Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Tieni a casa la 'munnezza
Inviato da marcocedol il 21/3/2008 9:30:00 (4125 letture)

di Marco Cedolin

La questione dei rifiuti di Napoli sta conoscendo ogni giorno che passa risvolti più grotteschi, trasformandosi in una sorta di teatro dell’assurdo dove le velleità di propaganda elettorale s’intrecciano con l’incapacità manifesta di coloro che sono deputati a gestire l’ormai eterna emergenza.

Il vice commissario delegato per l’emergenza rifiuti Franco Giannini ha così offerto una perla senza eguali, estremamente indicativa dello stato confusionale che alligna nella mente di amministratori e tecnici tanto incompetenti quanto pericolosi. Giannini dentro all’uovo di Pasqua ha pensato bene di far trovare ai napoletani il “consiglio” di trattenere in casa la munnezza durante le vacanze pasquali, evitando di tradurla nei cassonetti (o sarebbe meglio dire nelle strade) prima di mercoledì. Questo poiché durante le feste l’aumentata produzione di rifiuti e la ridotta attività degli impianti di Cdr potrebbero contribuire a peggiorare la già drammatica situazione.

Se i napoletani metteranno in pratica il “consiglio” di Giannini diminuirà così l’altezza dei cumuli di rifiuti nelle strade (sotto agli occhi di tutti), ...

... mentre i sacchetti di munnezza si affastelleranno più o meno ordinatamente dentro agli appartamenti almeno fino a mercoledì, a solo beneficio dei padroni di casa e di amici e parenti che potranno allegramente goderne il lezzo durante il pranzo pasquale. Mentre da giovedì le strade torneranno a riempirsi raccogliendo in una volta sola i rifiuti di una settimana che si ammonticchieranno in cumuli più alti dei precedenti, destinati a durare a lungo a causa della cronica limitata operatività della macchina preposta al raccoglimento del pattume.

Nel “consiglio” del vice di De Gennaro, in sé semplicemente grottesco, purtroppo si riesce a leggere tutta l’incapacità di una classe politica che si propone di rimediare all’emergenza dei rifiuti di Napoli (probabilmente creata ad arte) esclusivamente attraverso la pratica dell’incenerimento che contribuirà ad incrementare in maniera esponenziale la vera emergenza costituita dai drammatici problemi di salute che affliggono gli abitanti dell’ormai tristemente noto “triangolo della morte”.

In assenza di qualunque serio piano programmatico di gestione e smaltimento dei rifiuti, basato sulla raccolta differenziata, il riciclaggio ed il riutilizzo, il futuro governo Veltrusconi destinerà infatti ogni risorsa disponibile, per la costruzione e la messa in attività di tre megainceneritori situati ad Acerra, (già in fase di completamento) Santa Maria di Fossa e Salerno (quest’ultimo neppure ancora in fase di progetto) che trasferiranno semplicemente la munnezza accumulata nelle strade di Napoli direttamente dentro ai polmoni dei napoletani, ammorbando ulteriormente di veleni i terreni coltivati e quelli destinati a pascolo.

Il Presidente del Consiglio Romano Prodi, sfruttando l’onda emotiva dell’emergenza rifiuti in Campania, lo scorso 31 gennaio 2008, ha inoltre firmato un’ordinanza con la quale concede, in deroga alla legge vigente, i contributi Cip6, pagati con il denaro dei consumatori, per i tre inceneritori campani, ristabilendo di fatto la truffa delle “assimilate” anche per il futuro, trattandosi d’impianti che vedranno la luce fra molti anni ed usufruiranno degli incentivi fino ad oltre il 2020.

Alla luce di queste considerazioni non dovremo stupirci se il prossimo “consiglio” esperito dal team De Gennaro inviterà i cittadini napoletani a provvedere personalmente a bruciare i sacchetti della spazzatura sul balcone delle proprie abitazioni, fino a quando non sarà possibile bruciarli collettivamente nei forni inceneritori, con buona pace per il rispetto della salute e dell’ambiente.

Marco Cedolin

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
BlSabbatH
Inviato: 21/3/2008 10:02  Aggiornato: 21/3/2008 10:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
In assenza di qualunque serio piano programmatico di gestione e smaltimento dei rifiuti, basato sulla raccolta differenziata, il riciclaggio ed il riutilizzo

non sono daccordo. La differenziata da sola non potrà mai risolvere il 100% dei problemi, con il modello economico che ci ritroviamo si deve optare per vie differenti, in ordine di preferibilità: differenziata, incenerimento e discarica.
Guarda caso i comuni più virtuosi nel differenziare si ritrovano ad avere inceneritori e pochissime discariche.. da me su 10 km di strada statale si trovano ben 2 inceneritori attivi (quanti in campania!?) e non so quante discariche sono ormai dismesse da anni..

con il modello economico attuale non c'è alternativa, è inutile che ci si rigira intorno.

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
cocis
Inviato: 21/3/2008 10:11  Aggiornato: 21/3/2008 10:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
invece dello slogan "metti una tigre nel motore" .. dovrebbero dire "metti la munnezza nel motore"

Skafloc
Inviato: 21/3/2008 10:39  Aggiornato: 21/3/2008 10:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: ROMA
Inviati: 188
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
con il modello economico attuale non c'è alternativa, è inutile che ci si rigira intorno.


Infatti, come lo stesso Cedolin ha più volte ricordato, la soluzione al problema rifiuti passa appunto per una revisione dell'attuale modello economico

Le cose urgenti vanno fatte con calma
epicureo99
Inviato: 21/3/2008 10:47  Aggiornato: 21/3/2008 10:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Per favore che qualcuno se ne esca dicendo che non è vero quello che ho appena letto.....

Quale mente oltre a partorire un'idea così assurda è anche accompagnata dalla faccia tosta di esprimerla in pubblico? ah già....quella di De Gennaro...

Ridicolo.......nonostante stiamo già scavando il fondo. speriamo di trovarne presto un altro che ci faccia cambiare direzione

Cuando la violencia es esclusiva del estado, [email protected] somos terroristas
Infettato
Inviato: 21/3/2008 11:05  Aggiornato: 21/3/2008 11:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
cocis

Citazione:

invece dello slogan "metti una tigre nel motore" .. dovrebbero dire "metti la munnezza nel motore"

Si potrebbe per me, mentre per chi ci governa è meglio bruciarla a fondo perduto...
è anche vero che "noi" li eleggiamo per inquinare sprecare sperperare...che cosa si vuole di più dalla vita dopo essere stati "mazziati" mancava solamente la presa per il culo....ora non più.

edit:BlSabbatH tu dici:non sono daccordo. La differenziata da sola non potrà mai risolvere il 100% dei problemi, con il modello economico che ci ritroviamo si deve optare per vie differenti, in ordine di preferibilità: differenziata, incenerimento e discarica.

Io non sono daccordo con te, la differenziata + questo lievito miracoloso per l'umido, e non è fantascienza...

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
marcocedol
Inviato: 21/3/2008 11:11  Aggiornato: 21/3/2008 11:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
BIS,
Non è vero, gli inceneritori oltre che dannosi sono assolutamente inutili anche con il modello economico che ci ritroviamo.
Cito da Grandi Opere- Arianna Editrice 2008 che sta uscendo in libreria in questi giorni:

Come abbiamo già avuto occasione di puntualizzare in precedenza, una seria e virtuosa politica di gestione dei rifiuti non può prescindere da una riduzione alla fonte del volume degli stessi e da un cambiamento radicale d’impostazione della produzione industriale. Nonostante fino ad oggi nel nostro paese non sia stato fatto nulla in questo senso, il ricorso all’incenerimento dei rifiuti potrebbe comunque essere evitato fin da subito attraverso un’applicazione sistematica della raccolta differenziata e opportune pratiche di riciclaggio.
Il Trattamento Meccanico Biologico (TMB) abbinato ad un’efficace raccolta differenziata porta a porta è in grado di rappresentare un’alternativa alla pratica dell’incenerimento, estremamente più vantaggiosa sotto ogni punto di vista che si voglia prendere in considerazione. Nel mondo esistono già 15 moderni impianti TMB ed altri 20 sono in fase di costruzione. I più avanzati sono quello di Sidney in Australia che è attivo dal 2004, quello di Amiens in Francia, Munster e Bassum in Germania e Vagron nei Paesi Bassi. Il TMB è in sostanza un’evoluzione maggiormente performante della vecchia pratica del compostaggio, all’interno di impianti in grado di coniugare le più raffinate tecniche di separazione meccanica con il trattamento della parte organica dei rifiuti. Se utilizzato a valle di una buona raccolta differenziata che raggiunga il 60% del volume complessivo dei rifiuti, un moderno impianto TMB nel quale venga conferito il restante 40% è in grado di recuperare circa il 70% del materiale in ingresso, utilizzando sistemi di separazione meccanica sofisticati e ampiamente disponibili sul mercato, estraendo frazioni riciclabili di vetro, plastiche dense, alluminio, acciaio, carta, cartone e pellicole di plastica. La frazione organica viene invece avviata ad un trattamento anaerobico – aerobico ed il biogas prodotto durante questa fase viene sottoposto a recupero energetico, permettendo di alimentare l’impianto stesso che sarà in questo modo energeticamente autosufficiente. Eventuali eccedenze di energia possono inoltre venire cedute a terzi.
La quantità finale di materiale da conferire in discarica sarà circa il 15% del volume complessivo dei rifiuti , mentre nel caso dell’incenerimento che prescinde per forza di cose dalla raccolta differenziata (che priverebbe i megainceneritori dei materiali maggiormente calorifici) il 30% della massa dei rifiuti inceneriti si trasforma in ceneri che devono essere smaltite. Il materiale derivante dal TMB sarebbe formato da inerti e composti organici stabilizzati con scarsissima potenzialità di percolazione ed emissione di odori molesti, con una potenzialità inquinante ridotta del 90% rispetto a quella del materiale in entrata, che potrebbero essere smaltiti in discariche per inerti o addirittura riutilizzati. Le ceneri derivanti dagli inceneritori sono invece rifiuti tossici che necessitano di essere smaltiti in discariche per rifiuti speciali di tipo B1. Le emissioni di anidride carbonica e gas serra di un impianto TMB sono notevolmente inferiori rispetto a quelle di un inceneritore e il trattamento meccanico biologico a differenza dell’incenerimento non introduce sostanze tossiche nell’ambiente circostante. Il costo di realizzazione di un impianto TMB ammonta a circa ¼ della cifra necessaria per realizzare un piccolo inceneritore, si tratta di un impianto meno complesso e di più veloce costruzione e la sua dislocazione sul territorio non rischia di creare problemi di ordine sociale in virtù del suo scarsissimo impatto ambientale.
In Italia fino ad oggi il trattamento meccanico biologico è applicato su rifiuti scarsamente o per nulla differenziati e viene usato quasi esclusivamente per la produzione di Combustibile derivato da Rifiuti (CdR) e Frazione Organica Stabilizzata (Fos). Il CdR che potrebbe essere oggetto di successive selezioni finalizzate al recupero viene invece bruciato perpetrando uno sperpero di risorse ed energia, in quanto costituisce la materia prima per i megainceneritori. La Fos pur essendo definita materiale da utilizzare per il ripristino ambientale non è un compost di qualità in quanto costituita da notevoli quantità d’impurità derivanti dalle altre tipologie di rifiuto e viene generalmente utilizzata nel ripristino ambientale di cave, giardini, discariche, parchi e scarpate ma non può essere impiegata per usi agricoli.
Eliminando il ricorso all’incenerimento ed incrementando al massimo la raccolta differenziata, anche attraverso opportuni incentivi economici, si potrebbe in breve tempo costruire un circolo virtuoso che per mezzo della costruzione di moderni impianti di TMB e della ristrutturazione di quelli attualmente usati per la produzione di CdR e Fos riesca a riciclare la stragrande maggioranza dei rifiuti, conferendo in discarica solamente una piccola parte di essi (fino a meno del 10%), oltretutto sotto forma di materiali inerti e scarsamente inquinanti. Il tutto con un costo enormemente inferiore rispetto a quello dei megainceneritori e senza avvelenare l’aria ed il suolo, con enormi benefici per l’ambiente e la salute delle persone e degli animali.
Paradossalmente proprio la minore movimentazione di denaro connessa ad un sistema di questo genere lo rende scarsamente attraente per i grandi potentati economico/finanziari che prediligono opere faraoniche come i megainceneritori che permettano loro di gestire finanziamenti miliardari a proprio uso e consumo.

florizel
Inviato: 21/3/2008 12:12  Aggiornato: 21/3/2008 12:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Quest’ultima uscita la dice lunga sul fatto che l’amministrazione della città e della regione è ormai alla frutta. Dal momento che i cumuli di immondizia dei giorni precedenti le festività pasquali permarranno nelle strade in ogni caso, le motivazioni addotte circa il provvedimento non hanno alcun fondamento razionale.

Questa chiamasi in realtà “strategia del divide et impera”: da sottolineare, infatti, che la raccomandazione è rivolta genericamente ai “campani”, ma va ad incidere mediaticamente solo sulla città di Napoli, tanto per fomentare uno scontento che il commissario "superpoliziotto" (non dimentichiamolo mai) si illude venga indirizzato nei confronti delle popolazioni che impediscono l’attivazione degli inceneritori. Nonostante il fatto che ANCHE gli altri centri campani, inclusi quelli delle altre province, soffrono dello stesso identico problema.

Manovre politiche, e null’altro.
La verità è che l’emergenza, creata ad arte perché il problema “RIFIUTO SOLIDO URBANO” sovrasti e nasconda quello del RIFIUTO TOSSICO INDUSTRIALE , non è nemmeno trattata come tale: si consente, ufficialmente, il presunto “rallentamento” delle operazioni di raccolta dei rifiuti da parte degli operatori, creando l’illusione che al di fuori delle festività si proceda invece “regolarmente”.

Mentre a Napoli, oltre ai rifiuti ordinari, i cassonetti per la raccolta differenziata, vetro, plastica e metalli, carta e cartone, finanche i contenitori per le pile scariche e per i medicinali scaduti (laddove i cittadini riescono faticosamente a trovarne) sono lasciati stracolmi per intere settimane.

Sulla TRUFFA “Cip6”, lascio qui qualche link a riguardo:

“Dal 1992 il Cip 6 preleva dalle tasche degli italiani, attraverso le bollette elettriche, una quota che va dall’8 al 10%. Il meccanismo di incentivazione del CIP6 in Italia, piuttosto che sostenere le fonti rinnovabili ha premiato le “fonti assimiliate” che tutto sono fuorché rinnovabili e pulite. Sotto la dicitura di fonti assimilate vanno i rifiuti indifferenziati, gli scarti di raffineria, i prodotti petroliferi, ecc. Si è venuto a creare così un meccanismo perverso e ingiusto che ha semplicemente sottratto ingenti risorse economiche ai contribuenti. Da 16 anni, circa l’80% dei soldi che gli italiani hanno pagato, pensando di finanziare le rinnovabili, hanno piuttosto alimentato una truffa ai danni dei cittadini e dello sviluppo sostenibile.”

qui.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
cavaliere
Inviato: 21/3/2008 12:26  Aggiornato: 21/3/2008 12:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/3/2006
Da: Napoli
Inviati: 95
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Vi riporto una notizia gravissima censurata dai media nazionali: Prodi non solo ha riattivato i CIP6, ma pochi giorni dopo:
RIFIUTI: ORDINANZA PRODI, AD ACERRA BRUCERANNO ECOBALLE

(ANSA) - ROMA, 3 MAR - Le ecoballe di rifiuti prodotti dai Cdr campani, che eco non sono e che non rispondono ai requisiti richiesti dalla normativa, potranno essere bruciate nel termovalorizzatore di Acerra. E' quanto stabilito in un'ordinanza firmata dal presidente del Consiglio Romano Prodi, datata 20 febbraio e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di venerdi'. In pratica, dunque, le ecoballe stoccate nella regione, prodotte con materiali di qualita' diversa da quella prevista dalle norme, potranno finire nel nuovo termovalorizzatore dove, invece, avrebbero dovuto essere bruciate ecoballe con determinate caratteristiche legate al potere calorifero. ''Per accelerare le iniziative finalizzate al superamento dello stato di emergenza - si legge all'articolo 4 dell'ordinanza - in particolare per consentire la messa in esercizio in tempi rapidi dell'impianto di termodistruzione di Acerra, e' autorizzato il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai codici Cer 191212, 190501 e 190503 (rispettivamente le ecoballe campane, la frazione organica non stabilizzata, ossia l'ex fos, e il compost fuori specifica, ndr) presso detto impianto, assicurando comunque il rispetto dei livelli delle emissioni inquinanti gia' fissati nel provvedimento di autorizzazione''.(ANSA)

Infatti vi ricordo che si faceva un gran parlare degli inceneritori, ma in pochi sapevano che tutte le ecoballe che sommergono la Campania non sono a norma e dunque non potevano essere incenerite!!!
Ancora una volta con un'ordinanza del presidente del consiglio si cancellano i risultati di mesi di lotta, grazie ai quali la Procura di Napoli aveva dichiarato illegale incenerire le ecoballe campane. Probabilmente questo è l'ultimo regalo di quel bastardo di Prodi.

Nel tempo dell'inganno universale (e globale), dire la verità (di cristallo) è un atto rivoluzionario. G. Orwell
florizel
Inviato: 21/3/2008 12:49  Aggiornato: 21/3/2008 12:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
BISabbath
Citazione:
La differenziata da sola non potrà mai risolvere il 100% dei problemi, con il modello economico che ci ritroviamo si deve optare per vie differenti, in ordine di preferibilità: differenziata, incenerimento e discarica.


Vedo che la disinformazione regna sovrana, al di là di qualsiasi ragionamento: la differenziata, oltre a non essere minimamente presa in considerazione perchè altrimenti FINIREBBE L'EMERGENZA, è anche quella che impedirebbe di lucrare sull'ulteriore PRODUZIONE di materiali (dannosi e non).

Non entro nel merito delle questioni tecniche relative al TMB, già ampiamente illustrate, ma segnalo che alternative agli inceneritori sono state indicate DALLE STESSE POPOLAZIONI coinvolte in questa enorme TRUFFA, rimaste INASCOLTATE. Come quella della raccolta porta a porta.

BIS, li ho visti ed ascoltati, con i miei occhi e le mie orecchie, quanti hanno avuto "il morto in casa", da quelle parti. E di inceneritori NON NE VOGLIONO SAPERE.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
florizel
Inviato: 21/3/2008 13:17  Aggiornato: 21/3/2008 13:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
RIFIUTI: ORDINANZA PRODI, AD ACERRA BRUCERANNO ECOBALLE


E' chiarissimo il tentativo di assicurare le entrate di chi lucra sull'"affare inceneritori" e di salvare il culo a De Gennaro, dal quale non è arrivata alcuna replica: infatti, settimane fa, egli stesso aveva dichiarato che rispetto alle discariche"la gente aveva ragione" . Quindi, niente discariche, e vai con l'incenerimento delle BALLE, che "eco" non sono nemmeno un poco.
Ma anche sulle discariche, le bugie vengono allo scoperto:

L’incubo discarica si trasforma in certezza cartacea, con tanto di timbro e firma del commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, Gianni De Gennaro. E’ stata notificata ieri al Comune di Sant’Arcangelo Trimonte l’ordinanza commissariale che approva il progetto definitivo per la realizzazione del mega sversatoio regionale nel piccolo centro sannita...

Ne vedremo ancora, di discariche.

De Gennaro, ovvero la mano armata dello stato.

La vergognosa ordinanza di Prodi che autorizza a bruciare le "ecoballe" nel termodistruttore di Acerra

Ad Acerra, insieme ai veleni, vorrebbero bruciare anche le BALLE della politica.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
shevek
Inviato: 21/3/2008 13:31  Aggiornato: 21/3/2008 13:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Salut y Libertad a todos...


Sto preparando - insieme ad un amico - una scheda abbastanza approfondita sulla questione. La farò in questi giorni di vacanze...


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Tercerista
Inviato: 21/3/2008 13:47  Aggiornato: 21/3/2008 13:47
So tutto
Iscritto: 5/12/2006
Da:
Inviati: 15
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Infatti bisogna agire su più versanti, primo fra tutti sicuramente il cambio di mentalità e conseguentemente sistema economico.

Per esempio arrivare all'agognata meta dei rifiuti zero. Riducendo al minimo indispensabile gli imballaggi inutili e riutilizzando tutto il resto.

Il cd. differenziato spinto è l'unica soluzione possibile, dato che l'incenerimento non fa altro che rimandare il problema, visto che le ceneri vanno comunque stoccate, ed anzi sono anche rifiuti speciali, in quando altamente tossici.

Nulla si crea nulla si distrugge, semplicemente si trasforma, se l'alternativa è tra l'inquinamento di falde e terreni per colpa del percolato delle discariche, o dell'aria e dei terreni per colpa di fumi e diossine (più le ceneri), come sempre io preferisco la terza via... il differenziato spinto.

"Para nosotros, los justicialistas, el mundo se divide hoy en capitalistas y comunistas en pugna. Nosotros no somos ni lo uno, ni lo otro."(Juan Perón)
utrevolver
Inviato: 21/3/2008 13:50  Aggiornato: 21/3/2008 13:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Questi politici-amministratori-kommissari etc etc ormai rappresentano solo loro stessi e la loro alta incapacità; questa perla di saggezza "tenere la munnezza in casa", ne è la prova.

Non capisco cosa aspettino i napoletani a rivoltarsi in massa contro questi delinquenti in giacca e cravatta!

BlSabbatH
Inviato: 21/3/2008 14:30  Aggiornato: 21/3/2008 14:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
BIS, li ho visti ed ascoltati, con i miei occhi e le mie orecchie, quanti hanno avuto "il morto in casa", da quelle parti. E di inceneritori NON NE VOGLIONO SAPERE.

non ne vogliono sapere, e quindi w la camorra che sotterra i rifiuti nei campi dove si coltivano i pomodori ciliegina.. che forse i tumori son dovuti a questo nn lo si prende in considerazione..
Citazione:
Per esempio arrivare all'agognata meta dei rifiuti zero. Riducendo al minimo indispensabile gli imballaggi inutili e riutilizzando tutto il resto.

occhio che i teocrati del PIL ti stanno già cercando

edit: marcocedol, interessante il TMB, mi sto documentando

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
Andy17
Inviato: 21/3/2008 15:40  Aggiornato: 21/3/2008 15:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 48
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Il tuo peggior nemico...

chi attenta alla tua salute imbottendoti di diossina?
chi ti manganella quando protesti?
chi devasta il posto dove vivi con politiche ecologiche suicide?
chi assicura ai tuoi figli un'educazione da terzo mondo?
chi ipoteca il tuo futuro in nome del neo-liberismo?

Embé, chi è il tuo peggior nemico?

Stand up and fight...
I'll stand up with you!!!
lx_alfo_xl
Inviato: 21/3/2008 15:46  Aggiornato: 21/3/2008 16:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/9/2006
Da:
Inviati: 93
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
L'inceneritore farebbe più danni perchè appunto "nulla si crea nulla si distrugge". Dove verrà trattata la cenere tossica se le discariche sono tutte piene, ci penserà la camorra come al solito nelle sue discariche abusive. L'unica via è la raccolta differenziata porta a porta, che si ostinano a non avviarla per pura speculazione anche perchè meno rifiuti vengono movimentati e meno rifiuti tossici potranno essere accumulati insieme a quelli urbani e meno soldi dal CIP6. Si è dimenticato di dire che le balle non a norma sono balle piene di rifiuti tossici e radioattivi, poste sotto sequestro dal giudice e nuovamente la politica trova modo di raggirare le decisioni giudiziarie. Grazie Prodi. Con gli inceneritori i rifiuti industriali andranno direttamente nei forni. Sarà una strage!!! I miei complimenti alla massoneria che governa questo dannato Paese. Soltanto un pazzo può ribellarsi alla camora quando la massoneria è infiltrata in tutti i livelli delle istituzioni e i capiclan sono membri di quelle logge, essendone il braccio armato.

aeremita
Inviato: 21/3/2008 15:58  Aggiornato: 21/3/2008 15:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Ciao a tutti, conoscete la dieta a chilometraggio? Consiste nel mangiare solo prodotti che provengno da un raggio di, per esempio, trenta chilometri di distanza da dove si abita. E' un buono, buonissimo modo per aiutare il primo chakra a regolarsi, per entrare meglio in contatto con l'ambiente, per conoscere cio' che si ha intorno. La stessa logica dovrebbe essere applicata alla gestione dei rifiuti, che per legge non dovrebbero allontanarsi piu' di trenta km da dove sono stati prodotti. Sarebbe un buon modo per imparare a diventare consapevoli di cio' che si compra, che si consuma, che si spreca.

Andrea

prealbe
Inviato: 21/3/2008 16:12  Aggiornato: 21/3/2008 16:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/1/2007
Da:
Inviati: 478
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Un link ad un dibattito sull’argomento.


Prealbe ( )

phobos
Inviato: 21/3/2008 18:14  Aggiornato: 21/3/2008 18:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
X Cavaliere: anche un bambino di 4 anni si accorge che sei stato mandato qui per cercare disperatamente di recuperare consensi a favore del tuo boss; almeno però fatti pagare visto che il tuo capo di soldi ne ha parecchi!

La notizia dell'ordinanza di Prodi su Acerra non è stata censurata da nessuno; infatti io l'ho letta sul Corriere della Sera e su molti sti di informazione online.

Le ecoballe, così come sono, non possono essere bruciate direttamente; prima devono essere aperte e controllate in modo da scartare ciò che non può essere bruciato.
La Germania, che riceve già tonellate di rifiuti campani, ha mandato sul posto una squadra di tecnici con il compito esplicito di verificare il contenuto delle ecoballe; stessa cosa è stata fatta dai responsabile degli inceneritori di quelle regioni italiane che accolgono i rifiuti campani!

Ma che te lo dico a fare?

Infettato
Inviato: 21/3/2008 19:54  Aggiornato: 21/3/2008 19:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
phobos io ho trovato questo mi sai linkare qualcosa che parla di questi controlli.

Come bruciare ecoballe false

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Redazione
Inviato: 21/3/2008 20:00  Aggiornato: 21/3/2008 20:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
PHOBOS: Sei pregato di evitare i commenti ad personam.

°°°

AEREMITA: "Ciao a tutti, conoscete la dieta a chilometraggio? Consiste nel mangiare solo prodotti che provengno da un raggio di, per esempio, trenta chilometri di distanza da dove si abita."

A me viene in mente la barzelletta sui rednecks (i "cretini" del midwest americano):

La mamma redneck scrive a suo figlio: "Abbiamo deciso di traslocare lontano da qui: papà ha letto sul giornale che il 90% degli incidenti avviene nel raggio di 5 Km da casa."

(L'altra è questa: "Ieri per sbaglio abbiamo chiuso la macchina lasciando dentro le chiavi. Il vicino ci ha messo più di due ore per tirarci fuori").

phobos
Inviato: 21/3/2008 20:44  Aggiornato: 21/3/2008 20:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Infettato, il primo link che hai citato si riferisce esplicitamente a: "sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse"; qui stiamo parlando di un provvedimento alla luce del sole e non di una attività illecita.

E poi, scusa, io metto 100 Kg di tritolo in una ecoballa e quelli la buttano nell'inceneritore senza nemmeno controllare quello che c'è dentro?

Infettato
Inviato: 21/3/2008 21:06  Aggiornato: 21/3/2008 21:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
phobos tu dici:

Infettato, il primo link che hai citato si riferisce esplicitamente a: "sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse"; qui stiamo parlando di un provvedimento alla luce del sole e non di una attività illecita.

Questo significa che possono avvelenare a norma di legge.

E poi, scusa, io metto 100 Kg di tritolo in una ecoballa e quelli la buttano nell'inceneritore senza nemmeno controllare quello che c'è dentro?

Forse non hai letto anche il secondo link, quello che c'è dentro è stato "certificato" a norma di legge. legge contro legge, di fatto le soluzioni da poter adottare sono chiare a tutti, meno che per i "responsabili", o anche se fossero chiare anche per loro, continuano imperterriti.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
starchild
Inviato: 21/3/2008 23:40  Aggiornato: 21/3/2008 23:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Ho appena terminato di vedere su "Rebus: questioni di conoscenza", un bel documentario di Zenone Sivala intitolato "Civiltà bruciata: finiremo sommersi dai rifiuti?". Il documento scorre molti dei temi di questo filone e mette in luce le responsabilità e le complicità di questa situazione vergognosa.
Vi si parla anche di TAV e di "grandi opere", di inceneritori e polveri sottili ecc.
Peccato che sia su un'emittente locale e che la nostra grande rai non dedichi mai qualche ora di programmazione a questi argomenti importanti per tutti. A parte il fatto che Mediaset si comporta più o meno allo stesso modo.

florizel
Inviato: 21/3/2008 23:47  Aggiornato: 21/3/2008 23:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
non ne vogliono sapere, e quindi w la camorra che sotterra i rifiuti nei campi dove si coltivano i pomodori ciliegina.. che forse i tumori son dovuti a questo nn lo si prende in considerazione..


No, no, guarda che i tumori sono dovuti esattamente a quello: ai rifuti interrati sul territorio, dalla CAMORRA e dalle lobby, ma NON SI TRATTA solo DI RIFIUTI SOLIDI URBANI da "incenerire", ma di SCARTI INDUSTRIALI, FANGHI NOCIVI, AMIANTO e simili, nascosti ovunque o lasciati indisturbati a seminare le loro velenose particelle ovunque.

Ma gli acerrani sanno perfettamente che gli inceneritori aggiungerebbero altri danni, forse maggiori di quelli subiti fino ad ora.
E se essi stessi, che hanno passato quello che hanno passato, rifiutano gli inceneritori, credo che qualche informazione e qualche ragione in più ce l'hanno, rispetto a chi poco si informa, perchè tanto non ha nulla da perdere.

Non so se ce ne rendiamo conto: qui si è avviato un vero e proprio LENTO genocidio, che si manifesterà in maniera virulenta e diffusa tra una decina di anni. All'ospedale per le patologie tumorali "Pascale" di Napoli, forse il più quotato in Italia, sono state avviati ristrutturazioni ed accorpamenti di reparti; ed a Mercogliano,dopo anni ed anni di trattative e burocrazie, sembra diventato URGENTISSIMO approntarne una struttura di "alto livello" in fatto di "ricerca e sperimentazione".
Non voglio peccare di eccessivo complottismo, ma segnalo che Mercogliano è uno dei centri irpini colpiti dall'emergenza.

MERCOGLIANO: PARTE IL POLO DI ECCELLENZA.

"Questo centro dimostra che la ricerca non è solo Milano o Roma ma anche tante belle realtà del Mezzogiorno. Il nostro sistema sanitario ha bisogno di investimenti per la ricerca".

"Belle realtà". Parola di Livia Turco.

Porcodiavolocheonselaportavia.

Se potete, andate a vedere Biutiful Cautri (scritto proprio così), un documentario che è un pugno nello stomaco, in cui viene descritta la REALTA' delle cose, vero gioiello di un giornalismo sempre più raro.

Le intercettazioni telefoniche riportate nel documentario erano relative ad accordi per scaricare illegalmente ogni tipo di veleno, ed erano tutte voci dal forte accento settentrionale (grazie per il tuo link, PREALBE...).

E ancora le intercettazioni, che per la prima volta vengono mostrate in video. La gente ha reagito con sgomento: si aspettavano lo stereotipo del camorrista con le pistole e l'accento napoletano e invece si sentono le voci sarcastiche degli imprenditori del Nord pulito. I rifiuti sono “fabbrichette” di business. Per il pubblico, i toni ironici e pacati si sono rivelati più violenti di un colpo di pistola.

Quando ancora non si sapeva molto di quello che sta accadendo, tanti agricoltori si sono visti vendere del compostaggio in cui, a loro insaputa, erano state mischiate scorie di ogni tipo, che ovviamente venivano assorbite dagli ortaggi.

Ed è solo una minima parte di quello che è capace di denunciare questa coraggiosa opera.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Al2012
Inviato: 21/3/2008 23:49  Aggiornato: 21/3/2008 23:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Venerdì 21 marzo 2008 ore 21:30

Civiltà bruciata, i rifiuti ci sommergeranno?
Si parla moltissimo di rifiuti e del modo di smaltirli. Napoli è la capitale del problema o solo la punta di un iceberg che coinvolge tutta l’Europa?
I termovalorizzatori sono realmente la soluzione al problema o anche loro possono deteriorare la qualità della vita di tutti noi?
Quale può essere la strada percorribile per migliorare la situazione?
E’ possibile che nel rincorrere lo stare meglio ci siamo dimenticati di stare bene?
A queste e ad altre domande tentiamo di dare risposta attraverso il documentario realizzato da Zenone Sovilla “Civiltà bruciata”.
In studio:
Zenone Sovilla, giornalista

Puntata già disponibile sul sito di REBUS:

QUI


Serie di clip sul documento “Civiltà bruciata” di Zenone Sobilla.

QUI


= = = = =
O.T.

La prossima settimana Rebus tratterà del film Zeitgeist !!!

Chissà se anche in questo caso questa puntata verrà oscurata nell’archivio di Rebus, o per meglio dire “coperta da diritti di esclusiva” come le puntate che riguardano la vita di Gesù e di Maddalena??

DIECI CON LODE A REBUS

“Capire … significa trasformare quello che è"
Marco M
Inviato: 22/3/2008 0:20  Aggiornato: 22/3/2008 0:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Democrazia al lavoro:

TEMPO REALE DA MARIGLIANO E GIANTURCO

Lo Stato che tende un agguato ai suoi cittadini approfittando del weekend pasquale, complimenti, e mi fermo qui

florizel
Inviato: 22/3/2008 1:26  Aggiornato: 22/3/2008 1:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
Lo Stato che tende un agguato ai suoi cittadini approfittando del weekend pasquale


C'era da aspettarselo, da questi schifosi.

E si sono pure coordinati: da Marigliano a Gianturco...!

"Al momento hanno gia' scaricato 6 camion e dal pergolato cola liquido di non so di quale schifezza.

-Ci sono un centinaio di dimostranti ed una marea di militari in tenuta antisommossa.

-il sito dove stanno scaricando non e' messo in sicurezza, delle cinque vasche solo 1/2 ha dei teli.

- La stessa cosa stanno facendo al sito di Gianturco dove da Marigliano si stanno spostando alcuni giornalisti."


Cerco di capirne qualcosa in più anche io, nel caso ci fossero notizie in più, le aggiungo qui.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
florizel
Inviato: 22/3/2008 10:50  Aggiornato: 22/3/2008 10:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Dalle fonti ufficiali ho trovato solo questo trafiletto, ed OVVIAMENTE non scende nei particolari.

Anche qui se ne dà notizia, ma di "bonifiche" nemmeno l'ombra.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Anonimo
Inviato: 22/3/2008 14:14  Aggiornato: 22/3/2008 14:14
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Io sono di Salerno. Stiamo lavorndo per informare la popolazione sui rischi dell'inceneritore, ma il sindaco De Luca ( quello osannato da tutti i media italiani) ha pensato di non concedere più permessi per l'occupazione di suolo pubblico.

E non ci ha mai mai concesso il corso cittadino.

Ora dobbiamo appoggiarci ai partiti politici che ci lasciano il gazebo durante la campagna elettorale.

Le Tv locali diffondo solo una verità, che l'inceneritore è l'unica soluzione e non fa male alla salute.

In più il sindaco è volato fino a Los Angeles per incontrare l'architetto Frank Ghery per fargli progettare l'inceneritore, e renderlo così attrazione turistica per le famigliole.

Ma quando uno schifoso venduto come Veronesi va in TV a dire che il rischio inceneritori è Zero, quando tutti i partiti dicono la stessa stronzata, che speranze abbiamo?

Ora si scopre improvvisamente che il latte di bufala contiente diossina.
Ma guarda un po'!

Da che è iniziata l'emergenza nessuno ha fatto nulla per ridurre la produzione di monnezza, tutti pensano alle discariche agli inceneritori, e nessuno in tv insegna come schiacciare le bottiglie di plastica per ridurre il volume occupato, nessuno pensa alle composterie di quartiere.

Sono cose facili, che si realizzano in pochi giorni.

O esecranda fame dell'oro... siamo merda, e ci meritiamo poiltici di tale merda fatti.

florizel
Inviato: 22/3/2008 14:44  Aggiornato: 22/3/2008 14:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Citazione:
il sindaco De Luca ( quello osannato da tutti i media italiani) ha pensato di non concedere più permessi per l'occupazione di suolo pubblico.


Ciao, Morfeo. Spero che l'amministrazione salernitana abbia motivato il rifiuto al permesso del suolo pubblico, anche se non è difficile intuire che ai partiti che vi lasciano il gazebo convenga questo tipo di propaganda.

Te lo chiedo perchè anche qui da noi stiamo organizzando dei presidi informativi sull'emergenza rifiuti, a cui si aggiunge l'invito all'astensione, e so per certo che se NON esiste un problema di ordine pubblico il comune DEVE motivare il rifiuto.

Lo stesso sarà anche per un'iniziativa sulle scie chimiche.

Il volantinaggio, invece, non richiede nessun tipo di permesso.

Teniamoci in contatto per eventuali scambi di informazione ed iniziative, se lo ritieni opportuno.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Al2012
Inviato: 22/3/2008 14:57  Aggiornato: 22/3/2008 14:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Si scrive Veronesi ma si legge Cancronesi

http://www.beppegrillo.it/2008/02/cancronesi.html

Video:

Dott.Veronesi:I RISCHI DEGLI INCENERITORI SONO UGUALI A ZERO
http://it.youtube.com/watch?v=EsqHRaeZaHs

Questa è “la scienza” che si merita di apparire in TV.

Sarà anche lui “socio” del cicap??

“Capire … significa trasformare quello che è"
marcocedol
Inviato: 22/3/2008 15:22  Aggiornato: 22/3/2008 15:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
La "scienza" che appare in TV è costituita quasi per intero da professoroni aggiogati al carro dei potenti che hanno perso (nel caso l'abbiano mai avute) ogni etica e ogni rispetto per la verità.
L'entrata negli atenei dei grandi gruppi industriali e finanziari non fa che peggiorare questa situazione.
Purtroppo il cittadino tendenzialmente è indotto a fidarsi delle parole di un "professorone" per di più in TV perchè lo ritiene in possesso di conoscenze che agli altri come lui sono negate ed il danno conseguente risulta immenso.

I pochi che parlano in buona fede sono sistematicamente epurati da tutto e da tutti e relegati ad ambienti marginali dove non è possibile incidere sull'opinione pubblica.

FraDiavolo
Inviato: 24/3/2008 2:07  Aggiornato: 24/3/2008 2:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2005
Da: Principato Citeriore
Inviati: 32
 Re: Tieni a casa la 'munnezza
Alessandro Iacuelli, autore di "Le vie Infinite dei Rifiuti", è intervistato da Enrico Voccia dopo la Manifestazione Nazionale delle realtà che si oppongono alla decisioni governative sull'uso del loro territorio (Napoli, 19 Maggio 2007)


http://it.youtube.com/watch?v=9fkQeaMcUGo

http://it.youtube.com/watch?v=YsBA9yr_ceI&feature=related

"Non vi lasceranno nemmeno gli occhi per piangere!"
Francesco di Borbone

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA