Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : Perchè votare?
Inviato da Redazione il 13/5/2011 20:10:00 (8816 letture)


Esatto, il tam tam mediatico è iniziato da mesi ormai e la frase che rimbomba nel cervello e nella grancassa della propaganda è: "Votate! Non importa per chi, basta che votiate". Ovvero: "Siete delle pecore, noi vogliamo che voi siate delle pecore! Ebbene pascolate ora e lasciate al padrone il compito di accudire la fattoria". Non fa una grinza. Bisogna capire che il voto non è "azione", è la sua antitesi. E' un mero esercizio di "giudizio". Essendo privato dell'azione l'elettore non riesce a capire la profondità della sua scelta; da qui, secondo me, il detto "il minore dei due mali" è venuto alla ribalta. Se una cosa è male io decido di non scegliere, poichè qualsiasi cosa, anche in minor entità, nuocerà alla mia "salute". Invece l'esercizio di delega è solo un giudizio: "per me questo è leggermente meno male di quell'altro, perchè..."; ma sarà il candidato a compiere le azioni, non l'elettore stesso.

di Mark Brandly1


[Un file audio MP3 di questo articolo, narrato da Steven Ng, è disponibile per il download.]

Nel mio recente articolo "Come Vincere un'Elezione"2 ho fatto notare come "il vostro voto non conti". Date alcune risposte a questa frase, vorrei fornire un'ulteriore spiegazione.

Si consideri cosa significa dire "il vostro voto non conta". Il vostro voto conta se influenza il risultato dell'elezione in questione. Come ciò possa avvenire dipende dal numero dei voti conteggiati. Se c'è un numero pari di elettori in un'elezione, il vostro voto conta solo se crea un pareggio ed il vostro candidato prosegue per vincere l'elezione. Se non aveste votato, il vostro candidato avrebbe perso per un voto. In un caso simile, a causa del vostro voto, le probabilità di vincita del vostro candidato sono aumentate dallo 0% a circa il 50%.

Dall'altro lato se c'è un numero dispari di elettori, il vostro voto conta se rompe il pareggio che avrebbe avuto luogo in assenza del vostro voto. In un caso simile le probabilità del vostro candidato di vincere aumentano da circa il 50% al 100%.3 La possibilità che possa avvenire uno di questi avvenimenti dipende dal numero di elettori nell'elezione, tra le altre cose. Sommando il tutto, le probabilità che il vostro voto faccia la differenza sono approssimativamente 1/N, dove N è il numero di elettori nell'elezione.4 Secondo questa stima in un'elezione con 100 milioni di elettori, la possibilità che un singolo voto influenzi il risultato dell'elezione sarebbe circa un milionesino del 1%.

Nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, le cose si fanno complicate a causa del nostro Collegio Elettorale. Tuttavia uno studio delle elezioni del 2008, un'elezione con circa 130 milioni di elettori, mostra che questa stima di 1/N sembra rimanere corretta per un ordine di grandezza. Poco prima l'elezione presidenziale del 2008, Andrew Gelman, Nate Silver e Aaron Edlin (GSE), hanno proiettato le probabilità che un singolo voto aveva nell'influenzare quell'elezione.5 Basando le loro previsioni sui sondaggi immediatamente prima l'elezione del 2008, il GSE ha stimato la possibilità che un elettore preso a caso potesse influenzare l'elezione fosse di una su 60 milioni. Nelle loro previsioni Stato dopo Stato, un singolo voto in New Mexico, New Hampshire, Colorado, o Virginia risultava apparentemente importante, con una possibilità approssimata di una su 10 milioni che un singolo voto in questi Stati avrebbe fatto la differenza in quell'elezione. In Alaska, Hawaii e nel Distretto di Columbia "la probabilità che un singolo voto fosse decisivo era quasi zero".

Gli analisti che considerano spesso questo argomento paragonano le possibilità che un voto possa fare la differenza in un'elezione nazionale, alle probabilità di morire guidando nel Giorno dell'Elezione: è più probabile che si possa morire in un incidente mortale piuttosto che il vostro voto sia decisivo. Uno studio del 2008, pubblicato dal Journal of the American Medical Association, conferma questa conclusione. Donald Redelmeier e Robert Tibshirani hanno esaminato le morti connesse alla strada durante le ore in cui si vota nei Giorni Elettivi paragonate al numero delle morti nel martedì precedente e successivo all'elezione negli ultimi 30 giorni. Hanno scoperto che la media di 158 morti nel Giorno dell'Elezione è del 18% superiore rispetto al tasso medio di morte negli altri giorni.6

Sembra che un automobilista abbia più possibilità di morire durante le ore di voto rispetto a qualsiasi altro periodo. Che questo sia il caso o no, migliaia di persone sono morte mentre guidavano durante i periodi di voto per le elezioni presidenziali, ma mai un singolo voto è stato determinante per una di queste elezioni.

Un sondaggio del 2007 degli studenti della Ferris State University (insegno alla Ferris State) mostra che il 79% degli studenti "sentono che il loro voto faccia la differenza". Mi sembra che gli studenti siano influenzati dalla gran cassa del "dovreste votare" del campus. Presumo che gli studenti stavano fornendo risposte politicamente corrette al sondaggio, anche se sanno che il loro voto non fa la differenza. I sondaggi informali nelle mie classi indicano che una bassa percentuale dei miei studenti crede che il loro voto possa con tutta probabilità influenzare un'elezione o le politiche del governo. Se è vero che il 79% degli studenti della mia università crede che il loro voto possa influenzare un'elezione presidenziale, forse la Ferris State dovrebbe considerare di ristrutturare il suo programma generale di istruzione.

Non solo un singolo voto non fa la differenza, nelle elezioni presidenziali sembra che tutti i voti dello Stato del Michigan non contino. Se un singolo individuo potesse controllare tutti gli elettori nel Michigan e se tutti gli elettori del Michigan avessero votato per John McCain, Barack Obama sarebbe stato ancora il vincitore dell'elezione del 2008. Se tutti gli elettori del Michigan avessero votato per John Kerry nel 2004 e per Al Gore nel 2000, George Bush sarebbe stato ancora il vincitore di entrambe le elezioni. Infatti se tutti gli elettori del Michigan avessero votato per il candidato perdente in ogni elezione sin dal 1900, ciò non avrebbe cambiato nulla. Gli stessi candidati avrebbero vinto ogni elezione. Apparentemente non sembra importante se gli elettori del Michigan sostengano i Democratici, i Repubblicani o Shaq. Ovviamente gli elettori del Michigan come gruppo potrebbero influenzare un'elezione presidenziale, solo che non è accaduto nell'ultimo secolo.

uardando alle 28 elezioni presidenziali dal 1900 al 2008 viene fuori che solo raramente il voto di un singolo Stato ha influenzato l'elezione. In 23 di queste 28 elezioni (82% delle volte) nessun totale dei voti di un singolo Stato ha avuto importanza. In queste 23 elezioni, se una persona potesse controllare ogni singolo voto in uno Stato qualunque, anche uno degli Stati più grandi, questa persona non potrebbe cambiare il risultato dell'elezione. Nel 1916 dieci Stati fecero la differenza (per "fare la differenza" intendo che se una maggioranza degli elettori dello Stato sosteneva il candidato perdente, il risultato dell'elezione sarebbe stato diverso).7

Il voto di New York fece la differenza nell'elezione del 1960 tra Kennedy-Nixon e del 1976 tra Carter-Ford; i 30 Stati che andarono a Bush nella famosa elezione del 2000 tra Bush-Al Gore fecero tutti la differenza; ed Ohio, Florida e Texas fecero tutti la differenza nell'elezione del 2004 tra Bush-Kerry. Del totale delle 1,362 volte che gli Stati hanno partecipato alle 28 elezioni sin dal 1900, i voti di un singolo Stato hanno influenzato il risultato dell'elezione 45 volte o solo il 3,3% delle volte. Per gli elettori di 18 Stati sin dal 1900, il loro Stato al completo non ha avuto importanza in nessuna delle elezioni presidenziali.8

Spesso quando evidenzio il fatto che il tuo voto non conta, le persone rispondono dicendo che uno dovrebbe ancora votare anche se il proprio voto non influenzerà l'elezione. Lasciatemi brevemente considerare tre comuni repliche alla conclusione "il tuo voto non conta".

Alcune persone fanno un'affermazione che parafraserò come segue: "Molti voti potrebbero influenzare un'elezione. Pertanto è importante che tu voti, perchè i voti si sommano. Perchè molti voti contano, il voto di ogni singolo individuo conta". Ora è vero che molti voti potrebbero influenzare un'elezione, ma ciò è irrilevante fino al punto che un singolo voto non conta.

Questa idea è un esempio della fallacia della divisione. Questa fallacia è commessa quando si afferma che quello che è vero per un intero deve essere anche vero per una parte di quell'intero. Per esempio: "La quantità di petrolio nel mondo ha un effetto significativo sui prezzi del carburante, pertanto il livello di produzione di una piccola compagnia petrolifera ha un effetto significativo sui prezzi del carburante". Chiaramente, questa frase è falsa. Sostenere che molti elettori contano e pure che il voto di ogni individuo conta, è egualmente fallace.

Un'altra affermazione comune a favore del voto recita una cosa del genere: si dovrebbe votare perchè "se non si vota non ci si può lamentare". Ciò è sbagliato a vari livelli.

Se questa frase è presa alla lettera, è falsa. Ci si può lamentare, anche se non si vota. Nessuno mai mi ha chiesto "hai votato?" quando mi lamento del governo. Possiamo lamentarci a briglie sciolte. Non c'è alcuna prescrizione etica o legale contro chi si lamenta semplicemente perchè qualcuno ha fallito nel votare.

Forse quando si dice che "se non voti non puoi lamentarti" si intende dire "solo coloro che votano sono giustificati a lamentarsi. Puoi lamentarti, ma non dovresti, se non hai votato". Mi sembra che l'opposto abbia più senso. Votare riduce il proprio diritto a lamentarsi. Se si vota, allora si sostiene un sistema corrotto. Si può essere  incolpati parzialmente per la debacle visto che è il nostro governo federale. I funzionari eletti sono corrotti perchè gli elettori votano per leader politici immorali (come ho spiegato qui2). Non per nulla, i non votanti hanno un maggiore diritto a lamentarsi rispetto a coloro che votano.

Arriviamo al punto principale. Un fatto a favore del voto è l'idea che votare sia un imperativo morale, che sia un dovere civico. Coloro che prendono questa posizione credono che gli individui siano moralmente obbligati a votare. Secondo quest'idea anche se il proprio voto non conta, si dovrebbe votare. Ci sono varie versioni di questa idea, ma spesso non va oltre la sola affermazione che votare è un compito.

Ho sentito questa affermazione alla mia università. Durante il periodo elettorale, nei meeting delle facoltà, ho ripetutamente ascoltato "ricordate di dire ai vostri studenti di votare". Nessuna ragione è fornita al perchè dovrei dire loro di votare o perchè gli studenti debbano votare; è semplicemente presa come saggezza accettata.

Una versione leggermente più rigorosa dell'idea suona così: "Avere l'opportunità di votare è analogo ad essere in una commissione di 100 milioni di persone. Visto che ci si trova nella commissione, ci si dovrebbe fare avanti e partecipare. Proprio come i membri di facoltà dovrebbero mostrarsi per le elezioni presidenziali. E' il proprio dovere fare ciò".

Questa idea "dell'imperativo morale" non è convincente. L'idea che il voto sia un imperativo morale dipenda da, tra le altre cose, se la democrazia sia o no un metodo collettivo decisionale moralmente accettabile. Un problema qui è che lo scopo della decisione collettiva è generalmente immorale. La maggior parte degli elettori vota a favore delle predazioni da parte del governo sulla nostra proprietà. Gli elettori sono disposti a votare anche per la proprietà degli altri. Ciò è moralmente inaccettabile. Il fatto che alcuni gruppi in qualche luogo hanno votato non giustifica il furto della proprietà.

Supponiamo che qualcuno, diciamo Butch Cassidy, sostiene che le rapine in banca siano eticamente accettabili, fintanto che si tengono elezioni per determinare quale gang possa rubare la banca. Non potremmo accettare l'idea di Butch e non dovremmo accettare l'idea che le predazioni da parte degli agenti dello Stato sono non obiettabili se le elezioni sono tenute per determinare chi si aggiunge alla gang dei predatori.9 Non per nulla, l'idea morale contro il voto è più forte di quella a favore del voto.

Ciò ci conduce alla seguente conclusione: il vostro voto non conta. In questo caso si dovrebbe votare perchè molti voti potrebbero contare o perchè non votare vuol dire che non ci si può lamentare del governo? No. Si dovrebbe votare perchè si è moralmente forzati a fare ciò? Assolutamente no.

Traduzione per il Portico Dipinto a cura di Johnny Contanti


  • 1. Brandly, Why Vote?: http://mises.org/daily/5058/Why-Vote

  • 2. a. b. Brandly, Come Vincere un'Elezione: http://johnnycloaca.blogspot.com/2011/03/come-vincere-unelezione-1.html

  • 3. Sto assumendo qui che le elezioni siano oneste, che i voti siano accuratamente conteggiati e che non ci siano riconteggi. Il vostro voto non potrebbe contare affatto in casi di frodi elettorali.

  • 4. Vedere Cecil E. Bohannon e T. Normal Van Cott's "Now More than Ever, Your Vote Doesn't Matter" per una discussione della letteratura su questa valutazione. (Scarica il PDF)

  • 5. Vedere Gelman, Silver, e Edlin, "What is the probability your vote will make a difference?" (Scarica il PDF)

  • 6. Vedere Redelmeier Tibshirani "Driving Fatalities on U.S. Presidential Election Days".

  • 7. I dieci Stati che fecero la differenza nell'elezione del 1916 furono l'Alabama, la California, la Georgia, il Kentucky, il Missouri, la Nord Caroline, l'Ohio, il Tennessee, il Texas, e la Virginia.

  • 8. Molte fonti fonriscono informazioni sulle statistiche del voto nelle elezioni presidenziali. 270toWin è una di queste fonti.

  • 9. Devo, a questo punto, richiamare la conclusione di Murray Rothbard secondo cui "lo Stato non è niente più e niente meno di una classica gang di banditi".

Voto: 3.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Dusty
Inviato: 13/5/2011 20:11  Aggiornato: 13/5/2011 20:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Perchè votare?



"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
funky1
Inviato: 13/5/2011 20:45  Aggiornato: 13/5/2011 20:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 708
 Re: Perchè votare?
Tralasciando i motivi per cui non sono d'accordo con la dimostrazione "matematica" che il voto è inutile (ok, se gli abitanti di Brugine non avesse votato alle ultime elezioni non sarebbe cambiato niente, ma quelli di Milano?), è palese e spiegato ormai in più articoli come la redazione del sito sia favorevole all'astensionismo alle elezioni.

Sarebbe molto più interessante, a questo punto, conoscere l'opinione della redazione sul voto agli incombenti referendum, come ai referendum in generale.

It's better to regret something you did than something you didn't do.
funky1
Inviato: 13/5/2011 20:50  Aggiornato: 13/5/2011 20:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 708
 Re: Perchè votare?
Specifico che, pur essendo sostanzialmente d'accordo con il fatto che nessuno degli schieramenti politici attualmente in campo meriti di essere votato, il ragionamento di questo articolo, portato all'estremo, raggiungerebbe il risultato che, se nessun altro esprimesse la propria preferenza, un solo voto basterebbe ad eleggere per intero il parlamento. Sarebbe il totalitarismo nella sua espressione più pura.

It's better to regret something you did than something you didn't do.
Calvero
Inviato: 13/5/2011 21:13  Aggiornato: 13/5/2011 21:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Il totalitarismo nella sua espressione più pura è già in atto: quello che non abbisogna di Dittatori conclamati che ne mettano a rischio -edit- la sopravvivenza.

Ci sei già dentro Funky1

..questo è il problema. Altro che elezioni. Si legga: altro che farse nella farsa.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
totonno
Inviato: 13/5/2011 21:13  Aggiornato: 13/5/2011 21:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2007
Da:
Inviati: 93
 Re: Perchè votare?
Articolo interessante ed istruttivo , io nella mia ignoranza su percentuali,sondaggi e quant'altro è da almeno 15 anni che annullo la scheda elettorale semplicemente perche mi fanno tutti schifo.!!!! Qualunquista? Fate un po come vi pare non cambia la sostanza mi fanno tutti schifo, nessuno è degno della mia fiducia, fosse per me dovrebbero andare tutti pascolare le pecore.

il_ras
Inviato: 13/5/2011 21:20  Aggiornato: 13/5/2011 21:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/10/2006
Da:
Inviati: 875
 Re: Perchè votare?
V

un messaggio nascosto?

JohnTitor
Inviato: 13/5/2011 21:20  Aggiornato: 13/5/2011 21:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Ricordatevi ....
.... che questo articolo è una panzana bella e buona. In America il voto non conta niente perchè il sistema elettorale del bipartitismo perfetto è fatto in modo tale che il voto dei cittadini non conti niente! Da noi per fortuna esiste ancora il proporzionale ma anche qui vogliono fare diventare tutto uninominale con due soli partiti uguali! PD e PDL

LoneWolf58
Inviato: 13/5/2011 21:26  Aggiornato: 13/5/2011 21:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Perchè votare?
Bello... che vordì?
Solo una cosa ho capito "tante critiche al sistema" e nessuna proposta realizzabile per la sua sostituzione...

Il vostro voto non conta e certamente più persone votano meno conta per cui a che serve votare? meglio non farlo lasciando la scelta di chi dovrà "governare" a quei pochi il cui voto conterà veramente. Chissà chi saranno costoro

Ho deciso... domenica non vado a votare.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Pyter
Inviato: 13/5/2011 21:37  Aggiornato: 13/5/2011 21:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Perchè votare?
Non andare a votare non mi sembra neanche giusto nei confronti di tutti coloro che hanno combattuto per la libertà e in certi casi hanno dato la vita per donarci la democrazia.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
DrHouse
Inviato: 13/5/2011 21:38  Aggiornato: 13/5/2011 21:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Perchè votare?
Come da tradizione, alla vigilia di ogni elezione appaiono puntuali in home articoli a firma della Redazione o di altri utenti in cui si invita a non andare al voto.

Puntuale, anch'io voglio rinnovare allora, per l'ennesima volta, la stessa domanda.
Sì, va bene, ma dopo?

Chissà, magari un giorno qualcuno si degnerà di rispondere.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Pyter
Inviato: 13/5/2011 21:40  Aggiornato: 13/5/2011 21:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Perchè votare?
Dr house, perchè fai domande banali?

Il dopo lo conosciamo tutti.

Si chiudono i seggi, si vuotano le urne e si inizia a contare i voti, la famosa raccolta differenziata.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
maurixio
Inviato: 13/5/2011 21:59  Aggiornato: 13/5/2011 21:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Perchè votare?
posso aggiungere un esempio.....
.la falsa guerra per la democrazia i iraq....
se vince chi vuole la guerra , e per i quali io non voto, mi sento una merda perche non capisco come si possa scegliere di attuare un crimine così vigliacco....
se vinco perche chi ho votato non fara la guerra e poi invece la fa mi sento lo stesso una merda pechè mi sono fatto fregare
...vuoi vedere che lo sanno che siamo tutti delle merde???

ultima la sortita sull'abbattimento delle case abusive in campania di tu-sai-chi...
messaggio implicito: io faccio quello che voglio , io sono tutto e voi non siete una sega

incredulo
Inviato: 13/5/2011 22:33  Aggiornato: 13/5/2011 22:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Perchè votare?
Citazione: Calvero

Il totalitarismo nella sua espressione più pura è già in atto : quello che non abbisogna di Dittatori conclamati che ne mettano a rischio -edit- la sopravvivenza. Ci sei già dentro Funky1 ..questo è il problema. Altro che elezioni.
Si legga: altro che farse nella farsa.


E' esattamente questo il punto.

Ci siamo gia' dentro e crediamo, ingenuamente o meno, che con il nostro voto SAREMO NOI A DECIDERE.

Se non fosse purtroppo TRAGICO, sarebbe comico.

Una bella crocetta e TUTTO ANDRA' A MERAVIGLIA, tutto risolto e per altri 5 anni non ci pensiamo piu'.

Dopo il voto sentiremo Berlusconi o Bersani dire: "Io vado avanti per la mia strada perche' e' IL POPOLO che lo vuole."

Che meraviglia......

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Nuit
Inviato: 13/5/2011 22:41  Aggiornato: 13/5/2011 22:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Perchè votare?
Destra e sinistra sono due facce della stessa medaglia, il nostro voto non servirà a camniare alcunchè! Quello che va cambiato invece e tutto quello che gira intorno alla politica, i favoritismi, le mazzette, la corruzione....che allontana sempre di più lo stato dai cittadini!!

Insomma, ma li avete visti questi poilitici, sono come delle pedine nessuno che prenda delle iniziative individuali..per non parlare poi di quelli locali che sicuramente si ritroveranno ad avere un posto di primo piano nel film "Cetto laqualunque"!

dr_julius
Inviato: 13/5/2011 22:42  Aggiornato: 13/5/2011 22:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Perchè votare?
Non concordo con l'articolo. La "dimostrazione matematica" è fallace.

il sistema di voto per il Presidente USA è un po' complicato e quindi non mi spingo ad analizzarlo, ma concettualmente ogni voto pesa esattamente quanto tutti gli altri, e così deve pesare. e al di là di tutto questo a complicare non di poco la faccenda ci sarebbe la celebre questione dei voti della Florida (precedenti elezioni), palesemente falsati e poi infine non riconteggiati. Ma è già un altro discorso.

Se guardiamo il sistema elettorale delle amministrative in Italia, è facile evidenziare che ogni voto conta esattamente quanto deve contare. Cioè su "n" elettori VOTANTI il voto pesa 1/n del totale. La presenza di schede nulle e di astenuti solleva il peso dei singoli voti espressi in proporzione all'incidenza del numero dei non voti su "n".
Questo dal punto di vista banalmente matematico, anzi aritmetico.

Perchè votare? E' un diritto-dovere del cittadino.
Se hai un diritto hai anche il dovere di esercitarlo.

Infine se proprio i candidati non ti piacciono, forse puoi... cercare meglio.
Probabilmente voteresti un perdente, ma bisogna almeno provarci!

Se, ulteriormente, anche dopo aver frugato con pazienza proprio non ti piace proprio nessuno, beh puoi sempre candidarti TU alle elezioni. Anzi, se hai delle idee buone e diverse da tutti gli altri candidati hai il dovere di servire la società candidandoti personalmente.
(lo so, è un discorso un po' astratto e che non trova terreno favorevole in questo thread. Ma questa è la mia modesta opinione)

Il discorso sulle elezioni politiche in Italia è invece completamente diverso: con la legge "porcellum" in vigore, di fatto i candidati sono imposti dai partiti. Quindi non puoi selezionare "un candidato che ti piace" ma puoi solo votare "il pacchetto" di uno o dell'altro partito. E trovare una lista di nomi ben scelti (un pacchetto senza "mele marce") capisco che possa non sembrare possibile. E temo di non poter smentire.


Poi che scegliere il sindaco di Milano non sia determinante perchè tanto il mondo è dominato dai giochi di FMI, NATO, CIA, petrolieri, trattati di lisbona vari etc etc è un buon argomento per scoraggiare il voto, ma non su base di strampalati calcoli matematici, o di valutazioni sul numero di incidenti stradali.

In ogni caso, in politica vincono i gruppi meglio organizzati.
Se votare non porta a nulla di buono, figurati il non-votare !
A meno che... non ci si organizzi (politicamente)


Tutte le altre vie d'uscita sono rivoluzionarie.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Calvero
Inviato: 13/5/2011 22:53  Aggiornato: 13/5/2011 22:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Sì, va bene, ma dopo?


Cos'è il teatro dell'assurdo? ... i Governi non rappresentano i popoli, fattene una ragione. Votare significa legittimare questa menzogna. Votare unge i meccanismi malsani del Potere, non la volontà di Governi in rappresentanza dei popoli. A me hanno insegnato che dare credito alla sensatezza è da persone intelligenti, dare credito alle stronzate è da imbecilli.

E dopo cosa?? ... e con quanta arroganza si vorrebbe pretendere LA soluzione! ma dimmi tu che bambinate. Per scoprire cosa c'è di là del ponte, bisogna prima costruirlo. Voltare la schiena al Potere e riconoscere la farsa del teatrino politico significa iniziare a costruirlo questo Ponte ... dopo ci si deve prendere le palle in mano e andare avanti. ABBIAMO PERSO e quando si perde ci si devono rimboccare le maniche. Un rovesciamento di paradigma richiede un work in progress e un salto nel buio ... è roba da uomini, non da pecore.

...apposto siamo, anche la pappa pronta volete. Ci credo che si è drogati dalla politica, di camminare con le proprie gambe no eh ... poverini, anche il lecca lecca. Di che colore lo hai scelto tu? Nero, Bianco o rosso?

... anche se la carota sarebbe stata meglio del lecca lecca come metafora. Si indovini il perché.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 13/5/2011 22:55  Aggiornato: 13/5/2011 22:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Non andare a votare non mi sembra neanche giusto nei confronti di tutti coloro che hanno combattuto per la libertà e in certi casi hanno dato la vita per donarci la democrazia.


L'ironia è su mode-on o su mode-off ?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
ELFLACO
Inviato: 13/5/2011 23:05  Aggiornato: 13/5/2011 23:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Perchè votare?
L'ho letto solo un paio di volte ma a me questo articolo sembra aria fritta!!!

Lo leggerò altre 5 o 6 poi vediamo!!

Buona notte!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Paxtibi
Inviato: 13/5/2011 23:08  Aggiornato: 13/5/2011 23:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Perchè votare?
Perchè votare? E' un diritto-dovere del cittadino.

Ma guarda, e io che pensavo che diritti e doveri fossero cose completamente dive... *Ouch!*

(Il guardiano lo fa rientrare nei ranghi con un potente calcio nella schiena).

Pispax
Inviato: 13/5/2011 23:27  Aggiornato: 13/5/2011 23:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Se vi piace Asimov, bene.
Se non vi piace Asimov, bene.

Aiuterebbe un po' di simpatia con i libri di Dazieri, centri sociali a parte.


Nel caso, ecco un buon testo di analisi politica:
http://www.ebookingdom.net/wp/2011/04/ebook-altri-robot/


Rispetto a questo thread lo trovo parecchio azzeccato.
Preparatevi a leggere un 150 pagine (scritte MOLTO grandi) prima di arrivare al testo in oggetto, che si intitola "La Vedova di Ferro".


Be': da uno come io che si è preparato sulle relazioni internazionali solo tramite lo studio de "La guerra lampo dei Fratelli Marx", che altro avreste dovuto aspettarvi?

Calvero
Inviato: 13/5/2011 23:29  Aggiornato: 13/5/2011 23:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Comunque anche a me l'articolo non convince

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 13/5/2011 23:31  Aggiornato: 13/5/2011 23:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Paxtibi



(dr_Julius: Perchè votare? E' un diritto-dovere del cittadino.
Se hai un diritto hai anche il dovere di esercitarlo.
)

Citazione:
Ma guarda, e io che pensavo che diritti e doveri fossero cose completamente dive... *Ouch!*

(Il guardiano lo fa rientrare nei ranghi con un potente calcio nella schiena)


Dipende.
Per esempio proprio secondo il tuo modo di vedere le cose... essere liberi è un diritto-dovere.


Quando la smettiamo con la retorica?

Red_Knight
Inviato: 13/5/2011 23:48  Aggiornato: 13/5/2011 23:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Perchè votare?
Del tutto indipendentemente da ciò che si pensa sul voto, dal punto di vista logico e matematico questo articolo è un abominio!!!

Paxtibi
Inviato: 13/5/2011 23:51  Aggiornato: 13/5/2011 23:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Perchè votare?
Per esempio proprio secondo il tuo modo di vedere le cose... essere liberi è un diritto-dovere.

Forse dovresti postare prima di bere...

Rickard
Inviato: 14/5/2011 0:14  Aggiornato: 14/5/2011 0:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Perchè votare?
Ahahahh

Mi è piaciuta un sacco l'immagine di Cthulhu con la dicitura At least he admits he is evil.

In effetti ci sono inquietanti similitudini fra la tipica "follia" delle creature lovecraftiane e i meccanismi demo(no)cratici.

Anche se io continuo ad aspettare la candidatura di Nyarlathotep o di Shub-Niggurath, li vedrei più adatti all'amministrazione della res pubblica.

Citazione:
Sì, va bene, ma dopo?

"Dopo di Me, il Diluvio" - Demo(no)crazia, Sacre Scritture Cap. XX: Alternative alla Demo(no)crazia

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
DrHouse
Inviato: 14/5/2011 0:36  Aggiornato: 14/5/2011 0:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Perchè votare?
Ciao Calvero,
cercherò di non dilungarmi, anche perché l'argomento mi ha francamente stufato e non partecipo più da tempo a questi thread.

Citazione:
Cos'è il teatro dell'assurdo? ... i Governi non rappresentano i popoli, fattene una ragione. Votare significa legittimare questa menzogna. Votare unge i meccanismi malsani del Potere, non la volontà di Governi in rappresentanza dei popoli. A me hanno insegnato che dare credito alla sensatezza è da persone intelligenti, dare credito alle stronzate è da imbecilli.

Giusto per la cronaca: io non voto da anni. Semplicemente perché da anni no so più per chi votare e non mi sento più rappresentato da nessuno.

Citazione:
E dopo cosa?? ... e con quanta arroganza si vorrebbe pretendere LA soluzione

Quando si vuole distruggere un modello, è normale, razionale e utile chiedersi prima con che cosa si intende sostituirlo. Se io decido di interrompere una cura, lo faccio perché ho deciso di sperimentarne un'altra. Se io abbandono una moneta, è perché da domani decido o mi viene imposto da altri di utilizzarne una diversa. Se per il mio lavoro decido di non usare più il software che ho usato fino ad oggi, è perché so già che ne esiste uno alternativo che inizierò a usare da domani. Io almeno sono abituato a pensare in questo modo, ovviamente tu e chiunque altro siete liberissimi di pensarla diversamente. Per questo, a me la domanda "E dopo?" pare più che legittima.

Non pretendo che nessuno mi prepari la soluzione definitiva. La pappa, per rimanere in metafora, ho imparato a guadagnarmela e a cucinarmela da solo fin da giovane. Ho semplicemente chiesto se ci sono proposte per il dopo, perché io francamente non ne ho. Prendo atto che non ci sono proposte, ma solo l'ennesima frittura d'aria condita dal solito malcelato desiderio di sentirsi parte di una élite che ha capito tutto, ma non ha nulla di nuovo da proporre e, quel che è peggio, continua a illudersi e illudere gli altri che sia possibile cambiare tutto senza andare a votare. Mah, mi perdonerai se ti dico che comincio a essere troppo vecchio per credere ancora a queste favole. Opinione personale, si intende, ma io credo che quando non si ha niente di concreto da proporre, forse sarebbe meglio osservare un umile silenzio e ascoltare chi ha qualcosa di nuovo da dire, per quanto imperfetto e criticabile possa essere. E se il problema è scegliere se stare con i neoilluminati o con le pecore, non ho problemi a scegliere le pecore.
Ribadisco: tutto umilmente IMHO.

Passo e chiudo salutandoti rispettosamente e con stima, spero, ricambiata.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
lysmata
Inviato: 14/5/2011 1:54  Aggiornato: 14/5/2011 1:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Perchè votare?
Direi che al famoso "andate al mare" sarebbe proprio il caso di rispondere, appunto, con un bel voto. Anche se poi non cambia nulla. Se non altro, togliamoci lo sfizio di non rendergliela tanto facile.


Referendum: vota e fai votare. Ecchecchacchio. Anche se non se ne cava un ragno dal buco. Alla fine, se nell'87 ha funzionato (anche se con data di scadenza), perché non dovrebbe funzionare ora?

Elezioni? beh, mi rode citare Grillo ma é pur vero che, con 12 milioni di euro della Moratti contro i 4 panini con mortadella di Pisapia, non c'é partita. In questo senso concordo con l'articolo. Andare a votare non ha senso. Le masse, comprate a suon di pacchi di pasta o, peggio, a suon di slogan efficaci ("Viva la mamma" di Bennato, per dare alla cara Letizia un immagine che ben si sposa con le foto che la immortalano mentre va a fare la spesa al mercato... buahahahahahhahahahahahaahah e ancora buahahahahahhaahah) saranno e sono numericamente il bacino di voto perfetto per togliere significato a chi vota con cognizione di causa.

Eppure, un semplice test Q.I. per stabilire chi effettivamente abbia diritto al voto aiuterebbe tanto. Solo con un ritardo mentale grave e galoppante ci si spiega, infatti, come il povero in canna affossato dai debiti per la casa, possibilmente disoccupato, possa poi andare a votare Letizia Moratti, antitesi della povertá.
E non c'é bisogno di essere poco informati, o di non essere abbastanza documentati. Lo sanno pure i muli di chi é moglie. Ci metti un secondo a fare 2+2 e a capire che dello stipendio da sindaco la Moratti non sa che farsene (ancor piú dato che la sua campagna elettorale vale decisamente piú dello stesso stipendio che, comunque, non rifiuterá ). Non c'é bisogno di essere geni della politica per capire che la Moratti non é lí per filantropia. Stesso discorso lo si applichi a le varie province d'Italia.
Fatto sta, che prima si votava per appartenenza ad un gruppo (il proletariato, il ceto medio... ) oggi si vota sulla base di.... sulla base di.... ma insomma, sulla base di che vota la gente?

(Edit: non gruppo ma classe sociale... il mio cervello ha tardato un pó per ripescare questa terminologia. Segno dei tempi).

Malgrado tutto, peró, un partito di maggioranza continua ad esserci: quello del non voto. E mi fa incazzare pensare che se anche solo la metá di questa gente fosse andata, nel '94, probabilmente le cose sarebbero andate "meno peggio".
Avremmo un altro padrone, ma non questo. Perché di Berlusconi, onestamente, non ne posso piú.

Detto questo... io non andró a votare. Né per i referendum, né per le amministrative, né per nessun altra. Votare dall'estero é un lusso che non voglio concedermi

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
Lezik85
Inviato: 14/5/2011 2:31  Aggiornato: 14/5/2011 2:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Sarebbe il totalitarismo nella sua espressione più pura.


Lo specchio del sistema attuale: il gregge che diventa branco for dummies.


Citazione:
Sì, va bene, ma dopo?


Laissez-faire.


Citazione:
Se hai un diritto hai anche il dovere di esercitarlo.


Preferisco rimanere a casa e non incappare, con molta probabilità, in incidenti stradali.


Citazione:
Infine se proprio i candidati non ti piacciono, forse puoi... cercare meglio. Probabilmente voteresti un perdente, ma bisogna almeno provarci!


Cerchiamo meglio allora. Voto questo stavolta. (ennesima inculata)

Cerchiamo meglio stavolta. Quello di prima m'ha fregato, ora voto questo. (ennesima inculata)

Cerchiamo meglio stavolta. Quello di prima m'ha fregato, ora voto questo. (ennesima inculata)

Cerchiamo meglio stavolta. Quello di prima m'ha fregato, ora voto questo. (ennesima inculata)

Cerchiamo meglio stavolta. Quello di prima m'ha fregato, ora voto questo. (ennesima inculata)

Cerchiamo meglio stavolta. Non puoi, visto che sei trapassato facendoti inculare e spennare come un pollo.


Citazione:
Se, ulteriormente, anche dopo aver frugato con pazienza proprio non ti piace proprio nessuno, beh puoi sempre candidarti TU alle elezioni.


Giusto! Dato che mi sono rotto le palle di farmi fregare divento anche io un farabutto e derubo gli altri...

No no, scusate, io in realtà voglio fare qualcosa di serio; voglio aiutare questi poveri pezzenti quindi non mi lascerò ingannare da voialtri. E che qualcuno mi tolga questo puntino rosso dalla fronte, per favore.

Floh
Inviato: 14/5/2011 2:33  Aggiornato: 14/5/2011 2:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
L' articolo perde di vista completamente il fatto che votare equivale autorizzare a deliquere i proprio nome e sostenere a gran voce la nostra fittizzia democrazia.
Esistono alternative migliori alla democrazia rappresentativa scusate ma gia' il nome suona come una presa per il culo...

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Lezik85
Inviato: 14/5/2011 2:38  Aggiornato: 14/5/2011 2:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
L' articolo perde di vista completamente il fatto che votare equivale autorizzare a deliquere i prprio nome, e sostine agran voce la nostra fittizzia democrazia.


Giusto per completezza, prova a vedere la nota numero 2...non si sa mai...

Makk
Inviato: 14/5/2011 2:40  Aggiornato: 14/5/2011 2:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
Citazione:

Calvero:
e con quanta arroganza si vorrebbe pretendere LA soluzione!

Né arroganza, né pretesa.
Curiosità, piuttosto.

Non sei in grado di soddisfarla? OK, pazienza.
Certo che da chi è convinto che una certa strada sia sbagliata è naturale aspettarsi che sappia o qual'è la strada giusta o quantomeno che una strada giusta ci sia.

Che dica "non so se c'è" una strada giusta è abbastanza inquietante per chi viene invitato a non percorrere una certa strada (sbagliata forse, ma sicuramente battuta).

Citazione:
ma dimmi tu che bambinate. Per scoprire cosa c'è di là del ponte, bisogna prima costruirlo.

OK costruiamo questo ponte... per dove?
Non è che tutte le volte che incontro un fiumiciattolo mi metto a far ponti.
Ci sono fiumi che, attraversati, non portano a niente di utile.
E anche se di là c'è qualcosa che merita, ci sono ponti per andarci che si rivelano inutili (500mt più in là c'era un simpatico guado).

Prima di farmi un culo così per costruire un ponte mi chiedo se ne vale la pena... Chiedersi dove porta e se vale la fatica PRIMA di intraprendere la costruzione del ponte sarebbe "bambinesco"?

E invece buttarsi entusiasticamente nella costruzione di un ponte che può anche essere verso il nulla sarebbe cosa... "maturità"?

Floh
Inviato: 14/5/2011 2:46  Aggiornato: 14/5/2011 2:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
Si hai ragione, ma il punto sta nel fatto che non si puo prendere per buone le tesi di quest'articolo.

Se fossimo una democrazia diretta con un sistema di voto elettronico con la possibilita' di votare direttamente ogni proposta di legge il discorso dell'articolo non avrebbe senso.
L'autore dell'articolo vorrebbe che in una votazione ogni persona potesse dire l'utlima parola...
Sono altre le tesi che servono a dimostrare che la nostra societa' cosi' non va, non credi?

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Floh
Inviato: 14/5/2011 2:59  Aggiornato: 14/5/2011 2:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
x Makk

Non costruire un ponte rimani sull'isoletta' dove il livello dell'acqua e' gia' alle caviglie e sale in maniera esponenziale.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
matteog
Inviato: 14/5/2011 3:01  Aggiornato: 14/5/2011 3:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Perchè votare?
Salve per ora commento l'articolo e mi dispiace non aver avuto tempo per leggere i commenti che leggerò in seguito.

L'articolo secondo me è completamente sbagliato dal punto vista logico per vari motivi ora proverò ad elencarne qualcuno:

1. Il voto è una scelta ed anche se in la tua scelta può influenzare solo in milionesima parte un'elezioni (da badare che sull'elezioni comunali non ci si confronta con milioni di voti) LA INFLUENZA ciò vuol dire che prendi parte alla modifica di un sistema.

2. Nel sistema italiano soprattutto nelle elezioni amministrative la tua influenza vale per la maggior parte dei comuni da 1/1000 in su, quindi il tuo voto conta e come.

3. Nel sistema italiano il non voto fa aumentare solo la percentuale di vittoria del vincitore, quindi chi non vota alla fine influenza ma senza operare la sua volontà di scelta.

4. Chi non vota con questo sistema sceglie di far vincere il più forte quindi poi NON HA DIRITTO A LAMEMNTARSI se il vincitore non gli piace per anche lui ha contribuito a farlo vincere facendo aumentare la sua percentuale.

5. Il discorso della non validità del voto può essere sconfessato banalmente da un esempio. Se seguiamo questa logica potremmo affermare che se uno butta una carta a terra non inquina allora tutti potrebbero buttare le carte a terra, ma chissà perché se tutti buttassero le carte a terra le strade sarebbero inquinate. La LOGICA di questo articolo è completamente fallace.

6. "Se si vota si sostiene un sistema corrotto" questa è una grande cazzata ed è il sunto di tutto il qualunquismo che abbia mai sentito. Il sistema diventa corrotto perché qualcuno vota la persona sbagliata NON PERCHE' il sistema è corrotto di per se. A MAGGIOR RAGIONE SE NON VOTI CONTRO IL CORROTTO SOSTIENI TU IL SISTEMA CORROTTO.

7. Il qualunquismo è una delle forme di analisi più superficiali.

8. Il politico non potrà mai rappresentare tutti o accontentare tutti perché ognuno ha una sua visione personale quindi un ragionamento giusto sarebbe trovare un rappresentate che più si avvicina alle proprie idee, ed io sono certo, soprattutto in Italia, che ci sia una così vasta scelta che chi non si ritrova lo fa SOLO PER PARTITO PRESO. L'uomo non è perfetto ed il politico di turno altrettanto.

PS: risponderò più in la ad i commenti dell'altro articolo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Floh
Inviato: 14/5/2011 3:15  Aggiornato: 14/5/2011 3:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
x MatteoG

Cit.Il discorso della non validità del voto può essere sconfessato banalmente da un esempio. Se seguiamo questa logica potremmo affermare che se uno butta una carta a terra non inquina allora tutti potrebbero buttare le carte a terra, ma chissà perché se tutti buttassero le carte a terra le strade sarebbero inquinate. La LOGICA di questo articolo è completamente fallace.


Qui centri nel segno .

Cit.Il politico non potrà mai rappresentare tutti o accontentare tutti perché ognuno ha una sua visione personale quindi un ragionamento giusto sarebbe trovare un rappresentate che più si avvicina alle proprie idee, ed io sono certo, soprattutto in Italia, che ci sia una così vasta scelta che chi non si ritrova lo fa SOLO PER PARTITO PRESO. L'uomo non è perfetto ed il politico di turno altrettanto.

Qui sembra che dato che siamo in tanti e nessuno puo far valere quella che e' la sua personalissima visione del mondo ci si debba per forza affidare a gruppi di criminali venduti in giacca e cravatta che hanno nessun obbligo di rispettare neanche minimamente confronti di quello che fu il loro programma elettorale?

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Inenascio
Inviato: 14/5/2011 3:25  Aggiornato: 14/5/2011 3:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2010
Da: Provincia di Napoli
Inviati: 166
 Re: Perchè votare?
Per essere in armonia con la propria coscienza!

Ma perché ci sono le elezioni?
Per organizzare la civile convivenza!

Ho 72 anni e non ricordo una sola volta che non sia andato a votare.
Ritornando a nascere, farei la stessa cosa.
E se non avessi mai votato? Di certo non avrei cambiato niente, perché 1 voto conta 1/n milioni di votanti.

Pertanto, l'unica significativa differenza del votare o non votare, sta solo nello stare a posto con la propria coscienza.
Questa è la soddisfazione che mi rasserena: la consapevolezza di voler bene non solo a me stesso ma anche a tutto il prossimo vicino e lontano.

Unico IMBECILLE al mondo, per avere la Fede in Cristo senza il dubbio
Floh
Inviato: 14/5/2011 3:35  Aggiornato: 14/5/2011 3:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
Inenascio

Quando sei andato a votare sinistra o destra che sia non ha fatto differenza, qualunque partito ha appoggiato le azioni di guerra in ex jugoslavia, in afghanistain, in Irak, ora la Libia, come pensi che cio abbia potuto far bene alle popolazioni sotto in NOSTRI bombardamenti?

Sia chiaro, che non intendo che te sia d'accordo con gli attacchi a queste nazioni, ma votando le hai avallate comunque.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Calvero
Inviato: 14/5/2011 3:54  Aggiornato: 14/5/2011 5:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Né arroganza, né pretesa.
Curiosità, piuttosto.


Non vedo neanche di striscio contemplabile la curiosità. Neanche con un "piuttosto".

L'arroganza c'è, poiché ad una situazione insanabile come la nostra, non si può pretendere LA soluzione.. ma solo il primo passo che dovrà dirci a quale soluzioni aprirci. Ho messo l'articolo "LA" in maiuscolo proprio ad intendere, che il --- e dopo? --- non è più prioritario quando IL presente è insanabile.

Citazione:
Certo che da chi è convinto che una certa strada sia sbagliata è naturale aspettarsi che sappia o qual'è la strada giusta o quantomeno che una strada giusta ci sia.


No, non è naturale. Non lo è più oramai. Casomai discutiamo sulle nostre divergenze per cui per qualcuno possa essere sanabile il Sistema e non sia solo "utile" a cagare zuccherini consolatori. Casomai. Detto questo non è lecito sapere COSA, ma solo credere che saremo lì a fare il nostro meglio. Intanto si è dato per scontato che se uno parla di Non-voto, abbia parlato solo di questo e basta. Ma così non è .. e si sa quali altri discorsi sono stati connessi a questa tematica. Si veda il discorso, boicottaggio, disobbedienza civile, libertario, ... ci sono azioni da intraprendere anche prima del voto. Il discorso non è univoco.

Citazione:
Che dica "non so se c'è" una strada giusta è abbastanza inquietante per chi viene invitato a non percorrere una certa strada (sbagliata forse, ma sicuramente battuta).


Assolutamente sì. Anzi, inquietante è un eufemismo. Direi terribile. Inquietante è anche la situazione di farsa e decadenza totale di un Sistema illusorio che ci si ostina a considerare sanabile. Un Sistema talmente colluso e allo stesso tempo di facciata, che inevitabilmente ci prepara a una dura, durissima ricostruzione.

Citazione:
OK costruiamo questo ponte... per dove?


Sono risposte che possono arrivare solo man mano. Si ritorna all'arroganza. Ci vuole umiltà. I Sistemi hanno fallito, si deve tentare la "rivoluzione"... altrimenti a ognuno il suo lecca lecca ...

Citazione:
Non è che tutte le volte che incontro un fiumiciattolo mi metto a far ponti.
Ci sono fiumi che, attraversati, non portano a niente di utile


Questa te la potevi risparmiare, se miri a dilatare e a impoverire il discorso puoi girarla come meglio ti comoda. La metafora del Ponte l'ho messa in relazione alla visione di insieme che riguarda la NON-scelta di essere complici di un Sistema fasullo, farsesco, a delinquere ... e in quel senso, si apre una strada in automatico, con una bella fetta di COSTRUTTO MENZOGNERO iniziato ad essere abbandonato al suo destino. Costi quel che costi. NON è roba da pecore. Non ci sono mezze misure oramai e lo sappiamo tutti, o si segue la corrente oppure no.

Citazione:
E invece buttarsi entusiasticamente nella costruzione di un ponte che può anche essere verso il nulla sarebbe cosa... "maturità"?


Percepisco un po di astio. Comunque quello che "potrebbe essere" sarà una scelta dettata dal bisogno di credere nella sensatezza; che dice basta alle stronzate... e tu parli di nulla? questa situazione come la chiami invece? mafia, menzogna, inganno, galleggiare? ... chi lo dice poi? quelli che hanno un po la pancia piena? .. a beh.. Comunque, meglio sarebbe il "nulla"... senza contare che - nulla - non potrà mai essere. Di fronte a una simile scelta si avrebbe a che fare con una collettività che sà cosa significa credere in qualcosa di vero. Tanto avverrà solo se si sarà pronti. E' matematica la cosa. Di là del ponte potrà solo esserci gente con le palle. Il gregge, e lo sappiamo TUTTI, è di qua.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 14/5/2011 4:15  Aggiornato: 14/5/2011 6:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Ciao DrHouse, ok scendiamo in trincea

Citazione:
Giusto per la cronaca: io non voto da anni. Semplicemente perché da anni no so più per chi votare e non mi sento più rappresentato da nessuno.


Io non voto da anni perché non vi può essere e non vi potrà essere nessuno che rappresenti un popolo in un sistema democratico. A prescindere è il Sistema democratico al servizio del Potere. Non si può essere rappresentati nella nostra era. Nuovi paradigmi verranno a crearsi, o nuovi colori di lecca lecca potranno ciucciarsi.

Citazione:
Quando si vuole distruggere un modello, è normale, razionale e utile chiedersi prima con che cosa si intende sostituirlo.


Non lo è più, normale. Il Sistema regge su un gioco/giogo orwelliano. Non è utile chiedersi cosa viene dopo. E' ora di essere Arieti.

Citazione:
Se io decido di interrompere una cura, lo faccio perché ho deciso di sperimentarne un'altra.


Io no. Io interrompo una cura se la ritengo sbagliata. E attenzione, anche questa tua analogia non entra bene nel merito. La cura dici.. mmhhh... Chi ci starebbe curando?? ...siamo avvelenati e ingannati ogni santissimo giorno dal teatrino della politica e sempre grazie a questo teatrino il Potere che ne è alle spalle uccide e massacra la razza umana....

... e non solo:- una cura giornaliera, gestita in anni di voltafaccia e voltabendiera, asservita al potere, che quando verrà il momento per poter dire la tua, allora in un nanosecondo di un determinato giorno dentro una cabina elettorale che non conta una beata fava, agognerai che stai contando o influenzando qualcosa. Esatto, è il teatro dell'assurdo. Ragionier Fantozzi! venghi venghi ... facci il bravo .. sù

Citazione:

CUT ...
.... Per questo, a me la domanda "E dopo?" pare più che legittima.


Beh, ho dato una risposta. Ma tu vuoi la soluzione... ti é mai balenato per la mente invece che nella vita può accadere che si devono fare delle scelte perché sono giuste e basta, anche se non sapremo dove portano precisamente? senza contare che ancora un po sembra che se non si va a votare si innescherà un meccanismo atomico nella testa della gente che, con nano-thermite inclusa, esploderà come nei film di fantascienza... Invece è assai più probabile, se non ripudiamo questo Sistema, che un braccialetto ce lo troveremo al collo e ci darà la scossa elettrica se non si andrà quieti quieti e belando verso le cabine elettorali. Esasperazione per esasperazione, è più plausibile quest'ultima.

Citazione:
Mah, mi perdonerai se ti dico che comincio a essere troppo vecchio per credere ancora a queste favole.


Siamo di passaggio, amico. Tutti. L'ho ribadito. Noi non siamo più in tempo per vedere i frutti per qualsiasi cosa di buono che potremmo mettere in moto, noi siamo nella fase del tramonto: l'Alba, se la vorranno, sarà per le generazioni a venire. Non si vuole cominciare? bene.... liberissimi, ci saranno altri come te fra 50 anni che diranno così: ... Mah, mi perdonerai se ti dico che comincio a essere troppo vecchio per credere ancora a queste favole. ...

comprendi?

...è il sacrificio da farsi. Altrimenti a ognuno il suo lecca lecca. Tra un po neanche quello cosa crediamo? che la gente che ha organizzato la farsa di Bin Laden e dell'11 Settembre non abbia altre sorprese in serbo e tutte attuabili grazie a questo sistema politico?

Citazione:

Opinione personale, si intende, ma io credo che quando non si ha niente di concreto da proporre, forse sarebbe meglio osservare un umile silenzio e ascoltare chi ha qualcosa di nuovo da dire, per quanto imperfetto e criticabile possa essere.


Io credo che la concretezza sia quella di non essere complici consapevoli del male che sta dilagando grazie e soprattutto al teatrino della politica. Sei vecchio? (inteso con nobile accezione) ..bene. Dì allora il tuo piccolo basta. Costi quel che costi.

Citazione:
E se il problema è scegliere se stare con i neoilluminati o con le pecore, non ho problemi a scegliere le pecore.
Ribadisco: tutto umilmente IMHO.


Nessuna illuminazione, al limite un pelo di dignità. A riprova viviamo - incontrovertibilmente - in un Sistema che si regge sulla menzogna programmata e strutturata per essere tale. A riprova il sistema è INDEGNO. A ognuno il suo, per l'amor di Dio. Io non lo approvo, e non lo avallo. A riprova la scelta divergente dovrà essere pericolosa.

Un abbraccio

Citazione:
Passo e chiudo salutandoti rispettosamente e con stima, spero, ricambiata.


Ricambiatissima, ti ho seguito molte volte

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 14/5/2011 4:51  Aggiornato: 14/5/2011 4:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Floh


Citazione:
Quando sei andato a votare sinistra o destra che sia non ha fatto differenza, qualunque partito ha appoggiato le azioni di guerra in ex jugoslavia, in afghanistain, in Irak, ora la Libia, come pensi che cio abbia potuto far bene alle popolazioni sotto in NOSTRI bombardamenti?

Sia chiaro, che non intendo che te sia d'accordo con gli attacchi a queste nazioni, ma votando le hai avallate comunque.


Credo che tu abbia centrato . tuo malgrado - il nocciolo della questione.
Quando tu o qualcun altro, cortesemente, riuscirete a spiegare in che modo il non andare a votare abbia fatto cadere una sola bomba in meno, vi ascolterò con piacere.
Ancora questo non è successo: non è per niente chiaro (ehm... "eufemismo") come il non andare a votare possa migliorare la situazione. E non solo per le bombe.



E NO, il "not in my name" non serve a un tubo.
E' solo un modo ipocrita di alleggerirsi la coscienza.

Quando si parla di bombe - e anche quando si parla di roba meno importante, chiaro - l'UNICA cosa che conta è quello che si è fatto per non farle cadere, quelle bombe. E il successo riportato nell'iniziativa che si è scelto.

Il resto è solo un meschino imbiancare il sepolcro.

Floh
Inviato: 14/5/2011 5:06  Aggiornato: 14/5/2011 5:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
x Pispax

Capisci che il problema non e' cosa fa chi non va, ma bensi' chi va, se lui come altri quel giorno al posto di andare a votare avessero deciso di non stare al gioco di un governo che NON CI DOVREBBE RAPPRESENTARE.
Il nocciolo della questione non e' come rimanendo a casa in uno si possa far smettere di far cadere bombe, ma rimanere a casa tutti, quello si ch le farebbe smettere.
Il primo passo e' capire che la nostra forma di governo non puo' portare a nulla di buono, il 150' anniversario e' arrivato di recente, quante x vorremo traciare su dei flogli di carta per poter arrivare a capire che non e' cosi' che il popolo e' sovrano.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Inenascio
Inviato: 14/5/2011 5:09  Aggiornato: 14/5/2011 5:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2010
Da: Provincia di Napoli
Inviati: 166
 Re: Perchè votare?
@ Floh

Scusami, se ti rispondessi saremmo OT.
Ti voglio solo informare che ho visitato il tuo blog per conoscere, sia pure vagamente, la tua conformazione mentale.
Se mi ricambi la visita leggendo, nel mio blog, almeno gli ultimi due articoli postati, potrai conoscere un po' di me.
Non mi potrai mai comprendere come, altrettanto, nessuno potrà mai comprendere la Realtà o Verità di Dio come l'ho compresa io.
Questo significa che io sono pervenuto alla Verità di Dio (per Sua Volontà), per il benessere di tutti. Ed è tutto concretamente verificabile. Ciao

Unico IMBECILLE al mondo, per avere la Fede in Cristo senza il dubbio
Calvero
Inviato: 14/5/2011 5:21  Aggiornato: 14/5/2011 5:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
azzarola, ma non sono sveglio solo io alle 5 di mattina

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
PikeBishop
Inviato: 14/5/2011 5:33  Aggiornato: 14/5/2011 5:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Perchè votare?
Citazione:
E NO, il "not in my name" non serve a un tubo.
E' solo un modo ipocrita di alleggerirsi la coscienza.


Sotto il crocifisso della chiesa vicino a casa dove le "Brownies" si ritrovano - che deve essere lo stesso di cui parlava Alan Watts a Sausalito nel 1969 - si puo' leggere:
"This's what I've done for thee, what are YOU doing for me?"

Quando uno come Pispax non riesce a capire la sua religione, diventa di conseguenza comunista/materialista dialettico ed infine la sua ultima permutazione, il demo-niaco sinistro

Quale sarebbe la maniera non ipocrita di alleggerirsi la coscienza????

Prendere tutto e come Albert Schweitzer diventare medico missionario in zone infestate dalla malaria? Non votare per quello che bombarda popolazioni pidocchiose in posti desolati? O piuttosto non pagare le tasse nella percentuale in cui vengono spese per armamenti? Ma allora non bisognerebbe pagarle del tutto perche' continuano a usarle per gli armamenti a discapito di ospedali e strade, se sono a corto? Ma anche l'IVA...

DEVI ammettere che non esiste il modo di alleggerirsi la coscienza: devi ammettere che SEI un BASTARDO. Lo sei tutte le volte che senti il lamento dell'insalata falciata nel pieno della sua gioventu', lo sei tutte le volte che non ti esponi quale scudo umano ai bombardamenti pacifisti della NATO.

Non vi e' niente che tu possa fare per alleggerirti la coscienza, perche e' la Grazia di Dio, e solo la Grazia di Dio, che puo' salvarti. E fare qualsiasi cosa non ti aiutera' ad ottenerla. Non fare qualsiasi cosa non ti aiutera' ad ottenerla.

Solo confidando e SEGUENDO LA TUA COSCIENZA nelle piccole scelte di tutti i giorni (per esempio andando al mare se non te la senti di avallare un sistema al cui confronto il CHULTU e' un ricordo assimilabile a quello di Carosello e dell'ispettore Rock), in una maniera incomprensibile ed ineffabile potrai sperare di ottenere imperscrutabilmente la Grazia di Dio.

Amen.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 14/5/2011 5:34  Aggiornato: 14/5/2011 5:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Perchè votare?
Citazione:
azzarola, ma non sono sveglio solo io alle 5 di mattina
No, mate...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
freemarcel
Inviato: 14/5/2011 6:33  Aggiornato: 14/5/2011 6:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
Riposto un mio commento, non avendo avuto particolari attenzioni o critiche su quel che ho scritto.

Non possiamo chiudere gli occhi sula più grande novità che ci sta passando a fianco. Parlo del Movimento 5 stelle. Tutti voi, navigatori incalliti, conoscete bene le battaglie di Grillo. Immagino che molti di voi lo possiate criticare per il suo linguaggio e i DVD che vende dal suo sito. Pochi di voi, penso, siete informati sul lavoro che fanno i consiglieri a 5 stelle già eletti in consigli comunali e regionali. Sono splendidi ragazzi che portano avanti il programma del movimento con lo spirito del "dico quello che faccio, faccio quello che dico". Rifiuto dei (legittimi) rimborsi elettorali, autoriduzione del loro (legitimo) stipendio. Sono esempi.
Non mi sto a dilungare, se volete vi potete informare e potete condividere o meno.
Ai prodotti di qualità basta il passaparola. Perchè è frutto dell'esperienza diretta e quindi, di solito, attendibile. E ci tengo allora a fare due nomi su tutti: Giovanni Favia e Andrea Defranceschi, consiglieri regionali in emilia- romagna. Ho partecipato per la seconda volta all'incontro per il rinnovo semestrale del loro mandato: ho ascoltato la loro fatica nel lavorare in un ambiente completamente ostile, le proposte presentate contro il nucleare, per la trasparenza, per abbattere (e non "ridurre") i costi della politica, per la mobilità sostenibile e la tutela dell'ambiente... e lì ho scelto se rinnovargli il mandato e quale parte del loro stipendio potranno trattenersi. A me sembra fantascienza! Mai provato una sensazione simile nei miei 15 anni di elettorato attivo. Ho avuto la certezza che il mio non era stato e non sarà un voto inutile, per il "meno peggio" come si dice.
Insomma, "piove, governo ladro" ma c'è un raggio di sole in cui sperare!
Un saluto a tutti!

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
freemarcel
Inviato: 14/5/2011 7:04  Aggiornato: 14/5/2011 7:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
L'unico voto utile è quello che dai a te stesso, alle tue convinzioni, a un programma. Libertà è partecipazione come diceva Gaber. Libertà non è inserire una scheda in un'urna e sperare che siano gli altri a occuparsi della tua vita. Se non te occupi tu dei problemi che ti riguardano, dalla scuola alla salute, perché dovrebbero occuparsene dei politici professionisti equivalenti a parassiti sociali molto ben pagati e senza responsabilità alcuna dei risultati (mai) raggiunti. La democrazia non è una competizione fatta di percentuali, ma la somma di responsabilità individuali, di pensieri, di persone, di obiettivi condivisi. La democrazia senza il senso di comunità non è nulla. E' un artificio, un castello costruito sulle nuvole. Un voto al MoVimento 5 Stelle non è un voto tolto a qualcun altro, ma un'affermazione di esistenza dei cittadini.

dal blog di Beppe Grillo

Aggiungo, in riferimento al'articolo, che il "voto/ non voto" preso in considerazione fa riferimento alla realtà americana, profondamente diversa da quella italiana; qui siamo in Italia e si tratta di amministrative e i comuni e le regioni, con il processo di devoluzione, stanno avendo sempre più poteri. Non votare significa disinteressarsi della cosa pubblica e lasciare campo a chi se ne vuole interessare per interessi personali.

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Spiderman
Inviato: 14/5/2011 8:43  Aggiornato: 14/5/2011 8:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Perchè votare?
DrHouse

Citazione:
Puntuale, anch'io voglio rinnovare allora, per l'ennesima volta, la stessa domanda.
Sì, va bene, ma dopo?


E dopo che hai votato?

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Sertes
Inviato: 14/5/2011 9:22  Aggiornato: 14/5/2011 9:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Perchè votare?
Uno degli articoli peggiori di sempre di LC.

Praticamente pur di spingere sul non voto si è trasformato un concetto condivisibile (non votare chi non ti rappresenta) in una stronzata epocale (non votare perchè il tuo voto non conta) usando fallacie logiche e matematica distorta.

Mark Brandly potrebbe fare il promotore finanziario, di quelli che convincono gli anziani che le azioni parmalat sono fidate.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Jurij
Inviato: 14/5/2011 9:58  Aggiornato: 14/5/2011 10:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Perchè votare?
...che la gente che ha organizzato la farsa di Bin Laden e dell'11 Settembre non abbia altre sorprese in serbo...

Vi ricordate il detto "squadra che vince non si tocca" ?

Sarà così anche in futuro chiaramente.
Se attentati "balla" del genere vengono"bevuti" dall' OP, allora perchè non perpretarli in futuro?

La popolazione (mondiale) è vittima del proprio egoismo e menefreghismo, come diceva Crozza a Ballarò ? "io non sono Stato"...

Come fanno per esempio a Mosca? Quando sale il termometro del malcontento sopra un certo livello, si organizza il solito attentato dei soliti ignoti e via... la cosa è fatta.
Si scrive per un po' sui giornali e la gente ha come l'impressione di stare tutto sommato bene... ehhh, sti ca....

P.S. Il voto conta, eccome che conta, il problema è che, se non si riesce a spostare la massa critica verso nuove soluzioni e si continua a fare ping pong con i soliti partitoni, non si può mettere il sale sulla coda di certi elementi e farli sparire politicamente.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Giacula
Inviato: 14/5/2011 11:54  Aggiornato: 14/5/2011 11:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: Perchè votare?
Tornerò a votare quando troverò un politico che:

- dichiarerà illegale l'occupazione israeliana in Palestina
- dichiarerà illegale ogni partecipazione italiana a qualsiasi guerra
- denuncerà la truffa costituita dall'attuale sistema bancario
- denuncerà la truffa costituita dall'attuale sistema farmaceutico

In sostanza: non andrò mai più a votare.

pensatore
Inviato: 14/5/2011 12:37  Aggiornato: 14/5/2011 12:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Perchè votare?
@Pispax

Citazione:
"Quando tu o qualcun altro, cortesemente, riuscirete a spiegare in che modo il non andare a votare abbia fatto cadere una sola bomba in meno, vi ascolterò con piacere."

Per me si tratta di una questione morale: non intendo essere complice.

Poi a fronte della certezza del fatto che votare comporti comunque un MALE l'espressione del rifiuto, che conta quasi zero (come il singolo voto del resto), non uccide la speranza.

Saluti.

Giano
Inviato: 14/5/2011 12:42  Aggiornato: 14/5/2011 12:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Perchè votare?
“Allora in bocca al lupo presidente, e per quanto possa contare,
sappia che anche questa volta avrà il mio sostegno!”
“Amico, il suo voto vale come il mio e come quello di tutti, vale uno.”

Questa conversazione ascoltata quasi casualmente mi ha
lasciato il dubbio(ancora vivo) che fosse più una
presa per i fondelli che una dichiarazione di umiltà o una visione asciutta delle cose.

Domani nella mia città(!), dopo diversi decenni di governi di destra delle solite
famiglie, c’è la possibilità di eleggere un sindaco giovane ( 37?) , di sinistra,
che ha vinto le primarie in barba al PD (sta con sinistra ecologia libertà),e che
ha già un doppio incarico al comune e alla regione come consigliere.
Ebbene, finalmente, forse, è giunta l’ora di far valere il mio voto, ma sono
indeciso se votare per il giovane consigliere comunale o per il giovane consigliere regionale.
Domattina, prima che aprano le urne, ne discuterò in spiaggia con gli amici.
Ci vediamo in città domani sera, a urne chiuse.
Trovo sempre delle buone “scuse” per non votare, quasi mai per votare.
Cari saluti.

Dusty
Inviato: 14/5/2011 12:48  Aggiornato: 14/5/2011 12:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Perchè votare?
Non capisco come mai tutti commentino la prima parte dell'articolo dove si parla della effettiva inutilità del voto singolo: la parte più importante mi sembra che sia questa:

Citazione:
L'idea che il voto sia un imperativo morale dipenda da, tra le altre cose, se la democrazia sia o no un metodo collettivo decisionale moralmente accettabile. Un problema qui è che lo scopo della decisione collettiva è generalmente immorale. La maggior parte degli elettori vota a favore delle predazioni da parte del governo sulla nostra proprietà. Gli elettori sono disposti a votare anche per la proprietà degli altri. Ciò è moralmente inaccettabile. Il fatto che alcuni gruppi in qualche luogo hanno votato non giustifica il furto della proprietà.


E' moralmente inaccettabile appoggiare un sistema che legittimi il furto e l'omicidio, e questa cosa da sola è sufficiente per evitare di sostenere un sistema democratico.

Il resto è fuffa.

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
DrHouse
Inviato: 14/5/2011 12:58  Aggiornato: 14/5/2011 12:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Non capisco come mai tutti commentino la prima parte dell'articolo

Perché la seconda parte è ancora più delirante della prima. E se commentassi quella, dovrei dire cose ancora più spiacevoli che preferisco invece tenere per me.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Dusty
Inviato: 14/5/2011 13:39  Aggiornato: 14/5/2011 13:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Perché la seconda parte è ancora più delirante della prima. E se commentassi quella, dovrei dire cose ancora più spiacevoli che preferisco invece tenere per me.

Curioso, io trovo delirante invece legalizzare il furto, se però mi puoi spiegare come mai se io rubo sono un ladro mentre se ruba Tizio votato a maggioranza no, allora sono interessato alla spiegazione.

Grazie, e per il tuo commento vai tranquillo: di cose deliranti qui se ne leggono a bizzeffe, non penso che una in più sia un problema...

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
sisifo
Inviato: 14/5/2011 13:45  Aggiornato: 14/5/2011 17:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 58
 Re: Perchè votare?
AUTORIMOSSO

Freeman
Inviato: 14/5/2011 13:58  Aggiornato: 14/5/2011 13:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Come da tradizione, alla vigilia di ogni elezione appaiono puntuali in home articoli a firma della Redazione o di altri utenti in cui si invita a non andare al voto.

Puntuale, anch'io voglio rinnovare allora, per l'ennesima volta, la stessa domanda. Sì, va bene, ma dopo?

Questo perché tu presumi, erroneamente, che il non voto si prefigga sempre uno scopo. Non è necessariamente così, certamente non lo è nel mio caso.

Io non voto perché, una volta scoperta la truffa, ho deciso di non partecipare al gioco truccato: se tutti al tavolo da poker barano, l'unica scelta sensata è non sedersi. Se poi però uno è masochista...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Lezik85
Inviato: 14/5/2011 14:06  Aggiornato: 14/5/2011 14:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Perché la seconda parte è ancora più delirante della prima. E se commentassi quella, dovrei dire cose ancora più spiacevoli che preferisco invece tenere per me.


La cosa divertente di tutta questa situazione è che si consenta ai primi tre pirla di passaggio di espropriare a mano armata la volontà degli elettori e non...e che il tutto venga anche considerato normale!

Andando oltre la dicotomia voto/non voto, quello rosso e quello blu e così via, ci si rende conto che è il sistema di per sé (democrazia rappresentativa) ad essere marcio ed una frode alla base.

Se si fa riferimento alla "democrazia rappresentativa" riuscite a citare un caso in cui i politici che dovrebbero "rappresentarci" (nonostante ci siano persone che non accettino questo esproprio della propria volontà, il che la dice lunga sulla fraudolenza del sistema) non abbiano promesso mari e monti per poi disattendere sistematicamente ogni singola sillaba?

Cos'è questa se non...frode?

E' davvero così complicato immaginare una società diversa da quella in cui ci sono persone costrette a lavorare come muli per pagare lautamente un manipolo di dementi perchè diano ordini e mandino gente coi manganelli a ricordare alle persone che succede se non li eseguono? Sono semplicemente sorpreso che una persona capace di inanellare un pensiero non vomiti come un idrante alla sola concezione di tanta aberrazione.

Calvero
Inviato: 14/5/2011 14:54  Aggiornato: 14/5/2011 15:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
E' moralmente inaccettabile appoggiare un sistema che legittimi il furto e l'omicidio, e questa cosa da sola è sufficiente per evitare di sostenere un sistema democratico.


QUOTO

Ti dirò di più, Dusty. Non ti pare che considerare detta "questione morale" come fosse figlia di un Dio minore, sia la magnifica rappresentazione del perché il gioco delle tre supposte carte abbia ancora un suo fascino?

di grazia, che colore ?




Citazione:
Tornerò a votare quando troverò un politico che:

- dichiarerà illegale l'occupazione israeliana in Palestina
- dichiarerà illegale ogni partecipazione italiana a qualsiasi guerra
- denuncerà la truffa costituita dall'attuale sistema bancario
- denuncerà la truffa costituita dall'attuale sistema farmaceutico

In sostanza: non andrò mai più a votare.


Bella lì, Giacula

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Makk
Inviato: 14/5/2011 15:05  Aggiornato: 14/5/2011 15:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
Citazione:

Makk:
Né arroganza, né pretesa.
Curiosità, piuttosto.
Calvero:
Non vedo neanche di striscio contemplabile la curiosità. Neanche con un "piuttosto".

Male. Avrai groooosse difficoltà a comunicare la tua visione, se chiunque la vorrebbe esaminare lo tacci di arrogante invece di considerarlo curioso.
Ma questi son cazzi tuoi e nessuno ti infila giù per la gola un ipotetico obbligo di rispondere alle perplessità che tu stesso sollevi.

Citazione:
L'arroganza c'è, poiché ad una situazione insanabile come la nostra, non si può pretendere LA soluzione ma solo il primo passo che dovrà dirci a quale soluzioni aprirci.
Ho messo l'articolo "LA" in maiuscolo proprio ad intendere, che il --- e dopo? --- non è più prioritario quando IL presente è insanabile.

Se la strada "battuta" fa schifo se ne cerca una nuova, giusto?

Beh, no.
Non necessariamente.
Si esaminano le opzioni:
- Continuo a percorrerla anche se fa cagare?
- Mi aggrego a Calvero anche se lui per primo (e onestamente lo dice) non sa dove si va a finire?
- Mi avventuro su un'altra strada ancora che, a differenza di Calvero, mi garantiscono portare verso luminosi e certi orizzonti (certi se la percorro fino in fondo, ovvio, ma certi)?

Tu vuoi forzare ad escludere a priori la prima delle tre.
Scordatelo. Sono "campane" e le voglio sentire.
Per me si tratta di esaminarle tutte e tre.

L'astensionismo è allettante (io SONO astensionista praticante da un decennio abbondante), ma è caldeggiato un po' confusamente. Mi rende incerto sulla scelta astensionista.
Eppure per me è facile. Se fossi un astensionista alla Mazzucco (= voglio fare un contratto col candidato rappresentante) sto in una botte di ferro. Infatti in una comunità enorme e dispersiva come Roma non c'è verso neanche a livello locale di contrattare dal basso, perché la più piccola unità rappresentativa mi esce con 300.000 cittadini.

Quindi eccomi lavata la coscienza: non voto. Non sono complice. Evviva!

Uhmmm... ma a uno che vive in un paesello gli racconto la mia stessa favola?
Anche lui è impossibilitato a usare il voto come lobbying?
No, lui la possibilità ce l'ha.
Quindi dirgli "sii astensionista perché da me la situazione è insanabile" non è sufficente, anzi, è controintuitivo. A lui non posso negare l'esame della "opzione Mazzucco". Altrimenti sono in malafede, visto che penso che da lui SIA possibile.

Potrei argomentargli perché escludere un'opzione che io per primo so non essere sconfessata da un'irrimediabilità inesistente (per lui). E non sono in grado di farlo. E non sono le tue analisi tagliate con l'accetta che mi aiutano.


E poi c'è il problema che troppe volte ho intrapreso strade che "intanto andiamo poi si vedrà", per poi trovarmi strani e sgraditi compagni di letto. Adesso voglio vedere, ascoltare, valutare.

In mancanza della tua opinione valuto di mio (per il momento molto di massima).


Valutazione uno.
Bersani ne ha detta una giusta (valuto che sia un errore, e che non capisca bene le conseguenze della sua affermazione).

"Se mi dici che fanno tutti schifo mi sta bene, se mi dici che tanto sono tutti uguali no"

E' la differenza fra la critica e il qualunquismo.
Non so che farmene dei qualunquisti come "compagni di strada". Sono prede inermi, non costruttori di realtà.


Valutazione due.
La strada dell'astensionismo argomentata qui in LC mette d'accordo post-nazisti, anarco-comunisti, ultra-liberisti, spiritualisti-arcadici, pessimisti cosmici e qualche qualunquista (anche becero).
Etichettare pinco o pallino non mi interessa, indico solo dei "vettori di pensiero" (anche perché il singolo può riconoscersi in PIU' DI UNA di queste categorie di comodo).
E se la difficoltà di fare strada insieme fra questi vettori non ti appare complessa, son contento per te, ma io mi tengo le mie perplessità.

Makk
Inviato: 14/5/2011 15:15  Aggiornato: 14/5/2011 15:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
p.s.:

Citazione:
Makk: Che dica "non so se c'è" una strada giusta è abbastanza inquietante per chi viene invitato a non percorrere una certa strada (sbagliata forse, ma sicuramente battuta).
Calvero: Assolutamente sì. Anzi, inquietante è un eufemismo. Direi terribile. Inquietante è anche la situazione di farsa e decadenza totale di un Sistema illusorio che ci si ostina a considerare sanabile.

Non ci capiamo. Inquietante per me è che arrivi uno come te e mi dica:

- Questa strada è un vicolo cieco.
- Ah, Dici? Beh, in effetti mi sembra di non andare nella direzione giusta.
- Facciamone un'altra
- Ottimo. Conosci una strada migliore?
- No. Ma siccome questa è sbagliata...
- Aspetta un momento. Non ne conosci un'altra!?
- Qualunque altra andrà bene per forza.
- Ma come lo sai?
- Perché questa è un vicolo cieco.
- Non è quello che intendevo: COME-LO-SAI che un'altra non è un vicolo cieco?
- Se non proviamo non lo sapremo.
- hm, a questo punto mi viene da chiederti: ma sei SICURO che questa sia un vicolo cieco?
- Hai detto anche tu che era sbagliata, no?
- No. Io ho detto che mi sembrava sbagliata. Quello sicuro che fosse sbagliata eri tu. E a 'sto punto mi ripeto: COME-LO-SAI che abbandoniamo la strada sbagliata?
- Basta chiacchere. Andiamo per un'altra strada, che andrà bene di sicuro.
- uhmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

"Inquietante" come fornitore di informazioni sulle strade SARESTI TU, soprattutto se ho camminato in montagna per 2 ore e mi rimangono 2 ore e mezza di luce (cioè è quasi troppo tardi anche per tornare a ritroso al villaggietto dal quale sono partito).

Makk
Inviato: 14/5/2011 15:34  Aggiornato: 14/5/2011 15:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
Citazione:
sisifo:
Scusate, butto uno spunto di riflessione concreto, invece di perdere tempo a parlare di non voto fine a se stesso che dovrebbe risolvere magicamente ogni problema di convivenza umana.

Allora,

1. il topic invece, guarda un po', è stato aperto proprio per parlare di quello. Chiedine la chiusura. O, visto che per te è una "perdita di tempo", vai a postare in un altro topic, no?

2. "non voto fine a se stesso" e seguito da sarcasmo.
Non so... vuoi litigare con qualcuno?
Io personalmente non sono convinto della "risolutività" del non voto, ma se lo fossi sarei combattuto fra sfancularti e ignorare te e il tuo post. Nel frattempo lo trovo irrispettoso del pensiero degli altri, e quantunque non mi coinvolga in prima persona mi stai un tantinello sulle @@ anche se non ce l'hai con me.

3. Gli altri perdono tempo e tu sei concreto... e posti una roba sul nucleare che non c'entra una mazza. In verità accenna a una forma di voto (il referendum) che non c'entra (again) una mazza, visto che (come minimo) è plebiscitaria e non rappresentativa. Ma ci accenna così di striscio che è chiaro che il referendum NON E' il fulcro del link.
Il tuo essere concreto si esprime imponendo come "importante" un argomento a caso che gli altri non stanno discutendo?


Il nucleare, poi, è importantissimo. Ci sono dei bei topic su questo qui in LC. Ma quelli non ti interessano, pare...

Riassumo la figura che (secondo me) hai fatto, con la proverbiale "immagine che vale mille parole":


Calvero
Inviato: 14/5/2011 15:47  Aggiornato: 14/5/2011 15:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Male. Avrai groooosse difficoltà a comunicare la tua visione, se chiunque la vorrebbe esaminare lo tacci di arrogante invece di considerarlo curioso.


Makk Makk

.. chiedo scusa se ho offeso, ma considero l'arroganza di certi ragionamenti priva di un risentimento personale .. sono peccati veniali di una forma mentis che va accusata. Se vuoi insegnarmi a esprimerli meglio sono tutto orecchi

Citazione:
Tu vuoi forzare ad escludere a priori la prima delle tre.
Scordatelo. Sono "campane" e le voglio sentire.
Per me si tratta di esaminarle tutte e tre.


Guarda Makk, facciamo così. Consigli da darmi?

Citazione:
Quindi eccomi lavata la coscienza: non voto. Non sono complice. Evviva!


AZZOOO Oh, ma sei peggio di un discolo dispettoso. Ma perché insisti con questa analisi Freudiana della minkia? ... chi ti dice che lavarsi la coscienza e fare ciò che è giusto, vadano a braccetto?

Citazione:
E poi c'è il problema che troppe volte ho intrapreso strade che "intanto andiamo poi si vedrà", per poi trovarmi strani e sgraditi compagni di letto. Adesso voglio vedere, ascoltare, valutare.

In mancanza della tua opinione valuto di mio (per il momento molto di massima).


"intanto andiamo poi si vedrà" non lo trovi riduttivo come sunto di una ipotetica presa di posizione collettiva sul voltare le spalle alla farsa?

INVECE, senti questa:

- perché non dici "intanto abbiamo dimostrato di essere forti" (sticazzi) poi aggiungi "visto che il non-voto non è stata l'unica cosa che abbiamo fatto finora" (leggi cosa ti ho detto prima sul fatto che non è un discorso univoco) ..e poi aggiungi ..."di solito la solidarietà delle persone oneste e forti crea idee degne di questo nome" ... eccetera eccetera eccetera ...


...che PESSIMISTONE che sei! mamma mia UFFF ..non ce lo vedo un cervellone come il tuo barattato in questo sistema di froci

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 14/5/2011 15:49  Aggiornato: 14/5/2011 15:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
- Questa strada è un vicolo cieco.
- Ah, Dici? Beh, in effetti mi sembra di non andare nella direzione giusta.
- Facciamone un'altra
- Ottimo. Conosci una strada migliore?
- No. Ma siccome questa è sbagliata...
- Aspetta un momento. Non ne conosci un'altra!?
- Qualunque altra andrà bene per forza.
- Ma come lo sai?
- Perché questa è un vicolo cieco.
- Non è quello che intendevo: COME-LO-SAI che un'altra non è un vicolo cieco?
- Se non proviamo non lo sapremo.
- hm, a questo punto mi viene da chiederti: ma sei SICURO che questa sia un vicolo cieco?
- Hai detto anche tu che era sbagliata, no?
- No. Io ho detto che mi sembrava sbagliata. Quello sicuro che fosse sbagliata eri tu. E a 'sto punto mi ripeto: COME-LO-SAI che abbandoniamo la strada sbagliata?
- Basta chiacchere. Andiamo per un'altra strada, che andrà bene di sicuro.
- uhmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm


ma finiscila una buona volta

.. è la politica al Potere?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 14/5/2011 16:15  Aggiornato: 14/5/2011 17:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Dusty


Citazione:
Non capisco come mai tutti commentino la prima parte dell'articolo dove si parla della effettiva inutilità del voto singolo: la parte più importante mi sembra che sia questa:


Citazione:
L'idea che il voto sia un imperativo morale dipenda da, tra le altre cose, se la democrazia sia o no un metodo collettivo decisionale moralmente accettabile. Un problema qui è che lo scopo della decisione collettiva è generalmente immorale. La maggior parte degli elettori vota a favore delle predazioni da parte del governo sulla nostra proprietà. Gli elettori sono disposti a votare anche per la proprietà degli altri. Ciò è moralmente inaccettabile. Il fatto che alcuni gruppi in qualche luogo hanno votato non giustifica il furto della proprietà.



E' moralmente inaccettabile appoggiare un sistema che legittimi il furto e l'omicidio, e questa cosa da sola è sufficiente per evitare di sostenere un sistema democratico.

Il resto è fuffa.


Minchia, sempre le solite, deliberate confusioni.
Inizio a pensare che ci sia un po' di malafede dietro a tutto ciò.





Citazione:
E' moralmente inaccettabile appoggiare un sistema che legittimi il furto e l'omicidio, e questa cosa da sola è sufficiente per evitare di sostenere un sistema democratico.


Sbagliato.
Sbagliato TRE VOLTE.

1) Intanto NON si parla del "sistema democratico". Al limite si parla del concetto di Stato.
Come se una monarchia assoluta o costituzionale, una tirannia, una teocrazia o una repubblica nobiliare non presupponessero le stesse cose.
Si continua - deliberatamente - a cercare di mischiare i termini del problema.


2) Quello che tu chiami "furto" io lo chiamo in modi diversi.
Tipo "finanziamento dei beni collettivi", o anche "sistema solidaristico". Non ultimo "protezione sociale".

Un bene collettivo è, per esempio, un argine. Se non viene costruito la gente subisce le inondazioni. Il costo dell'argine lo devono sostenere solo i coltivatori di grano, che vanno in rovina a ogni alluvione, o anche i coltivatori di riso, che delle alluvioni se ne sbattono la minchia?
(EDIT: questo attiene al concetto di comunità prima che di Stato)

Un sistema solidaristico. sempre per esempio, è la sanità. Tu se provi a farlo da solo con ogni probabilità NON SEI in grado di pagarti delle cure ospedaliere, credimi. Se poi c'è di mezzo un'operazione ancora peggio. Riesci a curarti solo perché le spese per le TUE cure vengono ripartite anche fra i cittadini sani, nella consapevolezza di tutti che in questa lotteria al contrario non si sa mai a chi tocca.


3) Anch'io sono contrario alle politiche espansionistiche. Questo non significa però che il concetto di "omicidio legalizzato" non si possa applicare anche alle guerre difensive.
Sempre omicidio legalizzato rimane.




Con comodo, mi piacerebbe se tu mi illustrassi come lo intendi TU un sistema sociale "morale".
E come potrebbe funzionare NELLA PRATICA (che nella teoria funzionano benissimo tutti, sai com'è).

Te lo chiedo perché nel caso ho cinque simpatiche domandine che ancora non riescono a trovare risposta.

Pispax
Inviato: 14/5/2011 16:21  Aggiornato: 14/5/2011 16:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Floh


Citazione:
Il nocciolo della questione non e' come rimanendo a casa in uno si possa far smettere di far cadere bombe, ma rimanere a casa tutti, quello si ch le farebbe smettere.


Tanto per curiosità: in che modo?

Il nocciolo del problema invece è proprio quello. Ma se non riesci a capire la differenza che c'è fra "Stato" e "democrazia" io posso farci molto poco.

Pispax
Inviato: 14/5/2011 16:43  Aggiornato: 14/5/2011 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
PikeBishop


Ora pro nobis...


Grazie per quel bel piano inclinato, che mi sono appena comprato lo skate nuovo e non vedo l'ora di rompermi una gamba.




Dal Vangelo secondo Pispax:

C'era un paese, vicino a Tiberiade, dove governava un Fariseo.
Non bastandogli i denari per mantenere un esercito decise di fingere che il popolo si governasse da solo, e predispose delle giare dove le persone potessero "votare", ovvero esprimere la loro preferenza sulle cose. La sua finzione consisteva nel fatto che in linea di massima rispettava realmente il "voto", ma che però prima di mandare le persone a "votare" faceva il possibile per convincere la gente lche le cose che volevano loro in realtà erano quelle che voleva lui.
Si accorse ben presto che il popolo si poteva dividere in due gruppi: quelli a cui andava bene tutto e si facevano convincere facilmente; e quelli che invece insistevano perché le loro preferenze fossero rispettate e non si facevano convincere affatto.
Nel timore che i secondi prevalessero, visto che questo avrebbe costituito la fine del suo potere, fece deliberatamente in modo di convincerli a smettere di votare.
Ci riuscì facilmente: gli bastò insinuare nelle loro menti concetti come "tanto il mio voto non serve a niente", oppure "tanto il Fariseo non rispetterà la mia opinione", oppure "per deporre il Fariseo dobbiamo aspettare che tutti quanti smettano di votare", o anche assurdità come "non voglio essere complice".
Per i primi invece, cioè quelli che si lasciavano convincere facilmente, c'erano a disposizione ballerine egiziane e vino di Damasco.

In verità, in verità ti dico, figliolo: chiunque abbocchi alle lusinghe del Fariseo è destinato a mangiare la polvere. Ora va', e smetti di dire grullate.

incredulo
Inviato: 14/5/2011 17:07  Aggiornato: 14/5/2011 17:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Perchè votare?
@Pispax

Bellissima la storia del fariseo, e' spaziale, ma non riesco a rapportarla alla nostra vita.

Un limite mio di sicuro.

Noi abbiamo un fariseo e tanti altri che dicono di non esserlo ma che in realta' lo sono.

Noi dobbiamo scegliere tra il fariseo e gli altri farisei che, diversamente dalla tua storiella NON RISPETTANO IL VOTO e la LEGGE che essi stessi promulgano.

Non solo, NON RISPETTANO neanche i programmi che tanto pomposamente annunciano in campagna elettorale.

Siamo sempre li', il voto e' sacro, c'e' gente che e' morta per darci questo diritto, il voto e' un diritto-dovere, le solite PAROLE VUOTE senza alcun riscontro nel reale.

Quando ero giovane ero segretario di un partito giovanile della mia citta'.

Ho capito molto presto come funziona la politica, e la personalita' di coloro che la fanno ad alti livelli.

Il REALE e' che il VERO POTERE non ce l'hanno questi penosi burattini che tanto si affannano per una poltrona e un po' di soldi.

Ma non farci caso Pispax, i miei sono solo deliri.

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
sisifo
Inviato: 14/5/2011 17:10  Aggiornato: 14/5/2011 17:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 58
 Re: Perchè votare?
@ Makk

Il post era OT, ma anche no.
Comunque guarda, facciamola breve e chiudiamola qui perché non ho nessuna voglia di litigare e, a scanso di equivoci, ho già provveduto a rimuovere il post.

DrHouse
Inviato: 14/5/2011 17:12  Aggiornato: 14/5/2011 17:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Perchè votare?
incredulo:
Citazione:
Il REALE e' che il VERO POTERE non ce l'hanno questi penosi burattini che tanto si affannano per una poltrona e un po' di soldi.
Ma non farci caso Pispax, i miei sono solo deliri.

No, incredulo, delirio è l'articolo e molte delle cose che sono state scritte nel thread a suo sostegno. Tu invece hai detto una delle pochissime cose sagge nella frase che ho citato qui sopra. Ti aiuto. Sei vicinissimo alla verità. Fuochino. Ora fai solo l'ultimo passettino e capirai che tutta questa discussione è incentrata in realtà su un falso problema.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Pispax
Inviato: 14/5/2011 17:15  Aggiornato: 14/5/2011 17:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Freeman


Citazione:
o non voto perché, una volta scoperta la truffa, ho deciso di non partecipare al gioco truccato: se tutti al tavolo da poker barano, l'unica scelta sensata è non sedersi. Se poi però uno è masochista...


Anche a te lo chiedo tanto per curiosità: in che modo puoi rifiutarti di sederti?

No sai: perché sembra qui che il "gioco truccato" sia l'esercizio del voto, invece dell'esercizio del potere.
E quindi, in che modo riesci a non farti coivolgere dalle decisioni delle Stato (leggi, tasse ecc.) semplicemente non votando?

jordskjelv
Inviato: 14/5/2011 17:18  Aggiornato: 14/5/2011 17:19
So tutto
Iscritto: 9/11/2008
Da:
Inviati: 15
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Si consideri cosa significa dire "il vostro voto non conta". Il vostro voto conta se influenza il risultato dell'elezione in questione. Come ciò possa avvenire dipende dal numero dei voti conteggiati. Se c'è un numero pari di elettori in un'elezione, il vostro voto conta solo se crea un pareggio ed il vostro candidato prosegue per vincere l'elezione. Se non aveste votato, il vostro candidato avrebbe perso per un voto. In un caso simile, a causa del vostro voto, le probabilità di vincita del vostro candidato sono aumentate dallo 0% a circa il 50%.

Dall'altro lato se c'è un numero dispari di elettori, il vostro voto conta se rompe il pareggio che avrebbe avuto luogo in assenza del vostro voto. In un caso simile le probabilità del vostro candidato di vincere aumentano da circa il 50% al 100%. La possibilità che possa avvenire uno di questi avvenimenti dipende dal numero di elettori nell'elezione, tra le altre cose. Sommando il tutto, le probabilità che il vostro voto faccia la differenza sono approssimativamente 1/N, dove N è il numero di elettori nell'elezione. Secondo questa stima in un'elezione con 100 milioni di elettori, la possibilità che un singolo voto influenzi il risultato dell'elezione sarebbe circa un milionesino del 1%.


Dimostrazione semplicemente ridicola. Questo ragionamento è semplicistico e capzioso e sarebbe valido solo se fosse già noto il risultato delle elezioni escluso il mio voto.

Se ci sono due candidati e andiamo a votare in tre, io màmmeta e tu, il mio voto non conterebbe nulla solo se io sapessi già che tu e màmmeta voterete per lo stesso candidato. Ma se non lo so non posso mai essere sicuro di non spostare il risultato. Per esprimere questa situazione in termini probabilistici non basta fare due conticini a cazzo di cane: occorre moltiplicare il ragionamento per il numero degli elettori. Nell'elezione a tre dovremo farlo sia io, sia màmmeta, sia tu; in quella a 100 milioni, tutti i 100 milioni di elettori. Se 40 milioni votano per A e gli altri 60, potenziali elettori di B, si astengono sul presupposto che "il mio voto non conta", esso finisce per contare davvero, solo a favore di A.

Alle elezioni si applica la teoria dei giochi: non sono l'estrazione di un numero da un bussolotto, sono una partita a poker. Non andare a votare in base a questa stupida "dimostrazione" equivale piú o meno a rinunciare ad andare a vedere con una doppia coppia non a seconda dell'andamento del gioco, ma per principio perché è un punto basso.

Questo sito, che seguivo volentieri, mi ha già fatto fare delle belle figure di merda ripetendo balle da tempo conclamate, come la dichiarazione fuori contesto di Cheney su bin Laden apparsa di nuovo una delle volte scorse. Adesso con questa chicca mi convince definitivamente a rivedere la mia opinione. Meglio cosí, chi predica lo spirito critico non può lamentarsi quando gli viene applicato.

Pispax
Inviato: 14/5/2011 17:21  Aggiornato: 14/5/2011 17:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
incredulo , cerca di non abbocare alle lusinghe del Fariseo.
Ha perfettamente ragione DrHouse

Paxtibi
Inviato: 14/5/2011 17:36  Aggiornato: 14/5/2011 17:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Perchè votare?
Alle elezioni si applica la teoria dei giochi: non sono l'estrazione di un numero da un bussolotto, sono una partita a poker.

Alla fine è sempre una questione di culo!

Pispax
Inviato: 14/5/2011 17:44  Aggiornato: 14/5/2011 17:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
jordskjelv


Citazione:
Se ci sono due candidati e andiamo a votare in tre, io màmmeta e tu, il mio voto non conterebbe nulla solo se io sapessi già che tu e màmmeta voterete per lo stesso candidato. Ma se non lo so non posso mai essere sicuro di non spostare il risultato.


Non solo è come dici tu, ma è persino peggio: anche se già sai come votano tu e màmmeta, dovresti anche avere la certezza che nessuno di loro due cambierà idea.
Altrimenti il tuo voto avrebbe contato eccome: ma tu non lo hai espresso, nella convinzione che non contasse niente.






C'è UNA SOLA frase dell'articolo che ha senso, e ha senso solo se viene decontestualizzata:

Citazione:
Si dovrebbe votare perchè si è moralmente forzati a fare ciò? Assolutamente no.


Anch'io non capisco la necessità di forzature "morali".
Si può parlare solo di convenienze.


Anzi, visto che è palese che la morale non possa letteralmente entrarci una cippa, è palese anche che questa è la classica conclusione da venditore di automobili usate.

Paxtibi
Inviato: 14/5/2011 17:56  Aggiornato: 14/5/2011 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Perchè votare?
Le stringenti argomentazioni di Pispax mi hanno convinto!

Voterò PDL!



incredulo
Inviato: 14/5/2011 17:56  Aggiornato: 14/5/2011 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Perchè votare?
@DrHouse

Ora fai solo l'ultimo passettino e capirai che tutta questa discussione è incentrata in realtà su un falso problema.

Guarda, questa diatriba voto si, voto no e' veramente un FALSO PROBLEMA.

Quando ti rendi conto dell'inganno che ti viene reiterato da sempre pero' hai bisogno di comunicarlo specialmente a coloro che si ILLUDONO di potere cambiare i giochi del potere con una semplice crocetta.

Se poi qualcuno pensa di andarci come tifoso, alla stregua di una partita di calcio, per vedere vincere la propria squadra e potere gioire quando questa vince, lo lascio al suo spettacolo privato.

Ma e' tutto un film, uno spettacolo appunto, con nani ballerine effetti speciali, finti lottatori e bestie feroci.

Credere ancora di POTERE DECIDERE le politiche nazionali con una crocetta e' una delle nostre tante illusioni.

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Pispax
Inviato: 14/5/2011 18:21  Aggiornato: 14/5/2011 18:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Calvero, secondo me stai continuando a impantanarti in una posizione - per l'appunto - parecchio paludosa.


Ma non voglio tornare su queste cose.
Una cosa invece è bene sottolinearla:


Citazione:
chi ti dice che lavarsi la coscienza e fare ciò che è giusto, vadano a braccetto?


Non solo NON vanno a braccetto, ma sono proprio due cose opposte.
Uno O fa la cosa giusta, OPPURE decide di non farla e trova un qualunque pretesto per lavarsi la coscienza.

Calvero
Inviato: 14/5/2011 18:46  Aggiornato: 15/5/2011 17:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Questo sito, che seguivo volentieri, mi ha già fatto fare delle belle figure di merda ripetendo balle da tempo conclamate, come la dichiarazione fuori contesto di Cheney su bin Laden apparsa di nuovo una delle volte scorse. Adesso con questa chicca mi convince definitivamente a rivedere la mia opinione.


Se magari spieghi la logica che anima questa tua fallacia, sarebbe utile anche a molti altri che magari non vogliono fare le stesse figure di merda che hai fatto tu.

Innanzitutto stai, faziosamente, mettendo due pesi sulla bilancia che non hanno nessuna attinenza, secondo quello che la tua accusa sta muovendo.

Il PRIMO è stato un errore, oltretutto dimostratosi in buona Fede;

- l'altra questione è invece una Critica aperta su un annosa questione "politico/sociale" che ieri, né oggi e, forse, né domani verrà circoscritta e risolta in una definitiva soluzione...

..ergo, per il SECONDO (la critica voto non/voto): se riesci a fare delle sonore figure di merda in giro, il problema è soltanto tuo. Non c'è nulla qui dentro che stia "cantando" e/o millantando una data Verità e Soluzione, o ti stia dando una formula magica da vendere in giro.

Tornando alla prima, sulla questione Cheney: sempre faziosamente, hai saltato a pie pari (chissà perché) quanto, e con maturità, si è discusso su cosa possa significare un Lapsus, non solo: oltretutto un argomentazione, questa del Lapsus di Cheney, che NON ha tolto neanche UN SOLO grammo sulle menzogne per cui Bin Ghost Laden sarebbe comprovatamente coinvolto nella vicenda 9/11.

Ergo (e per la seconda volta) ... nulla ma proprio nulla ti avrebbe potuto mettere nella posizione in cui, per qualsiasi confronto tu ti fossi trovato a sostenere con una persona mediamente intelligente (o che non sia un Debunker della domenica), qualcuno avrebbe potuto dirti categoricamente: «vedi?! le prove che Bin Laden è coinvolto ci sono; le prove che è stato ucciso ci sono; le prove che tutte le incongruenze sono state eliminate ci sono; eccetera eccetera eccetera ..»

Quindi mi chiedo: dove stavi discutendo di questa cosa? all'oratorio?

Se poi tu hai trovato conferma dell'utilità del Voto, cosa che nessuno ha ancora dimostrato (e che oltretutto ci sono ben altre prove: che fin'ora NON ha funzionato) ... cercando di legittimare questa opinione perché questo Sito farebbe fare figure di merda, mi dice molto della fuffa di cui parli.

Per curiosità: hai fatto altre figure di merda quando ti hanno messo di fronte all'evidenza che le Torri Gemelle, il WTC7 "sono" crollati come la versione ufficiale sostiene? Sai com'è ... con le debite proporzioni, se ti basta un errore di questa entità di fronte alla gargantuesca farsa che ti propinano i Media sull' 11 Settembre e non solo, non oso immaginare quante soddisfazioni avrai avuto a dare retta a tutte le verità che ti propina la TV... e, tranquillo, con la massa non si rischiano brutte figure, sono già tutti allineati e coperti

... buona visione, mi raccomando. Non perderti l'Isola dei Famosi

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
oloap
Inviato: 14/5/2011 18:48  Aggiornato: 14/5/2011 18:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2010
Da:
Inviati: 32
 Re: Perchè votare?
Ho letto un sacco di commenti e di botta e risposta molto interessanti.
Penso che alcuni, fra i quali Calvero, di cui condivido molto di quello che pensa sull'argomento, sogna qualcosa di simile (mi scuso in anticipo se ho capito male):
http://youtu.be/dX33LA4Dkgg

Io sono fra quelli che non andrà mai più a votare e più saremo prima evolveremo come è naturale che accada. Ma sta a noi iniziare QUI e ORA
Questo è un periodo nel quale molti paradigmi stanno rapidamente cambiando, come ad esempio 300 anni di scienza Newtoniana che saranno spazzati via dall'Epigenetica.
Sono esagerato eh? me lo dicono tutti ma io me ne frego e seguo il mio intuito.

ciao a tutti

Zingaro
Inviato: 14/5/2011 18:52  Aggiornato: 14/5/2011 18:52
So tutto
Iscritto: 14/5/2011
Da:
Inviati: 24
 Re: Perchè votare?
Saluti a tutti, questo è il mio primo messaggio e un saluto mi sembra una cosa educata.

Non si potrà mai cambiare ninete assecondando il sistema ed il voto è un modo per assecondarlo. Certo che se poi ci inchiniamo supini alle regole che ci vengono imposte (fisco, comportamenti sociali, guerre, vaccinazioni...) allora tanto vale recarsi alle urne. Ma se dopo aver rifiutato il voto si inconmincia ad andare contro il sistema allora questo fa la differenza, anche se ognuno nel proprio piccolo.
Recarsi alle urne significa partecipare al gioco e una volta che si partecipa si deve accettare il responso; vittoria, pareggio o sconfitta, ma bisogna accettarlo. Il vero problema è che il gioco è da rifiutare, perché fallato all'origine. Non si va a votare chi ci governa, ma il boia che ci ucciderà. Il problema non è il boia, ma la nostra pena di morte che è sbagliata e sicuramente non è il voto che fa la differenza. Io non voglio morire, non morire così piuttosto che cosà.
Se vado a votare sicuramente non posso lamentarmi di ciò che accade dopo, perché andando a votare ho accettato le regole. Non votando invece avrò tutto il diritto di lamentarmi, ma non con i politici, ma con coloro che hanno partecipato a questo gioco truccato che a quei politici ha dato la legittimazione a sodomizzare.
Quelli che non si recano alle urne saranno autrorizzati a non pagare le tasse, a non sottomettersi alle imposizioni della legge, a non imbracciare un'arma per andare a combattere un terrorista/partigiano in un'altra nazione, a non vaccinarsi o sottoporsi a cure mediche che non ritiene idonee. Questo non significa che il potere non si rivolti contro di loro, certo che dovrà farlo usando la ragione del potere e non il potere della ragione.
Tuttavia, se i non votanti (e di conseguenza combattenti) saranno molti anche il potere dovrà rivedere le sue (im)posizioni ed adeguare i suoi comportamenti di conseguenza.

Se non votare contasse veramente poco o niente, perché ci sarebbero così tante campagne pubblicitarie per convincere gli "indecisi" (termine propagandistico per screditare quelli che non votano perché hanno capito che il gioco è truccato)?

Il mio non voto è un colpo di stato. E' non è neppure punibile per legge (chiedetelo a Solange Manfredi).

Lo Zingaro

avatar21
Inviato: 14/5/2011 18:52  Aggiornato: 14/5/2011 18:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/5/2010
Da: Terrritorio Libero di Trieste
Inviati: 73
 Re: Perchè votare?
Votare in queste condizioni e' quasi inutile . Come altre persone hanno già' accennato il vero potere e' nelle mani di chi manovra i burattini che vogliono essere eletti . E' strano vedere i burattini eletti che una volta che sono nella poltrona fanno ciò' che vogliono . Come anche in altri paesi europei e specialmente gli anglosassoni , anche in Italia ci sono solo due partiti che possono aspirare al potere grazie al numero di voti che ricevono . Entrambi fanno parte del Nuovo ordine del Mondo ovverosia sono esattamente due facce della stessa medaglia .
Potranno differire su argomenti marginali come l'aborto o il crocifisso nei tribunali ma su cose come per esempio fare la guerra per derubare qualche paese Medio orientale del suo petrolio o difendere lo stato di Apartheid li troverete sempre d'accordo .
Queste prossime elezioni sono di valore locale , ma ci sono grossi interessi che gravitano attorno ad esse , Appalti , approvazioni di nuove costruzioni edilizie ecc.ecc .
Ci dovrebbe essere un sistema di RICHIAMO dei politici locali , cioè' per chi sgarra o si dimostra inetto o non mantiene le promesse ci dovrebbe essere un sistema automatico che richiede una petizione degli elettori per buttare fuori dall'ufficio l'incompetente . Questo sistema di Richiamo o Recall e' usato per certi giudici eletti negli USA .
Qui in Italia siamo stati fregati da tanto tempo con le elezioni , molto spesso gli elettori si devono sorbire incompetenti buffoni per anni ed anni , ma la cosa che brucia di più' e che certi buffoni gravitano nella politica per decenni .

matteog
Inviato: 14/5/2011 20:17  Aggiornato: 14/5/2011 20:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Perchè votare?
@Floh

stai generalizzando, secondo te non c'è nessun politico serio? nessun politico onesto?
Io personalmente penso che esistano e non solo, ho verificato dalle loro azioni. Purtroppo sono una minoranza e quindi la loro influenza in Parlamento è minima ma so per certo che mi rappresentano, almeno a me. Un nome? Massimo Donadi.
Chiediamoci più che altro perché ci sono persone poco serie, ed anche condannati in Parlamento. Io una risposta me la sono data: perché fuori dai palazzi non vedo così tanta gente migliore, anzì. Quindi lo schifo che ci governa è il giusto rappresentante dello schifo che c'è fuori.

George Bernard Shaw diceva una frase che secondo me racchiude il senso di democrazia: "Il sistema democratico è quel sistema politico che garantisce che gli eletti non siano migliori degli elettori".

A tutti quelli che non votano dico vi illudete soltanto che il vostro non-voto serva a qualcosa, anzi matematicamente serve al potere, e vi illudete anche che se nessuno votasse il sistema cambierebbe.
Chi è attaccato al potere lo è anche senza voto popolare.

Matteo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
winston73
Inviato: 14/5/2011 21:00  Aggiornato: 14/5/2011 21:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Perchè votare?
quoto freemarcel
alla grande.
nelle elezioni comunali e regionali il voto vale eccome..

tutti i piu' importanti servizi che aiutano a vivere meglio nelle citta' piccole e grandi passano di li'

certo che e' la delega piuttosto ad essere fuoriluogo ormai. andare a votare e poi non far sentire la propria voce in ogni occasione e su ogni tema che vi sta a cuore, questo e' si inutile.
non andare a votare e' un bel modo molto borghese di lavarsi le mani, ma anche ritenere che il voto sia sufficiente al nostro quotidiano e resistente esercizio di liberta'

e vi giro un adagio di un altro genovese
per quanto voi vi sentiate assolti......

2+2=5
ohmygod
Inviato: 14/5/2011 21:05  Aggiornato: 14/5/2011 21:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Perchè votare?
Votare non ha senso e se il votare non ha senso se ne deduce che chi vota è un insensato.

Non votare non ha senso e se il non votare non ha senso se ne deduce che chi non vota è più sensato dell'insensato.

In no sense no sense...Art of Noise.

dr_julius
Inviato: 14/5/2011 22:22  Aggiornato: 14/5/2011 22:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Perchè votare?
quoto winston73

dei propugnatori del non-voto non capisco una cosa: come fanno a ritenere di essere "fuori dal sistema", di potersi rifiutare di pagare le tasse etc etc ???
mi sembrano utopie insensate, anzi completo il mio pensiero: più insensate che l'andare a votare.

e aggiungo: ma se siete così tanti, perchè non fate l'ossimoroso partito dei non votanti??

come sperare di produrre un cambiamento con una non-azione (per giunta invisibile e disorganizzata)?

guardate che esistono già Stati dove si vota MOLTO meno che in Italia (l'affluenza alle urne è molto più bassa) e non mi pare che le cose vadano poi così meglio, né che si possa non pagare le tasse se non voti (provateci negli USA)...

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Freeman
Inviato: 14/5/2011 22:55  Aggiornato: 14/5/2011 23:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Anche a te lo chiedo tanto per curiosità: in che modo puoi rifiutarti di sederti?
No sai: perché sembra qui che il "gioco truccato" sia l'esercizio del voto, invece dell'esercizio del potere.
E quindi, in che modo riesci a non farti coivolgere dalle decisioni delle Stato (leggi, tasse ecc.) semplicemente non votando?

Vedo che non ci capiamo (e non solo con te, continuo a leggere "ma tu cosa proponi" e/o "ma cosa credi di ottenere col tuo non-voto"?): NON ne faccio una questione di ricaduta pratica, non me ne fotte un beneamato ca22o delle "conseguenze" del mio non voto, se vuoi possiamo dire che è una questione di stomaco: innamorarmi dei miei carcerieri o anche solo limitarmi ad assecondarli mentre mi mettono le catene non fa parte delle cose che amo fare.
Una volta appurato (per me, eh, sia chiaro) che il voto è una delle più grandi prese per il culo mai architettate dalle élite per ammansire il popolo bue, dovrei comunque sottopormi alle forche caudine delle urne solo per mancanza di un'alternativa? Ma che discorso è?

Partecipare alla lotteria truccata dove un branco di cialtroni che si nascondono dietro a sigle insulse quanto vacue fingono di accapigliarsi per accaparrarsi qualche poltrona NON mi interessa.
Le elezioni hanno comunque una ricaduta sulla mia vita? E sticazzi, e in che modo di grazia potrei modificare tutto ciò grazie alla mirabolante magia del voto "democratico"? Forse che col mio magico voto posso impedire alle banche di continuare a propalarci la farsa della UE come "necessaria" mentre distruggono il welfare un pezzetto alla volta e ci rubano tradizioni e mestieri? Posso forse impedire a quei banditi del FMI di continuare ad assassinare milioni di persone ogni anno con la loro speculazione? Ho qualche labile possibilità di influire sulla cinesizzazione delle nostre vite o di influire sulle scelte (hahaha!) di guerra fatte ripetutamente dai governanti di destra-centro-sinistra? Non credo proprio, e allora a che pro?
Ho visto persone che conoscevo passare dal "tu" al "lei" solo per essere stati "eletti" a consigliere comunale avendo preso 4-500 voti... questa è la magia della rappresentanza. No, grazie, il mio fegato suggerisce di andare al mare quel giorno, e fanculo alle conseguenze.

Il voto svolge egregiamente la funzione di farci credere che contiamo più del due di picche, mentre le vere decisioni vengono prese "altrove". E lo si vede sui temi grossi, quelli pesanti, dove c'è sempre unanimità, da parte dei nostri politici. E se qualche rara pecora nera tenta di "svicolare" dalle direttive capitali, cadendo vittima egli stesso della grande illusione di contare qualcosa e di poter decidere una qualunque cazzata in maniera indipendente, immancabilmente fa un brutta fine. Bello.

epperò, io non posso astenermi se non propongo un'alternativa: mi pare un po' come certi debuncheri, che se gli fai notare che la c.d. "versione ufficiale" dell'11 settembre non sta in piedi, ti fanno "eh, no, non basta dire che non va, mi devi dire allora COME sarebbero andate le cose, allora".
In altre parole, non hai il diritto di dire che il re è nudo, se non mi dici anche perché lo è e come dovrebbe essere vestito in alternativa. Sai quanto me ne frega...

Citazione:
E quindi, in che modo riesci a non farti coivolgere dalle decisioni delle Stato (leggi, tasse ecc.) semplicemente non votando?

E tu, votando, in che modo riesci ad influenzarle in tuo favore?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Gisar
Inviato: 14/5/2011 23:05  Aggiornato: 14/5/2011 23:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Perchè votare?
Giulietto ha le idee abbastanza chiare con che spirito recarsi alle urne..


http://www.youtube.com/watch?v=CUWlTWAek8Y&feature=player_embedded


Instauratio ab imis fundamentis
AFrayn
Inviato: 14/5/2011 23:55  Aggiornato: 15/5/2011 15:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Perchè votare?
EDIT Non si cambia un sistema marcio agendo secondo le sue regole. Per qualsiasi considerazione che vada oltre tale ovvietà, tenuto conto del livello di libertà disponibile, non è LC la sede adeguata per discuterne. Il futuro della libera discussione non si trova qui, e ovviamente non ne faccio una colpa a MM che giustamente deve tutelarsi, ma suggerisco di pensare ad alternative come Freenet perché ormai la Cina non è molto lontana.

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Pispax
Inviato: 15/5/2011 0:42  Aggiornato: 15/5/2011 1:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Freeman


Citazione:
epperò, io non posso astenermi se non propongo un'alternativa: mi pare un po' come certi debuncheri, che se gli fai notare che la c.d. "versione ufficiale" dell'11 settembre non sta in piedi, ti fanno "eh, no, non basta dire che non va, mi devi dire allora COME sarebbero andate le cose, allora".
In altre parole, non hai il diritto di dire che il re è nudo, se non mi dici anche perché lo è e come dovrebbe essere vestito in alternativa. Sai quanto me ne frega...


Non inclinare il piano.

Il problema è noto: il sistema politico esistente fa schifo.

Soluzioni possibili:
1) me ne frego perché non voglio essere complice (con tutte le sue declinazioni)
2) Ho in mente azioni positive: dopo aver analizzato il problema, dopo ampia riflessione, faccio proprio questo perché voglio ottenere proprio quest'altro.

La soluzione due per il momento non è emersa.
Punto.


E tutto quello che scrivi non solleva le tue opinioni da questa foschia di qualunquismo (Lonewolf ha messo un bel link) che emerge.

Che tradotto potrebbe funzionare così: non so assolutamente che cosa fare, ma lo faccio. E nel mentre faccio questa cosa che non ho proprio idea di che cosa sia e cosa comporti, condanno tutti quelli che non fanno questa cosa (che non si sa bene che cos'è e dove andrà a finire) al ruolo di stronzi.

Come dire: una posizione intellettuale adamantina.
Congratulaffioni.






Citazione:
E tu, votando, in che modo riesci ad influenzarle in tuo favore?


All'anima dell'atteggiamento debunkerico..

Non so. Io ho una posizione che presuppone un'apparato costituzionale alle spalle. Ci sono secoli di giurispridenza e di esperienze che stanno a dire che se viene eletto X invece di Y le politiche CAMBIANO.
Cambiano persino se X e Y fanno parte dello stesso partito.
Come diceva Makk citando Bersani "si può dire che facciamo tutti schifo, e questo è anche legittimo. Ma non si può dire che siamo tutti uguali".

Ora arrivi tu, insieme a altri, che dici che tutta questa roba è merda, sarà merda e non può essere altro che merda. Come se la democrazia italiana fosse uguale a quella inglese; come se la democrazia inglese fosse uguale a quella svedese, che a sua volta è AMPIAMENTE perfettibile.


Se vuoi posso portarti un'ampia bibliografia. Trasversale.
Ma non ritengo che stavolta questo sia compito mio.
Tu mi dici che questa roba è merda?
Guarda: sono assolutamente d'accordo con te.
Ci siamo? Siamo d'accordo sul fatto che sia merda.
Io ho proposto una teoria per migliorarla, che consiste nell'aumento del controllo democratico, e tu sostieni (tramite l'astensione) che anche quella teoria è merda.
Legittimo.
Ora però tocca a TE illuminarmi, e spiegarmi NELLA PRATICA (che nella teoria sono buoni tutti) come fare a migliorare le cose.

E in particolare come può essere migliorata dal non-voto.
Sai com'è: a me sfugge.

Illuminami.






Citazione:
Partecipare alla lotteria truccata dove un branco di cialtroni che si nascondono dietro a sigle insulse quanto vacue fingono di accapigliarsi per accaparrarsi qualche poltrona NON mi interessa.


Dimenticavo: possibilmente evitando la retorica.







EDIT: mentre rileggevo, allo scopo di sganciare bombe intelligenti sugli errori d'ortografia, mi sono accorto di aver saltato la premessa che avevo in mente. La faccio qui.

Il problema vero è che NON SI PUO' parlare di queste cose disinteressandosi di come andrà a finire.
Letteralmente.
L'immagine "tutto quello che mi interessa è che non voglio innamorarmi dei miei carcerieri" è un'immagine priva di senso, almeno in termini relativi.

Un po' come è priva di senso (sempre in termini relativi) l'immagine "i miei gattini hanno solo me come fonte di nutrimento; ma siccome io ho solo latte a lunga conservazione, e non voglio avvelenarli con robaccia chimica, allora non li nutro".

Floh
Inviato: 15/5/2011 5:14  Aggiornato: 15/5/2011 5:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
x Inenascio
Oh mamma, il blog,quello risale a quando leggevo "Il Manifesto" ogni giorno e pensavo a chi votare alle elezioni, mi seve da monito Mi ero dimenticato di everlo ancora nel mio profilo.

Chiudo l'OT ci tenevo a precisare la cosa

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Floh
Inviato: 15/5/2011 5:40  Aggiornato: 15/5/2011 5:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
x MatteoG

e vi illudete anche che se nessuno votasse il sistema cambierebbe.

Se nessuno andasse a votare vorrebe dire che al posto di essere tutti a casa saremmo tutti sotto il parlamento a pretendere la democrazia diretta, il localismo e l'esilio di tutti gli esponenti dell'esecutivo.

Scusa ma Massimo Donadi cosa avrebbe fatto per poter dire che vuole il bene del popolo?

La politica è la sottile arte di prendere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi promettendo di proteggere gli uni dagli altri - Arthur Bloch

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Freeman
Inviato: 15/5/2011 8:21  Aggiornato: 15/5/2011 10:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perchè votare?
Pispax, continui a non capire (preferisco pensare che tu sia in buona fede), ma fa nulla. E se c'è uno che inclina i piani sei tu, mettendomi in bocca cose che non ho detto né pensato, onde poi trarne conseguenze facili quanto arbitrarie.

Non mi interessa etichettare chi vota come "stronzo", sei tu che lo dici, non io, anzi semmai leggendo i commenti si deduce l'esatto contrario: tutto questo "dagli al qualunquista" che decide di non votare mi dà il voltastomaco, per cui ti premetto che questo sarà il mio ultimo intervento sul tema. Non è mio interesse proporre "soluzioni alternative" né convincere alcuno a seguire la mia strada, è una mia opinione e tale resta, ma non è che sia più o meno valida in dipendenza delle eventuali alternative proposte, rispetto ad un sistema che oggettivamente non funziona.

Infatti tu continui ad "impormi" la necessità di esprimermi su un'alternativa per così dire proattiva, così come pretendi la necessarietà di un sequitur al non-voto, come se il non-voto di per sé non potesse esistere, perlomeno come "entità logica" a se stante.
E' proprio qui che non mi capisci: NON ME NE FREGA una mazza, di farmi portatore di un'alternativa, anche perché quella che ho in mente io è utopistica e di certo coloro che governano realmente il mondo non la consentirebbero mai, anzi il mondo va esattamente in direzione opposta, quindi inutile parlarne. Puzza di resa? Ci puoi scommettere.

Vuoi saperlo? Credo che la situazione sia irrecuperabile, sarò un pessimista ma non vedo grossi spazi di uscita dal controllo totalitario dei potentati finanziari che si fa sempre più pervasivo. Quindi non ci penso nemmeno a sbattermi, quel che posso fare è "resistenza passiva", e lo faccio come mera esigenza "morale", una spinta interiore (lo stomaco del mio post precedente, che hai opportunamente tralasciato nella tua risposta). Il lavarsi la coscienza anche qui non c'entra, mai pensato che non votare equivalesse a mettersi a posto la coscienza.
E' "retorica"? E' anche la realtà, perlomeno la mia visione della realtà, magari mi sbaglio ma finora non ho colto alcun contro-argomento valido che potesse farmi cambiare idea.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
freemarcel
Inviato: 15/5/2011 8:45  Aggiornato: 15/5/2011 8:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
Mi sembra che questi 5 minuti parlino a tutti gli astensionisti di lungo o breve periodo:

http://www.youtube.com/watch?v=PcQc85HPN6A

In principio il M5S era una comunità di indignati, quelli che leggevano il blog di Beppe e si facevano il fegato amaro... la grande rivoluzione è stata quella di fare il grande salto, quello che questa comunità (luogocomune) non ha mai fatto: scendere nelle strade, incontrarsi (e scontrarsi) fisicamente, diventare cittadini partecipanti e partecipati.
Mi spiace sentire nei commenti discorsi del tipo "tanto non cambia niente...": così possono parlare i vecchi pensionati ormai senza speranza, senza più grinta, senza più futuro! Dal virtuale al reale il passo è lungo e difficile ma penso che anche luogocomune possa farlo. A meno che non vogliamo continuare a farci il fegato amaro...

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Paolo69
Inviato: 15/5/2011 10:16  Aggiornato: 15/5/2011 10:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/7/2004
Da:
Inviati: 1173
 Re: Perchè votare?
Si , vabbe' , continuiamo a dire che sono tutti uguali , abbiamo visto dove ci porta questo ragionamento , ma ci piace farci del male da soli.
Qualcuno diceva che i governanti rispecchiano il popolo , allor se i nostri governanti fanno pena dovremmo prendercela con noi stessi , perche facciamo pena anche noi, e aggiungo , soprattutto quando facciamo questo tipo di ragionamenti. L alternativa quale sarebbe la rivoluzione? Sarebbe interessante capire quanti tra quelli che sostengono il non voto sarebbero disposti poi a combattere.

utrevolver
Inviato: 15/5/2011 12:25  Aggiornato: 15/5/2011 12:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Perchè votare?
Nessuno dei suddetti! Ragazzi, ho appena distrutto la tessera elettorale, finalmente eserciterò il mio diritto di voto non andando più alle consultazioni, CHE SI FOTTANO! Quando sarà ristabilita la priorità dell'art. 1 della costituzione, cioé mai, tornerò a votare.


Pensoso
Inviato: 15/5/2011 12:27  Aggiornato: 15/5/2011 12:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Perchè votare?
Si , vabbe' , continuiamo a dire che sono tutti uguali , abbiamo visto dove ci porta questo ragionamento , ma ci piace farci del male da soli.

-


Il problema è, anche, che questa è stata un po' una profezia che si sta auto-avverando. Stanno diventando "tutti uguali".



Poi non so quanti siano disposti a combattere in una rivoluzione, teniamo però presente che anche un esercito regolare non è formato da tutta la popolazione di una nazione. Alla fine chi combatte davvero è sempre una minoranza, e nelle rivoluzioni della storia poi sono proprio parti delle forze dell'ordine che si spostano dalla parte della rivoluzione (lasciando perdere qui i giudizi sugli esiti effettivi).

(uso non improprio di firma)
ELFLACO
Inviato: 15/5/2011 12:33  Aggiornato: 15/5/2011 12:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Perchè votare?
Dopo aver letto altre due volte l'articolo ho capito che la puzza che sentivo era giusta .
Dal punto di vista matematico statistico fa cagare!!!E' chiaro che chi l'ha scritto non sa una mazza di matematica.
Per il resto se il ragionamento e figlio della premesa...

Il sistema va di merda perchè continuiamo a votare la merda non perchè votiamo .!!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
maurixio
Inviato: 15/5/2011 14:01  Aggiornato: 15/5/2011 14:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Perchè votare?
citazione:
Il sistema va di merda perchè continuiamo a votare la merda non perchè votiamo .!!!

e questa sembra la giusta conclusione di una discussione innescata da un paradosso o come qualcuno sostiene da una analisi matematica del non voto sbagliata, implicazioni morali a parte


ma se la maggioranza delle persone rifiuta di esprimersi con il voto, o meglio attraverso il non voto, non perchè non si sente rappresentata altrimenti basterebbe annullare la scheda o imbucarla bianca.....non pensi che questa merda dovrebbe logicamente cominciare a sentire la propria puzza e non rimettersi in gioco chiedendosi il perchè di tanta astensione?

cosa succederebbe dopo??

Virgil
Inviato: 15/5/2011 14:53  Aggiornato: 15/5/2011 14:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
.non pensi che questa merda dovrebbe logicamente cominciare a sentire la propria puzza e non rimettersi in gioco chiedendosi il perchè di tanta astensione? cosa succederebbe dopo??
no non sentirebbero la puzza perchè come stanno dicendo in molti sono li per fare i propri interessi...quindi la tua domanda sul cosa succederebbe a non votare ha una semplice risposta:
sarebbero maggiormente autorizzati a fare quello che gli pare.

Cmq ho letto l'articolo e poi i commenti....no so se piangere o ridere dopo averlo fatto

NiHiLaNtH
Inviato: 15/5/2011 15:52  Aggiornato: 15/5/2011 15:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Il sistema va di merda perchè continuiamo a votare la merda non perchè votiamo .!!!


perchè c'è altro ?

freemarcel
Inviato: 15/5/2011 16:18  Aggiornato: 15/5/2011 16:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
continuo a ripostare il mio commento finchè qualcuno degli orgogliosi non votanti non mi risponde qualcosa. Non ci stò a sentire che "son tutti uguali" e comunque "non cambierà niente".


Non possiamo chiudere gli occhi sula più grande novità che ci sta passando a fianco. Parlo del Movimento 5 stelle. Tutti voi, navigatori incalliti, conoscete bene le battaglie di Grillo. Immagino che molti di voi lo possiate criticare per il suo linguaggio e i DVD che vende dal suo sito. Pochi di voi, penso, siete informati sul lavoro che fanno i consiglieri a 5 stelle già eletti in consigli comunali e regionali. Sono splendidi ragazzi che portano avanti il programma del movimento con lo spirito del "dico quello che faccio, faccio quello che dico". Rifiuto dei (legittimi) rimborsi elettorali, autoriduzione del loro (legitimo) stipendio. Sono esempi.
Non mi sto a dilungare, se volete vi potete informare e potete condividere o meno.
Ai prodotti di qualità basta il passaparola. Perchè è frutto dell'esperienza diretta e quindi, di solito, attendibile. E ci tengo allora a fare due nomi su tutti: Giovanni Favia e Andrea Defranceschi, consiglieri regionali in emilia- romagna. Ho partecipato per la seconda volta all'incontro per il rinnovo semestrale del loro mandato: ho ascoltato la loro fatica nel lavorare in un ambiente completamente ostile, le proposte presentate contro il nucleare, per la trasparenza, per abbattere (e non "ridurre") i costi della politica, per la mobilità sostenibile e la tutela dell'ambiente... e lì ho scelto se rinnovargli il mandato e quale parte del loro stipendio potranno trattenersi. A me sembra fantascienza! Mai provato una sensazione simile nei miei 15 anni di elettorato attivo. Ho avuto la certezza che il mio non era stato e non sarà un voto inutile, per il "meno peggio" come si dice.
Insomma, "piove, governo ladro" ma c'è un raggio di sole in cui sperare!

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Calvero
Inviato: 15/5/2011 16:20  Aggiornato: 16/5/2011 3:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
..............
..........
....

Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia.
Otto von Bismarck

.. sei nel Teatro dell'assurdo e vuoi renderlo cosa seria??

Citazione:

Soluzioni possibili:
1) me ne frego perché non voglio essere complice (con tutte le sue declinazioni)
2) Ho in mente azioni positive: dopo aver analizzato il problema, dopo ampia riflessione, faccio proprio questo perché voglio ottenere proprio quest'altro.


Sei un mito Pispax ...


Ma chi (o cosa??) stai difendendo? stai difendendo semplicemente una BUGIA.

Detto ciò, traduco:

Le "soluzioni" che hai riportato qui, non sono le soluzioni di cui gli altri stanno dibattendo. Non fare il furbo.

Ovvio che poi se il discorso discende da questa tua (falsa) prospettiva, va tutto in direzione del legittimare la BUGIA come cosa seria.

Or dunque,

per il punto UNO:
la politica non è al Potere;

per il punto DUE:
la politica non è al Potere.

Le analisi che DOPO questa consapevolezza vengono argomentate in quel senso (cioè quelle che tu hai erroneamente legittimato nei tuoi DUE punti) NON sono il movente alla scelta del non-voto che è a monte e di cui si parla. La scelta del non-voto viene elaborata prima dell'analisi del perché la politica sia una (a tutti gli effetti), dicevamo, una barzelletta [e non fa neanche ridere]. Se tu (quelle critiche) le sposti come fossero IL movente del perché non si dovrebbe andare a votare, asserisci un falso sulle argomentazioni altrui.

.. te lo rispiego, visto che anche il marmo di travertino ha una sua morbidezza rispetto a questa tua convinzione : -

La politica non è il Potere, ergo ne conseguono due aggravanti. Partecipare in nome della Politica, non può influenzare il Potere. Discutere dell'influenza dell'elettorato e degli intellettualismi su cosa dovrebbe essere una Democrazia significa discutere di niente. Questi i fatti. L'utopia constatata, intanto, è quella della democrazia che, finora, ha detto .... nulla. E da questo pulpito è semplicemente irrazionale, arrogarsi l'idea che altri mezzi siano utopia, o disfattisti. Il disfattismo è quello che è sostenuto ora. Sotto il naso di tutti. Che poi, come detto, gli interessi legati agli - zuccherini - vi siano ... è ancora più grave, essendo gli stessi un manifestazione di arroganza nei confronti delle reali esigenze che vengono oltremodo diffamate, manipolate, mistificate.

... ma anche meglio, sulla questione del cosa sia - FARE/AGIRE-, ne ha discusso egregiamente Florizel:

.. NON implica unicamente andare a votare. Borghesotti sono stati trasformati tutti pur di difendere le briciole continuamente messe in pericolo di venire sottratte. Altro che rendite. Quelli che campano di questo, a votare ci vanno, eccome.

... e ...

Da un po’ di tempo, le risposte non ci sono mai quando non piacciono. Oppure, per argomenti come questo, SE non vengono ritenute adeguate è perché si pretende che colmino le lacune di QUESTO sistema e dei SUOI strumenti, cioè che rispondano a fantomatiche soluzioni interne ad esso. Mentre si sta parlando di tutt’altro. E’ il giochino dialettico di chiedere su una possibile società senza stato, e poi porre domande pertinenti solo a QUESTA ATTUALE, su cose che non potrebbero verificarsi che qui ed ora. Ovvio che se si circoscrive la discussione all’interno di parametri prestabiliti, lamentandosi ben bene, le risposte appariranno “non date”. Un po’ come la medicina ufficiale fa con le terapie “alternative”: qualcosa diventa “scientificamente dimostrato” e dimostrabile solo se si attiene a quanto fin lì GIA’ sondato e spacciato come definitivamente inclusivo di TUTTI i metodi e le ricerche possibili. Ma solo all’interno di parametri stabiliti dagli stessi che perderebbero i loro interessi dimostrando che possono anche fallire

Buona farsa a tutti

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Virgil
Inviato: 15/5/2011 17:18  Aggiornato: 15/5/2011 17:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Non possiamo chiudere gli occhi sula più grande novità che ci sta passando a fianco. Parlo del Movimento 5 stelle


freemarcel ho letto il programma del m5s e sinceramente non mi convince per nulla....sull'immigrazione hanno le stesse posizioni della lega, a livello di battaglie quella della tav non ha fatto altro che far eleggere Cota in piemonte che farà tutto e di piu e adesso è anche scomparsa come battaglia attiva.
è un movimento populista e incazzato...sa dire solo no a tutti e radunerà quelli stanchi della politica di oggi ma senza portare un beneficio vero alla fine dei conti...non puoi sempre dire no, devi creare alleanze, fare scelte a volte che non ti piacciono se vuoi creare qualcosa di buono, altrimenti è solo un modo per fare i radical chic come alcuni di quelli che hanno scritto qui su LC che si credono superiori agli altri non andando a votare.

ohmygod
Inviato: 15/5/2011 17:55  Aggiornato: 15/5/2011 17:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Perchè votare?
Il senno di poi dovrebbe costituire l'ovvio dei popoli

Dal senno traggo che votare non ha senso e se il votare non ha senso se ne deduce che chi vota è un insensato.

Dall'ovvio traggo che non votare non ha senso e se il non votare non ha senso se ne deduce che chi non vota è più sensato dell'insensato.

freemarcel
Inviato: 15/5/2011 18:37  Aggiornato: 15/5/2011 18:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
ti ringrazio Virgil, almeno tu che mi caghi! Il mio intervento non era diretto però a chi un'idea di partecipazione al voto già ce l'ha o se la vuole costruire, ma a coloro che pensano che non votare sia una cosa...sensata. Secondo me ci sono molte, troppe persone che hanno trovato il mondo di internet alternativo, anzichè complementare, al mondo reale. Clickare, digitare, dire la propria in un forum...serve a scappare dalla realtà, o a capire come affrontarla? La costruzione della realtà, che piaccia o no, passa attraverso delle scelte politiche. E con scelte politiche intendo anche l'andare a fare la spesa, lo scegliere se fare o meno del "nero", il decidere dove mettere e come investire i propri risparmi,come costruire la propria abitazione, se prendere la bici oppure l'auto... e potrei proseguire ancora. La responsabilità, per prima, è personale. Ma non basta.
Le scelte politiche "istituzionali" le vogliamo lasciare in mano a banditi e farabutti? Comitati d'affare che si spartiscono il nostro denaro?
Ma siamo matti?

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
NiHiLaNtH
Inviato: 15/5/2011 18:42  Aggiornato: 15/5/2011 18:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Perchè votare?
Citazione:
ho letto il programma del m5s e sinceramente non mi convince per nulla....sull'immigrazione hanno le stesse posizioni della lega, a livello di battaglie quella della tav non ha fatto altro che far eleggere Cota in piemonte che farà tutto e di piu e adesso è anche scomparsa come battaglia attiva. è un movimento populista e incazzato...sa dire solo no a tutti e radunerà quelli stanchi della politica di oggi ma senza portare un beneficio vero alla fine dei conti...non puoi sempre dire no, devi creare alleanze, fare scelte a volte che non ti piacciono se vuoi creare qualcosa di buono, altrimenti è solo un modo per fare i radical chic come alcuni di quelli che hanno scritto qui su LC che si credono superiori agli altri non andando a votare.


questo è il classico ragionamento che fanno gli ultras di sinistra
queste persone normalmente finiscono per accusare il movimento a 5 stelle e gli astensionisti di aver favorito la rielezione di berlusconi

vergognatevi siete più dannosi dei politici che eleggete!!!
anzi sono sicuro che continuate a votarli perchè in realtà vi riconoscete in loro.


p.s. virgil spero di non averti offeso, il commento non è rivolto direttamente a te


Citazione:
Le scelte politiche "istituzionali" le vogliamo lasciare in mano a banditi e farabutti? Comitati d'affare che si spartiscono il nostro denaro?
Ma siamo matti?


io continuerò a non votare finchè non troverò un candidato alternativo decente

matteog
Inviato: 15/5/2011 19:01  Aggiornato: 15/5/2011 19:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: Perchè votare?
@Floh

Citazione:
Se nessuno andasse a votare vorrebe dire che al posto di essere tutti a casa saremmo tutti sotto il parlamento a pretendere la democrazia diretta, il localismo e l'esilio di tutti gli esponenti dell'esecutivo.


Magari ti direi io, ma è un'utopia perché poche sono le persone pronte a mobilitarsi (per esempio la manifestazione contro la guerra in Iraq, a cui io ho partecipato, ha mosso circa 3 milioni di persone ma se conti che gli aventi diritto al voto sono circa 44 milioni è un po' poco.)

Citazione:
Massimo Donadi cosa avrebbe fatto per poter dire che vuole il bene del popolo?


Per esempio ha svelato l'inganno della Lega sulla depenalizzazione del reato di associazione in gruppo armato politico (ora in nome preciso del reato non me lo ricordo); inoltre i suoi interventi sembrano essere scritti da me; poi con il suo partito propone leggi con cui sono pienamente d'accordo se poi non vanno in porto si sa qual è il motivo.

Bella citazione, l'avevo già letta.

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
spettatore
Inviato: 15/5/2011 19:06  Aggiornato: 15/5/2011 19:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Perchè votare?
"....quando sei in cabina e giochi la schedina, ricordati che sei colonna di un Sistema, valuta un pò prima, rametto o bandierina, e scegli attentamente il tuo prossimo Problema....." Frankie HNRG


http://www.youtube.com/watch?v=EjJxzEJMAD4


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Pensoso
Inviato: 15/5/2011 19:41  Aggiornato: 15/5/2011 19:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Perchè votare?
Citazione:

Non possiamo chiudere gli occhi sula più grande novità che ci sta passando a fianco. Parlo del Movimento 5 stelle

-

Come hanno già detto, è un moviento populista (e detto ciò non è detto che sia per forza negativo o "uguale agli altri", finchè non si va nel dettaglio), e sull'immigrazione (e soprattutto nel modo di comunicarne al riguardo) insegue davvero la Lega, ma penso lo faccia più per ragioni di consenso (ecco il populismo), che per convinzione (mente la Lega è proprio convinta, ed arriva a tendenze neonaziste). I "ragazzi" del M5S credo siano molto più aperti al riguardo.
Poi nei temi specifici di ambiente, senso civico, nuove tecnologie, giustizia, diritti dei consumatori, democrazia partecipativa si può anche essere molto d'accordo;

L'esito futuribile sarebbe quello di un sistema economico-sociale identico a quello attuale, ma molto più onesto, informato e rispettoso delle regole.
Insomma una pulizia dell'esistente, ossia il ritorno al concetto del "meno peggio" o se volete al "piu meglio" (licenza poetica!), e l'abbandono più concreto del "sono tutti uguali".

E' una novità perchè affronta temi "aggiornati" alla società attuale ed alle altre democrazie avanzate, non perchè proponga un sistema politico/economico diverso.


Inoltre anche la mera affluenza alle urne viene politicamente considerato un consenso al sistema esistente, esiti politici inclusi.

(uso non improprio di firma)
winston73
Inviato: 15/5/2011 21:45  Aggiornato: 15/5/2011 21:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Perchè votare?
Citazione:
è un moviento populista (e detto ciò non è detto che sia per forza negativo o "uguale agli altri", finchè non si va nel dettaglio), e sull'immigrazione (e soprattutto nel modo di comunicarne al riguardo) insegue davvero la Lega, ma penso lo faccia più per ragioni di consenso


chiunque voglia fare regole chiare sull'immigrazione in italia e' tacciato di razzismo xenofobo dalla sinistra. il risultato e' che sull'argomento legifera la destra quelli si con vero piglio di magnanimita' sfruttano le persone che lavorano piu' di noi e le trattano a livelli di dignita' infimi.
cosi' il meccanismo si reitera i buonisti sono il vero problema della sx italiana quelli che in nome delgi ideali lasciano accadere sotto ipropri occhi le piu' grandi nefandezze..

2+2=5
freemarcel
Inviato: 16/5/2011 0:24  Aggiornato: 16/5/2011 0:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
Dopo il "pelide achille", il "lupo cattivo", la "porca troia"... ormai è con un sorriso che accetto il giudizio di "grillino populista e qualunquista". Mostra come ci sia ancora una profonda ignoranza sui temi che porta avanti il Movimento 5 Stelle. Se è più che comprensibile sentirlo dall'uomo TV / giornale - dipendente, lo è molto meno il sentirlo da persone che si informano in rete.

Ma io mi rivolgo a chi, della politica, ha ormai il vomito e il disprezzo. Non penso che sia la questione degli immigrati ad averli scatenati, piuttosto la consapevolezza, legittima, che (soprattutto in italia), tutto cambi perchè niente possa cambiare.

Il M5S si pone come una reale forza anti-sistema! Secondo voi, il boicottaggio da parte dei mass media, non ne è un segnale?

Ancora oggi, nei servizi giornalistici, è una forza politica per lo più relegata alla voce "altri"; le iniziative e i comunicati stampa dei consiglieri e degli attivi vengono rilasciati col contagocce; l'attacco ad personam su Grillo è quello più gettonato, mai una volta che si sforzano di entrare nel merito delle proposte!

Qui in logocomune ho apprezzato lo spirito critico che spinge ad esaminare nel merito le proposte, riconoscendo le fallacia dei ragionamenti e i modi astuti per depistare gli argomenti.

E' populista e qualunquista l'idea stessa di "togliere i soldi dalla politica" e considerarla come servizio civile? i consiglieri regionali già lo stanno facendo (col rifiuto dei rimborsi elettorali e l'auto- riduzione dello stipendio) e gli "attivisti", me compreso, si sforzano per farlo.
E' populista e qualunquista pensare a forme di democrazia diretta e forme di stringente controllo sui nostri "rappresentanti", non più parassiti mantenuti a vita ma co.co.pro.a tempo determinato?
Due legislature e poi si torna al proprio lavoro. E' populismo e qualunquismo?

La politica può essere un'altra cosa rispetto a quello a cui ci hanno fatto abituare.

Notte!


"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Floh
Inviato: 16/5/2011 1:57  Aggiornato: 16/5/2011 1:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Perchè votare?
X Matteo

Magari ti direi io, ma è un'utopia perché poche sono le persone pronte a mobilitarsi (per esempio la manifestazione contro la guerra in Iraq, a cui io ho partecipato, ha mosso circa 3 milioni di persone ma se conti che gli aventi diritto al voto sono circa 44 milioni è un po' poco.)

Scusa ma si tratta di una situazione psico-sociale differente quella che tu e io descriviamo.
Se tutti prendessero coscienza che il sistema e' marcio a tal punto da non andare a votare sarebb logicon che ci si potrebbe muovere nella direzione del cambiamento, finche' invece la maggioranza si continua far abbindolare lasciando che delle persone posssano decidere a loro nome tutto cio' che fa comodo a chi ha il potere allora e' ovvio che le cose rimarranno cosi'...

Per esempio ha svelato l'inganno della Lega sulla depenalizzazione del reato di associazione in gruppo armato politico (ora in nome preciso del reato non me lo ricordo); inoltre i suoi interventi sembrano essere scritti da me; poi con il suo partito propone leggi con cui sono pienamente d'accordo se poi non vanno in porto si sa qual è il motivo.

L' Idv e' marcio tanto quanto il PDL...non capisco come tu possa vederlo cosi' immacolato...

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
maurixio
Inviato: 16/5/2011 10:10  Aggiornato: 16/5/2011 10:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Perchè votare?
freemarcel,
il fatto che nessuno si esprime sul m5s penso sia dovuto al grande incazzamento che pervade il non votante che rende incapace di esprimere un giudizio (parlo per me)
l'ultima volta che ho fatto la crocetta è stato per de Magistris sostenuto anche dal sito di Beppe Grillo
ora, per quanto gli algoritmi deducibili dalll'articolo in discussione siano discutibili ....
... è evidente dai post che si discute sul non voto, argomento, che ti posso garantire puo trovare sfogo anche in una discussione da bar, per cui ritengo ot esprimermi su nuovi e interessanti modelli da interpretare a riguardo di linee politiche,.... magari in un'altra disussione...
...che poi da questa discussione non se ne esce in modo compiuto, ne sotto l'aspetto matematico nè sotto l'aspetto morale è un'altro conto,
e le derive sui giudizi di democrazia alla partecipazione o no al voto mi sembrano legittime ed è appunto questo che personalmente ritengo interessante....ma credo che avremo presto altre occasioni di esibirci nelle rispettive performance di incazzamento-giudizio....
nel frattempo passo a leggere il nuovo post su l'ecat...che credo possa determinare una nuova visione della politica ..e non solo energetica
ciao

Pispax
Inviato: 16/5/2011 10:53  Aggiornato: 16/5/2011 11:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Calvero

Citazione:
. te lo rispiego, visto che anche il marmo di travertino ha una sua morbidezza rispetto a questa tua convinzione:

La politica non è il Potere, ergo ne conseguono due aggravanti. Partecipare in nome della Politica, non può influenzare il Potere. Discutere dell'influenza dell'elettorato e degli intellettualismi su cosa dovrebbe essere una Democrazia significa discutere di niente. Questi i fatti.


Questa è solo la tua convinzione.
Perché la stai spacciando come un "fatto"?

La ri-spiegazione non è stata più chiara della spiegazione precedente.







Citazione:
Ma chi (o cosa??) stai difendendo? stai difendendo semplicemente una BUGIA.

Detto ciò, traduco:

Le "soluzioni" che hai riportato qui, non sono le soluzioni di cui gli altri stanno dibattendo. Non fare il furbo.

Ovvio che poi se il discorso discende da questa tua (falsa) prospettiva, va tutto in direzione del legittimare la BUGIA come cosa seria.

Or dunque,

per il punto UNO:
la politica non è al Potere;

per il punto DUE:
la politica non è al Potere.

Le analisi che DOPO questa consapevolezza vengono argomentate in quel senso (cioè quelle che tu hai erroneamente legittimato nei tuoi DUE punti) NON sono il movente alla scelta del non-voto che è a monte e di cui si parla. La scelta del non-voto viene elaborata prima dell'analisi del perché la politica sia una (a tutti gli effetti), dicevamo, una barzelletta [e non fa neanche ridere]. Se tu (quelle critiche) le sposti come fossero IL movente del perché non si dovrebbe andare a votare, asserisci un falso sulle argomentazioni altrui.


Solo che tutto questo deriva da una tua convinzione, non da un fatto. La convinzione del "potere superiore" a cui tutti, senza eccezione alcuna, sono prostrati.
E comunque tutto questo non risponde alla domanda di come il non andare a votare possa migliorare le cose, che poi è l'argomento che mi interessa davvero.







Citazione:
... ma anche meglio, sulla questione del cosa sia - FARE/AGIRE-, ne ha discusso egregiamente Florizel:

.. NON implica unicamente andare a votare. Borghesotti sono stati trasformati tutti pur di difendere le briciole continuamente messe in pericolo di venire sottratte. Altro che rendite. Quelli che campano di questo, a votare ci vanno, eccome.

... e ...

Da un po’ di tempo, le risposte non ci sono mai quando non piacciono. Oppure, per argomenti come questo, SE non vengono ritenute adeguate è perché si pretende che colmino le lacune di QUESTO sistema e dei SUOI strumenti, cioè che rispondano a fantomatiche soluzioni interne ad esso. Mentre si sta parlando di tutt’altro. E’ il giochino dialettico di chiedere su una possibile società senza stato, e poi porre domande pertinenti solo a QUESTA ATTUALE, su cose che non potrebbero verificarsi che qui ed ora. Ovvio che se si circoscrive la discussione all’interno di parametri prestabiliti, lamentandosi ben bene, le risposte appariranno “non date”. Un po’ come la medicina ufficiale fa con le terapie “alternative”: qualcosa diventa “scientificamente dimostrato” e dimostrabile solo se si attiene a quanto fin lì GIA’ sondato e spacciato come definitivamente inclusivo di TUTTI i metodi e le ricerche possibili. Ma solo all’interno di parametri stabiliti dagli stessi che perderebbero i loro interessi dimostrando che possono anche fallire


Ragionamento particolarmente buffo, visto che le famose 5 domande nel thread "Montezemolo salverà la patria" riguardavano esclusivamente i possibili aspetti fondanti della società "alternativa" di cui tanti parlavano, e che nessuno però voleva spiegare.
E infatti le famose "risposte" non le ha trovate nessuno, a parte lei. E forse te.

(Se ci sono, fai pure un copia&incolla e postale pure anche qui. Seguiranno immediatamente le mie scuse)







Citazione:
Buona farsa a tutti


Oh, guarda: buona farsa a te.

Lezik85
Inviato: 16/5/2011 11:31  Aggiornato: 16/5/2011 11:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
E comunque tutto questo non risponde alla domanda di come il non andare a votare possa migliorare le cose, che poi è l'argomento che mi interessa davvero.


Certo che invece firmare ( ) un contratto ( ) in bianco è davvero figo, eh?

Avanti così allora, che se questi quattro dementi non si segano le gambe da soli (Bernanke pare dare una mano, difatti) non c'è altra speranza. L'aveva già capito Machiavelli a suo tempo, a quanto pare...

ohmygod
Inviato: 16/5/2011 12:39  Aggiornato: 16/5/2011 12:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Perchè votare?
Di certo non si sa e non si saprà mai cosa succederebbe se nessuno andasse a votare...i politici e i loro accoliti si voterebbero fra di loro!!!

Di certo si sa che l'andare a votare non "risolve" i problemi di chi va a votare anzi,ad ogni tornata elettorale,se ne ricevono di nuovi.
Di certo risolve i problemi di coloro che sono stati votati...strano eh!!!

L'incredibile è che di questa ignominiosa "commedia" i votanti ne sono gli attori mentre il-i registi...lasciamo perdere psy-ops in pax.

Calvero
Inviato: 16/5/2011 12:43  Aggiornato: 16/5/2011 12:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Oh, guarda: buona farsa a te.


ergo, la politica è al potere

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Virgil
Inviato: 16/5/2011 12:59  Aggiornato: 16/5/2011 12:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Autore: freemarcel
ti ringrazio Virgil, almeno tu che mi caghi! Il mio intervento non era diretto però a chi un'idea di partecip...
sono in parte molto d'accordo con il resto del tuo post che ho accorciato per motivi di spazio, spesso però la gente non capisce che il voto è un voto di rappresentanza quindi quando si va a votare lo si fa per mandare in parlamento (oggi con questa legge no...ma facciamo un discorso generico) qualcuno che al posto tuo dia voce ai tuoi bisogni, anche perchè se ognuno dovesse dire la sua non si farebbe mai nulla.

Citazione:
Autore: NiHiLaNtH
questo è il classico ragionamento che fanno gli ultras di sinistra queste persone normalmente finiscono per accusare il movimento a 5 stelle e gli astensionisti di aver favorito la rielezione di berlusconi vergognatevi siete più dannosi dei politici che eleggete!!! anzi sono sicuro che continuate a votarli perchè in realtà vi riconoscete in loro. p.s. virgil spero di non averti offeso, il commento non è rivolto direttamente a te
io continuerò a non votare finchè non troverò un candidato alternativo decente
sai la cosa comica qual'è? che uno della redazione avendo io detto di essere a favore del nucleare in un altra notizia mi ha dato del troll di destra
guarda io come ho detto prima voto per qualcuno che mi rappresenta...e il M5S non lo fa per le idee che promuove, tutto qui
Cmq non devi trovare un candidato alternativo....devi trovare qualcuno che porta avanti i tuoi ideali o i tuoi interessi.

Virgil
Inviato: 16/5/2011 13:03  Aggiornato: 16/5/2011 13:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
chiunque voglia fare regole chiare sull'immigrazione in italia e' tacciato di razzismo xenofobo dalla sinistra. il risultato e' che sull'argomento legifera la destra quelli si con vero piglio di magnanimita' sfruttano le persone che lavorano piu' di noi e le trattano a livelli di dignita' infimi. cosi' il meccanismo si reitera i buonisti sono il vero problema della sx italiana quelli che in nome delgi ideali lasciano accadere sotto ipropri occhi le piu' grandi nefandezze..
ma non diciamo cazate sulla sinistra su...non è questione di regole chiare, è questione di rispettar ele regole europee e la costituzione, cosa che la lega non fa e puntualmente gli bocciano le leggi che fa....c'entrano un cazzo i buonisti, queste sono le stronzate che quelli della lega e pdl vanno avanti a sparare per i boccaloni che credono a tutto e pensano che davvero loro sono gli sceriffi....peccato che poi sotto i governi i di centrodestra si hanno i maggiori flussi di immigrati, leggi fatte a cazzo e permessi di soggiorno rilasciati a minchiam.
Le nefandezze ad oggi le hanno fatte piu quelle del pdl-lega che questi fantomatici buonisti di sinistra.

ohmygod
Inviato: 16/5/2011 16:01  Aggiornato: 16/5/2011 16:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Perchè votare?
C'è da dire che le nefandezze accommunano gli uni e gli altri e questo fa si che nessuno è migliore dell'altro.

Però entrambi,in queste occasioni,ci raccomandano di votare...perchè il voto bla bla bla...che noia immorale.

jack68
Inviato: 16/5/2011 16:46  Aggiornato: 16/5/2011 16:46
So tutto
Iscritto: 27/6/2009
Da:
Inviati: 8
 Re: Perchè votare?
Io non sono affatto d'accordo con questo articolo. Il mio voto conta eccome! Poi si può disquisire che i candidati siano corrotti, che il futuro governo non farà niente, ecc... Ma se io non voto, signori miei, andranno comunque a votare quelli che dall'ipotetico parlamento e governo corrotto ci guadagneranno. E allora come la mettiamo? Ascoltate redazione di Luogocomune: meno qualunquismo, meno aria fritta e più fatti e ricordatevi che le dittature partono proprio dal disincentivare la gente dall'azione.... proprio come state facendo voi ... sì!
E voglio poi sapere come la mettete sui referendum: anche lì il voto non conta? Aspetto una risposta ma vi dico una cosa: ieri sono andato a votare contro il nucleare in Sardegna: non ho trovato la mia tessera, bene sono andato di pomeriggio (sì mentre c'era il campionato che sacrilegio!) all'ufficio a chiedere una nuova tessera (che naturalmente mi è stata consegnata) e poi subito a dare il mio parere al referendum!!
Questa è azione!
Arrivederci

Calvero
Inviato: 16/5/2011 17:37  Aggiornato: 16/5/2011 17:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
E allora come la mettiamo? Ascoltate redazione di Luogocomune: meno qualunquismo, meno aria fritta e più fatti e ricordatevi che le dittature partono proprio dal disincentivare la gente dall'azione.... proprio come state facendo voi ... sì!


Perché tu sei in Democrazia ??

.. appunto più fatti e meno barzellette, allora: intanto cominciamo a parlare di cose serie, quindi la Politica è esclusa dai ragionamenti. Oppure parliamo di cose più pericolose della Politica, tipo allacciarsi le scarpe la mattina presto quando si è assonnati e si rischia di farsi male

@ okmygod

Mitico!!

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
ELFLACO
Inviato: 16/5/2011 19:10  Aggiornato: 16/5/2011 19:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Perchè votare?
Citazione:
ma se la maggioranza delle persone rifiuta di esprimersi con il voto, o meglio attraverso il non voto, non perchè non si sente rappresentata altrimenti basterebbe annullare la scheda o imbucarla bianca.....non pensi che questa merda dovrebbe logicamente cominciare a sentire la propria puzza e non rimettersi in gioco chiedendosi il perchè di tanta astensione?


Potrebbe essere un inizio . Ma non basta!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
freemarcel
Inviato: 17/5/2011 0:49  Aggiornato: 17/5/2011 0:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
jack68
Inviato: 17/5/2011 1:44  Aggiornato: 17/5/2011 1:46
So tutto
Iscritto: 27/6/2009
Da:
Inviati: 8
 Re: Perchè votare?
@calvero
Sì io sono in democrazia e.... non ci crederai ... rispetto il parere della gente.
Caro mio finché c'è un governo ed un parlamento la politica c'è eccome. Fai meno lo spiritoso e svegliati. E soprattutto leggi bene quello che ho scritto.

Linucs
Inviato: 17/5/2011 1:55  Aggiornato: 17/5/2011 1:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Perchè votare?
Non andare a votare non mi sembra neanche giusto nei confronti di tutti coloro che hanno combattuto per la libertà e in certi casi hanno dato la vita per donarci la democrazia.

Ridere, o piangere: questo è il problema. Ma tanto quelli sono morti, e noialtri siamo laici, mica ci cambia nulla.

Ragionando a modo tuo dovremmo anche sostenere certi intolleranti solo perché qualcuno a suo tempo schiattò per difendere un misero confine, privandoci dunque della diversità che rende l'Europa più moderna ed accogliente.

Personalmente, essendo stato ormai privato della possibilità di votare Strauss-Kahn Toccowski Sederbaum Molestowitz, degno figlio di Gilbert Strauss-Kahn, altra bestia irlandese targata Grande Oriente, mi asterrò cordialmente in attesa di un altro valido candidato da proporre come imperatore del globo.

Qualcuno mi deve ancora spiegare come si possa, con questa massa di vecchi figli di puttana incancreniti che si incrociano da tremila generazioni diventando sempre più laidi e bestiali, raccontarci ancora le favolette sulla democrazzzia. Se veramente uno è morto per farmi votare Berlusconi, Bersani, Di Pietro o Grillo, gli conviene non credere nella reincarnazione perché una puttanata del genere non passa inosservata neanche nell'aldilà.

Amen, e mburuganga a tutti.

Calvero
Inviato: 17/5/2011 2:28  Aggiornato: 17/5/2011 4:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Sì io sono in democrazia


... no, non lo sei

Citazione:
non ci crederai


.. attenzione che parte la rincorsa.. per il rigore e....

Citazione:
rispetto il parere della gente.


FUORI!!! (non ho neanche dovuto parare)

..quindi?? siamo su fronti divergenti. Io non farò nulla, né a parole né di persona per ostracizzare la tua scelta, e comunque non la rispetto. Nulla di personale.

Citazione:
Caro mio finché c'è un governo ed un parlamento la politica c'è eccome


A voglia se c'è. Questo è il problema.

Citazione:
Fai meno lo spiritoso e svegliati.


Aspetta eh, ecco ..ho preso nota, grazie

Citazione:
E soprattutto leggi bene quello che ho scritto.


mmmhhh .... mannaggia...
aspetta, ci riprovo, dunque:

Citazione:
E allora come la mettiamo? Ascoltate redazione di Luogocomune: meno qualunquismo, meno aria fritta e più fatti e ricordatevi che le dittature partono proprio dal disincentivare la gente dall'azione.... proprio come state facendo voi ... sì!


eh sì, avevo letto bene ... in bocca al lupo

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
freemarcel
Inviato: 17/5/2011 3:03  Aggiornato: 17/5/2011 3:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
quanto stride la scritta "sono certo di non sapere" in certi commenti degli "anziani" di luogocomune... ho paura che vivere sul web vi abbia sconnessi con la realtà.

Tanta saccenza nell'essere così certi di sapere tutto, nel considerare dei deficenti chi si sente in diritto/ dovere di partecipare (tramite voto e partecipazione attiva) alle scelte che riguardano la cosa pubblica. Talmente presi dai grandi temi tipo "grande oriente", "11 settembre", "cospirazioni globali" da dimenticarvi l'ABC della quotidianità. L'ospedale, la scuola, la strada, i campi, i boschi, il supermercato... ma ve le ricordate come sono fatti? No, perchè, ci crediate o no, vanno anche amministrati, curati e gelosamente protetti, proprio perchè bene comune, anzi! ...luogocomune! A prescindere dal grande oriente, dal'11 settembre o dalle cospirazioni globali.

Farebbe bene, qualcuno della redazione, a proporre ai frequentatori di luogocomune dei momenti di ritrovo "fisico", sullo stile dei meet up del movimento... A pensare solo alle cospirazioni, vedendo lo stile dei commenti degli "anziani", posso dedurne che si diventa individualisti, diffidenti, pessimisti. Ma la mia logica non è certo paragonabile alla vostra e così spero di sbagliarmi.

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Calvero
Inviato: 17/5/2011 4:01  Aggiornato: 17/5/2011 5:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Infatti ti sbagli.

Citazione:
Talmente presi dai grandi temi tipo "grande oriente", "11 settembre", "cospirazioni globali" da dimenticarvi l'ABC della quotidianità. L'ospedale, la scuola, la strada, i campi, i boschi, il supermercato...



.. si vorrà anche comprendere se quando tu dici - grandi temi -, come questi temi siano prioritari... mmhhh no eh? non conviene. Normale che illudersi in un Sistema Farsa, faccia vedere le cose sottosopra. E si vedano i "saccenti" nel posto sbagliato. Il fatto stesso, e di questo invece bisogna essere smaliziati, che tu dica che qualcuno abbia dato del "deficiente" a qualcun'altro, mette in mostra il bisogno di dipingere gli avversari in malo modo per gonfiare una tesi che altrimenti è evidentemente sgonfia. Questi sono sottili stratagemmi che si nasano lontano un chilometro. Non attacca.

L'ABC della quotidianità è conseguente alle grandi mosse che si muovono nello scacchiere internazionale. E non viceversa. Quando a questo si aggiunge che la Politica, incontrovertibilmente, da 50 anni ha preso unicamente per il culo il popolo e il popolo ha preso per il culo sé stesso (zuccherini esclusi) ... non è più questione di sapere tutto, ma è questione di avere sotto al naso come le cose stanno... e che anche il dare per scontato che gli altri non parteciperebbero attivamente nella collettività perché si dicono astensionisti, è un arroganza che TU puoi tenerti a casuccia (visto che parli di saccenza). Tu che cosa ne sai? sapientone ...

Citazione:
chi si sente in diritto/ dovere di partecipare (tramite voto e partecipazione attiva)


... guarda collega che questa è la diatriba in atto. E questo è lo scontro. Chi partecipa a cosa?? tramite cosa?? tu sei convinto di essere in un sistema in cui il Popolo è sovrano e sei convinto che questo Sistema è sanabile? io no. E se permetti, fino ad adesso, tutto dice (sempre tranne i soliti zuccherini per vendersi o per avere qualche gioco elettorale di ritorno) che il Potere si è gestito per sé medesimo. Evidentemente tu, i grandi problemi non li hai neanche esaminati, se non hai compreso come NULLA contano i burattini che ti danno l'illusione che ti ascoltano o ti rappresentano.

Dall'estrema destra all'estrema sinistra passando per il centro, tutti hanno venduto e svenduto, e fanno orecchie da mercante sulle nefandezze più innominabili di finte guerre e migliaia e migliaia di innocenti massacrati, sulle bugie di un 9/11 dove hanno massacrato altra migliaia di persone;
dall'estrema sinistra all'estrema destra passando per il centro, orecchie da mercante sul campo nazista a cielo aperto in Palestina; sulle medaglie a chi porta un fucile e una bara silenziosa a chi lotta senza armi per gli innocenti.. eccetera eccetera eccetera..

e tu, oh poverino però tu hai il giardinetto di casa tua, e chi ti può dare gli zuccherini se non il gioco sporco che si sostiene sulla farsa di una finta democrazia? ... non cambiare nome alle tue comodità, non attacca. Parla allora del TUO orticello sacro e non della quotidianità; non elevare il tuo status borghesotto a morale umanitaria... visto che dei grandi problemi te ne sbatti a sufficienza. Visto che la Politica TUTTORA ha dimostrato di rappresentare solo sé stessa e di essere collusa con le BUGIE e le GUERRE bugiarde. Vuoi partecipare attivamente? accomodati... ci manca anche che non ci sia da ridere su questa barzelletta perbenista de NO'ANTRI

Nel nostro piccolo dici? bene, cominciamo a voltare le spalle alle Bugie.

Citazione:
qualcuno della redazione, a proporre ai frequentatori di luogocomune dei momenti di ritrovo "fisico"


..è arrivato lui quello che accusa di saccenza gli altri, senza sapere cosa facciano o abbiano fatto gli altri...

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
jack68
Inviato: 17/5/2011 7:31  Aggiornato: 17/5/2011 7:31
So tutto
Iscritto: 27/6/2009
Da:
Inviati: 8
 Re: Perchè votare?
citazione di calvero .... quello democratico e che rispetta il parere delle altre persone (falso come una banconota da 6 euro):
"quindi?? siamo su fronti divergenti. Io non farò nulla, né a parole né di persona per ostracizzare la tua scelta, e comunque non la rispetto. Nulla di personale."

ah sì e finora cosa stai facendo? senti un pò: fai parte della redazione di Luogocomune? Se sì dillo altrimenti fatti da parte perché non stavo parlando con te. E se il tuo QI basso non ti permette di capire quello che voglio dire non ci posso fare niente guarda.

jack68
Inviato: 17/5/2011 7:40  Aggiornato: 17/5/2011 7:40
So tutto
Iscritto: 27/6/2009
Da:
Inviati: 8
 Re: Perchè votare?
Quoto freemarcel in pieno.
Ha espresso in poche parole quale è il vero problema degli abituali frequentatori di Luogocomune.

Infettato
Inviato: 17/5/2011 9:40  Aggiornato: 17/5/2011 9:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Io non farò nulla, né a parole né di persona per ostracizzare la tua scelta, e comunque non la rispetto. Nulla di personale."


Il problema non è questo, la tua scelta ricade anche su chi rifiuta questo sistema...

Citazione:
[...] fai parte della redazione di Luogocomune? Se sì dillo altrimenti fatti da parte perché non stavo parlando con te.


Vedi il problema è che tu hai bisogno di qualcuno che faccia per te, mentre vecchi e nuovi si sono incontrati più volte spontaneamente....è molto facile farsi governare, così come aspettare che qualcuno organizzi (in questo caso la redazione).

ps Non era rivolto a me direttamente ma le stupidaggini reiterate mi mandano in bestia.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Lezik85
Inviato: 17/5/2011 9:49  Aggiornato: 17/5/2011 9:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Tanta saccenza nell'essere così certi di sapere tutto, nel considerare dei deficenti chi si sente in diritto/ dovere di partecipare (tramite voto e partecipazione attiva) alle scelte che riguardano la cosa pubblica.


Ma santa pupazza, cosa ancora non è chiaro? E' una schifo di croce su un foglio! I contratti in bianco che firmavano gli analfabeti ai tempi della pietra. Cosa ci sia poi di così ganzo nella legge del gregge istituzionalizzata è un mistero... Inoltre è enormemente enigmatico che ci sia qualcuno che consideri sensata l'idea di pagare della gentaccia, degli sconosciuti, affinchè imponga in che modo vivere, quale moneta utilizzare, che possa indebitare a piacere la popolazione e senza alcun modo concreto di sottolineare la pericolosità delle loro azioni!

Ma a quanto pare viviamo in un mondo bizzarro, un incrocio tra un manicomio ed un allevamento industriale.

jack68
Inviato: 17/5/2011 10:46  Aggiornato: 17/5/2011 10:46
So tutto
Iscritto: 27/6/2009
Da:
Inviati: 8
 Re: Perchè votare?
Ascolta Infettato ti rispondo perché ho il dubbio che tu abbia frainteso.
La prima citazione non è mia ma di calvero. La seconda è mia ma in risposta sempre a calvero. Quindi non capisco se tu non sei d'accordo con me o con calvero o con tutti e due. Comunque non voglio trascinare questa discussione all'infinito. Quello che dovevo dire l'ho già detto.

Infettato
Inviato: 17/5/2011 11:00  Aggiornato: 17/5/2011 11:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
@jack68 Si, ho sbagliato a quotare le parole di Calvero, in verità era rivolto alle tue scelte che differiscono totalemte dalle mie e da quelle di Calvero.

Citazione:
Comunque non voglio trascinare questa discussione all'infinito. Quello che dovevo dire l'ho già detto.


Su questo sono daccordo.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Virgil
Inviato: 17/5/2011 12:19  Aggiornato: 17/5/2011 12:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Interessanti i commenti dei vari calvero e compagnia, potrei anche essere d'accordo con loro se non fosse per una cosa...se sono così sicuri di non vivere in democrazia, che tutto è scritto, che non c'è nulla da fare...che senso ha stare ancora nella società? non sarebbe il caso che si pensasse a lasciarla per andare eremiti in luoghi piu consoni o meglio ancora pensare al suicidio? tanto se è tutta una sofferenza, se non c'è nulla da fare, se le grandi macchinazioni sono impossibili da abbattere e l'unica cosa che alla fine uno puo fare è prendere il maloox per evitare problemi fisici a che serve il loro parlare e questo stesso sito?...mi domando e vi domando: a che pro stare sempre qui su LC a scrivere? a che pro fruire di quei servizi che la finta ,per loro, democrazia vi mette a disposizione? non è un controsenso? o forse sono semplicemente degli ipocriti questi "non voto perchè tutto uno schifo"? chi mi risponde?

Calvero
Inviato: 17/5/2011 13:31  Aggiornato: 17/5/2011 14:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
ah sì e finora cosa stai facendo?


.. porto avanti le mie argomentazioni.. e hanno dimostrato la fallacia delle tue

Citazione:

senti un pò: fai parte della redazione di Luogocomune? Se sì dillo altrimenti fatti da parte perché non stavo parlando con te. E se il tuo QI basso non ti permette di capire quello che voglio dire non ci posso fare niente guarda.


.. si può intervenire sulle argomentazioni. E' lecito. Fattene una ragione (per i dialoghi che si vogliono avere a senso unico esistono i PM )

... ti ricordo che puoi attaccare con tutta la veemenza che vuoi le mie opinioni, ma non ti è concesso giudicare l'intelligenza altrui, quindi, domandina: sei ignorante perché non conosci il regolamento? o sei arrogante perché te ne freghi?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
crisalide
Inviato: 17/5/2011 14:00  Aggiornato: 17/5/2011 14:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/3/2010
Da: Padova
Inviati: 98
 Re: Perchè votare?
Ottima replica di Lezik85 che quoto in pieno, oltre a quanto detto anche da Calvero. E lo dice uno che da almeno 20 anni non partecipa più a questa costosissima baracconata, non per qualunquismo ma per la sopravvenuta comprensione che il vero cambiamento può avvenire solamente all'interno di noi stessi, ciascuno individualmente, e non perchè al posto del BURATTINO Tizio si decide di mettere il BURATTINO Caio.

PS/1: ho visto poco fa a pranzo (mio malgrado) lo specialeTG3 del Veneto; avranno intervistato almeno una decina di esponenti di tutti gli schieramenti; ebbene tutti (ripeto TUTTI!!!) erano soddisfatti dei risultati conseguiti (e te credo, chiamali scemi!). CAPITO?

PS/2: in Belgio credo siano almeno 2 anni (vado a memoria) che sono senza un governo ufficiale. Non mi risultano aumenti di suicidi o episodi di follia collettiva; forse che si può vivere lo stesso anche senza burattini?

Un saluto a tutti

"Non hai bisogno di un meteorologo per sapere da che parte soffia il vento"
(Bob Dylan)
Calvero
Inviato: 17/5/2011 14:00  Aggiornato: 17/5/2011 14:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
se sono così sicuri di non vivere in democrazia, che tutto è scritto, che non c'è nulla da fare...che senso ha stare ancora nella società?


.. dal manuale delle giovani marmotte, giusto? siamo sempre all' ABC per spostare le prospettive e svicolare i fatti? qualche avversario più solido all'orizzonte? niente eh.. ci mancava anche dicessi la mitica frase del circolo della briscola: se ti piace così bene, altrimenti vai a fare l'eremita!

e aspetta aspetta

Citazione:
non sarebbe il caso che si pensasse a lasciarla per andare eremiti in luoghi piu consoni o meglio ancora pensare al suicidio?


l'ha detta, l'ha detta

Citazione:
a che pro stare sempre qui su LC a scrivere?


a che pro ci stai tu ? se segui la corrente come dimostra la tua logica, è più logico che ti impegni nel farlo a testa bassa fuori da questi Siti, non credo che qui troverai qualcosa che lì fuori non ti sappia dire dove mettere la crocetta

Citazione:
a che pro fruire di quei servizi che la finta ,per loro, democrazia vi mette a disposizione?


"per loro" ?? ... quale telenovela stai seguendo in TV, quella di Fede o quella di Vespa? se hai abboccato alla propaganda e dai per scontato che quello che è scritto sulla carta o ti racconta la politica collusa sia vero, il problema non è "per loro" ma è TUO

Democrazia = Governo del Popolo .. GNAM GNAM che buona, ingoiata con tutta l'esca. Da quando in qua, decidere che qualcuno ti comandi sia governare? hanno fottuto i popoli col giochetto più stupido della storia ... (e quando a comandare ci va quello che avrebbero deciso )

e di passaggio: i servizi che ti fornirebbe la democrazia (e questo la dice lunga di come sei imbevuto dalla propaganda) sono gli stessi che ti possono fornire le Dittature o le Monarchie. La democrazia non fornisce servizi, ma offre un metodo illusorio per farti credere che tu stia collaborando, pesciolino. Il mondo che ti circonda, è il mondo consumistico che deve esistere per reggere lo Status Quo ...nessuno ti sta regalando nulla, né te lo stai guadagnando, né meritando. Se non i Comfort, e il comfort (informati) non è progresso, ma standardizzazione. Se poi, come (e ti vanti anche) dimostri di non aver compreso i punti cruciali (o meglio, non ti interessa) e di come il NWO sta avanzando, l'ignorante sei tu e non colui che decide di smettere di oliare i meccanismi che attraverso il Teatrino della Politica vengono tenuti in piedi.


E poi, non fare il furbetto. E' inutile dire "interessante i discorsi come quelli di Calvero" e non scendi a discuterli, ma svicoli i concetti messi in discussione e te ne esci con le battute da Circolo di briscola. Risibile se permetti, molto risibile.

... e, sempre di passaggio, anche in senso logico non puoi permetterti di dire a qualcuno, in soldoni, "vai a fare l'eremita o suicidati". Visto che ti ricordo, e sei evidentemente o IGNORANTE o ARROGANTE, che la LEGGE PERMETTE di NON votare. Quindi che ti piaccia oppure no ... NON sto infrangendo la Legge. Ergo, da un punto di vista socio/politico, PER LEGGE posso pretendere tutti i diritti che puoi pretendere tu. Alla faccia tua.

..sempre interessante, e questo veramente lo è, che si continui a dare per scontato che chi volta le spalle alle BUGIE (invece di chi le ama) è uno che non fa un cazzo; un patetico passivo. Hai la sfera di cristallo?? Invece tu che metti una crocetta FALSA per un sistema FALSO che non ti rappresenterà ma lascia solo zuccherini per potere essere di nuovo Ri-falsamente proponibile... ... Beh, per quel nano-secondo in cui metti una crocetta, tu sei diventato parte attiva GNAM GNAM pesciolino

e poi, sentite questa, avete notato?

tutti festeggiano ai risultati delle votazioni e nessuno che si è mai reso conto che di solito (come logica pretende) si festeggiano i risultati raggiunti a seguito delle promesse e non le partenze. Risultati (per le promesse) che nessuno ha mai, in 50 anni festeggiato.

Fa male la propaganda eh, gli elettori sono talmente infarciti che vivono alla rovescia la realtà. E' come se il pubblico cominciasse ad applaudire e ad esultare in sala, prima che cominci il film


Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 17/5/2011 14:17  Aggiornato: 17/5/2011 14:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Il problema non è questo, la tua scelta ricade anche su chi rifiuta questo sistema...


e io non ho detto che questo sia il problema, amico. Io ho argomentato come si doveva, appunto, quello che non c'entrava e qualcuno vuole fare credere che c'entri. E non ero io quello

detto ciò, ovvio che la mia scelta -ricade-, così come ricade quella altrui, quindi? appunto, è così. Non l'ho tirato fuori io l'ovvio, ... ma siccome con queste ovvietà si è alluso sottilmente che altri sarebbero dei prevaricatori, ne ho messo in luce la falsità. Né più, né meno.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 17/5/2011 14:19  Aggiornato: 17/5/2011 14:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Ma a quanto pare viviamo in un mondo bizzarro, un incrocio tra un manicomio ed un allevamento industriale.


.. questa me la segno o hai messo il copyright ? dimmelo se no va a finire che mi fai pagare i Diritti

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Gargoyle
Inviato: 17/5/2011 14:42  Aggiornato: 17/5/2011 14:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/4/2005
Da: Roma
Inviati: 421
 Re: Perchè votare?
@ Virgil e a tutti gli altri che non capiscono il non voto....


Non voto perché chi è lì per farsi votare non mi rappresenta e non sa fare il suo lavoro…
Non voto perché chi dovrei votare dovrebbe saperlo fare un lavoro, visto che ha deliberatamente scelto di fare il politico, e visto che io non percepisco un soldo se non so fare il mio lavoro, perché devo darne a chi non sa farlo?
Non voto perché chi vuole essere votato dovrebbe proporre delle idee concrete, e cercare di realizzarle, mentre sta lì a dire che non ci riesce perché quello di prima ha lasciato una situazione tale per cui non è colpa sua se non ci riesce…
Non voto perché chi non riesce a mantenere ciò che dice in campagna elettorale(quando avevano qualcosa da dire, ma ormai si parla solo di Berlusconi pro, Berlusconi contro, e ancora non ho capito se a fine mese pagherà lui il mio affitto….)dovrebbe essere allontanato dalla politica, c’hai provato, ti è andata male, torna a fare ciò che facevi!
Non voto perché chi vorrebbe essere votato ha più o meno l’età di mio nonno, e conosce benissimo l’arte della politica costruita da lui stesso e da altri come lui in 100 anni di poltrona, ma non sa nulla della vita normale di un operaio o di un impiegato, perciò può soltanto immaginare, e immagina malissimo!
Non voto perché sono stufo di vedere e sentire parlare gente che dovrebbe dedicarsi alle bocce e alla pesca e a qualsiasi altra cosa fa un pensionato come mio padre, invece no, sta lì per migliorare il paese!!!
Non voto perché quando nel ’46 hanno inscenato sta pantomima de repubblica fare il politico era quasi un privilegio, non un posto dove arricchirsi, ma è durato poco ahimé….
Non voto perché è inutile votare il meno peggio, tanto peggio de così, perché vorrei qualcuno nuovo con idee nuove senza nessun vecchio gobbuto dietro che gli dice come è meglio fare perché prima si faceva così….
Non voto perché dopo 50 anni di voto è cambiato qualcosa con sto sistema???no…il referendum è un discorso a parte….
Non voto perché l’unica vera alternativa alla politica attuale si chiama BEPPE GRILLO!!!
Non voto perché vorrei che tutti non votassero per vedere poi cosa succede davvero, così da non dover sentire che quel lui di turno è lì per volere del popolo!!!
Non voto perché è ora di porre fine a sto sistema di distrazione di massa basato su culi tette e palloni da calcio, dove l’ideale è il grande fratello e tutto il resto è tempo perso e sacrifici inutili…
Non voto perché siamo in un paese dove non si crea cultura e non si da spazio alla vera ricerca, e a nessuno politico interessa, potere delle mazzete volanti sapidamente fornite dalle varie lobby….
Non voto perché mi sono rotto le palle!!!
….e potrei andare avanti ore a dire perché non voto, e nel frattempo proponendo idee di non così difficile applicazione, visto che molti asseriscono “non voti perché sei qualunquista, allo proponi tu…”. Ecco alcune proposte....ma non voto
E per ultima cosa non mi si venga a dire “allora vacci tu…” perché io quando ho delle lamentele sul mio lavoro non dico a chi si lamenta “allora sto lavoro fattelo tu!” altrimenti mi arriva una ricca e sonora pedata nel culo e mi ritrovo disoccupato, la stessa situazioni in cui dovrebbe versare la nostra saccente e onniscente classe politica, DISOCCUPATA.

L'illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari. A. GRAMSCI
Makk
Inviato: 17/5/2011 15:05  Aggiornato: 17/5/2011 15:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
@Virgil, Jack e freemarcel:

NON ESISTE UNA ROBA COME "QUELLI DELLA REDAZIONE" DI LUOGOCOMUNE

Le misteriose entità che vi perseguitano e ostracizzano, che vogliono schiacciare i vostri aneliti di novità, che si permettono di effettuare una censura organizzata e spietata delle vostre argomentazioni, e tutte le altre minchiate che vi vengono in mente, NON sono "redattori" di LC, o moderatori, o "capi" di alcun genere. Sono utenti come voi.

La "Redazione" di LC è Massimo Mazzucco. Punto. Ed è anche l'admin del forum.
Quando Massimo vi censurerà un post o vi minaccerà di espulsione, rompete le palle alla Redazione, fino ad allora piantatela di fare le vittime.

Questo è uno dei forum di discussione più liberali e libertari che io conosca, come regole di comportamento e azione degli individui.

Qui non trovate un oscuro potere che vi opprime e quindi lo inventate.
Mi dispiace per voi.

Evidentemente vi è troppo doloroso pensare che semplicemente c'è qualcuno in disaccordo con voi e questo qualcuno possano essere tanti.
Condoglianze.

Gli utenti con tanti interventi non vi sono superiori in niente. E' la VOSTRA pietosa mentalità che vi fa tirar fuori la questione. La solita, vecchia, manfrina da sfigatoni che pensano che il contatore del numero di post sia rango, potere, medaglietta, io-ce-l'ho-più-lungo. Roba da forum di quattordicenni brufolosi.
Il counter serve solo a dare un'idea di quanto e come partecipa un certo utente. Fine.

Quanto al fatto che i "vecchi" o i "nuovi" o "il forum" siano così o cosà, è il ritornello idiota che si divertono a intonare proprio alcuni dei vecchi; altri meno vecchi lo riprendono a mo' di mantra; altri ancora se lo rigirano un post sì e uno no (a seconda di come gli sta andando la discussione).
L'ipotesi di lavoro che in un forum da 10.000 iscritti ci siano tante voci e personalità diverse e molto meno omogenee di quando gli iscritti erano 3-400 non sfiorerà nessuno dei sopraccitati.

Quindi benvenuti anche a voi 3 col vostro decretare l'inutile e irrazionale favoletta che Luogocomune e i suoi utenti siano e agiscano come le vostre paranoie e insicurezze vi fanno fantasmatizzare che sono.
Siete solo degli ulteriori portatori di queste banalità e non sarete certo gli ultimi.

Buona mediocrità e permanenza in LC.

Infettato
Inviato: 17/5/2011 15:34  Aggiornato: 17/5/2011 15:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
@Crisalide per quanto riguarda il ps2qui ne parlano direi che non solo la vita continua, ma è anche preferibile.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Calvero
Inviato: 17/5/2011 15:37  Aggiornato: 17/5/2011 15:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Quoto freemarcel in pieno.
Ha espresso in poche parole quale è il vero problema degli abituali frequentatori di Luogocomune.


Hallo Jack68 Quando ho cliccato per risponderti, ho visto già l'esaustiva (come suo solito) risposta di Makk. Ma comunque dico una cosa anche io:

.. io non valuto le opinioni altrui o mi pongo di conseguenza, rispetto al numero di Post che uno possiede. Giudico e critico in base a quello che uno scrive. Quello che può essere differente, ed è ovvio oltre che naturale, è che tra diversi utenti che si conoscono da anni, diano tra di loro, ad esempio, già per scontate quali filosofie alberghino nella mente del collega. E magari chi da fuori non ragiona dovutamente su questa possibilità, può credere che si facciano pesi e misure diverse. Non è così. Per quel che mi riguarda, ad esempio, basti vedere come ci scorniamo sempre io e Pispax che siamo notori nemici in questa tematica e che siamo qui da diverso tempo entrambi. Nulla per cui Pispax si comporti diversamente con me, rispetto ad un nuovo arrivato. Idem per me. A favore o contro, il modus operandi di ognuno è il medesimo. Così nell'ironia, così nel quotare, così nel discutere severamente. E' invece più probabile che il nuovo giunto usi a volte una "lente di ingrandimento" alla carlona e proprio perché non è smaliziato. Deve anche imparare, se permetti. Per il resto, il commento di Makk (utente che me le canta spesso, a riprova dell'imparzialità) dice come stanno le cose su LC

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Luco
Inviato: 17/5/2011 15:52  Aggiornato: 17/5/2011 15:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: Perchè votare?
Gargoyle

d'accordo su quasi tutto,
ma:

Citazione:
Non voto perché è inutile votare il meno peggio, tanto peggio de così


noi "non votanti" siamo sicuri che non si possa trovare qualcosa di superiore alla premiata Bossi-Maroni-Calderoli-Gasparri-Cicchitto-Capezzone-Santanchè-Meloni-Carfagna-Gelmini-Etc..?

voglio dire: qualsiasi cosa è meglio. E non venite a dire che quelli che hanno governato due anni fa non l'hanno dimostrato, primo perchè sappiamo che non avevano i mezzi e secondo perchè, comunque, livelli così bassi non li hanno mai toccati neanche di striscio!

Cioè, possiamo dire che è come scegliere tra un calcio nelle palle e, che ne so... un pugno allo stomaco, almeno?

Calvero
Inviato: 17/5/2011 16:14  Aggiornato: 17/5/2011 16:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Cioè, possiamo dire che è come scegliere tra un calcio nelle palle e, che ne so... un pugno allo stomaco, almeno?



c'è una bellissima frase messa nella voce del Sito che dice all'incirca così:

- poi, a me, l'eventuale esistenza di una razza rettiloide, non è che scandalizzi più di una sinistra che appoggia Israele. -

Basterebbe questo a chiudere il discorso. E certamente il concetto è assai più profondo di una banalizzata e "fine a sé stessa" questione "Palestina versus Israele" ..chi ha orecchie per intendere intenda

COMUNQUE:

... potrebbe anche essere che un pugno nello stomaco faccia meno male di un calcio nelle palle, però nelle risse mi preoccupa sempre quando i tiri più piccoli danno tempo all'avversario di caricare con più forza il gancio alla tempia.

E questo senza contare che la palesata indifferenza che "i meno peggio" hanno, facendo orecchie da mercante e mostrandosi falsi, opportunisti, disonesti, ingannatori, bugiardi, cioè possedendo lo stesso DNA del "più peggio" che tanto criticano.... mi dice, al solito, come sempre, che è comunque solo una questione di Tempo per "i calci nelle palle" prossimi venturi.

La prospettiva per cui una trincea in politica sia più corroborante di un altra, non mette nulla a favore della gente che sta in mezzo ai due fronti a prendere il cetriolo in quel posto. Gente che, tra una cannonata o una fucilata, dovrebbe decidere ben altro (finché le porte sono aperte) e andarsene e lasciarli da soli questi finti schieramenti, con le loro fantomatiche lotte rigirate in mille false bandiere e mille voltagabbana senza fine.

Ci ha già provato da poco l'utente Padagre, nel Forum con il suo "democrazia sparita" dove ha cercato di riesumare gli zombie della sinistra "oltraggiata" che non potrebbe dire la sua

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Gargoyle
Inviato: 17/5/2011 16:41  Aggiornato: 17/5/2011 16:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/4/2005
Da: Roma
Inviati: 421
 Re: Perchè votare?
errata interpretazione....il "tanto peggio de così" è il pensiero medio di chi, indeciso, vota da una legislatura all'altra quello che ritiene meno peggio dell'altro

io odio chi dice, "tanto peggio de così" perché su questo schema malefico si gioca il lascia o raddoppia della classe politica....
perché dopo aver toccato il fondo si scava, e sinceramente siamo scesi un pò troppo per continuare a votare il meno peggio......quindi non voglio più ne calci nelle palle ne pugni nello stomaco!!!
voglio solo vedere il parlamento vuoto per 3 mesi!!!!e poi vediamo che succede

L'illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari. A. GRAMSCI
Virgil
Inviato: 17/5/2011 16:52  Aggiornato: 17/5/2011 16:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
@calvero
non hai risposto alla mia domanda perchè evidentemente non l'hai capita...però ti sei incazzato e hai cominciato a sparare cazzate dicendo blablablabla alla faccia mia blablabla tu non capisci che qui e che li balblabla la finta democrazia blablabla.....
la mia domanda è un altra, e la prossima volta se vuoi rispondere almeno impara a leggere quello che uno ti scrive.
@Markk
ma che stai a dì? chi ha parlato della redazione? chi ha accusato chi? ma il cervello ad alcuni di voi è andato in pappa? perchè davvero state alla frutta per come rispondete eh! potrei capire che si offendano i troll, ma adesso sognare che alcuni utenti attacchino la redazione e replicare di conseguenza è da sciroccati completi.
@gargoyle
ho capito ciò che intendi, ma io non sono contrario a non votare, come ho scritto piu su...leggi i miei commenti.
io vorrei capire da chi si crede intelligente nel credere che questa non è democrazia, che è tutto deciso, che blablabla...perchè ancora ne fa parte di questa società.

Calvero
Inviato: 17/5/2011 17:05  Aggiornato: 17/5/2011 17:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
non hai risposto alla mia domanda perchè evidentemente non l'hai capita...però ti sei incazzato e hai cominciato a sparare cazzate dicendo blablablabla alla faccia mia blablabla tu non capisci che qui e che li balblabla la finta democrazia blablabla.....


ah ok ... scusa, non sono abituato a queste profondità ... e, di passaggio, non so cosa abbia tu compreso di quel che ha scritto Makk (non markk) ... nel frattempo, la risposta ti è stata data ... le argomentazioni postate ... e ora puoi continuare con le tue traduzioni Italiano-Virgil Virgil-Italiano. Senti questa in proposito:

«bla bla bla bla bla ...bla bla bla bla .... e .... bla bla bla ..» capito dunque dove puoi andare con la tua logica?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Lezik85
Inviato: 17/5/2011 17:21  Aggiornato: 17/5/2011 17:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Perchè votare?
Citazione:
.. questa me la segno o hai messo il copyright ? dimmelo se no va a finire che mi fai pagare i Diritti


Abusane pure Calvero


Citazione:
io vorrei capire da chi si crede intelligente nel credere che questa non è democrazia, che è tutto deciso, che blablabla...perchè ancora ne fa parte di questa società.


Forse non lo capisci perchè il non-voto E' un'uscita da questa "società" democraticamente folle. Forse non lo capisci perchè non ti è chiaro cosa sia in realtà...la "società".

Luco
Inviato: 17/5/2011 17:27  Aggiornato: 17/5/2011 17:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: Perchè votare?
Citazione:
voglio solo vedere il parlamento vuoto per 3 mesi!!!!e poi vediamo che succede



ok,
ma io vorrei capire se è più importante restare fedeli all'idea di rifiuto di un sistema sbagliato o se, dato che di questo sistema dobbiamo per forza subire le conseguenze, cercare di limitare i danni inseguendo un miglioramento raggiungibile per piccoli passi.
Faccio un esempio tra i tanti: non pensate che non opporsi all'elezione della combriccola attualmente in carica equivalga ad accettare passivamente, per esempio, l'ennesimo accanimento sul territorio che dobbiamo, tutti, calcare (con tutti i danni sull'assetto idrogeologico e le catastrofiche conseguenze, per non parlare della qualità della vita quotidiana..) ?

Makk
Inviato: 17/5/2011 17:47  Aggiornato: 17/5/2011 17:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
Citazione:

Virgil:
@Markk
ma che stai a dì? chi ha parlato della redazione?

Tu


Citazione:
Virgil:
sai la cosa comica qual'è? che uno della redazione avendo io detto di essere a favore del nucleare in un altra notizia mi ha dato del troll di destra


troll non so, rimbambito adesso lo darei per sicuro

Ti auguro che non sia Alzheimer ma semplicemente che d'abitudine scrivi la prima che ti viene in mente, senza rispetto per la tua e l'altrui intelligenza.

Comunque, stante che fatichi a capire quello che dici tu stesso, immagino che capacità di decodifica di ciò che scrivono gli altri potrai avere... quindi te lo ripeto:
NON ESISTE UNA COSA COME "UNO DELLA REDAZIONE"
La Redazione è Massimo Mazzucco. Stop.

Calvero
Inviato: 17/5/2011 17:54  Aggiornato: 17/5/2011 18:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
non pensate che non opporsi all'elezione della combriccola attualmente in carica equivalga ad accettare passivamente, per esempio, l'ennesimo accanimento sul territorio che dobbiamo, tutti, calcare (con tutti i danni sull'assetto idrogeologico e le catastrofiche conseguenze, per non parlare della qualità della vita quotidiana..) ?


Il problema risiede nei termini che hai inserito. Quando dici "non opporsi alla combriccola" ... stai dando per scontato che quella combriccola sia autonoma. Dai anche per scontato che ci siano delle reali opposizioni tra le combriccole. Ma sono la stessa cosa. Già spiegato nella metafora del pugno nello stomaco. Detto questo, che di per sé metterebbe già a debita misura una prospettiva falsata, le cose non possono che esponenzialmente peggiorare attraverso il sistema politico, non essendo il medesimo al Potere. Fermo restando sempre quel discorso "zuccherini" che non va confuso, con un discorso di utilità effettiva della politica. E finché si ha questo atteggiamento arrogante nei confronti della Vita (che è prioritaria rispetto alle ideologie) e dimostri di saltare a pié pari l'influenza fondante dei problemi «cruciali» (termine più preciso di «importanti») allora continuerà ad essere un dialogo tra sordi, e soprattutto un affare ipocrita che vuole vedere tutelato solo il proprio orticello e ciò significa essere in sintonia con la politica (ottimo esempio), che espande le sue radici proprio sull'egoismo e l'indifferenza del popolo che esige e pretende il Bene per sé e mai per gli altri. Purtroppo sono costretto anche a scendere nella bassa retorica e ricordare che "gli altri siamo noi", ancor più vale per i popoli "distanti"... che sono sullo scacchiere internazionale il movente di Guerre e Genocidi che devono avere l'avallo e il "tacito" consenso dei popoli "liberi" occidentali ... il tutto gestito (psicologicamente per la massa) attraverso l'illusione della Democrazia e il teatrino della politica, qui.

Non a caso il mantra Orwelliano parla di "Missioni di Pace" ed "esportazione della democrazia" .. per non rivelare termini come "Guerra e genocidi per il denaro (di pochi)" e "esportatori delle Dittature consumistiche delle élite". Ovvio che anche qui si cerca l'obolo, tra i comuni mortali ...per assecondare questa forma mentis e questa infame scelta (le elezioni) di avallare il male in nome del proprio orticello.

Finché non si vuole scendere dal piedistallo "Italiano" (potrebbe essere anche francese), con tutta la prosopopea che i colori politici idiotamente devono conservare; finché si trasformerà (come nel vocabolario presuntuoso ed egoista di Virgil) in "bal bla bla" (poiché è comodo fare orecchie da mercante) la prepotenza e il fascismo del NWO... Allora si continuerà a spostare la famosa pagliuzza dall'occhio sinistro a quello destro, mentre si prepara la trave che sta arrivando da dietro.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
crisalide
Inviato: 17/5/2011 18:03  Aggiornato: 17/5/2011 18:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/3/2010
Da: Padova
Inviati: 98
 Re: Perchè votare?
Infettato, grazie per il link, ricordavo male, non è ancora passato un anno che in Belgio sono senza governo, credevo di più. Comunque è una conferma che per la nostra evoluzione personale e sociale non abbiamo bisogno di questi loschi figuri.
Il non voto dal mio punto di vista è anche un messaggio di indifferenza verso di loro, e sappiamo che l'indifferenza è il sentimento che individui così pieni di sè temono di più, secondo me molto di più delle solite manifestazioni di piazza fini a sè stesse.

"Non hai bisogno di un meteorologo per sapere da che parte soffia il vento"
(Bob Dylan)
Virgil
Inviato: 17/5/2011 18:08  Aggiornato: 17/5/2011 18:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Makk

troll non so, rimbambito adesso lo darei per sicuro
Ti auguro che non sia Alzheimer ma semplicemente che d'abitudine scrivi la prima che ti viene in mente, senza rispetto per la tua e l'altrui intelligenza.

Comunque, stante che fatichi a capire quello che dici tu stesso, immagino che capacità di decodifica di ciò che scrivono gli altri potrai avere... quindi te lo ripeto:
NON ESISTE UNA COSA COME "UNO DELLA REDAZIONE"
La Redazione è Massimo Mazzucco. Stop.
Tu l'intelligenza non sai neanche dove sta di casa.... io mi riferivo a Marco Cedolin che in un suo articolo firmato qui su LC (quindi presumo faccia parte della redazione o quantomeno collabori con MM )sul nucleare da buon scribacchino qual'è rompeva le balle con discorsi tipici di quelli come lui.....cioè se non gli dici bravo, siamo tutti anti nuclearisti allora sei un troll di destra e non capisci nulla.

ma perchè non esci a prendere un po di aria? madò come stai messo male...

Virgil
Inviato: 17/5/2011 18:10  Aggiornato: 17/5/2011 18:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Calvero ah ok ... scusa, non sono abituato a queste profondità ... e, di passaggio, non so cosa abbia tu compreso di quel che ha scritto Makk (non markk) ... nel frattempo, la risposta ti è stata data ... le argomentazioni postate ... e ora puoi continuare con le tue traduzioni Italiano-Virgil Virgil-Italiano. Senti questa in proposito: «bla bla bla bla bla ...bla bla bla bla .... e .... bla bla bla ..» capito dunque dove puoi andare con la tua logica?
niente...le risposte latitano.

Luco
Inviato: 17/5/2011 18:16  Aggiornato: 17/5/2011 18:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: Perchè votare?
Citazione:
il proprio orticello


Citazione:
pagliuzza dall'occhio sinistro a quello destro


vabbè, neanche avessi citato questioni come i DICO, il bollo della macchina, il contratto dei tassisti...
La questione del territorio, come altre, non solo non è una questione localizzata, ma è una questione che, se non risolta in termini di prevenzione e cura, produce una notevole accelerazione del disastro. Ora, questo può essere visto come una manna, perchè magari si spera di toccare il fondo prima possibile...
Ma assistere senza fare niente è o non è colpevole?
E per fare qualcosa, a chi ci si può affidare se non, aimè, all'amministrazione della cosa pubblica?
Se non ci si cura del proprio orticello, dove l'orticello è lo spazio di tutti, come si fa a maturare qualcosa di decente da opporre, a tempo debito, in sede di questioni cruciali?
(ribadisco che sono domande vere, nessun tentativo di difendere il voto in sè)

Calvero
Inviato: 17/5/2011 18:18  Aggiornato: 17/5/2011 18:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
niente...le risposte latitano.


Guarda Virgil che il tuo gioco debunkerino può funzionare ai circoli della briscola. Non stai mica giocando con Calvero qui, stai disturbando gli altri lettori. Le risposte, per quanto non ti piacciano e/o non le vedi ..sono state date e argomentate. Per le soluzioni invece, LC non ha verità in tasca .. né tu, né io, né altri ... ergo attacca i flap e plana

PS

se Makk non sa dove sta di casa l'intelligenza, allora cicciolina è vergine

(scusa Makk, non voglio leccarti il culo ma quando è troppo è troppo)

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 17/5/2011 18:35  Aggiornato: 17/5/2011 18:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
(ribadisco che sono domande vere, nessun tentativo di difendere il voto in sè)


Ti ho capito Luco. Ma siamo al punto di non ritorno. Oltrepassato, per la precisione, l'11 Settembre. Quel che tu dici è vero, quindi dov'è il cosiddetto «MA»?

.. si è fomentato un "meccanismo" che sta implodendo e travolgerà anche i piccoli risultati che il voto, nel locale, potrebbe ottenere. E si è cominciato a fomentarlo (questo meccanismo) grazie a un illusione democratica che esiste solo sulla carta. O ci si decide a sacrificare il nostro "orto" che non è la nostra vita, oppure si olieranno meglio i meccanismi che dall'alto (quelli delle élite dietro il sipario della Politica), avvilupperanno la nostra quotidianità. Io credo che solo un ribaltamento drastico, una "distruzione" seguita da un work in progress di idee e azioni realmente popolari, può incominciare a far luce su quest'era infame. Io non ti parlo da figlio di papà. O mettiamo mano per innescare le polveri con la disobbedienza, con i circoli culturali, con i boicottaggi serrati, con l'indifferenza verso ogni forma e sfumatura di partitocrazia ... o tra cinquant'anni (e in situazioni ancora peggiori) si riformulerà la tua stessa domanda. Urge un salto nel buio.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Luco
Inviato: 17/5/2011 19:46  Aggiornato: 17/5/2011 19:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Io credo che solo un ribaltamento drastico, una "distruzione" seguita da un work in progress di idee e azioni realmente popolari, può incominciare a far luce su quest'era infame. Io non ti parlo da figlio di papà. O mettiamo mano per innescare le polveri con la disobbedienza, con i circoli culturali, con i boicottaggi serrati, con l'indifferenza verso ogni forma e sfumatura di partitocrazia ...


beh penso sia questa la risposta (o perlomeno il punto di partenza per altre diatribe :) che cercavano quelli che chiedevano:
"e poi?"

Virgil
Inviato: 17/5/2011 20:13  Aggiornato: 17/5/2011 20:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
calvero

Guarda Virgil che il tuo gioco debunkerino può funzionare ai circoli della briscola. Non stai mica giocando con Calvero qui, stai disturbando gli altri lettori. Le risposte, per quanto non ti piacciano e/o non le vedi ..sono state date e argomentate. Per le soluzioni invece, LC non ha verità in tasca .. né tu, né io, né altri ... ergo attacca i flap e plana PS se Makk non sa dove sta di casa l'intelligenza, allora cicciolina è vergine (scusa Makk, non voglio leccarti il culo ma quando è troppo è troppo)



Voi vedete debunker dappertutto oramai, appena uno non condivide le 4 stronzate che dite ve ne uscite che disturba gli altri...aveva ragione l'altro utente siete talmente entrati nel meccanismo di questo forum virtuale tra complotti e false verità propugnate che non avete piu la testa a posto....piu che planare io dovresti uscire di casa tu e prendere una boccata di aria fresca, magari ti svegli un pò.

Oltretutto sei penoso col discorso di avermi dato le risposte, cosa che non hai fatto tranne che prendermi per il culo, me e chiunque altro non la pensi come te (vedi pipax) su questa finta democrazia e blablabla...però ti compatisco, uno che vive nel complotto perenne e del tutto deciso dalle forze in campo, come te non credo possa andare molto oltre il meccanismo mentale che oramai si è creato.

Io rimango in attesa del perchè se questa società non ti piace ne fai così enormemente parte contribuendo e addirittura parlando di legge che non ti vieta di non votare, cosa che tra l'altro come puoi leggere nei miei commenti non condanno neanche...chissà un giorno me lo dirai, quando ti sarai un po svegliato.

per makk è davvero uno non molto intelligente se crede che chiunque possa venire qui e scrivere un articolo senza che MM lo approvi...quindi non momento che posta qualcosa è parte della redazione o collaboratore cmq di essa, quindi non sono io quello che parlando di uno della redazione sta scrivendo una cosa poco intelligente ma lui che mi riprende e piglia pure per il culo...ma tanto è inutile che te lo spiego, oramai mi sono convinto che su questo forum si è entrati nello stesso meccanismo di quello di attivissimo...4 beoti che se la cantano e se la suonano da soli, peccato perchè all'inizio me lo ricordavo diverso.

però c'è una cosa positiva in tutto ciò...si ride ad ammirare certe perle quando le scrivete

Virgil
Inviato: 17/5/2011 20:24  Aggiornato: 17/5/2011 20:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
ti ho capito Luco. Ma siamo al punto di non ritorno. Oltrepassato, per la precisione, l'11 Settembre. Quel che tu dici è vero, quindi dov'è il cosiddetto «MA»?
e perchè non nel 1992-3 quando ci fu mani pulite? perchè l'11 sett. che con le votazioni in italia già si erano creati presupposti per una casta anni prima?
perchè non 07/2001 quando ci fu genova e il G8 e i no global che sono scomparsi e che avevano ragione a ben vedere?
Se ogni volta bisogna ricondurre tutto all'11 sett americano siamo fregati...in italia (e qui si dovrebbe parlare dell'italia) le cose sono cambiate molto prima.

Calvero
Inviato: 17/5/2011 20:50  Aggiornato: 17/5/2011 21:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Voi vedete debunker dappertutto oramai, appena uno non condivide le 4 stronzate


ho scritto "gioco debunkerino", ergo tutto quello che segue nel tuo ragionamento non ha presupposti validi.

Citazione:
Oltretutto sei penoso col discorso di avermi dato le risposte, cosa che non hai fatto tranne che prendermi per il culo


..è vietata l'ironia sulla farsa della politica? (azzarola non lo sapevo)...sù sù non cercare di metterti in mezzo, adesso vuoi prenderti carico anche della "serietà" della politica? non sei così importante..

Citazione:
me e chiunque altro non la pensi come te (vedi pipax)
Si scrive Pispax. Per il resto stai parlando di fronti divergenti, ed è evidente che non conosci Pispax e le miriadi di volte che ci siamo scornati ... cosa fai, cerchi complicità?

Citazione:
su questa finta democrazia e blablabla...


...esatto, il tuo traduttore simultaneo di ragionamenti sensati è sempre in funzione, riparalo, è un consiglio, traduce male (si legga, "non mi conviene ascoltare") "bal bla bla bla bla" ... indice della tua voglia di mettere in discussione i concetti

Citazione:
però ti compatisco, uno che vive nel complotto perenne e del tutto deciso dalle forze in campo, come te non credo possa andare molto oltre il meccanismo mentale che oramai si è creato.


hoibò, deve costare poco questa sfera di cristallo de no'antri, dev'essere la stessa che usano i politici per comprendere e risolvere i bisogni della gente ...

Citazione:
Io rimango in attesa del perchè se questa società non ti piace ne fai così enormemente parte contribuendo e addirittura parlando di legge che non ti vieta di non votare, cosa che tra l'altro come puoi leggere nei miei commenti non condanno neanche...chissà un giorno me lo dirai, quando ti sarai un po svegliato.


.... e adesso ci vuole proprio un traduttore, che lingua è?? quale sarebbe la domanda? dove iniziano le premesse e/o inizia il ragionamento? ...sul perché, comunque, le risposte sono state date, e nessuno ti chiede di condividerle, né di rivenderle, per le soluzioni definitive sei tu che hai la sfera di cristallo della demoggrazzzia


Citazione:
per makk è davvero uno non molto intelligente
....
....

beoti che se la cantano e se la suonano da soli..


Sì Virgil, noto che il regolamento non lo rispetti e non hai compreso che non puoi arrogarti di giudicare l'intelligenza altrui. Ergo da questo momento in poi la cosa trascende in provocazione e in trollaggio, e trascende anche alle tue eventuali ragioni. Chiuso. Sei pregato gentilmente di non chiamarmi in causa. Buona continuazione

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 17/5/2011 21:06  Aggiornato: 17/5/2011 21:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
e perchè non nel 1992-3 quando ci fu mani pulite? perchè l'11 sett. che con le votazioni in italia già si erano creati presupposti per una casta anni prima?
perchè non 07/2001 quando ci fu genova e il G8 e i no global che sono scomparsi e che avevano ragione a ben vedere?
Se ogni volta bisogna ricondurre tutto all'11 sett americano siamo fregati...in italia (e qui si dovrebbe parlare dell'italia) le cose sono cambiate molto prima.


Ti ho risposto sopra perché.

Le votazioni non siglano i momenti storici -edit- intesi come punto di non ritorno, tanto che le stesse non sono altro che l'impalcatura che nasconde il Potere: servono a dare continuum alle élite che gestiscono il teatrino della politica. Non è mani pulite che ha marchiato la coscienza collettiva per siglare e dare il via agli eventi tragici nel mondo. Idem per il G8. Non stai ascoltando e non stai ragionando sulle implicazioni che ti ho riportato. Non ti interessa. I tuoi sogni di rivincita ostacolano la visione di insieme che occorre avere. Questi discorsi li avevo già sentiti nei primi anni "80 quando avevo compreso che si sarebbero ripetuti all'infinito... ed eccoli qui. Come sempre. Si vede che a prescindere, non ti interessa considerare come la prospettiva del NWO sia il nodo cruciale che muove il Sistema.

Certo, ogni cosa sullo scacchiere internazionale si riconduce all'11 Settembre. Fattene una ragione. E' vero il contrario, siamo fregati se non si vuole comprendere che tutto quello che sta accadendo intorno a noi (ed è probabile arrivi anche qui) sia legato a questa fase della storia moderna e della Menzogna ufficiale che la veicola. Se non hai ancora compreso che su questi nodi cruciali ogni Partito, ogni Colore, ogni Politica di facciata ufficialmente NON si espone è proprio in ragione di una "Politica" che non è autonoma e non esiste. E' venduta alla farsa. Se non hai capito che sei in una nuova forma di fascismo imperialista travestito da democrazia .... aspetta e vedrai quando cominceranno i guai seri anche qui da noi.

Perché si dovrebbe parlare dell'Italia in questi termini? perché è casetta tua? perché ti brucia il culetto? cosa fai come le tre ....



... lì fuori ci sono le motivazioni che stanno guidando la tua piccola esistenza, è inutile che fai finta di non saperlo.

... e, seconda cosa, la Politica non influenza il Potere. Ergo non è essere attivi parteciparvi ma, stupido

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Virgil
Inviato: 17/5/2011 21:14  Aggiornato: 17/5/2011 21:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
La domanda che hai riportato è in lingua italiana, se non la capisci fattela spiegare...inoltre io mi arrogo il diritto di dirti che sei patetico e pure poco intelligente al pari di makk visto quello che scrivi e che continui a scrivere ogni volta che replichi ai miei post....e che non cerco complicità con nessuno, visto che non vi conosco di persona.

il regolamento non dice che devi prendere per il culo credendoti intelligente...quindi non venirmi a rompere le scatole con regole che sei il primo a non rispettare...Grazie!

Calvero
Inviato: 17/5/2011 21:15  Aggiornato: 17/5/2011 21:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
sì, hai ragione

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Makk
Inviato: 17/5/2011 21:18  Aggiornato: 17/5/2011 21:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Perchè votare?
Citazione:
io mi riferivo a Marco Cedolin che in un suo articolo firmato qui su LC (quindi presumo faccia parte della redazione o quantomeno collabori con MM )

Ah. E quindi NON hai scritto
"ma che stai a dì? chi ha parlato della redazione?"
giusto?
e quello dopo aver scritto
"uno della redazione avendo io detto di essere a favore del nucleare..."
esatto?

Comunque, se vuoi diventare "uno della redazione" scrivi un articolo e proponilo a Massimo.
Se gli piace te lo pubblica in home.
A quel punto sei come Marco Cedolin.
Cioè niente: nessuna posizione speciale, nessuna medaglietta, nessun potere.

Che è quello che ho scritto io: qualunque sopruso, aggressione, coalizione contro, tu e gli altri geni riteniate di aver subito dallo staff di luogocomune è una vostra invenzione, a meno che non vi siate scontrati con Massimo, che agisce sotto il nick "Redazione".

E piantala di frignare che non ti capiscono.
Ti si capisce benissimo, per quanto cerchi di fare l'anguilla dialettica

Virgil
Inviato: 17/5/2011 21:26  Aggiornato: 17/5/2011 21:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Le votazioni non siglano i momenti storici -edit- intesi come punto di non ritorno, tanto che le stesse non sono altro che l'impalcatura che nasconde il Potere: servono a dare continuum alle élite che gestiscono il teatrino della politica. Non è mani pulite che ha marchiato la coscienza collettiva per siglare e dare il via agli eventi tragici nel mondo. Idem per il G8. Non stai ascoltando e non stai ragionando sulle implicazioni che ti ho riportato. Non ti interessa. I tuoi sogni di rivincita ostacolano la visione di insieme che occorre avere. Questi discorsi li avevo già sentiti nei primi anni "80 quando avevo compreso che si sarebbero ripetuti all'infinito... ed eccoli qui. Come sempre. Si vede che a prescindere, non ti interessa considerare come la prospettiva del NWO sia il nodo cruciale che muove il Sistema. Certo, ogni cosa sullo scacchiere internazionale si riconduce all'11 Settembre. Fattene una ragione. E' vero il contrario, siamo fregati se non si vuole comprendere che tutto quello che sta accadendo intorno a noi (ed è probabile arrivi anche qui) sia legato a questa fase della storia moderna e della Menzogna ufficiale che la veicola. Se non hai ancora compreso che su questi nodi cruciali ogni Partito, ogni Colore, ogni Politica di facciata ufficialmente NON si espone è proprio in ragione di una di una Politica che non è autonoma e non esiste. E' venduta alla farsa. Se non hai capito che sei in una nuova forma di fascismo imperialista travestito da democrazia .... aspetta e vedrai quando cominceranno i guai seri anche qui da noi.
il punto è che il voto rappresenta un scelta di rappresentanza di qualcuno che fa i miei interessi in pasrlamento...se non lo trovo non do il mio voto.
tu dici che non esiste nessuno che ti rappresenta e fai bene a non votare, ma da qui a pensare che qualsiasi cosa tu faccia è inutile è solo un modo per continuare a vivere in una società e sfruttarne i privilegi senza accollarsi nessuna responsabilità.
partire dal presupposto che grazie all'11 sett tutto questo è stato stravolto perchè si vive in una nuova forma di fascismo imperialista e non vale votare piu perchè tutto deciso è per me di una stupidità incredibile...semplicemente perchè è un modo per rassegnarsi all'inivitabile, oltretutto in italia già prima il meccanismo si era innescato, forse adesso si è acuito il problema con questa legge ridicola, ma è qualcosa nato ben prima.

Virgil
Inviato: 17/5/2011 21:35  Aggiornato: 17/5/2011 21:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Ah. E quindi NON hai scritto "ma che stai a dì? chi ha parlato della redazione?" giusto? e quello dopo aver scritto "uno della redazione avendo io detto di essere a favore del nucleare..." esatto? Comunque, se vuoi diventare "uno della redazione" scrivi un articolo e proponilo a Massimo. Se gli piace te lo pubblica in home. A quel punto sei come Marco Cedolin. Cioè niente: nessuna posizione speciale, nessuna medaglietta, nessun potere. Che è quello che ho scritto io: qualunque sopruso, aggressione, coalizione contro, tu e gli altri geni riteniate di aver subito dallo staff di luogocomune è una vostra invenzione, a meno che non vi siate scontrati con Massimo, che agisce sotto il nick "Redazione".
è ritornato il poco sveglio...quando parlavo di redazione che avrei citato era riferito a quello che avrei contestato alla redazione IN questo articolo ...cosa non fatta, era pure chiaro.
Se vai a rileggere si capisce pure...se non ce la fai, facci un favore levati dai coglioni che tanto oltre la difesa di ufficio alla redazione non hai fatto altro.
Citazione:
E piantala di frignare che non ti capiscono. Ti si capisce benissimo, per quanto cerchi di fare l'anguilla dialettica

Guarda che qui quello che sta frignando per difendere la redazione sei te eh! io avevo fatto una semplice battuta su destra e sinisstra che come etichetta si affibbia troppo facilmente, quindi perchè non ti levi di torno? per curiosità....perche con sta storia della reda hai francamente rotto le balle e non frega a nessuno.

Virgil
Inviato: 17/5/2011 21:36  Aggiornato: 17/5/2011 21:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Autore: Calvero

sì, hai ragione
grazie...e adesso va a prendere un po di aria su!

freemarcel
Inviato: 17/5/2011 21:41  Aggiornato: 17/5/2011 21:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: Perchè votare?
Il ######## dice: uno vale uno, ovviamente se partecipa. Non si può più stare con le mani in mano, davanti alla televisione o lamentarsi ai bordi del fiume, aspettando il Messia. Per questo diciamo: sì, sporchiamoci le mani, proviamo davvero a fare qualcosa di costruttivo per il paese, ma anche, in un’ottica globale, quale è ormai innegabilmente, per il pianeta e i suoi abitanti. Non si tratta più quindi di dire “voto per il meno peggio” o, addirittura, “non voto per”, ma di costruire, insieme, il meglio, di fare rete per contrastare l’oligarchia al potere, i pochi potenti che finanziano i partiti – il sistema tanto democratico che alcuni difendono – e che quindi compiono le scelte per noi, senza interrogarci.

Per questo la democrazia non è applicata. Il popolo dovrebbe essere sovrano, ma quando e dove lo è? Quando eleggiamo i nostri rappresentanti? Quando non riusciamo a farli processare? Quando non riusciamo ad abrogare o proporre delle leggi? Difendere i nostri posti di lavoro? La nostra salute? I nostri figli?

Il ######### non è quindi l’ennesimo “voto per”. Significa voler veramente cambiare struttura mentale. Significa volersi riprendere la propria sovranità, non solo il giorno del voto, ma tutti i giorni, informandoci su canali non tradizionali, controllando, chiedendo rendicontazioni, pretendendo che tutti gli eletti facciano quanto promesso e che si facciano da parte quando richiesto.

#########

Penso sia condivisibile...

"Libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, libertà non è una spazio libero. Libertà è partecipazione" Grande Gaber!
Pispax
Inviato: 17/5/2011 22:58  Aggiornato: 17/5/2011 23:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Infettato


Citazione:
Citazione:
Io non farò nulla, né a parole né di persona per ostracizzare la tua scelta, e comunque non la rispetto. Nulla di personale."


Il problema non è questo, la tua scelta ricade anche su chi rifiuta questo sistema...


Entrambe le scelte - sia il voto che il non-voto - ricadono sulle spalle degli altri.

Dal mio punto di vista se gli spiriti crtitici decidono di astenersi dalla politica (il voto è solo un elemento, e neppure il più importante) quello che TUTTI otteniamo è una società più banale, più accondiscendente, più preoccupata di chi vince al GF piuttosto che di cercare di migliorare la vita, l'universo e tutto quanto.
Quindi una società PEGGIORE.
Di conseguenza che fa questa scelta danneggia pesantemente anche ME.

Questo, ovviamente sempre partendo dal mio punto di vista, cioè dalle premesse che ritengo valide, direi che è abbastanza incontroveribile.




Invece ho più perplessità sulla frase che dici tu, che a mio avviso esprime un concetto falso.
(E questo concetto è falso NON partendo dalle premesse che faccio io, sia chiaro. Altrimenti grazie al cazzo)

Dire che "la scelta di chi vota ricade anche su chi rifiuta questo sistema" può funzionare solo ed esclusivamente se esiste un rapporto preciso e inevitabile fra un'astensione massiccia e il crollo del "sistema".

Per esempio secondo Calvero questo rapporto non esiste.
Se si presuppone che la politica non conti una cippa e che il "potere vero" risieda altrove, allora votare o non votare - sempre partendo dalla sua opinione - è una cosa del tutto irrilevante. Quindi anche non votando le cose non cambieranno, così come (secondo lui) non cambieranno votando.
Lui affronta solo il secondo aspetto del problema, ma esiste anche il primo.

Tutti mi stanno dicendo che c'è un preciso rapporto di causa-effetto fra astensione e crollo del "sistema", però nessuno vuole spiegarmi come funziona.
L'unica "spiegazione" che ho ottenuto è che se a votare ci vanno davvero molte poche persone, allora i "politici" si vergogneranno tantissimo e decideranno spontaneamente che è ora di cambiare.
Fantastico.
(Prego notare che questa posizione piuttosto surreale viene espressa proprio da chi non ha fiducia né nella politica né tantomeno nei politici)



Personalmente ritengo che questa roba sia la conseguenza della confusione che viene fatta - molto spesso deliberatamente, e a volte anche in malafede - fra "Stato" e "Democrazia".
Che invece sono due cose estremamente diverse.

Trovo... "simpatico" vedere come moltissime persone pensano che la democrazia sia la peggior incarnazione di Stato possibile. Mi fa un po' venire in mente mio nipote, che è convinto che la miseria nera sia quella che non ti permette di cambiare il cellulare tutti gli anni. E che pensa che roba come "la morte per fame" sia una cosa che si inventano gli scrittori di romanzi.



Fino a quando qualcuno non tirerà fuori una teoria funzionante sul fatto che l'astensione dal voto eliminerà lo Stato, quello che resta fuor di dubbio invece è che un'astensione massiccia al massimo può solo eliminare la democrazia.
Lo Stato invece restà lì, feroce come sempre.
Anzi: la sua ferocia è persino più libera, visto che non deve più neppure preoccuparsi di tutte quelle stronzate tipo i diritti civili.



Non so.
Mi sembra che molti ragionamenti seguano percorsi parecchio velleitari.

Pispax
Inviato: 17/5/2011 23:29  Aggiornato: 17/5/2011 23:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Virgil


Citazione:
La domanda che hai riportato è in lingua italiana, se non la capisci fattela spiegare...inoltre io mi arrogo il diritto di dirti che sei patetico e pure poco intelligente al pari di makk visto quello che scrivi e che continui a scrivere ogni volta che replichi ai miei post....e che non cerco complicità con nessuno, visto che non vi conosco di persona.

il regolamento non dice che devi prendere per il culo credendoti intelligente...quindi non venirmi a rompere le scatole con regole che sei il primo a non rispettare...Grazie!


L'unica cosa certa è che il "regolamento" dice che se una persona fa un ragionamento che tu non condividi, non necessariamente quella persona è un imbecille.
Sta solo facendo un ragionamento suo. Anche se il ragionamento è imbecille, cosa che a volte può capitare, il problema è limitato a quel preciso ragionamento.

E quindi mette la regola che si parla solo dei discorsi, e non delle persone che li fanno.
Direi che è una buona regola di convivenza.



Per esempio, il discorso che facevi tu, e che ho evidenziato in quote, è un discorso parecchio imbecille. E non è neppure il primo ragionamento imbecille che hai fatto in questo breve scambio di cortesie.

Non necessariamente però questo sta a significare che TU sei un imbecille - anche se ammetto che a volte la tentazione di allargare il concetto, come in questo caso, è davvero molto forte.

E' già difficile capirsi anche senza ricorrere agli insulti.
Cerchiamo di non complicare le cose, se possiamo.

Calvero
Inviato: 18/5/2011 2:44  Aggiornato: 18/5/2011 3:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Entrambe le scelte - sia il voto che il non-voto - ricadono sulle spalle degli altri.


Esatto

Citazione:
Dal mio punto di vista se gli spiriti crtitici decidono di astenersi dalla politica (il voto è solo un elemento, e neppure il più importante) quello che TUTTI otteniamo è una società più banale ...


Su questo, per me, hai ragione, ma è valido solo in linea teorica. E' un ideale sganciato dalla realtà. In linea pratica si è raggiunto un Sistema che non riesce a risanarsi (un risanamento equivarrebbe a una crisi di rigetto profonda), né attraverso l'ipotetica presentazione di uomini onesti e decisi (hanno qualche probabilità nelle piccole realtà certo, ma solo per aspetti che non devono rendere conto alla politica nazionale o alle questioni cruciali), né attraverso una struttura che cerchi di auto ri-sistemarsi su binari corroboranti alla crescita civile.

Deduco un ragionamento, questo tuo, sensato in sé, ma è 1) anacronistico nei tempi moderni, tempi che hanno gettato le basi di una compulsività inevitabile tra i partecipanti stessi al gioco (anche quelli in buona fede), cose purtroppo non più in frequenza con la sensatezza della tua teoria; 2) dai un peso irrisorio alla dignità (non alla morale) delle scelte legate alla non-azione, dai un giudizio mortificante al senso critico dell'uomo che ha bisogno di sganciarsi eticamente dalle menzogne rese legittime dai Governi. O si crede nella lealtà e nei principi di pensiero e di azione che ne discendono, o si è opportunisti.

Si vuole essere opportunisti? bene, ma che allora non si chieda di avere uomini nuovi o migliori nella Politica che conta, poiché questa è semplicemente utopia.

Mi chiedo come fai a parlare di discorsi velleitari quando le prove che abbiamo da esaminare parlano di una sola verità: questo Sistema non funziona ed esponenzialmente, comprovatamente, sta peggiorando. E sta peggiorando in maniera direttamente proporzionale al desiderio degli elettori che vedono nelle elezioni la soluzione. Non ci si rende conto della gravità. Ed è questa stessa illusione che ci sta portando all'estinzione della dignità, che è l'unica cosa che può rimettere in sesto il gregge umano e da gregge, con fatica ... mirare a tornare realmente collaborativi e senza il bisogno di cani pastori. Finché si crede nella democrazia, il gregge sarà sempre più soggetto ad essere tosato e, alla fine, macellato.

Negli anni "70, ragazzino, in vacanza al mare d'estate, giocando tra le onde mi ero accorto che di scrivere sull'acqua non c'era verso (ti ho raccontato cos'è il voto, con gli occhi di bambino): lì, compresi.

.. comunque:

Citazione:
Questo, ovviamente sempre partendo dal mio punto di vista, cioè dalle premesse che ritengo valide, direi che è abbastanza incontroveribile.


In questo senso, assolutamente sì.

Citazione:
Dire che "la scelta di chi vota ricade anche su chi rifiuta questo sistema" può funzionare solo ed esclusivamente se esiste un rapporto preciso e inevitabile fra un'astensione massiccia e il crollo del "sistema".


Qui non ti ho capito bene. Diciamo che il crollo del Sistema io non lo prevedo conseguente - di primo grado - all'astensionismo. Tutt'altro.
Tu prima hai parlato mettendo in luce come il Voto non sia l'unica azione di chi decide di dare credito al sistema politico, giusto? ... or dunque, anche per quel che io ritengo significhi essere astensionisti, la "rivoluzione" non è conseguibile solo dal non-votare. Perché qui non mi ascolti?

Citazione:
Per esempio secondo Calvero questo rapporto non esiste.


Se è riferito al discorso di cui sopra, che non mi è chiaro, allora non lo so, però mi piace come l'hai detto. Ci sto

Citazione:
Se si presuppone che la politica non conti una cippa e che il "potere vero" risieda altrove, allora votare o non votare - sempre partendo dalla sua opinione - è una cosa del tutto irrilevante. Quindi anche non votando le cose non cambieranno, così come (secondo lui) non cambieranno votando.


In questo senso, assolutamente sì. Con una precisazione:

- credo in un esigenza umana di liberazione dai giochi ideologici, e dall'allontanamento (si legga disinquinarsi) dagli imperativi religiosi (in primis la morale cristiana) e dalle sovrastrutture deontologicamente legate alla politica in maniera snaturata, poiché idealizzate attraverso un imposizione non meritocratica, ma utile al profitto. E non parliamo di capitalismo.

Al centro della nostra Era vi è il Profitto, non l'uomo. Il profitto è il DNA del Sistema politico, in primis occidentale. Per tornare all'uomo e al suo percorso evolutivo si devono ridisegnare paradigmi; distruggere i precedenti. Ed è la spiritualità e, nel contempo l'animalità l'istintualità, ad essere al centro del nostro Essere. Il nostro futuro, il nostro baricentro; cioè il presente. Il resto sono prigioni di paura. Questi tempi sono solo l'inizio, che l'umanità comincia a percepire come realmente distante dalla sua essenza. Si tratta soltanto di quanto vogliamo contribuire a ritardare l'evoluzione e, purtroppo, di anticipare l'assedio del NWO.

Citazione:

Lui affronta solo il secondo aspetto del problema, ma esiste anche il primo.


Se esiste, ne è succube. Da qui, appunto, ne discende la pericolosità dei cosiddetti "mali minori", che sono solo semi di piante velenose che cresceranno più forti. Di fatti, a comprova: la situazione politica odierna è figlia di quei "mali minori" continuamente valutati in maniera distorta. E, come dicevo, sono proporzionali al bisogno compulsivo di accettare l'illusione democratica, piuttosto che mettersi realmente in discussione, voltando le spalle alla Farsa. Indi, come ci stiamo comportando, esponenzialmente, le cose peggioreranno.. grazie al dogma dei "mali minori" e all'illusione della "partecipazione attiva".

Citazione:
L'unica "spiegazione" che ho ottenuto è che se a votare ci vanno davvero molte poche persone, allora i "politici" si vergogneranno tantissimo e decideranno spontaneamente che è ora di cambiare.


Non da me, oppure è quello a cui credi tu come conseguenza e me lo appiccichi sulla schiena. Urge un salto nel buio. In parte, ho risposto poco sopra a questo dubbio. I politici si vergogneranno?? decideranno spontaneamente ?? se io ti ho fatto credere questo, vado a prendermi a schiaffi da solo. Non è così, per Calvero. Se ricolleghi questo discorso al fatto che l'astensione non è l'unica cosa da fare ... non devi farmi "incazzare", perché non è da poco che ti sto dicendo e parlando di boicottaggio, informazione, centri culturali, disobbedienza mirata e severissima. Quindi, per cortesia, siano giuste o meno le mie idee, smettila di disegnarmi come uno che vorrebbe grattarsi i coglioni mentre aspetta che la "Torre di Pisa vien giù" ... questo non è giusto da parte tua. Ti dispiace non etichettarmi? limitati ad attaccarmi

Citazione:
Personalmente ritengo che questa roba sia la conseguenza della confusione che viene fatta - molto spesso deliberatamente, e a volte anche in malafede - fra "Stato" e "Democrazia".
Che invece sono due cose estremamente diverse.


... "questa roba" non è l'astensionismo di cui parlo io; ci tengo a difendere la mia posizione e non credo nemmeno sia la posizione che prende Florizel. Per il discorso confusione, è innegabile. Concordo con Te. Ma non mischiare capre e cavoli. Se seguo il tuo stesso stile di contraddittorio, anche io devo ancora scoprire, ad esempio, come è attuabile la sovranità di un popolo attraverso la logica dei Mandati; come può un popolo essere sovrano attraverso la fiducia. Questo è un atto dogmatico. Non ha a che vedere né con la sovranità popolare, né con la razionalità.

Citazione:
Fino a quando qualcuno non tirerà fuori una teoria funzionante sul fatto che l'astensione dal voto eliminerà lo Stato,


Questa è una distorsione prospettica, per esempio, rispetto alla mia posizione. Io non ho - mai - detto che l'astensionismo eliminerà lo Stato.

Quando si tratta di fare approfondimenti tecnico/politici, Pispax, usi ogni articolata maniera di esaminare la tematica e tutta la tua capacità critica (te ne dò atto); quando racconti le tesi altrui (soprattuto le mie) tagli i concetti in maniera manichea, se non bambinesca. Non ci siamo. Te lo scrivo in Arabo? .. si tratta, per me, di un work in progress, per un Sistema che deve essere abbattuto, Stato compreso. Ma non ho detto che sarà il non-voto ad abbatterlo. E ho detto e stra-ripetuto, che non saremo noi a saggiarne i frutti. La nostra generazione ha perso. Può solo innescare; anticipare le scintille.

Citazione:

quello che resta fuor di dubbio invece è che un'astensione massiccia al massimo può solo eliminare la democrazia.


..fosse la madonna. Traduzione: la democrazia si leverà il suo manto di agnello. Dio sia lodato.

Citazione:

Lo Stato invece restà lì, feroce come sempre.
Anzi: la sua ferocia è persino più libera, visto che non deve più neppure preoccuparsi di tutte quelle stronzate tipo i diritti civili.


.. e qui si ritorna alla tua precisa premessa iniziale. Questo se secondo te sia la Politica ad essere al Potere, se il NWO non esiste, e se non siamo dentro ad un giogo Orwelliano dove la "psicologia di massa" è il nutrimento di un Agenda internazionale che sta chiudendo il suo cerchio.

Non sarà lo Stato a diventare più feroce, ma sarà il Potere che da dietro le quinte renderà velleitaria ogni realtà di protesta. Saranno dolori caro Pispax, per tutti. Più feroci di qualsiasi conseguenza all'astensionismo, poiché, oltretutto, si verrà colti impreparati.

.. re-incollo il mio passaggio precedente:

Certo, ogni cosa sullo scacchiere internazionale si riconduce all'11 Settembre. Fattene una ragione. E' vero il contrario, siamo fregati se non si vuole comprendere che tutto quello che sta accadendo intorno a noi (ed è probabile arrivi anche qui) sia legato a questa fase della storia moderna e della Menzogna ufficiale che la veicola. Se non hai ancora compreso che su questi nodi cruciali ogni Partito, ogni Colore, ogni Politica di facciata ufficialmente NON si espone è proprio in ragione di una "Politica" che non è autonoma e non esiste. E' venduta alla farsa. Se non hai capito che sei in una nuova forma di fascismo imperialista travestito da democrazia .... aspetta e vedrai quando cominceranno i guai seri anche qui da noi.

..e comunque grazie per il tuo intervento all'altezza di essere nemico

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Infettato
Inviato: 18/5/2011 10:37  Aggiornato: 18/5/2011 10:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
Pispax

Citazione:
Entrambe le scelte - sia il voto che il non-voto - ricadono sulle spalle degli altri.


Si, dal tuo punto di vista hai ragione, di fatto a me non piace la democrazia, ritengo sia un sistema illiberale per gestire le società, il problema vero è che non ci sono sistemi alternativi se non peggiori per il momento.

Citazione:
Dire che "la scelta di chi vota ricade anche su chi rifiuta questo sistema" può funzionare solo ed esclusivamente se esiste un rapporto preciso e inevitabile fra un'astensione massiccia e il crollo del "sistema".


No, non c’è un rapporto esclusivo, è evidente che questo sistema può implodere solamente se il decadimento del benessere viene a mancare pesantemente, per il momento “si tira a campare” e quindi si va avanti con questo. La libertà..cito Ricossa “La libertà è la più stuprata delle donne e il suo stupro è il più impunito dei delitti” ci viene tolta lentamente quotidianamente, in pratica la maggior parte non se ne accorge, per quale motivo parlo di libertà? Parlo di libertà di scelta in questo caso, (lasciamo un attimo stare le motivazioni) io non voglio vivere con questo sistema democratico, ma sono costretto. La scelta è bloccata sei “costretto” a partecipare scegliendo un delegato*, oppure rifiuti le imposizioni democratiche aspetti che gli altri scelgano il risultato non cambia, Ti porto due esempi bipartisan, con la sinistra ci siamo ritrovati tutti con i conti correnti alleggeriti (leggi Padoa Schioppa), dall’altra parte parlano le statistiche ufficiali hanno aumentato la pressione fiscale di diversi punti (tanto per favorire il lavoro non parliamo poi della giustizia…bel mix per far scappare gli investitori stranieri e come non ricordare l’ultima trovata i due cent per ogni litro di benzina da donare allo “spettacolo”) . Il punto è Chi ruba ad un singolo è punito e disprezzato e chi ruba alla comunità è tutelato ! Non parliamo poi delle “missioni di pace…anche qui è difficile decidere chi ha ucciso di più.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Virgil
Inviato: 18/5/2011 13:11  Aggiornato: 18/5/2011 13:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Pispax

L'unica cosa certa è che il "regolamento" dice che se una persona fa un ragionamento che tu non condividi, non necessariamente quella persona è un imbecille. Sta solo facendo un ragionamento suo. Anche se il ragionamento è imbecille, cosa che a volte può capitare, il problema è limitato a quel preciso ragionamento. E quindi mette la regola che si parla solo dei discorsi, e non delle persone che li fanno. Direi che è una buona regola di convivenza. Per esempio, il discorso che facevi tu, e che ho evidenziato in quote, è un discorso parecchio imbecille. E non è neppure il primo ragionamento imbecille che hai fatto in questo breve scambio di cortesie. Non necessariamente però questo sta a significare che TU sei un imbecille - anche se ammetto che a volte la tentazione di allargare il concetto, come in questo caso, è davvero molto forte. E' già difficile capirsi anche senza ricorrere agli insulti. Cerchiamo di non complicare le cose, se possiamo.
No non è questione di fare un discorso che io non condivido...è fare un discorso basato su prese per il culo e risatine senza rispondere alla domanda e continuando per post su quella strada....un po come marco che mi dava del troll di destra per il nucleare e israele, insomma in quel caso, si, gli dico che fa un disocrso imbecille e che lo è lui stesso un imbecille.

la mia domanda al fatto del perchè continuasse a vivere in questa società ha avuto come risposta solo un "l'ho già detto rileggi bimbetto" al che c'è poco da replicare.

che poi tu voglia difendere il tuo amico dandomi dell'imbecille non è un problema...io sono per il detto: occhissimo per occhio e dentissimo per dente.
se deve fare lo spiritoso o come makk rompere le balle su una questione che c'entra poco con tutto l'articolo allora li mando a cagare e li perculo come fanno loro e piu di come fanno loro.

non vi sta bene come cosa? mi spiace ma chi semina vento...

Calvero
Inviato: 18/5/2011 14:01  Aggiornato: 18/5/2011 14:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
L'ironia e il sarcasmo sono dedicati (e volentieri) alla farsa elettorale. La satira è concessa. Ed era impersonale, era (ed è) legata ai moventi che muovono il popolo degli elettori e non agli elettori.

Magari ti sei risentito anche per l'immagine delle supposte che ho postato? (bel gioco di parole ) o delle tre scimmiette?

Le risposte sono state date, e sono comprese in più argomentazioni. E "bimbetto" a questo punto lo fai, ma non so se ci sei. Non mi interessa. Quando si ha consapevolezza di aver dato risposte (non soluzioni), e vista l'anda denigratoria per un "forum alla Attivissimo" si è detto, allora non si scende a livelli di giocare a rimpiattino, e si dice appunto - ho già risposto. Condivisibile o meno che sia l'argomentazione.

Pispax se è o non è amico mio, non sono affari tuoi. Ha fatto un ragionamento di princìpio, se non te ne sei accorto. Ma pare che le allusioni maliziose e velenose siano il tuo forte. In ogni caso, a prescindere, anche ai suoi interventi precedenti ho mosso ironia, "satire" e faccine comprese. Evidentemente lui, comprende la differenza tra ironia e attacchi personali.

Quella poi di siglare dove "sarebbe di casa l'intelligenza" ... sono i chiodi che mancavano a queste, faziose, giustificazioni. Figurarsi rispondere.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
mc
Inviato: 18/5/2011 14:52  Aggiornato: 18/5/2011 14:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Perchè votare?
Che palle.

Alla fine questo e' sempre stata la diatriba piu' stupida del Blog.
Inconcludente e divisoria.

I "coglioni" che votano contro i "qualunquisti" che non votano.

Una battaglia inutile, di una guerra gia' persa da entrambi.


***************
Le argomentazioni subordinate ai personalismi? ... e' abbastanza normale, siamo persone.
Il vero problema e' confondere l'inutile con il risolutivo (in entrambi le fazioni contro) percio' :
- nessun risultato col voto
- nessun risultato col non voto
- divisione quando la soluzione deve essere comune


mc

Virgil
Inviato: 18/5/2011 16:43  Aggiornato: 18/5/2011 16:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
calvero

L'ironia e il sarcasmo sono dedicati (e volentieri) alla farsa elettorale. La satira è concessa. blablabla.


ma ancora che parli e continui con questa circo? ma basta su che hai dimostrato quanto sei poco intelligente prendendo per il culo gratuitamente quando non ce n'era motivo...non peggiorare la situazione con inutili provocazioni che non fregano a nessuno.

Virgil
Inviato: 18/5/2011 16:46  Aggiornato: 18/5/2011 16:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Che palle. Alla fine questo e' sempre stata la diatriba piu' stupida del Blog. Inconcludente e divisoria. I "coglioni" che votano contro i "qualunquisti" che non votano.

mah il problema non è non votare o votare...è credersi intelligenti e superiori nel non farlo e poi continuare a starci in questa società lamentandosene ma non facendo nulla di concreto per migliorarla e starsene a fare i radical chic con la puzza sotto il naso.

Pispax
Inviato: 18/5/2011 17:16  Aggiornato: 18/5/2011 17:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Calvero


Vado in ordine (sparso) di priorità.
(Questa roba risponde anche a infettato, almeno per un po')


Citazione:

...
Non da me, oppure è quello a cui credi tu come conseguenza e me lo appiccichi sulla schiena. Urge un salto nel buio. In parte, ho risposto poco sopra a questo dubbio. I politici si vergogneranno?? decideranno spontaneamente ?? se io ti ho fatto credere questo, vado a prendermi a schiaffi da solo. Non è così, per Calvero. Se ricolleghi questo discorso al fatto che l'astensione non è l'unica cosa da fare ... non devi farmi "incazzare", perché non è da poco che ti sto dicendo e parlando di boicottaggio, informazione, centri culturali, disobbedienza mirata e severissima. Quindi, per cortesia, siano giuste o meno le mie idee, smettila di disegnarmi come uno che vorrebbe grattarsi i coglioni mentre aspetta che la "Torre di Pisa vien giù" ... questo non è giusto da parte tua. Ti dispiace non etichettarmi? limitati ad attaccarmi
...


Chiariamo subito una cosa. In quella risposta che davo a Infettato, commentando quella sua frase, mi sono riferito alle tue posizioni solo quando ti ho citato espressamente.
E in quel caso sei stato anche abbastanza d'accordo, a parte l'esigenza - legittima - che hai sentito di precisare meglio la tua posizione.

Per il resto la mia è solo l'argomentazione logica che discende da quella frase di cui stavo parlando. In alcuni casi (pochi) invece era una considerazione generale, che si proponeva di riassumere gli argomenti citati più di frequente. E questa considerazione è servita solo a cercare di spiegare meglio il concetto che volevo dire.

Lo dico subito, visto che citare poi ogni frase in cui mi rimproveri di fraintendere la tua posizione alla fine diventerebbe stancante.
Semplicemente, non mi riferivo a te.







Citazione:
Su questo, per me, hai ragione, ma è valido solo in linea teorica. E' un ideale sganciato dalla realtà.


Qui si sta parlando di opinioni. Credo sia evidente.
ENTRAMBI stiamo parlando di opinioni.
Anche tu.






Citazione:
In linea pratica si è raggiunto un Sistema che non riesce a risanarsi (un risanamento equivarrebbe a una crisi di rigetto profonda), né attraverso l'ipotetica presentazione di uomini onesti e decisi (hanno qualche probabilità nelle piccole realtà certo, ma solo per aspetti che non devono rendere conto alla politica nazionale o alle questioni cruciali), né attraverso una struttura che cerchi di auto ri-sistemarsi su binari corroboranti alla crescita civile.

Deduco un ragionamento, questo tuo, sensato in sé, ma è 1) anacronistico nei tempi moderni, tempi che hanno gettato le basi di una compulsività inevitabile tra i partecipanti stessi al gioco (anche quelli in buona fede), cose purtroppo non più in frequenza con la sensatezza della tua teoria;
...
Mi chiedo come fai a parlare di discorsi velleitari quando le prove che abbiamo da esaminare parlano di una sola verità: questo Sistema non funziona ed esponenzialmente, comprovatamente, sta peggiorando. E sta peggiorando in maniera direttamente proporzionale al desiderio degli elettori che vedono nelle elezioni la soluzione. Non ci si rende conto della gravità. Ed è questa stessa illusione che ci sta portando all'estinzione della dignità, che è l'unica cosa che può rimettere in sesto il gregge umano e da gregge, con fatica ... mirare a tornare realmente collaborativi e senza il bisogno di cani pastori.
...
Se esiste, ne è succube. Da qui, appunto, ne discende la pericolosità dei cosiddetti "mali minori", che sono solo semi di piante velenose che cresceranno più forti. Di fatti, a comprova: la situazione politica odierna è figlia di quei "mali minori" continuamente valutati in maniera distorta. E, come dicevo, sono proporzionali al bisogno compulsivo di accettare l'illusione democratica, piuttosto che mettersi realmente in discussione, voltando le spalle alla Farsa. Indi, come ci stiamo comportando, esponenzialmente, le cose peggioreranno.. grazie al dogma dei "mali minori" e all'illusione della "partecipazione attiva".


Dipende.
Restano sempre opinioni, però volevo farti notare che il tuo sistema di premesse non è l'unico che spiega il fenomeno.

Per esempio questa deriva si spiega molto bene anche utilizzando le MIE premesse.
Buffo, no?

Fino a quando le persone che si "interessano" alle cose (virgolette più che dovute) ritengono che la cosa migliore da fare sia disinteressarsi della politica, pensare che tutto si riduce solo ed esclusivamente al voto una volta ogni tanto e oltretutto a pensare che è bene votare con la logica del tifo "calcistico", siamo abbastanza nei guai. Questi guai oltretutto vanno a peggiorare quando anche le persone che dovrebbero potrebbero rompere doverosamente i coglioni al potere, le famose "anime critiche", decidono di tirare i remi in barca e di astenersi dalla politica.

Un esempio piccolo e stupidino (e neppure esaustivo) di cosa succede nei posti dove la gente non la pensa così.
N.B.: in linea di massima sono tutti posti dove l'affluenza alle urne è PIU' BASSA che in Italia.

Guardare la galleria




Citazione:
2) dai un peso irrisorio alla dignità (non alla morale) delle scelte legate alla non-azione, dai un giudizio mortificante al senso critico dell'uomo che ha bisogno di sganciarsi eticamente dalle menzogne rese legittime dai Governi. O si crede nella lealtà e nei principi di pensiero e di azione che ne discendono, o si è opportunisti.

Si vuole essere opportunisti? bene, ma che allora non si chieda di avere uomini nuovi o migliori nella Politica che conta, poiché questa è semplicemente utopia.


Tu hai scelto di infilarti nella stessa logica intellettuale che è tipica della tragedia greca.
Lo hai scelto da solo.

Secondo i greci l'Uomo poteva in qualche modo ribellarsi agli Dei, ma era impotente di fronte al Dio Supremo, il Fato.
Non si poteva sfuggire al destino.
L'unico modo che c'era per affermare la propria dignità di esseri umani liberi e raziocinanti dunque era il suicidio.


Io lo trovo un modo di pensare molto bello, molto tragico e, detto francamente, anche molto idiota.
Quindi non mi interessa trasferirlo nella politica.
Il suicidio non mi alletta: neppure quello sociale.

Qualche post fa citavi Blaise Pascal. Ecco, quello mi piace di più.
Lui è uno che miete il grano per davvero.
Prova a riflettere sulla sua Scommessa su Dio.







Citazione:
Citazione:
Dire che "la scelta di chi vota ricade anche su chi rifiuta questo sistema" può funzionare solo ed esclusivamente se esiste un rapporto preciso e inevitabile fra un'astensione massiccia e il crollo del "sistema".


Qui non ti ho capito bene.


Se Infettato (ma non solo lui) è convinto che il fatto che qualcuno vada a votare DANNEGGI chi rifiuta questo sistema, fa un'affermazione parecchio discutibile.

L'UNICO modo in cui questa affermazione può diventare vera è se qualcuno riesce a spiegare in che modo l'astensione dal voto porti necessariamente al crollo di questo sistema, che poi è quello che viene rifiutato.
Altrimenti questa è un'affermazione sempre falsa. O quantomeno velleitaria, appunto.

N.B. Tendo a dare per scontata la buonafede, cioè che lo scopo sia quello di abbattere questo sistema per sostituirlo con uno migliore.
In linea teorica il bisnipote di Goebbels potrebbe tranquillamente augurarsi il crollo del sistema per sostituirlo con uno peggiore, tipo il ritorno di una dittatura nazifascista che onori la memoria del bisnonno (che per inciso è lo sbocco probabile. La cosa su cui resterebbe da interrogarsi al limite è solo il colore politico del dittatore).

Però decisamente non mi pare questo il caso.







Citazione:
Se seguo il tuo stesso stile di contraddittorio, anche io devo ancora scoprire, ad esempio, come è attuabile la sovranità di un popolo attraverso la logica dei Mandati; come può un popolo essere sovrano attraverso la fiducia. Questo è un atto dogmatico. Non ha a che vedere né con la sovranità popolare, né con la razionalità.


Ha moltissimo a che vedere con la sovranità popolare, invece, e praticamente tutto con la razionalità.
Sempre procedendo di confusione in confusione, un'ALTRA confusione che appare spessissimo è questa strana "consapevolezza" (fasulla) che la Democrazia sia il Fine, e il Voto sia semplicemente la stupida liturgia con cui si persegue questo fine.

Niente di più sbagliato.


La democrazia è solo il mezzo migliore che fino a questo momento si è escogitato proprio per cercare di arrivare a una buona approssimazione di sovranità popolare.
Parlo di "approssimazione" perché uno dei concetti che sta alla base è il fatto che non si può obbligare nessuno a parteipare per forza alla politica, se non ne ha voglia.

Se la cosa ti interessa, e hai una certa pazienza, è il momento dei
consigli per gli acquisti



Se e quando arriverà qualcosa di migliore, personalmente saluterò la democrazia con molto affetto ma anche senza nessun rimpianto.
Fino a quel momento però me la tengo parecchio stretta.

Pispax
Inviato: 18/5/2011 17:34  Aggiornato: 18/5/2011 17:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Virgil


Citazione:
un po come marco che mi dava del troll di destra per il nucleare e israele, insomma in quel caso, si, gli dico che fa un disocrso imbecille e che lo è lui stesso un imbecille.


Un altro buon esempio di discorso imbecille.





Citazione:
che poi tu voglia difendere il tuo amico dandomi dell'imbecille non è un problema.


1) a meno l'italiano non sia improvvisamente diventato una lingua morta, probabilmente ti accorgerai che io NON ti ho dato dell'imbecille.

2) Calvero e Makk sanno difendersi benissmo da soli. E oltretutto sono tutti e due più grandi e grossi di me, quindi sai che aiuto.

No.
Nella mia non trascurabile spocchia, ti volevo solo spiegare il relativismo: tutti noi siamo imbecilli per qualcun altro.

Te compreso.
Anzi, se continui con questi discorsi hai ottime prospettive per la testa della classifica.
Quando si capisce questa roba le cose prendono una prospettiva diversa, uh?





Citazione:
io sono per il detto: occhissimo per occhio e dentissimo per dente.


E' una strategia di breve termine.

Se vuoi crescere ti accorgerai rapidamente che fare così non ti serve a niente.
Se invece lo fai per rompere i coglioni, o per cercare di dimostrare a tutto il mondo quanto duro e lungo è il tuo cazzo, verrai bannato a breve e a calci nel culo.

In un caso o nell'altro, non può durare.

Pispax
Inviato: 18/5/2011 18:06  Aggiornato: 18/5/2011 18:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Perchè votare?
Infettato


Citazione:
il problema vero è che non ci sono sistemi alternativi se non peggiori per il momento.


Già.





Citazione:
cito Ricossa “La libertà è la più stuprata delle donne e il suo stupro è il più impunito dei delitti” ci viene tolta lentamente quotidianamente, in pratica la maggior parte non se ne accorge


Questo mi riporta in mente una roba che ha iniziato a circolare durante Rivoluzione Francese: "La Libertà è una puttana sanguinaria, che si concede solo su un letto di cadaveri".

Il primo parla di una situazione dove la Libertà c'è, ma viene erosa. Il secondo di una situazione dove la Libertà non c'è e tocca conquistarla.
In definitiva l'unico modo per ottenerla, questa libertà, sembra essere quello di avere un'ottima mira.

E' per questo che diffido dei discorsi che esprimono solo i mal di pancia: sono sprecisi.
Difficile che colgano il bersaglio.

LoneWolf58
Inviato: 18/5/2011 21:40  Aggiornato: 18/5/2011 21:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Autore: mc Inviato: 18/5/2011 14:52:31
...
- divisione quando la soluzione deve essere comune
Non ti fa riflettere? Anche in molti thread sul 9/11 puoi notare una dispersione di forze/risorse su discussioni sterili, se non dannose, che ciclicamente si ripetono.
Ma dev'essere la nostra natura...
Ci piace mugugnare e con questa azione virtuale esauriamo tutte le spinte rivoluzionarie. Toglieteci tutto ma non il mugugno...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Infettato
Inviato: 18/5/2011 22:27  Aggiornato: 18/5/2011 22:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
Pispax Citazione:
Dire che "la scelta di chi vota ricade anche su chi rifiuta questo sistema" può funzionare solo ed esclusivamente se esiste un rapporto preciso e inevitabile fra un'astensione massiccia e il crollo del "sistema".


Citazione:
Qui non ti ho capito bene.


Veramente sul commento avevo quotato la tua frase questa sopra, strano, non so se ti riferivi alla mia risposta oppure alla tua frase.
Magari domani cerco di capirci qualcosa ora vado a nanna.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Infettato
Inviato: 19/5/2011 9:35  Aggiornato: 19/5/2011 9:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Perchè votare?
Allora, facciamo un po’ di chiarezza, il mio commento è in risposta al tuo post del 17/5/2011 23:35
La frase quotata effettivamente era la tua, su quella ti ho risposto nel post 18/5/2011 10:37
Tralasciando l'equivoco, in sintesi, il nodo mi sembra essere questo Citazione:
Se Infettato (ma non solo lui) è convinto che il fatto che qualcuno vada a votare DANNEGGI chi rifiuta questo sistema, fa un'affermazione parecchio discutibile.

Dal mio punto di vista si e no, mi ripeto, a me non piace la democrazia adesso più di prima, ritengo sia una dittatura, mi viene imposta, nel post del 18/5/2011 10:37 ho portato alcuni esempi, per spiegare che in realtà anche gli stessi elettori vengono ingannati, (a meno che non siano contenti di andare in guerra oppure farsi rubare gran parte del loro lavoro in quantità sempre maggiore).
Citazione:
L'UNICO modo in cui questa affermazione può diventare vera è se qualcuno riesce a spiegare in che modo l'astensione dal voto porti necessariamente al crollo di questo sistema, che poi è quello che viene rifiutato.

Citazione:
Altrimenti questa è un'affermazione sempre falsa. O quantomeno velleitaria, appunto.

E’ una teoria, e tale rimane, è inutile discutere sulla scelta di legittimare la classe politica oppure no, guarda prima votavo, non è che sono nato astensionista, il problema è che le promesse elettorali si sono quasi sempre rilevate bugie, anzi ti dicono che abbasseranno le tasse invece le aumentano peggiorando i servizi tanto per citare cosa comporta il legittimare il politico di turno.
Comunque tu hai ragione come credo di averla anche io, se ti domandassi, il tuo voto nel tempo quali miglioramenti ha portato e quali porterà nel futuro prossimo?
In questo caso la risposta è solo teorica per il futuro come potrebbe/è la mia, mentre per il passato e presente cosa ha prodotto questa politica è ben visibile.

LoneWolf58 Citazione:
Toglieteci tutto ma non il mugugno...

Ma siiiii, senza esagerare un pochino serve, a proposito per il futuro visto che dovremmo fare i conti sempre con lo stesso sistema, forse un meno peggio almeno come idee è uscito alla grande…

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
eris
Inviato: 19/5/2011 13:48  Aggiornato: 19/5/2011 13:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/2/2011
Da:
Inviati: 94
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Comunque tu hai ragione come credo di averla anche io, se ti domandassi, il tuo voto nel tempo quali miglioramenti ha portato e quali porterà nel futuro prossimo?


Per il passato di solito la risposta è che senza voto sarebbe andata peggio, ma manca la controprova.

Il più classico degli esempi tra gli elettori "sinistrati" è sui diritti dei lavoratori.

Calvero
Inviato: 19/5/2011 16:03  Aggiornato: 19/5/2011 19:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Ci piace mugugnare e con questa azione virtuale esauriamo tutte le spinte rivoluzionarie. Toglieteci tutto ma non il mugugno..


...bravo e tu hai abboccato al disincanto di Zio mc, ci sei cascato come una pera (dai mc sù sù, le prospettive basate sulla passività dipingono, sottolineasi dipingono, passive le argomentazioni) troppo facile.

Ovvio: c'è gente che si siede davanti al Monitor e fa intrattenimento. Il "mugugno" evidentemente, e senza provocazione poiché si deduce dalla logica dell'ironia, è tuo o di quelli che si "muovono" nella medesima prospettiva. Evidentemente quando ti alzi dalla sedia non lasci che quel che assimili trascenda (sia in "bene" che in "male") alla tua quotidianità.

Grazie a questi "mugugni" ho conosciuto persone in diverse località sul territorio nazionale, ho partecipato attivamente a movimenti culturali regionali e nazionali.. ho vissuto esperienze importanti, ho scambiato idee, visitato posti nuovi, fatto volantinaggi, convegni e quello che nel frattempo si "mugugnava" su Siti come questo - mi dava la possibilità di approfondire i miei studi in nuove traiettorie, e condividerli con altri che a loro volta ampliavano le loro informazioni e la loro cultura; che a loro volta conoscevano e interagivano per nuovi percorsi e con nuove persone e tuttora lo stanno facendo. Siamo semplicemente alla semina.

La MIOPIA di chi vede, in questo contesto, dei "mugugni" è proprio al limite quella di chi ha già di suo la mentalità del mugugno, quello vero. Il problema è quanto si dà per scontato (evidentemente sulle proprie "esperienze" personali) che gli altri siano uguali a te.

E poi mettiamoci anche la presunzione di credere che di fronte alla decadenza odierna, la gente pensa di arrogarsi le soluzioni senza prima comprendere che bisogna sapersi rispondere sullo Stato Umano della propria ed altrui esistenza.

Citazione:
I "coglioni" che votano contro i "qualunquisti" che non votano.

Una battaglia inutile, di una guerra gia' persa da entrambi.


Sono convinto di questo, se non fosse per il fatto che io NON voglio vincere battaglie né guerre, e se anche nascesse una possibilità perché potesse accadere, la eviterei come la Peste.

«la Vita non è un problema da risolvere, ma un mistero da Vivere» come disse un grande.

Figurarsi se per me, ad esempio, interessasse la Politica: - per me, a prescindere, è una farsa.

Figuriamoci, come oggi, quando è farsa nella farsa

... il percorso che faccio nella mia vita reale e condivido con le persone che amo, mira in certi frangenti (LC è uno di questi frangenti) a contribuire nell'indicare agli altri di non farsi ingannare dalle barzellette e abbindolare dalle illusioni. Poi, quando ci si alza dalla sedia e si lascia il monitor, c'è o ci sarà chi torna a indossare la maschera dell'opportunismo (e qui, essere Votanti o Astensionisti, non c'entra) e c'è chi muove il proprio spirito continuando a ragionare e ad attivarsi.

Ad esempio oggi ho imparato, quando ne parlerò con altri ... a saper distinguere meglio l'inganno dei "mugugni" come reale alibi da parte di chi li vede, distortamente, nel prossimo.


Citazione:
Dipende.
Restano sempre opinioni, però volevo farti notare che il tuo sistema di premesse non è l'unico che spiega il fenomeno.


Sempre che non esistano il NWO e le manipolazioni Sioniste. Ergo, da qui, decade anche l'analogia con la "questione Greca".

Citazione:
.... è questa strana "consapevolezza" (fasulla) che la Democrazia sia il Fine, e il Voto sia semplicemente la stupida liturgia con cui si persegue questo fine.

Niente di più sbagliato.


Niente di più vero, c'è un mondo e una Storia alle spalle a dimostrarlo.

Citazione:
Il primo parla di una situazione dove la Libertà c'è, ma viene erosa. Il secondo di una situazione dove la Libertà non c'è e tocca conquistarla.


Vero.

Ma non serve la Libertà, servono uomini liberi.

Citazione:
E' per questo che diffido dei discorsi che esprimono solo i mal di pancia: sono sprecisi.
Difficile che colgano il bersaglio.


Però quando ti cagherai addosso, la merda coglierà precisamente il bersaglio.

Direi che è meglio ascoltarli i mal di pancia.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Virgil
Inviato: 24/5/2011 14:23  Aggiornato: 24/5/2011 14:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Perchè votare?
Citazione:
Pispax

Un altro buon esempio di discorso imbecille.
no guarda il discorso è molto intelligente, rileggilo con calma e vedrai che anche tu lo capirai

Citazione:
No. Nella mia non trascurabile spocchia, ti volevo solo spiegare il relativismo: tutti noi siamo imbecilli per qualcun altro. Te compreso. Anzi, se continui con questi discorsi hai ottime prospettive per la testa della classifica. Quando si capisce questa roba le cose prendono una prospettiva diversa, uh?
no guarda c'è sempre qualcuno piu imbecille di te(me) ed è colui che credendosi intelligente risponde a cavolo oppure siccome non ha altri argomenti affibbia patenti varie a chi ha di fronte...esattamente quello fatto dai compari di cui prima parlavo.
Citazione:
E' una strategia di breve termine. Se vuoi crescere ti accorgerai rapidamente che fare così non ti serve a niente. Se invece lo fai per rompere i coglioni, o per cercare di dimostrare a tutto il mondo quanto duro e lungo è il tuo cazzo, verrai bannato a breve e a calci nel culo. In un caso o nell'altro, non può durare.
ma parli in questa realtà o in qualche universo parallelo? perchè in questa realtà non bannano qui neanche se qualcuno inneggia a cose gravi come augurare malattie ai vari utenti, in altri siti se qualcuno si comporta come calvero e company di solito veniamo ripresi tutti e finisce li....nella relatà invece è diverso e dipende da chi comincia per primo e dei soldi che hai da spendere in querele e quant'altro.
resta il fatto che ad oggi tranne un paio di offese, patente di troll per aver contestato un articolo su israele e nucleare ed essere stato messo nel calderone di chi contesta la redazione così per deviare il disacorso da parte dei soliti piu su...non ho visto nessuno rispondere tranquillamente alle varie domande che hanno posto chi sapev tutto da parte di chi sa di non sapere, ma solo perculate e sarcasmo.
Ripeto, non siete poi diversi da attivissimo e il suo blog, solo che state dalla parte opposta e come tutti gli estremisti del menga alla fine vi comportate tutti allo stesso modo credendo di essere dalla parte del giusto.
io vi trovo e mi spiace dirlo, decisamente patetici ultimamente...tanto è vero che in un paio di discussioni ho persino lasciato cadere il discorso, tanto alla fine sarebbe stato fiato sprecato.

P.S:adesso puoi continuare a dire che sto facendo discorsi imbecilli facendo la vittima e facendo paragoni e blablabla...sinceramente non me ne frega nulla, continuate pure a raccontarvela tra di voi, evidentemente vi sta bene così

nomebreve
Inviato: 1/7/2011 4:15  Aggiornato: 1/7/2011 4:18
So tutto
Iscritto: 11/6/2011
Da:
Inviati: 1
 Re: Perchè votare?
Articolo zeppo di paralogismi. Ad esempio paragona la quantità di voti al potere d'influenza sul prezzo di mercato di una piccola ditta etrattrice di petrolio. Perché invece non paragonarli alla quantità di gocce dell'acqua da un serbatoio indirizzate a una coltura o a un'altra o a una fogna o a una piscina o a una vasca per torture?

Comprendo la confusione indotta dalla legge elettorale statunitense per le elezioni presidenziali, peggiore di quella italiana per le elezioni parlamentari. Forse la confusione ha indotto un pessimismo poi giustificato razionalisticamente.

Chi non vota butta via (se lo non-fa apposta) o lascia cadere un sostegno (se impedito) nei confronti del tot di democrazia che c'è, che tanto è costata, di tempo e di dolori. Potrebbe fare bene, se l'alternativa alla democrazia fosse migliore. Chi non vota oggigiorno che alternativa sostiene?

Il potere non ha bisogno del consenso popolare? Allora perché consente istituzioni democratiche come i referendum e le elezioni?
Ci illude? Ha bisogno d'illuderci dunque, o lo fa creativamente, tanto paghiamo noi? I concorrenti sono tutti pilotati dall'oligarchia? Sì? e gli elettori sono ottusi e pilotati da idee proprio come codeste.
Sei deluso? Stattene zitto o sfogarti con amici o parla al vento!

«La maggior parte degli elettori vota [male]»: codesta è una presunzione malevola, un mal occhio, un atto di presunzione, un porsi al di sopra degli altri aventi diritto al voto, ed è snobistico. Avrebbe qualche senso se tu conoscessi con certezza almeno metà (o la quota critica) dei potenziali elettori, uno per uno profondamente,così da simulare una previsione divina.
Sarebbe un po' difendibile ad esempio se fossi l'unico animale dotato di polmoni in un'assemblea di pesci che dovesse decidere, soltanto per sé stessa, se dirigersi da una parte o dall'altra, in un acquitrino in via di prosciugamento.

Non vale a persuadere Luogocomune, bensì suoi seguaci per cui valesse il principio di autorità: cosa ne penserebbero Immanuel Kant e Douglas Hofstadter (teorizzatore della super-razionalità)?

Negli USA concorrono ormai solo 2 partiti? Questo giustificherebbe il pessimismo, non i paralogismi. Ma mi risulta che anche alle elezioni scorse c'erano più di 2 partiti. Se la spesa per recarsi a votare fosse nulla, varrebbe sempre la spesa di votare il partito meno cattivo.

Questo è l'unico argomento valido dell'articolo: la spesa di recarsi a votare. E' un argomento forte.
E qua puoi farci entrare la statistica predittiva: la probabilità d'incappare in un incidente recandosi a votare va pesata con la probabilità d'incidentarsi recandosi da qualsiasi parte. Sono grandezze omogenee.
Restano comunque soltanto probabilità! Esse sono commisurabili all'esercizio di voto se poi tra i voti venisse estratto soltanto un campione come un sondaggio a posteriori.
Comunque tu puoi guidare con cognizione e attenzione, anziché a probabilità. Puoi scegliere percorsi e orari e se andare a piedi o con che altro mezzo.
Riguardo alla probabilità puoi confidare nel tuo potere o in quello dell'angelo della Fortuna o di dio o simili astrazioni meno aleatorie della probabilità presunta in base a statistiche passate.

Assicuro che il cambio d'opinione non sminuirà la mia opinione sull'autore....
► Come è ignoto, la mia opinione è importantissima,
e, cosa meno ignota, cambiare opinione non è un delitto.
Lo è per chi antepone la coerenza con sé stessi alla coerenza delle rappresentazioni con la realtà esteriore (coerenza altrimenti detta "verità").
Delitto ancora peggiore per chi pretende che gli altri non mutino, siano fissi.

Il discorso sull'inutilità di votare non è inteso per qualsiasi voto? Perché no?? Cfr. http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3752

Da una dimostrazione per assurdo:
magari mi sbagliavo più io qui che l'articolo sull'inutilità di votare: cosa succederebbe se tutti gli elettori potenziali si persuadessero al "ragionamento" dell'articolo? Non voterebbero, bene; e poi..?
Lo stato risparmierebbe le spese elettorali: questo sarebbe un vantaggio... qualora le tasse fossero costruite puramente in modo da coprire le spese.
Le spese elettorali totali
-- quelle inerenti al recarsi ai seggi per votare, con tutti i rischi che comporta fare pochi passi o tornare al Comune di residenza o cambiare residenza per tempo;
e l'allestimento dei seggi e gli scrutinii ecc. --...
sarebbero grandemente diminuite col voto elettronico:
un'idea del Partito Italia Nuova è trasformare gli sportelli bancomat in postazioni di voto.
Tanto, se si assume che il potere politico è colluso con quello monetario, che cosa perderemmo?
Come credevi che avessero indetto votazioni soltanto per bellezza, anche noi possiamo votare per bellezza.
---------------------

I novizi del culto del commento a Luogocomune sono classificati come «So tutto»: sicuro che sia giusto?
Io sono un Idiota, un elettore irrazionale e pilotato! Sei tu, Luogocomune, che sai tutto!


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA