Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Inviato da Redazione il 24/10/2009 9:10:00 (14163 letture)

Il dibattito sull’utilità della chemioterapia ha finalmente raggiunto il livello mainstream.

Ieri sera Larry King (CNN) ha dedicato la puntata del suo talk-show alla questione cancro, invitando l’attrice-autrice Suzanne Somers a presentare il suo nuovo libro intitolato “Knockout – Interviste a dottori che curano il cancro”, che va in distribuzione negli Stati Uniti in questi giorni.

Ex-attrice di una nota serie TV degli anni ’80, la Somers (63 anni) è diventata una convinta sostenitrice delle terapie alternative dopo essersi curata un tumore al seno con l’Iscador, nel 2001. Da allora ha scritto diversi libri, nei quali denuncia la scarsa efficacia della chemioterapia per la maggioranza dei tumori più comuni, e sostiene a spada tratta la tesi naturalistica/nutrizionale mirata alla ricostituzione di un sano sistema immunitario.

Fino a ieri però la Somers, che ha un grosso seguito di pubblico femminile, aveva soltanto “flirtato” con la critica all'oncologia ufficiale, ...


... mentre col suo ultimo libro si è messa apertamente contro, fin dalla scelta del titolo: affermare che esitono “dottori che curano il cancro” equivale infatti a dire che il sistema vigente non funziona. L’autrice inoltre si è lasciata scappare una dichiarazione, ad un party privato, nella quale diceva che “Patrick Swayze è stato ucciso dalla chemioterapia”. La frase è stata prontamente riportata dai media, scatenando un mezzo finimondo.

Non a caso da qualche giorno la Somers si ritrova al centro di pesanti attacchi da parte della stampa, che la accusa di stare dalla parte dei dottori “controversi”. Dove per “controverso”, nella velata cultura anglosassone, si suggerisce qualcosa di illegale o quasi.

King ha invitato alla trasmissione due dottori per parte: il Dr. Keith Black, neurochirurgo, e il Dott. Brawley, dirigente della American Cancer Society, per la medicina ufficiale. Il Dott. Stanislaw Burzynski, noto per le sue terapie a base di antiplastoni, e il Dott. Nicholas Gonzalez, esperto in scienza dell’alimentazione e specializzato nella cura di tumori al pancreas, per quella alternativa.

Inizialmente Larry King ha posto al centro del dibattito la domanda “perchè chiudere per principio le porte alle terapie alternative, invece di considerarle un possibile coadiuvante?”.

La risposta dei due medici ortodossi è stata più che prevedibile: “Noi siamo aperti a tutto – hanno detto - Bisogna però che le nuove terapie siano supportate da una corretta sperimentazione scientifica, e finora non esistono prove che queste terapie funzionino”.

“E nel caso del Dott. Burzinsky – ha aggiunto Black – abbiamo fatto dei test clinici sulle sue terapie, ma nessuno dei pazienti ha dato un responso positivo”.

La replica di Burzinsky, incendiario e senza peli sulla lingua, non si è fatta aspettare: “Non hanno dato responso perchè voi fate i test clinici con dosaggi sbagliati, fino a 50 volte inferiori a quelli da me consigliati”.

La discussione è presto degenerata, secondo protocolli a noi purtroppo ben noti. Il Dott. Black ha accusato Burzynski di lucrare sui pazienti disperati, e la Somers ha replicato dicendo che “costa 5.000 dollari morire di chemioterapia”. Black ha detto di “aver mandato una paziente a Burzynski che è quasi morta”, e Burzynski ha replicato accusandolo di dire cose non vere.

Eccetera eccetera eccetera. Come dicevamo, noi conosciamo bene la musica, a dimostrazione che ormai Internet precede la TV di molti mesi. Ma il fatto rimane notevole proprio perchè, per la prima volta, la validità della chemioterapia è stata messa in discussione su un altare televisivo di prima grandezza come quello di Larry King. (*)

E quando si apre una piccola falla nella diga, come tutti sanno, prima o poi la parete di cemento viene giù. Ci vorranno anni, probabilmente, per sovvertire un sistema così potente e organizzato, ma la freccia del tempo è volta decisamente a sfavore dell’oncologia ufficiale, che potrà solo veder erodere la propria credibilità, col passare del tempo, grazie ad Internet.

Speriamo solo che il muro di cemento non faccia troppe vittime prima di crollare.

Massimo Mazzucco


* Anche il New Your Times di recente ha pubblicato un articolo apertamente critico dell'oncologia ufficiale, dicendo che sono stati fatti progressi praticamente nulli di fronte ai miliardi di dollari investiti nella ricerca.

Il sito del Dott. Burzinsky, che ha messo a punto una terapia a base di antineoplastoni, dei peptidi che sembrano in grado di arrestare la crescita delle cellule cancerogene, salvaguardando quelle sane.

Il sito del Dott. Nichoals Gonzales.

Alcuni estratti della trasmissione.

Il libro di Suzanne Somers “Knockout”, in uscita da Random House.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Redazione
Inviato: 24/10/2009 9:21  Aggiornato: 24/10/2009 9:21
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Prima che me lo chieda qualcuno, la prossima serie di DVD sul cancro partirà martedì prossimo. Dovrebbe comprendere tutti quelli che lo hanno ordinato fino ad oggi, e che ancora non l'hanno ricevuto. EVITATE perfavore di usare i commenti per i DVD. Usate i PM (e se non rispondo subito abbiate un attimo di pazienza).

Grazie.

VIPER
Inviato: 24/10/2009 10:31  Aggiornato: 24/10/2009 10:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Grazie per l'articolo Mazzucco, molto interessante; volevo chiedere due cose, una OT ma non saprei a chi chiederla se non a uno che vive negli states:

Per prima cosa mi chiedevo se la prospettiva paventata nell'articolo: "...Ci vorranno anni per cambiare il sistema..." sia realistica.

Cioè è vero che il sistema è potente ma è anche vero che i progressi tecnologici, quindi anche la rete, l'informazione e tutto il resto, sono costantemente in accelerazione. Non è possibile che scoppi un casino improvviso?

E ora la domanda OT; mi è stato detto che in america è stato utilizzato per la prima volta sulla folla, in una manifestazione una o due settimane fa, il cannone sonorro che provoca vomito sordità etc. con gravi conseguenze per i civili.

Le risulta? Mi aspettavo un articolo anche su questo data la gravità della notizia

Grazie

Spiderman
Inviato: 24/10/2009 10:53  Aggiornato: 24/10/2009 10:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
E' tempo che si sfaldi definitivamente.

Citazione:
Speriamo solo che il muro di cemento non faccia troppe vittime prima di crollare.


Ne ha già fatte troppe.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Ipsedixit
Inviato: 24/10/2009 10:57  Aggiornato: 24/10/2009 11:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/8/2009
Da:
Inviati: 60
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Per quanto mi riguarda, da medico, posso dire soltanto questo.

Molte certezze sulle "certificazioni" della scienza ufficiale mi sono venute meno nell'arco della mia professione. Farò due esempi e tirerò le somme del mio pensiero da essi.

Talidomide: un farmaco utilizzato nella cura di numerose malattie, un eccellente antinfiammatorio. Purtroppo, dopo 200 milioni di euro investiti nella ricerca della molecola, ai test sugli animali risultava teratogenicità. L'azienda, per non perdere una fetta di mercato ampia quale quella delle gestanti, che troppo spesso utilizzano farmaci antinfiammatori per placare vampate, mal di testa e dolori a schiena e gambe, stracciano i risultati del laboratorio a cui avevano commissionato il tutto, pagano sontuosamente un altro laboratorio ed il gioco è fatto: approvazione FDA e scompare la teratogenicità del farmaco. Putroppo, però, milioni di gestanti assumono il farmaco e, dal 1980 al 1997, numerosi studi campione e di livello IV (ricerca sulla popolazione) vengono a suon di milioni tacitati. Molti medici hanno continuato a prescrivere il farmaco, molto efficace, in totale buona fede. In quei 17 anni ci sono stati, dovuti al farmaco, circa 1.250.000 casi di focomelia, ovvero bambini nati con malformazioni quali
- Assenza di uno o più arti
- ritardi mentali importanti
- morte prenatale
Scaduto il brevetto nel 1997 si scopre che la Talidomide è un farmaco teratogeno, gli introiti oramai erano stati fatti (circa 6.000.000.000 di dollari sul farmaco, di cui 1.100.000.000 derivato dalla vendita a gestanti). Il farmaco viene ritirato dal commercio, quando, era un eccellente farmaco con poche controindicazioni, bastava inserirlo all'interno della lista dei farmaci da non somministrare in gravidanza.

STATINE: le statine sono molecole che agiscono su un enzima del fegato, la HMGCoA reduttasi (idrossi -metil -glutaril Coenzima A reduttasi), il quale è un enzima che sintetizza il colesterolo a partire da esteri del glicerolo. Tali farmaci agiscono sulla produzione endogena di colesterolo, da sempre, come sappiamo, correlato a patologie cardiovascolari. Tale farmaco ha effetti collaterali, blandi se vogliamo, ma li ha. Innanzitutto è tossico per il fegato e determina lisi epatocitaria (poche migliaia di cellule, non massiva) e aumento degli indici sierici delle transaminasi. E' un farmaco importantissimo per la prevenzione dell'infarto miocardico, ictus, aneurismi arteriosi e dissecazioni aortiche, claudicatio degli arti inferiori e impotenza. Quello che, però, mi chiedo è questo. Il valore di colesterolo LDL sierico, che era stato dimostrato, tramite studi sulla popolazione id Framingham, aumentare il rischio relativo per patologie cardiovascolari era stato indicato a 220 mg/dL nel 1993, perchè è stato costantemente diminuito a 200 nel 1995, a 150 nel 2001? Ora si sta discutendo addirittura di portarlo sotto 130 e sotto 100 per i Pazienti con altri fattori di rischio cardiovascolari.
Andiamo allora a vedere i fattori di rischio cardiovascolari
- familiarità
- diabete
- tabagismo
- consumo di alcool al di sopra dei 40 mL al giorno (significa in un vino al 12 % circa 320 cc)
- iperomocisteinemia (troppo difficile da spiegare)
- ipertensione arteriosa
Naturalmente conoscete un essere umano che non abbia almeno uno di questi fattori di rischio? Per familiarità si intende un nonno, genitore, figlio o fratello che abbia avuto problemi di infarto miocardico, ictus o altre patologie cardiovascolari in famiglia.
Sapete cosa vuol dire questo? Che come medico ho avuto un dubbio. Perchè tutte le consensus conference e gli studi di metanalisi per le correlazioni di rischio legate al colesterolo sono SEMPRE sponsorizzate (ovvero coloro che danno i soldi ai medici per fare lo studio [d'altronde nessuno lavora gratis e si parla di circa 100.000 ore lavorative]) da PFIZER e ASTRAZENECA e ABBOTT, detentori del brevetto molecolare rispettivamente di Atorvastatina, Rosuvastatina e clofibrati? La risposta è banale: se gli studi indicano che i livelli di colesterolo, che portano a patologie cardiovascolari, (il principale costo sociale e sanitario di ogni stato occidentale) sono sempre più bassi, contemporaneamente ci si sposta verso i confini centrali della curva di Norma di Gauss, aumentando notevolmente il mercato di vendita. In parole povere, se dico oggi che sopra 220 mg/dL di colesterolo devi ridurre il colesterolo (e i farmaci più efficaci sono quelli indicati), lo vendi a 100.000.000 di persone, se dici 200 mg/dL a 250.000.000, se dici 150 mg/dL a 700.000.000 se dici 20 mg/dL a tutta l'umanità.
Il colesterolo è fondamentale per mantenere la fluidità di membrana, è una molecola molto importante per l'organismo, è nociva solo oltre determinati limiti. Ma come medico comincio a chiedermi cosa fare per un Paziente che, ha concentrazioni di colesterolo al di sopra dei parametri indicati da studi probabilmente pilotati, ma secondo me normali, anzi, non normali, innocue. Somministrargli un farmaco, comunque tossico, o violare le linee guida (rischiando di mio, perchè se poi dopo 5 anni gli viene un infarto, magari, dovrei rispondere del perchè non ho somministrato un farmaco a un Paziente nonostante le linee guide me lo imponessereo. Vai a spiegare al giudice che probabilmente hanno inciso altri fattori e non il FAMIGERATO COLESTEROLO).

Da qui le mie conclusioni
1) la ricerca non può essere condotta da privati a fini di lucro, perchè dopo spese ingenti di ricerca, non potendo andare in deficit, non vendono più un prodotto tecnologico, scientifico o farmacologico, vendo un'idea di applicazione cercando di convincere il mercato. Questo non ha niente a che vedere nè con la Scienza, nè con il progresso.

2) Gli studi controllo devono essere di organismi internazionali nazionalizzati (tipo l'ONU) non come il WHO o PUBMED che vivono di finanziamenti di industrie e laboratori farmaceutici.

3) L'essere umano è un complesso insieme di genetica, biologia e ambiente. Ogni caso dovrebbe essere analizzato singolarmente, dando la libertà al medico che se ne prende carico, di agire secondo scienza e coscienza per il bene dell'assistito, senza costringerlo ad applicare linee guida per il bene delle case farmaceutiche; d'altronde i delinquenti sono ovunque, anche tra i Professionisti.

Come medico e, conseguentemente, come scienziato, è mio dovere di ricordare a chiunque
1) non assumete farmaci in maniera autonoma e imparate a sopportare i piccoli disturbi della vita che da sempre fanno compagnia all'essere umano, perchè Farmaco deriva dal greco FARMAKON e signignifica "veleno". Tutti i farmaci sono tossici, chi più chi meno, assumeteli solo se migliorano veramente la vostra qualità di vita o la vostra prospettiva di vita, per cui non cercatevi un Professorone, ma un medico onesto e sincero, che, probabilmente non è diventato qualcuno perchè non ha mai leccato il culo a una causa farmaceutica che sponsorizzasse le sue ricerche;

2) ricordate che destrutturare la classe medica, criticarne l'operato per un errore dimenticando le migliaia di vite salvate, inculcare la malafede nell'utenza è interesse delle multinazionali del farmaco. Svilire la classe medica è un'operazione di mercato che ha portato le case farmaceutiche ad imporre delle linee guida cui il medico è obbligato a tenersi, privando il medico dell'autonomia decisionale in scienza e coscienza.

Grazie per l'attenzione, questo è il mio pensiero.

[Edit: revisione sintattica]

spettatore
Inviato: 24/10/2009 11:05  Aggiornato: 24/10/2009 11:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@ ipsedixit :

se hai ulteriori "pensieri"....non avere remore nel postarli. Accidenti che sviolinata!!!!!


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Davide71
Inviato: 24/10/2009 11:05  Aggiornato: 24/10/2009 11:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Ciao a tutti:
arriveremo al punto che per curare il cancro con la medicina alternativa dovremo andare in America, perché qui i giudici zelanti ti accusano di omicidio volontario se non ci riesci!

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
Freeman
Inviato: 24/10/2009 11:40  Aggiornato: 24/10/2009 11:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Un milione di grazie ad ipsedixit per la sua preziosa testimonianza "in scienza e coscienza".

En passant, avete notato come si stia demonizzando il fatto che in Italia meno del 30% del personale sanitario sia disposto a sottoporsi alla "vaccinazione" anti influenza A?
E ancora più risibile è la giustificazione ufficiale, che ho sentito in ben due occasioni e contesti differenti: "scarsa sensibilità", come dire, far passare un'estrema consapevolezza per superficialità e menefreghismo. Bastardi.

Resta il fatto che più di 7 medici e infermieri su 10 si rifiutano di farsi iniettare schifezze...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
edo
Inviato: 24/10/2009 11:54  Aggiornato: 24/10/2009 11:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Autore: spettatore Inviato: 24/10/2009 11:05:06 @ ipsedixit : se hai ulteriori "pensieri"....non avere remore nel postarli. Accidenti che sviolinata!!!!!


Aggiungo: se vuoi, prepara una articolo che documenti eventuali altre tue osservazioni... una specie di sintesi dello stato di alterazione della medicina contemporanea. Starebbe benissimo in homepage!!


Resta il fatto che più di 7 medici e infermieri su 10 si rifiutano di farsi iniettare schifezze...

Questo si che è "cambiare il sistema dall'interno!"

Ipsedixit
Inviato: 24/10/2009 12:27  Aggiornato: 24/10/2009 12:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/8/2009
Da:
Inviati: 60
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Resta il fatto che più di 7 medici e infermieri su 10 si rifiutano di farsi iniettare schifezze...


Di certo non mi farò somministrare un preparato chimico di Virus per una fantasiosa ed inesistente influenza. Sono 10 anni che le cause farmaceutiche cercano di sbolognare questo vaccino. Non è il vaiolo, ho più probabilità di morire in automobile andando al lavoro che con l'influenza suina, di conseguenza, non aiuterò MedPharma a propinare un composto chimico ricco solo di effetti collaterali affinchè i loro amministratori delegati possano comprare una nuova villa o una nuova Lamborghini.

[Edit]

... e aggiungo...
Le case farmaceutiche vogliono di più, non basta riempire di pillole gli individui affetti da patologie, ora pretendono di medicalizzare le persone normali, somministrare farmaci a tutta la popolazione, come fossero pane, acqua o benzina. Io non ci sto! Se davvero può salvare l'umanità facciano come Lord Flemming: donò il brevetto della Penicillina all'umanità, non ne fece una voce di profitto della propria dichiarazione dei redditi.

NON CI STO!!! Qualcuno DEVE fermare questo scempio.

edo
Inviato: 24/10/2009 12:34  Aggiornato: 24/10/2009 12:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
NON CI STO!!! Qualcuno DEVE fermare questo scempio.

Lo stai già facendo.
Se hai la consapevolezza che evidenzi e fai il possibile per "contagiare" altri, le case farmaceutiche non avranno alcuna possibilità di gabbare la verità.

dr_julius
Inviato: 24/10/2009 12:50  Aggiornato: 24/10/2009 12:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@ipsedixit
mi inquieti! se sei davvero medico e scienziato dovresti essere molto più attento a ciò che scrivi:
-la talidomide fu ritirata dal commercio nel 1961
-milioni di donne in gravidanza trattate mi sembrano un po' troppe

sono cmq in accordo con alcune cose che scrivi s, anche se non sono Medico, penso che la cosiddetta medicina difensiva sia una piaga da estirpare.le linee guida servono ma vanno ben custodite dagli interessi rapaci di industrie e di sistemi sanitari


Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Redazione
Inviato: 24/10/2009 13:04  Aggiornato: 24/10/2009 13:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
VIPER: “Per prima cosa mi chiedevo se la prospettiva paventata nell'articolo: "...Ci vorranno anni per cambiare il sistema..." sia realistica.”

Boh? Cosa è “realistico”, e cosa no?

Ognuno interpreta la storia secondo i propri parametri. E di questi tempi i parametri variano come un terno al lotto.

“Mi è stato detto che in america è stato utilizzato per la prima volta sulla folla, in una manifestazione una o due settimane fa, il cannone sonoro che provoca vomito sordità etc. con gravi conseguenze per i civili.”

Non mi risulta, ma non posso escluderlo. La “voglia di picchiare” qui è tanta, e le occasioni non mancano di certo.

In ogni caso, come diceva Robert Kennedy, non è quella la violenza peggiore. La vera violenza è l’ingiustizia sociale, mascherata da libertà e democrazia.

Lezik85
Inviato: 24/10/2009 13:27  Aggiornato: 24/10/2009 13:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
-la talidomide fu ritirata dal commercio nel 1961
-milioni di donne in gravidanza trattate mi sembrano un po' troppe


Mi associo alla seconda perplessità, mentre ho qualche dubbio sulla prima:

http://www.corriere.it/sportello-cancro/articoli/2004/03_Marzo/23/talidomide.shtml

Ipsedixit
Inviato: 24/10/2009 14:16  Aggiornato: 24/10/2009 14:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/8/2009
Da:
Inviati: 60
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
La Talidomide è stata UFFICIALMENTE ritirata dal mercato dal WHO nel 1997. Nel 1960 è stata posta controindicazione alla somministrazione in gravidanza negli USA, ma, è stato continuativo lo "smercio" nei paesi in via di sviluppo (in Italia la Talidomide è stata sospesa nel 1966).

Poichè era considerato un potente antiemetico (ovvero che induce riduzione della sintomatologia di nausea e il vomito) e un potente antinfiammatorio, come evidenziato da GreenPeace e Medical Care, ci sono almeno 100.000 casi di focomelia e almeno 1.000.000 di morti prenatali. Infatti le gestanti tendono ad essere affetti da dolori muscolari lombari (mal di schiena) dovuti alla postura patologica indotta dal peso del feto e liquido amniotico, provano nausea e nel mondo le gestanti sono circa 10.000.000 l'anno, per 10 anni sono 100.000.000 di nuovi nati (così siamo diventati 5.000.000.000). L'1% è una stima al ribasso, visto che il 40% delle gestanti assume farmaci che riducono tali sintomatologie; probabilmente non tutte le pazienti trattate erano nella finestra temporale di organo o morfogenesi fetali (le più delicate). Inoltre vi invito a leggere lo studio (che vi cercherò appena ho tempo) in cui vengono denunciate le morti bianche, ovvero quei bambini focomelici che non sono arrivati mai agli studi, oltre quelli morti prima di nascere.

Vi ricordo che, quando una Paziente ha un aborto al 3o, 6o o 8o mese, viene certificato l'aborto naturale (a meno che non vi sia storia di tossicodipendenza o tentativo di suicidio o altri casi), non viene chiesto alla Paziente se ha mai assunto antinfiammatori per il mal di testa, antiemetici per la nausea o antinfiammatori per i dolori di schiena. Hai perso il bambino... peccato sei stata sfigata! Se è pur vero che solo il 20% delle gravidanze arriva a termine e solo il 70% dopo il III mese, è altresì vero che, tra queste, morfogenesi incompatibili con la vita indotte da agenti chimici si nascondono benissimo.

Scusate le precisazioni.

alsecret7
Inviato: 24/10/2009 15:13  Aggiornato: 24/10/2009 15:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
ti rispondo io viper si sono stati usati i cannoni sonori che provocano quei sintomi non ricordo bene il nome di questa citta ma ti posso garantire che sono stati usati, basta che vai sul sito di alex jones e li troverai anche il video della manifestazione su quella giornata e vedrai e sentirai quello che anno usato sui cittadini, di cui si vedono inmagini di arresti di persone portate via senza motivo da personaggi anonimi e non si sa che fine abbiano fatto e cosa glianno fatto comunque sul sito troverai tutto.

j-bonnot
Inviato: 24/10/2009 15:37  Aggiornato: 24/10/2009 15:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/4/2009
Da: l'Oltrequando
Inviati: 47
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@ viper:
è stato usato a pittsburgh per disperdere i manifestanti anti g20.
L'argomento è stato trattato, anche se non con riferimento esclusivo al cannone sonoro, qui:
link
J.

clausneghe
Inviato: 24/10/2009 18:28  Aggiornato: 24/10/2009 18:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Non mi risulta, ma non posso escluderlo. La “voglia di picchiare” qui è tanta, e le occasioni non mancano di certo.

Massimo, la "voglia di picchiarti" prenderà la mano ai tuoi detrattori alias debunker che non te la faranno passare liscia
Già li sento: Come può essere affidabile uno che non sà nemmeno quel che passa sul suo sito?
Con buona pace del Cedolin, che si è speso nello scriverlo, l'articolo "Il guardiano silenzioso"..aggiungo io...
Eh, troppe cose da tenere a mente, anche per il miglior Mazzucco, che alla fine è solo un umano

wireless
Inviato: 24/10/2009 20:07  Aggiornato: 24/10/2009 20:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Io mi ricordo il "massacro" mediatico al Dr Luigi Di Bella di 10 anni fa....

kafka55
Inviato: 24/10/2009 22:25  Aggiornato: 24/10/2009 22:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 114
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
la terapia con iscador e un prodotto che utilizza il vischio e che subisce una preparazione secondo i principi della medicina antroposofica di steiner. anche in medicina omeopatica si utilizza il vischio in bassa diluizione per evitare il diffondersi delle metastasi. caro max il muro cadra se molti medici che osserveranno le guarigioni di propri pazienti invece di tacere per paura dei provvedimenti disciplinari odinistici facciano sentire la loro voce raccolgano la documentazione dei loro pazienti guariti e le sottopongano ai vari convegni di medicina chiedendo a tutti i loro colleghi come sia possibile che avvengano certe guarigioni che appaiono inspiegabili. sono contento che un mio collega partecipi al dibattito. mi auguro che i colleghi diventino un esercito per fare sentire la nostra voce

Cassandra
Inviato: 24/10/2009 23:58  Aggiornato: 24/10/2009 23:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
La Talidomide è stata UFFICIALMENTE ritirata dal mercato dal WHO nel 1997.

Mi spiace, è sbagliato.
Mia madre è attualmente in cura con talidomide, qui in Italia, normalmente.
E' rifiorita, dopo anni di chemio che l'avevano devastata. La talidomide ci sta facendo davvero sperare che la vedremo morire di vecchiaia, il più tardi possibile.


"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
mapexam
Inviato: 25/10/2009 0:57  Aggiornato: 25/10/2009 0:57
So tutto
Iscritto: 12/10/2009
Da:
Inviati: 3
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Confermo, la Talidomide è attualmente impiegata in regime ospedaliero per la cura di una patologia che però adesso mi sfugge.
Pare che sia addirittura l' "unico" farmaco in grado di curare quella particolare patologia.
So solo che assieme deve essere somministrato un anticoagulante perchè tra gli effetti collaterali della Talidomide c'è anche la trombogenesi.

Lezik85
Inviato: 25/10/2009 1:42  Aggiornato: 25/10/2009 1:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
la Talidomide è attualmente impiegata in regime ospedaliero per la cura di una patologia che però adesso mi sfugge.


http://www.molecularlab.it/news/view.asp?n=6504

Marcellino
Inviato: 25/10/2009 2:52  Aggiornato: 25/10/2009 2:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2006
Da: Milano
Inviati: 62
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Autore: wireless Inviato: 24/10/2009 20:07:04

Io mi ricordo il "massacro" mediatico al Dr Luigi Di Bella di 10 anni fa....


...ecco volevo dirlo anch'io che in Italia il dibattito in questione raggiunse decisamente il livello mainstream proprio nel '98 con il caso Di Bella, tg, Vespa, giornali, fu davvero incredibile; se io ho iniziato a cambiare radicalmente opinione sulla medicina e su tante altre questioni lo devo a questo. Da allora per esempio smisi di usare medicine, poi la mia attenzione si spostò sulla fitoterapia e l'alimentazione, da diversi anni sono praticamente vegano.

Ricordo che in seguito al clamore provocato dal caso ci fu anche una sperimentazione a furor di popolo che venne vergognosamente boicottata, usando sostanze scadute o non conformi alle prescrizioni e non rispettando parametri del protocollo originale, ma ciò nonostante vi furono comunque dei risultati che a quel punto vennero ignorati e falsificati, ne parlò perfino "striscia la notizia" (non che sia una cosa bella ;-p), e comunque ancora oggi in molti istituti vi è la possibilità di curarsi con la terapia Di Bella, che è stata manipolata e associata addirittura ai chemioterapici per paura che possa funzionare davvero.

Peraltro il Dott. Di Bella fu trattato e liquidato come un ciarlatano, per l'idea che me ne feci io era tutt'altro e combinazione nel famoso cocktail omonimo vi erano ingredienti le cui proprietà sono scientificamente note. Approfitto del fatto che è venuto fuori il discorso per chiedere a Massimo (è solo una curiosità personale) se nel film sul cancro (che io non ho visto se non a frammenti su Arcoiris) la terapia Di Bella è contemplata e se no quali sono i motivi (se ce ne sono).

I maestri aprono la porta, ma devi entrare da solo !
Marcellino
Inviato: 25/10/2009 3:02  Aggiornato: 25/10/2009 3:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2006
Da: Milano
Inviati: 62
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
E ora la domanda OT; mi è stato detto che in america è stato utilizzato per la prima volta sulla folla, in una manifestazione una o due settimane fa, il cannone sonorro che provoca vomito sordità etc. con gravi conseguenze per i civili.

Le risulta? Mi aspettavo un articolo anche su questo data la gravità della notizia


http://www.youtube.com/watch?v=e8NMyUHlFhM

...io avevo visto questo video qualche giorno dopo.

I maestri aprono la porta, ma devi entrare da solo !
Skafloc
Inviato: 25/10/2009 18:03  Aggiornato: 25/10/2009 18:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: ROMA
Inviati: 188
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
'Azz... Marcellino, avevo il volume delle casse al massimo senza saperlo quando ho cliccato sul tuo link.
A momenti rompo i vetri delle finestre!

Le cose urgenti vanno fatte con calma
fefochip
Inviato: 25/10/2009 18:25  Aggiornato: 25/10/2009 18:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
ipsedixit dice che La Talidomide solo nel 1997 è ritirata dal mercato
dr_julius scrive
Citazione:
@ipsedixit mi inquieti! se sei davvero medico e scienziato dovresti essere molto più attento a ciò che scrivi: -la talidomide fu ritirata dal commercio nel 1961

ipsedixit ribadisce
Citazione:
La Talidomide è stata UFFICIALMENTE ritirata dal mercato dal WHO nel 1997. Nel 1960 è stata posta controindicazione alla somministrazione in gravidanza negli USA, ma, è stato continuativo lo "smercio" nei paesi in via di sviluppo (in Italia la Talidomide è stata sospesa nel 1966).

arriva Cassandra
Citazione:
Mia madre è attualmente in cura con talidomide, qui in Italia, normalmente.


come la mettiamo?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
ELFLACO
Inviato: 25/10/2009 18:30  Aggiornato: 25/10/2009 18:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Torna la talidomide

Sembra che adesso è vietato.!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
ELFLACO
Inviato: 25/10/2009 18:33  Aggiornato: 25/10/2009 18:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 25/10/2009 19:37  Aggiornato: 25/10/2009 19:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Da quel che ho capito sia kafka55 che ipsedixit sono medici, giusto?

perafelix
Inviato: 25/10/2009 23:38  Aggiornato: 25/10/2009 23:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Do anche io la mia testimonianza in quanto lavoro nel settore farmaceutico. Lavoro per un'azienda che gestisce le sperimentazioni cliniche (trials clinici) con farmaci sperimentali. Gestisco per lo piu' trials oncologici ed e' evidente che la chemioterapia non funziona. Chi lavora nel settore lo sa benissimo che il cancro e' una malattia incurabile e la chemioterapia puo' solo allungare il periodo di vita. Nella mia esperienza solo in rari casi la chemio ha prodotto i risultati sperati e la mia impressione e' che se il paziente avesse preso acqua fresca al posto del farmaco avrebbe magari vissuto 3 mesi di meno ma almeno non avrebbe sofferto di tutti gli effetti collaterali che comporta la chemio. Il messaggio che viene dato al paziente e' sempre lo stesso "proviamo questa cura, vediamo come va....se non funziona abbiamo molte alternative terapeutiche....." nessuno ovviamente gli dice mai che la chemio non puo' fare nulla contro la malattia. E' la stessa presa per il culo di tutta la medicina moderna: non si sa nulla di alcune malattie e si cura quindi il sintomo al posto della CAUSA della malattia. Al paziente non viene mai detto che l'unica cura che esiste oggi contro il cancro e' l'asportazione chirurgica della lesione. Anche se lo si asporta poi, c'e' sempre il rischio della recidiva. 60 anni di ricerca contro il cancro non hanno prodotto un granche'. Speriamo che cure nuove che si basano su principi diversi riescano a raggiungere una certa soglia di visibilita'. Come ben sappiamo, pero', non e' sufficiente portare a suffragio delle proprie tesi "alcuni casi di guarigioni inspiegabili". Ce ne sono numerose anche nella medicina ufficiale e anche quella non funziona. I trials clinici controllati ed effettuati in condizioni di ripetibilita' sono l'unico modo per confermare che una terapia funzioni

fefochip
Inviato: 26/10/2009 2:46  Aggiornato: 26/10/2009 2:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@ perafelix

Citazione:
Chi lavora nel settore lo sa benissimo che il cancro e' una malattia incurabile e la chemioterapia puo' solo allungare il periodo di vita. Nella mia esperienza solo in rari casi la chemio ha prodotto i risultati sperati e la mia impressione e' che se il paziente avesse preso acqua fresca al posto del farmaco avrebbe magari vissuto 3 mesi di meno ma almeno non avrebbe sofferto di tutti gli effetti collaterali che comporta la chemio


premesso che non sono del settore (anche se mi sono molto informato in almeno 4 anni)e sono della medesima opinione....

perche a tuo parere ci sono molti del settore (in particolare medici che tra l'altro dovrebero avere maggiormente il rapporto con il paziente di un farmacologo) ,anche su questo sito, che invece con gli stessi dati alla mano ritengono la chemio utile?

Citazione:
Come ben sappiamo, pero', non e' sufficiente portare a suffragio delle proprie tesi "alcuni casi di guarigioni inspiegabili"

premesso che quello che ho capito è che ti riferisci ad esempio a simoncini che è stato qui trattato con vari articoli e testimonianze.
anche se ho capito male però facciamo questa premessa ...

innanzi tutto in teoria non sarebbero inspiegabili visto che proprio la spiegazione è il vero fulcro di tutta la vicenda(ovvero il cancro è la risultante della reazione ai tessuti a un infezione fungina) ma la mia domanda è la seguente:

non basta in medicina anche un solo caso "inspiegabile" per muovere una ricerca?
per he a me risulta cosi ...anche i singoli casi si studiano ...non si lascia nulla di intentato.

detto ciò qui abbiamo un medico che ha avuto un problema oncologico che era dato praticamente per spacciato .
oggi lui si sente miracolato ....ed è un medico ricordo ancora ....

non sarebbe il caso di studiare la sua vicenda ?

che cosa serve ancora a tua opinione per destare l'attenzione di una persona del settore onesta riguardo alla vicenda simoncini?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
perafelix
Inviato: 26/10/2009 12:32  Aggiornato: 26/10/2009 12:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
perche a tuo parere ci sono molti del settore (in particolare medici che tra l'altro dovrebero avere maggiormente il rapporto con il paziente di un farmacologo) ,anche su questo sito, che invece con gli stessi dati alla mano ritengono la chemio utile?


Riguardo a questo punto la chemio e' utile SOLAMENTE appena prima (neo-adiuvante) o dopo l'asportazione chirurgica del tumore (adiuvante). Nel primo caso per ridurre di un po' la mssa tumorale e permetterne l'asportazione e nel secondo per eliminare dei microfocolai di tumore che potrebbero portare ad una recidiva. In questo caso puo' dare dei risultati e il paziente non ha piu' recidive o perlomeno ha la recidiva dopo un tempo molto maggiore rispetto a chi non ha preso nulla dopo la chemio (questo e' accertato). Sottolineo il verbo "PUO' DARE" dei risultati: la medicina non e' una scienza esatta e ogni paziente risponde diversamente alla cura.
Se la chemio e' presa al di fuori di queste 2 opzioni e' totalmente inefficace. Se poi qualcuno considera efficace un farmaco che ti fa vivere 4-5 mesi in piu' con effetti collaterali devastanti e' affar suo

Citazione:
premesso che quello che ho capito è che ti riferisci ad esempio a simoncini che è stato qui trattato con vari articoli e testimonianze.

Citazione:
non basta in medicina anche un solo caso "inspiegabile" per muovere una ricerca?


Non mi riferivo a Simoncini in effetti (il post si riferisce a una cura del Dr. Burzinsky) comunque si, anche Simoncini rientra nella categoria. Sicuramente anche un singlo caso isolato va studiato e sperimentato. Ribadisco pero' che non bastano alcune guarigioni per accettare una cura medica. Se ci basiamo su questo principio dovremmo concludere che anche l'acqua di Lourdes ha veramente poteri miracolosi (e i casi di guarigione sono accertati). Le ipotesi curative vanno sempre accertate con metodi controllati e ripetibili.
Il fatto e': e' vero che i trial clinici con farmaci "diversi" dalla medicina ufficiale vengono falsificati (come mi sembra di capire dall'articolo)? Oppure e' vera la tesi opposta: quando cure "alternative" vengono sottoposte a controlli severi (i trial clinici sono rigidissimamente controllati, questo per esperienza personale) non passano il test?
Si, lo so che le pharma companies farebbero di tutto per non far passare una cura "alternativa" ma e' l'unico modo per accertare che una cura funziona

Spiderman
Inviato: 26/10/2009 13:21  Aggiornato: 26/10/2009 13:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Studio sulla chemio

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
fefochip
Inviato: 26/10/2009 13:46  Aggiornato: 26/10/2009 13:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Le ipotesi curative vanno sempre accertate con metodi controllati e ripetibili.

premesso che sono in accordo ma chi può fare ormai questi controlli?
infatti come scrivi c'è un palese conflitto di interessi ...
Citazione:
Si, lo so che le pharma companies farebbero di tutto per non far passare una cura "alternativa" ma e' l'unico modo per accertare che una cura funziona

detto in altre parole e in sintesi per passare una cura alternativa bisogna fare dei test i quali sono svolti dagli stessi che non hanno interessi affinche il test vada a buon fine

cosa fare a questo punto ?
(non è una domanda provocatoria a questo punto ma perfettamente leggittima)

qualcuno pensi in concreto (dati i due assunti sopra) a come risolvere una cosa del genere ....cosa si può escogitare?

io credo che gli unici che possono fare qualcosa attualmente sono i medici(a meno di non spianare completamente non solo il sistema sanitario ma l'intera società) e l'unica cosa a cui fare appello è la loro coscienza.
ma basterà?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Lezik85
Inviato: 26/10/2009 13:56  Aggiornato: 26/10/2009 13:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
detto in altre parole e in sintesi per passare una cura alternativa bisogna fare dei test i quali sono svolti dagli stessi che non hanno interessi affinche il test vada a buon fine


Uno stallo creato ad arte per tenere fuori le cure scomode. Come si è visto in questi anni, tale stallo alla lunga ha favorito sempre e solo la medicina ufficiale, nonostante si nascondesse (e non poco) la menzogna dell'apertura (fasulla) verso teorie oncologiche alternative.

perafelix
Inviato: 26/10/2009 14:12  Aggiornato: 26/10/2009 14:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
detto in altre parole e in sintesi per passare una cura alternativa bisogna fare dei test i quali sono svolti dagli stessi che non hanno interessi affinche il test vada a buon fine



Questo non e' esatto: le sperimentazioni cliniche sono svolte dagli ospedali, dai medici, dagli infermieri. Quasi la totalita' delle sperimentazioni sono "sponsorizzate" da un'azienda farmaceutica. Questo vuol dire che riforniscono l'ospedale del farmaco, curano gli aspetti etici e regolatori del trial, pagano un tot per ogni paziente che partecipa alla sperimentazione (si paga l'ospedale, non il paziente).

Esistono dei casi (rarissimi) dove sono dei singoli enti ospedalieri o singoli medici che "sponsorizzano" la sperimentazione. Sono rari perche' gestire una sperimentazione richiede un grande sforzo organizzativo e soprattutto economico; un medico da solo non potrebbe farlo ma deve avvalersi di un team di persone che lavorano con lui. Questo sarebbe il metodo

Al2012
Inviato: 26/10/2009 15:35  Aggiornato: 26/10/2009 15:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Se è vero, come penso sia vero, che la medicina non è una scienza esatta, ed è altrettanto vero che la risposta alla cura è fortemente condizionata dalla persona che la riceve, mi domando perché se tutto questo è vero esiste una medicina cosi detta ufficiale e convenzionata e una medicina alternativa non convenzionata ?

Quale prova scientifica si può attribuire ad un trial clinico se si parte dalla ipotesi che la medicina non è scienza esatta ?

Se i trial clinici possono essere fatti solo da chi possiede un forte potere economico siamo sicuri della loro imparzialità ?

Non forse vero che dietro a questo potere economico ci sono forti interessi che hanno poco a che vedere con l’efficacia reale sulla guarigione e sulla salute ?

Perché quando ci sono guarigioni ottenute con cure non ufficiali, queste guarigioni vengo viste con diffidenza e si fanno paragoni impropri con miracoli o altro, mentre quando la guarigione avviene per la somministrazione di farmaci ufficiali è stata sicuramente la cura ?

Perché ci sono tanti esempi di cure alternative che hanno dato dei risultati positivi che vengono ignorati e si arriva alla proibizione di poter esercitare liberamente tali cure?
Perché in tutti questi casi si può assistere alla stessa censura e derisione, che parte sempre dal presupposto che non sono scientifiche, dimenticandosi in questo caso, che la medicina non è una scienza esatta ?

Perché si pretende la prova scientifica solo ed esclusivamente da quella parte che non ha le spalle coperte da un potere commerciale ?
Mentre non è una novità assistere al ritiro di farmaci che risultano dannosi o che fanno più danni che benefici, nonostante abbiano le dovute approvazioni scientifiche ufficiali.

E’ lecito domandarsi la validità scientifica se è possibile che un farmaco venga ritirato dal commercio dopo essere stato sottoposto ed aver superato i “trial” necessari per la sua approvazione, solo quando si manifestano effetti dannosi sui pazienti dopo un po’ di tempo che il farmaco è in uso.

“Capire … significa trasformare quello che è"
kafka55
Inviato: 26/10/2009 17:17  Aggiornato: 26/10/2009 17:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 114
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
fefo chip dici bene,qui c'e un medico che guarisce e tutti tacciono compresi i mie colleghi. dopo la mia testimonianza vi posso garantire che nella mia citta altri hanno iniziato il protocollo con il bicarbonato con risultati strabilianti , due casi di guarigione, e i loro curanti continuano a tacere. parlare di miracoli e improprio., in 150 anni a lourdes milioni di fedeli, solo 65 miracoli. scusate allora io che ho suggerito sarei piu potente di nostro signore e della madonna nel fare miracoli. credo che cio sia impossibile. ergo.................

Thhh
Inviato: 26/10/2009 17:25  Aggiornato: 26/10/2009 17:25
So tutto
Iscritto: 15/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
"2) Gli studi controllo devono essere di organismi internazionali nazionalizzati (tipo l'ONU) non come il WHO o PUBMED che vivono di finanziamenti di industrie e laboratori farmaceutici."

non so se ipsedixit sia un medico, ma certo in ricerca non c'ha passato gran tempo.
Pubmed è un motore di ricerca per gli studi pubblicati su una grandissima quantità di riviste. non si capisce dunque cosa centri con il farli, gli studi

perafelix
Inviato: 26/10/2009 18:48  Aggiornato: 26/10/2009 19:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Kafka55: non ho detto che se uno guarisce dal cancro e' un miracolo.

Ho detto che le cure vanno sperimentate con metodi controllati e ripetibili. Per dire la verita' non so quante cure "alternative" abbiano fatto trials clinici, spero veramente che ce ne saranno e che diano ottimi risultati oppure magari ci sono gia' stati, non lo so francamente.

Concordo con Thhh che il WHO o PubMed non c'entrano nulla con i trials clinici, ma comunque non e' questo il punto. Ipsedixit invece dice bene: i trials dovrebbero essere gestiti da enti super-partes per i medici che non hanno le potenzialita' organizzative ed economiche di una pharma company.

Non c'e' invece il rischio che i dati di un trial vengano "falsificati" da una pharma company. C'e' gente,come me, che e' pagata proprio per andare negli ospedali a controllare che tutto proceda regolarmente (pagati dalla pharma company). I trials sono altamente controllati e verificati e vi assicuro che cio' che viene sempre tenuto in considerazione e' la sicurezza del paziente.

Il punto e' un altro: la maggior parte della gente ha ormai accettato la chemio come l'unica cura che esiste e sono tutto sommato favorevoli a subire gli effetti collaterali del farmaco pur di garantirsi qualche mese in piu' di vita

kafka55
Inviato: 26/10/2009 22:16  Aggiornato: 26/10/2009 22:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 114
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
se i paz sapessero la verita cosi come la conosciamo noi penso che difficilmente cercherebbero la chemio come terapia. sentite questa : paz operata cinque anni fa di cancro al seno, dopo tale periodo insorgono metastasi ossee diffuse. inizia un protocollo chemio e dopo sei mesi la tac di controllo evidenzia che tutte le lesioni sono peggiorate. ergo la chemio non funziona. una paziente viene operata al colon dx, vengono effettuati gli esami tutto negativo. le prescrivono e pratica una terapia adiuvante florfox 12 cicli sei mesi di sofferenza, e al controllo sette metastasi epatiche. ergo la chemio non fa un cazzo. le ripropongono un nuovo protocollo dicendole che delle sette metastasi cinque forse si ridurranno ma due resteranno tali e quali, ergo sentenza di morte, ergo la chemio non fa un cazzo. nonostante tutto questo i miei colleghi continuano a somministrare veleni prendendo in giro i paz. ma se il cancro viene a loro che cazzo fanno? e come per l'influenza suina 85 % non pratica la vaccinazione cosi la maggioranza non effetuerebbe la chemio, ergo se funzionase la praticherebbero anche loro, ergo non fa un cazzo.

ELFLACO
Inviato: 26/10/2009 23:04  Aggiornato: 26/10/2009 23:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
e come per l'influenza suina 85 % non pratica la vaccinazione cosi la maggioranza non effetuerebbe la chemio, ergo se funzionase la praticherebbero anche loro


Ecco una cosina interessante da chiedere a una casa farmaceutica che fabbrica qualche tipo di chemio.

Quanti medici malatti di cancro si sono sottoposti alla vostra terapia??? eh??

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
ELFLACO
Inviato: 26/10/2009 23:11  Aggiornato: 26/10/2009 23:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Il punto e' un altro: la maggior parte della gente ha ormai accettato la chemio come l'unica cura che esiste e sono tutto sommato favorevoli a subire gli effetti collaterali del farmaco pur di garantirsi qualche mese in piu' di vita


Questo è perchè non hanno idea che ci sono altre possibilità di cura.!!

No ha idea di cosa sia il cancro!!

e non ha(non abbiamo) idea di come funzioni il lloro organismo.

Chi sa come mai!!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
fefochip
Inviato: 27/10/2009 2:42  Aggiornato: 27/10/2009 2:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Non c'e' invece il rischio che i dati di un trial vengano "falsificati" da una pharma company. C'e' gente,come me, che e' pagata proprio per andare negli ospedali a controllare che tutto proceda regolarmente (pagati dalla pharma company). I trials sono altamente controllati e verificati e vi assicuro che cio' che viene sempre tenuto in considerazione e' la sicurezza del paziente.


fammi capire .

hai appena detto che c'è gente come te che è pagata dalla pharma company che controlla che i dati dei trial non vengano "falsificati" da una pharma company.
ho capito bene?

con tutta la fiducia che possa avere in te già non mi fido piu del tuo collega perche mi pare un sistema con un conflitto di interessi come ho descritto piu sopra.

da quando si gioca a calcio si sa che l'arbitro deve essere di un altra nazionalità ...e con tutta questa precauzione esce fuori l'arbitro moreno della situazione(italia corea per chi non ricorda).

Citazione:
Il punto e' un altro: la maggior parte della gente ha ormai accettato la chemio come l'unica cura che esiste e sono tutto sommato favorevoli a subire gli effetti collaterali del farmaco pur di garantirsi qualche mese in piu' di vita

scusa ma non sono d'accordo .
la gente invece comincia a svegliarsi ma trova dentro un tunnel
se il medico non applica i protocolli è passibile di denuncia.
se il medico non gli suggerisce, per timore, alternative come farà il paziente a sapere di una cura alternativa?
solo se si è informato prima avrà un minimo di speranza di intraprendere altre cure perche sarà solo come un cane visto che tutti gli daranno contro.
dal medico ai familiari che gli "imporranno" di adeguarsi.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 27/10/2009 2:46  Aggiornato: 27/10/2009 2:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
grazie kafka

finalmente diamo dei numeri ai leggendari miracoli dell' lourdes.

mi sono veramente rotto le palle di sentire a proposito del simoncini di turno :pure all'lourdes la gente guarisce...

da oggi gli sbatterò in faccia ...si in 150 anni 65 guarigioni .....e sarebbe interessante a questo punto unire ai questi due dati anche quanti milioni in questi 150 anni ci hanno provato....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 27/10/2009 2:53  Aggiornato: 27/10/2009 2:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Al2012

quoto tutto il tuo discorso e in particolare sottolineo il concetto che non si capisce perche quando schiattano allegramente come mosche pazienti oncologici ....beh funziona al 12...30...45 ...2...0,1 % e poi la medicina "non è una scienza esatta".

quando a "un" simoncini non gli funziona la terapia allora è un ciarlatano che deve dare delle statitistiche ben precise e fare dei trial rigorosi e precisi (con non si sa quali mezzi e fondi) e di colpo la scienza medica diventa esattissima.

e non ultimo mi associo alla considerazione

Citazione:
E’ lecito domandarsi la validità scientifica se è possibile che un farmaco venga ritirato dal commercio dopo essere stato sottoposto ed aver superato i “trial” necessari per la sua approvazione, solo quando si manifestano effetti dannosi sui pazienti dopo un po’ di tempo che il farmaco è in uso.


che in ultima analisi ripropone il concetto sopra.
questi trial sono rigorosissimi e noi dobbiamo stare tranquilli ...ma come mai allora ritirano i farmaci dal mercato ?i trial di quei farmaci erano fatti con una scienza meno esatta?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
perafelix
Inviato: 27/10/2009 14:14  Aggiornato: 27/10/2009 14:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Fefochip: capisco che il sistema puo' sembrare autoreferenziale ma in realta' la gente che fa il mio lavoro sono tutta gente onesta e molto normale, come qualsiasi altra gente. Esistono un sacco di regolamentazioni e leggi che devono essere rispettate per condurre un trial e questi vengono regolarmente ispezionati da enti super-partes (Ministero della salute). Io e molti altri abbiamo il compito di verificare che tutto si svolga regolarmente. L'unico input che ho ricevuto dall'azienda e' sempre stato: siate sicuri che tutto venga fatto correttamente, secondo le leggi vigenti e salvaguardate in primis la sicurezza del paziente. Puo' magari sembrare strano ma e' cosi'.

La falsificazione dei dati sperimentali non e' possibile perche' l'azienda farmaceutica, come detto, si limita a rifornire l'ospedale del farmaco, gestire aspetti organizzativi e remunerare l'ospedale per il fatto di condurre il trial. Non mette becco nei dati sperimentali. Viene preso atto di cio' che succede e i dati vengono messi in un database. Non viene fatto altro. Il trial, infatti, si svolge nei comuni ospedali dove andiamo tutti i giorni e sono i singoli medici dei singoli ospedali a condurlo. Prima di partecipare al trial, oltre a mille altre cose, deve essere firmata una dichiarazione dove il medico dichiara che non ha nessun interesse economico nel condurre il trial

So di molti trial che non hanno passato l'esame: si e' visto che il farmaco non era piu' efficace di una cura gia' esistente e quindi non e' stao messo in commercio.

Ribadisco che quello di Lourdes era solo un esempio per estremizzare: il concetto e' che tutte le cure devono essere sperimentate.

Riguardo a Simoncini non ne so molto e non voglio parlare di cose che non so; so per certo che ci sono stati alcuni casi di guarigione. Ripeto: non si accerta in questo modo la validita' di una cura. Potrebbe benissimo essere che il metodo Simoncini sia veramente efficace, non lo metto in dubbio. Si dovrebbe pero' capire anche se ci sono stati casi dove non ha funzionato e perche'. Lungi da me comunque riaprire un dibattito su Simoncini: e' stato gia' detto abbastanza.

Lezik85
Inviato: 27/10/2009 14:36  Aggiornato: 27/10/2009 14:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Esistono un sacco di regolamentazioni e leggi che devono essere rispettate per condurre un trial e questi vengono regolarmente ispezionati da enti super-partes (Ministero della salute)


Per questo ci dovremmo fidare infatti. Loro lavorano solo per il nostro bbbbbene.

Citazione:
La falsificazione dei dati sperimentali non e' possibile


Non ne hanno bisogno infatti, visto che sono segratti.

brio
Inviato: 27/10/2009 16:24  Aggiornato: 27/10/2009 16:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione: Esistono un sacco di regolamentazioni e leggi che devono essere rispettate per condurre un trial e questi vengono regolarmente ispezionati da enti super-partes (Ministero della salute).

Vi ricordate il ministro De Lorenzo e Duilio Poggiolini suo direttore generale del servizio farmaceutico nazionale?.....quello che aveva i lingotti d'oro nel materasso!

Citazione: La falsificazione dei dati sperimentali non e' possibile....

Ciao Perafelix. Hai letto il libro del medico Marco Bobbio "Giuro di esercitare la medicina in libertà e indipendenza", dove si spiegano tutti i metodi per "manipolare" gli studi condotti sui farmaci? Se sì, cosa ne pensi? Io l'ho letto e devo dire che è "abbastanza" angosciante.

Brio

perafelix
Inviato: 27/10/2009 16:27  Aggiornato: 27/10/2009 16:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Lezik85: questi sono i tipici commenti di chi non conosce come stanno le cose. Hai mai presenziato ad un'ispezione ministeriale? Sai in che cosa consiste? Sai quali sono le sanzioni che comporta se trovano qualcosa? Ovviamente non ne sai nulla, ma non voglio polemizzare con te perche' non merita


Riguardo la falsificazione dei dati: i dati sono resi pubblici e non segretati.Altro commento di chi non conosce la materia.

La domanda semmai potrebbe essere: prima di renderli pubblici li modificano? Basandomi su quello che so e che vedo, questo non accade; ma ovviamente esiste sempre la possibilita'

perafelix
Inviato: 27/10/2009 16:33  Aggiornato: 27/10/2009 16:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Ciao Brio,

no non ho letto quel libro, mi informero'. Io parlo per esperienza personale e parlo per quello che vedo.

Non capisco invece la connessione fra il fatto che Poggiolini fosse un delinquente e la condotta dei trial clinici in Italia; per fare un esempio banale: io sono anticlericale, ma moltissimi parroci sono delle bravissime persone

Stefo
Inviato: 27/10/2009 16:47  Aggiornato: 27/10/2009 16:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da: Roma
Inviati: 324
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
x Perafelix:

La storia del Vioxx e di altri medicinali assassini dimostra la scarsa sensibilità delle multinazionali del farmaco di fronte a dati che mettono in luce la pericolosità di farmaci su cui si sono fatti investimenti importanti. Sicuramente ci sono persone serie che svolgono i test clinici ed altre meno serie, purtroppo.

I gravi effetti indesiderati associati al Rofecoxib erano noti fin dal 2000.
Lo studio VIGOR, sponsorizzato dalla Merck & Co stessa, aveva mostrato un aumento dell’incidenza di gravi eventi cardiovascolari nel 2,5% (n = 101) dei pazienti trattati con Rofecoxib contro l’1,1% (n = 46) dei pazienti nel gruppo Naprossene.
Infarto miocardico si era presentato in 20 pazienti tra i 4027 del gruppo Vioxx (0,5%) e solo in 4 tra i pazienti trattati con il vecchio antinfiammatorio, il Naprossene (0,1%).
(Fonte: farmaci.net)

perafelix
Inviato: 27/10/2009 17:04  Aggiornato: 27/10/2009 17:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Ciao Stefo: si con il Vioxx e' stato fatto un errore. Il processo e' questo: gli studi alla fine devono essere approvati dall'FDA (food and drug administration) che determina se il rapporto-rischio beneficio e' favorevole. L'FDA ha sbagliato e ha considerato il rapporto rischio-beneficio tutto sommato favorevole. Avra' fatto questo "spinta" dalla Merck che commercializzava il farmaco? Penserei di si, ma non lo sappiamo.

Appena si sono accorti che hanno fatto una cazzata hanno fatto ritirare il farmaco ma ormai la cazzata era stata fatta.

Queso significa che tutti i trials non servono a nulla e che l'FDA e' un'organizzazione corrotta? Io non lo credo

Calvero
Inviato: 27/10/2009 17:16  Aggiornato: 27/10/2009 17:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@ Brio

non puoi essere prete ed essere una brava persona. Quindi o inganni il Vaticano, o non sei una brava persona.. se poi per brava persona intendi che ognuno ha i suoi lati positivi e negativi ..beh.. ci mancherebbe, ma è altro discorso.

Poggiolini e De Lorenzo ci stanno eccome come esemplificazione del concetto espresso. Loro non sono solo delinqenti.. ma sintomo di una serie di ingranaggi che lo statu-quo foraggia per poter auto-gestirsi.. c'è sempre il De Lorenzo di turno. Anche in questo preciso momento.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Stefo
Inviato: 27/10/2009 17:48  Aggiornato: 27/10/2009 17:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da: Roma
Inviati: 324
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
No, non volevo dire questo. Converrai tuttavia che come errore è piuttosto clamoroso e sospetto (si parla di decine di migliaia di morti, e studi commissionati dalla Merck riportavano eventi avversi a livello cardiocircolatorio 4 anni prima che il farmaco venisse ritirato). In ogni caso il vioxx (che prendevo anch'io ) è solo la punta dell'iceberg. Come di certo sai, di molti altri medicinali la pericolosità si è compresa (ufficialmente) solo più avanti. Questo non significa che i trials non servano a nulla, ma che a volte le grandi multinazionali antepongono i propri interessi commerciali a quelli dei pazienti e cercano di scoraggiare l'impiego di rimedi naturali su cui non possono apporre un brevetto. Ai medici coscienziosi (come te, se ho ben capito) spetta il compito e la responsabilità di utilizzare le informazioni sui farmaci di cui dispongono in maniera critica, ed approfondire i loro studi sulle medicine naturali se ne hanno tempo e voglia.

perafelix
Inviato: 27/10/2009 18:27  Aggiornato: 27/10/2009 18:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Ciao Stefo, premetto che non sono un medico ma solamente lavoro nel settore farmaceutico gestendo trial clinici.Di sicuro le pharma companies non incoraggiano i rimedi naturali i quali lavorano su principi diversi dalla medicina ufficiale. Per essere sincero non convincono molto neanche me ma ognuno e' libero di curarsi come vuole.

Non tutti gli effetti collaterali possono essre individuati durante un trial: il farmaco viene dato a pazienti con ben precise caratteristiche. Il problema e' che quando il farmaco e' commercializzato puo' essere dato a chiunque e quindi non solo a quel ben preciso target di paziente che si e' scelto per la sperimentazione. Per questo alcuni effetti collaterali si scoprono dopo.

Proprio a questo proposito esistono i trials post-commercializzazione che hanno il compito di stabilire i nuovi e inattesi effetti collaterali (se presenti). Il messaggio che voglio far passare e' che io non vedo l'associazione "pharma-company=cattivo". Molto si fa per evitare che disastri come il Vioxx accadano ancora.

Riguardo alla connivenza FDA-Merck sono d'accordo che l'episodio e' spospetto, pero' non lo sapremo mai. Se comunque c'e' stata copertura sono ovviamente dei delinquenti

brio
Inviato: 27/10/2009 18:44  Aggiornato: 27/10/2009 18:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Ciao perafelix, cerco di spiegarmi. Se dici che il ministero controlla che le sperimentazioni siano condotte secondo le regole e a capo del ministero, a capo quindi figuriamoci sotto, ci sono persone che hanno intascato ingenti somme da parte delle case farmaceutiche, ma per me è sufficiente il sospetto di averlo fatto è chiaro che uno qualche domanda se la pone, no?
Brio

brio
Inviato: 27/10/2009 19:02  Aggiornato: 27/10/2009 19:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Il messaggio che voglio far passare e' che io non vedo l'associazione "pharma-company=cattivo".

Ciao perafelix. In effetti sono d'accordo anch'io: l'industria farmaceutica non è più cattiva di quanto non lo siano altre industrie, fanno tutti esclusivamente i loro interessi. Esempio: se un'industria farmaceutica scopre una sostanza per sconfiggere il cancro ma questa sostanza non è brevettabile e quindi non gli fa guadagnare una lira, non solo non la commercializza, ma non rende pubbliche le informazioni che ha. Se invece scopre che un farmaco del quale detiene il brevetto ha delle controindicazioni, anche gravi, ma riesce a commercializzarlo, lo fa e basta perchè gli fa guadagnare soldi. E' la natura del capitalismo.
Brio

Lezik85
Inviato: 27/10/2009 19:03  Aggiornato: 27/10/2009 19:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
questi sono i tipici commenti di chi non conosce come stanno le cose.


Lo Stato è una macchiolina sul loro vestito, questi soggetti tengono per i coglioni nazioni intere ed in caso di "emergenza" sono giudici e giuria di intere popolazioni. Mettono mani in ogni settore, in modo da potersi riempire le mani della ghiotta marmellata verde.

Citazione:
Sai quali sono le sanzioni che comporta se trovano qualcosa?


Sanzioni come questa?

Ma certo, io non lo posso sapere.

Citazione:
i dati sono resi pubblici e non segretati.


Essendo esperto del settore lavori bene. Stai quindi affermando che anche i dati bruti delle sperimentazioni sono pubblici, per mezzo dei quali si può verifincare l'autenticità della sperimentazione.

Citazione:
La domanda semmai potrebbe essere: prima di renderli pubblici li modificano? Basandomi su quello che so e che vedo, questo non accade; ma ovviamente esiste sempre la possibilita'


Magnifico. Questa frase merita un riquadro d'oro. Cerca di aguzzare la vista allora perchè ti stanno fregando proprio sotto il tuo naso. Altrimenti la sorpresa del primo che passa e ti dice che le cose stanno diversamente da quello che sembra potrebbe sconvolgerti. Sorpresa doppia poi se il passante non sa come stanno le cose
Ce ne sono a iosa di esempi:

http://www.mednat.org/falsificazionedati.htm

http://www.lavocedeiconigli.it/Glaxo/impunit%C3%A0_farmaceutica.htm

http://www.mednat.org/dollari.htm

Citazione:
Pfizer accusata di occultamento

In una causa intentata contro Pfizer negli Stati Uniti, presso la corte distrettuale di Boston, sono stati presentati dei documenti che rivelano che l'azienda avrebbe tentato di tenere nascosti dati di studi scientifici che non supportavano l'uso di Neurontin, farmaco indicato per il trattamento dell'epilessia. I documenti - riporta Reuters - suggeriscono che i responsabili marketing di Pfizer avrebbero modificato i dati sul farmaco per dare impulso alle vendite del prodotto fino al 2003, in particolare ritardando la pubblicazione o alterando le conclusioni di ricerche che evidenziavano come il farmaco non fosse efficace contro nessun'altra malattia al di fuori dell'epilessia. Pfizer, da parte sua, nega: "Siamo impegnati - assicura l'azienda - nella comunicazione di risultati scientifici di interesse, senza fare differenze sulla base del loro contenuto".


Ma io non lo posso sapere...già

Redazione
Inviato: 27/10/2009 19:16  Aggiornato: 27/10/2009 19:16
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Qui si trova forse qualche risposta ai diversi quesiti avanzati:


perafelix
Inviato: 27/10/2009 20:05  Aggiornato: 27/10/2009 20:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Video interessante che contiene alcune cose vere, altre false, altre parzialmente vere.

Premetto che non conosco com'e' la situazione negli USA e posso parlare solo per quello che vedo giornalmente nella mia espereinza qui in Europa.

Riguardo i regali: non li ho mai visti e sono severamente puniti se scoperti. Le linee guida che seguiamo ci impongono di non effettuare nessun tipo di regalo a nessuno. Questo non esclude che ci possano essere stati: se ci sono stati e' ovvio che non sono pratiche condivisibili

Riguardo i campioni gratuiti di farmaco: si, e' vero ed e' una pratica diffusa. A questo proposito pero' ricordo che l'azienda farmaceutica fa quello che fa qualsiasi altra azienda con scopo di lucro: cerca di vendere il suo prodotto. E' il medico che poi prescrive il farmaco, non Big pharma. Anche riguardo ai decessi per prescrizione di farmaci inutili: e' verissimo ma anche qui e' colpa del medico che prescrive farmaci inutili

Trial con placebo come controllo: questo e' parzialmente vero. I trials oncologici non possono avere il placebo come controllo per legge e sono sempre comparati con farmaci gia' in commercio. Alcuni trials (direi il 10%) hanno il placebo come controllo. Anche io non mi spiego l'utilita' di questi trials dove si compara un agente farmaceutico con l'acqua fresca!!

Ad un certo punto nell'intervista si dice che i trial sono passati di mano e vengono effettuati da aziende private. Magari sara' cosi' in America, ma in Europa i trials vengono fatti da ospedali pubblici e accessibili a tutti

Si dice che i dati post-trial non sono disponibili: non e' vero. I dati sono pubblici e visibili a tutti. In primis al medico (di ospedale pubblico) che effettua la sperimentazione: e' lui che effettua tutti i test e controlla l'andamento del paziente nell'arco del tempo

Big pharma ha influenza sulle riviste che pubblicano le sperimentazioni: questo sinceramente non lo so e non ho dati per dire l'una o l'altra cosa

Nel video si dice che i medici che eseguono i trials hanno un legame economico con la company, si dice il 59%. Altra cosa che non ho mai riscontrato. Se oltretutto il medico viene scoperto avere un vantaggio economico viene messo in galera e non credo che i medici corrono a cuor leggero questo rischio.

Si dice anche che i medici possono basarsi solo su informazioni generate dall'industria farmaceutica e che non ha la possibilita' di verificare: del tutto falso proprio perche' e' il medico stesso che effettua la sperimentazione!! Conosce tutti i dati perche' e' lui che cura il paziente, non Big Pharma!

Riguardo gli spot sono d'accordo: sono spesso una presa per il culo e creati ad arte per disinformare. Anche qui vale il principio che, come tutte le aziende di ogni settore, cercano di vendere il proprio prodotto. Non e' pero' accettabile che si disinformi sulla salute (finche' dici che la nuova Golf fa 50 Km/L e' un conto, ma quando dici le stesse cazzate alle spese della salute e' criminale)

ELFLACO
Inviato: 27/10/2009 21:19  Aggiornato: 27/10/2009 21:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
A questo proposito pero' ricordo che l'azienda farmaceutica fa quello che fa qualsiasi altra azienda con scopo di lucro: cerca di vendere il suo prodotto.




Citazione:
finche' dici che la nuova Golf fa 50 Km/L e' un conto, ma quando dici le stesse cazzate alle spese della salute e' criminale)




Il problema e tutto quà.Non puoi avere lo stesso criterio nel vendere macchine e nel vendere medicine.

O almeno non avere ,nella vendite dei medicinale ,lo stesso che usi per vendere macchine.


Citazione:
E' il medico che poi prescrive il farmaco, non Big pharma. Anche riguardo ai decessi per prescrizione di farmaci inutili: e' verissimo ma anche qui e' colpa del medico che prescrive farmaci inutili


Ma allora perchè li fabbrica se sono inutili??
E come mai il medico prescrive un farmaco inutili piutosto che quello buono??
Non Potrebbe essere che la casa farmaceutica li promette vacanze ai caraibi.??

Purtroppo ,come dici tu,le case farmaceutiche si comportano come le altre industrie se hanno un potere sul mercato fanno di tutto per tenerselo.

Di tutto!! E fanno anche di tutto perchè qualcun'altro non se lo prenda.

E questo e solo la metà del problema .Poi ci sono anche quelli che dovrebbero controllare che invece....

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
perafelix
Inviato: 27/10/2009 21:58  Aggiornato: 27/10/2009 21:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 49
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Ma allora perchè li fabbrica se sono inutili?? E come mai il medico prescrive un farmaco inutili piutosto che quello buono?? Non Potrebbe essere che la casa farmaceutica li promette vacanze ai caraibi.??


No, il problema e' che il farmaco non dovrebbe essere prescritto perche' il paziente non ne ha bisogno. Il farmaco servirebbe se fosse veramente necessario ma spesso i medici prescrivono farmaci quando basterebbe una tisana caldo e sano riposo.

I farmaci vengono prodotti SE servono. Sta al medico decidere se servono oppure no. Non ho prove per dire che ai medici vengono promesse vacanze o regali; per quello che posso vedere io questo non avviene

ELFLACO
Inviato: 27/10/2009 22:13  Aggiornato: 27/10/2009 22:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Citazione:
Non ho prove per dire che ai medici vengono promesse vacanze o regali; per quello che posso vedere io questo non avviene


E invece è successo parecchie volte.

E Questo e solo il primo articolo che viene fuori se digiti "medici viaggi premio" su google

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Beattle
Inviato: 27/10/2009 22:31  Aggiornato: 27/10/2009 22:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/1/2006
Da: Milano
Inviati: 57
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
@Ipsedixit: I commenti degli addetti ai lavori mi lasciano sempre perplesso..

Ottimo!

Al2012
Inviato: 27/10/2009 22:38  Aggiornato: 27/10/2009 22:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
<< Riguardo alla connivenza FDA-Merck sono d'accordo che l'episodio e' spospetto, pero' non lo sapremo mai. Se comunque c'e' stata copertura sono ovviamente dei delinquenti >>

Vioxx: accuse per Merck ed FDA dal noto cardiologo Eric Topol
http://www.disinformazione.it/vioxx2.htm

<< (Xagena - Cardiologia) - Rofecoxib ha rappresentato un blockbuster per la società farmaceutica Merck & Co, con vendite annue che hanno toccato i 2,5 miliardi di dollari.
Più di 80 milioni di cittadini statunitensi hanno assunto il farmaco, prima che Merck decidesse di togliere dal commercio il farmaco antinfiammatorio a causa di un aumentato rischio di infarto miocardico e di ictus.
Eric Topol, della Cleveland Clinic, uno dei più noti cardiologi a livello mondiale, ha scritto un editoriale dal titolo “ Failing the Public Health – Rofecoxib, Merck and the FDA”, pubblicato sul The New England Journal of Medicine, in cui attacca duramente sia la casa farmaceutica Merck che l’Agenzia di controllo sui farmaci Usa, l’FDA.
I dati sottoposti dalla Merck all’FDA nel 1999 per l’approvazione del Vioxx erano incompleti e non revisionati da un peer-reviewed journal.
Solo due anni dopo,febbraio 2001, l’FDA Arthritis Advisory Committee, si è “accorta “ dei potenziali rischi cardiovascolari del Vioxx. >>


Se gli americani hanno FDA noi europei abbiamo la EMEA:

EMEA – FDA due agenzie a confronto
http://www.lascienzainrete.it/files/Dsf_2_09_DossierEmeaFda.pdf

<< CONCLUSIONI
Le azioni regolatorie della FDA appaiono maggiormente incisive e documentate rispetto a quanto attuato dall’EMEA, nonostante la mancanza di trasparenza dimostrata in alcuni casi anche dall’Agenzia statunitense (esempio telitromicina).
Le differenze tra le due Agenzie nelle rispettive decisioni e nella comunicazione delle informazioni sul rapporto beneficio/rischio dei farmaci sono evidenti, e ciò ha determinato l’esposizione dei pazienti europei a farmaci non approvati negli USA perché ritenuti poco sicuri.
Alcuni di questi sono ancora in commercio in Europa (etoricoxib e parecoxib).
Inoltre, mentre in USA sono resi pubblici i pareri, anche quelli negativi, sulla autorizzazione
dei nuovi farmaci, garantendo una certa trasparenza, in Europa ciò non avviene: gli unici documenti disponibili (esempio discussione scientifica e RCP) sono infatti tutti concordati con le ditte produttrici. >>


°°°
Bambini depressi, via libera dall’Europa al Prozac dagli 8 anni
http://www.disinformazione.it/via_libera_al_prozac.htm


Il Prozac ??

Andiamo a vedere cosa dicono QUI
in merito a questo farmaco :…

<< Il Prozac, il Paxil, il Luvox e lo Zoloft sono farmaci etichettati come SSRI (inibitori selettivi risollevamento della serotonina) e che cercano di alleviare la depressione modificando i livelli cerebrali di una sostanza naturale, la serotonina.
Il Prozac è l'arcinoto depressivo della Eli Lilly che è stato messo in relazione ad azioni di suicidio e omicidio.
Il Dott. Joseph Tarantolo, psichiatra che esercita nel settore privato a Washington DC, e presidente della sezione della American Society of Psychoanalytic Psysicians di quella città, afferma: "... tutti gli SSRI inibiscono le sensazioni del paziente.
Costui viene meno empatico, del tipo "non m'importa granché", il che significa "per me è più facile farti del male"..
Il Dott. Peter Breggin, eminente psichiatra e divulgatore, nella rubrica del giornale di Arianna Huffington del 9 luglio 1998, afferma: "non ho dubbi che il Prozac possa causare o contribuire a violenza e suicidi, casi di cui sono stato testimone più volte; in una recente sperimentazione clinica, il 6% dei bambini sono diventati psicotici a causa del Prozac, e la psicosi maniacale può condurre a comportamenti maniacali".

Quelli che seguono sono elencati come effetti collaterali del Prozac: apatia, allucinazioni, ostilità, idee irrazionali, reazioni paranoiche, comportamento antisociale, isteria e pensieri suicidi.
L'effetto di questi farmaci - che alterano l'afflusso del neurotrasmettitore del cervello, la serotonina - viene spacciato da alcuni come una potenziale cura per comportamenti violenti.
L'unico problema è che non esiste alcuna prova riconosciuta che la serotonina sia un fattore che scatena la violenza.
Il Prozac ebbe vita dura sulla stampa; il 7 febbraio 1991, un articolo di Amy Marcus apparso sul Wall Street Journal aveva come titolo "processi per omicidio introducono la difesa del Prozac". Marcus ha scritto: "una valanga di processi per omicidio in cui gli imputati affermano di esseri diventati violenti quando assumevano l'antidepressivo Prozac stanno ora presentando una serie di problemi alla casa produttrice, la Eli Lilly & Co".
Nel libro Toxic Psychiatry, pietra miliare del genere, il Dott. Breggin menziona che The Donahue Show (28 febbraio 1991) "riunì un gruppo di persone le quali erano diventate incontrollabilmente autolesioniste e omicide dopo aver assunto il Prozac, e la clamorosa risposta di audience e di telefonate confermò il problema".

Non solo ma Breggin cita un inquietante studio di Teicher tratto dal American Journal of Psychiatry (147:207-210), che riferisce di "..sei pazienti depressi, precedentemente liberi da qualsiasi recente progetto suicida, i quali hanno sviluppato ossessioni suicide intense e violente dopo 2-7 settimane di trattamento con fluoxetina (Prozac).
Le ossessioni suicide sono durate da tre settimane a tre mesi dopo il termine del trattamento.

Il Prozac viene accusato di trasformare gente sana e tranquilla in persone violente.
Nella prima sperimentazione il dr. David Healy Direttore del Dipartimento di Medicina Psicologica del Galles del Nord ha somministrato il Prozac ad un gruppo di volontari adulti e mentalmente sani, trovando che persino il loro comportamento è stato influenzato.
"Possiamo trasformare dei volontari sani in persone bellicose, paurose, tendenti al suicidio e persino pericolose per gli altri", ha detto.

Negli Stati Uniti le sparatorie nelle scuole sono state collegate al numero di bambini cui è stato somministrato il Prozac ed altri antidepressivi.
I medici qui stanno prescrivendo Prozac e Ritalin ad un numero sempre maggiore di bambini. Nel 1995, oltre 150.000 bambini - proprio nella fascia d'età tra i due e i quattro anni - sono stati trattati con farmaci simili al Prozac. >>

“Capire … significa trasformare quello che è"
Al2012
Inviato: 27/10/2009 23:20  Aggiornato: 27/10/2009 23:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Tornando in tema:

Cancro: Puoi Guarire
Senza chemio, radiazioni o chirurgia. 30 e più cure non distruttive di documentata efficacia
http://www.macroedizioni.it/libri/cancro-puoi-guarire.php

ESTRATTO DI VISCHIO

Più di 40 studi clinici sono stati effettuati sull’uso di Iscador® ed altri estratti di Viscum album (l’Isorel®, il Viscum Abnoba®, l’Iscucin® e l’Helixor®, Eurixor®) per il trattamento del cancro.

La maggior parte di questi studi sono stati effettuati alla Lukas Klinik in Arlesheim (Svizzera), ma anche al Ludvig Boltzmann-Institute di oncologia in Austria e alla Clinica Dermatologica dell’Università di Basilea.
L’Iscador è un estratto di vischio (Viscum album), una pianta semiparassita che vive su numerose specie di alberi (inclusi querce, pioppi, abeti, meli).
Come abbiamo visto nel caso clinico riportato, sebbene nei casi di cancro terminale non riesca ad ottenere grandi riduzioni della massa tumorale, argina la virulenza del fenomeno tumorale supportando il sistema immunitario e apportando un notevole benefico effetto sulle sintomatologie.

Come scrive la dott.ssa Rita Leroi: «L’Iscador raramente porta a spettacolari remissioni nei carcinomi bronchiali, ma può spesso portare ad una stabilizzazione a lungo termine del tumore maligno e ad un buono stato di salute generale (con pazienti che continuano a poter andare al lavoro)».

Nel caso di stadi avanzati di carcinoma del retto, nessuno del gruppo di controllo era sopravvissuto a 5 anni, mentre il 37% del gruppo trattato con Iscador aveva una sopravvivenza a 5 anni.
Insieme alla normalizzazione dei macrofagi si verifica un notevole miglioramento della qualità della vita dei pazienti con cancro.

Mai come in questo caso si parla giustamente di terapia «dolce».
Il giorno in cui la qualità della vita del paziente con cancro sarà un criterio per la scelta della terapia, l’Iscador potrebbe conquistare uno dei primi posti.

Duplice è l’effetto dell’Iscador.
Da una parte supporta il sistema immunitario, stimolando il timo, organo centrale delle reazioni immunitarie.
Si è visto che dopo ventiquattr’ore dalla somministrazione di Iscador® c’è un aumento di numero e attività dei linfociti natural killer, che sono quei globuli bianchi (circa il 20-25% di tutti quelli che circolano nel sangue) che svolgono un’attività di distruzione specifica di cellule infettate da virus o di cellule tumorali.
Inoltre aumentano i livelli di Tumor Necrosis Factor, le interleukine e l’attività dei macrofagi.

L’Iscador® aiuta anche la rigenerazione dei tessuti produttori di globuli rossi dopo i trattamenti di irradiazione. Dall’altra parte il Viscum album è in grado di inibire o rallentare la crescita del cancro.

Questa pianta era conosciuta sin dall’antichità e i druidi celti, che la consideravano sacra, la usavano come medicinale contro qualsiasi male.

I naturopati dell’età moderna (in questi casi anche medici perchè indirizzati alla cura delle malattie - mia nota) hanno confermato il potere terapeutico di questa pianta che hanno usato con successo per curare l’epilessia, i disturbi isterici, il congelamento, la regolazione della pressione e della circolazione sanguigna, le emorragie e le malattie metaboliche croniche come il diabete.

Nella comune fitoterapia del vischio si usano prevalentemente i rami giovani e le foglie (freschi o disseccati).
Con gli studi recenti si sono scoperte nuove proprietà terapeutiche di questa pianta per cui oggigiorno essa è usata anche per curare nefriti croniche, aterosclerosi, gotta, prostatismo, asma, eczemi, emicrania, reumatismi ecc.

Fu Rudolf Steiner, filosofo e medico tedesco fondatore della medicina antroposofica, ad indirizzare nel 1916 le proprie ricerche verso un rimedio anticancro sa base di vischio.
Il sistema immunitario, o con le parole del dott. Steiner, «le forze superiori dell’organismo», risultano sgretolate nei casi di cancro, facendo prendere il sopravvento alle «forze inferiori», o meglio le forze cellulari che, alterate, si riproducono in modo accelerato.
Il vischio ha questo carattere di «organizzazione superiore» e quindi aiuta il sistema immunitario a ristabilirsi.
Del vischio gli antroposofi usano la pianta intera da cui viene ricavato un estratto che viene lasciato fermentare con il lactobacillus plantarum, poi filtrato, diluito e veicolato in fiale iniettabili.

Per la terapia a base di vischio è meglio non affidarsi a preparazioni fatte in casa (è bene affidarsi a dei medici antroposofici - mia nota) perché superata la dose ideale si va incontro a quantità di vischio che possono risultare tossiche». [pag. 82-84] >>

“Capire … significa trasformare quello che è"
reaven
Inviato: 28/10/2009 0:48  Aggiornato: 28/10/2009 0:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 341
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
La chemio è totalmente inutile punto, non cè bisogno delle statistiche di BigPharma per constatare che viene spacciato un veleno per una cura, le statistiche le facciamo noi. Ho visto stroncare una persona cara da questo schifo nel giro di pochi mesi, il reparto di oncologia era un cimitero.

astro7
Inviato: 28/10/2009 10:17  Aggiornato: 28/10/2009 10:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2007
Da: questa sconosciuta terra di mezzo
Inviati: 472
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
che qualcuno inizi a mettere in dubbio l'uso indiscriminato della chemio oggi e' una gran cosa, qualcosa che spezzi nelle persone il luogocomune che solo la chemio dia benefici ...
il punto, secondo me , e' quanto questo genere di informazioni diano la spinta alle persone ad avere il coraggio di intraprendere le strade alternative...in fondo vince la paura che i metodi gia' collaudati, perche' in uso da tempo e statisticamente positivi, siano i migliori e per questo difficilmente chi scopre di avrere il cancro o il tumore si faccia curare in altro modo...

astro7
Inviato: 28/10/2009 10:29  Aggiornato: 28/10/2009 10:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2007
Da: questa sconosciuta terra di mezzo
Inviati: 472
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
Cancro: Puoi Guarire
Senza chemio, radiazioni o chirurgia. 30 e più cure non distruttive di documentata efficacia

titolo fuori catalogo, non disponibile

CVD

fefochip
Inviato: 28/10/2009 13:22  Aggiornato: 28/10/2009 13:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
sgruntttt mi sono perso tutto quello che avevo scritto.
ricomincio

@ parafelix

non ho dubbi che te come persona in buona fede e con una coscienza sai che il tuo lavoro è una cosa positiva per la salute delle persone perche sei un "guardiano".
il problema grosso è al di là dei particolari di una situazione troppo grande per essere risolta e quindi quasi inutile da essere dibattuta.

c'è a monte un problema che complica immensamente tutto :il fine.

dici bene quando scrivi
Citazione:
...ricordo che l'azienda farmaceutica fa quello che fa qualsiasi altra azienda con scopo di lucro: cerca di vendere il suo prodotto.


le aziende farmaceutiche ricercano il profitto per prima cosa e NON la salute del paziente ....questa è una cosa che bisognerebbe tatuare all'umanità in toto sul braccio per diverse generazioni .

la salute del paziente è ridotta a elemento di marketing ovvero se un farmaco fa bene verrà pubblicizzato meglio ...magari con il passaparola (l'unica forma sana di pubblicità).
quindi la salute del paziente se togliamo tutte le chiacchiere e le belle parole è in seconda posizione rispetto agli interessi di big pharma.
sta tutto qui il nocciolo della questione.

il tuo lavoro e tanti altri accorgimenti servono per fare una cosa innaturale ovvero quella di riunire l'obiettivo del paziente con quello della casa farmaceutica.

innaturale perche tali interessi (profitto dell'azienda e salute della persona) non hanno elementi comuni e sulla creazione di tali elementi è basata tutto il nostro sistema.
personalmente ritengo che piu un organizzazione è grande e piu sia amorale (chiesa grande devozione poca)e credo che non esistano aziende piu grandi di quelle farmaceutiche (prese nel loro complesso).

potresti obiettare che qualunque azienda ha questo "conflitto di interessi" e io ti potrei rispondere che è esattamente cosi ma per la salute se ci pensi la questione assume toni preoccupanti probabilmente per l'immenso giro di soldi che rende ormai inattacabile il sistema

sono arrivato a concludere che se dall'oggi al domani chiudessero i battenti il 95% del mercato e della produzioni di farmaci sarebbe solo un bene per l'umanità (d'altronde è lo stesso presidente dell'ordine dei medici che disse che solo il 20% dei farmaci in commercio perche basati su prove di efficacia ...leggi non si sa se effettivamente funzionano).

c'è un tale uso sproporzionato dei farmaci ,una tale pubblicità ,un tale convincimento (grazie alla propaganda) che farmaco=salute che il sistema è marcio nella quasi sua totale interezza.
se togli un po di antibiotici e qualche altra cosa si potrebbe buttare tutto nel cesso vaccini in primis(tanto per fare un esempio)

e poi c'è sempre la considerazione che i cinesi vivono la loro vita milleneria e sono 1,3 miliardi (mi pare) senza usare la medicina occidentale ...ci vogliamo riflettere un attimino su?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 28/10/2009 13:31  Aggiornato: 28/10/2009 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Inizia a sfaldarsi il mito della chemio
comunque ritornando in tema io non posso che prendere una mia risoluzione personale

la chemio produce piu danni che benefici perche sono veleni assunti senza sapere perche .
il punto sta tutto li .non si conosce la vera causa del tumore e si somministrano sostanze chimiche dagli effetti devastanti
inutile per favore polemizzare su questo punto è un mio convincimento personale che non voglio spacciare per verità assoluta quando viceversa ritengo che molti fanno il contrario.

dei trials me ne frego ,di quello che dicono i medici sulla chemio me ne frego.... se la facessero loro la chemio ....se mai mi dovesse capitare questa atroce prova nella mia vita non andrei certo a fare la chemio.

le operzioni di asportazione hanno un minimo di "intelligenza" in piu visto che si basano sull'elementare considerazione "hai qualcosa di anormale , lo levo".

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA