effettivamente la nostra civiltà dovrà passare attraverso una fase di notevole cambiamento, perchè così "è scritto", beh penso che noi si possa fare poco in fondo. E poi, da quando l'uomo esiste su questo pianeta, chissà quante anime si son poste la domanda "ma come sarà la fine di tutto?". Cavoli, con un po' di culo noi lo sapremo, con biglietto per la visione in prima fila!!! In fondo noi quì siamo solo di passaggio....
Comunque vadano le cose, rinnovo gli auguri!!
A presto!!!
Robottino

Jurij
Inviato: 1/1/2012 23:57  Aggiornato: 1/1/2012 23:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
NovaEra
Citazione:
Ci stanno marciando sul 2012, forse serve a distrarci dai nostri problemi reali? Chissà....

Quello che è veramente interessante in questo 21.12.2012, è che sarà l’”ultima tentazione” per molti, dopodiché ci saranno solo pernacchie per i nuovi “visionari”.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
SilvioTO
Inviato: 2/1/2012 0:06  Aggiornato: 2/1/2012 0:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Buon anno a Massimo e a tutti quanti.

Mi è piaciuto molto l'articolo, mi ha tirato su, nonostante i tempi bui in cui viviamo e le difficoltà che sto affrontando; per come la vedo io il tempo cronologico <Passato Presente e Futuro> è una grande castroneria. Semplicemente tutto è in perenne movimento e se proprio vogliamo in modo ciclico, come dimostrato dagli stessi moti di pianeti e galassie.

il 90% di ciò che ci hanno fatto credere è troppo complicato e falso; l'hanno fatto apposta per confonderci, disorientarci e farci diventare un gregge ignorante e obbediente. E' ora di darsi una bella scrollata, svegliarsi dal sonno, in quanti più possibile, e dichiarare sfida aperta a chi finora ci ha soggiogato.

Devo dire però che è un percorso lento e personale: non si può svegliare qualcuno che non vuole essere svegliato, quindi il processo è lento, e probabilmente è normale che sia così; la natura agisce in un certo modo, i pianeti e le galassie si muovono a una certa velocità, e le piante crescono anche loro seguendo le stesse regole.

E' anche vero però che un fiume, quando incontra un ostacolo, si gonfia sempre di più fino a esondare di colpo, provocando magari un disastro ma ripristinando, nello stesso tempo, il suo normale equilibrio.

E' proprio quello che credo stia succedendo... la misura è colma, il fiume è pieno, è l'ostacolo deve essere spazzato via.

totalrec
Inviato: 2/1/2012 0:08  Aggiornato: 2/1/2012 0:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Trotzkij:
Citazione:
L'attuale ciclo temporale maya finirà attorno all'anno 4.946 del nostro calendario. Il 22 dicembre del 2012 per il calendario maya sarà il 13.0.0.0.1 (cioè una data qualsiasi senza nessun valore simbolico, Ndr) e quel giorno quindi nel mondo tutto sarà tranquillo.



Detto da un seguace del principio antropico, convinto che il mondo non potrebbe finire nemmeno se l'intera umanità ci s'impegnasse con tutte le forze (cosa che forse sta facendo):
queste affermazioni sono archeologicamente assai discutibili (e discusse, come la stessa Schele ha poi ammesso).

La data del 4946 viene fuori utilizzando il computo ciclico del Pictun (8000 anni di 360 giorni ciascuno a partire dall'inizio del calendario Maya, corrispondente all'anno gregoriano 3113 a.C.), ma il Pictun presso i Maya era caduto in disuso, stando almeno alle rilevazioni archeologiche disponibili.

Al contrario, la data del 13.0.0.0.1 è tutt'altro che una data qualsiasi. Come dicono le cifre, è il giorno successivo alla "fine del mondo", cioè il primo giorno della nuova era.

Le stele di Quiriguà indicano l'inizio del calendario Maya (corrispondente appunto alla data gregoriana del 3113 a.C.) nella data 13.0.0.0.0 4 Ahau 8 Cumku. Leggasi: 13 Baktun (= periodi di 400 anni = 5200 anni di 360 gg.), 0 katun (= periodi di 20 anni), 0 tun ( = anni di 360 giorni), 0 Uinal ( = mesi di 20 giorni) 0 kin ( = giorni). Ahau, Cumku e le cifre corrispondenti indicano rispettivamente le divinità che presiedevano al giorno e al mese nel primo giorno della creazione (anche i numeri, per i Maya, erano divinità).

Poiché per i Maya il tempo è ciclico, dunque non esiste per loro alcuna differenza tra passato e futuro (cosa che ha fatto scervellare non poco chi ha dovuto interpretare i loro codici), il riproporsi della data 13.0.0.0.0 indica il ritorno alla "situazione di partenza". Nella loro visione del tempo ogni giorno ERA un insieme di divinità che scendevano sulla terra: le divinità del giorno, del mese, dell'anno, del ventennio, ecc. In pratica per i Maya il 22 dicembre 2012, per la prima volta dall'inizio della creazione si ritroveranno sulla terra, nella stessa identica schiera, le stesse divinità che vi presenziarono all'inizio del mondo.

Il giorno 13.0.0.0.0. rappresenta anche la centesima rivoluzione completa del cosiddetto "ciclo del calendario" (ogni ciclo = 52 anni). In sostanza, secondo l'intricatissimo schema di computo del tempo dei Maya, i due calendari principali (quello divinatorio di 260 giorni e quello astronomico di 365 giorni) tornavano ad allinearsi all'altezza della combinazione giorno/mese 13 Ahau 18 Cumku ogni 52 anni. Alla data 13.0.0.0.0 saranno trascorsi 5200 anni, pari a 100 cicli di riallineamento dei calendari.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
sitchinite
Inviato: 2/1/2012 0:39  Aggiornato: 2/1/2012 20:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Un bellissimo articolo.. aggiungo solo un pizzico di ironia...

IMMAGINE

vorrei fare delle precisazion perchè i sembra che ci sia notevole confusione sul tema calendari maya...

Ho letto alcuni dire: il tempo per i maya era ciclico.
Non é vero.
I maya avevano 2 calendari ciclici e 1 lineare (lungo conto)
La data del 2012 é espressa in baktun, il baktun é una unità di misura del calendario lineare, non di quelli ciclici.

In base a questo parlare di 2012 come chiusura di un ciclo é sbagliato... ma non solo, come riportava Trotzkj non c' é nemmeno unanimità sulla interpretazione e conversione della data del 13° baktun.
Questo per esempio é il ragionamento che fa sitchin e che ho letto da Winters e Cole.

Il sistema di lungo conto maya era vigesimale, basato sul numero 20, ed utilizzava per le conversioni tra kin, uinal, tun e batkun, solo multipli del numero 20. Perciò la conversione tra il 'loro' calendario e il nostro non deve essere fatta dividendo per 365 (la durata del NOSTRO anno) ma per 360 (la durata del LORO anno nel calendario del lungo conto).

Il calcolo quindi sarebbe: 144000x13/360 = 5200.

A questo numero va sottratta la data di inizio del calendario, 3113, ottenendo: 2087.


Buon 2012 a tutti.

peonia
Inviato: 2/1/2012 1:52  Aggiornato: 2/1/2012 1:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il numero 13 nel Calendario Maya è molto importante e esistono valutazioni di tipo scientifico che indurrebbero ad avvalorare la tesi dei Maya.
La scoperta effettuata nel 1899, che il pianeta Terra emette una frequenza (risonanza di cavità di Schumann ) che, stabile per molti decenni, ha cominciato a crescere dai 7.8Hz del 1940, agli 8.6Hz nel 1996, fino ad arrivare agli attuali 10Hz, unitamente al calcolo del campo elettromagnetico terrestre, la cui densità è proporzionale alla velocità di rotazione della Terra e che stà attualmente diminuendo tendendo allo zero, inducono alcuni studiosi a ritenere che alla data del 21 dicembre 2012, avremmo una risonanza di Schumann pari a 13Hz e un campo magnetico terrestre nullo.......
chi vivrà vedrà...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
hrabal
Inviato: 2/1/2012 2:06  Aggiornato: 2/1/2012 2:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Il sistema di lungo conto maya era vigesimale, basato sul numero 20, ed utilizzava per le conversioni tra kin, uinal, tun e batkun, solo multipli del numero 20. Perciò la conversione tra il 'loro' calendario e il nostro non deve essere fatta dividendo per 365 (la durata del NOSTRO anno) ma per 360 (la durata del LORO anno nel calendario del lungo conto).

Il calcolo quindi sarebbe: 144000x13/360 = 5200. A questo numero va sottratta la data di inizio del calendario, 3113, ottenendo: 2087.


Mi permetto di segnalare un errore. Il grande ciclio dei Maya, perche' di un ciclo si tratta, che inizia e finisce con la data 13.0.0.0.0 e' composto da 144000 (1 baktun) X 13 (ovvero 1.872.000) giorni pari a 5200 anni maya, ma se vogliamo riportarlo all'approssimazione del nostro calendario gregoriano, che misura la lunghezza di un anno in 365.2425 giorni, e calcolare la corrispondenza tra dare maya e date gregoriane dobbiamo dividere quel numero di giorni per la cifra dell'anno gregoriano non quella dell'anno maya, e otterremo cosi', assumendo che la data zero maya corrisponda al 3114 appunto il 2012.
La cosa singolare semmai e' che se la data zero maya corrispondesse al 8-09-3114 bc (che sembra sia la data piu' accreditata) la fine del ciclo coinciderebbe con il solstizio d'inverno (e questo e' un dato oggettivo, non legato al tipo di calendario in uso) direi un giorno molto adatto per inscenare una fine del mondo... l'avevano studiato bene il loro ciclo o forse e' solo culo...

Sicuramente i maya avevano una conoscenza del tempo lineare e avevano anche i nomi per cicli ben piu' estesii:
1 pictun = 20 baktun = 2,880,000 days = approx. 7885 years
1 calabtun = 20 pictun = 57,600,000 days = approx. 158,000 years
1 kinchiltun = 20 calabtun = 1,152,000,000 days = approx. 3 million years
1 alautun = 20 kinchiltun = 23,040,000,000 days = approx. 63 million years

anche se questi non erano usati nelle steli di datazione, il cui numero/data massimo era il Baktun (144.00 giorni), tuttavia credo che il loro calendario sia misto, il conto dei tun (l'anno di 360 giorni) dei katun (20 anni maya) e dei baktun appunto, si distaccava sempre di piu' dalla realta' astronomica dell'anno solare segnando una rottura col il tempo ciclico, ma poi si ricombinava con gli altri elementi calendariali che stavano alla base anche dei cicli piu' brevi che governavano la vita di tutti i giorni.
In effetti quello che manca nell'anno maya usato nella conta lunga sono i 5 giorni, detti Uayeb, presenti nel calendario annuale detto haab.
io credo che questi 5 giorni siano stati deliberatamente esclusi dalla conta lineare, per 2 motivi essenziali, 1) perche' la conta lunga serviva a dare profondita' al tempo, a rompere o estendere il ritmo ciclico, quindi per funzionare in senso simbolico doveva essere semplice, riducento la complessiita' numerica dell'anno solare a fattore 20simale della aritmetica maya 2) quei famosi 5 giorni in piu' tra i maya come tra moltissimi altri popoli erano considerati nefasti, quindi simbolicamente fuori dal controllo di un sovrano, un pezzo di natura che anche un re nella sua sublime maesta' non poteva domare.

Un ultima notazione sull'anno Maya, Haab: era un annno che approssimava meglio di quello gregoriano la durata dell'anno solare, dicendola lunga sulle capacita' astronomiche dei loro sacerdoti/scienziati.

Spero di essere stato chiaro, comunque per alcune informazioni base sul calendario maya potete consultare questi 2 siti:

http://www.bibliotecapleyades.net

http://www.mayacalendar.com/

buon fine di BAKTUN a tutti

totalrec
Inviato: 2/1/2012 2:22  Aggiornato: 2/1/2012 2:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
I maya avevano 2 calendari ciclici e 1 lineare (lungo conto) La data del 2012 é espressa in baktun, il baktun é una unità di misura del calendario lineare, non di quelli ciclici.



Sbagli. Il calendario di 360 giorni (tun, katun, baktun, ecc.) era anch'esso ciclico, anzi era probabilmente l'emblema della concezione ciclica del tempo propria dei Maya. A dimostrarlo basti la stessa data d'inizio del calendario iscritta nelle stele di Quiriguà: 13.0.0.0.0. Dove quel 13 indica che sono trascorsi 13 baktun (5200 anni) dalla precedente creazione del mondo (per i Maya, il mondo era stato creato e distrutto già quattro volte dagli déi, noi viviamo appunto nella quinta creazione). Creazione e distruzione del mondo si ripetono ciclicamente, ad intervalli regolari.


Citazione:
come riportava Trotzkj non c' é nemmeno unanimità sulla interpretazione e conversione della data del 13° baktun.


Questo è vero, infatti il motivo principale per cui le teorie sul 2012 appaiono completamente campate in aria è la difficoltà, se non l'impossibilità, di stabilire una corrispondenza esatta tra due sistemi di computo del tempo così diversi e rimaneggiati nel corso dei secoli come quello Maya e quello giuliano/gregoriano.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
Calvero
Inviato: 2/1/2012 2:30  Aggiornato: 2/1/2012 2:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
____________________
____________________


Almeno una cosa è certa, sono i calendari il problema.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
hrabal
Inviato: 2/1/2012 3:08  Aggiornato: 2/1/2012 3:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Il calendario di 360 giorni (tun, katun, baktun, ecc.) era anch'esso ciclico, anzi era probabilmente l'emblema della concezione ciclica del tempo propria dei Maya. A dimostrarlo basti la stessa data d'inizio del calendario iscritta nelle stele di Quiriguà: 13.0.0.0.0. Dove quel 13 indica che sono trascorsi 13 baktun (5200 anni) dalla precedente creazione del mondo (per i Maya, il mondo era stato creato e distrutto già quattro volte dagli déi, noi viviamo appunto nella quinta creazione). Creazione e distruzione del mondo si ripetono ciclicamente, ad intervalli regolari.


Gia' ma e' un ciclo cosi' esteso che sia nella mente di chi lo ha concepito (il sistema di potere sacerdotale/regale) che nella percezione dei sui suoi sudditi era di fatto lineare.
L'essere umano nella sua miseria temporale ed esistenziale, non sa che farsene di un ciclo di 5200 anni, puo essere interessato al ciclo annuale o al massimo al ciclo di una generazione umana, tutto il resto viene da altrove, da un sistema di credenze e attribuzioni, che da un lato sono il nostro specifico domandarsi del perche' delle cose, ma dall'altro sono state usate e sono usate dai sistemi di potere di tutti i tempi per porre i sudditi di fronte a un sistema di dogmi e impenetrabili scienze, che solo loro presumono (o possono) controllare.
Guardate ai misteri della fede del passato/presente, o ai moderni misteri della scienza o dell'economia, Il Sommo pontefice monti ce li svelera'??? noooo, i misteri so' misteri (diceva un grande poeta g. Belli)... ma fara' i suoi ritualetti e tutto andra' per il meglio...


Per quanto riguarda la data d'inizio del calendario maya, non c'e' certezza, anche se calcoli si possono fare, il tempo umano ha come comune denominatore il cielo sopra di noi, e questo e' comune a tutti o quasi.

hrabal
Inviato: 2/1/2012 3:19  Aggiornato: 2/1/2012 3:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Almeno una cosa è certa, sono i calendari il problema.


certo, un buon calendario puo essere molto utile a sapere quando il famoso cetriolo arrivera' e la la piu' corretta posizione per riceverlo....

I calendari come la religione, come ben sai, sono uno strumento del potere, che usa ora, come ha usato e usera' nel passato e nel futuro per continuare ad affermarsi, e una delle armi simboliche della manipolazione, e' forse bene saperne qualcosa...

Jurij
Inviato: 2/1/2012 10:15  Aggiornato: 2/1/2012 10:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
totalrec
Citazione:
Questo è vero, infatti il motivo principale per cui le teorie sul 2012 appaiono completamente campate in aria è la difficoltà, se non l'impossibilità, di stabilire una corrispondenza esatta tra due sistemi di computo del tempo così diversi e rimaneggiati nel corso dei secoli come quello Maya e quello giuliano/gregoriano.

Quindi questo 21.12.2012 potrebbe essere un’altra farsa?
Da 1 a 10 quanto possiamo darla come veritiera questa data?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
PadijtLee
Inviato: 2/1/2012 11:04  Aggiornato: 2/1/2012 11:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/6/2010
Da:
Inviati: 447
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?

totalrec
Inviato: 2/1/2012 11:10  Aggiornato: 2/1/2012 11:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Gia' ma e' un ciclo cosi' esteso che sia nella mente di chi lo ha concepito (il sistema di potere sacerdotale/regale) che nella percezione dei sui suoi sudditi era di fatto lineare.


Beh, ma non vuol dire. Nella percezione quotidiana dei Maya ciò che contava non era ovviamente il Baktun, bensì gli altri cicli più brevi dei giorni, dei mesi, dei tun, dei katun... Lo schema Maya del tempo è tutto costituito da cicli concentrici. Tanto i cicli brevi (interni) quanto quelli lunghi (esterni) si ripetono continuamente. Il fatto che utilizzassero il calendario che noi chiamiamo "del Lungo Computo" non vuol dire che avessero sviluppato una concezione lineare del tempo, bensì al contrario che quando lo sviluppo delle capacità di calcolo li portò a concepire in astratto periodi di tempo molto lunghi, sentirono il bisogno di inserire anche questi ultimi in uno schema ciclico per poter dare ad essi un senso.


Citazione:
Per quanto riguarda la data d'inizio del calendario maya, non c'e' certezza


La certezza non c'è (né potrà mai esserci) riguardo all'effettiva corrispondenza tra la data iniziale del calendario Maya e il "nostro" 3113 a.C. Ma in termini assoluti, buona parte delle iscrizioni sulle stele maya riportano come riferimento la data d'inizio del calendario, che è appunto il 13.0.0.0.0 4Ahau 8Cumku.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
redna
Inviato: 2/1/2012 11:55  Aggiornato: 2/1/2012 11:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
solo la Maya profetizzano la fine del mondo?




Anno 2012, dal Sole attacco al Pianeta Terra Il verdetto delle macchine: tempesta magnetica minaccia la civilta'


La catastrofe elettromagnetica colpira' la Terra dallo spazio quasi senza preavviso, senza concederci neanche quella ragionevole preparazione che abbiamo diritto di aspettarci (per esempio) dai pericolosi ma piu' prevedibili asteroidi in rotta di collisione contro il nostro pianeta.

Quindici minuti prima di mezzanotte del 22 settembre 2012 la sonda Ace - che tiene d'occhio il Sole - avvertira' i computer di Houston che una colossale bolla di plasma (particelle ad alta energia) si e' staccata dalla superficie della nostra stella di riferimento e si sta dirigendo verso di noi. Panico generale, l'allarme rimbalzera' in tutto il mondo, e qui e' la' si appronteranno improbabili difese dell'ultimo istante. Che non serviranno a niente. Questa non e' ancora una previsione ma una simulazione, autorevole e realistica, prodotta dalla Nasa e dall'americana National Academy of Science per valutare gli effetti di un evento catastrofico di cui - purtroppo - non sappiamo calcolare la probabilita'. La minaccia nascera' da una bolla di plasma (ma piu' carogna delle altre) fra le tante che si formano in continuazione sulla magmatica superficie del Sole. Molte di queste bolle di particelle energetiche si disintegrano senza danno, altre vengono eruttate nello spazio e si dirigono verso la Terra. Di solito si limitano a disturbare un po' le telecomunicazioni, ma possono fare molto peggio. L'ipotesi e' che il 22 settembre 2012 (data scelta arbitrariamente) il cielo sopra New York esploda di vividi colori come se una straordinaria aurora boreale avesse sbagliato strada e si fosse spostata migliaia di chilometri piu' a Sud del consueto. In realta', la fantasmagoria di colori sara' molte volte piu' brillante delle aurore boreali, e la gente l'ammirera' con divertito stupore. Neanche una persona morira' ne' riportera' danni immediati da quella colossale tempesta solare. Ma tutte le reti elettriche andranno in tilt, perche' la super-bolla di plasma cambiera' la configurazione del campo magnetico terrestre, e questo indurra' a sua volta nelle reti un sovraccarico di corrente che fondera' milioni di trasformatori. Entro 90 secondi il buio scendera' prima sulla Costa orientale americana, poi sul resto del mondo. Si blocchera' tutto, perche' tutto va a elettricita'. Il primo servizio a saltare sara' l'acqua corrente, senza pompe a dare la spinta. Stop agli apparati elettrici che pescano la benzina nei serbatoi dei distributori e la riversano in quelli delle auto: quindi, in pochi giorni, niente piu' macchine in circolazione. In 72 ore le apparecchiature d'emergenza degli ospedali esauriranno l'autonomia. In un mese finiranno le scorte di carbone, e non ne arriveranno altre (e neanche di petrolio, e d'altra parte le raffinerie non potrebbero lavorarlo). Pure le condotte del gas richiedono elettricita' per funzionare, e cosi' addio metano. Addio anche ai sistemi di refrigerazione e a tutte le scorte di cibo. Nel giro di un anno milioni di americani saranno morti per le conseguenze indirette della paralisi economica, gli Stati Uniti verranno declassati dall'Onu a Paese in via di sviluppo, e l'economia mondiale impieghera' dai 4 ai 10 anni per riprendersi. Una tempesta magnetica di queste proporzioni avvenne nel 1859, fu battezzata «evento Carrington», pero' la rivoluzione industriale era ancora giovane e il mondo non ne riporto' grandi danni. Adesso siamo piu' evoluti e (quindi) piu' vulnerabili. Da allora ci sono state alcune repliche in tono minore, la piu' recente nel marzo 1989 quando sei milioni di persone nel Quebec canadese rimasero senza luce elettrica per nove ore. Uno choc da plasma di proporzioni maggiori avrebbe conseguenze ben peggiori. Ma perche', dopo il colpo iniziale, le ripercussioni durerebbero tanti anni? Il fattore piu' vulnerabile, dice la Nasa, sono i trasformatori. Non si possono riparare ma solo sostituire. Il processo sarebbe penosamente lento, perche' verrebbero paralizzate anche le fabbriche che li producono. Di questa «tempesta perfetta» faremmo a meno.
Ma statisticamente e' possibile e la domanda non e' sul «se» ma sul «quando». OSPEDALI PARALIZZATI I generatori di emergenza andranno avanti per tre giorni poi la Sanita' collassera' UN SUPER BLACK-OUT In 90 secondi si estendera' a tutta la Costa Est degli Stati Uniti e poi al resto del mondo

articolo

.......ci sarà da preoccuparsi prima del 21.12.2012?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
totalrec
Inviato: 2/1/2012 12:00  Aggiornato: 2/1/2012 12:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Da 1 a 10 quanto possiamo darla come veritiera questa data?


Se parliamo di "data della fine del mondo" in senso millenaristico, francamente non credo che la cosa meriti neppure di essere discussa.

Se parliamo invece di corrispondenza tra la data ultima del Baktun ed una data del calendario gregoriano, gli studiosi si sono fatti in quattro per creare un parallelismo il più possibile preciso tra i due calendari, ma i loro calcoli sono per forza di cose limitati alle conoscenze che abbiamo, quindi approssimativi.

Il fatto è che i Maya apportavano continue correzioni al loro sistema di computo del tempo, per farlo coincidere con i cicli astronomici. Alcune di queste correzioni le conosciamo (ad esempio il Codice di Dresda riporta i complicatissimi calcoli eseguiti, nel corso di secoli, per integrare nel sistema anche la rivoluzione sinodica di Venere), altre ovviamente no.

C'era poi il "vizio d'origine" della sfasatura tra il sistema di calcolo a base vigesimale dei Maya e la durata dell'anno solare (365 non è un multiplo di 20), per correggere la quale i Maya s'inventarono due diversi calendari, quello del tun di 360 giorni e un altro di 365 giorni (360+5 giorni nefasti detti "Uayeb") che a sua volta scorreva parallelo al "sacro almanacco" di 260 giorni. Tutto questo mastodontico apparato di computazione avrà comportato chissà quante correzioni, aggiustamenti, revisioni della durata dei cicli astronomici, tutte cose che noi ovviamente possiamo conoscere solo in piccola parte.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
florizel
Inviato: 2/1/2012 12:03  Aggiornato: 2/1/2012 12:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Dall'articolo: "sono proprio quelli che sceglieranno di non fare nulla che rischiano di influire più di tutti sulle dinamiche e sull’esito finale di questo cambiamento."

Non posso fare a meno di scorgere in questa osservazione circa la "profezia" dei Maya un parallelo con le consuete reazioni che in genere l’attuale sistema scatena nelle società civili: ogni evento viene proposto e percepito come a se stante, scollegato da un disegno molto più ampio che lo contiene.

Intendo dire che ogni reazione che si limiti a rifiutare solo uno dei tanti aspetti in cui qualcosa si esprime, è destinata a rafforzare l’operazione di frammentazione della realtà proposta dalla cultura “occidentale”, e diventa partecipe del ribaltamento di quella visione “orizzontale” degli eventi.

Prendo ad esempio le attuali rivolte sociali, spesso considerate come una delle espressioni di questo periodo di “cambiamenti”: finchè esse si limiteranno a voler far fronte ad aspetti contingenti ristretti entro confini artificiosi o ad accadimenti isolati, rischieranno di alimentare i tentativi di bloccare i cambiamenti di cui sopra, ben più ampi e circolari.
Letta così, equivalgono non solo a “non fare nulla”, ma anche ad agevolare ciò che impedisce la possibile svolta insita in quella “ciclicità” proposta dalla visione delle cose della cultura degli antichi.

hrabal

Citazione:
Vorrei sottolineare che la definizione lineare del tempo, cosi' ben espressa dall'articolo di Massimo, in contrapposizione a quella ciclica, e' strettamente legata al Potere, che sia religioso o secolare.


Straquoto l’osservazione.


In una botta di ottimismo da “nuovo anno”, direi che i Maya erano degli “internazionalisti”, e che nessun cambiamento potrà mai verificarsi se non interpretato in questa chiave.

Trovo molto interessanti le osservazioni di Bauzz e di Polipol.

Rispettivamente:

“Interessante anche il confronto con il cittadino apatico che inghiotte e non rigetta, e che con il suo non-agire agisce.”

“…la visione del tempo lineare o la visione "escatologica" menzionata nell'articolo, sebbene può trovare dei riscontri tuttavia superficiali, stride con gli scritti di alcuni padri e dottori della Chiesa, e con il sentire comune degli uomini di epoche lontane, quando una visione circolare del tempo era onnipresente e data quasi per scontata.”

Buona visione orizzontale...

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
NovaEra
Inviato: 2/1/2012 12:04  Aggiornato: 2/1/2012 12:05
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il ciclo dei mondi: ovvero il Ritorno degli Dei

"Il significato esatto delle caratteristiche di Quetzalcoatl varia a seconda delle civilizzazioni e del periodo storico. Quetzalcoatl è stato spesso considerato il dio della stella del mattino ed il suo fratello gemello Xolotl era la stella della sera (Venere). Come stella del mattino era conosciuto con il titolo di Tlahuizcalpantecuhtli, che significa letteralmente "il signore della stella e dell'alba". Fu conosciuto come inventore dei libri e del calendario, colui che donò il mais al genere umano e, a volte, è stato anche considerato il simbolo della morte e della resurrezione. Quetzalcoatl era anche il protettore dei sacerdoti e rivestiva il ruolo di sommo sacerdote azteco.

Nella maggior parte dei culti mesoamericani era contemplato il ciclo dei mondi. Di solito, la nostra epoca attuale veniva considerata il quinto mondo, mentre i quattro precedenti erano stati distrutti dal diluvio, dal fuoco e via dicendo. Si racconta poi che Quetzalcoatl fosse andato a Mictlan, il mondo sotterraneo, ed avesse creato il quinto mondo-genere umano dalle ossa delle razze che lo avevano preceduto (con l'aiuto di Cihuacoatl), usando il suo stesso sangue per infondere alle ossa nuova vita."

Quindi ogni volta che finisce un'Era questi dei Ritornano e dopo distrutti completamente tutti gli esemplari umani precedenti, (in questo caso noi ora), dalle nostre ossa ne tirano fuori una nuova razza...e tutto ricomincia daccapo? PERCHE'?!?!

http://it.wikipedia.org/wiki/Quetzalcoatl

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
florizel
Inviato: 2/1/2012 12:09  Aggiornato: 2/1/2012 12:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Robottino

Citazione:
Non mi piace assolutamente come i media stanno trattando questa tematica.


La stanno trattando, molto semplicemente, come il loro padrone (l'attuale sistema di dominio) tratta gli individui: a mo' di spauracchio.
Inocula la paura di un "nemico", che sia una cultura, un evento naturale (o prodotto dal sistema stesso), un feticcio qualsiasi, ed otterrai una MASSA controllata e controllabile.

Pike

Citazione:
Dicesi massa una moltitudine di persone fottute.


Non potevi dirlo meglio.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
florizel
Inviato: 2/1/2012 12:13  Aggiornato: 2/1/2012 12:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Silvio TO

Citazione:
E' anche vero però che un fiume, quando incontra un ostacolo, si gonfia sempre di più fino a esondare di colpo, provocando magari un disastro ma ripristinando, nello stesso tempo, il suo normale equilibrio. E' proprio quello che credo stia succedendo... la misura è colma, il fiume è pieno, è l'ostacolo deve essere spazzato via.


Amen.

Calvero

Citazione:
Almeno una cosa è certa, sono i calendari il problema.


Sempre lì si ritorna: più si classifica il tempo, più lo si comprime e lo si frammenta.

hrabal

Citazione:
I calendari come la religione, come ben sai, sono uno strumento del potere, che usa ora, come ha usato e usera' nel passato e nel futuro per continuare ad affermarsi, e una delle armi simboliche della manipolazione, e' forse bene saperne qualcosa...


Assolutamente condivido.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
redna
Inviato: 2/1/2012 12:26  Aggiornato: 2/1/2012 12:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Se parliamo di "data della fine del mondo" in senso millenaristico, francamente non credo che la cosa meriti neppure di essere discussa.


non meriterebbe di discutere nemmeno la data del 21.12.2012..... perchè è già passata!!!

........


La data finale del calendario Maya: ottobre 2011 o dicembre 2012?
I calendari basati sul tempo fisico hanno cicli astronomici (come quelli della terra o della luna) meccanicamente misurabili. Dato che i cicli continueranno ad esistere per altri miliardi d’anni, non sussiste alcuna ragione che i calendari così basati abbiano una data “finale��??.

Il calendario Maya, d’altro canto, ha una data terminale. Questa si riferisce alla fine/inizio di un ciclo molto importante per quanto riguarda l’evoluzione umana.
Mentre molte persone si concentrano sulla cosiddetta “fine��?? del calendario Maya, dichiarando addirittura che il calendario sia stato creato per indicarne la data, non esistono indicazioni o documenti storici nei quali si potrebbe supporre che i Maya fossero interessati a cosa potrebbe accadere dopo questa data.

Invece, quello che le antiche scritture indicano è l’inizio di un ciclo creativo, iniziato quando il Primo Padre eresse l’Albero Cosmico. Questo ciclo è indicato dal calendario come concluso il 28 ottobre 2011. Il giorno è conosciuto come 13 Ahau nel sacro calendario Maya, indicando un’energia di grande rilevanza profetica.

La proposta comunemente divulgata, che dà la fine del ciclo il 21 dicembre del 2012 è, invece, basata sulla supposizione, non provata, che il ciclo precessionale - il cono di rotazione causato dall’attrazione del sole e della luna sulla terra che, ruotando su se stessa, descrive nello spazio – abbia qualche significato per l’evoluzione umana.
Questo ciclo, di 26.000 anni, non è menzionato da alcun testo Maya.
In contrasto, la data del 28 ottobre 2011 è basata su solide evidenze presenti nelle documentazioni Maya.
In esse l’evoluzione cosmica è descritta in tutti i suoi aspetti.


La comprensione del tempo Maya come quantizzato fornisce un modo più realistico per analizzare il significato della cosiddetta “data finale��??. La data semplicemente indica il tempo nel quale l’Albero della Vita raggiunge il suo stato quantico più alto.
Quindi, in questa interpretazione del calendario Maya, non esiste alcuna supposizione che la data finale corrisponda alla “fine del mondo��?? e della vita sul pianeta.

Ciò che la data indica è che, il 28 ottobre 2011 il cambiamento “vibratorio��?? della terra avrà raggiunto il suo picco energetico. Non sorprende quindi che molti intuitivamente percepiscono che l’anno che seguirà, il 2012, sarà sicuramente speciale.

Conseguenze della nuova vibrazione

Da una prospettiva puramente temporale, discutere se il termine del ciclo avverrà nell’anno 2011 o nel 2012 sembrerebbe avere poca importanza. La data è, invece, rilevante per quanto riguarda la psiche umana, dato che essa si deve adattare alle nuove vibrazioni presenti.
E’ sicuramente utile per la mente sapere se le vibrazioni nelle quali si trova immersa (e che condizionano i pensieri generati e, quindi, la vita personale) si sono stabilizzate o se sono ancora in un processo di cambiamento.

Questo non per affermare che il salto quantico sia in grado di modificare la terra e l’uomo in “pochi minuti��??. La diversità energetica modificherà sia l’aspetto fisico della terra sia il modo di pensare dell’uomo ma, in prevalenza, il cambiamento non avverrà in maniera istantanea ma accelerata; in pochi mesi o anni. Quello che è certo è che il “vecchio��??, tutto ciò che è basato sulla vecchia vibrazione - da strutture biologiche a modi di pensare - saranno spazzati via.
Così, in un ciclo precedente, sono scomparsi i dinosauri.
Comunque, il 2011 o il 2012 non devono essere interpretate come date “magiche��??.
Denotano semplicemente un periodo di transizione. In realtà, la modifica sta già avvenendo dentro ed intorno a noi già dal volgere del nuovo millennio.

All’inizio dell’anno presente (2009), in un’intervista televisiva l’ex presidente americano Bill Clinton ha commentato che, nella presente crisi finanziaria, circa un terzo della "ricchezza" del mondo si è volatilizzata: è scomparsa.
In realtà non è scomparso alcun valore reale, tangibile.
Ciò che è scomparso (nel suo terzo) sono valori arbitrari (denaro) assegnati ad alcune persone. In realtà, solo dei numeri nei computer delle banche sono stati modificati. Questo è l'esempio di come un pensiero materialista scomparirà. Perché esso permette che una piccola frazione di persone nel mondo abbia un controllo finanziario (e quindi sulla vita) della popolazione mondiale.

La fine di ogni ciclo porta degli sconvolgimenti con se. Sicuramente accadranno dei cambiamenti, anche drastici, del sistema finanziario ed economico mondiale. Potrebbero anche accadere degli estesi sommovimenti tettonici o meteorologici. Ma questi saranno solo la conseguenza di una modifica “vibrazionali��?? dell’intero pianeta, quindi della natura e di tutti i suoi abitanti.

Comunque, qualsiasi cosa accadrà in termini d’instabilità e di sconforto, non sarà la “fine del mondo��??: più semplicemente, è la vecchia vibrazione che si fa da parte per lasciare il posto alla nuova. Questo è il significato del “salto quantico��?? predetto dal calendario Maya. Come umani, il nostro “ruolo��?? è quello di sentirci pronti per ogni cambiamento, accettandolo come avviene, con la totale consapevolezza che esso sarà sempre per il nostro beneficio personale e per quello del gruppo.
rinaldo lampis
[email protected]

articolo

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NovaEra
Inviato: 2/1/2012 12:53  Aggiornato: 2/1/2012 13:32
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il salto quantico implica necessariamente una "reicarnazione" nei quantificabili universi spazio-temporali, la nostra Essenza, quindi, in questo modo, sarebbe COSTRETTA a reincarnarsi da un universo ad un altro universo, che non è detto sia migliore del nostro attuale ovvero più Perfetto: non è mutando gli spazio-tempo che si diventa Coscienza, ma con la Consapevolezza interiore e ciò può avvenire in qualsiasi Istante o luogo, secondo me.

Secondo il Karma orientale, che sarebbe un ennesimo Dogma religioso uguale ai nostri, ma estero, las reincarnazione servirebbe alle Anime per PERFEZIONARSI.
Perfezionarsi, in questo caso, significa accettare un "modello" preimpostato deico, non-umano, da adorare ed a cui inginocchiarsi.
Questo significa essere religiosi, accettare acriticamente dei dogmi voluti da chi Gestisce..
Mentre, la Realtà, secondo alcuni scienziati, come per esempio Bohm è Coscienza, UNITA' di cui le Anime sono parte integrante: sono Scintille di Coscienza e la Coscienza fino a prova contraria è già PERFEZIONE.

"L’Unità è sempre stata lì, ma adesso la si può nuovamente percepire e, per quelli che stanno liberando se stessi dal programma, si fa sentire il richiamo verso “casa”.
Siamo rimasti intrappolati in un mondo illusorio che credevamo fosse reale.
Questo comprende le altre dimensioni dell’illusione tra le quali la coscienza prigioniera si “reincarna”. Da un programma ad un altro.
La strada che conduce verso casa è sapere che noi siamo già a casa e che lo saremo sempre.
Ed è anche smettere di identificare ciò che noi siamo con la forma, il bisogno di “evolvere”, di imparare da esperienze di reincarnazione infinite, e di sottometterci al volere di qualche “Dio.

Vi è l’Uno auto-consapevole e l’Uno che ha dimenticato Sé Stesso.
Noi agiamo in piccolo perché crediamo in piccolo, e crediamo in ciò che siamo programmati a credere. Ma non deve essere per forza così. Possiamo lasciare cantare la nostra coscienza e sapere che siamo Tutto Ciò Che E’.

Abbiamo vissuto uno falsa identità , un falso nome che non siamo Noi.
Ma possiamo guardare nello specchio illusorio e ri-valutare quello che pensiamo di essere. Noi non siamo il nostro nome, il nostro corpo, la nostra famiglia, la nostra razza, la nostra nazione o la nostra religione.
Non siamo i nostri possedimenti, il nostro lavoro, il nostro status, la nostra fama, il nostro successo o il nostro fallimento.

E allora cosa siamo?
Noi siamo Amore Infinito.
Come faccio a saperlo?
Semplice.
Non c’è nient’altro."
Icke

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
peonia
Inviato: 2/1/2012 13:31  Aggiornato: 2/1/2012 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Noi agiamo in piccolo perché crediamo in piccolo, e crediamo in ciò che siamo programmati a credere. Ma non deve essere per forza così. Possiamo lasciare cantare la nostra coscienza e sapere che siamo Tutto Ciò Che E’. Abbiamo vissuto uno falsa identità , un falso nome che non siamo Noi. Ma possiamo guardare nello specchio illusorio e ri-valutare quello che pensiamo di essere. Noi non siamo il nostro nome, il nostro corpo, la nostra famiglia, la nostra razza, la nostra nazione o la nostra religione. Non siamo i nostri possedimenti, il nostro lavoro, il nostro status, la nostra fama, il nostro successo o il nostro fallimento. E allora cosa siamo? Noi siamo Amore Infinito. Come faccio a saperlo? Semplice. Non c’è nient’altro." Icke

autentico o mendace, lo adoro....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
redna
Inviato: 2/1/2012 13:31  Aggiornato: 2/1/2012 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Secondo il Karma orientale, che sarebbe un ennesimo Dogma religioso uguale ai nostri, ma di altri paesi, ciò servirebbe alle Anime per PERFEZIONARSI.


in oriente non esistono dogmi.Sono solo per l'occidente perchè non si pensi a null'altro che alla materia e si resti fermi senza pensare più in la.
Il karma è la causa ed effetto tanto che questo modo di pensare era proprio degli imperatori più che del popolino.Il Cina se l'annata era scarsa di cibo, se c'erano guerre o cataclismi l'imperatore si interrogava su quello che aveva fatto o non fatto nei confronti delle divinità. Anche gli imperatori del Giappone si interrogavano su quanto avevano fatto e le conseguenze che ne derivavano dalle loro azioni a tutto il popolo a causa del loro errato agire.
Pertanto la causa ed effetto in estremo oriente sono sempre state un fulcro proprio di potere e il karma è di fatto la colonna portante di tutte le religioni orientali.

Il karma non prevede la perfezione.Prevede che ci sia una giustizia che sovrasta tutto alla quale tutti siamo soggetti, nessuno escluso.
Pertanto ognuno si sceglie in questo modo questa vita e anche la vita futura che è frutto di questa.


Citazione:
Perfezionarsi significa scegliere un "modello" deico non-umano, da adorare ed a cui inginocchiarsi. Questo significa essere religiosi.

assolutamente no. Perfezionarsi significa andare verso gli dei e la loro perfezione e non verso esseri umani. Essere religiosi in oriente e in occidente non è la stessa cosa e il cattolicesimo con il buddismo non hanno nullla a che spartire.

Citazione:
Abbiamo vissuto uno falsa identità , un falso nome che non siamo Noi.

il plurale è in più.
Tutti hanno vissuto la propria vita che è la conseguenza di quelle prima e per questo per ognuno c'è un destino diverso, una vita diversa e una fine diversa.
Ognuno è se stesso e la natura non fa mai nessun essere uguale ad un altro, nemmeno un filo d'erba è uguale ad un altro.
Pertanto globalizzare gli esseri umani come tutti falsi è eccessivo.


Citazione:
E allora cosa siamo? Noi siamo Amore Infinito.

ma l'altra faccia della medaglia è l'odio.Quando si sbaglia con l'amore arriva l'odio per farci capire che cosa è il vero amore.
E se molte guerre ci sono ora e se molte armi si fanno e se tanta gente muore è perchè l'amore è sbagliato e ha bisogno di correzione.
L'amore è solo un concetto quando anche una sola persona soffre sul nostro pianeta e allora ci sono discordie guerre e disastri perchè qualcuno arrivi a capire.

Citazione:
Come faccio a saperlo? Semplice. Non c’è nient’altro."

se le guerre, i disastri e i cataclismi sono il nulla ..........evidentemente qualcuno non sa ancora di che cosa sta parlando.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NovaEra
Inviato: 2/1/2012 13:41  Aggiornato: 2/1/2012 13:52
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Da Redna
Perfezionarsi significa andare verso gli dei e la loro perfezione e non verso esseri umani
E' proprio qui che casca l'asino!
Quali Dei Redna? Quelli che facevano fare sacrifici umani con rituali a base di sangue e facevano piangere i bambini che venivano barbaramente assassinati, torturandoli altrimenti agli DEI ciò non era gradito?

Guarda qui che razza di me..! Sono questi DEI e poi dopo un esame di Coscienza UMANA, dimmi se hai ancora il coraggio di sceglierli come tuo MODELLO:

In molti poemi indiani si parla molto dell'utilizzo dei Vimama da parte degli Dei come mezzo di locomozione per percorrere lunghe distanze, probabilmente anche al di fuori del sistema solare.
Tuttavia un altro importante aspetto viene descritto in questi antici testi indiani ovvero quello di uso militare nelle millenarie guerre tra gli dei che si sono combattute 15000 anni fa nell'attuale Sri Lanka , nel deserto del Gobi ecc..

E’ interessante osservare che ancor oggi, nei suddetti luoghi, si trovano reperti archeologici di città vetrificate a causa di una probabile guerra atomica tra Dei.

"Questo incredibile documento, tra l'altro scritto interamente in Sanscrito
(lingua degli Dei) tradotto successivamente in inglese, parla di un modo lontano 15000 anni, dove esisteva una realtà tecnologica ai limiti dell'immaginazione.
La traduzione letterale di Vaimanika-Shashtra significa "Pratiche Aeronautiche" od "Astronautiche", questo stupefacente manoscritto racchiude la tecnologia dei Vimana un vero e proprio "manuale di costruzione, manutenzione e pilotaggio" di questi antichi velivoli.
Nei "Vimana" le macchine volanti, venivano descritte come oggetti a due piani, rotondi e piatti, ma anche sigariformi, come i " Vallixi", adibiti per il trasporto, per le battaglie e per le gite.
Vi è descritto dettagliatamente i "Vimana" come funzionano, come devono essere pilotati, le diete dei piloti, le rotte spaziali da seguire per evitare di incappare in tempeste magnetiche, le armi potentissime, il radar e gli schermi televisivi.
Alcuni di questi "Vimana" sono spinti da uno strano propellente giallo-bianco, mercurio (motore a ioni?).
I Vailixi Atlantidei, erano, in genere, sigariformi, ed avevano la capacità di muoversi sott’acqua, nell’atmosfera o nello spazio, indifferentemente.
Il Ramayana, il Mahabarata e altri testi parlano della terribile guerra che vide opposti, fra dieci o ventimila anni fa, Atlantide e Rama, e l'uso di terribili ordigni di distruzione di massa tecnologicamente avanzatissimi.
L’antico Mahabarata descrive le terrificanti caratteristiche distruttive della guerra: "... (l’arma era) un singolo proiettile caricato con tutto il potere dell’universo.
Una colonna incandescente di fumo e fiamme brillante come mille soli si sollevò in tutto il suo splendore... una saetta di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza dei Vrishnis e gli Andhakas... i cadaveri erano così bruciati da essere irriconoscibili.
I capelli e le unghie caddero; le ceramiche si ruppero senza ragione, e gli uccelli divennero bianchi... dopo qualche ora tutte le riserve di cibo erano infette... per sfuggire a questo fuoco, i soldati si lanciarono nei corsi d’acqua per lavare se stessi ed il loro equipaggiamento...". Sembra che il Mahabarata stia descrivendo una guerra atomica! Riferimenti del genere non sono isolati: battaglie con l’uso di un fantastico schieramento di armi e velivoli sono comuni in tutte le epiche indiane. Una di queste descrive addirittura un conflitto sulla Luna tra Vimana e Vailixi!
Il cosiddetto "Impero di Rama" dell’India settentrionale e del Pakistan, sviluppatosi almeno 15.000 anni fa, era una nazione composta da 7 grandi città. Rama esisteva parallelamente alla civiltà Atlantidea.
Ma una città dominava su tutte: Mohenjo-Daro, l’antica Lanka, isola nel fiume Indo.
Quando gli archeologi trovarono i resti della città di Lanhka, gli scheletri giacevano per strada e alcuni di loro si stringevano le mani, come se fossero stati colti all’improvviso da un tremendo destino. Questi resti umani risultano tra i più radioattivi mai trovati, alla pari con quelli di Hiroshima e Nagasaki.
Non c’è una spiegazione logica per la vetrificazione di città di pietra, se non un’esplosione atomica. Oltretutto, a Mohenjo Daro, le strade erano ricoperte di vetri anneriti, frutto dello scioglimento di vasi d’argilla a causa di un intensissimo calore.
Nel manoscritto indiano viene descritto anche l'interno della cabina di pilotaggio dove si trovano 3 sedili 3 leve e 3 anelli ruotanti questi servivano rispettivamente il primo a sollevare il veicolo, il seconda per dare la direzione, ed il terzo ad accelerarlo.

Ecco un elenco con la traduzione tratta da questi manoscritti che riguardano le tecniche "segrete" di pilotaggio dei Vimana o se vogliamo alcuni "trucchi del mestiere":

GOODHA : permette al pilota di rendere il suo Vimana invisibile ai nemici . Adrishya ottiene lo stesso risultato attraendo la forza del flusso etereo nel cielo.
PAROKSHA : esso mette in grado il pilota di paralizzare gli altri Vimana e di metterli fuori combattimento.
APAROKSHA : il pilota può servirsi di questa abilità per proiettare fasci lucenti dal fronte della sua nave per illuminare la sua via.
VIROOPA KARANA : con questa capacità al comando , il pilota può produrre un temporaneo fumo , può caricarlo con le calde onde del cielo e far assumere alla sua nave una forma terrificante che garantisce grandi fremiti in coloro che guardano .
ROOPAANARA: può permettere al Vimana di assumere forme come quelle del leone , della tigre , del serpente , di una montagna per confondere gli osservatori.
PRALAYA : comprime la forza elettrica attraverso i cinque tubi aerei cosicché il pilota possa distruggere ogni cosa come in un cataclisma . Vimukna manda una pozione velenosa nell'aria per causare uno stato di insensibilità totale e di coma.
SAARPA-GAMANA : questo segreto permette al pilota di attrarre le forze dell'aria , unirle con i raggi solari e passare la mistura attraverso il centro della nave così che il Vimana avrà un movimento a zigzag come un serpente.
Quest’ultima voce risulta particolarmente interessante se la paragoniamo ai più accreditati avvistamenti ufologici. Il procedere a zig-zag è una delle principali caratteristiche di autenticità in un avvistamento UFO
KRYAAGRAHANA: permette ad uno di spiare tutte le attività che avvengono al di sotto sulla terra.
JALADA ROOPA : le sue istruzioni permettono al pilota di sapere le corrette proporzioni di alcuni composti chimici che miglioreranno il Vimana e gli daranno la forma di una nuvola.

In questi poemi il Ramayana ,Mahabharata, si parla appunto di guerre millenarie combattute con armi terribili delle quali forniremo alcuni esempi e che , come vedrete , sono riconducibili alle armi odierne. Ecco l'elenco di alcuni tipi di arma:

L'arco di GANDIVA : Capace di scagliare frecce che inseguivano il nemico e al momento che colpivano il bersaglio generavano un 'onda di fuoco che inceneriva quanto colpito.
Non è difficile vedere in questa traduzione i missili a puntamento termico, che inseguono il bersaglio basandosi sul calore emesso dai motori.


L'arco di GANDIVA : Capace di scagliare frecce che inseguivano il nemico e al momento che colpivano il bersaglio generavano un 'onda di fuoco che inceneriva quanto colpito.
Non è difficile vedere in questa traduzione i missili a puntamento termico, che inseguono il bersaglio basandosi sul calore emesso dai motori.

BHUCUNDI: un 'arma capace di scagliare folgori contro i nemici.
SURADTSANA:Un 'arma a disco simile al sole splendente che inceneriva gli eserciti.
La verga di KALA : Un'arma che uccideva a distanza
VAYAVYA ASTRA : Genera turbini di vento.
KANDARPA: Eccita smodatamente il desiderio sessuale.
MURCHCHDHANA : causa la soppressione temporanea delle sensazioni.
In questi ultimi due esempi probabilmente si parla di bombe chimiche o batteriologice dove, la conoscenza della chimica da parte dell’antico popolo trova qui un’ulteriore conferma.
SHABDAVEDITVA: Una freccia che insegue i suoni (anche in questo caso si trattava di un probabile missile intelligente).

In fine citiamo la più terribile arma mai realizzata la così detta arma del “caos ..l'arma che possiede i poteri dell'architetto degli Dei: TVASHTAR."

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
redna
Inviato: 2/1/2012 13:46  Aggiornato: 2/1/2012 13:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
E' proprio qui che casca l'asino! Quali Dei Redna? Quelli che facevano fare sacrifici umani con rituali a base di sangue e facevano piangere i bambini che venivano barbaramente assassinati, torturandoli altrimenti agli DEI ciò non era gradito?


non casca nessun asino. Dillo tu quali dei e poi vedremo di quali stai parlando.

Se appunto il buddismo non parla di dei ma da una indicazione di come arrivare a liberarsi dalla sofferenza nascita morte, ha un senso se poi il buddismo tibetano faceva dei sacrifici anche umani? Chi ha insegnato a fare sacrifici umani, forse quello che predicava tutt'altro?

Pertanto cerca di distinguere fra quello che è spirituale e materiale e poi capirai la differenza.

Adesso guardi le guerre che ci sono sempre state e prima parli di amore infinito? mah....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
furion2012
Inviato: 2/1/2012 14:01  Aggiornato: 2/1/2012 14:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 174
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Auguri a tutti !

Bell articolo.

Per la discussione dei maya vorrei dire che ogni teoria può essere valida sino alla sua smentita.

Non state li a scervellarsi , ma pensate a cosa potete fare di buono e giusto per l inizio di una nuova era.

Abbandonare il materialismo e il denaro.

Stiamo passando da un era galattica ad un'altra, i pesci ci salutano e arriva acquario.

Sul tempo lineare devo dire che se i maya hanno un calendario cosi ,( se è vero) di sicuro è opera della chiesa. Non si può cambiare cosi drasticamente da una definizione ciclica a una definizione lineare.

Guarda caso come la vediamo noi europei, cristiani.

Ogni data che è stata data come l’ estinzione umana sulla terra, serviva per far cambiare gli uomini e farli evolvere in meglio, almeno era questo lo scopo .

Con il 2012 si vuole far prendere coscienza all’ umanità.
il nostro stile di vita materialistico sta per giungere al punto di rottura con tutti gli altri equilibri del pianeta.

Per quanto riguarda il sole, devo dire che l’ eruzione solare ci sarà, un Mega flare , ma deve essere pure in direzione del nostro pianeta, il sole ha una forma sferica , se lo guardiamo con il nostro spetro visivo, per cui può formassi nella direzione opposta alla terra.

Abbiamo avuto o ci sono ancora, grandi luminari scientifici passati da ciarlatani . tesla , ighina , Raffaele Bendand , bruce lidson ecc….

Tutti andavano contro il sistema comune di vedere le cose, solo grazie a persone siamo andati avanti o andremmo avanti.

NON Succederà NULLA NEL 2012, IL Pianetta TERRA CI Sarà . L UNICA COSA CHE NON CI Sarà, SARANNO I SOLDI CHE MONTI VI Avrà SPILLATO COME IL Più ABILE BORSEGGIATORE, e voi sarette sempre piu schiavi del denaro.

Mi auguro che il maggior numero di persone prenda coscienza del mega imbroglio polito cattolico che ci hanno rifilato . sveglia gente.

fatte in modo che il 2012 sia un anno diverso , FATTE FINTA CHE SIA VERAMENTE LA FINE DEL MONDO E FATTE QUELLO CHE NON AVETE MAI FATTO , CRESCERE SPIRITUALMENTE IN UNA MENTALITà COLLETTIVA.

NON CONTINUATE A SPERARE NEL SALVATORE MA AGITE DA SALVATORE.

NovaEra
Inviato: 2/1/2012 14:03  Aggiornato: 2/1/2012 14:14
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Per Redna

Nella religione Buddista vi è l'OBBLIGO per le Anime, e ciò si chiama DOGMA, di entrare in un tunnel e farsi Giudicare da un Dio irato mostruoso, che metterà le tue buone azioni in una SUA bilancia e dall'altra parte gli errori, tutto dipende dall'ago dove penderà: attenzione ad entrare là dentro, si rischia perfino di doversi reincarnare in una bestia...o altrimenti se hai fatto il "bravo" seconodo il sacro Giudizio del DEO, mosto nella caverna, allora potrai sceglierti la coppia che stà copulando sotto i tuoi occhi dove poi ti reincarni.

Ciò è dovuto ad una "profezia" di un loro Profeta tibetano...

"Il LIBRO TIBETANO DEI MORTI"
http://www.youtube.com/watch?v=5S-YtyBHaZg&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=kvJl7MB4nds

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
redna
Inviato: 2/1/2012 14:12  Aggiornato: 2/1/2012 14:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
La storia del Buddhismo, come quella delle maggiori religioni, è anche caratterizzata da numerose correnti di pensiero e scismi, con la formazione di varie scuole; tra queste, le più importanti attualmente esistenti sono la scuola Theravāda, le scuole del Mahāyāna e le scuole Vajrayāna.

http://it.wikipedia.org/wiki/Buddhismo

di quale stai parlando quando affermi

Nella religione Buddista vi è l'OBBLIGO per le Anime, e ciò si chiama DOGMA, di entrare in un tunnel e farsi Giudicare da un Dio irato mostruoso, che metterà le tue buone azioni in una SUA bilancia e dall'altra parte gli errori, tutto dipende dall'ago dove penderà: attenzione ci rischia fino a doversi reincarnare in un ANIMALE...o altrimenti se hai fatto il "bravo" seconodo il sacro Giudizio del mosto nella caverna, allora potrai sceglierti la coppia che stà copulando sotto i tuoi occhi dove poi ti reincarni.
??

. È evidente, a partire da questi due antichi brani, la certezza da parte del Buddha storico che le divinità esistessero e andassero onorate. A differenza, tuttavia, delle altre correnti religiose dell'epoca, il Buddha ritiene che le divinità non possano offrire all'uomo la salvezza dal Saṃsāra, né un significato ultimo della propria esistenza. Va precisato, peraltro, che non esiste, né è mai esistita alcuna scuola buddhista al mondo che affermi, o abbia affermato, l'inesistenza delle divinità.

dottrina della coproduzione condizionata (sans. pratītyasamutpāda, pāli paṭicca samuppāda), ossia del meccanismo di causa ed effetto che lega l'uomo alle illusioni e agli attaccamenti che costituiscono la base della sofferenza esistenziale;

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
stilx
Inviato: 2/1/2012 14:20  Aggiornato: 2/1/2012 14:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2007
Da:
Inviati: 119
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
faccio le mie di profezie

obama viene rieletto non per meriti suoi ma per demeriiti degli imbecilli che si candidano contro: mormoni del cazzo, donne isteriche, vecchi coglioni assortiti (paul, gingrich)

la juve vince lo scudetto

monti dura fino al 2013

la benzina supera i 2 euro al litro

Ahmadinejād si compra un abito nuovo da H&M

NovaEra
Inviato: 2/1/2012 14:40  Aggiornato: 2/1/2012 14:41
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ho trovato anche un'altra Profezia: nelle traduzioni delle Tavole Sumere-Babilonesi antiche tradotte da Sitchin. Un certo Deo Annunako chiamato Enki fa scrivere sotto dettatura al suo fedele sacerdote:

“In futuro verrà dato un giudizio, perché alla fine dei giorni vi sarà il Giorno del Giudizio. Quel giorno la Terra tremerà e i fiumi cambieranno il proprio corso, vi sarà oscurità a mezzogiorno e un fuoco nei cieli di notte, sarà il giorno del ritorno del Dio Celeste. E quel giorno si scoprirà chi è destinato a sopravvivere e chi a perire, chi sarà ricompensato e chi punito, dèi e uomini senza alcuna distinzione”.

Della serie:"Mutando gli addendi il risultato non cambia" sempre alla razza degli DEI appartengono, e secondo gli studiosi di paleoarchelogia quì sulla terra hanno fatto questo ed altro....Ora chi si fida ciecamente di un calendario di fattura deica-satanista alzi la mano!

http://www.ricchezzavera.com/blog/prodotti-sulla-ricchezza/libri-ed-ebook-consigliati/zecharia-sitchin-il-libro-perduto-del-dio-enki/

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
TWNP
Inviato: 2/1/2012 14:47  Aggiornato: 2/1/2012 14:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Geniale l'aver introdotto l'argomento I-Ching nella questione
2012 e profezie in generale.
L'I-Ching, come del resto la profezia Maya, non ti dice mai ciò che
avverrà ma ti indica il vento che soffia in quel momento, una
potenzialità.
Alla fine, è sempre chi consulta a dover decidere, a imboccare uno dei
bivii possibili (che poi, probabilmente, tutte le scelte verrano adottate
e tutti gli universi possibili generati, per dirla in termini della MM-Theory).
Comunque, nessuno è legato (nel particolare Universo generato da una
scelta) ad un destino preconfezionato.
O meglio, lo sarà proprio chi non decide (che a sua volta è una scelta)
ad essere travolto dalla linea su cui si stanno assestando i possibili eventi
futuri.
Insomma, il libero arbitrio dipana la tela del Mondo, il Mandala è tessuto
da mani umane...

redna
Inviato: 2/1/2012 15:13  Aggiornato: 2/1/2012 15:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ho trovato anche un'altra Profezia: nelle traduzioni delle Tavole Sumere-Babilonesi antiche tradotte da Sitchin. Un certo Deo Annunako chiamato Enki fa scrivere sotto dettatura al suo fedele sacerdote: “In futuro verrà dato un giudizio, perché alla fine dei giorni vi sarà il Giorno del Giudizio. Quel giorno la Terra tremerà e i fiumi cambieranno il proprio corso, vi sarà oscurità a mezzogiorno e un fuoco nei cieli di notte, sarà il giorno del ritorno del Dio Celeste. E quel giorno si scoprirà chi è destinato a sopravvivere e chi a perire, chi sarà ricompensato e chi punito, dèi e uomini senza alcuna distinzione”.

lo stesso 'dio' ha dettato anche questo:

...............il futuro è racchiuso nel passato e le prime cose saranno anche le ultime............ che il futuro sia giudice del passato!

.Ora chi si fida ciecamente di un calendario di fattura deica-satanista alzi la mano!

e il calendario di Nippur forse dimentichi che lo si usa ancora ora. E vedi che proprio il popolo eletto se lo tiene stretto.
E i sette giorni sono sempre uguali come stabilito all'inizio e compreso il giorno del signore (enki) in cui non si lavora...

Più che altro forse è il caso di rivedere il concetto di 'fattura deica-satanista' e considerare che invece il tempo è stato regolamentato fin dagli inizi
talmente bene che non siamo riusciti a regolamentarlo meglio.

Citazione:
Insomma, il libero arbitrio dipana la tela del Mondo, il Mandala è tessuto da mani umane...


e tutto il nostro destino è deciso altrove.Qui abbiamo solo delle regole per non fare eccessivi e irreversibili danni alla terra e a noi stessi.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Rickard
Inviato: 2/1/2012 15:31  Aggiornato: 2/1/2012 15:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Bell’articolo Massimo.

Estremamente interessante e “integrante” anche l’articolo postato da PikeBishop.

Come già detto da altri, la “mania” del tempo lineare, nettamente diviso in “prima”, “durante” e “dopo” è frutto dei poteri che si sono avvicendati nella storia e alla loro esigenza di controllare le masse, ma secondo me ciò fa anche parte di una necessità compulsiva insita nell’essere umano.

Siamo fatti per il potere. La volontà di dominare scorre nelle nostre vene. Abbiamo passato la nostra esistenza a cercare di capire i meccanismi che governano il mondo che ci circonda, e quando scoprivano una risposta, andavamo ancor più in profondità per scoprire come funzionavano i sub-meccanismi della risposta appena ottenuta.

Per fare questo abbiamo inventano le più disparate convenzioni (tempo, unità di misura varie ecc.) che ci consentissero di “spezzettare” il mondo in tasselli sempre più piccoli, nell’idea (illusoria) che una volta capito come funzionano i tasselli più piccoli di tutti, tutto il resto sarebbe stato dominato, del tutto in nostro potere.

Questa concezione del mondo ha provocato infiniti danni, basti pensare alla medicina “ufficiale”, che vuole vedere l’essere umano come una serie di “pezzi” tenuti insieme, anziché un insieme più grande della somma delle sue parti. Abbiamo studiato il corpo, e poi le ossa, e poi gli organi, e poi i tessuti, e poi il sangue, le vene, le arterie, le molecole, le cellule, i cromosomi, il DNA, tutto per cercare una “fine” che non arriva mai. E anziché usare questo metodo per semplificarci l’esistenza e aiutarci a scoprire nuove cose, abbiamo preteso che la realtà stessa si adattasse al metodo, che non fosse altro che un gargantuesco insieme di “pezzetti” attaccati l’un l’altro. Negando con protervia che più un insieme è grande e maggiore sarà la distanza fra il suo risultato e la semplice somma delle parti al suo interno.

Sul tema del “tempo” (con gli annessi e connessi di “passato”, “presente” e “futuro”) si è commesso lo stesso tipo di errore: si è preteso che un qualcosa di inventato come strumento di facilitazione dovesse per forza essere il parametro della realtà, scambiando la convenzione (il tempo) con la realtà.

Molto significativa, per me, questa frase di Massimo:

Citazione:
Tutti i film d’avventura sono diversi uno dall’altro, ma in ogni film d’avventura ci saranno sempre un eroe protagonista (l’identificazione), un episodio che lo trascina nella vicenda (la partenza), un antagonista che lo ostacola lungo il percorso (il confronto), e un duello finale che lo libera dall’antagonista (il prevalere) e gli permette di risolvere il problema iniziale (la pacificazione).

Quindi, quando noi al cinema diciamo “vedrai che adesso quello muore” non stiamo “tirando a indovinare”, ma stiamo applicando gli archetipi narrativi che già conosciamo al film specifico che stiamo guardando.

Verissimo, però è anche vero che la conoscenza di questi archetipi, che ci permette di arrivare a prevedere che “adesso quel tizio schianta” è frutto di molti film visti, sapendo di guardare un qualcosa che non ci apparteneva, di cui non eravamo parte ma osservatori esterni incapaci di qualsiasi interazione con lo scorrere di quelle storie.

Nella “realtà” invece, siamo tutti “dentro al film” e forse è questa la più grande limitazione che impedisce di vedere la trama di archetipi che si ripetono ciclicamente ma mai in modo del tutto uguale.

Siamo criceti che corrono disperatamente sulla ruota, nella idiota credenza che a forza di correre quella ruota “finisca” e si arrivi chissà dove, restando in un circolo vizioso, dato che più si accelera più la ruota scorre velocemente. Una volta arrivati al punto di rottura, forse saremo sbalzati fuori da questa trappola e vedremo che eravamo “prigionieri” di nient’altro che una sega mentale. In questo senso la “fine del mondo” (o almeno di quel mondo) è senz’altro auspicabile.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Calvero
Inviato: 2/1/2012 15:37  Aggiornato: 2/1/2012 15:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
__________________
_______________


PRECISO E ILLUMINANTE INTERVENTO, RICKARD

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
sitchinite
Inviato: 2/1/2012 16:33  Aggiornato: 2/1/2012 16:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Se vogliamo andare ai giorni precisi, la data di inizio é secondo il nostro concetto (cioè contando l' anno 0) l' 11 agosto 3114 a.C.
La data di fine é il 23 (e non 21) dicembre 2012.
Resta da capire cosa significhi...
secondo Linda Schele (Una foresta di Re - 1990), che ricordo é la studiosa che ha decifrato i codici maya, non si tratta di una chiusura che indica una nuova creazione o roba del genere. Non si tratta nemmeno di una vera e propria conclusione... le iscrizioni di Pacal ci informano che la chiusura del ciclo calendarico (che é di 8000 anni) sarà in una data che tradotta nel nostro sistema corrisponde al 15 ottobre 4772.

florizel
Inviato: 2/1/2012 16:38  Aggiornato: 2/1/2012 16:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Il karma è la causa ed effetto tanto che questo modo di pensare era proprio degli imperatori più che del popolino


Certo che sentir definire "popolino" la CULTURA millenaria di un'intera parte del mondo è davvero divertente...

Citazione:
Pertanto la causa ed effetto in estremo oriente sono sempre state un fulcro proprio di potere e il karma è di fatto la colonna portante di tutte le religioni orientali.


Certo che confondere CULTURA e sua strumentalizzazione da parte della istituzione ecclesiastica è proprio un metodo di indagine da persone intelligenti...

Citazione:
Il karma non prevede la perfezione.Prevede che ci sia una giustizia che sovrasta tutto alla quale tutti siamo soggetti, nessuno escluso.


Certo che sentir parlare di buddismo e karma da taluni è come sentir parlare di vegetarianesimo da un macellaio...

Citazione:
..........evidentemente qualcuno non sa ancora di che cosa sta parlando.


Appunto, redna.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
florizel
Inviato: 2/1/2012 16:47  Aggiornato: 2/1/2012 16:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
ha un senso se poi il buddismo tibetano faceva dei sacrifici anche umani?


Il Link, please.

Ti stai sbagliando di grosso, e stai dando informazioni errate: gli unici sacrifici umani presenti nei riti buddisti erano residui di elementi dello sciamanesimo.

Proprio perchè si fonda sulla legge del Karma, il Buddismo ha fatto di tutto per estirpare questi rituali, ritenendo che ogni espressione dell'esistenza andasse rispettata proprio per estinguere il karma negativo e non porre più cause negative.

Per favore, studiare PRIMA.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
aotearoa
Inviato: 2/1/2012 16:48  Aggiornato: 2/1/2012 16:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2007
Da: ogni dove
Inviati: 118
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Grazie Massimo,
il miglior modo per cominciare il 2012

"Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero".
Johann Wolfgang v. Goethe
florizel
Inviato: 2/1/2012 16:51  Aggiornato: 2/1/2012 16:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Questa concezione del mondo ha provocato infiniti danni, basti pensare alla medicina “ufficiale”, che vuole vedere l’essere umano come una serie di “pezzi” tenuti insieme, anziché un insieme più grande della somma delle sue parti. Abbiamo studiato il corpo, e poi le ossa, e poi gli organi, e poi i tessuti, e poi il sangue, le vene, le arterie, le molecole, le cellule, i cromosomi, il DNA, tutto per cercare una “fine” che non arriva mai. E anziché usare questo metodo per semplificarci l’esistenza e aiutarci a scoprire nuove cose, abbiamo preteso che la realtà stessa si adattasse al metodo,



Un'analogia azzeccatissima.
Grande commento, Richard.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
rafterry
Inviato: 2/1/2012 16:54  Aggiornato: 2/1/2012 16:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Rock 'n Roll Massimo...
Rock 'n Roll...

Namastè

Calvero
Inviato: 2/1/2012 17:38  Aggiornato: 2/1/2012 17:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Rickard

Citazione:
Questa concezione del mondo ha provocato infiniti danni, basti pensare alla medicina “ufficiale”, che vuole vedere l’essere umano come una serie di “pezzi” tenuti insieme, anziché un insieme più grande della somma delle sue parti. Abbiamo studiato il corpo, e poi le ossa, e poi gli organi, e poi i tessuti, e poi il sangue, le vene, le arterie, le molecole, le cellule, i cromosomi, il DNA, tutto per cercare una “fine” che non arriva mai. E anziché usare questo metodo per semplificarci l’esistenza e aiutarci a scoprire nuove cose, abbiamo preteso che la realtà stessa si adattasse al metodo,



Florizel

Citazione:

Un'analogia azzeccatissima.
Grande commento, Richard.


Ri-esatto, Florizel

Che poi è una sintesi del pensiero di Paracelso;

- che poi è alla base della logica/filosofia che studia la "macchina biologica uomo" così come la intende alla sua base HAMER con la nuova medicina;

- che poi è in soldoni anche l'interpretazione di quello che infondo era un geniale fisiologo: Buddha;

- che poi è il senso che noi siamo parte del tutto, così come l'orecchio può essere "rappresentazione" di un feto e così come la riflessologia traduce l'uomo in una sorta di "ologramma" dove una parte è comunque proprietaria del tutto;

- così come il "mandala" di fatto vuole raccontarci da millenni;

.. la scienza non è e non può essere ragione, come la religione non è e non può essere la verità ... due forze che hanno giocato ruoli antitetici che invece dovevano fondersi lasciando e rispettando Dio nel suo sacro silenzio e dove l'amore doveva diventare azione ... poiché l'unico insegnamento è nell'esempio. Il resto è dogma, menzogna e arroganza.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
bluorange
Inviato: 2/1/2012 18:11  Aggiornato: 2/1/2012 18:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Bellissimo articolo! Un augurio a tutti di buon anno e un grazie immenso a Massimo per il lavoro incredibile che ogni svolge per se stesso e per noi.

redna
Inviato: 2/1/2012 18:15  Aggiornato: 2/1/2012 18:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
.. la scienza non è e non può essere ragione, come la religione non è e non può essere la verità ... due forze che hanno giocato ruoli antitetici che invece dovevano fondersi lasciando e rispettando Dio nel suo sacro silenzio e dove l'amore doveva diventare azione ... poiché l'unico insegnamento è nell'esempio.


e infatti sia religione che scienza sono sempre state un tutt'uno prima di venir separate.
Non si chiamavano nè scienza e nè religione ma erano un tutt''uno.


Citazione:
- che poi è alla base della logica/filosofia che studia la "macchina biologica uomo" così come la intende alla sua base HAMER con la nuova medicina;


la sua base è solo una sua base e sono solo ipotesi.
La macchina biologica dell'essere umano non esiste poichè è l'uomo che costruisce macchine e l'essere umano non è stato costruito da una macchina pertanto solo chi l'ha 'costruito' è capace di aggiustarlo.


Citazione:
. Una volta arrivati al punto di rottura, forse saremo sbalzati fuori da questa trappola e vedremo che eravamo “prigionieri” di nient’altro che una sega mentale. In questo senso la “fine del mondo” (o almeno di quel mondo) è senz’altro auspicabile.


probabilmente quello che auspichi è già successo.
Prima arriva il lampo, poi il tuono.

Citazione:
Siamo criceti che corrono disperatamente sulla ruota, nella idiota credenza che a forza di correre quella ruota “finisca” e si arrivi chissà dove, restando in un circolo vizioso, dato che più si accelera più la ruota scorre velocemente.

questo è anche illusione e questo lo pensiamo per la percezione del tempo che abbiamo noi.
La percezione della ruota che scorre è solo una percezione umana e in definitiva una illusione. Come lo è la vita e la morte.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NovaEra
Inviato: 2/1/2012 18:20  Aggiornato: 2/1/2012 19:32
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Il 21/12/2012 dovrebbe finire "1 anno galattico" con l'allineamento della via Lattea con la costellazione di Ofiuco, che sarebbe la 13° Costellazione.



"Nel 1992 la sonda NASA Ulysses ha scoperto che la maggior parte dell'energia presente nello spazio ha origine da una spirale al centro della galassia. Il 18 ottobre 2005 Scott Hyman, professore di fisica al Sweet Briar College, riporto' a "Nature" che il Very Large Array Observatory di Socorro, New Mexico, aveva registrato una emissione radio ad alta frequenza dal centro esatto della nostra galassia. L'emissione radio si era ripetuta 5 volte alla stessa intensita' per una durata di 10 minuti ciascuna, ogni 77 minuti nell'arco di 7 ore, dal 30 settembre al 1 ottobre 2002.
Nel dicembre 2008 il Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics pubblico' il risultato di una ricerca di 16 anni, confermando che al centro della Via Lattea (la nostra galassia) a 27.000 anni luce da noi, si trova un enorme buco nero, 4 milioni di volte piu' grande del nostro Sole. Questo buco nero e' stato chiamato Sagittarius A.
Nel suo libro Beyond the Big Bang (2004), l'astrofisico Paul A Laviolette, riporta che secondo i dati raccolti dalla NASA, dal telescopio orbitante Hubble, al centro della nostra galassia si trova una spirale che emette periodicamente esplosioni di raggi gamma, impulsi elettromagnetici, polvere di materia stellare e altri elementi che vanno a formare i vari corpi celesti. Laviolette calcolo' che queste esplosioni seguono un ciclo di 13.000 anni e durano per circa 1000 anni, apparendo nel cielo come un "grande occhio" (l'occhio di Horus, il Sole) che arde nella notte.

Gli antichi egizi chiamavano questo centro della galassia con il nome di Ophiuchus (il Serpente) e lo consideravano il 13 segno dello zodiaco, posizionato nel mezzo del cerchio formato dagli altri 12 segni.
Questo "utero nero" e' stato descritto come la "Iside Nera" (la Ixquid dei Maya, la Nila Sarasvati degli induisti) che genera Horus, il Sole (nero?)."

http://lnx.isvara.org/it/index.php?option=com_kunena&func=view&catid=20&id=2855&Itemid=100083

Ofiuco: il 13° segno zodiacale?

Secondo il Minnesota Planetarium Society l'orbita della terra non è più allineata alle stelle: serve un segno in più

La notizia è di quelle destinate a far sobbalzare sulla sedia chi, ogni giorno, affida i propri sbalzi d’umore ai segni zodiacali, chi crede all'amore e al feeling astrale tra gli "ascendenti", chi non prende decisioni importanti se l'oroscopo quel giorno gli è avverso. Gli astronomi della Minnesota Planetarium Society hanno stabilito che negli ultimi tremila anni la forza gravitazionale della luna è riuscita a inclinare l’asse della terra.

L’oscillazione ha provocato un salto di un mese nell’allineamento delle stelle, e i segni zodiacali hanno traslocato dalla loro costellazione di appartenenza. Un oroscopo tutto da rifare. Dopo 5.000 anni il modo con il quale gli antichi babilonesi definirono l’oroscopo potrebbe essere rivoluzionato.

E potrebbe entrare un nuovo segno: l'Ofiuco, o chiamato anche "Serpentario". Il nome viene dal latino Ophiunchus, «colui che porta il serpente», ed appartiene ad una delle 88 costellazioni.

http://www3.lastampa.it/scienza/sezioni/ne...lo/lstp/384484/

Dopo attente analisi fatte sul libro da esperti e studiosi di Nostradamus si è notata la presenza costante di una ruota a 8 raggi, il diametro di questo cerchio è formato dall’unione delle punta della freccia del segno del Sagittario e la coda del segno dello Scorpione, al centro di questa ruota starebbe il centro della galassia ( Nostradamus come gli stessi Maya conoscevano perfettamente questo centro) ma non solo, Nostradamus era anche a conoscenza di un 13° segno zodiacale che teneva in mano un serpente, il segno di Ofiuco. Tracciando 2 rette dal centro della galassie e 2 dal centro della Terra si ottengono gli 8 raggi che simboleggiano il tempo che sta per finire. Secondo gli esperti di Nostradamus quando il centro della Terra combacerà con il centro della Galassia ci sarà l’inizio di un cambiamento profondo e rivoluzionario per l’umanità.

Un gigante che tiene tra le mani un serpente attorcigliato? E’ tutto un programma!

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
florizel
Inviato: 2/1/2012 19:00  Aggiornato: 2/1/2012 19:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Calvero

Citazione:
Che poi è una sintesi del pensiero di Paracelso


Interessante la sua "fissazione" con l'UNITA' nell'esistente e le considerazioni circa la nocività della sua suddivisione in "grandi numeri" ...

"Ogni numero più alto attira lotte e contese fra gli uni e gli altri. Quando uno che fa calcoli pone una cifra e lo fa più di una volta, quante colonne vi saranno, e quanto grande sarà il numero?"

Mi fa pensare alla condizione umana di questi tempi: più sono i numeri di individui da accorpare in "masse" (numero più alto), più facile diventa l'opera di "frammentazione" delle cose.


Il concetto non lo spiego, lascio che ci riflettiamo insieme.



"Le giustificazioni addotte da Paracelso a sostegno delle sue "novità" appaiono, nella prospettiva della scienza moderna, decisamente inammissibili.
A suo parere, infatti, la malattia è specifica in quanto ogni cosa appartenente alla natura è un ente autonomo, e perché Dio, che crea le cose dal nulla, le crea come semi in cui "è inerente sin dall'inizio lo scopo del loro uso e della loro funzione".

La forza interna ai vari semi, e che ne stimola la crescita, viene denominata da Paracelso "Archeo".
Si tratta di un principio vitale, di uno "spirito della vita" che organizza la materia. In altre parole, egli pensa che l'intera realtà sia pervasa e animata da un principio spirituale che si articola in molte forze, dette "arcani"; la perfetta rispondenza fra l'organismo umano e l'universo è la causa per cui le forze presenti nel secondo agiscono direttamente sul primo."


Interessante, no?
E quanto lontano dall'attuale "medicina"...???

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
incredulo
Inviato: 2/1/2012 19:19  Aggiornato: 2/1/2012 19:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@Rickard

OTTIMO intervento, te lo quoto completamente, hai messo in evidenza diversi elementi che portano tutti alla stessa conclusione: siamo pieni di false convinzioni.

Come uscirne?

Citazione:
Verissimo, però è anche vero che la conoscenza di questi archetipi, che ci permette di arrivare a prevedere che “adesso quel tizio schianta” è frutto di molti film visti, sapendo di guardare un qualcosa che non ci apparteneva, di cui non eravamo parte ma osservatori esterni incapaci di qualsiasi interazione con lo scorrere di quelle storie.

Nella “realtà” invece, siamo tutti “dentro al film” e forse è questa la più grande limitazione che impedisce di vedere la trama di archetipi che si ripetono ciclicamente ma mai in modo del tutto uguale.


Questa parte è quella più importante.

L'illusione collettiva più grossa è proprio questa, non comprendere di stare RECITANDO un ruolo nella commedia della vita.

Molte scuole di meditazione suggeriscono di OSSERVARSI senza giudicare, proprio come guardare un film, osservarsi VIVERE.

In questo modo si acquista consapevolezza e si perde la PAURA, quella paura che è la materia prima che forma le nostre catene.

Quella PAURA che è continuamente veicolata in tutti i modi dal potere.

Tutti noi vogliamo SICUREZZA, posti più sicuri, case più sprangate, carceri più spaziose e pene più severe, la visione del mondo esterno che ci viene comunicata è di vivere in un mondo pauroso e pericoloso.

Rendersi conto che siamo in un film, che siamo ATTORI di un film, fa vedere chiaramente che il potere che ci incatena è fatto di NEBBIA, fa vedere che siamo NOI che gli diamo FORZA credendolo REALE.

Saluti

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
hrabal
Inviato: 2/1/2012 19:55  Aggiornato: 2/1/2012 19:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Florizel:
Citazione:
Paracelso:"Ogni numero più alto attira lotte e contese fra gli uni e gli altri. Quando uno che fa calcoli pone una cifra e lo fa più di una volta, quante colonne vi saranno, e quanto grande sarà il numero?"

Mi fa pensare alla condizione umana di questi tempi: più sono i numeri di individui da accorpare in "masse" (numero più alto), più facile diventa l'opera di "frammentazione" delle cose.


La statistica, la legge dei grandi numeri. e' quella che muove le cose oggi, in politica, negli affari, ma anche nella vita privata di tutti i giorni, siamo tasselli di un puzzle numerico, in cui contiamo come unita', ma la nostra unicita' e' insignificante, anzi disturba, quello che conta e' l'aggregazione al branco.
Le unita' devo essere omogene e prevedibili, controllabili e manipolabili, siamo imbevuti di desideri contraffatti, di idee di plastica, di sentimenti da b movie holliwoodiani, omogenizzati per l'autoconsumo ... siamo numeri su schermate di computer, svenduti per pochi spiccioli e utili solo in quanto produttivi di scorie umane.
e' un discorso vecchio, molto vecchio, ma il problema ora e' che e' diventato troppo grande, e pervasivo, l'intimita' ora e' pubblica.

La medicina moderna, come credo la scienza moderna sono una burla, affettano l'esistente secondo criteri dietro cui si nasconde sempre un tornaconto, non hanno alcuna autorevolezza e si arrogano autorita'... E cosa fanno poi.. rendono tutto talmente complicato e costoso che diventano occupazioni per "Iniziati", devi essere ammesso nel ristretto circolo per accedere alla conoscenza, e per essere ammesso devi ovviamente accettare le regole del gioco.

Tutta questa complicazione e' artefatta, capire il mondo certo non e' facile, ma la complicazione numerologioca, quantitativa, raramentwe qualitativa delle suddette scienze, credo sia una finzione.
La natura deve essere piu'; semplice di quello che dicono, e abbiamo esempi di questo, la FUSIONE FREDDA (o le reazioni nucleari a bassa energia) esiste e funziona, ed e' di una semplicita' disarmante, contraddicendo tutto il sapere dei Cern dei MIT, la medicina omeopatica funziona, anche se contraddice le regole base della chimica, e anch'essa e' di una semplicita' disarmante. e come questi molti altri esempi.

In realta' non credo sia importantre che ci sia una filosofia dietro questi fenomeni, il tutto puo' essere frutto di intuizione e sperimentazione, cose che ogni essere umano e' in grado di conseguire.

Calvero
Inviato: 2/1/2012 20:12  Aggiornato: 2/1/2012 20:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Redna

Citazione:
e infatti sia religione che scienza sono sempre state un tutt'uno prima di venir separate.
Non si chiamavano nè scienza e nè religione ma erano un tutt''uno.


Questo non credo ci sia dato saperlo

Citazione:
la sua base è solo una sua base e sono solo ipotesi.
La macchina biologica dell'essere umano non esiste poichè è l'uomo che costruisce macchine e l'essere umano non è stato costruito da una macchina pertanto solo chi l'ha 'costruito' è capace di aggiustarlo.


Mi chiedo seriamente perché tu debba intrufolarti nei discorsi in questa maniera urticante. Non credo tu abbia seguito il discorso nella sua obbligatoria visione di insieme visto il Topic, e non credo tu abbia compreso il senso della Nuova "Medicina". Comprendi come fare girare le palle però.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
levitor
Inviato: 2/1/2012 20:22  Aggiornato: 2/1/2012 20:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Tutte ottime osservazioni, ma secondo me bisognerebbe provare ad aprire la mente verso nuovi orizzonti.
Innazitutto bisogna chiedersi perchè i Maya calcolavano il tempo su cicli così lunghi, adatti ad un tempo "planetario-galattico", e non (o non solo) su cicli molto più brevi, utilitaristicamente riconducibili per esempio alle attività umane (agricoltura, navigazione, ecc.).
Forse il nostro moderno concetto di tempo non è quello degli antichi (sumeri, egiziani, maya), che probabilmente lo hanno ereditato da una civiltà madre (astronomia evoluta, tempo galattico, costruzioni gigantesche, piramidi, ecc.).
Vorrei anticipare che il nostro calcolo del tempo in via oggettiva (calendari, orologi) è una convenzione molto utile, ma non rispecchia la reale natura del tempo, che non è una entità oggettiva, addirittura elevata a quarta dimensione, ma un'entità "soggettiva", ovvero è un attributo di qualunque entità materiale.
Faccio un esempio: la singolarità-singolo albero ha una vita media di molte decine di anni, ma la singolarità-foresta al quale l'albero appartiene ha una vita molto più lunga (gli alberi muoiono e ricrescono).
Lo stesso vale per ogni entità materiale, animata o inanimata che sia, con la differenza che quella soggettiva ha anche una percezione "sensoriale" del tempo (decadimento del corpo fisico, velocità di movimento, ecc.).
Perciò il tempo è un "attributo", una proprietà della materia, e non un entità autonoma alla quale la materia si deve assoggettare, come ad una legge.
Per rendere chiaro questo concetto, immaginiamo che la vita media di un uomo su questo pianeta sia di un anno: anche se tecnologicamente evoluto non si porrebbe il problema di viaggiare nello spazio (velocità della luce, motori al plasma, ecc.) ma probabilmente il suo tempo di riferimento da sfruttare al meglio riguarderebbero i viaggi da un continente all'altro.
Tornando al dunque: perchè tanto interesse dei maya e degli antichi in generale a calcolare il tempo del pianeta Terra, così come il medico tiene il polso del paziente per sentire il battito?.
Probabilmente c'è qualche informazione che loro conoscevano della vita della singolarità-pianeta (Gaia), che è la somma di tutte le singolarità che la costituiscono, e che noi, con il nostro tempo asettico e oggettivo, non riusciamo a cogliere.
Dico solo questo: se è vero che con la data del dicembre 2012 si chiude un'intera rotazione del Sole e del suo sistema intorno al centro della Galassia, nulla di strano che il riposizionamento su un livello più alto (le galassie ruotano su spirali e non su un piano, anche se non lo notiamo per le enormi dimensioni e i tempi galattici lunghissimi) non comporti una riallocazione energetica del nostro astro fondamentale (fine del mondo), con conseguenze anche per la Terra (come qualcuno ha fatto notare la risonanza di Schuman è in crescita).
Dovremmo imparare anche noi come gli antichi a conoscere più profondamente il nostro pianeta madre e il suo tempo vitale, rispettandolo e amandolo per quello che ci dona e ci consente, e aiutarlo a sentirsi bene quando necessario: Gaia è un essere vivente come noi, solo con un tempo-attributo di durata molto ma molto superiore al nostro, per noi insignificante per essere troppo attaccati alla nostra esistenza materialista/egoista.

NovaEra
Inviato: 2/1/2012 20:49  Aggiornato: 2/1/2012 20:55
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Sono le medesime domande che ci stanno frullando un po' a tutti nella nostra testaccia umana...
Ma se dai un'occhiata in giro sulla rete, potresti anche darti una specie di risposta...valutando chi misteriosamente e come si stà "muovendo" strisciando? in questa strana storia dei Maya: channelling sia religiosi che di presunti E.T. che "consigliano vivamente" noi esseri umani di andarci a cacciare in una specie di stargate di tipo magnetico...un canale, un portale MAGICO...che si aprirebbe proprio quando ci dicono i Maya vi sarà questo fantasmagorico allineamento con il nostro Sole....ma questo allineamento, (me lo sono andata a cercare di persona) corrisponderebbe nientedimeno con un BUCO NERO al centro della nostra Galassia: significherà mi chiedo da ignorante in materia, lasciarsi INGHIOTTIRE, annichilirsi in questo Occhio di Horus vorticoso, come è successo al popolo dei Maya SPARITO completamente dalla faccia della terra senza una spiegazione plausibile?
A dire il vero, come Intuito, ciò non mi suggerisce proprio nulla di buono. Benchè questi canalizzati stiano "promettendo mari e monti" a chi di noi si andrà a cacciare in una specie di canale che porta ad Buco Nero, quale interesse c'è dietro?
E' noto a tutti noi che un Buco nero mangia la Luce al suo interno...se entri non ne esci più...e poi? chi si è visto s'è visto!
Inoltre con tutto il corpo ciò secondo me, non potrà mai avvenire, quindi toccherà MORIRE....?!?!
Ho ancora da fare qui, il buco nero mi aspetterà INVANO!

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
Calvero
Inviato: 2/1/2012 20:51  Aggiornato: 2/1/2012 20:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Tutti noi vogliamo SICUREZZA, posti più sicuri, case più sprangate, carceri più spaziose e pene più severe, la visione del mondo esterno che ci viene comunicata è di vivere in un mondo pauroso e pericoloso.


Infatti.
Prova ad andare alla base di questo processo che vorrebbe garantirci sicurezza.

Se si toccano le radici di questo sentimento nei confronti della realtà, si arriva ad un termine: ripetizione. Mi spiego meglio, o almeno ci provo.

Come diceva un amico, per esempio, i bambini rivedrebbero lo stesso "film/cartone animato" che gli piace così tanto, immediatamente e subito dopo, una seconda volta, e poi un altra ancora e a seguire, 5, 10 volte ... perché? perché l'emozione "conquistata" garantisce serenità.

Mentre per un bambino però, la cosa è vissuta attraverso filtri che non sono i nostri [degli adulti] e, soprattutto (il bambino) ha capacità identificative diverse ===> per l'adulto invece il discorso cambia e quando è assorbito/circondato dalla propaganda, a lui non interessa più mettersi in gioco realmente, ma cerca e stabilizza il fenomeno delle ripetizioni in (in questo caso le sbarre gentilmente offerte dal Sistema); nel suo inconscio le sedimenta; fino a che esse siano il parametro per giudicare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

La televisione è un BLOB (apparentemente informe) di MANTRA (si legga sicurezze per l'inconscio);
- la politica è soltanto questioni di MANTRA (si legga sicurezze: "passato e futuro");
- la religione in primis cristiana è soltanto questioni di MANTRA (si legga sicurezze);


... i misteri della Vita che dovrebbero essere vissuti come gioco (così come li vive l'infante quando scopre le prime cose) ... diventano films dell'orrore, ripetuti ciclicamente, al punto che inconsciamente il luogo da dove questi vengono generati, diventa per magia quel posto dove "vivono" coloro che sarebbero posti a tutelarci (Stato, Governi).

Quello che la massa ritiene essere una "conquista" è la condanna.

La verità è una linea curva, in perenne movimento. E' una Legge naturale. Ergo, essere naturali e vivere in maniera corroborante per il proprio spirito, significa muoversi e comprendere quindi come nelle certezze non vi possa essere - mai - né Verità e tantomeno il verbo, così come non ve ne può essere nell'educazione. L'educazione sociale è fascismo. Comunque.

Ogni uomo è un miracolo irripetibile, e questo Secolo (gioco Orwelliano) spinge affinché NOI si trovi gratificante ripetersi così nei pensieri, così nelle scelte, così nelle prospettive con cui approviamo e disapproviamo il nostro prossimo.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
redna
Inviato: 2/1/2012 21:03  Aggiornato: 2/1/2012 21:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Questo non credo ci sia dato saperlo


più realisticamente a qualcuno è dato di saperlo ad altri no.

"non ci è concesso di sapere tutto" (Orazio)

Citazione:
Mi chiedo seriamente perché tu debba intrufolarti nei discorsi in questa maniera urticante. Non credo tu abbia seguito il discorso nella sua obbligatoria visione di insieme visto il Topic, e non credo tu abbia compreso il senso della Nuova "Medicina". Comprendi come fare girare le palle però.


non ti chiedi seriamente nulla se parli di palle che ti girano e pensi anche di aver ragione.
Lascia perdere le tue palle, di cui nessuno è interessato e non fare congetture di cosa comprendono gli altri.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Calvero
Inviato: 2/1/2012 21:09  Aggiornato: 2/1/2012 21:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
più realisticamente a qualcuno è dato di saperlo ad altri no.

"non ci è concesso di sapere tutto" (Orazio)


Che facciamo? relativizziamo?

Citazione:
mi chiedo seriamente che cosa sai.


.. ecco, così siamo consci che reciprocamente l'uno per l'altra, si crede, non ne sai e non ne so abbastanza. E' già un risultato, con te. Andiamo avanti nella discussione che è meglio.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
redna
Inviato: 2/1/2012 21:17  Aggiornato: 2/1/2012 21:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
più realisticamente a qualcuno è dato di saperlo ad altri no. "non ci è concesso di sapere tutto" (Orazio)

Che facciamo? relativizziamo?


facciamo che capiamo quello che si scrive e se non si capisce non si mettono di mezzo le palle. Facciamo così.


Citazione:
.. ecco, così siamo consci che reciprocamente l'uno per l'altra, si crede, non ne sai e non ne so abbastanza. E' già un risultato, con te. Andiamo avanti nella discussione che è meglio.


andiamo avanti nel leggere quello che si scrive invece di continuare a non capire e a tirar di mezzo le palle.
Sarebbe questo un bel risultato.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Calvero
Inviato: 2/1/2012 21:18  Aggiornato: 2/1/2012 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ciao Redna

stammi bene

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
TAD
Inviato: 2/1/2012 21:40  Aggiornato: 2/1/2012 21:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ho molto apprezzato la connotazione spirituale con cui M.M ha delineato il senso di questo articolo.

Credo fermamente che la spiritualità sia la chiave con cui accedere al significato del retaggio culturale che è a noi giunto dalle antiche civiltà.

Potrei occupare decine di migliaia di pixel, in questo thread, con le informazioni più disparate che in un modo o nell'altro hanno ad oggetto il 21/12/2012 ma...

...mi limiterò a postare le seguenti:






Luca (22:10)

“Appena entrati in città vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d'acqua, seguitelo nella casa dove entrerà”




Uroboros (tra i simboli-archetipi più antichi nella storia dell'umanità):


~WÃSÐ Lifestyle~
Calvero
Inviato: 2/1/2012 22:00  Aggiornato: 2/1/2012 22:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
__________________
____________

Florizel

Citazione:
Interessante, no?


E si accorda, secondo me, con il concetto di ologramma. Non inteso come manifestazione di una realtà, ma come contenitore di informazioni, dove le stesse sono reperibili tutte, nel piccolo come nel grande.

In questo senso è coerente asserire che le forze dette "arcani" interagiscono indifferentemente dal contesto fisico di spazio/tempo a cui sono legate e, sempre in questo senso, si viene meglio a comprendere come il detto di Paracelso metaforicamente centri il bersaglio, essendo questa forza divina corroborante (se così intesa nell'uomo), poiché metterebbe precisamente a misura il significato di causa ed effetti a proposito di come la medicina oggi vuole osservare la MALATTIA : -

« ... come qualcuno che pensa di fronteggiare l'inverno, spazzando via la neve da davanti casa »

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 2/1/2012 22:51  Aggiornato: 2/1/2012 22:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
____________________________
_____________________


Pike

Citazione:
A proposito di tempo: e' dell'anno scorso, ma vale anche per il 2012....




E finalmente ho letto questo articolo. Aspettavo il momento: vedete !? il tempo non esiste! Esiste - il mio - momento. Ok, scherzo un po, ma solo un po. Gracias Pike

Un parallelo interessantissimo che si è venuto a creare nel Tema è quello dell'utilità. L'utilità che coesiste con l'effimero che la compone. Forte questa, no? sembrerebbe un gioco di parole e non lo è. Quindi mi pongo una domada o, quantomeno, mi corrodo in una riflessione che non penso mi darà risposte "utili".... che ci vogliamo fare ma ...

... d'altronde l'equilibrio dovrebbe essere il Sale della Vita e, in questo equilibrio (egregiamente argomentato da Pike) dovrebbe, io credo, nascere quella speranza; quell'uomo nuovo che forgia sé stesso, poiché si mette in discussione attraverso questa consapevolezza: muoversi per le sue esigenze, sì, ok - le sue utilità - e nel contempo tenere salda dinanzi a sé (che poi sarebbe, dentro sé) la serenità, ma anche il coraggio, che la META (come recita l'adagio) è il viaggio stesso.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Blade1960
Inviato: 2/1/2012 23:23  Aggiornato: 2/1/2012 23:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ciao a tutti!
Mi e' venuto in mente che a giugno 2011 ne parlammo in LC ,sulla notizia della nasa,forse a qualcuno puo' interessare ,rileggersi.

http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3772

florizel
Inviato: 2/1/2012 23:25  Aggiornato: 2/1/2012 23:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
incredulo

Citazione:
Molte scuole di meditazione suggeriscono di OSSERVARSI senza giudicare, proprio come guardare un film, osservarsi VIVERE.


E guarda "caso", si tratta sempre di meditazioni di origine orientale.
In questo senso, ci si rivolge alla propria interiorità facendosi maestri di se stessi, il che accredita un ruolo determinante al singolo e alle sue responsabilità dirette.

La dottrina cattolica, tanto connessa con il materialismo occidentale per convergenze ed interessi, spinge invece l'individuo a cercare "dio" al di fuori di sè. E arriviamo al concetto di "fatalità", che tanto ha "abituato" ad accettare passivamente ogni male.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
totalrec
Inviato: 2/1/2012 23:37  Aggiornato: 2/1/2012 23:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Innazitutto bisogna chiedersi perchè i Maya calcolavano il tempo su cicli così lunghi, adatti ad un tempo "planetario-galattico", e non (o non solo) su cicli molto più brevi, utilitaristicamente riconducibili per esempio alle attività umane (agricoltura, navigazione, ecc.).



Interessante domanda e ottime osservazioni.

Io penso che la risposta sia di carattere culturale. Tutti i popoli mesoamericani, Maya compresi, si percepivano prima come entità collettiva che come singoli individui, per cui il tempo della vita del singolo aveva un'importanza relativa rispetto alla vita della collettività, che aveva una durata indefinita.

E' difficile capire appieno questo punto di vista in un'epoca e in una zona del mondo in cui l'individualismo è ai suoi massimi, ma nella weltanschauung maya e azteca non erano gli individui che, per somma o per fusione, formavano la collettività: il punto di partenza era la collettività stessa, di cui gli individui non erano che istanze.

Lo si può notare da molte cose: ad esempio dalle narrazioni eroiche raccolte presso gli aztechi da Bernardino di Sahagùn e contenute nel c.d. Codice Fiorentino, dove nessun guerriero, per quanto celebre e valoroso, possiede una psicologia individuale che lo distingua dagli altri o lo renda responsabile dei suoi atti. Tutti gli eventi sembrano rimessi ad una fatalità inoppugnabile, con la quale il singolo personaggio non prova nemmeno a interferire.
Nel Codice Fiorentino non si riesce neppure a capire chi stia parlando, chi sia, di volta in volta, il narratore delle storie presentate. Questo perché non si tratta della narrazione di un individuo, ma dell'opinione della collettività. Mancano tutti i nomi degli autori dei racconti, non perché Sahagùn non si sia curato di raccoglierli, ma perché l'attendibilità delle narrazioni, nella mentalità mesoamericana, sta appunto nel loro essere il punto di vista della comunità. Se fossero opinioni di singoli individui, sarebbero sospette.

Allo stesso modo, nell'arte maya e azteca, manca qualunque idea di prospettiva lineare e quindi di un punto di vista individuale. Le figure sono stilizzate, senza che venga dato alcun rilievo alla fisionomia dei singoli individui (se proprio si deve identificare un personaggio specifico, gli si mette di fianco un pittogramma che lo definisce). Gli oggetti che vengono raffigurati nei dipinti sono spesso difficili da riconoscere per noi occidentali, anche quando si tratta di oggetti comuni. Questo perché sono rappresentati "in sé", non nella prospettiva di un osservatore esterno.

Questo può spiegare la particolare concezione maya del tempo: i calendari computano il tempo in rapporto alla vita della collettività, non alla percezione che ne ha il singolo. Ne discende anche che la dicotomia inizio/fine, così essenziale per noi, è per i maya meno rilevante rispetto all'idea di "aggregazione e corrispondenza di simboli". E si può spiegare in quest'ottica anche la diffusione della pratica dei sacrifici umani, accettata di buon grado non solo dalla comunità nel suo insieme, ma dagli stessi sacrificandi e dalle loro famiglie, essendo il "sentimento della morte", all'interno di una cultura che non dà rilievo all'individualità, del tutto diverso da quello con cui noi occidentali abbiamo familiarità.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
desbouvet
Inviato: 2/1/2012 23:38  Aggiornato: 2/1/2012 23:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Per l’ultimo katun di questo ciclo (cioè gli anni dal 1993 al 2012) [...]


Il 1993 è l'anno del primo attacco alle Torri. Anzi: al World Trade Center (di NYC). Un attacco che ebbe luogo sotto-terra. Come risultato visibile, una coltre di fumo che saliva lungo le finestre, verso il cielo. Una macabra prefigurazione, sulla linea degli opposti simbolici, del definitivo attacco aereo, che avrebbe fuso le torri fino al piano delle fondazioni, per l'appunto.

E il 1993 è anche l'anno di "Schindler's List", l'inizio della grande propaganda emozionale su scala globale.

Il Mediterraneo è sedato. Al sud col sangue al nord coi golpe bianchi. In Italia abbiamo un premier messo lì dai tedeschi, e un papa tedesco. Il Nord Africa ha perso ogni possibilità di coesione socio-territoriale, il Sud Europa ogni barlume di lucidità economico-morale. Il Grande Mare Interno Al Centro del Mondo adesso rappresenta le Spalle Coperte, la via di manovra per qualunque flotta di navigli d'appoggio, intercettatori e quant'altro. La via come sempre è verso est, completamente opposta al moto naturale dei popoli della terra, che è sempre stata verso ovest... Difatti anche Napoleone, e Hitler, si spensero ad Est... Ma il piccolo paese razzista, fobico, ultra-criminale, può adesso credere di farcela. A fermare il corso della storia e della vita.

E perchè? Perchè dopo secoli di attesa, sta agendo al momento giusto. Alla conclusione di un ciclo.

E' solo una credenza satanica, naturalmente. Vanno incontro a una rovina pazzesca. "Creare l'lApocalisse" (che poi alla lettera non significa NULLA), non è altro che fermare la Creazione, ossia distruggere l'essere per consacrare l'esistente, ovvero: progettare il mondo a propria immagine e somiglianza.

Mi ha colpito molto un tizio che ha scritto una cosa da qualche parte, sul web, in questi giorni, dimostrando in modo convincente che molti di questi satanisti, anche se portatori di un credo lungo generazioni e generazioni, vorrebbero in realtà essere salvati.

NovaEra
Inviato: 2/1/2012 23:47  Aggiornato: 2/1/2012 23:55
So tutto
Iscritto: 29/12/2011
Da:
Inviati: 20
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ecco cosa si trova in rete a proposito di "profezie"...
Sarebbe previsto il Ritorno del Purificatore..a Luci Rosse?!?!

"..ci saranno "messaggeri" che precederanno la venuta del Purificatore. Loro lasceranno messaggi a quelli che sulla Terra ricordano le vecchie vie.."


"Gli Hopi parlano di Maestri, i Kachinas, i Messaggeri del Popolo delle Nuvole che all'inizio del tempo ci trasmisero le sacre Leggi e il vero modo di vivere, e che stanno tornando proprio ora, alla vigilia dell'emersione dal Quarto al Quinto Mondo, un mondo governato finalmente dalla vera spiritualità (in proposito, gli Hopi affermano che l'umanità sia composta di sei razze: i Neri, i Gialli, i Rossi, i Bianchi, i Misti, i Grigi).
Il nativo americano Robert Ghost Wolf afferma:
"Nei giorni finali guarderemo su nei nostri cieli e vedremo il ritorno dei due fratelli che hanno iniziato a creare questo mondo nel tempo della nascita. Poganghoya è il guardiano del nostro Polo Nord e suo fratello Palongawhoya è il guardiano del Polo Sud. Nei giorni finali la Stella Blu Kachina verrà coi suoi nipoti e faranno tornare la Terra alla sua rotazione naturale, che è antioraria. Il ritorno di Stella Blu Kachina, conosciuta anche come Nan Ga Soho, sarà la sveglia che ci dirà del nuovo giorno e nuovo mondo di viver, un nuovo mondo che sta arrivando.

Loro inizieranno come fuochi che bruciano dentro di noi, e bruceremo tra desideri e conflitti se non ricordiamo gli insegnamenti originali e ritorniamo al pacifico modo di vita. Non molto tempo dopo le gemelle arriverà il Purificatore Rosso Kachina che porterà il Giorno della Purificazione. Dal Purificatore verrà rilasciata la grande Luce Rossa.
In questo giorno la Terra, le sue creature e tutta la vita come la conosciamo cambierà per sempre.
Ci saranno messaggeri che precederanno questa venuta del Purificatore. Loro lasceranno messaggi a quelli che sulla Terra ricordano le vecchie vie.
I messaggi saranno trovati nella pietra vivente, nei sacri campi di grano, e persino nelle acque."
http://www.segnidalcielo.it/ritorno_maestri_stelle_verona2010.html

"Alla base e oltre l’Universo di tempo, spazio e divenire, si trova la Verità fondamentale, la Realtà sostanziale". (Kybalion)
florizel
Inviato: 2/1/2012 23:49  Aggiornato: 2/1/2012 23:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
hrabal

Citazione:
La statistica, la legge dei grandi numeri. e' quella che muove le cose oggi, in politica, negli affari, ma anche nella vita privata di tutti i giorni, siamo tasselli di un puzzle numerico, in cui contiamo come unita', ma la nostra unicita' e' insignificante, anzi disturba, quello che conta e' l'aggregazione al branco.


Mi ritrovo perfettamente in questa tua considerazone.
I grandi numeri, da gestire e controllare, sono il preludio che conduce alla necessità di un ordine mondiale quale si sta proponendo attualmente.

Ed esso si esprime e si compie anche attraverso l'invenzione della "massa".

Mi pare che l'unica profezia che dimostra di essersi davvero avverata, è quella di George Orwell.

"Non ci accontentiamo dell’obbedienza negativa, e meno che mai di una sottomissione avvilente.
Quando infine ti arrenderai a noi, ciò dovrà avvenire di tua spontanea volontà.
Noi non distruggiamo l’eretico per il fatto che ci resiste. Anzi, finché ci resiste non lo distruggiamo. Noi lo convertiamo, penetriamo nei suoi recessi mentali più nascosti, lo modelliamo da cima a fondo."



Complmenti per lucida analisi.




PS per Desbouvet: ti ho lasciato un PM.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
desbouvet
Inviato: 3/1/2012 0:03  Aggiornato: 3/1/2012 0:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
L'Universo fisico è anche metafisico. E' un messaggio. Bisogna comprendere questo. Com-prendere non signifca capire, ma -accettare-.

Sulla piccola scala il nostro pianeta, la nostra casa, è disallineata da ogni centro, e il nostro sistema, questo giardino rotante di corpi intorno a una luce, come alberi incontro a una fontana, idem.

Ma sulla grande scala, via via che si procede ad osservare i moti, le relazioni tra i corpi, le masse, le energie, il nostro piccolo grumo, diventa il centro di tutto. Da un punto di vista FISICO, astronomico, precisamente.

Questa è una verità che trascolora nella teologia, veramente, tira giù Dio e lo fa presente nella Creazione, non ci sono mezzi termini. E' la dimostrazione del Mistero.

Cos'è questo dramma, questa fatica, che permea ogni cosa vivente? Non è altro che la distanza, nell'anima, tra il vivere lontani da se stessi, e l'essere ogni cosa dentro se stessi, allo stesso tempo.

furion2012
Inviato: 3/1/2012 1:24  Aggiornato: 3/1/2012 1:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 174
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
torniamo nel mondo reale !

provate ad andare in giro e far prendere coscienza alle persone.

o vi ridono in faccia o vi pestano .

poi dimenticate il triangolo con l occhio che tutto vede, hanno il potere di fare quello che vogliono.

la verità è che l uomo ha sempre sognato una persona con poteri straordinari che lo liberasse e rendesse il mondo migliore.

puntualmente le cose non vanno cosi !

cercate la vera traduzione della bibbia , noterete che l uomo era schiavo degli dei non una sua creatura prediletta .

gli unici che erano considerati erano i mezzo sangue incrociati con loro.

Quindi non sperate tanto nella data del 2012, perché la sorpresa potrebbe essere diversa dalla liberazione.

Si parla di diminuzione della popolazione globale, quindi non starei tanto tranquillo se fossi in voi.

Guardate il progetto PROMETEUS , tutto pianificato.

Le scie chimiche con il controllo mentale sulle masse e controllo fertilità terreni, entreranno a pieno regime forse dal 2013 al 2015 quando collauderanno tutto l apparato .

Si salvi chi può.
Pensate che ad oggi tutto il pianeta è inquinato , ma l uomo continua ad inquinare .

quando si renderà conto che dovrà mangiarsi il cemento per la sua stupidità, si dara inizio alla vera guerra per il cibo e l’ acqua.

hrabal
Inviato: 3/1/2012 3:34  Aggiornato: 3/1/2012 3:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
florizel

Citazione:
Mi pare che l'unica profezia che dimostra di essersi davvero avverata, è quella di George Orwell.

"Non ci accontentiamo dell’obbedienza negativa, e meno che mai di una sottomissione avvilente. Quando infine ti arrenderai a noi, ciò dovrà avvenire di tua spontanea volontà. Noi non distruggiamo l’eretico per il fatto che ci resiste. Anzi, finché ci resiste non lo distruggiamo. Noi lo convertiamo, penetriamo nei suoi recessi mentali più nascosti, lo modelliamo da cima a fondo."


Bella citazione florizel, i maestri hanno ancora da insegnarci molto e quando profetizzanno ci azzeccano, purtroppo... (ma ce ne fosse una di quelle buone che si avvera!)

Riguardo a tutte le citazioni di mitologie sulla fine-inizio del mondo, credo si stia facendo un po di confusione, tutti i popoli hanno dato una loro versione dei fatti, molte si assomigliano, un po per vi di interscambi culturali, molto perche' tutti i popoli sono partiti dallo stesso punto di partenza l'essere umano e la coscienza di esserlo.

Una volta soddisfattii bisogni primari, ecco che arrivano le domande... e gli individui all'interno di ogni societa' sviluppano le risposte, e l'azione non solo materiale ma anche simbolica sul cosmo.
Nei secoli si crea un corpus di miti, che definiscono l'universo, ma a questo punto, in alune societa', e' accaduto qualcosa:
qualcuno si alza e dice sono il sommo sacerdote, un altro si alza e dice sono il re, lo spazio, il tempo la natura e tutte le storie mitologiche non sono piu' quello che erano, ma sono lo spazio del re (il regno), il tempo del re (il tempo lineare, il re e' un dio sta sopra i cicli astologici), la natura va dominata. e da quel punto in poi tutte le storie che si raccontano non sono piu' le storie raccontate da un popolo, ma solo le storie di uno o di pochi, ovvero del potere.
Quindi credo che gran parte dei miti che ci sono pervenuti portano con se questa tara, e non si puo' trattarli uniformemente come un espressione dell "spirito" di un popolo. Sicuramente ce nes ara' rimasto 'rimasto in piccola o grande parte qualcosa di quello spirito, ma la versione e' quella elaborata dal potere, quasi sempre.

Calvero
Inviato: 3/1/2012 3:36  Aggiornato: 3/1/2012 3:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
torniamo nel mondo reale !


Ci sono e non sai quanto

Citazione:
provate ad andare in giro e far prendere coscienza alle persone.


Provato. "On the road" come si suol dire, so che significa.

Citazione:
o vi ridono in faccia


Ti ridono alle spalle, al limite, non in faccia. Sono vigliacchi. Comunque se argomenti con intelligenza e umiltà c'è gente che ascolta. Ma magari vorresti che sparissero dalla faccia della Terra anche tutti gli stronzi? .. quelli ci saranno sempre.

Citazione:
.. o vi pestano


Dipende quanti sono.

Citazione:
..cercate la vera traduzione della bibbia , noterete che l uomo era schiavo degli dei non una sua creatura prediletta


Può starci. Come No. Ma la cosa non cambia. A me, ad esempio, non interessa vincere, ma fare e dire ciò che ritengo giusto. A questo rendo conto.

E poi bbbastaaa, non tirare fuori qui "la vera traduzione della Bibbia" (ddupalle) che rischiamo di diventare più scemi di Forrest Gump.

Citazione:
Quindi non sperate tanto nella data del 2012, perché la sorpresa potrebbe essere diversa dalla liberazione


Aspetta collega, vai piano con le etichette e le speranze generalizzate, il discorso non è monotematico.

Citazione:
Si parla di diminuzione della popolazione globale, quindi non starei tanto tranquillo se fossi in voi.


Amen.
E a ridaje co'sto "Voi" (voi chi?)

Citazione:
Guardate il progetto PROMETEUS , tutto pianificato.


Ma anche i progetti che non si sanno. Ri-Amen.
Ti dico la mia. Credo di vederla più nera di te e anche penso di essere più cinico in merito al ventennio che è in arrivo (per me, decennio .. non credo di vederlo il ventennio) ....

... si tratta di percorsi e quel che ora si argomenta e si fa fuori di qui individualmente, può essere utile a generare pressioni e risultati per tempi a venire. Noi abbiamo già perso. Sfondi una porta aperta in questo senso, per quel che mi riguarda. Né io né tu, né i tuoi figli inizieranno ad assaporare la liberazione da questi giochi/gioghi. Ma quel che si fà (e quel che hanno fatto altri precursori nel passato) è in fermento. Si tratta comunque del Caos (che non è disordine); un immane serie di causa/effetti a venire (comprese le parole che qui si scrivono). La battaglia è già persa. Ma non la semina. Vivere, per me, riguarda ciò che amo, il resto non conta. Come è scritto nella voce del Sito ... accada quel che può ... e ci vediamo all'inferno

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
redna
Inviato: 3/1/2012 8:10  Aggiornato: 3/1/2012 8:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Quindi non sperate tanto nella data del 2012, perché la sorpresa potrebbe essere diversa dalla liberazione.

chi spera nel 2012 lo fa per esorcizzare il 2013, 2014 ecc.... come se dopo quest'anno non ci fossero ancora pericoli reali e fasi da superare.
E forse è proprio questa l'illusione collettiva.



Citazione:
Si parla di diminuzione della popolazione globale, quindi non starei tanto tranquillo se fossi in voi.

non ci vuole tanto a capire che siamo in troppi in un pianeta troppo inquinato e con cibo ormai scarso. Non occorre nemmeno che qualcuno si ingegni tanto per far diminuire la popolazione a questo punto....

Citazione:
Pensate che ad oggi tutto il pianeta è inquinato , ma l uomo continua ad inquinare . quando si renderà conto che dovrà mangiarsi il cemento per la sua stupidità, si dara inizio alla vera guerra per il cibo e l’ acqua.


la guerra c'è già. Diminuire lo stipendio alle persone di basso reddito significa cominciare la guerra per il cibo e l'acqua. Entrambi sono prodotti della terra e facilmente la terra ce li può togliere ma, più precisamente, è il sole che potrebbe determinare tutto proprio come ha determinato la caduta dell'impero maya. Non sono importanti a questo punto nè le scie chimiche e nemmeno la coltivazione ogm o su terreni trattati....se il sole non c'è non c'è nulla che tenga.
E'il sole che determina anche la fertilità umana, non certamente la fecondazione in vitro. IL sole è assai lontano per gli esseri umani e imprendibile per questo segue regole al di la della pur minima comprensione degli uomini del giorno d'oggi.
Piuttosto che alle loro profezie guardiamo alla loro fine e a tutto quello che facevano per ingraziarsi il sole tanto da perpetrare stermini sanguinari per offrire ad esso sacrifici continui.
Sapevano che al di fuori del sole non c'era proprio nulla che poteva innescare di nuovo la vita e, nella peggiore delle ipotesi, era il sole che determinava la fine del genere umano.

Loro inizieranno come fuochi che bruciano dentro di noi, e bruceremo tra desideri e conflitti se non ricordiamo gli insegnamenti originali e ritorniamo al pacifico modo di vita. Non molto tempo dopo le gemelle arriverà il Purificatore Rosso Kachina che porterà il Giorno della Purificazione. Dal Purificatore verrà rilasciata la grande Luce Rossa. In questo giorno la Terra, le sue creature e tutta la vita come la conosciamo cambierà per sempre.

e gli indiani parlano di fuochi e di luci rosse. Sempre di fuoco si tratta, e il sole è una sfera di fuoco a volte conosciuto come l'occhio del cielo.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Jurij
Inviato: 3/1/2012 10:25  Aggiornato: 3/1/2012 10:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
furion2012
Citazione:
cercate la vera traduzione della bibbia , noterete che l uomo era schiavo degli dei non una sua creatura prediletta .

gli unici che erano considerati erano i mezzo sangue incrociati con loro.

È quanto scriveva nell’”Altra Genesi” Z. Sitchin, l’uomo è un incrocio fra la scimmia, esistente già sulla terra, con il loro DNA (Anunnaki).

Tutto questo per farne operai nelle miniere per l’estrazione dell’oro (aveva già un valore all’epoca e se le tenuto ;o) )

Non lo so, ma ho l’impressione anch’io che se tornasse questa razza di “extra”, che non si nasconde, cambierebbero le cose in peggio.

Forse la gestione del pianeta migliorerebbe un po’, ma noi perderemmo “ufficialmente” la nostra libertà di autogestirci.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 3/1/2012 10:30  Aggiornato: 3/1/2012 10:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Citazione:
Si parla di diminuzione della popolazione globale, quindi non starei tanto tranquillo se fossi in voi.

non ci vuole tanto a capire che siamo in troppi in un pianeta troppo inquinato e con cibo ormai scarso. Non occorre nemmeno che qualcuno si ingegni tanto per far diminuire la popolazione a questo punto....

Adesso ci vogliono soluzioni, anche quelle non politically correct, ci comportiamo come virus su questa terra e sta a noi, genere umano, adesso risolvere il problema che abbiamo causato

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 3/1/2012 10:34  Aggiornato: 3/1/2012 10:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Calvero
Citazione:
…. che rischiamo di diventare più scemi di Forrest Gump.

Del personaggio o del film?
Per me vanno bene tutti e due.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
florizel
Inviato: 3/1/2012 11:34  Aggiornato: 3/1/2012 11:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
hrabal

Citazione:
Una volta soddisfattii bisogni primari, ecco che arrivano le domande...


Sarà per questo che i 3/4 della popolazione mondiale viene lasciata morire nella miseria e negli stenti...?


Citazione:
credo che gran parte dei miti che ci sono pervenuti portano con se questa tara, e non si puo' trattarli uniformemente come un espressione dell "spirito" di un popolo


Certo, certo. Ma bisogna rintracciare la cultura di un popolo e separarla dalle manipolazioni... altrimenti il rischio è l'identificazione di quelle culture col potere che le ha strumentalizzate.

Per il resto, quoto l'intero tuo commento.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
ohmygod
Inviato: 3/1/2012 13:59  Aggiornato: 3/1/2012 16:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Fonte:a life in a day.
Formattare Tempo e forma.
Favola sulla profezia degli ambienti e dei meno abbienti.

Luce:tutto parte da lì.
Tempo non ha Luce,Luce invece deforma il Tempo.Il Tempo deformato ne assume,per una sorta intrinseca all'invisibile di ciò che è elementale,la forma.
La forma,qualsiasi essa sia, teoricamente è un vuoto.
Dato che l'Universo non tollera il vuoto nero dei suoi buchi sua eterna "preoccupazione", è riempire "persino" vuoti "temporali".

Perchè Luce interferisce con Tempo in modo tale da deformarlo in picchi e ripicche?
Fra le tante risposte ne ho scovata una malleabile:Vita.Ironico.
Dato che Vita non può risiedere in un vuoto cosmico il vuoto temporale
di quel Tempo riceve la visita dell'emissario dell'Universo:lo Spazio.

Ormai sono incanalato nel libero arbitrio:Tempo può essere circolare-ellittico-linea retta-qualsiasi altra arbitrarietà.
Per assunto il circolare-ellittico ha i due estremi collegati.Lo si potrebbe definire statico-certo-senza sbocchi apparenti-in balia della ciclicità ogni volta che riparte.Questo fa di me un progetto chiuso all'interno di una sfera.

Linea retta non è che abbia grandi vantaggi.Ha il pregio di farmi ripartire da una conoscenza della cultura acquisita ma soprattutto in linea retta è più agevole scrutarne gli orizzonti dato che non siamo posti su piani diversi come accade all'interno della sfera.

Tutto ciò è inutile ai fini del fine:i fini seguono l'istinto .
Tempo della moda,Tempo della mela, e come in un sabbatico ciclo,Tempo altrui.
Il fine il Tempo.

Il Tempo,in mancanza di Luce, non si incrocia con lo Spazio del suo Tempo o con Tempo di altri Spazi.
Purtroppo l'uomo,tranne solari eccezioni, non ha mai considerato Luce in quanto tale.
Ha trovato temini divini ma non i "composti dell'essenza".

Luce è inizio-Luce è il fine.Nel mezzo si dovrebbe intuire come "vivisezionare"
i composti di Luce onde ottenere quello che Antichi cercano dato che per loro era piacevole camminare a piedi osservando il cammino che li divideva dal cielo e dal concetto Spazio ricevuto dal Tempo.

Complicato il favoleggiare di Tempo e di Verbo nella loro accezione più nota:Passato-Presente_Futuro

KOKOKU
Guardando giù un Antico osserva:"Luce nera ha rotto gli argini sta coprendo cose e case".
Attonito:"quella è nera ma non è Luce è Oro".
Lui forgiandosi in un punto di domanda:"Assicurati di intendere il fare quando noti la magia del dire".
I segni non sono perversi è stata la perversione a renderli tali.
Non conosco i segni, voi ne conoscete l'anarchia?
Non conosco anarchia, voi conoscete l'anarchia della perversione?

Buon Anno dovunque sia il vostro Presente.

levitor
Inviato: 3/1/2012 15:21  Aggiornato: 3/1/2012 15:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@ totalrec
Citazione:

Interessante domanda e ottime osservazioni.

Io penso che la risposta sia di carattere culturale. Tutti i popoli mesoamericani, Maya compresi, si percepivano prima come entità collettiva che come singoli individui, per cui il tempo della vita del singolo aveva un'importanza relativa rispetto alla vita della collettività, che aveva una durata indefinita.


Grazie totalrec per aver dato spessore di contenuto alla questione che ho posto.
Mi pare evidente che il tempo degli antichi non era, come facciamo noi, calcolato sul tempo di vita del singolo, ma su quello della singolarità-collettività cui appartiene.
Del resto, la grande differenza tra noi moderni e loro è il senso/concetto dela morte: per loro è una transizione funzionale alla collettività, ovvero per la continuità della stessa.
Per noi è l'egoistica concezione di una vita da vivere al massimo perchè altro non sarà (le religioni abramiche con il giudizio universale hanno distrutto la coscienza umana di specie).
Tornando al concetto di base, appare evidente che il "lungo ciclo" calcolato dagli antichi (in questo caso i maya) ha per unico riferimento la madre di tutte le singolarità-collettività, ovvero il pianeta Terra (Gaia).
Quindi la fine del tempo, o dei tempi, non si riferisce all'uomo, o ad altre specie animate e non, ma direttamente a Gaia.
Il 21.12.2012 è la fine del tempo per Gaia.
Che significa?
Significa semplicemente che Gaia non sarà più come prima.
Ma dobbiamo capire che se fosse stato fatto un analogo calcolo astronomico sul Sole o su altri pianeti del sitema solare, probabilmente tutti gli astri avrebbero intravisto una fine dei tempi.
In altre parole, all'alba del compimento di una rotazione completa del sole/sistema solare intorno al centro della galassia nulla sarà come prima (innalzamento energetico?).
Sicuramente il Sole avrà la sua parte in questo, probabilmente con un flare di inaudita potenza (dovuto probabilmente ad una perdita di massa del sole, che effettuerà una compressione dimensionale).
Questo spiegherebbe il messaggio survaivalist del chairman della Nasa sul proprio sito governativo.
Questo spiegherebbe la costruzione di rifugi di sicurezza in tutto il mondo a benefici delle elites di governo diretto e indiretto.
Questo spiega perchè si è pronti a scatenare una guerra termonucleare, sapendo che il Sole o chi per essso (supreonda galattica), azzerrerà tra qui a breve tutta l'umanità e la sua superbia scientifica e tecnologica.

Oidualc
Inviato: 3/1/2012 22:38  Aggiornato: 3/1/2012 22:38
So tutto
Iscritto: 24/5/2011
Da:
Inviati: 21
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Quante belle parole per esorcizzare una paura che spaventa un po tutti e in particolar modo coloro che si arrovellano nel cercare di dare delle spiegazioni al solo e univoco scopo di tranquillizzare gli altri ma in primis loro stessi, anche se non lo ammetterebbero mai neppure sotto tortutra!!!!

Ti accorgi che stai crescendo quando batti tuo padre a braccio di ferro. Ti accorgi che sei maturo quando lo lasci dinuovo vincere
redna
Inviato: 4/1/2012 9:11  Aggiornato: 4/1/2012 9:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Quante belle parole per esorcizzare una paura che spaventa un po tutti e in particolar modo coloro che si arrovellano nel cercare di dare delle spiegazioni al solo e univoco scopo di tranquillizzare gli altri ma in primis loro stessi, anche se non lo ammetterebbero mai neppure sotto tortutra!!!!


complimenti, la tua sintesi è perfetta. Diciamo che che la paura che fa prendere provvedimenti potrebbe essere una paura 'autentica' ma non prendere alcun provvedimento che senso ha?
Quindi chi per il 2012 ha preso dei provvedimenti (anche per la sopravvivenza) in caso di crisi ha fatto qualcosa che alla fine non potrà servire,(qualora non succeda nulla) ma ha agito.
Quello che ha fatto potrebbe servire per il 2013, 2014 ecc... ma chi non ha fatto nulla ha perso solo del tempo cullandosi al pensiero che niente e nulla accada mai.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
weboy
Inviato: 4/1/2012 12:31  Aggiornato: 4/1/2012 12:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 42
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Io penso che il tempo sia ciclico sia nella vita del singolo che di un gruppo o dell'umanità ecc..i ritmi della vita sono ciclici e anche degli eventi, riassumo il mio parere prodotto anche da una ricerca piu specifica e non solo da pensieri filosofici

Più che "balzo della coscienza" in generale, direi che gli eventi portano ad amplificare la distinzione tra coscienze di diverse polarità, tra chi sceglie un tipo di valori e di vita e chi l'altro, gli eventi e le conseguenze delle azioni singole e collettive portano ad un rispecchiarsi e osservarsi e stimolano una risposta, un adattamento, un cambiamento
quindi più che di una data precisa ne deriva un periodo, dei periodi che man mano portano a punti "culmine", per quanto riguarda il 2012 in particolare se accadrà qualcosa di importanza globale potrà essere probabilmente legata all'attività solare o ad una guerra, speriamo, evitata.

Chiaramente nessuno deve convincersi, in ogni caso sarebbe meglio cercare di approfondire le ragioni di chi la pensa o percepisce diversamente

Vi lascio qualche link

http://www.youtube.com/watch?v=5hybVl3c5Xc

http://www.youtube.com/watch?v=qPKLl0D42Gs

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_supplemento.htm

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.915

http://dotsub.com/view/76005d75-28d4-4ba4-9a91-06ce7b135318

Oidualc
Inviato: 4/1/2012 13:52  Aggiornato: 4/1/2012 13:52
So tutto
Iscritto: 24/5/2011
Da:
Inviati: 21
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Nella serietà non puoi mai essere libero;
nella serietà sarai sempre perseguitato dall'ansia;
nella serietà hai sempre paura che qualcosa possa andare storto.
Non ce nulla che possa andare storto perché non c'è niente che sia dritto.
Se c'è qualcosa di dritto, allora qualcosa può andare storto;
se non c'è niente di dritto, niente può andare storto.
Questo è il significato del concetto orientale di "leela", gioco.
Fatti una bella risata e metti da parte i tuoi bei piani.
Davvero non ne hai bisogno.
Ciò che dovrà accadere accadrà e tu hai una scelta:
andarci insieme o andarci contro.

Ti accorgi che stai crescendo quando batti tuo padre a braccio di ferro. Ti accorgi che sei maturo quando lo lasci dinuovo vincere
redna
Inviato: 4/1/2012 16:20  Aggiornato: 4/1/2012 16:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Ciò che dovrà accadere accadrà e tu hai una scelta: andarci insieme o andarci contro.


forse non hai compreso che qualcuno potrebbe avere la disgrazia di .......sopravvivere. Che è proprio una disgrazia a questo punto.

Non è detto che TUTTI si vada insieme e che TUTTI si vada contro.

Ci sono anche altri fattori da considerare.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
giuped
Inviato: 4/1/2012 16:25  Aggiornato: 4/1/2012 16:25
So tutto
Iscritto: 21/4/2011
Da:
Inviati: 3
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Saluto e ringrazio tutti per gli interessanti commenti sul tema. Comunque la mia opinione è che se a breve accadrà 'qualcosa' e se si tratterà di un evento o una serie di eventi tali da determinare un Cambiamento fondamentale nella Storia dell'Umanità, insomma se davvero ci attende a breve il Sathya Yuga, non potrà che essere il benvenuto , finalmente usciremo da questa confusione mentale che sta caratterizzando il tempo in cui viviamo.
Ma visto che ci siamo, nel frattempo e in linea con quello in cui crediamo , possiamo fare un po' di equilibrato allenamento alla Consapevolezza, all’ Amore Universale, al Pensiero Positivo, alla Condivisione , al Rispetto per il Pianeta e per l’ umanità che lo abita, al rispetto per noi stessi.

rafterry
Inviato: 4/1/2012 16:39  Aggiornato: 4/1/2012 16:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@redna

troppe catastrofi vedi nel nostro futuro.. come mai?
sopravvivere? al massimo puo' capitare di vivere un'esperienza...
come mai sto pessimismo?
fatti una bella risata, quello che dovrà succedere succederà perchè dovrà succedere.. :)

TAD
Inviato: 4/1/2012 22:50  Aggiornato: 5/1/2012 0:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ribadendo il mio apprezzamento per lo stile con cui max ha redatto l'articolo ad oggetto del thread, tuttavia, mi chiedevo quanto Massimo Mazzucco conoscesse il gioco de:


-----------------------------------------------------------------------------------------------


La Pelota


Certamente nato tra le culture mesoamericane, La Pelota, è un interessante mix tra l'attuale calcio e il basket. Vedeva opporsi due squadre costituite da sette giocatori ciascuna. I sei membri della squadra giocavano al centro del campo mentre i rispettivi capitani occupavano le terrazze che bordano i due muri laterali a confine del campo.

Solo i Nobili erano ammessi a spettatori della partita.

Lo scopo del gioco era centrare un anello di pietra con una palla di caucciù che poteva essere colpita dai giocatori servendosi esclusivamente dei fianchi e delle ginocchia (in taluni casi anche del gomito del braccio destro).

Il seguente è il campo da gioco di Chichen Itza:




La partita aveva termine con la vittoria della prima squadra capace di infilare la sfera all'interno del goal:



Il goal, nella quasi totalità dei campi di Pelota del centro america, raffigura un serpente arrotolato su se stesso tra le cui spire custodisce sei sfere, più la sfera centrale - il goal appunto - per un totale di sette.

Sempre a Chichen Itza, al di sotto di ciascun goal, troviamo i seguenti bassorilievi:



L'immagine mostra - secondo recenti valutazioni - il capitano della squadra vincitrice della partita che viene decapitato e dal cui collo fuoriescono sei serpenti (il settimo è appunto il goal).

Il lettore eventualmente interessato dalla ridondanza del numero sette, inoltre, visitando il campo da gioco in condizioni particolarmente silenziose potrà constatare che, battendo le mani al centro del campo da gioco, sentirà riecheggiare il suono prodotto esattamente sette volte.

Il Gioco della Pelota veniva praticato assiduamente nel corso dell'anno ma, in due occasioi particolari, riuniva sugli spalti del campo tutta l'aristocrazia della citta ospitante e delle città limitrofe: I Solstizi.

Da tenere in estrema considerazione, altresì, è il fatto che il Campo da Gioco nella totalità dei casi era particolarmente allineato ai punti cardinali. Tali allineamenti, al tramonto dei solstizi, pongono il Sole in interessanti posizioni per chi era tra il pubblico ad osservare l'evento.

Lo spettatore, infatti, vedrà questa sfera - la palla da gioco - muoversi avanti e indietro alla affannosa ricerca dell' anello del goal proprio nei giorni in cui il suo corrispondente celeste - il Sole - raggiunge i punti di massimo e minimo sulla traiettoria dell'eclittica.

-----------------------------------------------------------------------------------------------


Invito il lettori, ed in special modo M.M., a rileggere tutti i numeri dell'Apocalisse di Giovanni e...

...ad immaginare, anche solo per un attimo, di essere spettatori a Chichen Itza della partita di Pelota che si svolgerà in data 21/12/2012...

...quando il Goal rappresenterà il Centro della Galassia, il Campo da Gioco sarà la La Via Lattea e...

...la Sfera...

...sarà la Nostra Stella: il Sole.



P.S.: Non nutro alcun timore per la data ad oggetto perchè... sarà il Sesto Sole... altri Cinque saranno già tramontati... dunque... avremo anche l'Alba del prossimo...

~WÃSÐ Lifestyle~
Oidualc
Inviato: 5/1/2012 14:39  Aggiornato: 5/1/2012 14:39
So tutto
Iscritto: 24/5/2011
Da:
Inviati: 21
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Ciò che dovrà accadere accadrà e tu hai una scelta: andarci insieme o andarci contro.

Replica

forse non hai compreso che qualcuno potrebbe avere la disgrazia di .......sopravvivere. Che è proprio una disgrazia a questo punto.

Non è detto che TUTTI si vada insieme e che TUTTI si vada contro.

Ci sono anche altri fattori da considerare.


Risposta
Con le regole fisse c'è sicurezza, comodità convenienza.... Quando queste vengono a mancare!!!!.
Lascia andare quel comfort, lascia andare quella convenienza, quella sicurezza.
Comincia a vivere una vita pericolosa. La vita e bella solo quando la vivi pericolosamente .... E quando arrivera il momento di crepare bisogna trovare la forza di  farlo  senza rompere troppo i coglioni a chi ti sta vicino.... Solo se si riesce a comprendere questo principio svaniranno tutte le paure altrimenti non ti restera che la soddisfazione di credere che io sia stato un idiota nel darti questi consigli!.

Ti accorgi che stai crescendo quando batti tuo padre a braccio di ferro. Ti accorgi che sei maturo quando lo lasci dinuovo vincere
incredulo
Inviato: 5/1/2012 16:04  Aggiornato: 5/1/2012 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Lascia andare quel comfort, lascia andare quella convenienza, quella sicurezza. Comincia a vivere una vita pericolosa. La vita e bella solo quando la vivi pericolosamente .... E quando arrivera il momento di crepare bisogna trovare la forza di farlo senza rompere troppo i coglioni a chi ti sta vicino.... Solo se si riesce a comprendere questo principio svaniranno tutte le paure altrimenti non ti restera che la soddisfazione di credere che io sia stato un idiota nel darti questi consigli!.


Quoto, anche se quel pericolosamente è molto soggettivo.

Mi piace molto questo ragionamento, è la differenza fra sopravvivere e VIVERE.

Bella anche la tua firma.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 5/1/2012 16:17  Aggiornato: 5/1/2012 16:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@TAD

Sei una vera miniera di informazioni, grazie veramente grazie.

Non conoscevo il gioco della "pelota maya".

Pieno di simbolismi carichi di significato, l'interpretazione è sicuramente ardua, ma i simboli sono sempre quelli ricorrenti.

Questo gioco ricorda molto quello del "maghetto" Harry Potter non so fino a che punto scelto per "caso".

La testa tagliata del capitano con i serpenti che fuoriescono mi ricorda Highander, un film carico di simbolismi e riferimenti occulti.

Sul fatto che il sacrificato fosse il capitano della squadra vincente non c'è unanimità.

Per esempio qui

Grazie ancora

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Oidualc
Inviato: 5/1/2012 17:34  Aggiornato: 5/1/2012 17:34
So tutto
Iscritto: 24/5/2011
Da:
Inviati: 21
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Buon pomeriggio pure a Te

Ti accorgi che stai crescendo quando batti tuo padre a braccio di ferro. Ti accorgi che sei maturo quando lo lasci dinuovo vincere
TAD
Inviato: 5/1/2012 18:33  Aggiornato: 5/1/2012 18:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@incredulo:

Citazione:
Sul fatto che il sacrificato fosse il capitano della squadra vincente non c'è unanimità.


Si, la questione è piuttosto controversa ed è per questo che avevo scritto:

- "...secondo recenti valutazioni

Però, a pochi metri dal bassorilievo sottostante l'anello del goal, vi è un'altra raffigurazione che mostra il sacrificio coatto:



A differenza del bassorilievo sottostante l'anello del goal, in questa immagine, troviamo i sacerdoti Maya che immobilizzano il soggetto tenendolo per le braccia e le gambe. Inoltre, l'oggetto sacrificale propiziatorio è il cuore dell'individuo.

All'interno del campo da gioco, invece, il sacrificato è inginocchiato, in posizione oserei dire fiera, non c'è nessuno a tenerlo fermo e l'oggetto sacrificale propiziatorio è la testa.

Tutto ciò che possiamo fare è analizzare l'iconografia con mente aperta, alla ricerca del profondo significato che ha spinto una civiltà ad erigere la totalità dei propri centri urbani con maniacale ossessione verso...

...l'infinita danza celeste.


P.S.: Grazie a te per l'attenzione

~WÃSÐ Lifestyle~
peonia
Inviato: 8/1/2012 9:53  Aggiornato: 8/1/2012 9:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Credo che la più semplice e più vera analisi di cosa sarà il 2012, l'abbia data Sathia Sai Baba in una intervista:



“Il 2012 secondo Sai Baba” è tratto da una conversazione avvenuta nel 2010 fra un giornalista e Sai Baba. E’ un documento prezioso, dal momento che Baba non ha quasi mai rilasciato interviste...

D: “Ha mai sentito parlare del 2012 come l’anno nel quale accadrà qualcosa?”

Baba: La verità è che il pianeta sta trasformando il suo stato vibratorio e questo cambiamento si è intensificato dal 1989; negli ultimi 20 anni i poli magnetici si sono spostati più di quanto non abbiano fatto negli ultimi 2000 anni.

Da un lato ci sono molte profezie che segnano questa data come un termine o una conclusione importante nella storia dell’umanità; ma l’aspetto più significativo è la fine del calendario Maya e la sua profezia alla quale sono state date molte interpretazioni.

Le persone negative pensano che nel 2012 il mondo finirà, ma non è vero. Si sa che in quell’anno inizierà una Nuova Era, l‘Età dell’Acquario. Tutto questo ha a che fare con la rotazione dell’intero Sistema Solare (Ciclo Solare) che sta passando attraverso le varie Ere, ognuna delle quali dura 5.125 anni. L’Era nella quale ci troviamo oggi è chiamata Età dei Pesci, la quale è iniziata nel 3113 a.C. e si concluderà nel 2012.

Se c’è un cambiamento nel magnetismo terrestre, avviene un cambiamento anche nella coscienza umana ed un adattamento del piano fisico a questa nuova vibrazione.

I cambiamenti non coinvolgono solo il nostro pianeta, ma l’universo intero e la scienza moderna può facilmente verificarlo.

S’informi riguardo i cambiamenti delle tempeste solari (che sono tempeste magnetiche) e constaterà che gli scienziati hanno i dati aggiornati; oppure chieda dello spostamento dei poli magnetici durante quest’ultimo anno e degli aeroporti che hanno dovuto modificare le strumentazioni. Questo cambiamento del magnetismo si traduce o è percepito come un’aumento della luce, o un aumento della vibrazione sul pianeta.

Affichè lei possa capire meglio, deve sapere che questa vibrazione è influenzata ed intensificata dalla coscienza/consapevolezza degli esseri umani. Ogni pensiero, ogni emozione, ogni nuovo risveglio dell’essere umano verso la Coscienza divina, eleva la vibrazione del pianeta. Può sembrare un paradosso, a causa del fatto che la maggioranza vede intorno a sé prevalentemente odio e sofferenza. Ma non è così.
Sono in molti – anche se vorrei fossero di più – a cercare di uscire dall’oscurità per crescere e diventare dei migliori Figli di Dio.

L’ho già detto nei messaggi precedenti: ognuno sceglie su cosa focalizzare la propria visione; di conseguenza, coloro che non vedono altro che tenebra, è perché sono focalizzati esclusivamente sulla tragedia, sul dolore e sull’ingiustizia.

Se non ci accorgiamo dei progressi fatti dall’umanità, è perchè non siamo focalizzati su di essi. Ma se facciamo il lavoro giusto per liberare la nostra mente da tutto il negativo, apriremo uno spazio nel quale saremo in grado di manifestare l’essenza divina capace di accorgersi di ciò che attualmente sta realmente accadendo all’umanità e al pianeta.

D: “Ma…. in che modo! Non vede quanta oscurità?”

Baba: Si, lo vedo, ma non mi ci identifico, non ne ho paura… Come posso temere le tenebre quando vedo la luce chiaramente? Certamente comprendo coloro che hanno paura, poiché sono stato anch’io nello stato nel quale non si vede altro che il male. Ecco perchè adesso provo amore per tutto ciò. La tenebra non è una forza contraria alla luce, ma un’energia che si manifesta esclusivamente in assenza di luce. La tenebra è assenza di luce. Non potete, infatti, invadere la luce con le tenebre, perchè non è questo il modo in cui lavora il principio della luce.

Paura, tragedia, ingiustizia, odio e tristezza esistono soltanto in uno stato di tenebra, nel quale non si riesce a vedere il contesto globale nel quale la vita si manifesta.

Il solo modo per guardare le cose dal punto di vista della luce, è attraverso la fede. Una volta aumentata la vostra vibrazione e la vostra frequenza (stato di coscienza), sarete in grado di guardare verso l’oscurità e comprendere ciò che avete vissuto.

D: “Ma... come fa a parlare così quando nel mondo il male cresce ogni giorno di più?”

Baba: Non è il male che sta aumentando: sta aumentando la luce. E’ di questo che sto parlando in questo messaggio.

Immagini di aver immagazzinato per anni i suoi oggetti in una stanza o un armadio illuminati da una lampadina di 40 watt. Cambi quella lampadina con una di 100 watt e vedrà cosa accade! Comincerà a vedere il disordine e la polvere che nemmeno credeva esistessero. Lo sporco sarà evidente.

Ecco ciò che sta accadendo al pianeta. E questo processo planetario fa sì che molte persone leggano oggi questa intervista senza considerare folli queste parole, come avrebbero invece pensato anni fa. Ha notato come ai giorni nostri le menzogne e gli inganni vengano a galla più velocemente che in passato? Ebbene, anche l’accesso alla comprensione di Dio e alle leggi dell’esistenza è più veloce di prima.

La nuova vibrazione planetaria crea maggior nervosismo, depressione e malattia poiché, per essere in grado di ricevere una luce maggiore ed elevarsi a quell’alto livello vibratorio, è necessario cambiare modo di pensare e di sentire e cancellare o sradicare dalle proprie vite quelle credenze e parametri che portano verso il lato negativo delle cose e che sono in netto contrasto con la realtà.

Dovete mettere in ordine il vostro armadio, poichè nelle vostre coscienze state ricevendo sempre più luce, ogni giorno di più e, anche se vorreste evitarlo, dovete rimboccarvi le maniche ed iniziare a pulire, o altrimenti decidere di vivere nello sporco.

Questo cambiamento crea per la maggior parte del tempo disagi fisici, dolori al corpo e alle ossa; i test medici non riescono a trovare le cause o le malattie che provocano tali disturbi e così, quasi ogni volta, imputano tutto questo allo stress o al sistema nervoso.

Non c’è invece niente più sbagliato, poiché tali disagi sorgono a causa delle emozioni negative accumulate nell’arco di vite, paure ed ansie che avete sempre trattenuto e che, adesso, avete l’opportunità di trascendere e trasmutare. Si tratta della sporcizia accumulata negli anni della quale improvvisamente vi rendete conto e che, di conseguenza, dovete ripulire.


Ci saranno notti in cui vi sveglierete senza potervi più riaddormentare. Non arrabbiatevi, ma piuttosto leggete un libro, meditate.... Non lottate contro questo processo pensando che in voi ci sia qualcosa di sbagliato. Capita a causa delle nuove vibrazioni planetarie che state assimilando. Dopo diverse ore vi riaddormenterete senza però, il giorno dopo, sentirete il bisogno di recuperare il sonno perso.

Se non fluite in modo adeguato con questo processo, la sofferenza sarà ancora più intensa e vi verrà diagnosticata la fibromialgia, ossia il nome che in ambito medico viene dato a quei dolori che non hanno causa apparente e per i quali vengono fatti trattamenti che non ottengono risultati concreti. Vi verranno somministrati degli antidepressivi come via di fuga togliendovi, di conseguenza, l’opportunità di trasformare la vostra vita.

Come ogni volta, anche stavolta avrete scelto quale realtà vivere, solo che stavolta la tragedia sarà più intensa e, d’altro canto, così sarà l’amore.

Se la luce è aumentata, è aumentata anche la mancanza del bisogno di luce e questo spiega tutta la violenza irrazionale degli ultimi anni.

Stiamo vivendo il momento migliore mai vissuto dall’umanità, come testimoni ed attori della più grande trasformazione di coscienza che abbiate mai immaginato. Informatevi, svegliate il vostro fermento per questi argomenti.

Gli scienziati sanno che qualcosa sta per accadere; voi sapete che qualcosa sta per succedere; tutti noi sappiamo che stanno avvenendo tante trasformazioni su più livelli.
Siate attori consapevoli di questi cambiamenti, senza lasciarvi cogliere da essi di sorpresa semplicemente perchè non vi siete informati.

Traduzione dall’inglese:
Barbara Lucini

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
levitor
Inviato: 8/1/2012 10:30  Aggiornato: 8/1/2012 10:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Grazie peonia.
L'ho letto con lo stesso piacere con cui si beve con le mani da un ruscello alpino.
Anche la mente si rinfresca.

redna
Inviato: 8/1/2012 10:58  Aggiornato: 8/1/2012 11:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
La verità è che il pianeta sta trasformando il suo stato vibratorio e questo cambiamento si è intensificato dal 1989; negli ultimi 20 anni i poli magnetici si sono spostati più di quanto non abbiano fatto negli ultimi 2000 anni.

e chi ha registrato il cambiamento negli ultimi 2000 anni?


Le persone negative pensano che nel 2012 il mondo finirà, ma non è vero
le persone non sono negative se pensano in una certa maniera e nemmeno positive se la pensano come sai baba.


Gli scienziati sanno che qualcosa sta per accadere; voi sapete che qualcosa sta per succedere; tutti noi sappiamo che stanno avvenendo tante trasformazioni su più livelli.

tutto questo è sempre successo sulla terra senza che nessuno si mettesse a far tanto rumore.
In effetti gli scienziati NON sanno quello che deve succedere e nemmeno la gente sa quello che deve succedere perchè non ha cambiato il modo di vivere.


Siate attori consapevoli di questi cambiamenti, senza lasciarvi cogliere da essi di sorpresa semplicemente perchè non vi siete informati.
interessanti ..........essere attori e non protagonisti la dice lunga.
I protagonisti sanno come far fronte, gli attori devono solo recitare una parte (assegnata da chi?)

......in questo mondo di santi, il nostro cuore è rapito da mille profeti e da quattro cantanti.....


http://www.youtube.com/watch?v=9l7CaDfbr0c

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Calvero
Inviato: 8/1/2012 11:58  Aggiornato: 8/1/2012 11:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Il seguente è il campo da gioco di Chichen Itza


Ok, ho visto la prima foto. L'avete vista anche voi?
Però qualcuno adesso mi spieghi come si fa con i fianchi e le ginocchia (o il gomito destro - e mentre ovviamente degli avversari ti contrasteranno) ... ad azzeccare la palla in quel buco MAH

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
perspicace
Inviato: 8/1/2012 12:16  Aggiornato: 8/1/2012 12:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
E' un gioco Calvè se era facile che gioco era?!

Comunque così con un bel ciuffo di bacino

























oppure un bel Tapin di gomito


































Dal link di Incredulo

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
TAD
Inviato: 8/1/2012 17:30  Aggiornato: 9/1/2012 3:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ricostruire l'esatto Manuale della Pelota è un'impresa impossibile. La struttura sociale Maya era basata sul concetto di Città Stato: persino il Ruolo delle Divinità era variabile da una città all'altra. Per questo motivo, il Centro America, presenta numerosissime varianti del La Pelota Maya.

Occorre leggere tra le righe, cercando di identificare i Simboli costituenti le Dinamiche di Base. Ad esempio: in alcune città Maya, tra le regole di gioco, ve ne erano delle tali che sancivano l'immediata sconfitta della squadra che non ribatteva la palla dopo il secondo rimbalzo, oppure non la ribatteva dall'interno della proprio metà campo.

Inoltre, l'osservazione di Calvero:

Citazione:
Però qualcuno adesso mi spieghi come si fa con i fianchi e le ginocchia (o il gomito destro - e mentre ovviamente degli avversari ti contrasteranno) ... ad azzeccare la palla in quel buco


mi consente di specificare che i componenti delle due squadre in campo non entravano in contrasto fisico diretto: la dislocazione dei membri poteva avvenire esclusivamente all'interno della propria metà campo (sotto questo punto di vista, La Pelota, è più simile alla Pallavolo o al Tennis).

Dunque: La Sfera non doveva mai fermarsi, i giocatori avevano il compito di perpetuare il suo movimento avanti e indietro sul campo da gioco fino a quando non avrebbe attraversato il Serpente che morde la sua stessa coda.

Si tratta di un archetipo ancestrale, La Pelota è una metafora delle principali dicotomie che dalla notte dei tempi contraddistinguono ogni forma di spiritualità:

- Il Bene e il Male;

- La Luce e l'Oscurità;

- L'Ordine e il Caos.


La Pelota esprime la convinzione, da parte della civiltà Maya, che non esiste equilibrio senza movimento. L' equilibrio è il risultato della contrapposizione infinita tra due diverse entità.

E, ovviamente - ma non troppo - i Maya non sono gli unici ad esternare tale dogma.

Ogni singola civiltà che nel corso dei millenni ha abitato questo pianeta, ci ha lasciato le proprie nomenclature e simbologie al fine di riferirci a tali entità. Ciascuna di esse ha impegato tonnelate di pietra, straordinari investimenti economici, indefiniti anni del proprio tempo allo scopo di rappresentare l'eterna lotta per l'equilibrio.



In Egitto si chiamano Horus e Seth:



i quali, dopo la morte di Osiride, lottano per ottanta anni per consolidare l'equilibrio nella nuova epoca del mondo.
Ed è interessante osservare che - nella raffigurazione precedente - tale lotta consiste nel tirare una corda avvolta intorno ad un asse disposto verticalmente.



In India si chiamano Asura e Deva:



intenti a svolgere esattamente la stessa attività.



Ma in assoluto, per prendere visione della rappresentazione più suggestiva, occorre spostarsi ad...



Angkor - Cambogia

--------------------------------------------------------------------------------------

La Frullatura dell' Oceano di Latte:





- Ad Angkor Thom, il muro del Bayon è sormontato da 54 torri, ognuna con 4 figure scolpite per un totale di 216 raffigurazioni, il cortile principale è circondato da un muro che presenta 5 porte di accesso ognuna delle quali attraversate da altrettanti ponti costeggiati da una doppia fila di imponenti figure scolpite 54 deva e 54 asura per un totale di 108 immagini per ponte e un totale di 540 raffigurazioni.





La Frullatura continua anche all'esterno del tempio:

Da una parte...



...e dall'altra...



- 12 costellazioni;
- 36 anni = mezzo grado precessionale;
- 54 anni = 3/4 di grado precessionale;
- 72 anni = un grado precessionale;
- 108 anni = un grado precessionale e mezzo;
- 144 anni = due gradi precessionali;
- 180 anni = due gradi precessionali e mezzo;
- 216 anni = tre gradi precessionali;
- 2160 anni = un' era precessionale;
- 4320 anni = due ere precessionali;
- 12960 anni = mezzo computo;
- 25920 anni = Lungo Computo completo;

EditAdded:



--------------------------------------------------------------------------------------


Oggi, nel Terzo Millennio secondo il Calendario Gregoriano, a pochi mesi dall'ingresso nell' Era dell'Acquario, prossimi all'Alba del Sesto Sole...

...per rappresentare le stesse informazioni dobbiamo avvalerci di un Computer:





...e il risultato non ci consente la piena comprensione del fenomeno: abbiamo necessità di linkare ad una Fonte scritta.

Citazione:

Redazione:

Ma è solo introducendo il libro di Chilam-Balam, che contiene una lunga serie di profezie, che si arriva al leggere quella data nei termini catastrofici della “fine del mondo.”


Si, sono d'accordo: la visione catastrofista è senza dubbio da imputare al Chilam-Balam ma sono assolutamente certo che anche senza Popol Vuh o il Codice di Dresda o quello di Parigi o Madrid...

...io e molti altri... avremmo trascorso 21/12/2012...

...con lo sguardo rivolto alle stelle.

~WÃSÐ Lifestyle~
peonia
Inviato: 9/1/2012 12:40  Aggiornato: 9/1/2012 12:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
DA VEDERE E RIVEDERE, ENTRAMBE....
INFORMAZIONI CHE FORSE CONOSCETE MA BEN RIUNITE INSIEME...



http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=Xigk4HmCgiE#!


http://www.youtube.com/watch?v=BgnzRcXs_aU&feature=related

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
TWNP
Inviato: 9/1/2012 12:49  Aggiornato: 9/1/2012 12:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
A incredulo:
che per tutte le civiltà precolombiane il sacrificio di sè stessi
fosse un onore molto ambito, mi sembra invece che ci sia abbastanza
unanimità.
Lo ha detto anche Piero Angela nell'ultima puntata di Superquark.
Il motivo è molto semplice:
quelle civiltà non avevano una visione della vita individualistica, bensì
collettiva.
Ed è così ancora oggi, i Maya che ancora vivono in Messico e Guatemala
lottano da anni contro il Governo messicano che vuole costringerli a
privatizzare la terra, concetto totalmente al di fuori della loro mentalità.
Dunque, sacrificare sè stessi per garantire che il Sole continuasse a
irrorare con i suoi raggi la comunità, era quanto di meglio un uomo e
specie un guerriero potesse sperare nella propria vita.
Lo so che per noi è incomprensibile, ma noi non siamo Maya.


P.S.: che poi si sacrificassero anche i prigionieri di guerra e che questi
non fossero contenti di sacrificarsi per i "mestieri religiosi" di un altro
popolo, questo è un altro discorso...

_Marco_
Inviato: 9/1/2012 20:19  Aggiornato: 9/1/2012 20:19
So tutto
Iscritto: 9/1/2012
Da:
Inviati: 1
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
bellissimo articolo Massimo! posso dire tranquillamente che grazie a te questo sito è unico nel panorama italiano.

continua così!

incredulo
Inviato: 22/12/2012 7:56  Aggiornato: 22/12/2012 7:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
A distanza di un anno, questo articolo rimane inalterato nella sua forza e consistenza, a dimostrazione dell'esistenza di una dimensione ATEMPORALE (senza tempo) che TUTTI condividiamo.

Rileggendolo ho trovato questo passaggio particolarmente significativo ed in linea con i tempi attuali, con il MOMENTO attuale.

Citazione:
Se ora proviamo ad applicare questi concetti alla Profezia Maya tutto di colpo ci appare più sensato. Chilam-Balam non ci sta dicendo che ci sarà un terremoto di magnitudine sette virgola cinque il 4 agosto alle 15.30, ma ci sta presentando una dinamica universale, nella quale le forze in gioco hanno ormai raggiunto la massima potenza, per cui solo uno scontro a tutto campo fra di loro potrà creare le condizioni per il cambiamento radicale che caratterizza l’alba di un nuovo ciclo.


Questo e' in atto oggi, questo e' quello che stiamo vivendo oggi.

Citazione:
Il ciclo dei mondi: ovvero il Ritorno degli Dei


Citazione:
"..ci saranno "messaggeri" che precederanno la venuta del Purificatore.
Loro lasceranno messaggi a quelli che sulla Terra ricordano le vecchie vie.."


Tocca a noi SCEGLIERE da che parte stare, il PROCESSO E' IN ATTO.

Dobbiamo scegliere perche', come giustamente rileva l'articolo di Massimo:

Citazione:
Dopodichè sta a ciascuno di noi leggere la profezia come preferisce, sia nell’identificare le forze che stanno per scontrarsi, sia nel decidere i colori che vuole dare al nuovo giorno.
Non dimentichiamo però che nella sincronicità orientale – esattamente come nella fisica quantistica – l’osservatore è un elemento di primaria importanza per il risultato conclusivo.
Nessuno può illudersi di mettersi semplicemente alla finestra e stare a guardare quello che succede. Anzi, sono proprio quelli che sceglieranno di non fare nulla che rischiano di influire più di tutti sulle dinamiche e sull’esito finale di questo cambiamento.
Ogni volta che accettiamo una bugia invece di ribellarci, ogni volta che scegliamo il compromesso invece di rifiutare, ogni volta che tacciamo quando dovremmo parlare, noi aggiungiamo una molecola sul quel lato della bilancia che si oppone al cambiamento, rischiando di rendere molto più violento e più brutale il ribaltamento, che è comunque inevitabile.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Akane
Inviato: 22/12/2012 8:51  Aggiornato: 22/12/2012 8:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2011
Da: Austria
Inviati: 135
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Autore: stilx Inviato: 2/1/2012 14:20:18 faccio le mie di profezie obama viene rieletto non per meriti suoi ma per demeriiti degli imbecilli che si candidano contro: mormoni del cazzo, donne isteriche, vecchi coglioni assortiti (paul, gingrich) la juve vince lo scudetto monti dura fino al 2013 la benzina supera i 2 euro al litro Ahmadinejād si compra un abito nuovo da H&M


niente male ;)

paulop
Inviato: 22/12/2012 9:17  Aggiornato: 22/12/2012 9:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/12/2007
Da:
Inviati: 40
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Nel bellissimo Bhagavadgītā si legge:

Tu hai diritto soltanto all'azione, e mai ai frutti che derivano dalle azioni. Non considerarti il produttore dei frutti delle tue azioni, e non permettere a te stesso d'essere attaccato all'inattività. (Il Beato, II: 47)

Credo in questa frase si metta insieme diversi concetti espressi molto bene da Massimo.

"Scegliere di fare nulla" non è sempre una buona cosa, l'azione è necessaria per il funzionamento dell'universo. Agire con un cuore buono, pensando a tutto l'universo e sapendo che "ci siamo dentro".

tonipos
Inviato: 22/12/2012 9:19  Aggiornato: 22/12/2012 9:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2006
Da: Treviso
Inviati: 119
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@Massimo
Citazione:
Forse quel fiume siamo tutti noi.

Bello. Si passa dal cervello al cuore.

Alla fine ti accorgi sempre che nulla è come sembra
peonia
Inviato: 22/12/2012 9:52  Aggiornato: 22/12/2012 10:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Rileggendo oggi questo bellissimo articolo, mi ha colpito questa frase:

Anzi, sono proprio quelli che sceglieranno di non fare nulla che rischiano di influire più di tutti sulle dinamiche e sull’esito finale di questo cambiamento. Ogni volta che accettiamo una bugia invece di ribellarci, ogni volta che scegliamo il compromesso invece di rifiutare, ogni volta che tacciamo quando dovremmo parlare, noi aggiungiamo una molecola sul quel lato della bilancia che si oppone al cambiamento, rischiando di rendere molto più violento e più brutale il ribaltamento, che è comunque inevitabile.


riflessioni per il prossimo anno......
AUGURI A TUTTI! (chissà che fine ha fatto Desbouvet?..)



GUARDATE CHE STRANO QUESTO FENOMENO ACCADUTO IERI IN MESSICO
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=v3V5ei5iaoQ

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=v3V5ei5iaoQ

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
ElenaM
Inviato: 22/12/2012 10:12  Aggiornato: 22/12/2012 10:12
So tutto
Iscritto: 17/5/2011
Da:
Inviati: 28
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Peonia, come si legge dai commenti sotto, seppure fosse vero non è sicuramente di ieri. Vecchio video a cui hanno solo cambiato la data.

fefochip
Inviato: 22/12/2012 10:12  Aggiornato: 22/12/2012 10:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
una battuta velocissima e una considerazione

che il tempo sia ciclico basta vedere anche qui su luocomune come spesso massimo ripubblica degli articoli che sono ancora attuali a distanza di anni





poi volevo andare un "zinzino" controcorrente e proporre una visione leggermente diversa.

a mio avviso non è tanto il "non fare nulla" il "vero colpevole" ma la mancanza di coscienza di quello che si fa.
il "non fare nulla" in certe situazioni è l'unica opzione ragionevole e dettata da coraggio piu che da paura o da coscienza se volete.

insomma banalmente uno che si muove e/o parla a cazzo non è che migliora comunque le cose.
si tratta di agire e/o parlare con coscienza e non basta agire e/o parlare.
chiaro se l'inazione è dettata da una paralisi per paura non va bene ma certe volte l'inazione è una scelta.

la contemplazione stessa ad es. è un concetto che non si può liquidare insomma con "non stai a fà ncazzo".

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
peonia
Inviato: 22/12/2012 10:47  Aggiornato: 22/12/2012 10:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Elena, questa invece è del 18 sul Cile...
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=iumaKgWc5wQ

le date hanno poca importanza, comunque, fosse stato 6 aprile 1997, sempre un fenomeno incredibile è!

Fefo, non fare un cazzo per me significa disinteressarsi dell'andamento delle cose....poi puoi anche essere impegnato dalla mattina alla sera nel fare...dipende cosa....
ottima anche la contemplazione, perchè è attiva...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Oidualc
Inviato: 22/12/2012 12:12  Aggiornato: 22/12/2012 12:12
So tutto
Iscritto: 24/5/2011
Da:
Inviati: 21
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
A Massimo !!!! mi domando come faremo senza le tue illuminazioni!!!!
Buone feste e tutti .

Ti accorgi che stai crescendo quando batti tuo padre a braccio di ferro. Ti accorgi che sei maturo quando lo lasci dinuovo vincere
Maksi
Inviato: 22/12/2012 14:32  Aggiornato: 22/12/2012 14:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Nessuno ha colto la curiosa c-o-i-n-c-i-d-e-n-z-a delle dimissioni di Monti, proprio il 21.12.2012... Sono maniaci cabalisti forti!!!

Comunque, c'e' un trauma profondo nella coscienza colettiva, che riguarda la finedelmondo (c'e' tutta un'epopea mitologica). Sembra che vogliano reivocare certi traumi, come uno stimolo per relazionarsi con le nostre paure e speranze piu' profonde. Non e' forse quello che fa lo psicologo, durante le sedute, quando cerca di esternare il trauma dimenticato di determinate persone? Perche' lo fanno? Forse perche' e' una resa dei conti: o tutto o niente. Forse e' questo che significano le Ere cicliche: una rielaborazione del trauma ancestrale, che resetta il nostro stato di cose....... Pensieri in velocita'.

FedeV
Inviato: 22/12/2012 14:37  Aggiornato: 22/12/2012 14:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Autore: peonia Inviato: 22/12/2012 10:47:24

Elena, questa invece è del 18 sul Cile...
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=iumaKgWc5wQ
____________________________________

dal minuto 5 al 6 le luci delle strade viste in lontananza mi hanno fatto venire in mente la lastra di palenque

invisibile
Inviato: 22/12/2012 14:39  Aggiornato: 22/12/2012 14:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Nessuno ha colto la curiosa c-o-i-n-c-i-d-e-n-z-a delle dimissioni di Monti, proprio il 21.12.2012... Sono maniaci cabalisti forti!!!

Sono MALATI. Gravemente malati.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
peonia
Inviato: 22/12/2012 14:43  Aggiornato: 22/12/2012 14:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Fedev ti riferisci a quell'angolo molto luminoso che sembra un profilo di Quetzalcoatl? è vero....


Fefo, confesso che io ho pensato che Keshe sia un pleiadiano ... e qui mi fermo

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
JohnTitor
Inviato: 22/12/2012 15:37  Aggiornato: 22/12/2012 15:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Nessuno ha colto la curiosa c-o-i-n-c-i-d-e-n-z-a delle dimissioni di Monti, proprio il 21.12.2012... Sono maniaci cabalisti forti!!!

Monti salì al potere l'11-11-11 anche e se facciamo la somma 21 12 2012 fa ancora 11.

Cabalisti pazzi!

ivan
Inviato: 22/12/2012 16:02  Aggiornato: 22/12/2012 16:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
"salì al potere l'11-11-11 anche e se facciamo la somma 21 12 2012 fa ancora 11."


Fermate il mondo , voglio scendere ...

hendrix
Inviato: 22/12/2012 16:45  Aggiornato: 22/12/2012 16:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Citazione:
Monti salì al potere l'11-11-11


Sicuro?

Kenshiro
Inviato: 22/12/2012 17:25  Aggiornato: 22/12/2012 17:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/5/2010
Da: Croce del Sud
Inviati: 318
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
JohnTitor:

Nessuno ha colto la curiosa c-o-i-n-c-i-d-e-n-z-a delle dimissioni di Monti, proprio il 21.12.2012


Wow,allora i Maya non avevano previsto la fine del Mon-do,ma la fine del Mon-ti !!!

Guarda te!! Basta sbagliare una sillaba e fai cagare tutti addosso!!!

D'altronde lo ha detto pure lui:

http://video.sky.it/news/politica/monti_non_e_colpa_dei_maya_se_il_mio_governo_e_al_termine/v145195.vid

http://www.agi.it/politica/notizie/201212211550-pol-rt10178-21_dicembre_2012_fine_del_governo_monti_non_e_colpa_dei_maya

Come?? Mi dite che ha detto l'esatto contrario?

Nooo ragazzi,ricordatevi che alle dichiarazioni di Monti bisogna applicare la regola del gioco finale del programma televisivo "avanti un altro"...ossia: la risposta giusta è sempre il contrario!

Infatti qualcuno lo ha capito:

http://www.linksicilia.it/2012/12/il-regalo-dei-maya-le-dimissioni-di-monti/


Mondo marcio!!!
Docnight
Inviato: 22/12/2012 21:04  Aggiornato: 22/12/2012 22:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2012
Da:
Inviati: 293
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
A un certo punto (come dopo 160 commenti di questi su luogocomune.... ti accorgi che devi smettere di ragionare e ti lasci andare solo al sentire , inizialmente soffri per l'illusione che sbiadisce poi però capisci che quel che c'è dietro è luce e non ti importa più di nient'altro.

The future is now, Mister Hula Hoop

veljanov
Inviato: 22/12/2012 23:11  Aggiornato: 22/12/2012 23:11
So tutto
Iscritto: 4/5/2009
Da:
Inviati: 13
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ma non eravamo rimasti che un giorno sulla Terra dura esattamente 23:56:04?
Qui qualcuno fa il dispettoso...

Cmq sia, il mainstream giornalAistico (quello che decide cosa ha detto chi , come quando e perchè) ci ha poderosamente sfracellato i ...

Docnight
Inviato: 22/12/2012 23:17  Aggiornato: 22/12/2012 23:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2012
Da:
Inviati: 293
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
TAD basta con ste fantasie da complottisti,

Quello non è un anello di pietra, quello è chiaramente un DONUT....

TAD
Inviato: 22/12/2012 23:34  Aggiornato: 22/12/2012 23:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
@Docnight.

Ti invito a considerare che - in occasione della mia dissertazione su La Pelota - in questo stesso thread - in data 4/1/2012 22:50 - conclusi scrivendo:

- "P.S.: Non nutro alcun timore per la data ad oggetto perchè... sarà il Sesto Sole... altri Cinque saranno già tramontati... dunque... avremo anche l'Alba del prossimo..."

~WÃSÐ Lifestyle~
Docnight
Inviato: 23/12/2012 0:06  Aggiornato: 23/12/2012 0:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2012
Da:
Inviati: 293
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
TAD si ho aggiunto il sorrisino

L'anello di pietra era certamente un canestro, è che 1000 anni dopo quando sono arrivati gli Aztechi ci hanno riconosciuto una ciambella, la storia è un bizzarro susseguirsi di errate interpretazioni di chi è venuto prima

NiHiLaNtH
Inviato: 23/12/2012 17:39  Aggiornato: 23/12/2012 17:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
scusate ma

Mario Monti è stato nominato senatoe a vita il 9 novembre 2011 ( 9/11/11 ) ed è entrrato per la prima volta al senato l'11 novembre 2011 ( 11/11/11 ) e si è dimesso il giorno del solstizio d'inverno cioè il 21 dicembre 2012 ( l'orario preciso del soltizio di quest'anno è 11:11 )

Bigfoot
Inviato: 24/12/2012 23:44  Aggiornato: 24/12/2012 23:44
So tutto
Iscritto: 11/4/2010
Da:
Inviati: 6
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Bell'articolo e bella discussione in corso...

Matkshonov
Inviato: 26/12/2012 11:26  Aggiornato: 26/12/2012 11:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/11/2010
Da: Cesso
Inviati: 278
 Re: 2012: Nel segno delle profezie?
Ma nel conteggio delle date sono stati calcolati anche gli anni bisestili?

Poi volevo fare una domanda a cui non riesco a trovar risposta, ognivolta mi vien un mal di testa......

Come 'azzo si fa a dar credibilità a tutte le boiate che escono dalla NASA ?

Per cortesia, dite ai bambini che testa di parallelepipedo vuoto non è il suo nome (ecchè diamine, mica pesa 500.000 tonnellate),lui si chiama alberto angela

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA