Re: Chi siamo veramente, cosa siamo veramente?

Inviato da  alroc il 9/6/2013 17:21:10
...e in principio fu il verbo

è l'enunciato che più di tutti mi rimbomba in testa da un mese circa.

in realtà sarebbe da trasformare in:

... e alla fine fu il verbo


in semantica generale, Alfred Korzybski, afferma che ogni processo comunicativo per essere compreso ha bisogno di un processo di astrazione, cioè bisogna portare dentro di sé il senso appreso per comprenderlo. In questa operazione però si perde il VERO significato (il territorio) per comprenderne invece un altro, che è frutto di una astrazione personale (la mappa). Da qui la famosa definizione in PNL: la mappa non è il territorio.

Se noi non possiamo condividere una comprensione univoca del territorio, siamo tutti costretti a deficitare la nostra comprensione delle cose, insomma la babele cognitiva in cui siamo immersi, dove dove ogni singolo pronunciamento diventerebbe difettoso sul nascere.

La comunicazione sarebbe così, per sua natura, difettosa perchè espressa attraverso il verbo. Il verbo sarebbe quindi l'ostacolo cognitivo in cui ci hanno ficcato.

Non mi stupirei di scoprire che i maghi del passato si esprimessero telepaticamente, invece che tramite la parola.

Messaggio orinale: http://old.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=42&topic_id=7424&post_id=236071