Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Il TAV in TV
Inviato da Redazione il 18/9/2011 5:50:00 (4582 letture)

di Marco Cedolin

Proprio dopo essere riuscito a spegnere la TV in maniera definitiva, ed avere portato a termine fino in fondo il processo di disintossicazione da telecazzate assortite, sono purtroppo caduto preda della malsana idea di farmi del male un'ultima volta, dando sfoggio di un masochismo che non credevo appartenermi.

Mi hanno detto che su LA7 si parlava del TAV in TV, nell'ambito della puntata di "Piazza Pulita", con perfino una diretta da Chiomonte, davanti al cancello della centrale, quello dove i tutori dell'ordine (costituito o meno) sono soliti gasarti ogni volta che ti avvicini. E non sono riuscito a resistere, ho imbracciato il telecomando e animato tutti i piccoli Sims che da tempo immemorabile albergavano rinchiusi nei pixel.

Non ho impiegato molti secondi per comprendere che si trattava di un'idea oltremodo infelice e che un buon libro sarebbe stato di gran lunga compagno migliore, ma ormai la frittata era fatta e non mi restava che ascoltare i Sims, fingendo che si trattasse di una cosa seria.

In tutta verità del TAV non si parlava, gli argomenti dei servizi e dei dibattiti in studio …

… erano altri e spaziavano da tristi vicende di escort e puttane a raccapriccianti storie di mazzette e malaffare, per poi sfiorare ogni tanto problemi quali il debito pubblico e la credibilità della classe politica che, se misurata sulla campionatura dei politici ospitati in studio, appariva a dir poco in caduta libera.

Dopo avere ascoltato oltre un'ora di fesserie assortite, condite da battute di dubbio gusto e amenità dalle fogge più strane, ecco che intorno alle 23 (probabilmente attendendo che i bambini facilmente impressionabili potessero andare a letto) finalmente il conduttore passa la linea all'amico Sortino in collegamento da Chiomonte, con nutrita presenza di NO TAV per una volta assiepati tranquillamente davanti al cancello senza ricevere in dono gas e lacrimonegeni in faccia.

Il tempo per una brevissima presentazione e per un altrettanto breve quanto ficcante preambolo dell'amica Doriana ed ecco che la linea torna subitaneamente in studio, dove con concitazione il conduttore domanda un parere sulle parole ascoltate nientemeno che al Viceministro alle infrastrutture Roberto Castelli, un uomo che benchè ottenebrato dai fumi dell'alcool, in virtù della carica ricoperta dovrebbe avere almeno una vaga idea dell'argomento di cui si sta dibattendo.

In tutta evidenza riguardo alla vaga idea mi sbaglio di grosso, poichè il beota dopo avere bofonchiato qualche parola di circostanza inizia ad esperire un campionario di bestialità difficilmente mandabili a memoria, fra le quali la perla che il Tav Torino – Lione partirà da Lisbona per andare fino a Pechino. Sarà mai possibile, mi domando, che un viceministro alle infrastrutture non sia al corrente del fatto che causa default economico il Portogallo ha rinunciato a qualsiasi progetto concernente le infrastrutture per i treni ad alta velocità e che Pechino è una citta che da Torino dista 8208 km in linea d'aria ed oltre 20mila se la si volesse raggiungere con l'automobile?

La parola passa poi a Matteo Renzi, sindaco di quella Firenze che sta attendendo di venire rottamata, ben più in profondità del PD, dal sottoattraversamento del TAV che la sventrerà, con tutta probabilità mandandola al creatore. Il Renzi, forse per il fatto di non avere bevuto prima della trasmissione, denota subito più buon senso del collega, tentando di spostare l'argomento ed evitare di confrontarsi su una questione scomoda per chi come lui è costretto a difendere l'indifendile.

Comunica dati falsi, raccontando che il TAV Torino – Lione costerebbe circa 8 miliardi di euro, mentre in realtà quella è la stima di previsione relativa al solo tunnel di base e non alla linea e poi inizia a parlare d'altro, coadiuvato dal conduttore che inspiegabilmente manda in onda un servizio dove anzichè di Tav si parla della villa di Verdini e di storie di faccendieri e politica.

Quando la linea ritorna in studio, il ministro Castelli, non contento della propria performance precedente non trova di meglio che insultare i NO TAV presenti a Chiomonte, qualificandoli come violenti, nonostante i primi piani mostrino solo madri e padri di famiglia. Afferma che la volontà di 2000 persone non conta nulla se rapportata a quella di 25 milioni d'italiani che a suo avviso vorrebbero il TAV (dato da lui esperito in tutta evidenza nel fondo della bottiglia) e accusa i valligiani di avere fatto fallire la ditta che costruisce il cantiere, mandando in mezzo alla strada centinaia di dipendenti.

Possibile che un Viceministro alle infrastrutture, dopo che la questione del Tav in Val di Susa è ormai da anni sulle prime pagine dei giornali, non sappia che in Valsusa i cittadini contrari all'alta velocità sono circa 40mila su 60mila abitanti della Valle? E non sia al corrente del fatto che la ditta Italcoge è fallita perchè non pagava dipendenti e creditori e non certo perchè l'abbia fatta fallire il movimento NO TAV attraverso una qualche strana macumba?

Per un qualche miracolo la linea torna al buon Sortino, ancora un minuto di Doriana, poi un accorato sermone sull'inutilità della classe politica (compresi i Sims in studio) esperito dalla brava Simonetta in un altro paio di minuti, ed ecco che Chiomonte sparisce di nuovo. Ritornano i servizi fuori argomento e si parla nuovamente d'altro.

Ancora il tempo perchè si noti a tutto schermo che i NO TAV di Chiomonte, evidentemente contrariati dalla piega presa dalla tramissione, hanno girato le spalle alla telecamera in segno di disprezzo. Ancora il ministro Castelli che sfodera numeri degni di Mr Bean, definendosi povero (ed insultando i poveri veri) dal momento che guadagna solamente 145mila euro l'anno, che secondo lui equivarrebbero a circa 4mila e 500 euro mensili, lasciando basito il telespettatore che si sta ancora domandando dove sia andato a scuola questo attempato signore.

Ancora qualche sproloquio esperito da una ragazzetta vestita alla maniera delle escort dei servizi precedenti, ma che il conduttore chiama "onorevole" riguardo al fatto che loro, al sud il TAV lo vorrebbero eccome. Ma ne avete già una di Salerno – Reggio Calabria, davvero non vi basta? Ingordi!

Ancora il tempo perchè Renzi sfrutti a suo vantaggio la scivolata del finto povero Castelli e perchè entrambi dichiarino che in Val di Susa il dialogo con i cittadini c'è stato eccome. Certo, un dialogo molto particolare , loro chiusi dentro i cancelli della comunità montana ed i cittadini fuori a protestare, con in mezzo oltre alla cancellata una cinquantina di poliziotti in tenuta antisommossa. Se non è stato un dialogo questo.

Un servizio video con intervista a Beppe Grillo sul tema della classe politica.
Un siparietto durante il quale in studio arrivano due giornalisti, Peter Gomez (unica persona contraria all'alta velocità che abbia varcato quella soglia) e Belpietro.

Ancora il tempo perchè Castelli, sempre più vittima del fuoco etilico, accusi i valsusini di essere inguaribili violenti che lanciano pietre da 40 kg sui poliziotti con macchine da guerra di foggia medioevale e prenda ad esempio della violenza la scritta presente su un muro (coadiuvato in questo dalla regia) facendola passare per uno striscione dei manifestanti.

Ancora un brevissimo passaggio a Chiomonte, dove il sindaco di Avigliana in tre soli minuti riesce a costruire una replica ficcante, non dimenticando di catechizzare il Renzi suo compagno di partito e già la linea torna in studio per l'ultima volta, il buon Sortino sparisce in una dissolvenza.

Il conduttore ringrazia onorevoli e disonorevoli, convinto di avere fatto il suo dovere d'informazione e cala il sipario su una trasmissione che non ha detto nulla, con tutta probabilità per la semplice ragione che non aveva nulla da dire.

Schiaccio il tastino del telecomando, restituisco i Sims al loro stato criogenico e, pentito del mio gesto, mi riprometto che TAV o non TAV non li risveglierò mai più.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/
http://ariachetira.blogspot.com/

Voto: 8.00 (7 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Notturno
Inviato: 18/9/2011 8:43  Aggiornato: 18/9/2011 8:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: Il TAV in TV
Dolorosa la pillolina rossa, eh?

Era meglio quella blu.... ora te ne staresti in ciabatte, ingrassato e imbolsito, a guardate in tv le chiappe di Miss Italia o a goderti 10 cm di lingua sul TG1, col tuo bel sorriso ebete stampato in viso.

La conoscenza non è sinonimo di felicità.

E nemmeno la libertà.

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
rekit
Inviato: 18/9/2011 9:34  Aggiornato: 18/9/2011 9:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Il TAV in TV
mha? ho guardato anche io Annozer....volevo dire PiazzaPulita....e per quanto possa essere perfezionata e resa migliore dallo spessore di ospiti meno vergognosi ritengo che avrebbero potuto anche non cagare la val di Susa nemmeno di striscio....e allora giu' alla censura al silenzio mediatico etc...etc...
onestamente a parte le sparate disumanamente idiote di Castelli e i sermoni spappolatesticoli di Prod......volevo dire Renzi....il resto non l'ho trovato cosi poi cosi vergognoso come descrivi....ripeto, avrebbero potuto andare avanti a parlare di Carboni, Verdini, puttane e cavalieri (che poi sono quelli che stanno dietro alla TAV) per altre 3 ore senza nemmeno nominarla la TAV.

Doru
Inviato: 18/9/2011 9:40  Aggiornato: 18/9/2011 9:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Il TAV in TV
Ho finito da poco tempo di stupirmi della capacità dei media di parlare di qualsiasi altra cosa meno che le cose importanti di un certo momento. Per esempio c'è una bellissimo filone di notizie sui tatuaggi. Chi lo ha tolto, chi lo ha fatto, in qualsiasi caso finisce sulle prime pagine dei giornali. Qualche stupido disegnino sul culo di un'attrice e molto più importante del disastro nucleare di Fukushima. O del TAV già che ci siamo sul argomento. Io neanche il TAV no l'ho capito. Perché non rubano semplicemente i soldi che servono per la costruzione e la facciamo finita con questa storia? Sono diventati stupidi al improvviso? Ruba i soldi e basta, e lascia la montagna in pace. Questo si che è incomprensibile. La conclusione logica è che lo fanno a posta, forse per rompere le palle alla gente, forse per studiare fino a dove si potranno spingere in futuro su altri progetti.

Si mette la domanda, se il TAV ha riuscito a smuovere le coscienze degli abitanti del luogo e gli ha spinti ad organizzarsi e combattere, allora ben venga uno TAV in ogni altro posto del mondo. Un TAV per ogni città. Pensate, una mattina vi svegliati e sui tutti i giornali c'è il nome della vostra città, piccola o grande, seguita di questo testo: "Il TAV passerà in mezzo alla città, ventimila case saranno demolite!" Vedrai come la gente si sveglierà e almeno proverà a conquistare il potere di decidere cosa fare della loro vita. Non "riconquistare" come qualche deficiente (e sono molti) pensano. Per riconquistare qualcosa devi averla avuto prima e poi perderlo. Che, ovviamente non e mai successo.

VIVA IL TAV!!!

galaulio
Inviato: 18/9/2011 12:22  Aggiornato: 18/9/2011 12:22
So tutto
Iscritto: 22/11/2010
Da:
Inviati: 9
 Re: Il TAV in TV
Io non ho visto la trasmissione, anche perchè ho staccato la TV e mi dedico ad altro.
Sulla TAV italiana devo dire una cosa: io vivo nel sud della Spagna e vedo che in quel paese tutte queste pippe mentali su TAV , no TAV e menate varie non se le fanno.
Oltre a una rete ferroviaria che funziona egregiamente a prezzi bassi, hanno già collegato le principali città in alta velocità e nei prossimi 2 anni collegheranno le ciità minori.
Per esempio da Malaga a Madrid, 550 km, 2 ore e 30, da Malaga a Barcellona, più di 1000 km 5 ore, costi ridotti e un servizio eccellente.
Mi chiedo, ma perchè noi italiani dobbiamo sempre trasformare ogni cosa e ogni opportunità in un problema e in un aumento dei costi?

Un saluto a tutti

Cassandra
Inviato: 18/9/2011 13:31  Aggiornato: 18/9/2011 13:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Il TAV in TV
Perché in Italia la TAV non ha "prezzi ridotti", ma prezzi da miliardari.
Perché la TAV in Italia NON ha un "servizio eccellente", ma i soliti cessi rotti e puzzolenti. Provare per credere... oppure sei in Spagna e i treni italiani non li prendi?

Perché forse, in Spagna, i treni per i pendolari (quelli che servono ogni giorno) non sono rotti, cancellati, saturi e pieni di pidocchi.

Vieni, vieni in Italia prima di parlare. I lussi della TAV ce li permetteremo quando tutto il resto sarà a posto. Io non compro collane di brillanti se ho le mutande a pezzi e le calze bucate.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
winston73
Inviato: 18/9/2011 14:53  Aggiornato: 18/9/2011 14:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Il TAV in TV
la TV va non solo spenta ma si deve altresì intervenire sulla sua presenza fisica in casa.
bisogna in poche parole eliminarla fisicamente
suggerisco un rito di distruzione all'aperto
attenti ai fumi venefici che liberandosi dal tubo catodico vi renderanno liberi
nel mito della caverna è la parete su cui si proiettano le ombre.
usciamo al sole, alla chiara visione del reale.

sulla TAV è evidente dai filmati che ogni tanto visiono che è stato fatto un gran lavoro di informazione tecnica dal movimento ANTI alla popolazione e questo ha fatto si che le persone ANTI si moltiplicassero. Chiunque di loro ne sa più del ministronzo(MAXI) di turno.

bisogna insistere sul fatto che non serve e costa troppo, secondo me questo fa accendere i cuori e le orecchie di moltissimi italiani.

2+2=5
lucred
Inviato: 18/9/2011 15:52  Aggiornato: 18/9/2011 15:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il TAV in TV
Citazione:
spegnere la TV in maniera definitiva


Non basta.Bisogna buttarla.

rekit
Inviato: 18/9/2011 17:40  Aggiornato: 18/9/2011 17:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Il TAV in TV
scusate ma ...
a prescindere dalla TAV
sta storia del "spegnete la TV", " buttatela via del tutto", "io la TV non la guardo piu'", comincia a diventare stucchevole...
Quando qualcuno mi dice che "saranno 5 anni che non accendo la televisione" io gli credo anche sulla parola....

pero'....

se avessi avuto un centesimo per ogni persona che mi ha detto una delle frasi tipo riportate qua sopra ora sarei ricco e annozero avrebbe 3 spettatori nel momento di punta della serata...
ma siccome non sono ricco e annozero (e lo cito solo come esempio) ha fatto punte di 8/9 milioni.....
e considerando che tra gli articoli piu' commentati ce ne sono parecchi che riguardano direttamente o indirettamente cio' che passa in TV, programmi,interviste,dibattiti,personaggi etc...etc.....

la cosa comincia a diventarmi grottesca...
bho, non so se mi spiego?

winston73
Inviato: 18/9/2011 18:48  Aggiornato: 18/9/2011 18:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Il TAV in TV
io non ce l'ho credimi
guardo le cose su internet è questo è molto di più.
anni fa ho deciso di smettere coi tg poi con il resto.
è un mezzo obsoleto, morto.
sotterriamolo.
ora anche santoro andrà in web per essere più libero
poi la dandini poi fabris
ewwiwa

2+2=5
cnj
Inviato: 18/9/2011 20:53  Aggiornato: 18/9/2011 20:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Il TAV in TV
La TV è un mezzo. Al momento è gestito da una manica di beoti, venduti e spesso incapaci. Ricordiamoci che la TV è un arma di disinformazione di massa. Se "NOI" la spegniamo o distruggiamo serve solo a fare il loro gioco.
Di giornalisti televisivi che meritano il tesserino ce ne sono pochi. Ma ci sono. Anch'io perdo poco tempo guardando la TV ma non credo sia la strada giusta quella di non guardarla. Penso sia più impegnativo e costruttivo trovare la maniera di ribellarsi a certe indecenze che spacciano per giornalismo per riprenderci almeno un po' del nostro spazio di cui abbiamo diritto.
Se da una parte tutti i TG sono fotocopie di Novella 2000 esistono Inchieste come quelle di RaiNews che meritano la nostra attenzione ed il nostro appoggio. Ce ne sono anche altre di realtà valide, sprazzi di verità, fessure di luce che dobbiamo coltivare ed appoggiare per far aprire gli occhi a tanti telespettatori lobotomizzati...... che ancora si riescono a salvare perchè il mezzo "TV" è il più diretto ed efficace. Naturalmente il WEB è altro, meglio, ma ancora indietro per catturare l'attenzione di certa gente che non scambierebbe mai il telecomando con il mouse. Magari quando lo farà sarà troppo tardi e anche il WEB sarà nelle "loro" mani.

LA7 è come le altre. Del TG de LA7 poi non ne parliamo...... c'è gente che pensa che Mentana sia un luminare.... "ma mi faccia il piacere".

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
peonia
Inviato: 18/9/2011 21:03  Aggiornato: 18/9/2011 21:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il TAV in TV
BRAVA CASSANDRA, E IL TUO RAGIONAMENTO SI PUO' APPLICARE A TUTTO, MA PROPRIO TUTTO QUI DA NOI!
DOBBIAMO RI-SCOPRIRE L'ESSENZIALE.....

MARCO, IN FONDO QUESTO SERVIZIO HA SORTITO UN BUON EFFETTO.....
NON ACCENDERAI PIU' LA TV E SE LO FACESSERO TUTTI, DA UN MOMENTO ALL'ALTRO STI PALLONI GONFIATI A FALSITA' SI GONFIEREBBERO D'INCANTO...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
peonia
Inviato: 18/9/2011 21:06  Aggiornato: 18/9/2011 21:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il TAV in TV
@CNJ
ABBIAMO INTERNET, NON C'E' BISOGNO DI FARSI SANGUE AMARO PER ESSER PRESI PER IL C...LO

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
peonia
Inviato: 18/9/2011 21:09  Aggiornato: 18/9/2011 21:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il TAV in TV
REKIT NON C'è BISOGNO DI GUARDARE LA TV PER ESSERE INFORMATI SU ALCUNE COSE, APPUNTO C'E' INTERNET PER ESSERE MESSI COMUNQUE AL CORRENTE ANCHE IN SINTESI DI QUEL CHE HANNO PASSATO IN TV, SE PROPRIO TI INTERESSA SAPERLO...MA SE NE PUO' FARE TRANBQUEILLAMENTE A MENO.
IO SONO PIU' DI 6 ANNI CHE NON LA GUARDO...




edit: scusate il maiuscolo....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
rekit
Inviato: 18/9/2011 21:23  Aggiornato: 18/9/2011 21:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Il TAV in TV
Peonia io posso anche essere daccordo con quello che dici, lo so anche io che la televisione sarebbe da evitare e che fa schifo, pero' tutti questi "detelevisionizzati" ne sanno un sacco di tv....e non solo qui, e' una cosa diffusissima...
ma vuole essere solo una considerazione in generale.

comunque ritengo che non ci sia nulla di male o vergognoso nel guardarla....l'importante e' capire cosa si sta guardando

TAD
Inviato: 18/9/2011 21:44  Aggiornato: 18/9/2011 21:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il TAV in TV
Ogni volta che la Redazione di Luogocomune posta in Home un articolo avente ad oggetto la Televisione la mia opinione sul founder di questa board... vacilla.

Anche questa volta, pur apprezzando senza remore il tono usato da Marco Cedolin nel riferirsi allo strumento in oggetto, non posso fare a meno di coltivare un certo imbarazzo.

Lo coltivo perchè da ormai molto tempo - come ho già scritto quì su LC - ritengo che la Televisione debba essere dimenticata.

E seguitare ad occuparsene... rende sempre più lungo il cammino verso la perdita del ricordo....

Non smetterò mai di ribadirlo:

Io la TV la voglio fallita.

Il broadcasting è la tecnologia per la trasmissione delle informazioni più semplice ed antica tra tutte. La TV trasmette in broadcasting. Anche le Radiostazioni trasmettono in broadcasting ma, per quanto possa apparirvi paradossale, nelle trasmissioni Radio è previsto l' Half-Duplex: un singolo canale di trasmissione; si alterna la trasmissione con la ricezione. Inutile dire che i radioamatori non trasmettono soltanto... la loro apparecchiatura è implementata anche per ricevere.

Insomma, fin dai tempi di Guglielmo Marconi e soprattutto Nicola Tesla, il fine ultimo di tali ritrovati teconologici è sempre stato la comunicazione.

Personalmente ritengo che comunicazione sia possibilità di scambio di informazioni e possibilità di scelta.

Nel panorama televisivo internazionale non viene offerto alcuno scambio e nessuna scelta.

Sintonizzarsi su un canale televisivo piuttosto che un altro, guardare una trasmissione di approfondimento piuttosto che un reality show non ha niente a che vedere con la SCELTA.

E' solo: "selezione tra opzioni".

Il mio mouse in simbiosi con il puntatore sullo schermo: questa è possibilità di scegliere.

Citazione:
cnj:

esistono Inchieste come quelle di RaiNews che meritano la nostra attenzione ed il nostro appoggio


Non meritano l' etere in cui trasmettono.

Citazione:
Naturalmente il WEB è altro, meglio, ma ancora indietro per catturare l'attenzione di certa gente che non scambierebbe mai il telecomando con il mouse


La gente è indietro... il WEB è già arrivato.

Citazione:
Ce ne sono anche altre di realtà valide, sprazzi di verità, fessure di luce che dobbiamo coltivare ed appoggiare per far aprire gli occhi a tanti telespettatori lobotomizzati


I tuoi telespettatori possono continuare ad aspettare la fine dei tempi... per quanto mi riguarda potrebbero vaporizzarsi in questo istante... non verserei una lacrima per nessuno...

~WÃSÐ Lifestyle~
Redazione
Inviato: 18/9/2011 21:50  Aggiornato: 18/9/2011 21:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il TAV in TV
TAD: "Ogni volta che la Redazione di Luogocomune posta in Home un articolo avente ad oggetto la Televisione la mia opinione sul founder di questa board... vacilla."

A parte che Marco Cedolin, per tutto quello che ha fatto nella sua vita, avrà sempre il suo spazio su LC, anche se si metterà a scrivere articoli sulle migrazioni dei coleotteri, ma poi... manco fosse un articolo positivo rispetto alla TV!

Boh, che vuoi che ti dica TAD, "vacilla" pure, se proprio ci tieni.

TAD
Inviato: 18/9/2011 21:57  Aggiornato: 18/9/2011 21:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il TAV in TV
Citazione:
@Redazione

A parte che Marco Cedolin, per tutto quello che ha fatto nella sua vita, avrà sempre il suo spazio su LC, anche se si metterà a scrivere articoli sulle migrazioni dei coleotteri, ma poi... manco fosse un articolo positivo rispetto alla TV!


Citazione:
TAD:

pur apprezzando senza remore il tono usato da Marco Cedolin nel riferirsi allo strumento in oggetto


Togliti dalla testa la convinzione che io stia cercando uno scontro frontale con te.

Voglio la TV fallita. Non Massimo Mazzucco, non Luogocomune.

~WÃSÐ Lifestyle~
Redazione
Inviato: 19/9/2011 0:19  Aggiornato: 19/9/2011 0:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il TAV in TV
TAD: "Togliti dalla testa la convinzione che io stia cercando uno scontro frontale con te"

Tranquillo TAD, non l'ho mai pensato (anche perchè chi "vacilla", di solito, vacilla da solo )

TAD
Inviato: 19/9/2011 0:59  Aggiornato: 19/9/2011 0:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il TAV in TV
Citazione:
anche perchè chi "vacilla", di solito, vacilla da solo


...

~WÃSÐ Lifestyle~
Calvero
Inviato: 19/9/2011 2:49  Aggiornato: 19/9/2011 3:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il TAV in TV
____________
______

La TV:

La si potrebbe tranquillamente sostituire alla rappresentazione di Satana e il Serpente, in tutti i dipinti del mondo. E un giorno, quando non potrò vederlo, sarà fatto.

- Ti parla all'orecchio, e non vuole che tu gli risponda. Ama che tu non possa farlo.

- Ti dice cosa è giusto e cosa è sbagliato, perché non può dare l'esempio.

- Ti dice chi devi tradire, facendoti comprare una cosa che non ti serve.

- Ti dice come si adora. MAI come si ama.

- Ti loda, perché non ti conosce.

- Ti disprezza, perché non ti ascolta.

- L'accendi, perché sei spento.

- Ti intrattiene, perché non sei libero.

- Aiuta le persone di buona volontà, per dare credito al resto delle Bugie.

La malvagità può fare presa, lì, dove tu non hai interazione. A breve o a lungo termine, comunque ti porta sempre nel suo lato oscuro. La televisione non può e mai potrà essere «Mezzo», il suo vero nome, al limite, è un altro ... la televisione è un Trasformatore. E se dico che la società nostra è una società di trasformati, tutto dico ... tranne che una bugia.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
peonia
Inviato: 19/9/2011 9:49  Aggiornato: 19/9/2011 9:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il TAV in TV
complimenti Calvero!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
winston73
Inviato: 19/9/2011 10:08  Aggiornato: 19/9/2011 10:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Il TAV in TV
la tv già arranca dietro al web.
secondo me tutte queste trasmissioni non ci sarebbero se i redattori tv non navigassero e vedessero la portata ormai oceanica dell'informazione non allineata.
ma dovendo fare marchette politiche e fare audience ecco che le trasmissioni che affrontano temi diciamo"alternativi" finiscono per fare pastrocchi inguardabili.
soprattutto dove ti viene orchestrato un simildibattito.
tutta fuffa.
ripeto la tv va eliminata fisicamente dai nostri luoghi di vita perchè sempre ci assale in momenti critici la tentazione di mettersi passivi in poltrona a lasciarsi attraversare da fiumi di bugie non può far altro che trasformare la nostra esistenza in una mega impalcatura falsa come i paesi di cartone per i film di cowboys.

2+2=5
Vicarious
Inviato: 19/9/2011 11:50  Aggiornato: 19/9/2011 11:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/7/2010
Da:
Inviati: 35
 Re: Il TAV in TV
Galaulio
anche io vivo nel sud della Spagna, tu dove precisamente?

perspicace
Inviato: 21/9/2011 10:37  Aggiornato: 21/9/2011 10:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Il TAV in TV
come già vi dicevo le sorti del mondo sono chiare se si aprono gli occhi

Inviato: 3/9/2011 Re: Attacco alla Libia da perspicace
"...quindi tutte queste guerre perché? semplice Ricostruire la via della seta e per farlo devono prendere il controllo di Afganistan, Iraq, Siria, Libia, Pakistan, Turchia, Palestina dato che con l'avvento tecnologico tutti i traffici commerciali che adesso sono fatti con navi e aerei dovranno essere rimpiazzati con trasporti di terra è una necessita strategica avere il controllo della via della seta per poter essere una potenza mondiale. E chi possiederà quei territori possiederà la migliore economia del futuro ecco perché tanta ostinazione per quel area petrolio e gas passano in secondo piano bastano a malapena a finanziare la guerra con i suoi enormi costi e la costruzione dei governi fantoccio il vero obiettivo e il territorio in vista della grande scalata tecnologica che ci aspetta nei prossimi anni che ci porterà di nuovo a spostare merci sulla terra ferma. "

Anche castelli nella trasmissione a confermato che nei prossimi 20 anni ci sarà una linea per treni speciali che andrà dal Europa alla Cina ( forse da parlamentare riesce ad avere informazioni in più rispetto a una persona comune) ma vi dirò di più, verranno costruite linee ferroviarie per treni elettrici anche tra Europa e india, Europa e Africa, Cina e Africa, Africa e India, Cina e India, le destabilizzazioni avvenute in: Pakistan Afghanistan Iran Iraq Siria Turchia Grecia Egitto Libia Algeria sono obbiettivi già raggiunti, non mi stupirei anche di una dichiarazione a giorni di una raggiunta ufficializzazione dello stato palestinese per iniziare la stabilizzazione dei territori. Fatto questo le grandi manovre di terra cesseranno e con esse anche la crisi economica, vi spiego perché citando Sun Tzu

Muovere guerra
9. Il materiale perla guerra portalo da casa ma il foraggio dal campo del nemico. In questo modo l'esercito avrà cibo a sufficienza per i suoi bisogni.

10. La povertà delle finanze statali metterà l'esercito lontano nella necessità di essere mantenuto dai contribuenti. Le contribuzioni per mantenere un esercito lontano da casa causano l'impoverimento del popolo.

11. D'altra parte, la prossimità di un esercito può causare l'aumento dei prezzi; i prezzi alti fanno si che le sostanze della gente si esauriscano.

12.Quando le loro sostanze saranno prosciugate, i contadini si troveranno gravati di pesanti sanzioni.

13.-14. Per questa perdita di sostanza ed esaurimento di forze, le case della gente saranno completamente spogliate, e tre decimi del loro ricavo saranno dissipati; mentre le spese governative per carri rotti, cavalli sfiniti, corazze ed elmetti, archi e frecce, lance e scudi, mantelli protettivi, carri trainati da buoi e carri pesanti ammonteranno a quattro decimi del reddito totale.

quindi ma come già penso era chiaro a molti la crisi economica e la conseguenza di grandi manovre di guerra e che quindi terminerà al raggiungimento degli obiettivi che ho sopra elencato.

finita la crisi del mondo civilizzato inizierà la ricostruzione dell'Africa, da una mia stima mancano più o meno un 25 anni alla fine della fame nel mondo.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
perspicace
Inviato: 21/9/2011 11:01  Aggiornato: 21/9/2011 11:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Il TAV in TV
Oggi mi sento veramente generoso di informazioni vi dirò di più l'attacco a FuKushima con l'harp tsunami-terremoto era mirato a spezzare la maggiore via di collegamento giapponese lo Shinkasen cosi da minare l'economia giapponese da sempre legato alle borse mondiali e stato un gioco di derivati i militari che sono gli unici al mondo che hanno il permesso di utilizzare l'harp, hanno scommesso che ci sarebbe stato un grande calo del mercato americano da più di 50 anni legato al impero giapponese e che la cina avrebbe preso punti in borsa visto che la Cina è l'antagonista degli USA

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
ProphetOne
Inviato: 24/9/2011 14:07  Aggiornato: 24/9/2011 14:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/6/2006
Da: Pianeta Nibiru
Inviati: 79
 Re: Il TAV in TV
@perspicace
Secondo me, invece, tutto questo non si concluderà con la fine della fame nel mondo ma con ulteriori e progressive sciagure, visto che lo scopo finale è la riduzione della popolazione mondiale.

Altre due cosette al volo.

Castelli
Il "povero" Castelli è sempre in prima fila in televisione ad insultare i NOTAV per motivi ben precisi: se non ricordo male, una delle imprese più importanti coinvolte nel progetto è di proprietà della moglie. Il conflitto di interessi, questo sconosciuto.
In questi casi mi fanno girare di più gli zebedei i giornalisti che lo presentano solo come viceministro e non come imprenditore coinvolto nell'affare.

Citazione:
...guadagna solamente 145mila euro l'anno, che secondo lui equivarrebbero a circa 4mila e 500 euro mensili
Non ho fatto i conti con le aliquote, ma può darsi che abbia dimenticato di spiegare che i 145000 sono il lordo e i 4500 sono il netto in busta paga.

La televisione
Le contraddizioni che notiamo in noi stessi luogocomunisti nell'affrontare il malefico oggetto, odiato da tutti, ma relegato in cantina da nessuno, sono del tutto comprensibili e fisiologiche. Credo che dovremo farci un po' pace: se è vero che la televisione è come un prete che ti predica nelle orecchie tutto il giorno, è anche vero che almeno noi dovremmo essere ormai immuni dalle sue influenze. Per questo ritengo che sia invece un bene tenerla in casa e accenderla ogni tanto, per tenersi aggiornati sulle bugie che il sistema politico-mediatico usa in continuazione per distrarre e manipolare le masse.
Quando passo dai miei, trovo sempre molto utile guardare il telegiornale in compagnia di mia madre e alla fine spiegarle dove e perché ci hanno mentito.

perspicace
Inviato: 29/9/2011 20:25  Aggiornato: 29/9/2011 20:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Il TAV in TV
@perspicace
Secondo me, invece, tutto questo non si concluderà con la fine della fame nel mondo ma con ulteriori e progressive sciagure, visto che lo scopo finale è la riduzione della popolazione mondiale.

Secondo me siamo pochi dovremmo aumentare di numero almeno 4 miliardi di persone in più per vivere bene altrimenti avremmo tutti troppe cose da fare.

tra 8 anni saremo in piena ripresa economica ;) tipo dopoguerra in Usa

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA