Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Terzigno: un esempio da seguire
Inviato da Redazione il 11/10/2010 23:30:00 (5177 letture)

di Marco Cedolin

Terzigno è un comune di 16.000 abitanti, situato alle pendici del Vesuvio. Un comune che da alcune settimane sta facendo i conti con la militarizzazione costante del proprio territorio, messa in atto da centinaia di agenti in tenuta anti sommossa. Quasi ogni notte i cittadini, trattati come facinorosi e delinquenti, vengono a contatto con le forze dell'ordine, nel tentativo d'impedire l'ingresso dei camion carichi di spazzatura maleodorante, ricevendo in cambio una "congrua" razione di manganellate.

I cittadini di Terzigno hanno ormai preso l'abitudine di scendere in strada, preferendo dedicarsi all'impegno civile anzichè restare in panciolle davanti alla TV, perchè vogliono opporsi con tutte le proprie forze all'apertura di una seconda discarica all'interno del territorio in cui vivono che è parte integrante del Parco Nazionale del Vesuvio.

Se l'idea balzana consistente nel costruire una discarica all'interno di un Parco Nazionale non fosse già di per sè stessa azione dissennata in grado di giustificare la reazione di qualsiasi cittadino in grado d'intendere e volere, qualora non ancora lobotomizzato da schermi barbaglianti di fesserie e fesserie barbaglianti di progresso, si potrebbe anche aggiungere che a causa delle discariche in paese si respira ormai un lezzo marcescente, la frutta cresce con mutazioni degne di un film dell'orrore e nei vigneti neppure gli uccelli si azzardano ad "assaggiare" l'uva.

La scorsa notte centinaia di cittadini di Terzigno, fra un blocco stradale e una scarica di manganellate, ...

... hanno organizzato una protesta tanto pacifica quanto incisiva, consistente nel bruciare all'interno dei bidoni usati per riscaldarsi le proprie tessere elettorali.

Partendo dai camion che sversano la munnezza e passando attraverso le forze dell'ordine abituate ad "accarezzarli" ogni sera, sono in pratica risaliti ai mandanti da cui derivano i loro problemi, realizzando come l'unica azione sensata consista nello smettere (con un pò di sforzo disintossicarsi si può) di dare deleghe in bianco ad omuncoli e parassiti abituati ad amministrare la cosa pubblica nell'interesse privato.

Il gesto naturalmente ha avuto un carattere dimostrativo, volto ad evidenziare lo stato di esasperazione in cui versa la popolazione, ma la strada scelta è senza dubbio quella giusta.

Basta deleghe in bianco a faccendieri politici che avvelenano la gente con discariche, inceneritori, centrali a carbone e scorie nucleari. Basta deleghe in bianco a politicanti cementificatori che distruggono le montagne per scavare megatunnel attraverso i quali far passare il nulla. Basta deleghe in bianco a guerrafondai inebetiti che mandano i nostri soldati combattere le guerre americane e usano la commozione derivante dalle vittime per ottenere il viatico all'uso di nuove bombe e nuove armi di sterminio. Basta deleghe in bianco ad una classe politica che ottiene consensi sulla base di programmi generalisti privi di senso compiuto e alla logica del "meno peggio" ed usa quello stesso consenso per parlare ed agire contro gli interessi dei cittadini taliani ma nel nome degli italiani tutti.

Un esempio, quello dei cittadini di Terzigno, da seguire da parte di tutti coloro che in questo disgraziato paese vedono il proprio diritto ad esistere e vivere in un modo dignitoso, calpestato proprio da parte di chi ingenuamente hanno delegato a rappresentarli. Ammesso che delegare abbia in senso, nessuna delega in bianco potrà mai nutrire l'ambizione di possederlo.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/

Voto: 9.00 (2 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Calvero
Inviato: 12/10/2010 2:29  Aggiornato: 12/10/2010 2:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
L'ennesima comprova che la politica a qualsiasi livello, se vogliamo agire, va profondamente boicottata.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 2:36  Aggiornato: 12/10/2010 2:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
L'ennesima comprova che il velo mistificatore del processo mediatico su queste vicende dimostra due cose.. 1) che i media vanno boicottati (iniziando con lo smettere di comprare QUALSIASI rivista di informazione stampata) poiché legati per la loro stessa sopravvivenza con la Politica e ... 2) il fatto stesso che queste prese di posizione cittadine vengano mistificate alla collettività, è la comprova che sono l'unica arma che infastidisce (intimorisce, è troppo presto per dirlo) i giochi di potere ... sempre più subdoli

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
a_mensa
Inviato: 12/10/2010 2:45  Aggiornato: 12/10/2010 2:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@ calvero
Citazione:
L'ennesima comprova che la politica a qualsiasi livello, se vogliamo agire, va profondamente boicottata.

no, calvero, non è la politica a dover esser boicottata, ma questo "sistema".
quando sufficienti terzigni si saranno svegliati dal torpore, e una quantità sufficiente di persone si sarà riappropriata della capacità di decidere e volere, allora riemergerà la Politica, quella che progetta, che trova i mezzi e realizza veramente in nome e per conto del popolo.
ma il popolo non può essere assente, non può mettere una croce ogni 5 anni e pretendere di avere eletto dei santi.
coloro a cui si delega il potere sono uomini, con tutte le loro qualità ma anche con tutti i difetti e debolezze.
il potere senza controllo porta a gestire il potere , prima per se, poi eventualmente per gli altri.
pensa come diverso sarebbe il parlamento se ogni circoscrizione avesse il potere di revoca IMMEDIATA del proprio eletto !
certo servirebbe quel minimo di dedizione, da parte degli elettori per seguire, magari a turno, il lavoro del proprio eletto, ma riesci ad immaginare la differenza ?
è questo "sistema" della delega in bianco, la più grossa porcata messa in piedi dalla "cricca" di potere per mantenere se stessa al potere, e farne esattamente ciò che vuole.
chissà cosa dirà Pispax, di questa dimosrazione ? vedi tutto il 3d sul voto/non voto!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Calvero
Inviato: 12/10/2010 2:57  Aggiornato: 12/10/2010 3:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Essere nel 2010 dove anche il cellulare più fantozziano possiede una videocamera e dove tutto viene fatto alla luce del sole, e ogni informazione vola alla velocità della luce ... e constatare che il livello di dogmatica cecità di fronte ai raggiri delle istituzioni, dei media, della sanità, della politica, ove anche il termine FARSA è ormai preistoria nel gioco mediatico ...

..dà la misura dell'inettitudine sulla capacità psicologica di una collettività a prendersi in mano le palle. Quando accade è perché purtroppo (e il termine ora calza alla PERFEZIONE) la puzza è arrivata alle stelle dalle stalle.. Ma è troppo tardi. Anche perché, come dice il titolo - un esempio da seguire: - l'esempio si seguirà forse, e soltanto, se una determinata puzza verrà a "bussare" al portoncino di casa nostra. Altrimenti ci sbatteremo le palle, le stesse che non ci prendiamo in mano.

Nell'epoca dei "social Network" (a riprova delle discussioni nei forum) e della tecnologia mediatica portatile e stra-personalizzabile e riconducibilissima a ogni messa a fuoco del vivere (meglio dire - ESISTERE) quotidiano ... tutto si palesa nella sua "utilità": cioè la sua totale inutilità a un percorso civile degno di questo nome. Virtualizzata la nostra esistenza, la capacità e la "semenza" di essere pragmatici (come stanno iniziando a fare a Terzigno) viene annacquata, sedata, e messa poi morbosamente in gioco dai vari "Porta a Porta" o "La vita in Diretta".. prostituendo la massa in una fallacia psicologica: una prospettiva falsamente preoccupata di quel che ci circonda...

Spersonalizzazione delle nuove generazioni;

Gossip-azione/mutazione di ogni notizia in morboso trastullo legato a sesso e successo.

La gente sempre di più sta imparando una nuova moderna professione: i PREOCCUPATI, la nuova classe "dirigenziale" del Bel Paese. Casalinghe, operai, e pensionati compresi - of course

Così, con i preoccupati in prima fila ... i politici continueranno a sentirsi in diritto dire (e di essere creduti) di essere POSSIBILISTI. Un termine fantomatico e patetico come la "verticalizzazione" usata dai cronisti nel gioco del calcio. Oh my God - che tristezza al quadrato

Non parliamo più come si mangia.

Chiediamo l'amicizia sui social network e neghiamo la cooperazione alla collettività.

W l'ITALIA

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 3:00  Aggiornato: 12/10/2010 3:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
no, calvero, non è la politica a dover esser boicottata, ma questo "sistema".


sò cosa vuoi dirmi amico, ma la Politica - è il sistema. 30/40 anni fa si era ancora a un bivio, ora tutto è trasceso e la "miscellanea" ha lì il suo fondamento..

iniziamo a boicottare profondamente, se si è ancora in tempo, perché ..non è detto che lo si è ..oltretutto

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Spiderman
Inviato: 12/10/2010 7:17  Aggiornato: 12/10/2010 7:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
L'ennesima comprova che...


...è ora di finirla di produrre montagne di rifiuti che non sappiamo smaltire.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
a_mensa
Inviato: 12/10/2010 12:01  Aggiornato: 12/10/2010 12:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@ calvero



Citazione:
sò cosa vuoi dirmi amico, ma la Politica - è il sistema. 30/40 anni fa si era ancora a un bivio, ora tutto è trasceso e la "miscellanea" ha lì il suo fondamento..


anch'io carissimo, credo di capire cosa vuoi dire tu, ma nonostante ciò io cerco di ricordare a tutti come il "sistema" sia il contenitore e la "Politica" il contenuto.
e parte del contenitore sono pure gli uomini, quelli di potere, che purtroppo sono troppo interessati a mantenere solido il contenitore, e troppo poco interessati al contenuto.
non so come la pensi in merito, ma come primo passo aver la possibilità di REVOCA IMMEDIATA del mandato parlamentare, a me sembrerebbe già un buon passo verso la VERA democrazia.
tu che pensi ?

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Decalagon
Inviato: 12/10/2010 12:48  Aggiornato: 12/10/2010 12:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Spiderman
Citazione:
...che non sappiamo smaltire.


Sicuro?

http://www.youtube.com/watch?v=27PHyVQ2Koc

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
lanzo
Inviato: 12/10/2010 14:03  Aggiornato: 12/10/2010 14:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Ma che volete boicottare - mi riferisco a giornali e giornaletti - tanto questi il pranzo e cena assicurato ce l'anno anche vendendo solo le copie che ordinano i ministeri, grazie alle sovvenzioni governative, quindi, anche non comprando o "boicottando" i soldi dalle tasche ce li levano lo stesso.

Calvero
Inviato: 12/10/2010 14:23  Aggiornato: 12/10/2010 15:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Ma che volete boicottare - mi riferisco a giornali e giornaletti - tanto questi il pranzo e cena assicurato ce l'anno anche vendendo solo le copie che ordinano i ministeri, grazie alle sovvenzioni governative, quindi, anche non comprando o "boicottando" i soldi dalle tasche ce li levano lo stesso.


Ma va?? azzarola che scoperta! WAOOO ... Dopo l'acqua calda, questa come la classifichiamo ...

E dove hai letto che bisogna levare i soldi a loro, o non farci levare i soldi dalle tasche a noi?

A riprova che ormai le persone sono inquadrate negli schemi e hanno perso la sensibilità nell'inquadrare il nocciolo dei problemi

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 14:42  Aggiornato: 12/10/2010 15:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
anch'io carissimo, credo di capire cosa vuoi dire tu, ma nonostante ciò io cerco di ricordare a tutti come il "sistema" sia il contenitore e la "Politica" il contenuto.
e parte del contenitore sono pure gli uomini, quelli di potere, che purtroppo sono troppo interessati a mantenere solido il contenitore, e troppo poco interessati al contenuto.
non so come la pensi in merito, ma come primo passo aver la possibilità di REVOCA IMMEDIATA del mandato parlamentare, a me sembrerebbe già un buon passo verso la VERA democrazia.
tu che pensi ?


Ormai, come ti ho scritto sopra, tutto è trasceso. Il contenitore del sistema sono i cittadini stessi (ci siamo trasformati) che assorbono ogni ordine costituito accettandolo, fondamentalmente, da una prospettiva falsata sì da veder le cose come se discendessero da un determinato Potere - verso loro medesimi. Qui è l'illusione e il segreto di pulcinella. Non c'è nulla dei contenuti odierni che non sia in mano alle stesse vittime. Quando ci si renderà conto di questa manipolazione psicologica cui la massa ha abboccato ..allora appariranno i primi spiragli di un processo che rivoluzionerà una civiltà degna di questo nome.

Prova a riflettere sulla risposta che mi ha dato il collega sul boicottaggio: anche se ha fatto una battuta di spirito e anche dicendo una verità sullo stato delle cose, è la comprova che lui come cittadino non riesce a sfuggire dall'inquadramento di dipingersi che come vittima (in tutte le sfumature che vogliamo dargli), mentre lui medesimo è il carnefice di sé stesso. Lo siamo tutti. La politica è soltanto il gioco di specchi che tiene in piedi il circo psicologico in cui le masse sono intrappolate. Boicottare la politica, non va inteso come dire ... - basta dare credito a questi fanfaroni! - (questa è roba da asilo e le èlite lo sanno benissimo), ma va inteso come cammino personale per riappropriarsi del potere individuale ove in una collettività sana si potranno mettere in moto nuovi processi di collaborazione.

Quella parte di contenitore a cui tu ti riferisci, LEVI la chiamava la ZONA GRIGIA: sono semplicemente troie di regime che si reggono grazie alla nostra mentalità dualistica nel riconoscerli come politici. Sono dei sacchi vuoti che stanno in piedi con l'alito dei mediocri. Quando smetteremo di essere mediocri, e avremo l'umiltà di comprendere che le ideologie (non solo la politica) per quanto raffinate e piene di buone intenzioni, non sono altro che il lubrificante di un meccanismo che può essere SOLTANTO dispotico e prevaricatore ... allora cominceremo a comprendere il significato del boicottaggio. Quel che ne conseguirà, sarà da valutare di volta in volta e sempre riprendendoci in mano le Palle che sono possedute e manipolate dalle "ragioni" e dai "torti" del Bel Paese (e non solo del nostro, ovviamente).

Citazione:
ma come primo passo aver la possibilità di REVOCA IMMEDIATA del mandato parlamentare, a me sembrerebbe già un buon passo verso la VERA democrazia.


.... la democrazia non potrà mai esistere, amico mio. Altrimenti non l'avrebbero inventata. Devono esistere nuovi cittadini. Quel governo ipotetico che ne potrà conseguire, non ci è ancora dato scorgerlo. Non possiamo pianificare un piano e tanto meno una visione ideologica e/o proporre una strategia su di una "scacchiera" che non è ancora apparsa sotto i nostri piedi. Dobbiamo ancora imparare a camminare. E, come già detto, non spetterà nemmeno a noi vederlo... bisogna avere l'umiltà di accettare la sconfitta. Se impariamo a perdere, una futura collettività potrà cominciare a vincere.

PS .. saper perdere non significa - rassegnarsi. Non sto parlando si passività.

Finché continueremo a credere che il Sistema può cambiare o migliorare invece di riconoscerlo come fasullo, continueremo a foraggiare (Pispax docet) il moto perpetuo del SISTEMA stesso.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
incredulo
Inviato: 12/10/2010 15:27  Aggiornato: 12/10/2010 15:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Complimenti per l' analisi.......
Ti quoto al 100% perche' rispecchia ESATTAMENTE il mio pensiero.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 12/10/2010 15:28  Aggiornato: 12/10/2010 15:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Scusate volevo dire l'analisi di Calvero

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 12/10/2010 15:56  Aggiornato: 12/10/2010 15:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@Calvero

Voglio solo aggiungere che trascendere la mentalita' dualistica, che caratterizza il nostro modo di ragionare, e' un passaggio importante nella crescita individuale, quindi diventa difficile capire il tuo ragionamento per chi non ha questa consapevolezza. Tienine conto ogni tanto.

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Pispax
Inviato: 12/10/2010 17:25  Aggiornato: 12/10/2010 17:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Buffo notare che la condizione di vittoria dei terzignesi è che la discarica vada in un altro comune.
Dopo la loro protesta finisce, e riprenderanno tranquillamente a votare.
In compenso a bruciare le schede elettorali saranno i cittadini del nuovo comune scelto per la discarica.
Anche loro lotteranno pe evitarla.
Avranno esattamente la stessa condizione di vittoria, e se riusciranno nella loro battaglia riprenderanno anche loro tranquillamente a votare, e a bruciare le schede elettorali saranno i cittadini del nuovo comune ancora, in una catena infinita.
Ecc. ecc.



E questo ha in sé la soluzione del problema: se davvero l'astensione spaventasse i politici (secondo me no) le discariche saranno collocate nei comuni più piccoli.
Cioè quelli con meno votanti: almeno si limita il "danno".


Che dire.
E' un criterio come un altro.


Se invece la discarica resterà a Terzigno, potete misurare da soli l'angoscia che bruciare le schede elettorali crea alla classe politica

a_mensa
Inviato: 12/10/2010 17:57  Aggiornato: 12/10/2010 17:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@ calvero
Citazione:
Finché continueremo a credere che il Sistema può cambiare o migliorare invece di riconoscerlo come fasullo, continueremo a foraggiare (Pispax docet) il moto perpetuo del SISTEMA stesso.

ma che questo sistema lo si possa solo demolire, azzerare, spianare, annullare, è cosa sostengo da anni.
il problemna è solo trovare il modo di farlo, visto il materiale umano di cui si dispone!

poi credo di aver ingenerato una grossa confusione con la parola "Politica" con la P maiuscola.
io non intendo , in questi post che ho postato, "I POLITICI", lo spettacolo vergognoso di attività ad incollarsi più saldamente alla sedia, al conservare con ogni ricatto un granello di potere.... NOOO! non intendo quella robaccia li.
con Politica, intendo quell'attività progettuale, capace di disegnare il futuro e farlo apprezzare a tutti, raccogliere il consenso e le risorse per realizzarlo !
politica mnel senso originario della parola, non questa m...da che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni !

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 12/10/2010 18:04  Aggiornato: 12/10/2010 18:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@ pispax
Citazione:
Se invece la discarica resterà a Terzigno, potete misurare da soli l'angoscia che bruciare le schede elettorali crea alla classe politica

appunto.... vedremo.
il tuo pensiero è ormai ben noto come il mio d'altronde ed è inutile ricominciare qui a dissentire a vicenda.
c'è l'occasione di vedere un esperimento pratico.
dai almeno i tempi tecnici di reazione.
poi la discarica, non è detto che , ovunque venga "delocalizzata" debba essere a ridosso di un centro abitato.
aree libere, se Dio vuole, ce ne sono ancora una certa quantità.
ovvio che , magari far fare 20 km ai mezzi in più può costare, ma questo è un altro problema.
non banalizzare le proteste, discariche ce ne sono ovunque in Italia, e non mi risulta che ovunque ci siano simili proteste.
forse se localizzate con un criterio un po' migliore (per le persone intendo) le proteste potrebbero anche cessare.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Pispax
Inviato: 12/10/2010 18:27  Aggiornato: 12/10/2010 18:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
a_mensa


Citazione:
non banalizzare le proteste



Non sto "banalizzando" un bel niente.
L'articolo carica su quelle proteste un peso eccessivo, dicendo che stanno protestando contro la politica.

Niente di più falso di questo: i terzignanesi stanno protestando contro la discarica.
Vista la rava, qualunque comune fosse stato scelto avrebbe avuto probabilmente la stessa reazione.

Se avessero voluto protestare genericamente contro la politica le schede avrebbe dovuto bruciarle da un pezzo.
Invece solo sei mesi fa hanno gioiosamente eletto un sindaco (Domenico Auricchio, del Pdl) con un'affluenza dell'80.96%, poi ovviamente calata al ballottaggio.
(Fonte: Sky)

Farlo notare non significa "banalizzare" le proteste, significa solo riportare le cose in un ambito corretto.



Qui invece leggo e ho letto decine di Cuordileone che sul forum spaccano mari e montagne, ma ce ne fosse uno che abbia organizzato una roba del genere.

Il mondo è pieno di rivoluzionari da sofà.

Calvero
Inviato: 12/10/2010 18:29  Aggiornato: 12/10/2010 18:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Voglio solo aggiungere che trascendere la mentalita' dualistica, che caratterizza il nostro modo di ragionare, e' un passaggio importante nella crescita individuale, quindi diventa difficile capire il tuo ragionamento per chi non ha questa consapevolezza. Tienine conto ogni tanto.


Guarda che vale anche per me. Non ne sono esente. Si tratta di forzare gli schemi altrimenti continueranno a rimanere muri di gomma e gli "schiaffi" fanno parte della nostra educazione, sin da bambini. Dobbiamo darceli da soli. E, nel contempo, evitare ogni deviante perbenismo concettuale.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 18:41  Aggiornato: 12/10/2010 18:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

Qui invece leggo di molti Cuordileone che sul forum spaccano mari e montagne, ma ce ne fosse uno che abbia organizzato una roba del genere.


Ti stai guardando allo specchio vero? sto ancora aspettando di sapere se sei un sindacalista o sei in politica, intanto.

L'unico che può subire un tale processo alle intenzioni sei principalmente tu, e il motivo è spiegato nelle argomentazioni che ho dato sopra. Senza contare che il tuo giocattolo, a cui sei morbosamente attaccato, è la dimostrazione plateale della tua incapacità di non saper dimostrare di essere uomo d'azione se non attraverso la politica. Tu, solo tu, stai comprovando che non solo fai salotto, ma che è proprio la tua Forma Mentis a difendere e propinare il - fare salotto - .

Ed è agli altri qui dentro, che proprio non puoi accusare di essere dei finti cuor di leone, poiché le loro opinioni spingono a scintille che almeno hanno l'odore di dignità e la voglia di un reale cambiamento. Personalmente, poi, io ho fatto la mia parte sul campo e qui sul Forum vengo a discutere e senza difendere, come fai tu, il giocattolo senza cui - sempre più palesemente - ti manca l'aria quando viene messo seriamente sotto processo.

Sei tu che a ogni Post dimostri di voler difendere i mali minori e andare a braccetto con gli accomodamenti. Tutte forme mentali dell'uomo che sta arrivando al culmine della sua decadenza. Sei tu che credi di poter dare credito ancora ai POLLI, non gli altri... sei tu un animale politico. Non gli altri. Tutto da copione che accusi gli altri di fare salotto...

..quindi prima di accusare di incoerenza gli altri, guardati a che livello di infantilità è sceso il tuo bisogno di non perdere questo lurido giocattolo: fino al punto di trasfigurare le parole di Cedolin accusandole di un peso eccessivo..

... sia mai che gli specchi si rompano sotto quel peso, eh Pispax e dopo, dove ti arrampichi?

... e sto ancora aspettando di sapere per chi hai votato le elezioni precedenti. Bando alle chiacchere. Parlaci delle tue azioni. Noi delle nostre argomentiamo, e gli eroi, al solito, disonestamente come tuo solito, li crei tu nelle tue fantasie .. non riesci ad attaccare i tuoi avversari, ma solo a dipingerli come ti piacerebbe che fossero.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 18:55  Aggiornato: 12/10/2010 18:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Il mondo è pieno di rivoluzionari da sofà.


si chiamano elettori

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 19:13  Aggiornato: 12/10/2010 19:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
ma che questo sistema lo si possa solo demolire, azzerare, spianare, annullare, è cosa sostengo da anni.


NON lo si deve, candidamente, profondamente, considerare. Tutto qui. Il resto verrà da sé. Non abbiamo altre armi.

Citazione:
visto il materiale umano di cui si dispone!


Per ora si dispone di sudditi, non di uomini. Spogliàti di questa architettura orwelliana, anche qui, il resto verrà da sé.

L'unico vero INSIDE_JOB che porta alle rivoluzioni collettive, è quello che facciamo su noi stessi. Il resto verrà da sé.

Finora sia le rivoluzioni pianificate dalle elité, sia quelle illusorie dei popoli, sono partite sempre da una morale che discendeva dall'alto.

Citazione:
con Politica, intendo quell'attività progettuale, capace di disegnare il futuro e farlo apprezzare a tutti, raccogliere il consenso e le risorse per realizzarlo !
politica mnel senso originario della parola,


...e allora cambiamogli nome collega. Che ne dici? è ora, no?

POI

tornando al discorso di - quell'attività progettuale - a cui ti riferisci, bisogna prima forgiare le menti e i cuori. Quale metallo senza la giusta tempra potrebbe permettersi un simile percorso?

Citazione:
il problemna è solo trovare il modo di farlo,


non per niente Massimo ha riportato nella "voce del Sito" (credo la più profonda) una bellissima riflessione:

Non accadrà alcunché? Non importa. Seguo la massima: "Fai quel che devi, accada quel che può".

Intanto smettiamo di foraggiare i polli ....

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 12/10/2010 19:35  Aggiornato: 12/10/2010 19:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Citazione:
Qui invece leggo di molti Cuordileone che sul forum spaccano mari e montagne, ma ce ne fosse uno che abbia organizzato una roba del genere.



Ti stai guardando allo specchio vero? sto ancora aspettando di sapere se sei un sindacalista o sei in politica, intanto.

L'unico che può subire un tale processo alle intenzioni sei principalmente tu, e il motivo è spiegato nelle argomentazioni che ho dato sopra. Senza contare che il tuo giocattolo, a cui sei morbosamente attaccato, è la dimostrazione plateale della tua incapacità di non saper dimostrare di essere uomo d'azione se non attraverso la politica. Tu, solo tu, stai comprovando che non solo fai salotto, ma che è proprio la tua Forma Mentis a difendere e propinare il - fare salotto - .


C'è un proverbio che dice "la prima gallina che canta ha fatto l'uovo".
Chissà se è vero.

In ogni caso oggi stai dimostrando una particolare scioccheria.
Prima dici che io sono "morbosamente attaccato" alla politica, e poi mi rimproveri di essere incapace di "non saper dimostrare di essere uomo d'azione se non attraverso la politica".

Be', se sono attaccato alla politica è CHIARO che è così.
Non puoi prima accusarmi di credere alla politica e poi accusarmi di fare azione attraverso la politica.
Quantomeno non contemporaneamente.
Si chiama "logica", sai.

Io credo che la politica abbia i mezzi per essere una buona politica.
Credo inoltre che il mezzo più importante stia nella capacità dell'elettore di non farsi abbindolare, e che voti con consapevolezza.
Credo inoltre che se quelli che si astengono dal voto sono le anime critiche, questo danneggi la società.

E' giusto?
E' sbagliato?
Non ha importanza. E' un'opinione, esattamente come la tua.

Visto che credo in queste cose, vado a votare.
Mi informo meglio che mi riesce, maturo una consapevolezza e la esprimo votando.

Quindi per me il problema non si pone proprio.
Sarei in difficoltà a bruciare la mia scheda elettorale, perché questo poi mi impedirebbe di votare.
Quindi mi esprimo in modo assolutamente coerente con le cose a cui credo.






Il problema si pone invece per quelli che credono che il Voto è uno Schifo, che lo Stato è uno Schifo, che la Politica è uno Schifo.
Per loro è coerente agire in modo contrario al mio, e le schede bruciarle.
Anzi, meglio: organizzare una manifestazione pubblica dove la gente brucia le schede elettorali, che a farlo da soli non ha troppo senso.


Tante chiacchiere e tanti distintivi: però resta il fatto che NESSUNO di quelli che esprimono questa posizione poi si decida una buona volta a alzarsi dal divano e FARLO.
A differenza di quanto è accaduto a Terzigno.

Vuoi mettere quanto è più comodo le Rivoluzioni farle cazzeggiando davanti al computer?

Calvero
Inviato: 12/10/2010 19:54  Aggiornato: 12/10/2010 19:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Tante chiacchiere e tanti distintivi


... si chiama politica

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 12/10/2010 20:04  Aggiornato: 12/10/2010 20:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

Il problema si pone invece per quelli che credono che il Voto è uno Schifo, che lo Stato è uno Schifo, che la Politica è uno Schifo.


ah scusa, mi ero scordato che tu a certe balle non credi...


.. per il resto, la tua risposta ti ha identificato ancora meglio. La tua posizione è miserevole. Non è un opinione la tua. E' inutile che cerchi di appiccicarti addosso un simile lusso. Tu non hai opinioni, tu sei un ingranaggio che vuole chiamarsi con altri nomi.

Le opinioni sono quelle degli altri, che prendono la vita nella sua totalità, e stanno imparando il confronto per una strada nuova. Hanno levato il paraocchi e non giocano coi polli: sbagliano certo, come persone. E non come sudditi.

Citazione:
Quindi mi esprimo in modo assolutamente coerente con le cose a cui credo.


Traduco per chi non ti conosce ancora bene:

Quindi scelgo tra le opzioni (manipolate) che i politici impongono attraverso un Sistema corrotto, coerentemente al dogma in cui confido - per cui posso garantirmi gli accomodamenti e gli zuccherini per il tempo che mi rimane da vivere.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
marcocedol
Inviato: 12/10/2010 20:22  Aggiornato: 12/10/2010 20:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
L'articolo carica su quelle proteste un peso eccessivo, dicendo che stanno protestando contro la politica.


Pispax, io nell'articolo ho scritto:
"Il gesto naturalmente ha avuto un carattere dimostrativo, volto ad evidenziare lo stato di esasperazione in cui versa la popolazione, ma la strada scelta è senza dubbio quella giusta."
Nessun peso eccessivo perciò, nè tanto meno l'affermazione che i cittadini in quel di Terzigno protestino contro la politica tutta. Semplicemente il convincimento che smettere di delegare in bianco rubagalline assortiti costituisca la strada giusta per iniziare a confrontarsi realmente con i problemi.

Il problema dei rifiuti esiste!
Mi sembra di avere ripetuto fino alla nausea la necessità di rivoluzionare radicalmente i nostri sistemi di produzione, confezionamento e distribuzione, al fine di ridimensionare di almeno due terzi la quantità di rifiuti prodotti. Così come mi sembra di avere ripetuto che occorre investire risorse sul riciclo e soprattutto sul riuso, al fine di ridurre al minimo il conferimento in discarica. Dopodichè sicuramente qualche discarica sarà comunque necessaria, possibilmente non in un Parco Nazionale o in posizione tale da appestare l'aria respirata dalla cittadinanza e avvelenare le coltivazioni che economicamente sostengono l'economia della zona

imike
Inviato: 12/10/2010 20:27  Aggiornato: 12/10/2010 20:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/1/2008
Da: Milano
Inviati: 85
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@ Calvero

sono ammirato, scrivi che e' uno spettacolo.

Sto dicendo sul serio.

Riesci ad esprimere le idee in modo cosi' chiaro e lineare. Quello che io credo di pensare ... tu riesci a scriverlo cosi' bene. Sei davvero bravissimo.

Hai tutta la mia ammirazione e il mio sostegno.

Pispax
Inviato: 12/10/2010 20:31  Aggiornato: 12/10/2010 20:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Calvero

Citazione:
.. per il resto, la tua risposta ti ha identificato ancora meglio. La tua posizione è miserevole. Non è un opinione la tua. E' inutile che cerchi di appiccicarti addosso un simile lusso. Tu non hai opinioni, tu sei un ingranaggio che vuole chiamarsi con altri nomi.


Te lo dico con grande franchezza: sei grottesco.

Parli, parli, e poi parli un altro po'.
Qui finisce il gioco.


Ma fai QUALCOSA, una buona volta.
Qualunque cosa.
Non per difendere le mie idee, sia chiaro: per difendere le TUE idee.

Sembri un pensionato di 96 anni che si vanta al bar di fare delle chiavate da paura, e poi, com'è ovvio, tutte le sere se ne va a letto alle nove.

Gli errori si commettono tutti, chiaro. Ma il presupposto per commetterli è AGIRE, non stare sdraiati sul divano a dire quant'è brutto il mondo.


Perché che il mondo è brutto è vero.
Ma non migliora di certo limitandosi a dirlo.
Tu non fai niente per migliorarlo, renditene conto.


Questa consapevolezza non ti dà nessuna superiorità morale.
Al contrario: ti dà una sgradevole aurea di inferiorità morale, perché se è vero che sei consapevole di questa cosa, e continui a non fare niente, allora sei più disprezzabile di chi questa roba non la capisce.

Non tocca certo a me dirti che fare, e in che direzione farlo.
Queste sono scelte tue.
Decidi cosa fare, poi basta FARLO.


Fino a quel momento leggere i tuoi commenti è... non mi viene la parola... pleonastico.
E' superfluo.


Tante parole vuote di significato reale.


Dici che hai una visione corretta della realtà, dello schifo della politica, dell'ingranaggio e di tutto quanto?
Mi sta bene.
Però le tue azioni non sono coerenti con questa idea.


Sarà poco, e magari è fatto nel modo sbagliato.
Però io sto cercando in qualche modo di migliorare il Mondo in cui vivi tu; te invece te ne stai al bar a dire che "bisognerebbe fare qualcosa", e nel frattempo bevi un altro bianchetto.


Calvè: grazie.

Di cuore.






P.S.

Citazione:
.quindi prima di accusare di incoerenza gli altri, guardati a che livello di infantilità è sceso il tuo bisogno di non perdere questo lurido giocattolo: fino al punto di trasfigurare le parole di Cedolin accusandole di un peso eccessivo..

... sia mai che gli specchi si rompano sotto quel peso, eh Pispax e dopo, dove ti arrampichi?


Guarda: io di certezze nella vita ne ho pochissime.
Una di questa è la certezza che se dipende da te e degli altri divanari il giocattolo non si romperà per almeno un altro paio di millenni.

Quindi non equivocare: parlo di queste cose con assoluto relax.

Calvero
Inviato: 12/10/2010 20:51  Aggiornato: 12/10/2010 21:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Guarda: io di certezze nella vita ne ho pochissime.


... beh, per me sei una certezza

PS


cosa c'entra il relax??

cosa centra additarmi una superiorità morale??

io non faccio niente per migliorarlo??

... levati il secchiello e i colori (a parte che non voglio migliorare niente) e finiscila di costruire coi LEGO gli avversari.

Citazione:
Gli errori si commettono tutti, chiaro. Ma il presupposto per commetterli è AGIRE, non stare sdraiati sul divano a dire quant'è brutto il mondo.


ancora?? e chi ti ha detto che sto sdraiato? è forse perché non mi vedi su TG 1 che lo pensi? è lì che valuti la moralità e l'operosità del prossimo? ho paura di sì

aspetta eh, chiudiamo col tuo ultimo sofisma

Citazione:
non stare sdraiati sul divano a dire quant'è brutto il mondo.


...questa invece come la chiami? L'ho tradotta poco fa per chi vede solo la facciata:

Quindi scelgo tra le opzioni (manipolate) che i politici impongono attraverso un Sistema corrotto, coerentemente al dogma in cui confido - per cui posso garantirmi gli accomodamenti e gli zuccherini per il tempo che mi rimane da vivere.
EDIT

... è inutile che continui a deviare. Qui non c'è nulla di personale. C'è la tua forma mentis che intona il suo canto del cigno. Io, per principio, ti metto in discussione e (come già sai) tengo alzate le antenne per i meno smaliziati, che possono venire ingannati dai tuoi comizi mascherati da opinione. Non lo faccio per me, né per te.

Consapevolezza e altri paroloni con cui, puntualmente, additi gli avversari sono il sintomo tuo che dimostra la EDIT presunzione di creare antitesi che ... non ci sono . Perché devi esasperare sempre?

Non c'è nessuna supponenza nel dirti che tu manifesti una posizione e non una opinione. Tu stesso la consolidi palesando tra le righe e non, di voler accettare la macchinazione. Quindi tieniti la tua posizione che tale è ... è già definita. Se tu sei convinto di scegliere, collega, la dice lunga anche su quanto comprendi termini quali consapevolezza, morale et simili

..gli altri poverini la stanno cercando. In mezzo ci sono anch'io. Tu non hai certezze? eh eh eh ... cosa stai cercando di fare? vuoi democratizzare il tuo spirito adesso? bada che vai incontro a una crisi di rigetto

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 13/10/2010 1:38  Aggiornato: 13/10/2010 1:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
marcocedol


Citazione:
Pispax, io nell'articolo ho scritto:
"Il gesto naturalmente ha avuto un carattere dimostrativo, volto ad evidenziare lo stato di esasperazione in cui versa la popolazione, ma la strada scelta è senza dubbio quella giusta."
Nessun peso eccessivo perciò, nè tanto meno l'affermazione che i cittadini in quel di Terzigno protestino contro la politica tutta. Semplicemente il convincimento che smettere di delegare in bianco rubagalline assortiti costituisca la strada giusta per iniziare a confrontarsi realmente con i problemi.


Detto senza alcuna traccia di sarcasmo - ma mi dichiaro colpevole del reato di ironia - l'italiano ancora non è una lingua morta.

I cittadini di Terzigno protestano esclusivamente contro la discarica.
Tutto il resto ce lo aggiungi tu.

Lo fai anche in questa replica, tanto per dirne una.
E quindi stai caricando un peso simbolico SUPERIORE ai reali motivi della protesta dei Terzignesi (o terzignani).
I motivi che esponi (la delega in bianco, i rubagalline, eccetera) sono motivi non privi di rispettabilità.
Però sono i motivi TUOI, non i loro.

Altrimenti è come cercare di far credere che noi abbiamo invaso esportato la democrazia in Afghanistan per liberare le donne dal burqa.





"La strada scelta è senza dubbio quella giusta"??

Forse.
Però io ho come l'impressione che se arriva un politico qualunque di qualunque partito e li libera della discarica*, e poi si candida nel collegio di Terzigno, quel politico si prende il 95% dei voti in quel comune. Giusto i familiari e gli amici dei concorrenti non lo votano. E anche gli storpi si alzeranno dal letto per andare a votarlo.


Altro che "basta deleghe in bianco ad una classe politica che ottiene consensi sulla base di programmi generalisti privi di senso compiuto e alla logica del "meno peggio" .

Lo voteranno, e saranno felicissimi di averlo fatto.
Gli ha tolto dai coglioni la discarica, cazzo.

Dici di no?






In ogni caso questa volta ho apprezzato il tuo articolo.
Sul serio.

A parte queste minchiate secondarie, i terzignanesi in linea di massima sono REALMENTE un esempio da seguire.
Portano avanti una politica sana: quando c'è qualcosa che non ti piace, ti alzi dal divano e la combatti.

Io non concordo molto sui motivi della loro protesta: ma in questo assembramento di Divanari e di Rivoluzionari del Bianchetto, loro sono davvero una boccata d'aria fresca.

marcocedol
Inviato: 13/10/2010 2:03  Aggiornato: 13/10/2010 2:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
I cittadini di Terzigno protestano esclusivamente contro la discarica. Tutto il resto ce lo aggiungi tu.


Pispax, certo che il resto lo aggiungo io, perchè entro nel merito della forma di protesta, a prescindere da quali siano le motivazioni.

Citazione:
Però io ho come l'impressione che se arriva un politico qualunque di qualunque partito e li libera della discarica*, e poi si candida nel collegio di Terzigno, quel politico si prende il 95% dei voti in quel comune. Giusto i familiari e gli amici dei concorrenti non lo votano. E anche gli storpi si alzeranno dal letto per andare a votarlo. Altro che "basta deleghe in bianco ad una classe politica che ottiene consensi sulla base di programmi generalisti privi di senso compiuto e alla logica del "meno peggio" . Lo voteranno, e saranno felicissimi di averlo fatto. Gli ha tolto dai coglioni la discarica, cazzo. Dici di no?


Può benissimo darsi che andrebbe come dici tu, ma la cosa non cambierebbe di una virgola il ragionamento.
Avrebbero raggiunto uno scopo per loro importante, ma se la delega a quel politico fosse una delega in bianco si ritroverebbero ben presto al punto di partenza, magari a fare i conti con un inceneritore, una centrale a carbone o qualche altra diavoleria.
Come ho avuto modo di scrivere nell'articolo, ammesso che delegare abbia un senso, nessuna delega in bianco potrà mai nutrire l'ambizione di possederlo.

superava
Inviato: 13/10/2010 4:01  Aggiornato: 13/10/2010 4:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione Pispax:
"Buffo notare che la condizione di vittoria dei terzignesi è che la discarica vada in un altro comune.
Dopo la loro protesta finisce, e riprenderanno tranquillamente a votare.
In compenso a bruciare le schede elettorali saranno i cittadini del nuovo comune scelto per la discarica.
Anche loro lotteranno pe evitarla.
Avranno esattamente la stessa condizione di vittoria, e se riusciranno nella loro battaglia riprenderanno anche loro tranquillamente a votare, e a bruciare le schede elettorali saranno i cittadini del nuovo comune ancora, in una catena infinita.
Ecc. ecc."

Purtroppo è cosi..non ci interessa il metodo di come vengono smaltiti...ma solamente dove vanno a finire..

Comunque Pispax uno che non ha nessun partito politico o lista cui lo rappresenta..perchè deve per forza crocettare quando si vota? e se io invece voglio annullarlo? nn va bene..quindi mi fa schifo lo Stato?

Pispax
Inviato: 13/10/2010 5:35  Aggiornato: 13/10/2010 6:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
superava


Citazione:
Comunque Pispax uno che non ha nessun partito politico o lista cui lo rappresenta..perchè deve per forza crocettare quando si vota? e se io invece voglio annullarlo? nn va bene..quindi mi fa schifo lo Stato?


Nessuno?
Se non ricordo male alle ultime elezioni nazionali sono state presentate oltre 200 liste diverse.
Non c'era proprio nessuno nessuno?


Ma ammettiamo pure che sia così.
Duecento branchi di bucaioli inutili anche per se stessi.



Questo però non esaurisce le tue alternative.

Puoi fondare un partito TU, fare propaganda e attirare voti diffondendo le tue idee.
Oppure iniziare a far politica attiva dentro al partito più vicino alle tue idee, con l'obiettivo di spostarlo in quella direzione. Se le idee sono buone non è per niente irragionevole.

Puoi aderire a un centro sociale di tuo gusto, o fondarne uno, e portare avanti attivamente le sue politiche di diffusione delle idee.

Puoi aderire a una comunità anarchica, o fondarne una.
Oppure lottare a livello nazionale o supernazionale perché venga riconosciuta extraterritorialità a un qualsiasi lembo di terra, e su questa terra creare un microstato anarchico ("micro" perché immagino sia difficile che venga ceduta l'Oceania). Chiaro che anche su questa roba devi attrarre consensi, altrimenti da sola non vai da nessuna parte. E' persino possibile che tocchi fondare transitoriamente un "partito anarchico" per ottenere il risultato di togliersi definitivamente i partiti dai coglioni.

Puoi fare un movimento tipo quello dei girotondini, con idee simili alle loro o con idee diverse dalle loro, e poi diffondere queste idee.

Puoi mettere un banchetto in qualche piazza e regalare un fiore e un sorriso a chiunque accetti di ascoltarti parlare di politica per cinque minuti.

Tendenzialmente sconsiglierei la lotta armata.
L'esperienza ha dimostrato che per ogni bomba che metti tu ci sono almeno altre venti persone che ne mettono una anche loro, e poi danno la colpa a te.
E poi, visto che "tu" hai fatto scoppiare 21 bombe (o multipli) arriva immediatamente qualcuno che invoca le "misure d'ordine pubblico".
All'inizio degli Anni di Piombo la spinta sociale era a una maggiore libertà: alla fine del periodo la libertà che c'era in giro era MOLTA di meno.
Però fai te: se pensi che questa sia la tua strada, amen.


Insomma, puoi fare tutto quello che ti suggerisce la fantasia.
L'importante è che tu FACCIA qualcosa.

E che questo qualcosa sia una risposta razionale ai tuoi bisogni e alle tue idee, e che rispecchi i tuoi ideali.





Superava, scusa se te lo dico, ma sei palesemente vittima della propaganda.

Ti hanno fatto credere che la politica sia Una e Immutabile, e che tu non abbia nessun potere su di essa.
Ti hanno persuasa che Non Avrai Altro Partito Al Di Fuori Di Me.

E' facile cadere, su questo fronte.
La stessa, IDENTICA propaganda arriva sia da chi è al potere (o sta cercando di arrivarci) sia da quelli che il potere lo criticano, e si mettono deliberatamente al di fuori della politica.
I primi la usano perché tu non ti metta in testa di fare troppe domande e/o di fracassare la minchia, i secondi la usano per boicottare i primi.
Però in entrambi i casi è solo propaganda.

Come dicono i militari, siamo sotto un fuoco incrociato. E nessuno spara con i piccoli calibri.




Prova a invertire i termini della questione e pensare che, semplicemente, non è così.
Non è vero per un cazzo che le tue uniche alternative siano il voto o il non voto.
Te l'hanno fatto credere: ma di alternative ne hai tantissime.

Basta sceglierne una.


Voto o non voto è la parte stupida del problema.
Il nocciolo vero della questione è se fare qualcosa - qualcosa che scegli TU, e che segue i TUOI ideali - o restare sdraiati sul divano a lamentarsi.

Nel secondo caso puoi passare secoli a non votare e a non far votare: non cambierai mai niente.
Fai semplicemente un favore al Potere.*

Nel primo caso invece, cioè quello che prevede che tu muova il culo ti dia una mossa.. forse non otterrai niente lo stesso.
Dipende da quanto sei brava.


Però le tue chanches aumentano, e non di poco.






* A meno che tu non disponga di una strategia attiva per trasformare il non-voto in qualcosa di diverso, ovvio. Nel caso sei pregata di illustrarla nell'apposito thread.
Ho passato una parte dell'estate a chiederla un po' a tutti, ma per il momento mi è andata buca.






EDIT:
ti regalo una citazione, va là:

"Here's to the crazy ones.
The misfits. The rebels.
The troublemakers.
The round pegs in the square hole. The ones who see things differently.
They're not fond of rules.
And they have no respect for the status quo. You can quote them, disagree with them, glorify or vilify them. About the only thing you can't do is ignore them.

Because they change things.
They push the human race forward. And while some may see them as the crazy ones, we see genius. Because the people who are crazy enough to think they can change the world, are the ones who do." — Jack Kerouac

incredulo
Inviato: 13/10/2010 8:47  Aggiornato: 13/10/2010 8:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Caro Pispax

Mi piace quello che scrivi, logico e pieno di buonsenso ma completamente fuori dalla realta’.
MI spiego
Tu parli come non vivessi in questo periodo storico con una situazione generale che come scrive Calvero ormai e’ trascesa ad ogni livello.

Citazione:
Puoi fondare un partito TU, fare propaganda e attirare voti diffondendo le tue idee. Oppure iniziare a far politica attiva dentro al partito più vicino alle tue idee, con l'obiettivo di spostarlo in quella direzione. Se le idee sono buone non è per niente irragionevole. Puoi aderire a un centro sociale di tuo gusto, o fondarne uno, e portare avanti attivamente le sue politiche di diffusione delle idee. Puoi aderire a una comunità anarchica, o fondarne una. Oppure lottare a livello nazionale o supernazionale perché venga riconosciuta extraterritorialità a un qualsiasi lembo di terra, e su questa terra creare un microstato anarchico ("micro" perché immagino sia difficile che venga ceduta l'Oceania). Chiaro che anche su questa roba devi attrarre consensi, altrimenti da sola non vai da nessuna parte. E' persino possibile che tocchi fondare transitoriamente un "partito anarchico" per ottenere il risultato di togliersi definitivamente i partiti dai coglioni. Puoi fare un movimento tipo quello dei girotondini, con idee simili alle loro o con idee diverse dalle loro, e poi diffondere queste idee. Puoi mettere un banchetto in qualche piazza e regalare un fiore e un sorriso a chiunque accetti di ascoltarti parlare di politica per cinque minuti.

Ora tutte queste iniziative andavano bene in periodi storici in cui esistevano regole CONDIVISE dalla quali si partiva per fare politica e incidere sul sociale.
In sostanza TUTTI i partiti, almeno ufficialmente, seguivano quelle regole di comportamento dando una PARVENZA di democrazia ai cittadini acui dovevano rendere conto.

Oggi non e’ cosi’
Oggi abbiamo un personaggio solo con un potere immenso finanziario, esecutivo, in quanto presidente del consiglio, legislativo, con una maggioranza parlamentare enorme,
Gli manca solo quello giudiziario ma ci sta lavorando da parecchi anni.
Tutto questo lo ha ottenuto SOVVERTENDO tutte le regole condivise anzi fregandosene allegramente, corrempendo a piu’ non posso e non solo finanziariamente le persone che lo ostacolavano.
Ora e’ chiaro ai piu’ che le vecchie forme di opposizione e di espressione non fanno un baffo al Potere e che semplicemente vengono ignorate in quanto oggi e’ il messaggio che e’ passato e’: Fate come me e farete una vita da sogno”
Sto chiaramente semplificando, ma quello che voglio dire e’ che le regole del gioco sono fatte in modo tale da non scalfire per niente il Potere e tu Pispax mi dai l’idea di non averlo pienamente compreso anzi ti senti migliore dei cosiddetti da te, rivoluzionari da salotto perche’ agisci fai qualcosa………si’ ma cosa?
Forse un rivoluzionario da salotto non spreca tempo ed energie in attivita per lui inutili’ e lavora incessantemente sulla coscienza delle persone che capiscono che qualcosa non va ma non riescono ad afferrarne il nocciolo, forse perche’ crede che un vero cambiamento si ottenga solo con il superamento degli schemi mentali imposti o autoimposti, che creano una prigione virtuale, in cui il pensiero si impantana e non trova una via d’uscita o forse solo perche’ idealisti stupidi e fuori dalla realta’ chissa?
La REALTA’ questa magica parola di cui tutti si riempiono a sproposito la bocca dando per scontato che la propria concezione di realta’ sia l’unica possibile

Un saluto affettuoso

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Freeman
Inviato: 13/10/2010 15:59  Aggiornato: 13/10/2010 16:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
E questo ha in sé la soluzione del problema: se davvero l'astensione spaventasse i politici (secondo me no) le discariche saranno collocate nei comuni più piccoli.
Cioè quelli con meno votanti: almeno si limita il "danno".

Beh, potrei dire "bingo!", ma non so se è quello il motivo per cui le realizzano nelle c.d. "aree interne" (vedi qui, le ultime tre realizzate in contrade incolpevoli, pulite e pacifiche).
Di certo da quelle parte la resistenza ai manganelli è molto inferiore, non fosse altro che per una questione demografica.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Makk
Inviato: 13/10/2010 16:20  Aggiornato: 13/10/2010 16:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
"Here's to the crazy ones.
The misfits. The rebels.
The troublemakers.

Ohmminkia... mi ricordava qualcosa ma non Kerouac.

Da fanatico del Macintosh l'avevo già sentita sta roba. Vista e sentita, per la precisione.

E' di Steve Jobs, fondatore di Apple Computer, non di Kerouac (scopro che è talvolta attribuita al psichedelico perché assona On The Road ""The only people for me are the mad ones, the ones who are mad to live, mad to talk, mad to be saved"), ed è la campagna "Think Different" di Apple (non "differently", proprio "different". Sgrammaticato x constringerti a memorizzarla meglio).

Sia come sia, non capisco proprio cosa ci entra il discorso di uno o l'altro visionario (anche Jobs a suo modo lo è) sulla gente che osa "pensare altrimenti", con l'andare a votare.

Certo, il testo dice che costoro sono quelli che cambiano il mondo e secondo te votando si cambia il mondo, ma poi basta: il testo si riferisce ai pochi pazzi, esaltati, geniali che spingono per le innovazioni, in tutti i campi.

Non c'accocchia certo con le orde in fila in attesa di crocettare la scheda (né pochi, né pazzi, né genii), nè con le masse che si riappropriano della dignità di Pericle e riscoprono il volto benigno e onesto della democrazia.

Per chiarire il concetto, riportiamo anche la parte che MANCA.
Infatti lo spot (come sempre) esiste non solo in versione TV ma anche - più lungo - per la stampa:
Citazione:
Loro cambiano le cose. Inventano. Immaginano. Guariscono. Esplorano. Creano. Danno l'esempio. Spingono la razza umana più in là.
Dopotutto forse DEVONO essere pazzi.
Se no, come farebbero a fissare una tela bianca e immaginare un capolavoro? O sedere in silenzio e sentire della musica mai suonata prima? O guardare un pianeta rosso e vedere un laboratorio su ruote?


E i volti-testimonial della campagna (sia video che a stampa) erano robe tipo Einstein, Bob Dylan, Martin Luther King, John Lennon, Edison, Muhammad Ali, Ted Turner, Maria Callas, Gandhi, Martha Graham, Frank Lloyd Wright, Picasso...

Mi erano sfuggiti, all'epoca, Bersani, Bertinotti, Berlusconi o qualche altro "geniaccio folle" della politica... o il coraggio anticonformista che ci vuole per fare qualcosa di inusitato come andare al seggio la domenica mattica

Mi sfugge anche con quale faccia di bronzo si fa proprio un messaggio di questo tipo, con obbiettivo di dire a qualcun altro che deve muovere il culo...
... è come se tu invitassi qualcuno a camminare sulle onde, dicendogli "perché non fai come quell'altro?" e poi aggiungere "almeno io sguazzo nelle pozzanghere a piedi nudi... sarà poco ma fo' sempre meglio di te"

... tte prego...







Naturalmente trovo anche ironico e un tot freudiano che vuoi citare un brano "inspirational" e invece ti sei fatto infinocchiare da una falsa attribuzione internettica, un commercial finto-carismatico calcolato per vendere computers e tecnogadgets.
Non ci insisto troppo perché son cose che capitano e perché non si spara sulla croce rossa, ma non ci vuole molto a ritorcere che l'acchiappafarfalle forse è quello che crede alle bufale e alla potenza rigeneratrice del voto, piuttosto che chi (visti i risultati) esprime una certa sfiducia nella politica e magari pensa che l'unica [inter]azione politica significativa che ci rimane sia quella one-on-one, nelle piccole comunità, magari come in Val di Susa o a Terzigno

Blade1960
Inviato: 13/10/2010 21:22  Aggiornato: 13/10/2010 21:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Ciao a tutti

FORZA TERZIGNO non mollate.
Credo che purtroppo,bruciare le tessere elettorali non serva granche' anche perche' a questa marmaglia di politici parassiti delle tessere non gliene frega un c....,(i voti si creano,se alle elezioni ci vanno in 3 a votare e la tv di regime mi dice che l'80% degli italiani sono andati alle urne ,chi puo'verificare che e' una balla?),pero' se cominciassimo tutti a non pagare piu' il canone rai,che non e' rai bada bene,perche' chiamandolo canone rai da l'impressione che sia solo una questione di televisione,di programmi,di palinsesti ,ma il canone e' un pizzo di stato,come il bollo dell'auto,le marche da bollo,il superenalotto(azz milioni di schedine e...niente,siamo proprio sfortunati eh?! italiani).

Pispax
Inviato: 14/10/2010 2:28  Aggiornato: 14/10/2010 3:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
marcocedol


Citazione:
Pispax, certo che il resto lo aggiungo io, perchè entro nel merito della forma di protesta, a prescindere da quali siano le motivazioni.


Quindi mi sembra che stiamo dicendo la stessa cosa.
Sbaglio?






incredulo

Citazione:
Oggi non e’ cosi’
Oggi abbiamo un personaggio solo con un potere immenso finanziario, esecutivo, in quanto presidente del consiglio, legislativo, con una maggioranza parlamentare enorme,
Gli manca solo quello giudiziario ma ci sta lavorando da parecchi anni.
Tutto questo lo ha ottenuto SOVVERTENDO tutte le regole condivise anzi fregandosene allegramente, corrempendo a piu’ non posso e non solo finanziariamente le persone che lo ostacolavano.
Ora e’ chiaro ai piu’ che le vecchie forme di opposizione e di espressione non fanno un baffo al Potere e che semplicemente vengono ignorate in quanto oggi e’ il messaggio che e’ passato e’: Fate come me e farete una vita da sogno”


Vero tutto quello che dici.
E questo è un pericolo per la libertà in più di un senso.




Citazione:
Sto chiaramente semplificando, ma quello che voglio dire e’ che le regole del gioco sono fatte in modo tale da non scalfire per niente il Potere e tu Pispax mi dai l’idea di non averlo pienamente compreso anzi ti senti migliore dei cosiddetti da te, rivoluzionari da salotto perche’ agisci fai qualcosa………si’ ma cosa?


Se ho capito bene quello che hai detto, tutto questo mi sembra contraddittorio con quanto dicevi tu proprio le righe sopra.
Le regole del gioco sono fatte proprio in modo da scalfire il potere. Non a caso Povero Silvio ha dovuto sovvertirle.
Più le sovverte più le cose vanno peggio. Si passa da un punto di equilibrio a un punto di disequilibrio. E quindi diminuiscono le garanzie di tutti noi.

Per il resto, di rivoluzionari da salotto ne ho incontrati a decine nella vita. Proclami roboanti seguiti dal niente più assoluto.
Sono personaggi che disistimo profondamente. Non perché non fanno quello che vorrei IO, cosa di cui potrei anche fregarmene, ma perché non fanno neppure quello che vorrebbero LORO.
Si limitano alle chiacchiere.
Però va detto che in quelle sono instancabili.

Cosa faccio io? Come dice Calvero, "io sono incapace di non saper dimostrare di essere uomo d'azione se non attraverso la politica."
(Qualunque cosa voglia dire: dopo un po' mi sono perso fra le negazioni)


Grazie per l'affetto nei saluti: lo ricambio di cuore.




Freeman


Citazione:
Beh, potrei dire "bingo!", ma non so se è quello il motivo per cui le realizzano nelle c.d. "aree interne" (vedi qui, le ultime tre realizzate in contrade incolpevoli, pulite e pacifiche).
Di certo da quelle parte la resistenza ai manganelli è molto inferiore, non fosse altro che per una questione demografica.


Be', scherzi a parte fino a quando continuerà questa politica di smaltimento dei rifiuti da qualche parte le discariche devono essere realizzate.
Purtroppo non ne vedo altre all'orizzonte: anche i comuni più "ricicloni" hanno le loro discariche. Ci mettono qualche anno di più a riempirle, ma ci sono, eccome.

In realtà l'alternativa ci sarebbe: gli inceneritori. Vogliamo parlarne?



In linea di massima ho qualche problema sul termine "incolpevole".
Di sicuro avere una discarica sotto alle finestre di salotto non fa piacere nessuno (eufemismo).
Però ho difficoltà a considerare le discariche come una sorta di punizione collettiva che viene comminata per una colpa altrettanto collettiva.
Spero che i criteri di scelta siano altri.


Sempre in linea di massima anch'io penso che le zone a bassissima densità di popolazione siano le migliori.
Visto che avere una discarica nei dintorrni è fastidioso per chiunque, un buon criterio di scelta può essere quello di infastidire il minor numero di persone possibile.

Comunque in qualche testa un qualche pensierino sulla minor resistenza ai manganelli anche secondo me è passato di sicuro.







Makk

Citazione:
Ohmminkia... mi ricordava qualcosa ma non Kerouac.

Da fanatico del Macintosh l'avevo già sentita sta roba. Vista e sentita, per la precisione.

E' di Steve Jobs, fondatore di Apple Computer, non di Kerouac


Ohmminkia.
Vai a fidarti di Facebook..







Citazione:
Sia come sia, non capisco proprio cosa ci entra il discorso di uno o l'altro visionario (anche Jobs a suo modo lo è) sulla gente che osa "pensare altrimenti", con l'andare a votare.


Ti risulta che io abbia invitato superava ad andare a votare?
Buffo: a me sembrava proprio il contrario.

Quello è il MIO modo per cercare di migliorare le cose.
Non necessariamente il suo.
Per inciso, stamane leggevo su una bancarella un librettino di satira politica popolare pubblicato a fine ottocento.
Ho avuto come un deja vu: ci sono esattamente tutti i luoghi comuni che leggo qui ogni tanto.
Minchia.

Secondo me oggi come oggi anche solo l'idea di affrontare la politica, da elettore, con un minimo di intelligenza è già di per sé piuttosto rivoluzionaria.







Citazione:
... è come se tu invitassi qualcuno a camminare sulle onde, dicendogli "perché non fai come quell'altro?" e poi aggiungere "almeno io sguazzo nelle pozzanghere a piedi nudi... sarà poco ma fo' sempre meglio di te"

... tte prego...


E come se tu ti sforzassi di fare dei paragoni del cazzo, volutamente sprezzanti.

Vediamo di correggerli.

E' come se io dicessi "è inutile che tu ti dia le arie di grande chef, se poi alla resa dei conti ti fa fatica anche solo fare un uovo sodo e ti nutri solo di carne in scatola.
Magari i piatti che cucino io non ti piacciono, e sicuramente io sono un cuoco peggiore di Vissani.
E' anche possibile che io sia un cuoco peggiore di te, ci mancherebbe altro. Però questo non lo sapremo mai, perchè quantomeno ai fornelli io mi ci metto: tu no".








Citazione:
ma non ci vuole molto a ritorcere che l'acchiappafarfalle forse è quello che crede alle bufale e alla potenza rigeneratrice del voto, piuttosto che chi (visti i risultati) esprime una certa sfiducia nella politica e magari pensa che l'unica [inter]azione politica significativa che ci rimane sia quella one-on-one, nelle piccole comunità, magari come in Val di Susa o a Terzigno


Dici quella [inter]azione politica significativa one-on-one che prevede che le tue reni vengano dolcemente accarezzate dai manganelli, e poi comunque le cose contro cui ti battevi vengono fatte lo stesso?

Be', tutti i gusti son gusti.

Personalmente preferisco altre forme, grazie.

Calvero
Inviato: 14/10/2010 2:49  Aggiornato: 14/10/2010 2:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

(Qualunque cosa voglia dire: dopo un po' mi sono perso fra le negazioni)


Tu non ti sei - mai - perso e mai ti perderai. Sai destreggiarti mirabilmente nel gioco dell'Oca.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pispax
Inviato: 14/10/2010 3:12  Aggiornato: 14/10/2010 3:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Calvero


Citazione:
Citazione:
(Qualunque cosa voglia dire: dopo un po' mi sono perso fra le negazioni)



Tu non ti sei - mai - perso e mai ti perderai. Sai destreggiarti mirabilmente nel gioco dell'Oca.


Giuro!

A prima vista lo avevo scambiato per un complimento, pensa te.

Poi ho capito che un complimento non c'incastrava niente con tutto il resto, e allora l'ho interpretata come frase fortemente critica.


Poi ci ho pensato un altro po' su e ho capito che quello ERA un complimento, e dal mio punto di vista anche abbastanza lusinghiero: solo che tu probabilmente non volevi farmelo.

Pazienza: come vedi l'ho arraffato immediatamente lo stesso.



mangog
Inviato: 14/10/2010 7:34  Aggiornato: 14/10/2010 7:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

Autore: marcocedol Inviato: 12/10/2010 20:22:30

Mi sembra di avere ripetuto fino alla nausea la necessità di rivoluzionare radicalmente i nostri sistemi di produzione, confezionamento e distribuzione, al fine di ridimensionare di almeno due terzi la quantità di rifiuti prodotti


Hai ragione da vendere, dalle mie parti fino a metà degli anni 70 le casalinghe andavano a fare la spesa con la propria borsa ed i sacchetti di plastica non erano un problema.
Ricordo che la Nutella era venduta a cucchiaiate spalmate sulla carta oleosa ed il latte veniva versato in bottiglie e pentolini e nessuno comprava l'acqua minerale in bottiglia di plastica. Si beveva acqua dal rubinetto.
Basterebbe così poco per ridurre la quantità di rifiuti.

incredulo
Inviato: 14/10/2010 10:14  Aggiornato: 14/10/2010 10:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

Pispax

Se ho capito bene quello che hai detto, tutto questo mi sembra contraddittorio con quanto dicevi tu proprio le righe sopra. Le regole del gioco sono fatte proprio in modo da scalfire il potere. Non a caso Povero Silvio ha dovuto sovvertirle.


E’ proprio questo il punto che non intendi…….
Se continui a giocare con regole che non ci sono piu’ proprio perche’ sovvertite, ti lascio immaginare il risultato a cui puoi arrivare….

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
florizel
Inviato: 14/10/2010 12:14  Aggiornato: 14/10/2010 12:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
pispax
Citazione:
Le regole del gioco sono fatte proprio in modo da scalfire il potere. Non a caso Povero Silvio ha dovuto sovvertirle.


Ma talmente in modo da scalfire il potere, da essere dotate di altre “regole” che consentono anche di trascescendere e sovvertire quelle a monte.

Il tutto, costituzionalmente.

E qui si viene a parlare di "negazione del diritto" di voto, e di voto come "unica possibilità di difesa" del cittadino nei confronti della politica ...
Ci vuole un bel coraggio.


Discarica Terzigno: disastro ambientale ed omissis.

“Fluoruri, ferro, manganese, nichel e zinco presenti oltre i limiti previsti nelle acque di falda sottostanti la discarica SARI di Terzigno. Superamento delle concentrazioni limite anche per quanto concerne cadmio, PCB (prodotti chimici industriali: vernici, ecc.), ALDRIN (pesticida, più pericoloso del DDT), benzo(a)pirene (idrocarburo cancerogeno). Questo il drammatico elenco delle sostanze rinvenute nelle analisi effettuate sui pozzi spia della discarica dall’ASIA, gestore del sito in partnership con Ecodeco (gruppo A2A). Ancor più preoccupante lo scenario appare se si pensa che chi ha effettuato le analisi, l’ASIA, incarna allo stesso tempo il controllore ed il controllato."



Rifiuti e tumori, scandalo Campania.

"È l’inizio del 2007 e la comunità scientifica internazionale lancia un allarme: c’è un aumento esponenziale dei tumori in alcune aree del napoletano del casertano.

Tutto sarebbe legato allo smaltimento illecito dei rifiuti tossici , dall’inquinamento delle falde acquifere. L’opinione pubblica è allarmata e corre ai ripari la Regione che vuole vederci chiaro. E decide di «allargare la quota di popolazione coperta da registri tumori, in particolare estendendo l’osservazione alla provincia di Caserta e all’intera provincia di Napoli».
La delibera è del 17 luglio e arriva l’ok unanime della giunta per stanziare 2,5 milioni di euro. E invece?
E invece del registro non c’è traccia. Impossibile, quindi, istituire procedimenti penali per disastro ambientale o epidemia colposa. Perché non bastano pubblicazioni scientifiche o pur serie indagini epidemiologiche: occorre il registro ufficiale dei tumori che in Campania è istituito solo in provincia di Salerno e presso la ex Asl Napoli4."

In particolare, il “Registro Tumori di Popolazione della Regione Campania” ,benché denominato come “regionale , e benché ne fosse stato previsto il potenziamento con delibera di Giunta Regionale 2007,n.1293(la quale evidenziava “la necessità di ampliare la quota di popolazione coperta dai Registri Tumori,in particolare estendendo l’osservazione alla provincia di Caserta e di Napoli”) in realtà ad oggi prevede ancora un’estensione territoriale limitatissima: soltanto 35 comuni afferenti all’area dell’ex asl NA4. Emblematica è l’esclusione dei focolai di territorio più contaminati come il Triangolo della Morte(Giugliano – Villaricca – Qualiano) ove ardono incessantemente roghi di rifiuti tossici, i territori adiacenti le discariche di Pianura e Chiaiano, e San Giovanni a Teduccio che ha appena iniziato a pagare quello che sarà il prezzo in termini sanitari della Centrale a Turbogas.

***************************

calvero
Citazione:
Tu non ti sei - mai - perso e mai ti perderai.


Anche perché è difficile perdersi, quando non ci si è mai trovati.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Pispax
Inviato: 14/10/2010 14:18  Aggiornato: 14/10/2010 15:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
incredulo


Citazione:
Citazione:

Pispax

Se ho capito bene quello che hai detto, tutto questo mi sembra contraddittorio con quanto dicevi tu proprio le righe sopra. Le regole del gioco sono fatte proprio in modo da scalfire il potere. Non a caso Povero Silvio ha dovuto sovvertirle.


E’ proprio questo il punto che non intendi…….
Se continui a giocare con regole che non ci sono piu’ proprio perche’ sovvertite, ti lascio immaginare il risultato a cui puoi arrivare….


Non è per giocare a chi ce l'ha più lungo, credimi, però queste cose le intendo benissimo.
Purtroppo.


Le regole finora sovvertite da Povero Silvio sono quelle dell'ESERCIZIO del potere.
Fino a questo momento le regole elettorali non sono state sovvertite. Quando lo saranno l'Italia cesserà del tutto di essere una democrazia reale.
Già oggi sta stentando su questa strada.

Persino il Porcellum, la famosa "legge porcata" di Calderoli, non sposta l'equilibrio in modo significativo.

Il problema è che fino a quando Povero Silvio (o chiunque altro faccia altrettanto) viene eletto nonostante tutte le porcate che combina, in definitiva ha ragione lui.
Non è un caso che sottolinei continuamente, in ogni suo discorso, il fatto che lui è stato scelto dalla maggioranza degli italiani.


In molti, per esempio Sartori, sostengono che se c'è il monopolio dell'informazione nelle mani di un singolo partito/uomo/figura/gruppo economico... non c'è neppure bisogno di prendersi il disturbo di modificarle, le regole elettorali.
Sono d'accordo con loro solo fino a un certo punto, però quello che dicono non è per niente sbagliato.


Tocca prenderne atto. La conseguenza di questa considerazione è che se vuoi levarti dalle balle Povero Silvio tocca durare più fatica per convincere qualcuno che lo vota a non votarlo più. E comunque non è una conseguenza da poco.
(notizia di ieri: hanno nuovamente sospeso le trasmissioni di Santoro).

Perché sostanzialmente non c'è altro modo di liberarsi di Povero Silvio se non attraverso le elezioni.
Da qualunque parte la rigiri si va sempre a finire là.

Tecnicamente fino a quando l'apparato democratico esiste, ogni altro modo E' un golpe.
Con tutte le sue inevitabili conseguenze repressive. (Leggere con cura le parole "inevitabili" e "repressive")

No, non esistono i golpe "buoni".
Se vincono i golpisti dovranno "difendersi dalle frange armate della reazione e evitare la guerra civile"; se vince il governo in carica, per quanto corrotto sia, dovrà "fare in modo che simili attentati alla democrazia non si ripetano". Anzi, di solito quanto più è corrotto il governo in carica quanto più dure saranno le repressioni.
In ogni caso CHIUNQUE vinca ne approfitterà per schiacciarti sotto al tallone.


Io non riesco a vedere una toppa che sia migliore del buco.
Se tu la vedi, parliamone.

Pispax
Inviato: 14/10/2010 14:38  Aggiornato: 14/10/2010 15:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
mangog


Citazione:
Hai ragione da vendere, dalle mie parti fino a metà degli anni 70 le casalinghe andavano a fare la spesa con la propria borsa ed i sacchetti di plastica non erano un problema.
Ricordo che la Nutella era venduta a cucchiaiate spalmate sulla carta oleosa ed il latte veniva versato in bottiglie e pentolini e nessuno comprava l'acqua minerale in bottiglia di plastica. Si beveva acqua dal rubinetto.
Basterebbe così poco per ridurre la quantità di rifiuti.


RIDURRE la quantità di rifiuti non riciclati è faticoso, ma è più che possibile.
ELIMINARE DEL TUTTO i conferimenti alle discariche a quanto pare non lo è.*

Tocca rendeci conto di questo, fra tutti, se vogliamo provare ad affrontare la questione in modo adulto.

La conseguenza delle politiche di riciclaggio è che magari invece di otto discariche ne verrà aperta una sola.
Cazzo, è un passo avanti enorme. Sono politiche da portare avanti senza esitazione e spingendoci quanto più è possibile.
Però quella discarica verrà aperta lo stesso.


E ci sarà comunque almeno un comune, quello dove viene aperta quell'UNICA discarica, dove la gente protesta e brucia le schede elettorali perché non la vuole, e viene bastevolmente randellata dalla polizia.

E gli abitanti di quel comune, giustamente, esporranno i dati sull'aumento dei tumori e tutto il resto.


Non so che dire.
Che facciamo, inceneriamo?





* Un esempio sciocco.
Ieri sera ho bevuto una bottiglia di lambrusco. Molto buono, fra l'altro.
Quando l'ho finita ovviamente ho riciclato il riciclabile: capsula, reticella e bottiglia nel contenitore Vetro&Metalli e il sughero nel Verde.
Questo significa che ho eliminato il rifiuto indifferenziato?
Col cazzo.

Attaccate alla bottiglia ci sono due etichette di carta, per un peso medio all'incirca di 6 grammi. Questa carta viene attaccata al vetro con colle particolari che si sciolgono solo usando degli olii (mi sembra si chiamino colle liposolubili. E' il motivo per cui anche a mettere i barattoli di vetro in lavastoviglie a 70 º resta sempre la colla attaccata)
In Italia ogni anno vengono vendute circa 400.000 bottiglie di lambrusco. Sono 2.400 kg. di carta per il solo lambrusco, più il peso della colla.

Questa roba o viene distrutta nel processo di riciclo del vetro - e quindi incenerita, con tutti i problemi collegati alla faccenda - oppure viene conferita in discarica.

Un altro esempio: la carta patinata.
Non c'è verso di riciclarla.
Pensateci, prima di acquistare Novella 2000 o Cosmopolitan

incredulo
Inviato: 14/10/2010 15:59  Aggiornato: 14/10/2010 15:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Ottimo Pispax, ottimo vedo che cominciamo a capirci…….

Citazione: Il problema è che fino a quando Povero Silvio (o chiunque altro faccia altrettanto) viene eletto nonostante tutte le porcate che combina, in definitiva ha ragione lui. Non è un caso che sottolinei continuamente, in ogni suo discorso, il fatto che lui è stato scelto dalla maggioranza degli italiani.

Un punto cardine della realta’, che ti dovrebbe fare riflettere su quale PIANO della stessa, lavora quest’uomo, perche’ di uomo si tratta non di marziano.
Silvio Berlusconi lavora su di un piano molto piu’ sottile di quello grossolano a cui siamo abituati, in sostanza mentre finge di rimanere tra i “paletti” dell’esercizio del potere, lusinga e va a solleticare una PARTE del nostro ESSERE e lo ripeto ESSERE, comune a TUTTI noi.
Tutti noi abbiamo al nostro interno un Silvio Berlusconi tutti, nessuno eslcuso.
Per quanto quest’idea mi risulti ostica da accettare, cosi’ e’.
Sai la classica iconografia del diavoletto e dell’angioletto, che ti conducono in una direzione o all’opposto ogni volta che devi scegliere.
In breve quest’uomo ha dato voce, visibilita’, azione al diavoletto interiore sbandierando al mondo quali meraviglie (Denaro, potere, donne, successo), ti assicuri quel tipo di comportamento.
Le persone comuni si sono identificate con il portatore di luce e di verita’, colui che non perde mai nonostante abbia TUTTI contro, un eroe capace di sconfiggere tutti coloro che lo vorrebbero imbrigliare, al punto che anche gli oppositori politici ne subiscono il fascino, incapaci di uscire da un loro limite interiore.
ATTENZIONE, non sto dicendo che Silvio e’ un diavolo ma un uomo che ha come fede questa visione della realta’ e una grande forza per realizzarla.

Il risultato e’ sotto gli occhi di tutti e tutti coloro che internamente hanno altre visioni, continuano a ricercare una solluzione ESTERNA che magicamente faccia scomparire tutto cio’ che fa schifo attorno a loro. Cercano una soluzione ma non ne vedono una che una, trovando palliativi e azioni che non incidono sulla situazione REALE , perche’ svolte su di un altro piano di realta’ in un eterno gioco dell’oca che ti rimanda sempre alla casella di partenza.

Personalmente e paradossalmente trovo che questa situazione sia molto stimolante ed educativa.
Penso che il vivere questi anni sia lo spot migliore possibile per un cambiamento REALE del nostro se’, che ci porti a rifiutare queste logiche e a vivere piu’ liberi e consapevoli. In questo credo, e nel mio piccolissimo ruolo, ma non in solitudine esistono tanti come me, agisco e vivo

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
alfridus
Inviato: 14/10/2010 17:26  Aggiornato: 14/10/2010 17:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Calvero, Pispax, a_mensa, Superava,...

"Qui è solo per i pazzi.
I disadattati. I ribelli.
Gli agitatori.
I pioli nei fori quadrati. Quelli che la vedono diversamente.
E che non adorano le regole.
E nemmeno rispettano lo status quo.
Puoi citarli, non essere d'accordo con loro; glorificarli, denigrarli.
L'unica cosa che non puoi fare è ignorarli.

Perché sono loro che cambiano le cose.
Che mandano avanti l'umanità.
E mentre qualcuno potrebbe crederli matti, noi scorgiamo il genio.
Perché quelli abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, sono loro, che lo fanno.
Jack Kerouac"
__________________________________

Noi tutti siamo qui a discutere e discettare, spaccando il capello in quattro ed anatomizzando la realtà nella quale siamo immersi, perchè facciamo quella che è la nostra parte.

Non illudiamoci di avere la tempra degli avventurieri che ogni minuto giocano la propria vita, pur di catturare il proprio sogno, ben determinati a scambiare questo con quella: non saremmo qui, ma altrove, dove l'azione sopravanza il pensiero, e talvolta lo realizza, immolandosi ad esso.

Perchè chi agisce sente prepotente l'esigenza di materializzare il futuro che gli sfuggirebbe altrimenti; e non parla, grida; non discute, irrompe nella realtà e la modifica o perisce nel tentativo.

E questo atteggiamento, che nasce dal profondo delle viscere, lo spinge con una prepotenza ch'egli riversa furibondo su qualsiasi ostacolo, che abbatte con odio che non ragiona.
Ma il suo odio si forma dalle nostre riflessioni, si nutre dei nostri pensieri, che gli sono penetrati dentro, e lo motivano: ed è questa la nostra funzione, non altra; il nostro compito è di realizzare la spinta ideale necessaria e sufficiente a motivarlo.

Altri, molti, lo seguiranno nella strada che tracceremo.
E sta a noi tracciarla, nella nostra mente, preveggendo gli ostacoli e prefigurando gli accadimenti secondo disegni precisi e concatenati.
Perchè quella che ci aspetta è una guerra nella quale è consentito perdere delle battaglie, ma non l'agone finale.

Quindi, accapigliamoci pure sui concetti, ma rendendoci conto di quale sia la nostra parte, evitando di perder tempo trastullandoci in polemiche che non portano da nessuna parte.

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Calvero
Inviato: 14/10/2010 17:37  Aggiornato: 14/10/2010 17:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Caro Alfridus, hai scritto cose sensate e anche sagge, me mi sento anche offeso .. da questa uscita che a volte sembra una "sparata" di rabbia più che altro.

Non puoi neanche dare per scontato che chi scrive da dietro un monitor stia fermo a grattarsi gli zebedei o lo sia sempre stato.

Ad esempio, in questo Topic, ed in Home Page dove è il luogo adibito a commentare le notizie ... questo si fa. E spesso, molto bene. Il semino che lasciamo non possiamo sapere quali frutti porterà. Potrebbe essere anche quello, ne butto una a caso, che dei ragazzi evitino di andare ad arruolarsi per esportare la democrazia ... perché no?

Tu chi sei per sapere cosa si muove nelle coscienze di chi ci legge e di chi partecipa?

Noi non abbiamo nessun potere diretto, ma stiamo scrivendo anche qualche pagina valida in mezzo, certo, anche a delle stronzate. Ma già il fatto che non si faccia parte del pubblico beota e rimbambito che fissa la televisione e non percepisce i suoi mantra per quello che sono, è già molto.

Quindi NON DEVO raccontarti la mia Vita e credo nemmeno gli altri debbano, ma un po, hai cagato fuori dal vasino

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
incredulo
Inviato: 14/10/2010 17:49  Aggiornato: 14/10/2010 17:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:

Perchè chi agisce sente prepotente l'esigenza di materializzare il futuro che gli sfuggirebbe altrimenti; e non parla, grida; non discute, irrompe nella realtà e la modifica o perisce nel tentativo. E questo atteggiamento, che nasce dal profondo delle viscere, lo spinge con una prepotenza ch'egli riversa furibondo su qualsiasi ostacolo, che abbatte con odio che non ragiona. Ma il suo odio si forma dalle nostre riflessioni, si nutre dei nostri pensieri, che gli sono penetrati dentro, e lo motivano: ed è questa la nostra funzione, non altra; il nostro compito è di realizzare la spinta ideale necessaria e sufficiente a motivarlo. Altri, molti, lo seguiranno nella strada che tracceremo. E sta a noi tracciarla, nella nostra mente, preveggendo gli ostacoli e prefigurando gli accadimenti secondo disegni precisi e concatenati. Perchè quella che ci aspetta è una guerra nella quale è consentito perdere delle battaglie, ma non l'agone finale.

Non volevo rispondere, ma non ho resistito..........
Scusami tanto non per amore di polemica,giustamente definita sterile, ma queste convinzioni cosi' roboanti rappresentano perfettamente in quale modo i nostri PADRONI ci controllino...

niente di personale

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
alfridus
Inviato: 14/10/2010 18:40  Aggiornato: 14/10/2010 18:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Che vuoi farci, Calvero...
Ogni tanto mi scappa fuori il matto...
Sai com'è: sono un sessantottino, che già alla fine degli anni '60 intravide il crollo dei sindacati ai piedi dei Padroni; e da allora sono rimasto un po' più incazzato che deluso.

Però, non intendevo offendere nessuno; volevo solo distinguere il ruolo di noialtri (e parlo di ME) da quello di chi, ad oggi, è in condizioni di battersi per qualcosa in modo (anche) fisico. Il che, sempre per me, è trapassato remoto: abbi pazienza, ma leggervi come faccio tutti i giorni, informati, bellicosi, e pimpanti - e davanti ad uno schermo esattamente come me - mi stimola a stuzzicarvi un po' in direzioni un tantino più concrete: sei stato tu a citare Kerouac, o mi sbaglio? Tra l'altro, una bella lirica; come hai giudicata la mia versione?

A parte tutto, non credi che si possa delineare una specie di decalogo che disegni una possibile linea d'azione? Lo trovi prematuro, o temi piuttosto che sia già tardi?

Io vedo che un punto sensibile potrebbero essere i media; si potrebbe studiare come manipolarli a nostro vantaggio, aprendo qualche varco per lasciare entrare un po' d'aria buona, non necessariamente in modo brutale, che so, con un bazooka...

Discutiamone?

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Calvero
Inviato: 14/10/2010 18:53  Aggiornato: 14/10/2010 18:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Se hai notato sono partito con un - per niente sarcastico - CARO Alfridus.. e non mostro simpatie di circostanza. Ho percepito il cuore di quello che è insito nelle tue parole e quel che hai argomentato, solo che sei partito in quarta. Tutto qui.

Guarda, ora non mi ricordo dove, ed era in Home Page, ho dedicato molto tempo anche nel raccontarmi e in come mi sono mosso. Non credo di avere la tua età, ma ho agito nelle mie possibilità, ovviamente rimettendoci (funziona così) e ho fatto molto per questo "sogno" che difendi anche tu, anche mentre ero dalla parte del nemico. Ho dedicato anche anni mentre ero libero ad appartenenze e, ti dirò, sono stanco e deluso. Sono in mobilità e non è che ho molte opzioni che mi possano far muovere adesso...


Comunque non sono stato io a parlare di Kerouac

ora andremo anche OT ... ma credo che sulla questione, qualcosa lo si intuisca già da quel che ho postato.

Citazione:
Io vedo che un punto sensibile potrebbero essere i media; si potrebbe studiare come manipolarli a nostro vantaggio, aprendo qualche varco per lasciare entrare un po' d'aria buona, non necessariamente in modo brutale, che so, con un bazooka..


vorrei risponderti, ma dovrei parlare altro che di Bazooka ...

poi, non so bene cosa intendi, si potrà approfondire o puoi aprire un Topic nel forum

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
alfridus
Inviato: 14/10/2010 19:07  Aggiornato: 14/10/2010 19:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
incredulo:
Se pensi che ho usato un tono roboante, può darsi che l'abbia voluto: perchè desideravo sottolineare il peso, la forza, e la determinazione dell'avversario; ma forse anche per GRIDARE che l'avversario c'è, ed anche ben agguerrito, e che ciò comporta tenere un atteggiamento all'altezza della situazione.
Credo - vorrei sbagliarmi - che lo si potrà soverchiare solo valutandone con precisione le capacità, ma anche i fini, e i modi con i quali li persegue, e che sono sempre mimetizzati egregiamente, come in una partita a scacchi che si rischia di giocare bendati.
Non vuole essere una polemica, ma la domanda di una accorta programmazione... se non la giudicate fuori tempo e luogo.

Dici "convinzioni cosi' roboanti rappresentano perfettamente in quale modo i nostri PADRONI ci controllino"...
Non fermarti qui! Esprimiti apertamente, aiutami a comprendere cosa hai intravisto in trasparenza in quel che ho scritto, ti prego!

Discutiamone!

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
alfridus
Inviato: 14/10/2010 19:16  Aggiornato: 14/10/2010 19:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Calvero,
hai ragione: la citazione di Kerouac era di Pispax.

Un colpo di bazooka fa solo un buco: quel che mi interesserebbe sarebbe infilarci un... infiltrato.
Vuoi mai che tra gli amici ed amici degli amici non si abbia un conoscente che lavori in qualche redazioncina di provincia, e che non si possa trovare uno spazio - una semplice crepa, per far passare qualche idea suggerita con finezza, fra tette e culi?

Desideri allargare il giro di chi è informato, o no?

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Calvero
Inviato: 14/10/2010 19:23  Aggiornato: 14/10/2010 19:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Calvero,
hai ragione: la citazione di Kerouac era di Pispax.


.. non farlo più

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 14/10/2010 19:34  Aggiornato: 14/10/2010 19:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Desideri allargare il giro di chi è informato, o no?


Non credo sia più questa la strada, lo era poco dopo l'11 Settembre .. e mi ci sono messo con tutta l'anima.

Certo la faccio nel quotidiano, appena colgo l'occasione mi dò da fare.

La questione di pianificare un nuovo processo culturale mi ha sconcertato a diversi piani. Sia dove ho incontrato intellettuali diciamo di Tiratura Nazionale, sia movimenti in ambito Regionale e provinciale .... dove i tempi, quando si trattava di prendersi le palle in mano (come dice a_mensa), chissà perché diventavano sempre "prematuri" e le spalle ... si voltavano

... mentre a livello "operaio", per capirci, ormai la gente ha ingoiato ogni formula e contro/formula dove anche colui che è ricettivo nel capire la menzogna dell' 11 Settembre (per dirne una) ti dice serafico: - ma si sa che vanno così le cose. Ho fatto una sintesi, ti giuro ora non ho voglia di approfondire.

Abbiamo perso, e non lo dico sulla base della mia delusione... io posso sbagliare gli approcci e molti possono fare meglio di noi: il fatto è che il "limbo Orwelliano" ha raggiunto il suo scopo.

Il fatto che siamo qui a fare salotto, non significa che una discesa in piazza non sia un altra forma di fare salotto. Una formula valida è comunque il boicottaggio profondo che andrebbe attuato nella quotidianità.

.. ora, perdonami, mi fermo qui

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 14/10/2010 19:41  Aggiornato: 14/10/2010 19:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
PS

una domanda è: darsi da fare per chi? non siamo i samaritani di un Brefotrofio (ogni tanto me lo scordo e mi nasce troppa compassione per la gente), la gente ha la testa fondamentalmente per due cose 1) gli zuccherini (abbiamo anche un tecnico qui) e 2) farsi i cazzi propri.

Noi non ci stiamo facendo i cazzi nostri amico, ma anche andare a farsi i cazzi degli altri non è cosa che mi interessa (non so se capisci cosa intendo) .. e il rischio di non sentirsi dire neanche grazie è ormai una certezza.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Makk
Inviato: 15/10/2010 0:18  Aggiornato: 15/10/2010 22:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Alfridus
Citazione:
abbi pazienza, ma leggervi come faccio tutti i giorni, informati, bellicosi, e pimpanti - e davanti ad uno schermo esattamente come me - mi stimola a stuzzicarvi un po' in direzioni un tantino più concrete:

Abbi pazienza ma sei il 50° 68no che mi capita fra i piedi con la sua aria da pantofole e le lotte che siccome le ha fatte e ora tocca agli altri blabla

Io bazzico un centro sociale nella mia città. Funziona da decenni e ogni mercoledi c'è la riunione organizzativa, durante la quale (fra l'altro) si valutano le proposte degli esterni che vorrebbero fare qualcosa con noi o usare una delle nostre due sale.

Al momento abbiamo, ospiti fissi,
una rete anti-razzista (ci partecipano persino degli extracomunitari... wow!)
uno sportello per seguire sanatorie e ricorsi degli inquilini case popolari
dei corsi di danza, teatro e organetto.
poi
abbiamo diversi spettacoli musicali e tatrali in programma (in realtà abbiamo più richieste di quante ne possiamo materialmente ospitare)
ospitiamo i precari della grande distribuzione e quelli della scuola per i loro incontri
dei ragazzetti per le loro riunioni di pormozione dei gruppi rock emergenti
il Gruppo di Acquisto Solidale
abbiamo fatto la campagna sull'acqua pubblica
da 10 anni raccogliamo fondi e adottiamo a distanza 1 bambino palestinese
insieme ad altri organizziamo il mercatino biologico una volta al mese,
abbiamo donato 5 computer a una scuola-container dell'Aquila e 500€ a un gruppo teatrale che faceva animazione nei campi
ci abbiamo telone, impianto e videoproiettore per il cineforum
ospitiamo presentazioni di libri.



Sei in pantofole ma almeno non sei il solito 68no piagnucoloso che "hanno vinto loro, noi abbiamo sbagliato tutto" perciò...
...se hai qualcosa di serio da proporre, vieni, e prendi il numeretto. Sebbene a un mese e mezzo dalla riapertura siamo già pieni, il venerdi sera è comunque tenuto libero per le iniziative spot.

Da fare ce n'è, il ns presidente ha 60 anni, quindi problema non è la noia né l'anagrafe.

Avremmo bisogno di 10 persone in più e di altre 5 sale (ma poi ci servirebbero ancora altre 20 persone, mi sa...)

Vuoi una possibile linea d'azione fuori da internet?
Cerca nella tua zona gli spazi non ancora istituzionalizzati o sgomberati dalle madame e vai, frequenta, falli conoscere e fatti conoscere. Vedi se puoi renderti utile.

Hanno paura di noi solo se siamo tanti, se ci sentiamo vicini gli uni con gli altri e se abbiamo dei POSTI dove esercitare questa solidarietà.

Uno di questi posti è internet (finché dura). Ma ci sono spazi in real life. Pochi, sempre meno, e invece sono PREZIOSI.

Quando non ci saranno più (e vale anche per internet) ti mancheranno (posto che tu abbia mai saputo della loro esistenza), ma sarà tardi.

Quindi la linea d'azione è: PARTECIPA*.
Se proprio non puoi partecipare, finanziali: anche i 5€ (del sottoccupato che non può permettersi di più) fanno.

O quanto meno non ci sputare sopra, agli spazi di libertà (virtuali o reali che siano).
Anche se sono solo grillini o fabbriche di nicki sono meglio di niente. C'è qualcuno che li tiene aperti. Lo fa anche per te. Rispettalo.


*Non dare retta a Pispax: il rischio di manganellate è remoto. Ad aver paura ci penserai quando sarà il momento (e comunque sarai sempre in tempo a tirarti indietro).



E, per la seconda volta
QUELLE FRASI NON SONO DI KEROUAC, MA DI STEVE JOBS
e servono a vendere merce.
Come tutta la fuffa motivazionale, è molto bella e rotola bene in bocca ma non serve a un cazzo.

Pispax
Inviato: 15/10/2010 1:24  Aggiornato: 15/10/2010 1:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Makk


Citazione:
Io bazzico un centro sociale a Roma. Funziona da decenni e ogni mercoledi..


Grande Makk.
Così si fa.







Citazione:
Non dare retta a Pispax: il rischio di manganellate è remoto.


Secondo Marco Cedolin nei posti che dicevi prima tu (Val di Susa e Terzigno) le manganellate piovono come la grandine a febbraio, altro che remoto.
D'altra parte nomen omen: basta pensare a chi è il nostro capo della polizia.

In ogni caso le manganellate prese per una giusta causa non fanno neppure troppo male.


Il problema secondo me non è quello: è ridurre tutta la propria strategia politica alla sola '"azione dimostrativa" che è sostanzialmente sciocco.

alfridus
Inviato: 15/10/2010 16:55  Aggiornato: 15/10/2010 16:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Ciao Makk!
ti ringrazio di essere intervenuto nel modo in cui lo hai fatto: con garbo, considerazione, ma principalmente con una veramente consolante sfilza di attività decisamente interessanti e costruttive: come presentazione non avresti potuto fare di meglio, davvero!

Peccato che tengo i contatti con voi (e tanti altri) dalla Romania, attraverso la rete. Non è certamente una sorpresa: la cosa è inserita nel mio avatar - direi meglio, lo sostituisce...

Ciò non esclude una mia partecipazione: passami qualche link, dove potrò raccattare altri dettagli, e proposte di collaborazione, e vedrai che qualcosa ne verrà fuori.

Se credi, visto che siamo completamente OT, fallo in MP.

P.S.- per quanto riguarda Kerouac/Jobs mi devo scusare: preferisco lasciar cadere la cosa.

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Makk
Inviato: 15/10/2010 21:09  Aggiornato: 15/10/2010 21:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Secondo Marco Cedolin nei posti che dicevi prima tu (Val di Susa e Terzigno) le manganellate piovono come la grandine a febbraio, altro che remoto.
D'altra parte nomen omen: basta pensare a chi è il nostro capo della polizia.

In ogni caso le manganellate prese per una giusta causa non fanno neppure troppo male.

Il problema secondo me non è quello: è ridurre tutta la propria strategia politica alla sola '"azione dimostrativa" che è sostanzialmente sciocco.

Marco ha perfettamente ragione.
Quando la cosa è realmente importante (aka = ci son di mezzo le palanche), ammazzano pure.
Ma non c'è strategia che tenga quando ti vogliono spianare, c'è solo resistere. Magari fallendo ma resistere.
Dare l'esempio che non ti fai piegare.
Se non sai fare quello allora puoi anche votare la Bresso o Bassolino (minkia ma gli stronzi cominciano TUTTI con la "b"!?), che tanto non cambia niente neanche in potenza. Parti sconfitto e basta.
Nessuna "strategia politica" può esistere se non hai chiaro qual'è l'obiettivo: contrastarli, non stare dalla parte del più forte, non mescolarti coi BersaBossiBerluBertinoBocchini (ué tutti con la "b" davvero ).

Ma Susa e Terzigno sono prime linee. Nelle altre città[dine] le randellate sono un problema remoto. Se ti attivi, potresti non farti trovare con le braghe calate il giorno che la linea del fronte arriva dalle parti tue.

Makk
Inviato: 15/10/2010 22:01  Aggiornato: 15/10/2010 22:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
una veramente consolante sfilza di attività [cut] come presentazione non avresti potuto fare di meglio

Aspetta, le medagliette non mi interessano, né farla pesare.
Non è una roba tipo "io faccio cose e tu no, gné, gné, gné". Anche perché io da solo non faccio niente. E' perché c'è una comunità solidale che si riesce a fare le cose. Perché intanto si comincia e poi altri si accodano.

Il punto era: guarda quante *piccole* grandi cose (se le rileggi vedi che ciascuna di loro non è poi 'sta gran difficoltà) si possono fare se hai uno spazio tuo e se ti guardi negli occhi con altra gente.
Era una risposta a "perché non cominciamo dai media"?
E anche al "stiamo tutti dietro una tastiera a fissare un monitor".

Ribadisco che gli *spazi* di libertà sono la tua trincea. Se sono la controinformazione su Internet o fare il cineforum nel vecchio qualsiasicosa semi-abbandonato, sempre spazi sono. Sempre resistenza sono.

Francamente: riappropriarsi dei media, manipolarli a nostro vantaggio? Ti crescono 2-300 milioni di euro...?
O pensi alle tattiche di guerriglia mediatica alla wu-ming? Fichissime ma ci vuole il manico, un manipolo di geni (e torniamo ai pazzi che ispirano te e pispax), e non si trova dietro ogni angolo. Non è una strategia. E' una torre d'avorio (certo, divertente, però )

Una strategia può essere appropriarsi di luoghi dove esercitare la tua libertà di essere un gruppo solidale

Citazione:
tengo i contatti con voi (e tanti altri) dalla Romania
Fa niente, era evidente che usavo l'espediente letterario di fingere che tu fossi della mia città. Significava che qualsiasi città è buona per guardarsi intorno e vedere dove (voglio essere ottimista e non usare "se") c'è qualcosa che si muove.

Citazione:
passami qualche link, dove potrò raccattare altri dettagli, e proposte di collaborazione

Mi sa che non mi spiego ancora...
Internet:
non ha importanza la distanza, quel che conta è spargere informazione NON tossica. La "comunità" è virtuale, la solidarietà e il senso di vicinanza sono necessariamente in po' artificiosi. Ma le info che spargi possono potenzialmente essere a disposizione per un sacco di gente.
Ottimo partecipare a forum di controinformazione. Il tuo contributo sarà sempre utile.

Real Life:
fai vedere che ci sono persone che collaborano, solidarizzano, fanno le cose. Quello che conta non è tanto il contenuto (che comunque ci vuole), la "buona informazione"... quanto che fai vedere come l'unirsi fa succedere le cose. La comunità è reale, la portata delle cose che fai è necessariamente circoscritta (il nome del mio centro sociale difficilmente dice qualcosa a quelli di un'altra città). Il contattarsi, parlare faccia a faccia è troppo importante.
Cerca situazioni nella tua zona, non a distanza, perchè sono le uniche che ti possono dare modo di esprimere la voglia di fare qualcosa nela vita reale.

alfridus
Inviato: 18/10/2010 20:00  Aggiornato: 18/10/2010 20:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
@Makk

Grazie!
Sempre gentile ed insieme concreto...
Sono troppo sognatore: OK.

Bene, vuoi vedere che hai ragione?
Mi tiro su le maniche e vedo cos'altro ancora posso spremere da questo limone rinsecchito, senza voler far parlare di me, ma delle [mie] idee.
Ma cercando di farle camminare...

Ci rivediamo, eh?

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
florizel
Inviato: 18/10/2010 21:51  Aggiornato: 18/10/2010 21:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Terzigno: un esempio da seguire

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
marcocedol
Inviato: 18/10/2010 22:38  Aggiornato: 18/10/2010 22:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Citazione:
Terzigno, cariche e botte. Terzigno, tensione torna a salire.


Cittadini bastonati perchè difendono il loro diritto ad esistere, ma l'unica violenza naturalmente è quella degli ultrà......

redna
Inviato: 24/10/2010 22:23  Aggiornato: 24/10/2010 22:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Rifiuti:tecnico morto impianto Giugliano Travolto da una pala meccanica.Bertolaso:al lavoro per emergenza

(ANSA) - NAPOLI, 24 OTT - Un operaio e' morto in un incidente sul lavoro avvenuto nello Stir (impianto di trattamento dei rifiuti) di Giugliano nel Napoletano. Silvano Di Bonito, 49 anni, di Portici (Napoli) stava lavorando con altri colleghi.

Secondo una prima ricostruzione si e' allontanato per entrare in un capannone e qui e' stato investito da una pala meccanica.

L'operaio e' morto prima che l'ambulanza del 118 potesse soccorrerlo. La moglie e' in attesa del secondo figlio.

Bertolaso: era al lavoro per l'emergenza.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2010/10/24/visualizza_new.html_1728868333.html

---edit---

Rifiuti: operaio muore in impianto, crisi diventa dramma

NAPOLI - Un incidente mortale sul lavoro segna la nuova crisi dei rifiuti di Napoli. Nel pomeriggio un tecnico dell' Asia, azienda comunale per la raccolta dei rifiuti, è morto nell' impianto Stir (ex Cdr) di Giugliano, che lavora in turni straordinari per fronteggiare l' emergenza. Silvano Di Bonito, 49 anni, di Portici (Napoli), capoturno, dipendente dell' Asia da gennaio, sindacalista della Cisl, è stato travolto da una pala meccanica all' interno di un capannone. Al momento dell'incidente era solo: la dinamica esatta non è stata ancora ricostruita. La notizia ai giornalisti, in attesa nella Prefettura di Napoli, la dà il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, che fa slittare l'inizio della conferenza stampa prevista. "Si era prestato a dare una mano per l'impianto che era aperto questo pomeriggio e che ordinariamente sarebbe stato chiuso - ha detto Bertolaso, che ha rivolto alla famiglia di Silvano Di Bonito "le condoglianze più sincere e sentite da parte nostra e del Governo, che è stato informato". Il lavoro nell' impianto - autorizzato da Bertolaso, insieme all'altro Stir di Tufino - che riceve i rifiuti di Napoli che non possono essere sversati a Terzigno, è sospeso in attesa della conclusione dei rilievi disposti dalla Procura.

Dolore viene espresso anche dal presidente della giunta regionale Caldoro e dal sindaco di Napoli Iervolino. "Siamo vicini alla famiglia del lavoratore che ha perso la vita mentre faceva il suo dovere, di domenica in via eccezionale, perché gli era stato richiesto un lavoro in più", afferma Caldoro. "A lui va la gratitudine più profonda, Napoli non dimenticherà il suo sacrificio e il suo lavoro", aggiunge il sindaco, che esprime la propria gratitudine anche "a tutti i lavoratori di Asia, che in questi giorni si stanno prodigando aldilà di ogni loro dovere". Il presidente dell' Asia, Claudio Cicatiello lo ricorda come "un tecnico esperto, assunto proprio per la gestione dell' impianto Stir". In attesa della riapertura di Giugliano, il conferimento dei rifiuti continua nello Stir di Tufino, che ha una capacità massima di 1000 tonnellate al giorno.

link....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
_gaia_
Inviato: 25/10/2010 8:31  Aggiornato: 25/10/2010 8:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/2/2006
Da:
Inviati: 1460
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Articolo di Alessandro Iacuelli:

Gli inganni di Terzigno

Una legge che non è una legge ma un decreto d'urgenza scaduto e quindi non più valido, un'azienda che ha qualche 'falla' di troppo che va nascosta e curiose coincidenze temporali e mediatiche..
(E intanto i rifiuti tossici continuano a venire smaltiti nel cemento delle strade e sui campi coltivati).
Viva l'italia.

Notturno
Inviato: 25/10/2010 9:57  Aggiornato: 25/10/2010 9:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Estremamente interessante, gaia.

Grazie!!!

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
Al2012
Inviato: 25/10/2010 14:41  Aggiornato: 25/10/2010 14:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Segnalo (nel caso non fosse già stato fatto)

°°°

Campania, cuore di tenebra d'Italia in sala il docufilm-shock sui rifiuti
“la Repubblica”

Citazione:
"Biùtiful cauntri" racconta la tragica vita quotidiana in quell'area del Napoletano stretta tra discariche fuori norma e un oceano di rifiuti tossici gettati della camorra
Sullo schermo il dolore delle vittime: dagli allevatori di pecore uccise dalla diossina
ai bimbi rom che vivono nella monnezza.

"Ma il vero delitto è dire che lì non si muore"



Citazione:
"Ci stanno facendo morire come le pecore. Lentamente".

Siamo ad Acerra, pochi chilometri da Napoli, ex zona lussureggiante della Campania Felix, ora cuore dell'emergenza ambientale.
A parlare è un allevatore i cui capi sono condannati all'abbattimento, tutti con tassi di diossina intollerabili.
E non sono gli unici esseri viventi ad apparire senza scampo.
Con loro, come loro - respirano la stessa aria contaminata dai rifiuti tossici, si nutrono degli stessi prodotti della terra avvelenati - gli uomini, le donne e i bambini che, finora, se ne sono presi cura. "


Citazione:
"Ma non c'è solo l'aspetto di informazione, a rendere unico Biùtiful Cauntri.

A colpire lo spettatore sono, ancora di più, i volti e le voci delle vittime di questa catastrofe ambientale: gli allevatori, che piangono guardando le loro pecore abbattute; i bambini di un grande campo rom, che vivono letteralmente tra i rifiuti (come i loro coetanei africani che si vedono in un altro documentario attualmente nelle sale, Forse Dio è malato); e cittadini-eroi come l'educatore ambientale Raffaele Del Giudice.

Un uomo che non si arrende, che denuncia continuamente discariche illegali e impianti legali non a norma.
E che oggi, alla conferenza stampa di presentazione del film, ricorda anche le minacce della camorra:
"Non quelle de visu, ma quelle che si sentono nell'aria che si respira, nel recinto in cui ti chiudono".

Eppure, al di là della scontata immoralità dei clan, a colpire di più sono altri due aspetti.

Primo: la follia delle imprese italiane, che pur di risparmiare accettano di smaltire in questo modo i loro scarti.

Secondo, la totale assenza o la colpevole incompetenza delle istituzioni:
"Quando funzionari dello Stato o autorità dicono lì non si muore di diossina - dichiara Andrea D'Ambrosio, uno dei registi - commettono un vero e proprio delitto. Un atto di terrorismo".

"E tutto questo accade qui in Italia, non solo in Africa", sottolinea Peppe Ruggiero.
In un'Italia che forse, come spiega la Calabria,

"i nostri registi, e non solo quelli di documentari, dovrebbero provare a raccontare un po' di più". "



Note:

BIUTIFUL CAUNTRI 8 parti
1 http://www.youtube.com/watch?v=-ikJCT5OFpM

BIÙTIFUL CAUNTRI -- CONFERENZA 6 parti
http://www.youtube.com/view_play_list?p=AB4877440738A281

Comitati antidiscarica La Russa Anno Zero 2 parti
1 http://www.youtube.com/watch?v=yjZr0BPFzFY

°°°

Forse Dio è malato – conferenza stampa 3 parti
1 http://www.youtube.com/watch?v=gXW1f8kM2Rg

°°°

“Capire … significa trasformare quello che è"
temponauta
Inviato: 25/10/2010 15:10  Aggiornato: 25/10/2010 15:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
I rifiuti della Campania devono essere smaltiti in Campania.
E' un problema locale e non nazionale.
Diventa nazionale solo perchè la camorra strumentalizza la gente di Terzigno per danneggiare lo Stato, suo competitore nella gestione del territorio (almeno all'apparenza).
E questa strumentalizzazione si rivolge contro le forze dell'ordine, le cui uniformi rappresentano lo Stato.
La gente di Terzigno non è credibile.
Lo sarebbe solo se fosse andata a Napoli a impiccare la Iervolino e Bassolino, i veri responsabili del dissesto ambientale campano, con una politica dello smaltimento dei rifiuti che viaggia tra il ladrocinio e la più bieca inettitudine.
Invece no, le famiglie di camorristi di Terzigno cercano la vittima tra i figli in uniforme dello Stato.
Fosse per me, in tutta l'area vesuviana interessata metterei il coprifuoco notturno, e di giorno userei la forza senza sconti su chi muove violenza verso gli agenti in divisa.
Quelli di Terzigno vadano a Napoli a prendere i responsabili, non che obbediscono agli ordini della camorra di lasciarli in pace.
Infine, che tra i rifiuti vi siano gli zingari è l'unica cosa corretta di tutta la vicenda.

audisio
Inviato: 25/10/2010 15:38  Aggiornato: 25/10/2010 15:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Temponauta, le discariche della Campania sono state riempite a
suo tempo con rifiuti del Nord.
Per questo sono piene, e non solo le discariche visto che le aziende
del Nord (molte del gruppo Fiat, vero Marchionne?) hanno sversato
in buchi improvvisati sull'intero territorio campano avvelenando i terreni
e di conseguenza i pomodori e le mozzarelle che tutti noi mangiamo.
Inoltre, gli abitanti di Terzigno cò 'sta monnezza non hanno nulla a che
spartire, visto che nei 4 comuni la differenziata la fanno ed è paradossale
che chi fa le cose giuste deve poi anche pagare per le zozzerie degli altri...

temponauta
Inviato: 25/10/2010 19:04  Aggiornato: 25/10/2010 19:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Terzigno: un esempio da seguire
Ciao Audisio.
Quindi è ancora peggio e a maggior ragione se la dovrebbero prendere con la politica locale che ha consentito quello che hai correttamente precisato.
Perchè secondo te non lo fanno, ma se la prendono direttamente con lo Stato?
Per me è una chiara strumentalizzazione da parte della consorteria camorra-politica campana (leggasi Bassolino e Iervolino in testa).


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA