Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


dagli Usa : Il giudizio della storia
Inviato da Redazione il 14/12/2006 7:57:26 (5341 letture)



Un interessante sondaggio di Gallup ha voluto mettere a confronto il presidente Bush con i cinque presidenti che lo hanno preceduto - Bill Clinton, George H. Bush (il padre), Ronald Reagan, Jimmy Carter, e Jerry Ford - sotto l'interrogativo "come parlerà di loro la storia?" Evidentemente Gallup non se l'è sentita di porre la domanda rispetto al solo presidente in carica.

Per la palma d'oro assoluta - di quale dei cinque la storia parlerà meglio - Ronald Reagan l'ha spuntata di poco su Bill Clinton, 46% contro 44%. Sono sempre stati, d'altronde, le due star indiscusse del mausoleo repubblicano e democratico. Agli altri quattro presidenti sono rimaste solo le briciole: Jimmy Carter ha riportato comunque un elegante terzo posto (5%). Bush figlio (3%) ha sorprendentemente battuto il padre (1%), che condivide l'ultimo posto con il poco amato Gerry Ford (1%). Di lui dicevano, tanto per capirci, che non riuscisse a camminare e a masticare la gomma americana nello stesso momento (però l'assoluzione immediata per il detronizzato Nixon è riuscito a firmarla correttamente).

Il peggiore giudizio della storia pare invece riservato proprio al nostro "Dubia", che si porta a casa un bel 66% di voti negativi, …


… seguito dal 19% di Carter, 8% di Clinton, il 3% di Gerry Ford e Bush padre (di nuovo appaiati), e ultimo, solitario e intoccabile, l'immarcescibile ottimista Ronald Reagan, con soltanto l'1% dell'eterna condanna.



E' curioso osservare come la seconda classifica, per lo stesso campione intervistato (oltre 300.000 persone), non sia semplicemente la prima "capovolta", ma completamente diversa: Reagan, Clinton, Carter, Bush figlio, Bush padre, e Ford nell'ordine per il migliore, mentre abbiamo Bush figlio, Carter, Clinton, Ford, Bush padre, e Reagan per il peggiore. Boh, vai a capirli.

Veniamo ora agli scontri diretti, nei quali l'attuale presidente è stato confrontato a ciascuno dei suoi cinque predecessori: Clinton lo batte con il 73% dei voti contro il 27%, il padre lo batte con 81% contro 19%, Reagan lo batte addirittura con 96% contro 4%, Carter lo batte 71% contro 29%, e persino Gerry Ford lo umilia con il 74% dei voti contro un misero 26%.



La cosa davvero divertente è che gli americani questo presidente non lo hanno trovato nel fustino del Dixan, ma se lo sono eletto loro, e lo hanno pure rivotato, dopo quattro anni di disastro che evidentemente solo loro non sono riusciti a vedere in tempo.

Il che dovrebbe dirla lunga sulla misura del trauma collettivo che è stato imposto all'America con l'undici settembre, mentre finalmente si comincino a vedere i primi segni di un ritorno alla normalità. Sia chiaro, la "normalità" di pensiero americano non è mai stata una garanzia per nessuno, ma di fronte alla follia di questi ultimi anni qualunque altro stato mentale è più che benvenuto.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
ulfton
Inviato: 14/12/2006 8:34  Aggiornato: 14/12/2006 8:34
So tutto
Iscritto: 13/5/2005
Da: Inglewood
Inviati: 24
 Re: Il giudizio della storia
Reagan?

Il cowboy amico delle dittature centroamericane?

Beh.. aveva ragione il buon Jean Dominique (all'epoca direttore di Radio Haiti, per chi avesse visto "The Agronomist", regia di John Demme) quando affermò:

"Poco importa se repubblicani o democratici, agli yankee sono sempre piaciuti i cowboy, gli eserciti, poi, si eccitavano con un cowboy come presidente..."

Mah... valli a capire...

"...and you will know that my name is the Lord, when I lay my vengeance upon thee." (Ezechiele, 25 17)
il mio blog
Bimbodeoro
Inviato: 14/12/2006 9:17  Aggiornato: 14/12/2006 9:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2006
Da: Amicoland
Inviati: 388
 Re: Il giudizio della storia
Sarebbe interessante da fare con i nostri Primi Ministri..............sai che risultati.

"Non è il popolo che deve aver paura del proprio governo, ma è il governo che deve avere paura del proprio POPOLO."

"Sotto questa maschera non c'è solo carne, sotto questa maschera c'è un idea e le idee sono a prova di proiettile."
tccom
Inviato: 14/12/2006 9:53  Aggiornato: 14/12/2006 9:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Il giudizio della storia
Citazione:
La cosa davvero divertente è che gli americani questo presidente non lo hanno trovato nel fustino del Dixan, ma se lo sono eletto loro, e lo hanno pure rivotato, dopo quattro anni di disastro che evidentemente solo loro non sono riusciti a vedere in tempo.


"se lo sono rivotato", mi sembra un'affermazione pesante...
mandato numero 1: consegnato dalla corte suprema
mandato numero 2: consegnato dalla...come si chiamava la ditta delle macchinette elettroniche per il voto?
A proposito: fatevi due risate


ciao

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
fiammifero
Inviato: 14/12/2006 9:59  Aggiornato: 14/12/2006 9:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Il giudizio della storia
Che quadretto!,ma le avete viste le facce?
cavolo,Lombroso(quello della fisiognomica), l'ho sempre criticato ma in questo caso pare che ci abbia azzeccato!
I nostri politici sono dei loro replicanti,eccezione per l'Andreotti somigliante più a uno Yoda

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Thibault
Inviato: 14/12/2006 10:34  Aggiornato: 14/12/2006 10:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: Il giudizio della storia
Regan è quello che "ha fatto cadere l'U.R.S.S." e ha gestito bene l'economia americana, al contrario dell'esportazione della democrazia.
Se ti scandalizza Regan non so cosa direbbero di Kennedy, che in quanto a metodi di elezioni non ha nulla da imparare a Bushettino, senza contare che era pure colluso con la mafia.
Per i nostri primi ministri dal dopoguerra a oggi è una bella lotta. Considerando che uno dei migliori è scappato in Tunisia per evitarsi una strameritatissima galera. Se poi si parla di presidenti italiani come non votare come migliore Scalfaro, ladro e assassino, mentre prega ancora la Madonna

E' una tranquilla notte di regime
cocis
Inviato: 14/12/2006 10:49  Aggiornato: 14/12/2006 10:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Il giudizio della storia
i nostri politici possono batterli alla grande..

Paxtibi
Inviato: 14/12/2006 12:20  Aggiornato: 14/12/2006 12:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il giudizio della storia
A proposito, notizia di ieri:


Senatore ricoverato per sospetto infarto

Lo staff del sensore Tim Johnson, democratico dal Sud Dakota, ha reso noto che il senatore è stato ricoverato mercoledì dopo aver accusato sintomi simili a quelli di un infarto nel suo ufficio di Washington.

Johnson, 60 anni il 28 dicembre, è stato portato in ambulanza all'ospedale dell'università George Washington alle 11:30 circa., hanno rivelato le fonti nel suo ufficio.

Secondo una dichiarazione pubblicata dall'ufficio di Johnson il senatore è stato colpito “da un possibile infarto.“ Ma più tardi un portavoce ha spiegato che gli esami hanno escluso che Johnson abbia sofferto un infarto o un attacco di cuore, anche se non è chiaro che cosa sia accaduto.

...

È il senatore anziano dal Dakota del Sud e serve in numerosi comitati, compresi crediti, budget, operazioni bancarie, energia e risorse naturali, ed affari indiani.

Se Johnson non potesse completare il suo mandato, che scade nel 2008, il governatore del Dakota del Sud Mike Rounds, un repubblicano, potrebbe prendere il suo posto, spostando l'equilibrio di forze nel senato.

________________________


Sfiga!

zuldan
Inviato: 14/12/2006 12:22  Aggiornato: 14/12/2006 12:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2006
Da: 4 angoli
Inviati: 115
 Re: Il giudizio della storia
I presidenti,e non solo in U.S.A,vengono eletti,grazie ai loro apparati elettorali,che più sono efficenti(e quindi costosi),più sono decisivi per rastrellare voti.Quindi più soldi=più potere.
Il loro programma,è,secondo me,secondario,rispetto
alla presentazione.
Sono come un prodotto commerciale acquistato a scatola chiusa.
Se poi non ti piace,te lo tieni ugualmente.
Per quanto riguarda i nostri presidenti....
stendiamo un pietoso velo.

nichilista
Inviato: 14/12/2006 15:19  Aggiornato: 14/12/2006 15:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2006
Da:
Inviati: 955
 Re: Il giudizio della storia
La cosa davvero divertente è che gli americani questo presidente non lo hanno trovato nel fustino del Dixan, ma se lo sono eletto loro, e lo hanno pure rivotato, dopo quattro anni di disastro che evidentemente solo loro non sono riusciti a vedere in tempo

ma siamo sicuri che la percezione che hanno i cittadini oltreoceano, e quindi della politica estera, dell'amministrazione americana, e quella quella che hanno gli americani, e quindi della politica interna-i quali sono sempre stati più sensibili ai problemi di carattere economico e fiscale, almeno negli ultimi 20'anni- possa possa coincidere?
io non credo che il nostro metro di giudizio e il nostro discriminante possano valere in quel contesto.

"Questa istanza può tuttavia dar luogo ad un’altra
convinzione ERRONEA, la seconda e più rilevante
opinione di cui occorre sbarazzarsi. Essa può
denominarsi TEORIA SOCIALE DELLA COSPIRAZIONE." K.POPPER
rekit
Inviato: 14/12/2006 16:12  Aggiornato: 14/12/2006 16:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Il giudizio della storia
a proposito di andreotti...
qualcuno sa spiegarmi che cosa ci faceva ieri sera da vespa a porta a porta quando l'argomento della serata era.....il mal di testa?

ulfton
Inviato: 14/12/2006 16:23  Aggiornato: 14/12/2006 16:23
So tutto
Iscritto: 13/5/2005
Da: Inglewood
Inviati: 24
 Re: Il giudizio della storia
What?
non dovrei scandalizzarmi?
Per quanto riguarda la "gestione dell'economia" sono pienamente d'accordo con te, guarda qui, per esempio.

Anche se, tuttavia, un pò di democrazia l'ha esportata anche lui (vedi El Salvador e via discorrendo)...

"...and you will know that my name is the Lord, when I lay my vengeance upon thee." (Ezechiele, 25 17)
il mio blog
simone81
Inviato: 14/12/2006 17:24  Aggiornato: 14/12/2006 17:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/8/2006
Da:
Inviati: 33
 Re: Il giudizio della storia
Comunque dietro la "presidenza" di Regan c'era la mano di Bush padre, che tra l'altro era il vice presidente, basti pensare alla guerra occula contro i russi nell'Afganistan, "diretta" dal figlio di un suo socio, i Bin Laden, e lo scandalo Iran-Contras in cui Bush fu l'ideatore...Alla fine questi sondaggi lasciano il tempo che trovano......

Thibault
Inviato: 14/12/2006 18:57  Aggiornato: 14/12/2006 18:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: Il giudizio della storia
Ehm ho scritto male, era ESPORTATORE di democrazia, non esportazione.
Comunque non sto dicendo che Regan sia il migliore, sto dicendo che per l'americano medio è stato un buon presidente.
Poi personalmente ritengo uno dei migliori Nixon, e tra Watergate e Sexgate le palle che ha raccontato Bush mi sembrano un filino più gravi. Il Watergate, per quanto grave, se fosse successo in Italia avrebbero dato dei pirla a chi si è fatto spiare, mentre per il Sexgate avrebbero rotto le scatole sul fatto che tra tutte ti scegli un cexxo come la Lewinsky (che devo ancora capire come possa essere considerata una eroina femminista). Se non altro Sottile s'è portato a letto la Gregoracci

E' una tranquilla notte di regime
weps
Inviato: 14/12/2006 23:14  Aggiornato: 14/12/2006 23:14
So tutto
Iscritto: 2/12/2006
Da:
Inviati: 6
 Re: Il giudizio della storia
Jimmy Carter la scimmietta golososa di noccioline o arachidi che fossero,non è mai esistito nella storia Americana un Presidente meno Americano di Lui .(mia opinione).

Kirbmarc
Inviato: 19/12/2006 0:37  Aggiornato: 19/12/2006 0:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Il giudizio della storia
Citazione:
Thibault: ha gestitobene l'economia americana

Insomma.....E lo scudo spaziale, con tutti i soldi buttati nel cesso per un progetto nemmeno terminato? E il superbuco di bilancio?


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA