Re: Marijuana a scopo ricreativo

Inviato da  Floh il 12/11/2015 12:37:30
Cattive notizie dal South Dakota



La trib¨ indiana del South Dakota (Flandreau Santee Sioux Tribe) che avrebbe dovuto cominciare a vendere marijuana a partire dalla notte di capodanno, ha annunciato questo weekend che la piantagione Ŕ stata bruciata e l'iniziativa sospesa.
Alla base della decisione vi Ŕ il timore delle conseguenze del conflitto esistente tra la legge del South Dakota e la legge locale della trib¨.
In South Dakota infatti assumere marijuana Ŕ un reato; dico assumere - attenzione - non necessariamente detenere (come invece pressochÚ ovunque nel resto dei Paesi proibizionisti). Se ad esempio una persona dovesse legalmente fumare erba in uno Stato in cui Ŕ legale a scopo terapeutico e poi entrare in South Dakota, commetterebbe un crimine.
Pertanto sarebbe un disastro l'iniziativa economica della trib¨.
Oltretutto, secondo l'interpretazione dell'Attonery General del South Dakota, Marty Jackley, coloro che non sono indiani non potrebbero assumere lecitamente cannabis nemmeno sul territorio della trib¨. E' lecito solo per gli indiani, fintanto che non fuoriescono dal loro territorio sotto effetto della sostanza.
In definitiva, io mi chiedo: ma queste considerazioni non potevano farle prima di avviare la produzione di cannabis (e quindi non affrontare solo costi irrecuperabili)? Una cosa possiamo dire con certezza, a questi indiani non andrÓ il Nobel per l'economia.

Fonte:
http://hemp.org/news/node/6338

Messaggio orinale: https://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=45&topic_id=7913&post_id=283756